Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Nero di Marte
Immoto
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

20/02/20
SKYFOREST
A New Dawn

20/02/20
POSTVORTA
Porrima

21/02/20
DEMONS & WIZARDS
III

21/02/20
PRIMEVAL MASS
Nine Altars

21/02/20
HEATHEN FORAY
Weltenwandel

21/02/20
FRACTURED INSANITY
Massive Human Failure

21/02/20
VINNIE MOORE
Soul Shifter

21/02/20
VERIKALPA
Tuoppitanssi

21/02/20
H.E.A.T
H.E.A.T

CONCERTI

17/02/20
DROPKICK MURPHYS + GUEST
ALCATRAZ - MILANO

18/02/20
MONSTER MAGNET
LIVE MUSIC CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

19/02/20
TENACIOUS D + WINCHESTER
LORENZINI DISTRICT - MILANO

20/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
DRUSO - RANICA (BG)

20/02/20
PAPA ROACH + GUESTS
ALCATRAZ - MILANO

20/02/20
NANOWAR OF STEEL
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/02/20
DEWFALL + GUESTS
EQUINOX CLUB - VEROLI (FR)

21/02/20
LORDI + TARCHON FIST + FLESH ROXON
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

21/02/20
NANOWAR OF STEEL
VOX CLUB - NONANTOLA (MO)

21/02/20
ASPHODELIA + GUESTS
EXTREME FOVEA ATTACK - FOGGIA

MOS GENERATOR - Blah Blah, Torino, 03/11/2017
08/11/2017 (761 letture)
UNA SERATA INCENDIARIA
La serata di venerdì 3 Novembre si presenta indubbiamente incendiaria dal momento che sul palco del Blah Blah di Torino ci saranno gli americani Mos Generator, capitanati da Tony Reed accompagnato da Sean Booth al basso e da Jon Garret alla batteria. Il locale in centro di Torino continua la sua programmazione ad alto tasso stoner/psychedelic, infatti in poche settimane hanno calcato il suo palco band del calibro di Radio Moscow, Kaleidobolt, Brant Bjork (ex Kyuss e Fu Manchu) e questa sera è la volta del power trio proveniente da Washington; i Mos Generator miscelano sapientemente i Black Sabbath degli inizi con sfumature prog unite al blues per arrivare al mood che trasmette lo stoner più viscerale. Arrivo al locale abbastanza presto, dopo aver cenato e bevuto una delle ottime birre che vengono elargite a profusione faccio due chiacchiere con Makno e Domenico (degli Hollywood Killerz) i gestori di questo fantastico posto; in uno dei tavoli all’interno trovo la band al completo che chiacchiera tranquillamente prima di dare fuoco al locale con la loro potenza e maestria. Per l’occasione ci sono molti volti noti della scena rock/metal di Torino, tra cui gli amici Tony e Marcello dei S.O.A.B., l’affluenza è di quelle che contano come più tardi si vedrà durante il live, scatenando un vero e proprio inferno.

MOS GENERATOR
La band sale sul palco poco dopo le 22 e sin dalle prime note ci si rende conto che sarà una serata da ricordare: Tony Reed alla chitarra è una macchina schiacciasassi ma nello stesso tempo in alcuni passaggi sembra voler accarezzare la sua SG, oltre a comunicare con gli astanti mentre la voce alterna ottime melodie con parti più aggressive mantenendosi sempre ad alti livelli canori; la sezione ritmica è precisa e compatta sostenendo a dovere la potenza e la profondità dei brani; il concerto ripercorre la quasi ventennale storia della band, brani storici come Into The Long Sleep o Lonely One Kenobi vengono affiancati dai più recenti Beyond The Whip o Neon Nightmare, dalla forte influenza dei Black Sabbath, tratti da Electric Mountain Majesty del 2014 oltre ai brani dell’ultimo album, Abyssinia del 2016, come Strangest Times, Catspawn o As Above So Below. I Mos Generator sanno come ammaliare il pubblico, con un sound che raccoglie a piene mani gli insegnamenti di band come Black Sabbath o Saint Vitus (della quale il buon Tony Reed ha prodotto Lillie: F-65 del 2012) venendo assorbiti e rivitalizzati con il marchio Mos Generator, un power trio energico e potente. Il concerto continua senza soste, su binari ben rodati senza tralasciare certe improvvisazioni chitarristiche degne di questo affascinante genere, dove tecnica e istinto vanno di pari passo consegnando al pubblico un sound incredibile. La base fortemente rock e le influenze musicali di Tony Reed si compattano in un sound unico, dai primi Sabbath agli Iron Maiden passando dalla capacità e libertà solista di Ace Frehely, del quale è un grande estimatore, il quale riesce a trasportare l'ascoltatore in dimensioni emozionali contrastanti, dalla furia alla riflessione; indubbiamente i Mos Generator sono una band da ''vivere'' in concerto durante il quale diventa inevitabile muovere la testa a ritmo della musica generata. La fine dello show sancisce il termine di un gran concerto, Tony, Sean e Jon salutano il pubblico con sorrisi e con la consapevolezza di aver dato tutto essendo stato ampiamente ripagato dalla gioia negli occhi del pubblico.

CONCLUSIONI
Il concerto è finito e quindi mi dirigo al merchandise dove trovo proprio Tony Reed dietro al banco, vendendo i propri dischi e visibilmente soddisfatto; facciamo quattro chiacchiere e non perdo occasione di riempirlo di complimenti oltre ad acquistare i vinili che ancora mi mancavano. Queste serate sono quelle dove assapori al 100% l'amore per musica, dove attitudine e passione costruiscono un legame con la band stessa, i Mos Generator sono tra i veterani di quello stoner americano che con le sue diverse sfaccettature continua a far sognare e divertire, una band da seguire e da vedere assolutamente dal vivo.



Shadowplay72
Venerdì 1 Dicembre 2017, 20.40.06
2
interessante band di stoner doom!
mauri
Mercoledì 8 Novembre 2017, 8.54.10
1
grandissimo concerto
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina dell'evento
ARTICOLI
08/11/2017
Live Report
MOS GENERATOR
Blah Blah, Torino, 03/11/2017
19/10/2017
Live Report
SAINT VITUS + MOS GENERATOR
Traffic, Roma, 11/10/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]