Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

CRYPTIC WRITINGS - # 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
09/01/2017 (1681 letture)
Nonostante la loro carriera sia durata, perlomeno in studio, non più di un decennio, e che gli assi calati in tale lasso di tempo dagli Emperor si contino sulle dita di una mano, questo combo norvegese ha saputo senza ombra di dubbio scrivere un importante capitolo della storia del black proveniente dall’artisticamente prolifico stato scandinavo, nonché lasciare un’impronta non indifferente nel ricco e lungo percorso del metal a livello mondiale. Spesso, infatti, anche i fan meno accaniti della fiamma nera conoscono quello che senza dubbio è la punta di diamante della discografia dei nordici, quel In the Nightside Eclipse ancora oggi in grado di sfidare, senza difficoltà apparente, tempo e concorrenza. Ed è proprio all’interno di questo disco miliare che ritroviamo quella perla che da supporter e critici è frequentemente considerata come la migliore composizione della band di Notodden, I am the Black Wizards

I AM THE BLACK WIZARDS

Sei minuti e uno. O, se volete, 6 primi e 24 secondi. Questo il minutaggio (più breve in In the Nightside Eclipse, più lungo nel precedente EP Emperor) di un pezzo di storia di un intero genere, capace di portare i suoi giovanissimi creatori fino all’Olimpo del black metal, facendoveli risiedere tutt’ora, e di diventare fonte di ispirazione per numerose band e ancor più numerose cover (anche di nomi altrettanto noti, quali i Nocturnal Depression degli esordi o i più maturi Taake di qualche anno fa). Si tratta, e di certo non servirebbe nemmeno dirlo, di I am the Black Wizards, un classico senza tempo. Ben rappresentativo degli Emperor del periodo, nonostante la registrazione zanzarosa tipica dell’epoca (soprattutto nella sua prima versione), questo brano ha saputo diventare celebre per la sua furia e maestosità, dove al true norwegian black con ancora una vaga anima ibrida thrash (certamente già un po’ nostalgica, ma non per questo banale o fuori luogo), si unisce la tastiera di un Ihsahn quasi profetico, nell’anticipare con maturità già nel 1993 i fasti eleganti ed aulici di quel symphonic black che di lì a breve sarebbe sbocciato e in fretta esploso, entro e fuori la landa dei mille e più fiordi. Ecco dunque come, a quasi 25 anni di distanza, i suoi riffing glaciali, il suo screaming graffiante, la sua atmosfera sinfonica, il suo solenne clean in chiusura rendono ancora I am the Black Wizards un pezzo strabiliante, capace di stupire ed emozionare, oggi come allora.

Volendo tuttavia lasciare per un attimo da parte l’indubbiamente grandioso aspetto strumentale di questa traccia, ci vuole poco per comprendere come il testo non gli sia da meno. Composto dal bassista Mortiis (già fuori dalla line-up all’uscita di In the Nightside Eclipse) continua e raggiunge il culmine delle vicende, narrate lungo l’intero album direttamente in prima persona, di quegli che poi altro non è che il vero Emperor, oscuro e potente sovrano che, senza tempo né limiti alcuni, si aggira per la Norvegia e le sue montagne, carico di disperazione e odio, rabbia e angoscia, pronto a piegare vita e morte, persone e anime, al suo volere di maestà incontrastata della notte:

Mightiest am I,
but I am not alone in this cosmos of mine,
for the black hills consists of black souls,
souls that already died one thousand deaths.
Behind the stone walls of centuries, they breed their black art,
boiling their spells in cauldrons of black gold.


Sono il più potente,
ma non sono solo in questo mio universo,
poiché le nere colline sono composte da tetre anime,
anime che hanno già sofferto mille volte la morte.
Dietro le pietrose mura dei secoli, esse crescono la loro oscura arte,
facendo bollire i loro incantesimi in calderoni di oro nero


Ancora una volta, l’imperatore non cela di certo la sua potenza, talmente imponente non solo da superare i vincoli meramente umani di esistenza terrena e ultraterrena, ma persino da assoggettare alla propria volontà le anime di coloro i quali della morte hanno fatto una fedele compagna, anime corrotte ora completamente devote all’imperatore, per il quale forgiano da sempre e per sempre nuovi sortilegi di magia nera e non solo:

Far up in the mountains,
where the rain fall not far,
yet the Sun cannot reach,
the wizards, my servants,
summon the souls of macrocosm.
No age will escape my wrath.

I travel through time and I return to the future,
I gather wisdom now lost.
I visit again the eternally ancient caves,
before a mighty Emperor thereupon came.
Watching the mortals "discovering" my chronicles,
guarded by the old demons,
even unknown to me.


Molto in alto sulle montagne,
dove la pioggia non cade lontano,
ma il sole non riesce ad arrivare,
gli stregoni, i miei servitori,
convocano le anime del macrocosmo.
Nessuna era sfuggirà al mio furore.

Viaggio nel tempo e ritorno nel future,
raccolgo saggezza ormai perduta.
Faccio nuovamente visita alle spelonche eternamente antiche,
prima dell'arrivo immediatamente dopo di un potente imperatore.
Guardo i mortali scoprire le mie cronache,
controllate da demoni antichi
sconosciuti persino a me


Negli antri più oscuri di una Norvegia segreta, l’imperatore non utilizza solo i suoi sottoposti per la sua spasmodica e continua ricerca di anime da traviare e depravare, piegare ed utilizzare per i propri enigmatici scopi, ma, incurante di ogni limite temporale, ai suoi occhi mera convenzione per i mortali, si muove anche lungo epoche remote e future, per aumentare e migliorare ulteriormente le sue capacità e la sua sapienza, mantenendosi così davvero il più potente dell’universo:

Once destroyed, their souls are being summoned
To my timeless prison of hate.
It is delightful to feast upon the screaming souls
That were destroyed in my future.

How many wizards that serve me with evil, I know not.
My empires has no limits.


Una volta annientate, le loro anime vengono convocate
alla mia prigione d’odio eterno
È delizioso banchettare con le anime urlanti
che furono eliminate nel mio futuro

Quanti stregoni mi servano con malignità, non lo so.
Il mio impero non ha limiti


Come già anticipato, i servitori dell’imperatore hanno ruolo primario nel rafforzamento della autorità del loro sovrano e, attraverso la loro magia, non si fanno certo scrupoli nel selezionare le anime che più possano essere funzionali a tale obbiettivo, annientandole nella loro essenza e facendole inchinare di fronte alla sua potenza. La supremazia dell’imperatore non ha dunque alcun limite che possa essere umanamente concepibile, nessuno, vivo o morto, può sentirsi veramente al sicuro, contro la sua furente vendetta, capace di superare qualsiasi cosa:

From the never ending mountains black, to the bottomless lakes,
I am the ruler and has been for eternities long.
My wizards are many, but their essence is mine.
Forever they are in the hills in their stone homes of grief.
Because I am the spirit of their existence.
I am them.

I am them.
I am them.

Dalle nere montagne interminabili fino ai laghi senza fondo,
sono io il sovrano, così è stato da tempo immemore
I miei stregoni sono molti, ma è mia la loro essenza
Per sempre essi vivono sulle colline, nelle loro residenze d’afflizione di pietra
perché io sono lo spirito della loro esistenza.
Io sono loro.

Io sono loro.
Sono loro.


E, non si cada nell’errore di considerare come privilegiate quelle anime che lo servono. Anche gli stregoni sottomessi al sovrano, per quanto precisi nelle loro mansioni e completamente consacrati al suo volere, non hanno alcun valore, alcuna autonomia, alcuna possibilità di sentirsi degli individui, seppur assoggettati. La loro essenza è parte dell’imperatore, tutto ciò che riguarda loro è sotto il suo personale controllo, l’imperatore è tutto.

CONCLUSIONI

Un brano sprezzante, malvagio, agghiacciante, ma anche compatto, epico, pregiato: questo il fulcro di I am the Black Wizards, traccia culto di un album imprescindibile come In the Nightside Eclipse, esordio con il botto per una band i cui membri alla sua registrazione non avevano ancora raggiunto i vent’anni e che nei successivi dieci seppero dare tanto, tutto alla scena black, tanto da giustificare il prematuro ritiro proprio per aver provato tutto, essendosi goduti al massimo l’esperienza, ma non avendo più molto da aggiungere, anche a causa di qualche ruggine e divergenza interna. Con il senno di poi, considerate anche le non più rare bensì quasi cicliche riapparizioni in live, è quasi impossibile non essere portati a speculare su quanto Ihsahn e soci avrebbero potuto creare in un’altra o più “decade di furore imperiale”, volendo utilizzare il titolo di una loro celebre raccolta, visto quanto la band è stata in grado di fare in quel cruciale decennio, nonostante vari guai con la giustizia e diverse defezioni.
Forse tuttavia, proprio come l’imperatore onnipotente ritratto in questo brano, il cui urlo finale I am them! sa ancora far scendere numerosi, glaciali brividi d’emozione lungo le spine dorsali di diverse generazioni di ascoltatori, alla creatura Emperor è piaciuto esistere così, sorprendendo i mortali e sfidando ogni banale limite temporale, diventando fonte di adorazione e devozione, rispetto e riguardo, per molte di quelle tante anime metallare che da essa sono state rapite.



lisablack
Domenica 29 Ottobre 2017, 21.16.30
13
Brano di culto del black metal..l'album di cui ne fa parte, poi è qualcosa di pazzesco.
Kriss
Domenica 29 Ottobre 2017, 21.03.36
12
La copertina più bella di tutto il panorama metal! e il pezzo....beh....polverizza QUALSIASI altra canzone black metal true o untrue che sia.
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Martedì 10 Gennaio 2017, 0.18.42
11
In effetti pure l'opener non scherza...anche "Inno a satana" non è malaccio ma diventa veramente dura scegliere le migliori dentro quest'album
valz
Lunedì 9 Gennaio 2017, 21.50.24
10
brano ovviamente eccellente, come tutto questo storico disco, ma secondo me l'apice è di gran lunga raggiunto con into the infinity of thoughts che è secondo me, forse la più bella e feroce canzone del black metal.
valz
Lunedì 9 Gennaio 2017, 21.50.23
9
brano ovviamente eccellente, come tutto questo storico disco, ma secondo me l'apice è di gran lunga raggiunto con into the infinity of thoughts che è secondo me, forse la più bella e feroce canzone del black metal.
Fabio Yaaaaaaaahhhhhh
Lunedì 9 Gennaio 2017, 14.08.36
8
Casualmente l'ho riascoltato ieri sera dopo un pò di tempo e nonostante il passare degli anni mi sembra che invece di sgretolarsi migliori,uno dei tanti immensi capolavori del 1994 che hanno segnato un' epoca...I am the black Wizard è una delle loro migliori canzoni mentre "In the Nightside Eclipse" per me se la gioca con "Nemesis Divina" per il miglior album norvegese,sempre secondo i miei gusti ovviamente
Doom
Lunedì 9 Gennaio 2017, 13.46.51
7
Bellissima anche quella Lisa! A me purtroppo mia madre ( presumo) la fece sparire quando partii per fare il milite! Fece un bel rogo con tutte le mie maglie felpe tshirt..ahhh. Che peccato
lisablack
Lunedì 9 Gennaio 2017, 13.23.30
6
Me la ricordo quella longsleeve, davvero bella..io ho la t shirt di in the nightside eclipse, comprata all'epoca..ogni estate la metto, ormai..non la lasciò più.
Doom
Lunedì 9 Gennaio 2017, 13.14.26
5
Rivedere la cover di quel fantastico Ep mi fà ritornare in mente la bellissima longsleeve che indossavo all'epoca appunto con quella cover davanti...e il pentagramma dietro con i loro volti pittati. Stupenda...facevo il quarto o quinto superiore mi pare. Era il mio orgoglio insieme a quella di Suomi Finland Perkele e The Sun of Tipharet...Il pezzo neanche lo commento non c'è bisogno. Dico solo che demo+ep+Inthe nightside+Anthems. 4 gioiellini che ancora custodisco gelosamente...Avevo anche l'altro Ep Reverence, ma poi l'ho venduto. Il resto però non mi è piu interessato. Ciao
lisablack
Lunedì 9 Gennaio 2017, 13.06.42
4
Grazie per l'articolo..be io sono di parte. Niente da dire su questo brano e sull'album, il mio preferito di sempre, il disco della mia vita. Forse il miglior album mai uscito dalla Norvegia, in compagnia di Anthem to the welkin at Dusk, band immensa per me che ho adorato come poche altre, brano notturno, glaciale, preferisco di poco Inno a Satana perché è la mia song preferita, ma I am the Black wizards è storia del black metal. Fantastica.
Sub zero
Lunedì 9 Gennaio 2017, 12.22.20
3
Avevo 14 anni quando un mio amico mi prestò una delle sue cassette da ascoltare nel walkman mentre tornavo a casa in autobus. E in mezzo a gruppi come Motley Crue, Maiden,Slayer,Metallica, Judas etc etc... c'erano dentro 3 pezzi che cambiarono la mia vita (musicale). La prima era Antichrist dei Sepultura, la seconda Freezing moon e la terza I am the black wizards. Rimasi incredulo nel sentire tanta violenza e oscurità fatta in musica. Adesso black e metal estremo ne ascolto poco ma ai tempi non riuscii ad ascoltare altro per anni. Rimasi folgorato da questa canzone. 100
Terzo menati
Lunedì 9 Gennaio 2017, 7.58.21
2
Io invece questo lo presi postumo dopo aver consumato una cassetta registrata di anthems che tuttora e' uno dei.miei album preferiti di tutti gli tempi. Comunque anche io ero incuriosito dagli articoli sulla band dell'epoca, dall'immagine del gruppo. Ora queste cose ormai non mi attraggono più da un pezzo ma continuo a seguire ihsahn nel suo percorso e indirettamente anche samoth con i suoi wretched end. La mia attrazione per il Black si è esaurita da ormai più di dieci anni ma conservo un ottimo ricordo di questi gloriosi gruppi e di ciò che hanno fatto
Metal Shock
Lunedì 9 Gennaio 2017, 7.10.44
1
All`epoca fui colpito dall`album degli Emperor, In the nightside..., lo comprai e rimasi folgorato dalla glacialita` e malvagita` che traspariva dai solchi, per non parlare dell`immagine sinistra che mi attirava, e questa canzone creava quell`atmosfera "nera" che ti attirava come un vortice. Oggi, nonostante apprezzi ancora i dischi degli Emperor, non riesco piu` ad ascoltarli come una volta, sopratutto per la voce, ma la magia nera resta sempre.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
ARTICOLI
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]