Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
1349
The Infernal Pathway

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
THE CURE
40 LIVE – CURÆTION-25 + ANNIVERSARY

18/10/19
MICHAEL MONROE
One Man Gang

CONCERTI

14/10/19
VOLBEAT + BARONESS + DANKO JONES
FABRIQUE - MILANO

14/10/19
OMNIUM GATHERUM + IN MOURNING + HEIDRA
LEGEND CLUB - MILANO

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

FOLKSTONE - Alchemica Music Club, Bologna, 24/03/2018
27/03/2018 (1232 letture)
Allo scoccare del decennale della pubblicazione del loro primo e omonimo album, i Folkstone partono per un tour celebrativo che comprende sette date in tutta Italia, di cui l’ultima all'Alchemica di Bologna. Evento irrinunciabile per gli ardui sostenitori del combo folk metal bergamasco e per quella cospicua schiera di nostalgici, dato che metà dello show è dedicato proprio ai brani più datati del repertorio. Per l’ultimo appuntamento di questo tour speciale accorrono al locale bolognese fin dall'apertura porte molti sostenitori, quasi sfidando la capienza della location. Poco conta il fatto di aver già assistito ad innumerevoli concerti della band nel corso di tutti questi anni: uno in più non guasta mai, soprattutto a fronte della premessa di assistere ad un evento diverso e speciale.

Alle undici in punto, le luci e la musica di sottofondo che accompagna l’attesa in quel dell’Alchemica si spengono per lasciare spazio al set che i nostri Briganti orobici hanno pensato di regalare al pubblico questa sera. Sulle note dell’emozionante versione corale di Rocce Nere, il folto gruppo fa il suo ingresso sul palco (di dimensioni davvero contenute) distribuendosi in tutto lo spazio a disposizione, acclamato a gran voce dai presenti. Come da copione, spetta all’intero album Folkstone il compito di occupare la prima metà del concerto, soddisfando appieno l’entusiasmo di tutti. Oltre a brani spesso suonati dal vivo in altre occasioni, come Con Passo Pesante o la versione elettrica di Rocce Nere, fanno capolino nella setlist alcune rarità, come Oltre il Tempo, la strumentale Igni Gena (suonata da Roby, Teo e Maurizio) e Briganti di Montagna . Nelle precedenti dieci volte in cui ho assistito ad un live della band, è capitato raramente, se non addirittura mai, di sentirle dal vivo. Neanche a dirsi, la prima metà del concerto è quella che sicuramente trasmette maggiori emozioni e grinta al pubblico, scatenato fin dalle prime note e ben lontano da risparmiarsi poghi di massa, cori all'unisono e danze folkloristiche improvvisate. Nonostante le numerose tappe alle spalle, i Folkstone appaiono –chi più, chi meno– in splendida forma, con la giusta dose di carica per tutta la serata. Nonostante le dimensioni davvero contenute della scena, che sicuramente non vanno incontro alle esigenze di spazio dei nostri otto musicisti e relative strumentazioni, esibizioni più movimentate a cui ho assistito in passato lasciano qui il posto a pose talvolta più plastiche e defilate di alcuni componenti, andando ad impattare su parte dell’interazione col pubblico; mancanza non grave, comunque, considerando la resa complessiva del combo bergamasco. Ad ogni modo, oltre all'azzeccata resa dei brani in sé (fatta eccezione per i cori, non sempre udibili), giocano un ruolo centrale la simpatia e la voglia di divertirsi e far divertire: per tutta la durata del live, non mancano momenti decisamente easy e ironici, arricchendo così l’atmosfera folk. Oltre ai pezzi mai suonati prima, un’ulteriore sorpresa per me è vedere Roby impegnata attivamente più del solito sul palco, occupando abilmente stasera anche il posto dietro l’arpa (precedentemente affidato a Silvia, non più parte della band dal 2017). Lore, tra birrette e battute, dimostra di cavarsela ancora perfettamente coi brani più datati della discografia, personificando spontaneamente il lato più grezzo e baldanzoso della carriera. Le cornamuse prorompenti di Con Passo Pesante, gli acuti di Lore e il potentissimo coro del pubblico su tutti i ritornelli lasciano spazio alla seconda metà del set che, marcando nettamente la differenza con la prima in termini di stile (e di preferenze della sottoscritta), si apre con Pelle Nera e Rum, estratta dall'ultimo album Ossidiana. È proprio il recentissimo lavoro della band ad occupare ora il posto sotto ai riflettori, sia per il numero di tracce da qui estratte, sia per la curiosità di vedere come suonano dal vivo i pezzi nuovi: proprio come mi aspettavo dalla resa su disco, la differenza tra le tracce di Ossidiana e quelle più datate si percepisce eccome, non solo in termini di stile ma anche sul lato del mordente. Pur non mancando i fedelissimi fan che conoscono a memoria anche i testi nuovi, pare che gli ultimissimi brani (decisamente più rockeggianti e cantautorali) non riescano a lasciare lo stesso segno di quelli precedenti, come accade su di me. Gusti personali a parte, la serata scorre in maniera piacevole e si accinge al capolinea rispolverando pezzi tratti da Oltre…L’Abisso, Il Confine e Damnati ad Metalla (chissà che tra due anni non sia la volta di un tour celebrativo di quest’ultimo…). Spetta all'immancabile Un’Altra Volta Ancora il compito di congedare i presenti dopo una scaletta ricca e una performance ottima. Con dieci anni di storia e cambiamenti alle spalle, i nostri danno prova di essere ancora quei “soliti straccioni” che erano un tempo, mostrando fieramente che quello spirito tanto scanzonato, dopo tutto, non è andato perduto. Né per caso né per errore, ma per (debita) fortuna.

SETLIST FOLKSTONE
1. Intro (Rocce Nere – choral version)
2. Rocce Nere
3. Folkstone
4. Lo Stendardo
5. Oltre il Tempo
6. Alza il Corno
7. Igni Gena (acoustic)
8. Briganti di Montagna
9. In Taberna (In Vino Veritas)
10. Con Passo Pesante

---
11. Intro
12. Pelle Nera e Rum
13. In Caduta Libera
14. Anna
15. Scintilla
16. Anime Dannate
17. Asia
18. Mercanti Anonimi
19. Il Confine
20. Frerì
21. Nebbie
22. Non Sarò Mai
23. Un’Altra Volta Ancora



AL
Giovedì 5 Aprile 2018, 11.31.32
5
quindi alla fine speriamo tutti che facciano il tour celebrativo di Damnati ad metalla!
maurilio
Domenica 1 Aprile 2018, 19.41.18
4
noto che altri come me non digeriscono i brani nuovi. per me il loro top é stato Damnati ad metalla,disco che ho sentito decine di volte e ascolto ancora con piacere. il primo disco é anche molto bello. Il confine aveva ottimi pezzi ma anche tracce di questa svolta piú rock e cantautorale che non mi é andata giú,infatti non ho comprato gli ultimi due dopo aver sentito alcuni brani. Damnati ha proprio un altro tiro e un suono di chitarre decisamente piú pesante,tutti i pezzi sono eccezionali.
AL
Giovedì 29 Marzo 2018, 21.39.14
3
quoto MetalFlaz. anche io a bergamo e durante i pezzi nuovi ero fisso al bar... niente da fare non mi prendono proprio. soprattutto se confrontati con la prima parte del concerto e con i loro vecchi concerti. gli auguro ogni bene e tanta fortuna ma non spenderò più una lira per supportarli
MetalFlaz
Mercoledì 28 Marzo 2018, 20.41.33
2
anche se li ho visti il 10 a Bergamo, sono d'accordo con il succo della recensione.. per i miei gusti, i pezzi scelti da Ossidiana hanno smorzato un po' il ritmo del concerto, e mi ha un po' deluso la versione particolare di Anime Dannate, proprio stavolta che riuscivo a sentire bene il buon Luca. Gruppo comunque da supportare
Joker
Mercoledì 28 Marzo 2018, 20.09.08
1
Visti due settimane fà al Traffic di Roma, la peggior location tra tutti i loro concerti a cui ho assistito (lo stesso Alchemica, dove li vidi due annetti fà, è decisamente meglio!). Il concerto è stato stupendo, non posso davvero fare a meno di questa banda di scalmanati che mi accompagnano con le loro storie e la loro spensieratezza da 4 anni a questa parte in presa Live. Fanno gli spacconi, giocano con il pubblico, le canzoni storiche oramai hanno una loro vita propria anche per le pose (Fede è un'autentico spasso!!!); e l'acclamazione della "birretta" è d'obbligo ogni singola sera. Qualcosa però in questo mini-Tour è mancato, non tanto la staticità dei ragazzi in qualche brano (se continuano a metterli in questi posticini, io parlo perlomeno nel centro Italia, dato che li vado a vedere tra Bologna e Roma come distanza, non possiamo pretendere che corrano come gli Iron Maiden ), quanto la resa dei pezzi recenti. Faccio un piccolo esempio: a fine anno, fecero un concertone della madonna, e dico DELLA MADONNA, all'Orion di Ciampino; lì non sò se era smistata meglio la tracklist, o se gli stessi brani di Ossidiana erano stati selezionati meglio (come Roby protagonista su "Dritto Al Petto", oppure l'intensa "Mare Dentro", o ancora la potente "E Vado Via"); fatto stà che nonostante non reggessero il confronto con certi pezzi del comunque recente Oltre... L'Abisso, tanto per dirne una, se la cavavano decisamente alla grande. Qua non sò perchè, ma hanno smorzato un pochino la seconda parte del concerto, ed è una sensazione strana che non ho mai provato ad un concerto dei Folkstone. Detto questo, che resta una piccolezza alla fin fine (mi sono comunque divertito come un dannato), vedere Lore che si lancia fra di noi con la panzetta al vento, e l'intera prima fila che sale sul palco per cantare il coro finale di "Un'Altra Volta Ancora" alla "Heaven Can Wait" non ha assolutamente prezzo!!!!!!! A mio avviso la migliore realtà di Musica, con la M debitamente maiuscola, che possiamo vantare sulla penisola al momento, per un particolare cocktail di fattori da bere tutto d'un fiato ;D \m/
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
rielaborazione grafica del flyer del tour
RECENSIONI
77
85
78
75
s.v.
79
75
ARTICOLI
10/04/2019
Intervista
FOLKSTONE
La maggioranza intollerante
27/03/2018
Live Report
FOLKSTONE
Alchemica Music Club, Bologna, 24/03/2018
08/11/2017
Live Report
FOLKSTONE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 04/11/2017
08/07/2015
Live Report
FOLKSTONE
AstiMusica, Asti, 03/07/2015
30/11/2014
Intervista
FOLKSTONE
Parla Lorenzo
27/11/2014
Live Report
FOLKSTONE
Area Exp, Cerea (VR), 22/11/2014
05/06/2013
Live Report
FOLKSTONE
Porko Rock, Piombino Dese (PD), 31/05/2013
08/11/2012
Live Report
FOLKSTONE
Palacover, Villafranca (VR), 03/11/2012
21/04/2012
Intervista
FOLKSTONE
Il sottile confine tra il folk ed il metal
03/04/2012
Live Report
FOLKSTONE + LOU QUINSE
Teatro Le Serre, Grugliasco (TO), 24/03/2012
27/09/2011
Intervista
FOLKSTONE
Follia tra alpi, birre e cornamuse
12/04/2011
Live Report
ELVENKING + FOLKSTONE + BURNING BLACK
People Club, 09/04/2011, Vicenza
22/03/2011
Live Report
FOLKSTONE + MATER DEA
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 18/03/2011
24/11/2010
Live Report
FOLKSTONE + NOUMENO
Blackout, Roma, 20/11/2010
10/03/2010
Live Report
FOLKSTONE + LOU QUINSE + HERJAN
Condannati al Metallo
08/02/2010
Articolo
FOLKSTONE
Lo Studio Report: Damnati Ad Metalla
13/11/2009
Live Report
FOLKSTONE + DEATH ARMY + FUROR GALLICO
Il concerto di Halloween
06/10/2009
Live Report
TMF ON THE ROAD: FINNTROLL + FOLKSTONE
Morte, Folklore e Metallo!
12/08/2009
Intervista
FOLKSTONE
Parlano Roby e Andrea
12/08/2008
Live Report
FOLKSTONE
La Fiesta Pagana con i Mago de Oz
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]