Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

26/11/17
MESS EXCESS + AENIGMA
RIFF CLUB - PRATO

27/11/17
MASTODON
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

SIRENIA - A tu per tu con la nuova voce dei Sirenia
12/11/2016 (672 letture)
L'imminente uscita di Dim Days of Dolor, ultimo disco nato in casa Sirenia, ha suscitato una grande aspettativa, non solo per la curiosità su come il mastermind Morten Veland potesse ancora una volta rinnovarsi e riproporre allo stesso tempo la sua visione musicale, ma soprattutto per l'attesa suscitata dalla nuova entrata nella band. Dopo l'abbandono di Aylin è infatti la francese Emmanuelle Zoldan a prendere il suo posto al microfono e proprio con lei abbiamo avuto modo di conoscere qualcosa in più sul suo lavoro in Dim Days of Dolor.

Arianrhod: Ciao Emmanuelle, benvenuta su Metallized, grazie per l'opportunità di intervistarti. Come stai? Sei elettrizzata per l'uscita di Dim Days Of Dolor?
Emmanuelle:
Sto bene, grazie! Ovviamente sono davvero eccitata e impaziente per l'uscita, sono convinta che sia decisamente un buon album e non vedo l'ora di condividerlo con i fan.

Arianrhod:Hai già lavorato con Morten Veland per le backing vocals negli album dei Sirenia e hai cantato le parti principali nell'EP, Sirenian Shores. Questa volta però hai un ruolo chiave nell'economia del sound, com'è stato lavorare con Morten in questa veste?
Emmanuelle: Lavorare con Morten è sempre stato un grande piacere. È una persona paziente e professionale, è molto chiaro in quello che vuole e nell'ascolto delle canzoni, ma allo stesso tempo ha una mente aperta ed è molto gentile. In questo ruolo principale il lavoro è leggermente diverso rispetto a quello nelle parti dei cori. Per la registrazione dei cori canto solo con un'impostazione lirica, ma per le lead vocals il lavoro non è esattamente lo stesso: l'interpretazione e il coinvolgimento sono differenti. Per Dim Days Of Dolor ho cantato in un modo moderno, non ho usato molto la mia voce da opera, abbiamo lavorato insieme sui diversi dettagli del mio cantato per dargli respiro e versatilità. Penso che questo abbia portato qualcosa di interessante nelle sonorità dei Sirenia.

Arianrhod: Come descriveresti la nuova uscita? Dato che hai lavorato nei precedenti album, come pensi Dim Days Of Dolor sia cambiato rispetto al precedente disco?
Emmanuelle: Questo album è grandioso con molte canzoni decisamente buone e un buon lavoro nel mixing, forse è l'album più vario dei Sirenia: le atmosfere sono diverse in ogni canzone, mentre le orchestrazioni sono ricche e scopri un dettaglio in più ogni volta che lo ascolti.

Arianrhod: Come sono andate le registrazioni? Hai creato alcune parti della linea vocale personalmente o Morten ti ha dato un'idea e tu hai lavorato su quella?
Emmanuelle: L'album era stato già composto per la voce di Aylin quando ho iniziato ha registrare la mia voce, quindi abbiamo dovuto fare alcune modifiche in alcune armonie per farle adattare meglio al mio cantato.

Arianrhod: Hai studiato come una cantante d'opera, ma in Dim Days Of Dolor hai scelto un'impostazione più moderna, come mai hai optato per questa scelta?
Emmanuelle: Siccome l'album è stato scritto per la voce di Aylin e non seguendo le mie possibilità o stili canori, non sono ho ritenuto di cantare in lirico in tutte le canzoni. Può portare qualcosa in più se lo usi sobriamente e non tutto il tempo, altrimenti diventa noioso. Penso che sia più interessante dare un'interpretazione canora con diversi dettagli e sfumature. Non sono solo una cantante lirica e ho sperimentato molti stili musicali e tecniche e provo ad usare queste esperienze per portare contrasti nel mio cantato.

Arianrhod: Puoi dirmi qualcosa sulle tematiche delle canzoni? Ha scritto i testi Morten come di solito?
Morten: Sì, i testi sono stati scritti tutti da me come al solito, ho scritto più o meno sugli argomenti che sono sempre stati importanti per me. Comunque provo a rinnovarmi di album in album, dopo aver scritto circa cento canzoni però diventa sempre più arduo trovare il giusto tema su cui scrivere. Ci sono alcune canzoni nell'album che parlano della mitologia norrena per esempio, ed è qualcosa che non ho fatto molto in passato. L'ho trovato molto interessante e sono sicuro che ci saranno un paio di canzoni di questo tipo anche in futuro. Emmanuelle ha contribuito con una bella traduzione in francese di Aeon's Embrace. Mi piace davvero molto questa versione, penso che sia persino più bella dell'originale.

Arianrhod: Hai cantato con i Sirenia per la prima volta come lead singer al Femme Metal Event com'è stato e qual è stata la risposta del pubblico?
Emmanuelle: È stato grandioso! Ovviamente ho avuto bisogno di tempo per prendere il mio posto sul palco con la band, ma sarà sempre meglio in futuro. Il pubblico è stato molto gentile e caloroso, dopo il concerto molte persone mi hanno detto parole gentili e di incoraggiamento, è stato molto bello sentirsi supportata in questa prima esibizione ufficiale.

Arianrhod: La tua voce è molto diversa da quella di Aylin, come sei riuscita a cantare le sue linee vocali? Pensi che delle possibili reazioni negative dai parte dei fan della cantante spagnola ti possano colpire?
Emmanuelle: Ho dovuto fare alcuni compromessi in alcune canzoni per essere più comoda e piccole modifiche nelle armonie, ma semplicemente cerco di cantare con la mia personalità e sensibilità, non credo che raggiungere note super acute sia ciò che davvero importa nella musica. Quello che è importante è l'emozione e si possono dare profonde e forti emozioni anche con un registro grave.
Per quanto riguarda le reazioni negative dei fan di Aylin, non posso giudicarli perché penso che qualcuno si possa essere sentito triste e disorientato e posso capirlo. Forse hanno solo bisogno di tempo per accettarmi come nuova cantante, è normale. Non mi turbano perché so che non posso essere apprezzata da tutto il mondo, è impossibile. Io continuo a lavorare e a seguire il mio percorso nel miglior modo a me possibile (ndr. Ride).

Arianrhod: Hai preso parte in molti progetti metal e hai lavorato con numerosi artisti diversi, ma sei interessata in altri generi musicali?
Emmanuelle: Sì, lo sono. Ascolto molte cose diverse di molti generi diversi. C'è qualcosa di interessante in ogni stile musicale. Cerco di aprire la mente a visioni differenti della musica, ai vari modi di strutturare le canzoni, all'uso di armonie e strumenti musicali, al modo di utilizzare la voce e il veicolare le emozioni. Mi piace molto ascoltare la world music per esempio, perché apre a prospettive differenti nella visione generale della musica e nella sua costruzione.

Arianrhod:Sei francese, quindi qual è la tua opinione riguardo al panorama metal francese? Pensi che sia ben supportato?
Emmanuelle: Abbiamo numerose metal band valide in Francia come Mass Hysteria, Dagoba, Seths e gli eccellenti Gojira, che ho scoperto recentemente. Sfortunatamente penso che il metal non sia supportato molto in Francia perché è la musica commerciale ad occupare la fetta più grande del mercato, ma fortunatamente abbiamo molti festival metal come l'Hellfest, per citarne uno.

Arianrhod: Quando hai iniziato a cantare e che cosa ti ha portato ad amare la musica? Sei stata ispirata da altre cantanti nella tua carriera o hai piuttosto cercato di costruire il tuo stile personale?
Emmanuelle: Ho iniziato molto presto, mio papà è un musicista e sono cresciuta con la musica dei Beatles, Stevie Wonder, Pink Floyd, Joe Cocker, The Police, mi ha fatta cantare da quando ero davvero piccola. Suonava la chitarra o il piano e io cantavo con lui, era una parte della nostra routine quotidiana e lo amavo davvero. (ndr. Ride). Quando ero un'adolescente ho iniziato a scrivere delle canzoni e a cantarle in una band. Da quel momento la musica ha sempre avuto un posto importante nella mia vita.
Mi hanno ispirato molti cantanti diversi della scena pop quando ero più giovane come Noa, Tori Amos o Alanis Morissette, ma da quando ho iniziato la mia carriera ho costruito il mio stile e ora, anche se ascolto molti altri cantanti metal e non, provo sempre a non lasciarmi influenzare a mantenere la mia personalità.

Arianrhod: In Dim Days Of Dolor qual è la tua canzone preferita? E c'è una canzone in generale a cui ti senti particolarmente legata?
Emmanuelle: È difficile scegliere per me! Tutte le canzoni sono uniche e interessanti e così differenti! Forse Ashes To Ashes se proprio devo fare una scelta (ndr. Ride)

Arianrhod: Con i Sirenia state programmando un nuovo tour per l'Europa?
Emmanuelle: Inizieremo un tour europeo tra pochi giorni, ma non passeremo per l'Italia sfortunatamente, ma speriamo di venirci presto!

Arianrhod:Ora l'ultima e più personale domanda, quando non sei impegnata con la musica, che cosa ti piace fare?
Emmanuelle: Mi piace dipingere, disegnare e scolpire, quando riesco ad avere del tempo per dedicarmici, queste attività mi restituiscono molta serenità e calma, è un momento perfetto per l'introspezione. Mi serve molto!

Arianrhod: La nostra intervista è arrivata alla fine, grazie ancora per il tuo tempo messo a disposizione, hai ancora qualcos'altro da aggiungere o da dire per i nostri lettori o i vostri fan italiani?
Emmanuelle: Siamo davvero impazienti per la release dell'album e speriamo che i fan italiani lo ameranno come lo amiamo noi! Speriamo di vedervi presto in Italia.



Beta
Sabato 12 Novembre 2016, 12.07.15
1
Sembra simpatica e ha degli ottimi gusti musicali ho notato nel singolo Dim Days of Dolor che non usava un timbro lirico e questo l'ho apprezzato. A leggere l'intervista mi sembra che abbia lavorato con molto granu salis, soprattutto nella scelta dei timbri e delle linee melodiche; almeno lei, visto che pare che Veland abbia deciso di fare una nuova band fotocopia -.-'' nota polemica: leggendo un po' tra le righe sembra quasi che Morten si sia trovato improvvisamente senza cantante (o abbia sbattuto fuori improvvisamente la cantante), con un disco che doveva uscire a breve e abbia preso la prima cantante che gli capitava a tiro, cioè la corista. Viene da chiedersi quanto durerà Emmanuelle ... ovviamente è solo una supposizione senza alcuna pretesa di giudicare o di assurgersi a dogma, però mi viene il dubbio. Ai posteri l'ardua sentenza XD
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Emmanuelle Zoldan
Clicca per ingrandire
La Band
Clicca per ingrandire
La Band
RECENSIONI
70
61
50
62
65
80
75
ARTICOLI
12/11/2016
Intervista
SIRENIA
A tu per tu con la nuova voce dei Sirenia
06/07/2013
Intervista
SIRENIA
Dalla Spagna alla Norvegia
28/02/2011
Intervista
SIRENIA
Morten Veland ci parla del nuovo disco
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]