Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

CRYPTIC WRITINGS - # 67 - Sunbather - Deafheaven
26/08/2017 (497 letture)
Il rapporto del fruitore del metal estremo con una realtà come quella che verrà presentata in questa breve disamina non potrà che essere duplice: da un lato, difatti, non mancherà certo chi repellerà la declinazione che del black metal presenta la formazione in esame, quale stigma di decadenza e corruzione tanto del sound quanto dello spirito originario del genere, dall’altro chiunque vi si accosterà con curiosità ed interesse. Chi scrive ha cercato, tanto con una buona dose di ironia quanto attraverso alcuni spunti emergenti dal brano stesso, di proporre un sound tanto divisivo anche all’attenzione di chiunque l’abbia ignorato con sdegno fino a questo momento sperando di indurre una riscoperta di ciò che sembrava tanto trascurabile in una veste differente e auspicabilmente maggiormente intrigante.

È il 2011 quando arriva sul mercato Roads To Judah, esordio degli statunitensi Deafheaven. Tale lavoro li avrebbe collocati nel florido -e indubbiamente di tendenza- filone del post-metal, con un sound in grado di operare una sintesi matura tra black metal e post rock. Sebbene non si trattasse di un fulmine a ciel sereno -tale formula era già stata in parte interiorizzata dai lavori di formazioni quali Alcest, Wolves in the Throne Room ed Altar of Plagues- il combo di San Francisco mostrava una certa personalità, nonché un approccio al genere piuttosto peculiare nel quale la componente più dreamy ed eterea dell’amalgama e quella più estrema dialogano fra pari, senza essere l’una l’orpello ornamentale dell’altra. Ed è a soli due anni di distanza, nel 2013, che prese corpo Sunbather, l’album della definitiva consacrazione della band, nonché l’origine di qualsiasi dicotomia odio/amore possa ingenerarsi nei confronti di una simile formazione. Sebbene difatti l’eclettismo e l’incorporazione di stilemi del tutto inediti ed alieni siano ormai da tempo una cifra essenziale della musica estrema, l’idea che nell’alveo della stessa fosse collocato un lavoro con una cover così apparentemente e sfacciatamente glamour -vi campeggia semplicemente il titolo in bianco su uno sfondo arancio-rosa, con un font che sembrerebbe uscito dalle colonne di Vanity Fair- sembrerebbe null’altro che uno scherzo di pessimo gusto. Se a ciò associamo l’immagine ripulita -hipsterosa?- dei nostri, avremo abbastanza materiale per far scappare a gambe all’aria inorridito e gridare all’imminente fine dei tempi persino il blackster di ampie vedute. Per quanto perverso e sfacciato -a tratti poser?- possa sembrare tutto ciò all’occhio ed all’orecchio di qualsiasi fruitore di musica estrema, il non concedere neppure una possibilità a Sunbather -pur non assurgendo a perseveranza diabolica nell’errare- costituisce senz’altro un’occasione persa sicché contro tutti i cliché che vedrebbero i fan dei Deafheaven quale un manipolo di adolescenti modaioli o la vulgata che ne farebbe un trascurabilissimo fenomeno da baraccone, si provvederà a rileggere con una personalissima chiave di lettura, a mo’ di sineddoche, la parte e insieme il tutto attraverso le note ed il testo della titletrack racchiudente il nucleo magmatico dell’opera.

SUNBATHER

La traccia esordisce nel modo più apparentemente innocuo possibile: un riff al contempo corposo e sognante, carico di delay e riverberi incontra ben presto lo scream drammatico e intenso di Clarke. Iniziamo con il dire che il tema tratteggiato alla luce degli insoliti colori utilizzati dai nostri è intimo ed esistenziale, e sin qui non dovremmo avere problemi. Senonché l’orrore consumantesi nei poco più dei dieci minuti di Sunbather non avviene all’ombra di tetre foreste, nell’oscurità solitaria di una stanza tutta per sé o in virtù di qualche ineffabile tragedia:

Held my breath and drove through a maze of wealthy homes
I watched how green the trees were
I watched the steep walkways and the white fences
I gripped the wheel
I sweated against the leather.
I watched the dogs twist through the wealthy garden


Ho trattenuto il respiro e guidato attraverso un dedalo di case ricche.
Ho osservato quanto fossero verdi gli alberi.
Ho guardato i vialetti ripidi e gli steccati candidi.
Ho serrato la presa attorno allo sterzo.
Ho sudato contro la pelle.
Ho guardato i cani volteggiare attraverso i giardini benestanti.


Ci troviamo invece catapultati sotto uno sfavillante sole californiano, in un quartiere opulento e benestante: steccati candidi, odore d’erba da poco falciata, una fila ordinata di costruzioni signorili. Nulla sembrerebbe essere fuori posto, se non la prospettiva della voce narrante, contemplante tale spettacolo dall’abitacolo della sua automobile. Il disagio è palpabile, racchiuso nel semplice gesto della stretta rabbiosa, sudaticcia, attorno al volante come se non dovesse essere lì, quasi avesse vagato senza fine e senza posa, rinchiuso in un’esistenza destinata a porsi alla soglia di tutte le cose, senza mai arrivare a coglierne il mistero intimo. Per quanto tutto ciò sembrerebbe pretestuoso ed ingenuo, risulta essere maggiormente decifrabile se connesso all’inespresso esistenziale, sospeso tra le righe del testo: Sunbather è difatti ispirata all’adolescenza del vocalist George Clarke, trascorsa in povertà e nell’ombra di un padre scostante ed assente che lo avrebbe reso incapace di dispiegare appieno la propria emotività. Potremmo efficacemente inquadrare tutto ciò nel contesto di una nausea quasi sartriana nei confronti dell’esistente, nel quale tutto ciò che ci circonda non suscita altro che disprezzo e disgusto: sono le cose stesse ad opprimere e ingenerare malessere, con la loro “pienezza” ed ingenua nonché ingombrante corporeità:

Non ero sorpreso, sapevo bene che era il Mondo, il Mondo nudo e crudo che si mostrava d’un tratto, e soffocavo di rabbia contro questo grosso essere assurdo. Non ci si poteva nemmeno domandare da dove uscisse fuori, tutto questo, né come mai esisteva un mondo invece che niente. Non aveva senso, il mondo era presente dappertutto, davanti, dietro (Sartre, La Nausea).

All’improvviso tuttavia un dettaglio sembra turbare l’io narrante e distoglierlo da tutto ciò, solo per un attimo:

I watched you lay on a towel in grass that exceeded the height of your legs
I gazed into reflective eyes
I cried against an ocean of light


Ti ho vista distesa su un asciugamano, tra l’erba ben più alta delle tue gambe
Ho fissato lo sguardo in occhi riflessivi
Ho pianto contro un oceano di luce .


In un prato, dall’erba ancora alta, è distesa una ragazza, immersa nel pieno del sole del mattino. È soltanto una figura sfuggente tra le tante che popolano quel paesaggio, eppure è molto di più, assurge a simbolo di quell’intrico di sentieri che si dispiegano dinanzi a noi in gioventù prima che le nostre scelte silentemente vi sbarrino il passaggio. La pura e semplice esistenza di quella prospettiva, di quella possibilità di posare lo sguardo senza timore -e nausea- sul mondo ingenera una silenziosa rabbia. Le ritmiche si fanno più serrate, sino a sprofondare nel torrente nero di un blast beat martellante, il riffing indugia in tonalità più cupe:

Crippled by the cushion, I sank into sheets, frozen by rose petal toes
My back shivered for your pressed granite nails
Dishonest and ugly through the space in my teeth
Break bones down to yellow and crush gums into blood
The hardest part for the weak was stroking your fingers with rings full of teeth…


Stordito dall’airbag, sprofondai tra lenzuola, immobilizzato da alluci rosa
La mia schiena rabbrividì per la pressione delle tue unghie di granito
Disonesto ed orrendo, attraverso lo spazio tra i miei denti.
Spezzo le ossa fino al midollo, schiaccio le gengive a sangue
Ciò che è era più arduo per il debole era accarezzare le tue dita con anelli pieni di denti...


Ciò suscita una visione, probabilmente conseguente allo stordimento che segue un lieve incidente automobilistico o semplicemente sgorgata da un flusso repentino di pensieri -non ci è dato saperlo. Lo scenario e le frenetiche sensazioni suscitate dallo stesso sono resi magistralmente da un linguaggio immaginifico e simbolico, difficilmente traducibile ed interpretabile senza un certo margine di incertezza. Abbiamo difatti l’impressione di veder descritta una sensazione di violenza e, al contempo, un desiderio di possesso totale che si spinge oltre la sfera sessuale. In altre parole è come se il protagonista voglia strappare via la pelle della ragazza ed indossarla sino ad insinuarsi in quella vita, in quella speranza ed apertura verso il futuro, così diversa da sè. Quest’ultima tuttavia non può costitutivamente appartenergli e proprio in virtù di ciò non fa che scivolare sempre via da quella folle presa salda che in realtà manca sempre diametralmente il proprio oggetto, mutandosi in una tangenza.

It's 5 A.M...and my heart flourishes at each passing moment
Always and forever


Sono le cinque del mattino ed il mio cuore fiorisce ad ogni istante
Ora e per sempre


Eppure è sufficiente quel folle pensiero, quell’istante che gli permette di riappacificarsi con la propria esistenza in frantumi sino ad annegare e farsi tutt’uno con quella stessa accecante luce solare che aveva ingenerato il disagio sino all’inaspettata eppure sperata quanto evanescente quiete conclusiva. Quest’ultima è magistralmente sottolineata dal comparto strumentale, presentante un giro melodico in chiave minore pregno di tremolo riverberanti e sospeso in una conclusione efficacemente sfumata.



Nick
Giovedì 14 Settembre 2017, 19.53.37
7
Dispiace staccarsi dal coro, l'articolo è anche ben fatto, ma la band e l'album in questione non mi sono mai piaciuti e li trovo abbastanza noiosi e privi di spunti interessanti, e non sono esattamente un purista del black dato che i WiTTR non mi fanno poi così schifo, anzi, ma questi proprio...
Vulgar Puppet
Martedì 29 Agosto 2017, 1.39.38
6
Bellissimo articolo e grande disco
galilee
Lunedì 28 Agosto 2017, 23.07.44
5
Articolo interessante. Anche perchè ho sempre poco tempo da dedicare ai testi. L'album in questione mi galvanizzò non poco. Poi presi tutto il resto. Li vidi anche dal vivo. Forse una delle realtà live più estreme e intense che abbia mai visto.
Giovanni
Domenica 27 Agosto 2017, 22.39.24
4
L'articolo è fatto molto bene, ma stando alle interviste e alle dichiarazioni di Clarke non mi riesce di vedere i testi di Sunbather in maniea Sartriana. Oltre ad aver dichiarato che tutto l'album trasuda l'aura di un altro francese (acquisito), Milas Kundera, molto diverso dall'esistenzialismo del primo 900, le sensazioni evocate nel guardare il benessere sono meno critiche e più ambigue. È la visione di un uomo che invidia lo sfavillare del lusso ma al contempo se ne sente alienato, come se non potesse mai farne parte neanche se vi si ritrovasse a viverlo. Insomma, sento molta più fragilità, quasi come se incarnasse la mente di un reduce ex tempore della lost generation americana che si ritrova di fronte a una nuova scala di valori che non gli riesce comprende fino in fondo. Non so se sono stato chiaro...
simonefraskogene
Domenica 27 Agosto 2017, 11.24.09
3
Ottimo articolo su un brano eccelso. Io li ho sempre riputati un'ottima band, segno nel black e nella musica in generale l'immagine non è tutto, sono i contenuti che contano e questa band ne è la riprova
Ian Hus
Domenica 27 Agosto 2017, 11.08.38
2
Bello.
Rainroom
Domenica 27 Agosto 2017, 2.01.35
1
Complimenti per l'articolo, brano stupendo e testo stupendo (si, nell'odi et amo nei loro confronti mi ritrovo nettamente dalla parte dell'amo). Quell' 'Always and forever' lo avrò urlato forse un migliaio di volte.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
CRYPTIC WRITINGS - # 67 - Sunbather - Deafheaven
Clicca per ingrandire
La band
Clicca per ingrandire
La copertina dell'album
Clicca per ingrandire
E se più black metal si tingesse di rosa?
Clicca per ingrandire
La formazione dal vivo
ARTICOLI
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]