Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Elvenking
Secrets of the Magick Grimoire
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/18
CODERED
Dominions of Our Deceitful Beliefs

26/02/18
ATRA VETOSUS
Apricity

26/02/18
VENOM PRISON
Animus Deluxe Edition

02/03/18
DIVINE REALM
Nordicity

02/03/18
MICHAEL SCHENKER FEST
Resurrection

02/03/18
DISEASE ILLUSION
After the Storm

02/03/18
DEFCTO
Nemesis

02/03/18
MARCO MENDOZA
Viva La Rock

02/03/18
SAVAGE HANDS
Barely Alive

02/03/18
ANCST
Ghosts of the Timeless Void

CONCERTI

27/02/18
SEPULTURA + OBSCURA + GOATWHORE + FIT FOR AN AUTOPSY
ORION LIVE - CIAMPINO (RM)

28/02/18
SEPULTURA + OBSCURA + GOATWHORE + FIT FOR AN AUTOPSY
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

28/02/18
AMENRA + BORIS
LOCOMOTIV - BOLOGNA

28/02/18
CANNIBAL CORPSE + THE BLACK DAHLIA MURDER + IN ARKADIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/03/18
THERION + IMPERIAL AGE
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

01/03/18
AMENRA + BORIS
MONK - ROMA

01/03/18
THERION + IMPERIAL AGE + NULL POSITIV
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

02/03/18
THERION + IMPERIAL AGE
ORION - CIAMPINO (RM)

02/03/18
AMENRA + BORIS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

02/03/18
LAIBACH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

SINE QUA NON - # 19 - 'The Gallery' e 'The Jester Race'
21/01/2017 (1168 letture)
Quando si parla di Sine Qua Non, ovverosia di album e gruppi che hanno in una certa misura fatto la storia, il più delle volte si è portati a pensare a lavori molto lontani nel tempo. In effetti, il processo di storicizzazione di un album e più in generale di una band può essere talvolta molto lungo e, inoltre, anche il modo di percepire la musica in base ai cambiamenti sociali e culturali può incidere sulla valutazione di una certa opera. Inoltre, il fatto che "l'età dell'oro" del rock venga inquadrata negli anni 60 e 70 e quella del metal negli anni 80, porta spesso a considerare quanto edito in epoca successiva magari anche valido, ma non degno di essere considerato imprescindibile. Per quanto riguarda i dischi usciti nel nuovo millennio, è forse vero che è opportuno lasciar trascorrere ancora del tempo prima di sbilanciarsi in senso assoluto (ma nemmeno questo è un dogma), ma per quanto attiene al periodo 1991-2000, ci sono fenomeni musicali che sono già storia acquisita del metal. Nell'ottica di questo articolo, l'incidenza del Death melodico di matrice svedese sulla scena globale è stata davvero importante e, tra tutti, due gruppi sono stati autori di lavori che ogni metallaro degno di tal nome dovrebbe conoscere: i Dark Tranquillity di The Gallery e gli In Flames di The Jester Race.

DARK TRANQUILLITY: The Gallery
Preceduto da un album di grande importanza come Skydancer -tralasciando la forma EP- The Gallery segnò un punto fermo nella scena del death metal melodico e lo fece utilizzando una varietà espressiva tale, per alcuni versi, da metterne addirittura in discussione la struttura. Più concreto del suo predecessore, contenente in nuce molte delle soluzioni che verranno messe a fuoco negli anni successivi come ad esempio l'uso del piano, delle tastiere e fino ad introdurre il nuovo millennio, The Gallery presentava una varietà di soluzioni notevolissima. Addirittura tale da risultare assolutamente inconsueta all'interno di un genere che, di conseguenza, descrive solo parzialmente la musica di questo prodotto. Pezzi come Punish My Heaven e The Dividing Line, tanto per citare due esempi eclatanti, contenevano soluzioni contemporaneamente facili in senso lato, ma connotate da una "prosodia musicale" -se così si può dire- e da un retrogusto quasi progressive che rendeva ogni cosa immediata a dispetto di una grande costruzione del tutto. Non esattamente death; melodico, ma non più di tanto; progressive, ma sostanzialmente solo come attitudine, The Gallery contribuì in modo notevole all'affermazione di uno stile presso il grande pubblico senza utilizzarlo in toto e, più in generale, a rimettere definitivamente in moto un genere come il metal che, come detto, solo pochissimo tempo prima aveva subito un tentativo di strangolamento da parte dell'industria della musica. Molto di quello che ascolteremo dal 2000 in poi deve qualcosa a questo disco.

IN FLAMES: The Jester Race
Successivo solo di pochi mesi, The Jester Race si pose sulla scena in modo altrettanto importante, ma più "evidentemente Swedish Death". Assestata la formazione con l'entrata del batterista Björn Gelotte, ma soprattutto del fondamentale cantante Anders Fridén, gli In Flames costruirono un disco quasi perfetto se relazionato all'età media dei componenti della band. Strutturato sulla spina dorsale costituita dalla triade Artifacts Of The Black Rain; Dead Eternity; The Jester Race, l'opera in analisi si mostrava contemporaneamente monolitica e più fedele allo stile del disco dei Dark Tranquillity. Meno coraggioso, se vogliamo, ma altrettanto importante di The Gallery, The Jester Race non presentava alcuno spunto tendente al progressive e, in gran parte, si basava su ritmi pesanti, ma non velocissimi, puntando su una specie di solennità death che ne caratterizzava la parte maggiore delle composizioni. Più lavoro di armonia, assoli di chitarra di qualità e quasi nessuna sfuriata fine a sé stessa. Il "tupa tupa" canonico, che tante soddisfazioni aveva già dato a tante band -e ritorna il nome degli At the Gates, ad esempio- veniva sacrificato in nome di un lavoro più cerebrale, più di intaglio, di sbalzo, fino ad arrivare all'incisione di un album che segna una svolta nella storia del death svedese e degli anni 90.

IN DARK FLAMES
Superato un periodo considerato da tanti come da tabula rasa -quello a cavallo tra la fine degli anni 80 e l'inizio degi anni 90- ed anche se in realtà il buon metal non smise mai di essere presente sul mercato, da un certo momento in poi una rinascita cominciò a concretizzarsi. Molti gruppi e molti generi potrebbero essere citati come importanti, se non basilari per innescare la nuova esplosione della/e scena/e, ma sicuramente lo swedish death metal diede un contributo notevole al tutto. Senza fare un excursus generale che del resto non sarebbe oggetto di questo articolo, tre gruppi almeno erano e restano storicamente basilari ed accostabili per varie ragioni: In Flames; Dark Tranquillity ed At the Gates. In questo caso, però, sono i primi due che ci interessano. Ambedue "diversamente fondamentali", i gruppi gli album analizzati si segnalano per il loro diverso approccio allo sviluppo -anche spurio- ed al consolidamento di un intera categoria musicale la quale, pur con tutte le sue contraddizioni, le sue contaminazioni e le sue involuzioni successive, resta una delle più belle novità della storia del metal.



Silvia
Mercoledì 15 Novembre 2017, 12.26.17
16
Uno dei miei generi preferiti e due album storici assieme a Slaughter of the Soul (purtroppo da me non apprezzato x via della voce di Tompa che non rientra nei miei gusti anche se il lavoro dei gemelli Björler e' eccezionale). Insomma, quell'anno (e non solo) Fredrik Nordström era in stato di grazia come produttore... Hai ragione @Raven, "una delle più belle novità della storia del metal", rimasi folgorata quando sentii questi due gruppi... Mikael Stanne e' anche uno dei miei cantanti preferiti x il suo bellissimo growl venato di sfumature black che qui e nel successivo trova la sua massima espressione secondo me. Comunque due album grandissimi, sicuramente The Gallery x me resta piu' completo e effettivamente piu' coraggioso, e anche la caratura dei musicisti e' notevole ma The Jester Race ha avuto forse maggiore influenza in altri generi (come il metalcore). Inoltre The Gallery ha delle atmosfere piu' cariche di pathos credo (non riesco ad ascoltare Lethe perche' mi sconvolge). Pero' che dire di Artifacts of the Black Rain o Dead God in Me o Moonshield? Insomma due capolavori che mi emozionano allo stesso modo oggi come allora.
Red Roger
Giovedì 2 Febbraio 2017, 19.27.29
15
Due gruppi che ho amato non poco anche se per un breve periodo.Di The Gallery mi innamorai dopo pochi secondi dall'inizio di Punish my heaven , e non sbagliai ! tutto l'album è grandiosamente maestoso nel suo incedere.Gli in In Flames mi furono spacciati da un amico come il perfetto connubio tra Iron maiden ed At the Gates..che dire persi la testa per la testa anche per Jester race...Piccola nota polemica : per qunto riguarda la paternità del melodic death i primi a rifiutarla son gli At the gates stessi , che pur ammetendo un certo grado di melodia nei loro pezzi non si sono mai definti melodic death....e credo abbiano proprio ragione. A mio avviso l'uica cosa che li accomuna a In flames e Dark Tranquillity è Gotheborg
Doom
Giovedì 26 Gennaio 2017, 12.24.40
14
Grandi pure gli Eucharist....l'esordio è un piccolo classico con delle potenzialità enormi purtroppo in parte soffocate da una prioduzione non all'altezza. Le chitarre hanno un suono come dire quasi "giocattolo" ( almeno le definivo così all'epoca). Rimane comunque un gioiellino. Spero in un remaster.
Gyroscope
Giovedì 26 Gennaio 2017, 12.05.55
13
@undercover: finalmente qualcuno che si ricordi degli Eucharist! a velvet creation è per me un capolavoro..
Moonlight
Giovedì 26 Gennaio 2017, 8.12.13
12
The Jester Race è il mio album preferito di tutti i tempi, ho avuto la fortuna di conoscere gli In Flames con questo album e la prima volta che ho sentito Moonshield sono rimasto folgorato. Perfetta unione tra violenza e melodia, armonizzazioni perfette, riff e tempi che passano da sfuriate death e momenti più solenni e lenti in modo magistrale, il growl di anders è perfetto e purtroppo solo un pallido ricordo. il drumming è essenziale ma non scarno, i suoni perfetti (forse solo il basso è messo troppo in seconda linea), un muro sonoro continuo interrotto da passaggi acustici perfetti (l'intro acustica di moonshield è un capolavoro già presa da sola). l'album che mi ha iniziato al death e ai generi più estremi e che almeno un paio di volte a settimana devo ascoltare da anni, e tutte le volte mi rendo conto che un album del genere sia impossibile da replicare
Carmine
Domenica 22 Gennaio 2017, 12.48.39
11
I due gruppi che hanno saputo esplorare (meglio) il genere. Per la costanza, i Dark Tranquillity rappresentano (tutt'ora) i portabandiera di questo genere; qualche piccolo calo d'ispirazione lo hanno avuto, ma sostanzialmente non hanno mai composto un disco brutto. Gli In Flames invece rientrano nella mia top 5 di sempre, ma a differenza dei DT, il loro percorso artistico negli ultimi 6 anni è stato decisamente meno fortunato e soprattutto povero di ispirazione... MA... fino ad A Sense of Purpose è stata una continua, geniale, coraggiosa, fresca, ragionata e meritata ascesa.
draKe
Sabato 21 Gennaio 2017, 21.30.03
10
personalmente i dark tranquillity li ho sempre preferiti agli in flames, allora come (soprattutto) oggi...ma restano due dei miei gruppi preferiti di sempre! The gallery è l'opera death melodica totale, da brividi e di sicuro più estrema di the jester race; la grande differenza tra i due gruppi infatti sta nelle influenze che hanno fatto propendere i DT verso lidi più prettamente death mentre gli IF verso brani più orecchiabili e vicini a certe band classiche (maiden) o prog-metal (la prima volta che ascoltai la strumentale Wayfaere credevo fosse un pezzo dei dream theater (tempi prog, assoli di tastiera, aperture melodiche...)); in questo senso a mio modo di vedere i DT hanno tracciato il solco del gothenburg sound in maniera più profonda degli IF in qualche modo invece più derivativi.
Red Shark
Sabato 21 Gennaio 2017, 21.06.14
9
Così come Rob Fleming anch'io fatico ad apprezzare in toto il Death proprio per una questione di voci. Cresciuto a pane ed Iron Maiden, adoro il bel canto...ciò nonostante certi lavori son talmente belli che riescono a farsi piacere pure da un profano come me The Jester Race é uno di quelli, così maestoso da sembrare epic.
galilee
Sabato 21 Gennaio 2017, 19.35.20
8
Due grandi dischi, ma io sono troppo di parte. I Dark tranqillity mi mandavano proprio fuori di testa. È devo dire che se la cavano per fortuna sempre alla grande.
Steelminded
Sabato 21 Gennaio 2017, 19.20.11
7
Due dischi fantastici, all'epoca abbastanza rivoluzionari... per le due band fondatrici del sottogenere (qualcuno aggiunge at the gates)... guarda caso due band in caduta libera verticale che dicono a mio avviso più nulla di interessante da più di dieci anni...
Halo
Sabato 21 Gennaio 2017, 19.08.35
6
Le colonne portanti del mio genere preferito, due album enormi Io comunque non sottovaluterei i due dischi d'esordio di queste band.. Veramente da brividi
lux chaos
Sabato 21 Gennaio 2017, 17.33.39
5
Due capolavori assoluti. Come Rob Fleming, ricordo le entusiastiche recensioni del Borchi che mi portarono all'acquisto di queste due perle pazzesche, in particolare The Jester Race (che tra i due ho sempre preferito) è un disco che potrei ascoltare 50 volte di fila senza stufarmi, trovando ad ogni passaggio qualche sfumatura in più...un disco totale, incredibile. Pensare a come sono ora , meglio ridere per non piangere ...comunque due band che hanno accompagnato il periodo dove il metal per me era una continua scoperta, sono legatissimo, due capolavori da ascoltare a ripetizione
Undercover
Sabato 21 Gennaio 2017, 15.58.27
4
Letteralmente consumati, mah, non concordo del tutto sul fatto che "The Jester Race" fosse così fedele ai canoni della scuola svedese del tempo, era molto più melodico, molto più heavy oriented, in tal senso lo saranno ancora di più i Ceremonial Oath del non riuscitissimo, ma comunque interessante "The Carpet", e i Crystal Age di "Far Beyond Divine Horizons" (anche se quest'ultimo dovrei andare a riascoltermelo e l'articolo me ne offre spunto per tirarlo fuori dallo scaffale), e sfrontatamente catchy nell'approccio rispetto a tutto ciò che usciva da Stoccolma e zone limitrofe. Sicuramente meno noti, ma decisamente più di rottura in tal senso furono le prove degli Eucharist di "A Velvet Creation", rilasciato ben due anni prima di "The Gallery" e tre di "The Jester Race", per non parlare di "World Of Myths dei Crypt Of Kerberos, ovviamente nulla togliendo al valore immenso degli album in questione.
Rob Fleming
Sabato 21 Gennaio 2017, 10.30.04
3
Essendo un amante delle "belle voci" (Paul Rodgers, Ian GIllan, Coverdale; Glenn Hughes, Paul McCartney i primi cinque che mi vengono in mente) non ho mai apprezzato del tutto il Death. Ma devo dire che questi due album li adoro, proprio due settimane fa me li sono messi nell'ipod, per avere una scarica di adrenalina ogni tanto. Ricordo quando lessi le recensioni entusiastiche di Cristiano Borchi su Metal Shock, non una parola sbagliata e già all'epoca si capiva che avevano una marcia in più destinata a durare nel tempo. Due autentici classici. Bel ed intelligentissimo ripescaggio
lisablack
Sabato 21 Gennaio 2017, 9.41.39
2
2 album che negli anni 90 erano molto amati..mi piacciono ma in quel periodo ero fuori per altre band, specialmente black. Comunque 2 dischi molto belli..
Doom
Sabato 21 Gennaio 2017, 9.00.58
1
Due album bellissimi e manifesti di un genere. Personalmente ho sempre preferito The Gallery che mi strego' da subito. The Jester Race mi ci volle un pochino...in confronto ni sembrava piu fiacco al punto da scambiare la mia copia con un amico poco dopo l'acquisto. In seguito lo rivalutai e ne riconobbi il valore.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
ARTICOLI
30/01/2018
Articolo
SINE QUA NON
# 24 - 'Epicus Doomicus Metallicus' e 'Born Too Late'
12/11/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 23 - 'British Steel' e 'Ace of Spades'
24/07/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 22 - 'Selling England By the Pound' e 'Misplaced Childhood'
08/05/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 21 - 'La Masquerade Infernale' e 'Themes From William Blake's the Marriage of Heaven and Hell'
16/04/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 20 - ’Left Hand Path’ e ’Under a Funeral Moon’
21/01/2017
Articolo
SINE QUA NON
# 19 - 'The Gallery' e 'The Jester Race'
05/12/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 18 - 'Vincebus Eruptum' e 'Lucifer's Friend'
10/09/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 17 - ‘Angel Witch’ e ‘Iron Maiden’
24/07/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 16 - ’Sacrifice’ e ’Kingdom Come’
28/06/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 15 - 'Altars of Madness' e 'Left Hand Path'
24/05/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 14 - ‘Black Sabbath’ e ‘Sea Shanties’
06/04/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 13 - 'Morbid Tales' e 'Sign of the Hammer'
03/01/2016
Articolo
SINE QUA NON
# 12 - 'On Stage' e 'Rock City'
18/09/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 11 - 'Melissa' e 'Deliver Us'
18/08/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 10 - 'Io Sono Nato Libero' e 'Zarathustra'
16/07/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 9 - 'Seven Churches' e 'Reign in Blood'
19/06/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 8 - 'Time Does Not Heal' e 'Arise'
05/05/2015
Articolo
SINE QUA NON
# 7 - 'Apocalyptic Raids' e 'Bathory'
10/10/2014
Articolo
SINE QUA NON
# 6 - ‘Restless and Wild’ e ‘Heavy Metal Maniac'
26/04/2014
Articolo
SINE QUA NON
# 5 - 'Van Halen' e 'Disillusion'
26/07/2013
Articolo
SINE QUA NON
# 4 - 'Rock Until You Drop' e 'Black Metal'
16/03/2013
Articolo
SINE QUA NON
# 3 - 'Holy Diver' e 'Operation:Mindcrime'
03/09/2012
Articolo
SINE QUA NON
# 2 - 'Kill 'em All' e 'Powerslave'
21/08/2012
Articolo
SINE QUA NON
# 1 - 'The Number Of The Beast' e 'Master Of Puppets'
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]