Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del concerto
Clicca per ingrandire
Arstidir
Clicca per ingrandire
Arstidir
Clicca per ingrandire
Arstidir
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Myrkur
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

SOLSTAFIR + MYRKUR + ARSTIDIR - Circolo Magnolia, Milano (MI), 28/11/2017
07/12/2017 (282 letture)
Ho atteso questa data per molto tempo, i Solstafir sono una delle poche band che negli ''ultimi'' anni hanno saputo emozionarmi positivamente ed ero molto curioso di vederli dal vivo, per la prima volta. Partiamo da Torino in quattro, qualche birra e risate mentre l'asfalto scorre sotto ai pneumatici, il clima Ŕ invernale ed Ŕ adeguato alla serata. Giungiamo a Milano relativamente in fretta ma poi come al solito siamo rallentati dal traffico meneghino. All'arrivo al Circolo Magnolia ci fiondamo dentro per seguire gli ┴rstÝ­ir.

ARSTIDIR
Anche questa band proviene dallĺIslanda e propone un folk-pop-rock dove Ŕ possibile trovare rimandi ai Simon & Gurfunkel miscelati con una certa tradizione musicale islandese e caratterizzati da incroci vocali di ottimo livello, alla batteria troviamo HallgrÝmur Jˇn "Grimsi" HallgrÝmsson dei Solstafir. Purtroppo al nostro arrivo nella sala la band sta completando la propria performance ed onestamente non posso dare un giudizio obbiettivo sulla band.

MYRKUR
Dopo aver preso posizione in prima fila attendo la prova di Myrkur, alter ego di Amalie Brunn, musicista danese che in questo progetto miscela elementi di (pseudo) black metal e folk nordico. La recente pubblicazione del nuovo album dal titolo Mareridt ha generato un considerevole cambio nello stile musicale tralasciando la componente pi¨ ''estrema'' per atmosfere pi¨ cupe e decisamente nordiche; l'album in questione ha generato molte discussioni e quindi voglio toccare con mano la proposta dell'artista danese.
L'atmosfera generata dalle luci Ŕ suggestiva, la scena Ŕ tutta per Myrkurche al posto dell'asta del microfono ha un bastone aggrovigliato su sÚ stesso con nodi e venature ben visibili e che supporta due microfoni. Il viaggio musicale che propone Myrkur Ŕ basato chiaramente sull'ultima release infatti il concerto si apre con ben tre brani estratti da Mareridt.
La title track si propone con la voce pulita ed armoniosa di Myrkur che in effetti si propone come un lungo intro per poi dare spazio alla seguente The Serpent dove le atmosfere divengono pi¨ cupe sfiorando il sinfonico. Il brano in realtÓ non decolla anche se in qualche modo si rimane ammaliati dalla teatralitÓ della cantante; Ulvinde invece Ŕ il singolo estratto dall'album e probabilmente Ŕ il brano pi¨ riuscito e pi¨ conosciuto dove anche il pubblico si fa trasportare.
Senza dubbio Myrkur non Ŕ semplice da seguire in sede live per via della lentezza dei brani che puntano maggiormente sull'atmosfera; la miscela che viene generata dalla voce limpida e solo per alcuni tratti pi¨ cattiva di Amalie Bunn e il vago sapore black metal (molto vago) risulta accattivante per pochi, personalmente non ne sono entusiasta ma il pubblico presente apprezza non poco l'esibizione della band; il concerto prosegue il suo cammino sugli stessi binari, Maneblot Ŕ un incrocio tra blast beat e nickelharpa con la voce che dalla melodia passa per brevi momenti alla cattiveria degna del black senza per˛ mai incidere.
Insomma, una buona prova che ha saputo regalare momenti veramente emozionanti, una proposta musicale che indubbiamente divide gli ascoltatori oltre al fatto che i musicisti che accompagnano la bionda danese non si dimostrano all'altezza della serata.

MYRKUR SETLIST
Mareridt
The Serpent
Ulvinde
Onde b°rn
Jeg er guden, i er tjenerne
Mňnebl˘t
Elleskudt
Sk°gen skulle d°
Ska­i
Amalie Solo



SOLSTAFIR
L'attesa cresce, mentre i componenti dei Solstafir salgono sul palco per sistemare gli ultimi particolari. Sono emozionato ed impaziente, la band islandese in pi¨ di vent'anni di musica ha saputo cambiare pelle senza snaturarsi anche se Berdreyminn ha fatto storcere il naso a molti. Bisogna per˛ pensare che il disco Ŕ arrivato in un momento particolare nella carriera della band, dopo l'abbandono di Gu­mundur "Gummi" Ëli Pßlmason batterista e membro fondatore insieme a A­albj÷rn "Addi" Tryggvason voce e chitarra e, dopo il precedente Ëtta, acclamato dalla critica ed apprezzato dai fan, non era certo semplice riuscire ad eguagliare o addirittura superare il livello raggiunto; ma l'ultima fatica della band islandese prende corpo con il tempo, numerosi ascolti e la magia della musica dei Solstafir prende forma.
Si spengono le luci e le note di Nattfari, su base registrata, avvolgono il Circolo Magnolia ed inizia il viaggio nordico che la band di ReykjavÝk sa regalare, le luci sono di un blu intenso creando un'atmosfera fredda ma nello stesso capace di scaldare gli animi come accade con la seguente Silfur-Refur, il primo singolo di Berdreyminn, che dopo le note iniziali esplode in tutta la sua magnificenza con la voce di Addi che trasmette tutta la sua sofferenza con un pathos di rara bellezza; la band risulta coesa e di altissimo livello, il basso di Svavar "Svabbi" Austmann Traustason si interseca con le ritmiche di HallgrÝmur Jˇn "Grimsi" HallgrÝmsson alla batteria mentre le chitarre di Addi e di SŠ■ˇr MarÝus "Pj˙ddi" SŠ■ˇrsson generano melodie che trasportano l'ascoltatore in un viaggio pindarico, accompagnati da Ragnar Ëlafsson degli ┴rstÝ­ir.
.
Sin da subito il pubblico Ŕ ammaliato dalle emozioni musicali dei Solstafir, la doppietta che segue Ŕ affascinante: Ëtta e LßgnŠtti sono magnifiche, la band le suona in modo impeccabile mentre al di quÓ delle transenne le emozioni sono palpabili, poche band al mondo riescono a provocare tanto sentimento oltre ad un'ottima partecipazione di tutta la band verso chi questa sera Ŕ accorso pronto a ricevere tanta bellezza.
Gli assoli di ottimo livello sono il diamante grezzo all'interno di brani che potrebbero essere infiniti, totali, per la loro perfetta struttura; Addi comunica con il pubblico, ci parla ed Ŕ visibilmente soddisfatto; il concerto prosegue senza soste, i brani estratti dall'ultimo album alla fine risulteranno essere ben quattro oltra alla giÓ citata Silfur-Refur la band propone Isafold, Hula e Blafjall diverse ma simili nella loro armonica consapevolezza dell'obbiettivo prefissato: offrire ottima musica sapendo emozionare.
La lunga K÷ld a sua volta esprime tutta la potenza della band, il brano Ŕ intriso di disperazione con il suo incedere emozionale coadiuvato dalla primordialitÓ che riporta alla genesi stessa dei Solstafir, ricordandoci da dove arrivano mantendo la drammaticitÓ intrinseca nel DNA degli islandesi. Un brano unico capace di suscitare emozioni contrastanti ed irripetibili.
Addi questa sera Ŕ particolarmente loquace, inscena un simpatico siparietto chiedendo agli astanti cosa farebbero se al loro posto ci fossero gli Iron Maiden, ''scream for me Milan'' chiede divertito al pubblico il quale risponde con veemenza; Fjara tratto da Svantir Sandar Ŕ l'ennesima prova musicale di una band peculiare, la prova di Grimsi alla batteria rende giustizia al brano anche se si sente un p˛ la mancaza del carismatico e tecnico Oli. Nonostante i testi siano tutti in islandese c'Ŕ una parte del pubblico che canta (o almeno ci prova) insieme alla band, un'altro tassello di una serata magica.
Il concerto si chiude con l'imponente Goddess of the Ages, luci rosse e i musicisti piegati sui loro strumenti regalano l'ultima grandiosa emozione, avvicinandosi e quasi abbracciando il pubblico, Addi esegue la sua ormai classica camminata sulle transenne, come un funambulo venuto da un altro mondo e sorretto dalle nostre mani quasi a sancire l'estrema fiducia come ultimo atto di un amore incondizionato e destinato a durare nel tempo, un tempo dilatato dalle note e dai ritmi che scandiscono la musica dei Solstafir.

SOLSTAFIR SETLIST
Nattfari (intro)
Silfur-Refur
Ëtta
LßgnŠtti
Isafold
K÷ld
Hula
Fjara
Blafjall
Goddess of the Age


Il concerto finisce lasciando in ognuno di noi la consapevolezza di aver assistito a qualcosa di magico, che ha saputo trasportarci in un viaggio etereo e freddo sapendo condurci nei meandri nascosti delle emozioni pi¨ recondite; la band dopo il concerto si concede al pubblico chiacchierando tranquillamente e risultando davvero felice di poter condividere questi momenti insieme.
Il ritorno alla macchina e la partenza alla volta di Torino ha un sapore particolare, melanconia e pessione, felicitÓ e la coscienza di aver partecipato ad un qualcosa di davvero unico.
Alla prossima!



Thrash Til' Death
Domenica 10 Dicembre 2017, 21.20.25
1
Mi Ŕ dispiaciuto non esserci potuto andare, li ho scoperti relativamente da poco ma i Solstafir sono qualcosa di unico. Prima o poi devo vederli dal vivo, me lo sono ripromesso, di sicuro non me ne pentirei! Riguardo alla recensione, la definirei impeccabile, sembra di vivere l'esibizione con i propri occhi!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
Clicca per ingrandire
Solstafir
ARTICOLI
07/12/2017
Live Report
SOLSTAFIR + MYRKUR + ARSTIDIR
Circolo Magnolia, Milano (MI), 28/11/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]