Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

SYSTEM OF A DOWN + PROPHETS OF RAGE - Visarno Arena, Firenze, 25/06/2017
29/06/2017 (1409 letture)
Il Firenze Rocks di quest'anno si presentava come uno degli eventi musicali più importanti dell'estate su suolo italico ed almeno per quanto riguarda i numeri non ha deluso le aspettative. In quasi 150.000 si sono precipitati nel capoluogo toscano nella tre giorni di giugno, grazie soprattutto agli artisti di livello internazionale che hanno calcato il palco dell'Ippodromo del Visarno. L'ultima giornata, mi permetto di dire, era la più attesa dalla nostra webzine vista la presenza di System of a Down e Prophets of Rage, i quali avevano l'ingrato compito di emulare le performances dei giorni precedenti di Aerosmith, Placebo e Eddie Vedder. A conti fatti direi che ci sono ampiamente riusciti.

PRE SHOW
Arrivo nella zona del concerto (il Parco delle Cascine) piuttosto presto, in modo da saltare il grosso della fila e poter entrare con largo anticipo. Effettivamente poco dopo le 12 (orario di apertura dei cancelli) sono già nell'Ippodromo. È fin da subito chiaro che non sarà facile vedere il palco poiché il luogo è gigantesco e abbastanza dispersivo, perciò i più coraggiosi iniziano a sdraiarsi sotto il sole dietro le transenne di separazione dal PIT. Il maxischermo installato al centro dell'arena sarà molto utile durante la serata.

PROPHETS OF RAGE
Dopo la breve parentesi dei due dj di Virgin Radio, Ringo e Toky, si inzia finalmente a fare sul serio. Alle 19 infatti salgono sul palco i Prophets of Rage e parte un grandissimo boato. La superband rap metal capitanata da Tom Morello e comprendente fra gli altri Chuck D e DJ Lord dei Public Enemy, oltre al cantante dei Cypress Hill, B-Real (simpaticissimo il copricapo da sceicco che indossa) offre uno spettacolo esaltante con in scaletta tanti brani dei Rage Against the Machine, come da previsione. Sentire suonare dal vivo tracks come Guerilla Radio, Bullet in The Head, Bulls on Parade ha un sapore particolare, soprattutto con un Morello in forma strepitosa. La sua chitarra è il terzo cantante della band e i solo che fuoriescono dalla sei corde sono rivoluzionari tanto oggi quanto 25 anni fa. Non sono però di intralcio le songs delle altre due band indirettamente coinvolte nello show, molte eseguite nella parte centrale. Prendersi consecutivamente e senza respiro canzoni come Fight the Power, Insane in the Brain, Bring the Noise eccetera è una bella mazzata fisicamente parlando, poiché non ci si può esimere dal saltare assieme ai due scatenati frontman. Il momento più toccante è però decisamente quello legato a Chris Cornell, infatti assieme allo special guest Serj Tankian viene eseguita una bellissima e commovente versione di Like a Stone degli Audioslave (da ricordare che dei Prophets of Rage fanno parte anche il bassista Tim Commerford e il batterista Brad Wilk). Il finale con Killing in the Name entusiasma ancor più una folla già ampiamente gasata e consolida i Prophets of Rage come uno dei progetti più interessanti degli ultimi anni.

SETLIST PROPHETS OF RAGE
1. Prophets of Rage
2. Testify
3. Take the Power Back
4. Guerrilla Radio
5. Unfuck The World
6. Bombtrack
7. Fight the Power
8. Can't Truss It
9. Insane in the Brain
10. Bring the Noise
11. Jump Around
12. Sleep Now in the Fire/ Cochise (parziale)
13. Like a Stone (cantata da Serj Tankian)
14. Know Your Enemy
15. Bullet in the Head
16. How I Could Just Kill a Man
17. Bulls on Parade
18. Killing in the Name


SYSTEM OF A DOWN
I SOAD salgono sul palco poco dopo il calar del sole, quest'ultimo particolarmente magnanimo in una domenica a tratti nuvolosa. È con Suite-Pee che il gruppo californiano decide di mandare in tilt i già provati fans. Il delirio prosegue con Prison Song e non accenna ad arrestarsi sulle note di Violent Pornography. Bisogna attendere la pacata Aerials per respirare un po', peraltro la brezza serale arriva in soccorso, offuscando in parte il polverone creatosi durante l'ovvio pogo presente nelle diverse zone dell'Ippodromo. L'ora e mezzo circa di esibizione è una carrellata di hits e di martellamenti continui operati dalla potente resa sonora della sezione ritmica. Nemmeno un attimo di pausa: Serj ed un impeccabile Daron addolciscono e ammorbidiscono il pubblico con i loro scambi vocali; essi sono l'unica ancora di salvezza per arrivare vivi fino in fondo di fronte a tali badilate. Le 27 tracks suonate durante la serata consolidano l'intera carriera della band e fanno parte della vita di un'intera generazione, di una massa di trentenni che adesso sono lì a scomporsi sotto il palco. I 40.000-50.000 del Visarno ballano sulle note di Radio-Video, cantano le più "accessibili" Hypnotize, Chop Suey, Lonely Day e scherzano sui folli vocalizzi del frontman. E quando Serj afferma a gran voce che in Italia vi sono le migliori persone, i migliori luoghi e il miglior cibo il pubblico esplode. Ormai è amore viscerale, così le ultime e fantastiche songs: Question, B.Y.O.B. , Roulette scivolano via con spensieratezza e tanto affetto da parte degli spettatori verso il gruppo di origini armene. Su Toxicity, Daron finalmente toglie la maschera estremamente professionale indossata sinora, lasciandosi andare a degli sproloqui senza senso che infiammano l'arena. Il finale affidato a Sugar è accolto in maniera sensazionale dalla folla presente nella città medicea. Le luci si spengono e i System si smaterializzano dal palco salutando.

SETLIST SYSTEM OF A DOWN
1. Soldier Side – Intro
2. Suite-Pee
3. Prison Song
4. Violent Pornography
5. Aerials
6. Mind (intro)
7. Mr. Jack
8. DDevil
9. Needles
10. Deer Dance
11. Radio/Video
12. Hypnotize
13. Dreaming (parziale)
14. Pictures
15. Highway Song
16. Darts
17. Bounce
18. Suggestions
19. Psycho
20. Chop Suey!
21. Lost in Hollywood
22. Question!
23. Lonely Day
24. Kill Rock 'n' Roll
25. B.Y.O.B.
26. Roulette
27. Toxicity
28. Sugar


CONCLUSIONI
Doveva essere uno dei migliori spettacoli alternative metal di questa estate italiana e tale è stato. Gran merito va ai Prophets of Rage, i quali hanno suonato come se fossero a tutti gli effetti co-headliner. Per quanto riguarda i System of a Down c'è poco da dire: hanno messo sul piatto tutto quello che possedevano, facendo parlare i pezzi e dimenticando le interruzioni. L'unica frase enunciata da Serj durante il concerto è una dichiarazione d'amore verso il nostro Paese e sembrava anche sincera, perciò speriamo tornino presto. Per quanto riguarda il luogo dell'evento si può sicuramente migliorare: in queste arene si sa che la polvere diviene incontenibile dopo una certa ora e i vetri in terra erano conseguenza delle due serate precedenti (alla faccia dei numerosi controlli all'ingresso, le bottiglie frantumate erano veramente tante). Sta di fatto che il capoluogo toscano ha offerto una buona location per distribuire e far defluire al meglio 50.000 persone, attività non semplice per una città di medie dimensioni. Vista l'ottima affluenza e la qualità proposta speriamo che il festival possa ripetersi anche il prossimo anno.



Silvia
Domenica 9 Luglio 2017, 15.44.18
26
@therealzul, anche Daron è maturato molto (non so se l'hai sentito con i Millennials) quindi un nuovo album lo immagino con sonorità totalmente diverse dal solito e più sofisticate, magari con pochi spunti aggressivi. Del resto comunque il loro repertorio ha sempre spaziato molto se consideri la differenza fra Lonely Day e Sugar (esempio)
Silvia
Domenica 9 Luglio 2017, 15.36.55
25
@therealzul, vero però mi pare che sia lui a non avere più interesse x il genere infatti la sua produzione solista va da tutt'altra parte. Sapevo però anche che hanno ripreso a provare ormai qualche tempo fa. Sì x Halford era chiaro il tuo discorso (a me invece piace molto)
therealzul
Domenica 9 Luglio 2017, 15.00.39
24
@Silvia secondo me la cosa migliore che potrebbero fare sarebbe un nuovo album facendo pezzi compatibili con lo stile nuovo di Serj, in maniera tale da non avere costrizioni e permettergli di esprimersi nel migliore dei modi, farebbero un vero colpaccio...ma forse chiedo troppo... Per il discorso di Halford era per tirare fuori un esempio di cantante che a me non fa impazzire ma di cui riconosco pienamente le inattaccabili doti.
Silvia
Domenica 9 Luglio 2017, 10.54.20
23
@therealzul, bravissino, condivido assolutamente ciò che dici (eccetto su Rob Halford ma ognuno ha le proprie opinioni), soprattutto su Serj (come avevo detto in un altro post). I Metallica erano noti fin dagli anni 80 x non essere all'altezza dei pezzi dal vivo, non è una novità. Tornando a Serj il suo timbro mi piace tantissimo ma non il nuovo stile perché è diventato troppo nasale su pezzi come Chop Suey. Comunque x me resta un grande artista, la band ha maturato molto e il batterista è eccezionale da ciò che vedo su YouTube. Nel 2002 quando li ho visti erano diversi, più ruvidi ma hanno suonato in modo impeccabile comunque. Ribadisco che Chop Suey senza le tastiere non può venire uguale al disco.
therealzul
Domenica 9 Luglio 2017, 3.10.31
22
Se si deve parlare tanto per dare aria alla bocca è meglio star zitti, parlando dei tour di parecchi anni fa sono il primo a dire che erano un scempio sul palco, ma quello che ho ammirato a Firenze non ha nulla a che vedere con ciò, e non lo dico da ragazzino che va ai concerti a fare casino e basta, ma da musicista con un orecchio allenato ed in grado di giudicare un esibizione...poi su Serj, non potete pensare che a 50 anni possa ancora fare quegli scream assurdi che sentite sui dischi, ha anche cambiato registro vocale e di conseguenza adesso canta in maniera diversa, poi se mi dite che un cantante con 4 ottave di estensione, una tecnica vocale vastissima e un timbro così particolare (la bellezza rimane soggettiva) è una m#rda, beh ragazzi, questo vuol dire veramente parlare a caso e senza cognizione di causa, per esempio a me Rob Halford non piace per niente, eppure non direi mai che è un cantante sopravvalutato solo perché a me non piace... Il concerto dei Metallica a Milano 2 anni fa è stato un vero scempio, altroché i live dei SOAD, eppure nessuno(tranne pochissimi) dice nulla...odio tirarli in ballo perché ormai è una moda, ma se devo pensare a un esempio di un vero live di m#rda è il primo che mi viene in mente...
freedom
Venerdì 7 Luglio 2017, 18.24.33
21
Ok avete cominciato a spararle grosse...ciao.
Tiradipiuunpelodifiken
Venerdì 7 Luglio 2017, 15.16.52
20
Si @bob, poi rispetto a questo esempio per me è proprio come paragonare la me##a al cioccolato
bob
Venerdì 7 Luglio 2017, 13.55.08
19
Su Serj sono d'accordo. . . beh oddio forse sopravvalutato è dire troppo però sentendolo dal vivo mi aspettavo meglio rispetto a come in molti lo avevano descritto....di sicuro non regge il confronto con i grandi cantanti della storia( es. vedi Steven Tyler due giorni prima )
Tiradipiuunpelodifiken
Martedì 4 Luglio 2017, 8.36.14
18
Adesso mi ucciderete, e va bene così, ma per me sono uno dei casi più eclatanti al mondo di gruppo pompato e sopravvalutato all'inverosimile....si hanno azzeccato qualche buona canzone nei primi due album, in mezzo ad un mare di roba composta probabilmente in un dopo sbornia in 5 minuti...mi sono sempre parsi sconclusionati, secchi, non coesi, ma soprattutto per me non esiste che un gruppo non riesca a riproporre fedelmente dal vivo (li ho visti due volte purtroppo) quello che produce su disco, e in questo loro sono pessimi, in particolare Serj, uno dei cantanti più sopravvalutati degli ultimi 15 anni almeno...boh, contento per chi li apprezza, ma sinceramente è uno di quei casi che mi fanno cadere i coglioni ogni volta che ci penso
Silvia
Lunedì 3 Luglio 2017, 23.24.06
17
Il web e’ pieno dei loro concerti, da alcuni bellissimi dei primissimi tempi ad altri dove addirittura la chitarra era scordata, fino ad altri ancora dove Daron saltava le parti perche’ faceva il pazzo ed era in trip, idem Serj che faceva l’indemoniato e storpiava le linee vocali. Poi c’e’ (esempio) il concerto in Armenia che e’ bellissimo, John e’ incredibile, Daron canta e suona alla grande ma Serj li’ non canta piu’ come un tempo (non so se sia una scelta) e quindi io (gusto personale) non reggo i pezzi come Chop Suey fatti in quel modo mentre ATWA (es) mi piace ancora come la fanno. Inoltre, conta che hanno solo una chitarra e nel 2002 non avevano tastiere quindi pezzi come Chop Suey non possono assolutamente venire come su disco. Mi dispiace che tu abbia beccato le giornate sbagliate, e’ frustrante
Gabriele
Lunedì 3 Luglio 2017, 22.52.48
16
Perdonatemi, ma finchè non vedrò qualche filmato continuerò ad avere parecchi dubbi, soprattutto se poi leggo commenti positivi riguardo anche ad indifendibili tour passati. I SOAD probabilmente, tra tutti i gruppi che mi è capitato di ascoltare dal vivo ( e sono tanti) , sono quelli che hanno il più grande divario tra qualità della prestazione in studio e qualità dell'esibizione live. Poi potete anche venire a dirmi che l'energia, la pazzia e tutto quello che volete, forse può anche andar bene ad un ragazzo sotto i 20 che vuole solo fare casino e che non sente realmente la musica che arriva dalle casse, ma solo quella nella sua testa, che ha già deciso che quel concerto sarà bellissimo e nulla gli farà cambiare idea. Io ho solo rimpianto i soldi buttati per dei concerti semplicemente avvilenti se confrontati alla straordinaria resa che hanno su disco. Andare ognuno ad un tempo diverso e riuscire a stonare ogni fottuta canzone è qualcosa di inaccettabile, se ci ripenso mi girano ancora i coglioni.
freedom
Sabato 1 Luglio 2017, 15.05.03
15
@Therealzul: Infatti era quello che intendevo dire. Hanno guadagnato molto in quanto a precisione nelle'esecuzione dei brani, soprattutto Daron che prima non faceva altro che farsi venire le convulsioni sdraiato per terra. Purtroppo però Serj ha perso tantissimo nell'interpretazione vocale...del resto il loro genere richiede una massiccia dose di trasporto, specie nella voce, e la sua "noia" si sente eccome. Ma dopo tutti questi anni ci può stare. @Havismat: Si, Milano, Marzo 2002. Ti dirò, per me fu un'esperienza assurda. Sarà che ero più fatto di loro, mi pare non ricordo, ma tutto, dal viaggio alla gente incontrata al concerto e per le strade di Milano fino all'esibizione dei SOAD, fu tremendamente bello. Loro erano i soliti sballati che erano a quei tempi, però la carica c'era e si sentiva.
Havismat
Venerdì 30 Giugno 2017, 7.02.28
14
@Silvia. Sì, parlo di quella data.
Silvia
Giovedì 29 Giugno 2017, 21.23.35
13
@Havismat, parli della data di Milano 2002? Io li ho visti a Londra (Ryanair santi subito, il viaggio costo' meno di una pizza ) e il concerto fu splendido, la gente impazzita!!! Non so, una mia amica che li ha visti a Milano rimase entusiasta anche se c'era talmente tanta gente da non potersi muovere.
Havismat
Giovedì 29 Giugno 2017, 19.34.33
12
@freedom, @Silvia. C'ero anche io a quel concerto, ma non mi piacquero per niente: li trovai molto distaccati e poco coinvolti; stessa cosa la pensarono gli amici che erano con me. Per me fu una mezza delusione, perché all'epoca impazzivo per loro.
Michele "Axoras"
Giovedì 29 Giugno 2017, 14.35.50
11
A parte qualche cosa qui e lì (Toxicity è inattaccabile) non ho mai amato i SOAD. Contrariamente mi sarei visto molto volentieri i Prophets of Rage, davvero tanto .. che peccato.
Macca
Giovedì 29 Giugno 2017, 14.35.28
10
Non ero al concerto, ma vedere una scaletta di un gruppo contenere più di metà brani di un altro gruppo mi fa abbastanza specie...mah...sui SOAD niente da dire, sempre adorati e idolatrati.
Therealzul
Giovedì 29 Giugno 2017, 13.24.56
9
Un altro appunto...IL VOLUME TROPPO TROPPO TROPPO (TROPPO) BASSO
Therealzul
Giovedì 29 Giugno 2017, 13.23.06
8
@Psychosys si è vero l'ho visto pure io, non so neanche se fossero headliner dato che hanno suonato solo un ora
Psychosys
Giovedì 29 Giugno 2017, 12.44.40
7
Non sono stato al concerto però chi c'era mi ha assicurato che è stato un grande spettacolo esclusi i problemi derivanti da polvere e scarsi controlli di sicurezza. Qualche giorno fa ho guardato sul tubo il live del Pinkpop festival dei i SOAD e mi sembravano molto scarichi... Ci avranno gudagnato in precisione ma con quella voglia li non è stato all'altezza delle aspettative.
Silvia
Giovedì 29 Giugno 2017, 12.41.57
6
@Therealzul, concordo, anch'io li preferisco ora anche se Serj ha cambiato registro. Che poi dai live che ho visto su Youtube in realta' la differenza la fa Daron che prima era un fuori di testa sul palco (probabilmente x tutta la roba che si faceva) mentre ora ha un atteggiamento maturo che preferisco decisamente. Non dimentichiamoci poi che questo tour non e' supportato da alcun album e che l'ultima uscita e' del 2005 quindi sicuramente sono amatissimi (giustamente!) e la gente non li ha dimenticati
Therealzul
Giovedì 29 Giugno 2017, 12.14.14
5
@freedom guarda, forse non riescono più ad esprimere quella carica come dici, ma in compenso ne hanno enormemente guadagnato in precisione, vatti a vedere un video di un po d'anni fa e confrontalo con lo spettacolo dell'altra sera, sembrano due band diverse, a conti fatti per la poca carica persa e l'enorme guadagno in termini di precisione direi che va molto meglio così...comunque si, ormai sono leggende, basta pensare al fatto che tutti i 40000/50000 dell'altra sera conoscevano a memoria tutte e dico tutte le canzoni, si vedeva proprio l'affetto del pubblico nei loro confronti, per non parlare della varietà di pubblico presente, dai 20enni come me, passando per le famiglie, fino ad arrivare ai metallers vecchio stile...gli haters possono dire ciò che vogliono, ma i SOAD sono stati forse l'ultimo crack mondiale portatore di novità e in grado di mettere d'accordo persone che magari ascoltano generi molto diversi, e solo le grandissime band sanno fare questo
Silvia
Giovedì 29 Giugno 2017, 11.02.38
4
Anch'io li ho visti in quel tour, magia pura!!! E dai video che ho visto gli ultimi anni sembrano essere cresciuti molto. Mi piace moltissimo lo stile del batterista
freedom
Giovedì 29 Giugno 2017, 10.28.10
3
Dite quello che vi pare, ma i SOAD sono ormai delle leggende viventi, uno degli ultimi grandi gruppi della nostra epoca. Li vidi durante il tour di Toxicity, quando fra i "metallari" di mezza Italia non si parlava d'altro che di questo album scandalosamente fresco ed accattivante, ed io e i miei amici non ascoltavamo praticamente altro. Un concerto strepitoso, indimenticabile. All'epoca credo fossero in preda a droghe di vario genere comunque, mentre oggi li vedo offrire spettacoli altamente professionali che, pur non esprimendo la carica dei tempi che furono, fanno ben sperare per il futuro dei quattro. E nel frattempo aspetto un nuovo album.
randall
Giovedì 29 Giugno 2017, 6.48.07
2
Magari aggiungendo qualche zona in più di ombra ?
bob
Giovedì 29 Giugno 2017, 6.38.05
1
I Prophets of rage non mi hanno per niente entusiasmato...spero di sbagliarmi ma questo nuovo progetto di Mr.Morello & company lo vedo proprio come un buco nell'acqua. ..gli unici momenti di euforia tra il pubblico ci sono stati solamente quando riproponevano le canzoni dei r.a.t.m....per il resto poca roba e abbastanza noiosa. .
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina
ARTICOLI
29/06/2017
Live Report
SYSTEM OF A DOWN + PROPHETS OF RAGE
Visarno Arena, Firenze, 25/06/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]