Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

ROCKFEST BARCELONA - DAY 3 - Parc de Can Zam, Barcelona, 02/07/2017
12/07/2017 (615 letture)
DOMENICA
Terzo e ultimo giorno per l’edizione 2017 del RockFest Barcelona già ampiamente promosso per quanto ci riguarda. Oggi la giornata si presenta decisamente meno fitta di appuntamenti per nostri gusti tant’è che ce la prendiamo comoda e una volta arrivati al festival nel primo pomeriggio utilizziamo gran parte del tempo a spulciare tra le numerose bancarelle presenti, ovviamente il numero e la dimensione degli stand non sono paragonabili a festival più imponenti quali Wacken, Hellfest, Graspop, ma tra vestiario, merchandising più o meno ufficiale, gadget e cianfrusaglie varie il colpo d’occhio dell’area dedicata al metal market non è decisamente male. In verità molti di noi decidono per un passaggio veloce preferendo quasi subito rivolgere le proprie attenzioni -e soldi- all’accogliente bar esterno l’area lasciando più che altro al gentil sesso il piacere per fare acquisti nel market. Ne consegue un grado alcolico decisamente brillante già dalle quattro del pomeriggio, perfetto per assistere giocosi alla performance degli svedesi Hammerfall.

HAMMERFALL
Sono in molti a considerare l’ugola di Joacim Cans una delle migliori nel panorama heavy classico e sono altrettanti numerosi quelli che la considerano sprecata negli Hammerfall. La verità forse sta nel mezzo, ma di una cosa siamo possiamo essere sicuri: gli scandinavi sono veramente precisi. Grazie infatti a una prestazione da manuale, nel senso più letterale del termine, la band svedese reduce da un periodo di stop e da un ritorno sulle scene con l’album Built to Last dello scorso anno, mostra sul palco un’estrema sicurezza.
I movimenti, le pause, le interazioni con il pubblico, sono preparate nei minimi dettagli tanto da risultare decisamente poco spontanee. Cans, autore di una prova perfetta, si diletta in un repertorio da frontman che ricorda Mille Petrozza quando incita con la stessa cadenza il pubblico al grido di it’s time to raise the…hammerfall ma passa presto anche al più noto Screming for me Barcellona di maideniana memoria. Idem per i numerosi altri riferimenti, per esempio le pose plastiche durante scambi di assoli. Niente di male sia chiaro, ma fatto sta che l’ora a disposizione degli Hammerfall vola via piuttosto velocemente senza particolari guizzi per una set list seppur dinamica e trasversale alla discografia che, con nostro disappunto, snobba il primo album Glory to the Brave.
Gli Hammerfall nonostante l’oggettiva banalità compositiva sono come detto un gruppo meticoloso e professionale che grazie alla preparazione e all’esperienza acquisita tiene il palco bene non dando nulla per scontato. Sanno esattamente cosa fare per far divertire il pubblico e lo fanno bene.

SETLIST HAMMERFALL
Hammer High
Riders of the Storm
Blood Bound
Any Means Necessary
Renegade
Dethrone and Defy
Last Man Standing
Let the Hammer Fall
Hearts on Fire


EUROPE
Ribadiamolo ancora una volta: gli Europe sono molto di più di The Final Countdown, molto di più! Anche in questa data, come se ce ne fosse ulteriormente bisogno, hanno dimostrano di essere dei musicisti straordinari dotati di una invidiabile perizia tecnica nonché, nonostante gli anni, una buona tenuta del palco grazie anche a dei buoni suoni ben bilanciati e puliti che hanno saputo valorizzare a dovere la voce di Joy Tempest.
Il vocalist brandendo il suo caratteristico microfono personalizzato bianco si è dimostrato in ottima forma su tutti i pezzi cantando con evidente coinvolgimento e pathos, cosi come l’altro leader indiscusso della rock band, il norvegese John Norum> che con i suoi assoli delicati e avvolgenti ha elevato di non poco lo spettacolo per tutti gli amanti delle sei corde. Setlist incentrata come prevedibile sull’ultima fatica discografica, il buon War of Kings uscito un paio d’anni fa, ma che per la gioia dei più ha comunque attinto anche dal repertorio più datato e in particolare con diversi estratti da Out of this World oltre che ovviamente alle immancabili hit.
Complice anche il taglio decisamente più commerciale visti gli headliner della giornata, la risposta del pubblico è stata decisamente più numerosa rispetto ai giorni precedenti tanto da gremire quasi nella sua interezza tutta l’area rimasta comunque sempre più che accogliente e vivibile. Poco altro da aggiungere se non ovviamente riportare per onore di cronaca le scene di delirio sulla conclusiva The Final Countdown per un finale scoppiettante e divertente.

SETLIST EUROPE
War of Kings
Hole in My Pocket
Rock the Night
Scream of Anger
Last Look at Eden
Firebox
Sign of the Times
Ready or Not
Nothin' to Ya
The Beast
Superstitious
The Final Countdown


AEROSMITH
Tempo per gli headliner della giornata, veri big della musica mondiale con all’attivo centinaia di concerti e milioni di dischi venduti. Gli Aerosmith sono oggettivamente una band fondamentale della storia della musicale rock contemporanea e un loro concerto non è mai una cosa banale. Con una scenografia coloratissima, a tratti psichedelica, composta da proiezioni dinamiche ed accattivanti, dopo l’epico l’intro sulle note dei Carmina Burana danno inizio allo spettacolo infatti sulle note di Let the Music Do the Talking, mentre un istrionico Steven Tyler compare sul palco addobbato con una colorata e lunga giacca. Che il singer sia la dimostrazione vivente della potenza dalla chirurgia plastica è un dato di fatto, inoltre l’abbondante trucco e le luci di scena lo fanno sembrano di almeno quindici anni più giovane, ma la cosa che ci ha piacevolmente conquistato è l’incredibile vitalità e reattività dimostrata sul palco. Senza apparente soluzioni di continuità gli Aerosmith hanno snocciolato per almeno quaranta minuti un brano dopo l’altro trasformando l’area del festival in una bolgia saltellante. Nonostante la nostra posizione non sia stata proprio a ridosso, la conformazione del palco che si allunga con una sorta di passerella fin dentro la folla ci permette di assistere all’esibizione della band in maniera confortevole ed appagante potendoci godere oltre che alla prestazione del vocalist la vista delle scenografie proiettate che alterano momenti di diretta live a veri e propri effetti grafico- psichedelici. Che la band statunitense abbia inoltre sempre amato proporre nelle proprie set list delle cover è cosa nota e anche questa volta troviamo ben cinque pezzi in scaletta tra cui, meritevole di menzione Remember (Walking in the Sand), la più nota Come Together dei The Beatles o ancora Mother Popcorn di James Brown. Il concerto ha ovviamente previsto pezzi imprescindibili quali I Don't Want to Miss a Thing o Cryin' che hanno acceso decine e decine di fiamme di accendini per uno dei più classici cliché del concerto rock, alternando momenti più arrembanti ad altri più delicati e sintetizzando nel migliore dei modi l’anima della band. Gran finale condito da scoppio di fuochi di artificio, coriandoli e degli immancabili effetti di luce proiettati su uno Steven Tyler che instancabile cattura sempre tutta l’attenzione con le sue tipiche movenza ciondolanti e il suo pathos canoro che lo annoverano come uno dei migliori frontman della storia del rock.

SETLIST AEROSMITH
Let the Music Do the Talking
Nine Lives
Love in an Elevator
Livin' on the Edge
Rag Doll
Falling in Love (Is Hard on the Knees)
Stop Messin' Around [Fleetwood Mac cover]
Oh Well [Fleetwood Mac cover]
Remember (Walking in the Sand) [The Shangri‐Las cover]
Chip Away the Stone
I Don't Want to Miss a Thing
Come Together [The Beatles cover]
Sweet Emotion
Eat the Rich
Cryin'
Dude (Looks Like a Lady)

Encore:

Dream On
Mother Popcorn [James Brown cover]
Walk This Way


CONCLUSIONI
Conclusa la prestazione degli Aerosmith termina anche per noi l’edizione 2017 del RockFest Barcelona, ci sarebbe piaciuto rimanere e vedere l’esibizione dei Bomber ma la beffarda logistica ci impedisce di trattenerci più a lungo. A malincuore lasciamo quindi l’area del festival, felici del tempo trascorso e galvanizzati di aver appreso da fonti attendibili che l’organizzazione pare abbia già definito un headliner (una band di New York…) per la prossima edizione che ci confermano essere prevista ancora qui nella confortevole area del Parc de Can Zam.
Per chi come noi era alla prima volta presso questo festival è tempo di bilanci e avendo avuto la possibilità di assistere ai principali festival metal d’Europa possiamo con cognizione di causa fare seppur con le dovute distinzioni, un giudizio obbiettivo su quello che ci ha offerto il RockFest Barcelona. In prima battuta, la location e il clima promossi a pieni voti. A Barcellona fa caldo, molto caldo, ma un po’ stanchi del freddo e del fango di Wacken o del Graspop abbiamo decisamente apprezzato questa condizione climatica “nuova”. Menzione d’onore alla superficie in erba sintetica predisposta a coprire il duro e polveroso terreno dell’area: una scelta veramente funzionale e confortevole che anche nel breve ma intenso acquazzone occorso sabato si è dimostrata essere più che adatta al suo scopo. Promossa anche la pulizia di tutti i servizi comuni, dai bagni alle aree ristoro che, sommate alla varietà del cibo proposto, non ha nulla da invidiare a nessun altro festival a cui abbiamo assistito.
Rimandati invece per il pezzo della birra, qui la Germania e dintorni vince e probabilmente vincerà sempre. Da rivedere inoltre la gestione del mixer e dei suoni: troppi problemi specialmente per le band minori, cosa che nei festival in nord Europa raramente ormai capita di rilevare. Da migliorare anche l’area campeggio, che noi non abbiano utilizzato in prima persona, ma che intraprendenti amici hanno avuto modo di testare riportandoci diversi disservizi e fastidi organizzativi. Complessivamente però non possiamo che promuovere con un buon voto l’edizione 2017 del RockFest Barcelona che ci ha fatto trascorrere dei momenti divertenti e spensierati e che con tutta probabilità ci vedrà presenziare ancora tra un anno.



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del festival
ARTICOLI
12/07/2017
Live Report
ROCKFEST BARCELONA
DAY 3 - Parc de Can Zam, Barcelona, 02/07/2017
11/07/2017
Live Report
ROCKFEST BARCELONA
DAY 2 - Parc de Can Zam, Barcelona, 01/07/2017
10/07/2017
Live Report
ROCKFEST BARCELONA
Parc de Can Zam, Barcellona, 30/06/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]