Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

26/05/18
SAILING TO NOWHERE
BLACK OUT - ROMA

26/05/18
DON BROCO
SERRAGLIO LIVE - MILANO

PINO SCOTTO - Un uomo libero
22/04/2018 (3703 letture)
Pino Scotto è certamente uno dei personaggi più discussi del panorama metal italiano: pur essendo noto a molti soprattutto per le sue dichiarazioni estremamente dirette e prive di peli sulla lingua, sarebbe tuttavia ingiusto dimenticare la sua lunghissima carriera di musicista, che lo ha reso uno dei primi, veri “metallari” di questo Paese. Il suo ritorno sulle scene con un nuovo album, dunque, ci ha incuriosito ed abbiamo deciso di raggiungere il simpatico cantante campano per un'intervista, come di consueto, molto schietta. Buona lettura!

Barry: Ciao Pino, è un piacere riaverti sulle nostre pagine! Grazie per la rapidità con cui ti sei messo a disposizione dei nostri microfoni!
Pino: Grazie a voi! Non c'è problema, avevo un lavoro da fare che però è saltato, quindi me ne sto a casa, mi riposo e vaffanculo, ahah!

Barry: Mi sembra giusto, ahah! Dunque, ho sentito il tuo disco in anteprima; ho apprezzato il fatto che sia un classico, genuino esempio di hard rock anni 70 bello “incazzato”, che non a caso si chiama Eye for an Eye.
Pino: E' esattamente ciò che volevo fare! Siccome non li fa più nessuno ormai, a parte le band storiche tipo Scorpions e Saxon e siccome in particolare in Italia non li fa più nessuno, ho deciso di farlo io: volevo per l'appunto realizzare un disco in classico stile hard rock anni 70/80, con melodie e canzoni riconducibili a quel tipo di sonorità. Poi non lo so eh, magari ho scritto delle cagate! Però ho cercato di fare delle melodie cantabili unite ad un sottofondo hard rock. Tu che lo hai ascoltato, dimmi sinceramente: che ne pensi?

Barry: A me è piaciuto, mi piace che ci siano ritmiche pesanti, ma anche ritornelli che restano ben impressi in testa!
Pino: Menomale, allora il messaggio è arrivato, sono contento!

Barry: Fai bene ad esserlo! Mi sono piaciute in particolare Cage of Mind ed Angel of Mercy!
Pino: Sono anche fra le mie preferite! Per quanto riguarda Angel of Mercy, non mi vergogno a dirti che in tutta la mia carriera io non ho mai scritto un testo d'amore per una donna, ma stavolta ho fatto un'eccezione, anche se non nel senso che si potrebbe pensare: il testo è infatti dedicato alla memoria di mia madre, che è venuta a mancare un anno fa...ha vissuto una vita completa e piena, ma sai, non si è mai pronti a perdere una mamma di quelle vere e stupende come è stata lei, quindi ho deciso di ricordarla con questa canzone. Quanto a Cage of Mind, il testo parla un po' delle “gabbie” in cui la società ci chiude. Come saprai, pur non avendo nulla contro chi nelle sue canzoni parla di draghi e tematiche fantasy, ho sempre pensato che chi sale su un palco o conduce un programma debba lanciare un messaggio a chi lo ascolta: non so se ci sono riuscito, ma ho sempre cercato di parlare dei problemi della gente, di tematiche sociali, dei “deboli”, di comunicare qualcosa alle nuove generazioni, insomma!

Barry: Beh, i testi in stile fantasy costituiscono un po' un'evasione dalla realtà, tu invece cerchi di darle un bel cazzotto in faccia!
Pino: E' vero e lo faccio perché la realtà mi pesa: sai, io sono napoletano di origine e mia madre, quando vedeva che mi incazzavo in questo modo, mi diceva sempre Ma chi cazz' t'o' fa fa'? perché alla gente alla fine sembra sempre non importare un cazzo! Io ormai sono in pensione da tredici anni, dopo aver lavorato una vita in fabbrica, quindi potrei fottermene allegramente, ma mi sento sempre sul groppone la malvagità della gente, l'ipocrisia di quei pezzi di merda che stanno in Parlamento a Roma, che andrebbero fucilati. Anzi, visto che sei di Roma, se qualche notte ti capita di passarci vicino fammi un fischio ed arrivo! Io poi mi sono sempre esposto anche politicamente, prima con il PD -quando ero ancora un partito di sinistra- ed ora con i 5 Stelle. Come sicuramente saprai, io nasco di sinistra, all'epoca ho conosciuto anche Berlinguer, ma secondo me la vera sinistra è morta con lui, questi di adesso non c'entrano nulla! Tornando alle canzoni del disco, Two Guns ad esempio parla del tema della legittima difesa: se entri in casa mia per derubarmi o fare del male alla mia famiglia, io non posso assicurarti che ne esci vivo, perché io penso di avere tutto il diritto di difendermi, quindi sono cazzi tuoi!

Barry: In linea di massima sono più d'accordo con te che con altri, anche se si tratta di un argomento delicato, su cui non sempre peraltro ho l'impressione che ci sia un dibattito serio.
Pino: Ma sì, perché oggi è pieno di bastian contrario, di gente che attacca a prescindere chi la pensa diversamente! La gente ha paura di esprimere i propri sentimenti e le proprie idee, specialmente i ragazzini delle nuove generazioni!

Barry: Che dici, cambierà qualcosa con il nuovo governo?
Pino: Guarda, se avessimo preso dieci punti in più, sarebbe stata vera rivoluzione: avremmo mandato metà degli altri -quelli condannati- in galera e metà a lavorare davvero, a vedere cosa significa spaccarsi realmente la schiena. Invece, purtroppo, non ci siamo riusciti, quindi ora ci saranno i soliti inciuci ed i soliti accordi fatti sulla pelle della gente; quello che si rifiutano di capire è che i 5 Stelle prendono milioni di voti non perché i loro elettori sono ignoranti, ma perché la gente si è rotta i coglioni! Non c'è lavoro, in milioni sono alla fame ed a loro non importa un cazzo! Hanno fatto arrivare una montagna di disperati dall'Africa per lucrare pure sulla loro pelle! Ti dico, io ho fatto un progetto in Guatemala con la Dottoressa Caterina Vetro, abbiamo costruito un ospedale per i bambini che vivono in una discarica, abbiamo aiutato padre Sergio che mantiene trecento bambini, quindi di tutto mi si può accusare, tranne che di razzismo! Però l'immigrazione va controllata, come fanno altri Paesi, perché sennò riempi le città di poveracci che alla fine finiscono o a farsi sfruttare nelle campagne, o in mano alla malavita organizzata! Se non c'è lavoro neppure per noi, come fanno a trovarlo loro? Mi sembra un concetto elementare!

Barry: Anche io penso che serva una gestione più accurata dei fenomeni migratori, nell'interesse prima di tutto di chi arriva qui. Però è vero, se lo dici spesso passi per razzista.
Pino: Ma sì, è questo il paradosso! Che poi chi accusa gli altri di esser fascista e razzista è quasi sempre chi materialmente non fa un cazzo. Comunque dai, parliamo di rock & roll che è meglio, ahah!

Barry: Forse è meglio, ahah! Quel che è bello è che, dopo tanti anni di carriera, tu abbia ancora tanta voglia di fare musica ed anche tanta energia!
Pino: Eh, ma non senti come mi infervoro quando parlo? Ahah! Questo perché ho ancora dentro tantissima voglia di suonare rock & roll e tanta rabbia, che mi farà anche incazzare, però mi tiene vivo!

Barry: Parafrasando il titolo della tua recente raccolta (Live for a Dream), si può dire anche ancora vivi per il tuo sogno!
Pino: Certamente! Ad ottobre farò 69 anni -che bel numero- ed ho già in programma una grande festa a tema rock & roll! Sono già d'accordo col mio amico “Davidone” del Rock 'n' Roll di Milano, faremo una mega jam session con tanti amici e sullo sfondo ci sarà una gigantografia di una bella figa, che leccherò avidamente! Siete tutti invitati, ahah!

Barry: Beh dai, te la sei meritata, ahah! Toglimi un'altra curiosità sul tuo nuovo disco: come mai la scelta di tornare a cantare interamente in inglese?
Pino: Come ti dicevo, volevo realizzare un disco di classico hard rock anni 70/80 e per quel genere non c'è una lingua migliore dell'inglese! Tieni poi presente che questo disco, a differenza del precedente che era su licenza, uscirà proprio per la Nadir Records, che ha grossi contatti con l'estero. Comunque il motivo vero è quello che ti dicevo all'inizio: io non programmo mai nulla, stavolta mi son svegliato un giorno ed ho deciso che dovevo fare un cazzo di album rock & roll anni 70/80!

Barry: E come avete lavorato per comporre testi e musica?
Pino: Abbiamo lavorato tantissimo da quando è tornato con me Steve Angarthal, che era stato chitarrista dei Fire Trails, il progetto che ho portato avanti alcuni anni fa; per molto tempo ha suonato con me Steve Volta, poi però ha avuto alcuni problemi delle dita ed ho richiamato alla base Steve Angarthal. I pezzi sono stati scritti quasi tutti con lui, tranne uno che ho scritto assieme ad Alessandro Del Vecchio ed un altro con Max Zanotti; amici veri, capisci? Persone con cui mi sento in sintonia! Steve Angarthal, poi, oltre ad aiutarmi nella composizione, ha anche arrangiato tutto l'album. Quanto alle due cover poste alla fine della tracklist, ho deciso di registrare One Way Out non ho appena ho saputo della morte di Gregg Allman; ero un fan scatenato degli Allman Brothers ed amo molto quel sound southern rock, quindi mi è venuta spontanea! Quanto a There's Only One Way to Rock, di Sammy Hagar, me l'hanno proposta gli altri mentre eravamo in studio e così l'abbiamo registrata.

Barry: Due pezzi storici non fanno mai male! Anche perché, con i tempi che corrono, sarà difficile che possa emergere un nome destinato a fare la stessa carriera.
Pino: Purtroppo è vero. Ma il problema grave è che da anni non si vendono più dischi, quindi le etichette, persino quelle grosse, non hanno più un soldo per produrre dischi! Se non porti tu il disco già fatto, i video già realizzati e non ti paghi da te la produzione, loro non fanno nulla, al massimo te lo distribuiscono! Con i reality show, ormai, prendono un ragazzino ed una ragazzina, gli scrivono i pezzi, li pompano, sanno che possono vendere un tot di dischi e dopo sei mesi li buttano via perché arrivano i loro successori. Così facendo, però, hanno distrutto sia l'arte, sia la vita di molti ragazzi! Quando entri là dentro, praticamente ti dicono anche come devi cagare, ti fanno sentire una star e poi ti scaricano; sai quanti ne ho conosciuti, di questi ragazzi, che una volta usciti da là sono finiti in analisi?

Barry: Non faccio fatica ad immaginarlo, quando esci da là poi puoi durare solo se hai davvero le palle e le qualità artistiche per sopravvivere!
Pino: Esattamente! Prima sfruttano il tuo sogno e poi ti fanno sentire una merda. Ah, non c'entra nulla, ma ora ti rivelo un aneddoto rock & roll sul nuovo disco: Crashing Tonight è ispirata ad un incontro ravvicinato con una ragazza nei bagni di un locale di Milano...fuori dalla porta c'era il fidanzato che le chiedeva se andasse tutto bene, lei...beh, diciamo che era impegnata in un'intervista col microfono! E gli rispondeva che a breve sarebbe uscita, ahah! Ti giuro che è vera eh, non è una cazzata!

Barry: Ahah beh, per te sarà stata un'intervista sicuramente più divertente della mia! Oltre all'amore per il rock & roll ed alla denuncia sociale, un altro aspetto che ha sempre caratterizzato la tua carriera è la collaborazione con artisti dei generi più disparati.
Pino: Non mi sono mai posto paletti! Ad esempio ho sempre cercato di contaminare un po' l'heavy metal con il rap, lavorando tanto con gli Extrema, quanto con J-Ax ed i Club Dogo, sulla scorta di quanto è stato fatto già tanti anni fa in America; ricorderai gli esperimenti in tal senso degli Anthrax e degli Aerosmith, per non parlare poi dei Limp Bizkit, dei Rage Against the Machine e di tutto il movimento sviluppatosi negli anni 90. Purtroppo, però, siamo in Italia, quindi se fai un brano con J-Ax, Caparezza o i Club Dogo sei un venduto ed un pezzo di merda, capito? Come ti ho detto prima, io faccio sempre quel che mi sento di fare, senza preoccuparmi del resto! Quando ci siamo sciolti con i Vanadium, nel 1990, sarebbe stato facilissimo per me fare un album nel loro stile, invece ho scelto prima di cantare in italiano, poi di tornare al blues, semplicemente perché era quello che volevo fare in quel momento! E credimi, fare sempre quel che si ha in testa non sempre paga, anzi, quasi mai...ma sono sempre stato libero e la libertà è la cosa più bella in assoluto. L'unico posto in cui mi sentivo in prigione era la fabbrica, fino a quando non ne uscivo, ahah! Ma lavorando ho potuto permettermi di esser libero poi con la musica, che era e rimane il mio sogno.

Barry: E direi che non è cosa da poco!
Pino: Assolutamente! Tu pensa che anni fa mi chiamarono per un reality, offrendomi anche un pacco di soldi; dissi loro che avrei preso solo una parte per me ed avrei destinato il resto al mio progetto Rainbow, per i bambini, ma avrei scelto io i giudici ed avrei chiamato solo band con pezzi propri, senza karaoke o stronzate del genere; avrei portato veramente gente che spaccava il culo, ma mi dissero che in questo modo non li avrebbe guardati più nessuno...quindi, naturalmente, li ho mandati affanculo e gli ho detto che non capivano un cazzo!

Barry: Mi sembra giusto, ahah! E c'è ancora qualche artista con cui ti piacerebbe collaborare?
Pino: Il mio sogno da sempre resta Glenn Hughes, che è disponibile a collaborare con chiunque...a patto che paghi! Sai, a me prende un po' a male, perché non ho mai preso una lira da nessuno per cose di questo genere, quindi, pur avendone avuto la possibilità, non gli ho mai chiesto una collaborazione! Un altro che suona con chiunque, dietro compenso, è Ian Paice: a lui non frega un cazzo, non vuole neppure sapere chi sono i compagni di band e se sanno suonare, basta che lo paghino e lui ci sta! Una volta, qualche anno fa, vidi una tribute band dei Deep Purple con lui alla batteria: era bellissimo perché gli altri andavano ognuno per cazzi propri, mentre lui andava come un treno, anche perché naturalmente i pezzi li conosce a memoria! Secondo me non si fa troppi problemi, lui parte e poi se gli altri gli stanno dietro bene, altrimenti si attaccano al cazzo!

Barry: Se lo può permettere!
Pino: Certo! Tornando alla tua domanda, Glenn Hughes è veramente uno con cui mi sarebbe piaciuto far qualcosa, ma sono davvero tanti, un altro ovviamente è Jimmy Page! Negli ultimi anni, un vocalist che mi piace davvero molto è Myles Kennedy, che oltretutto è una persona umilissima e gentilissima, cosa piuttosto rara in questo ambiente. Senza fare nomi, ho visto artisti -italiani- che riempiono gli stadi mandar via gente in carrozzina pur di non farsi una foto, cose allucinanti, ché poi passano pure per eroi ed invece sono delle merde!

Barry: Un classico, purtroppo.
Pino: Guarda, per me viene prima l'uomo -o la donna, chiaramente- poi quel che fai. Se sei un uomo di merda, a me non frega un cazzo di come canti e di quel che fai, resti un uomo di merda! Per dirti, tutti pensano che io ce l'abbia con Axl Rose per invidia o altro, ma considera che io fui uno dei primi ad ascoltare quel che poi sarebbe divenuto Appetite for Destruction, perché con i Vanadium lavorammo con lo stesso produttore dei Guns, che aveva con sé le loro demo; non appena ascoltai il demo, quasi un anno prima dell'uscita ufficiale di Appetite, dissi che era un capolavoro e che avrebbe spaccato il culo agli Aerosmith, cosa che poi si è verificata! Quindi io adoravo quell'album e la voce di Axl, poi però l'ho conosciuto e si è rivelato un uomo di merda, un drogato del cazzo che ha distrutto una band fantastica. Un altro è Bruce Dickinson, che però davanti a me si è pulito il culo con la bandiera italiana, capisci? Se parliamo del cantante naturalmente nulla da dire, ma resta un uomo di merda che deve andare affanculo!

Barry: Ne hai per tutti, ahah! E, sempre per sognare un po', qualche sogno nel cassetto che ancora vorresti realizzare?
Pino: Lavorare con Jimi Hendrix, ahah! Guarda, ce ne sono davvero tantissimi, ma ad esempio uno l'ho realizzato facendo questo album con la mia band, dopo tanti anni; ho sempre lavorato con musicisti diversi e collaborato con tanti artisti, ma Eye for an Eye è il primo album che dopo tantissimi anni ho fatto proprio con la mia band. Tu che ne senti tanti, a proposito, che ne pensi della produzione?

Barry: Mi piace il fatto che il disco abbia un bel sound profondo, come fosse registrato in presa diretta!
Pino: Ottimo, è proprio quello che volevo!

Barry: E lo hai ottenuto! Ti ho chiesto praticamente tutto quel che volevo, quindi grazie mille per questa intervista! Vuoi aggiungere qualcosa?
Pino: Figurati, grazie a voi! Io sarò a Roma il 1 giugno, se vuoi venirmi a trovare ci prendiamo una birra assieme! Sul mio sito, www.pinoscotto.it, troverete tutte le date già confermate, sarà un piacere vedervi dal vivo!



duke
Giovedì 26 Aprile 2018, 18.12.26
69
no....non ho tornaconto....sono solo riflessioni....e li faccio per qualsiasi genere musicale....perche' per il metal estremo?non offendo nessuno....almeno nei commenti ci sono opinioni diverse tra loro.....e' noioso vedere le cose solo da un solo punto vista....viva la democrazia...bye obscure....
ObscureSolstice
Giovedì 26 Aprile 2018, 17.20.53
68
@duke, giusto ma proprio perché è un rompicoglioni. Tu sei il pino scotto del metal estremo?
duke
Giovedì 26 Aprile 2018, 16.40.37
67
obscure....ho da ridire solo su chi offende gli altri per un proprio tornaconto.....solo riflessioni personali su personaggi vuoti ....
duke
Giovedì 26 Aprile 2018, 16.37.52
66
ha da ridire su Dickinson,hughes,paice....dai ....e chi e' lui....
ObscureSolstice
Giovedì 26 Aprile 2018, 16.12.41
65
@duke invece tu qualche cazzata non le dici mai ogni tanto?
No Fun
Giovedì 26 Aprile 2018, 16.03.48
64
...ecco perché quella sera la mia donna non usciva più dal cesso, adesso tutto mi è chiaro!!
blackiesan74
Giovedì 26 Aprile 2018, 15.27.30
63
Poche idee ma confuse, almeno politicamente... "La difesa è sempre legittima" e "l'immigrazione va controllata, perché non c'è lavoro per gli italiani e non possiamo trovarlo per loro" sono i mantra del centro destra, non certo del M5S né tantomeno dei partiti di sinistra in cui lui si è sempre rispecchiato. Musicalmente non mi esprimo, i Vanadium li adoravo ma lui solista non l'ho mai seguito.
d.r.i.
Giovedì 26 Aprile 2018, 11.46.30
62
Mio modesto parere, Italia o estero non sarebbe cambiato nulla, ha fatto il suo lavoro dignitosamente ma la tecnica e il carattere sono quelli che sono. Forse grazie al suo caratteraccio ha ottenuto più di quanto meritasse solo per la tecnica. Nel 2018 perfettamente bypassabile
Foggy Mountain Boy
Giovedì 26 Aprile 2018, 11.02.29
61
Lele 12 DiAnnö, si è un rancoroso, e secondo me all'estero non sarebbe arrivato chissà dove, certo probabilmente quealche porta in più si sarebbe aperta, ma non credo niente di miracoloso. La sua "fortuna " in tempi recenti la deve a Rock TV dove con le sue uscite a metà tra le stronzate da baretto di provincia e sboronate varie riusciva a tenere viva l'attenzione su di se. Niente di personale eh io i idischi di gruppi Italiani ne ho a casa un bel po', ma c'è chi era davvero all'avanguardia e chi si è ritrovato a fare l'onesto mestierante.
Lele 12 DiAnnö
Giovedì 26 Aprile 2018, 1.57.45
60
@Obscure Solstice: io non ho scritto “avrebbe sfondato” ma “penso si chieda, legittimamente, dove sarebbe potuto arrivare”. C’è differenza. Poi tu mi assicuri che “chi deve essere ricordato viene ricordato anche qui”, edi io sono perfettamente d’accordo, ma a me pare che anche fra venire ricordati e essere tra i fondatori di un genere ed avere successo planetario ci corra una certa differenza.
duke
Mercoledì 25 Aprile 2018, 21.48.21
59
i vanadium non mi dispiacevano.....ma lui non mi e' molto simpatico....mi sembra che racconta cazzate...poi non so....puo' darsi che mi sbaglio...ma ....
Buried Alive
Mercoledì 25 Aprile 2018, 20.56.56
58
Alla minchiata salviniana-sceriffista delle pistole e del "se entri a casa mia non posso assicurarti che ne esci vivo" ho smesso di leggere.
ObscureSolstice
Mercoledì 25 Aprile 2018, 19.50.36
57
Giusto Freccia, Vandalo, Vitadathrasher. @Lele 12: sempre a dire "se fosse stato in GB o in USA" avrebbe sfondato...solite frasi, tranquillo che chi deve essere ricordato viene ricordato anche qui, te lo assicuro. Di Dickinson, Jimmy Page, Hughes, ne nasce uno ogni secolo, non gonfiamo per niente con gente che ha insegnato, e Pino ha imparato, altrimenti non avrebbe fatto quella vita. @Fabio Rasta ma non tutti si possono avvalere della notorietà sempre nel modo giusto, come in ogni genere musicale gli altri poi rimangono nel seminterrato, è normale..il protagonista del film è solo uno. Comunque, come dice lui un modo di dire molto bello è questo..."Le palle si vedono alla lunga distanza" ..è una frase da prendere esempio e di tutto rispetto, e chi le ha avute fino ad adesso lo sappiamo bene per oltre quarant'anni, anche loro con quei due soldi inizialmente è per forza sempre così. Inutile che fa il dritto sulla storia del rap che qua in Italia se lo fai ti dicono che sei un venduto, lui lo ha fatto nel momento in cui era in un momento recente da dimenticatoio successivamente a rock tv, lo si sa bene che il rap fa molti quattrini e va molto in voga per ridare lustro al suo nome come "Pino Scotto"...l'avesse fatto tipo come i Limp Bizkit cioè dall'inizio era naturalmente diverso, oppure quando j.ax era noto nel suo gruppo rap di origine e non quando è diventato la macchietta mediatica più in voga d'Italia delle canzonette dell'estate e della televisione...così non è né rap vero e né una collaborazione tantomeno seria, è soltanto furbizia per vendere e ripartire grazie a j,ax che manco ha funzionato, per fortuna. Bravo picio, quando uno nasce rock non può morire rap, hai capito. A furbooo a furboooo, non ti chiamano su rai 2 c'è la nana dei lacuna coil a frignoneeee
Freccia
Mercoledì 25 Aprile 2018, 14.13.49
56
Sono d'accordo con Vandalo (commento 49). Dall'intervista emerge un signor "so tutto io/faccio tutto io" depositario di grandi Verità... Credo che nel nostro Paese possiamo andar più che fieri di band di grandissimo valore quali Novembre, Ufomammut, Death ss (i primi), Rhapsody, Progenie Terrestre Pura ecc ecc
Lele 12 DiAnnö
Mercoledì 25 Aprile 2018, 11.51.09
55
Per me invece Born to Fight è stato il migliore. Anche i pezzi più tranquilli non sono commerciali o ruffiani...al limite potevano evitare di inserire il rifacimento di Never Before. Poi devo dire che i dischi dei Vanadium mi piacciono tutti, anche Seventheaven, che all’inizio mi aveva lasciato perplesso, e Nel cuore del caos. E se è vero che non hanno mai prodotto un capolavoro, è altrettanto vero che in ogni album da studio ci sono almeno due o tre brani veramente memorabili. Non è da tutti!
Fabio Rasta
Mercoledì 25 Aprile 2018, 9.55.58
54
X ObscureSolstice: Grazie assai, troppo buono! In realtà sarei quello degli aneddoti e delle frasi celebri di cui faccio sempre tesoro. Un salutone./// VANADIUM fino al Live erano genuini. Poi ricordo che con Born To Fight provarono a sfondare snaturandosi: alcune canzoni erano ai livelli precedenti ma i suoni edulcorati anni '80 e i capelli lunghi innaturali (alla BON JOVI x capirci), li facevano assomigliare a una Band vicina al festivalbar o al finto Metal di EUROPE e DEF LEPPARD (chi era presente sa di cosa parlo, senza nulla togliere alla bravura di questi talentuosissimi Musicisti). Perdettero così molto seguito: chi era incazzato seguì il Thrash, chi era x moda finì disperso, altri si disperdettero da soli x sfortuna, altri ancora x scemenza. Un po' tipo come andò x i SAXON.
maurilio
Mercoledì 25 Aprile 2018, 9.14.23
53
i dischi dei Vanadium fino a Corruption sono ottimi,dopo 30 anni li ascolto ancora volentieri. L´unico che non mi piace affatto é Seventh heaven, poi quello in italiano non l´ho mai ascoltato. Anche nel mio paese erano popolarissimi all´epoca tra noi pochi metallari, nel 1987 andammo tutti a prenotarci Corruption of innocence al negozietto di fiducia...
Lele 12 DiAnnö
Mercoledì 25 Aprile 2018, 2.54.46
52
Complessato? Invidioso? Rancoroso? Mah… Scotto non è più un ragazzino e ormai dovrebbe essere arrivato ad una certa maturità...Piuttosto penso si chieda, legittimamente, dove sarebbe potuto arrivare se invece di essere italiano si fosse trovato a nascere in GB o negli USA. Perché dubito che un Giacomino Pagina o un Brucio Cazzinfiglio, pur ottimi chitarrista e cantante, da noi avrebbero fatto la carriera di un Page o di un Dickinson, giusto per restare su nomi citati nell’intervista...
Foggy Mountain Boy
Martedì 24 Aprile 2018, 7.55.33
51
Quoto il commento 43...sono anni che rompe le palle e gioca a fare il duro e puro ma è solo un rancoroso, molto meglio i Lacuna Coil o i Rhapsody (per citare due gruppi nostrani di successo), che hanno da subito dimostrato grande impegno e professionalità e non hanno passato gli ultimi vent'anni facendo polemiche come il Pino. Invece di osannare questo farlocco ricordatevi anche di chi in quegli anni faceva davvero cose innovative e incredibili...vi dice niente un certo Paul Chain? Un Artista nel senso vero del termine.
Rob Fleming
Martedì 24 Aprile 2018, 7.19.31
50
Sul fatto di lavorare in fabbrica (o anche in banca) se si hanno degli hobbies paradossalmente è anche una fortuna. Il lavoro sarà anche poco piacevole o addirittura pericoloso, ma hai i turni dalle ore X alle ore Y e dopo se fuori a fare quello che più ti piace. Il problema è se sei un commesso o un parrucchiere o un libero professionista. Quelli sì che non hanno il tempo. Ho amici musicisti (alcuni con con laurea, ma questo è un altro discorso) che lavorando in fabbrica sono riusciti a coltivare la loro passione proprio perché hanno la mattina o il pomeriggio libero per esercitarsi e provare. Su Glenn Hughes ha ragione. Ai tempi lessi che con 5milioni di lire lui cantava sul tuo album se trovava di suo gradimento il brano (e in effetti se andate a vedere la lista delle collaborazioni...è praticamente un turnista della voce. Solo che lui è Glenn Hughes, non un semplicemcorista). Su Paice e gli altri non so. Come musicista l'ho seguito poco e ho ascoltato qualcosa su RockTv mi sembra che faccia più che altro demagogia. Insomma, quello che dice sui giovani, sul lavoro e altro è corretto. Sono bei discorsi, ma non è diverso dall'aspirante miss Italia che si augura la pace nel mondo. Quindi? Stringi stringi molto livore e poche proposte concrete
Vandalo
Martedì 24 Aprile 2018, 0.35.28
49
@Vitadathrasher.: bravo, la pernso esattamente come te.. Lui si è fatto il mazzo in fabbrica e noialtri ne dovremmo essere estasiati, visto che abbiamo in casa un alberello che caga quattirni.. Ai tempi, ormai oltre 30 anni fa ha contribuito ad un paio di dischi decenti in un ambiente ostile all'hard rock come quello italiano, ma personalmente ricordo che comprai solo il live o presunto tale on streets of danger e ricordo anche che facevo un po fatica ad ascoltarlo da inizio a fine, Ma questo è soggettivo, magari per altri i vanadium hanno avuto più importanza, non è questo il punto. Il punto è che il personaggio che propone oggi sembra davvero un animale da birreria che alla terza birra ti attacca un bottone allucinante dove ad ogni exploit ti dici "questa mi puzza di cazzata", tipo la storia dell'intervista o gli aneddoti su Rose e Dickinson. Potrebbe fare di meglio se proprio ha l'urgenza di trasmettere qualcosa alle nuove generazioni..
Vitadathrasher
Lunedì 23 Aprile 2018, 23.40.01
48
Un complessato a vita che rosica e rosica. Invece di abbaiare a quello e a quell'altro, si accettasse per quel che è forse vivrebbe meglio. Quanta pochezza quando tira sempre in ballo i grandi nomi, per ergersi a vate del metal, facendo la figura del misero e il fatto che perdura negli anni significa che è un caso patologico. Personalmente preferisco una rockstar drogata, ricca e bastarda alla caricatura di essa, che ti viene a dire: oh io ho lavorato in fabbrica, come se fosse solo lui a farsi il mazzo, quanta pochezza, quanto vive male, quanta gente come lui poerannoi!
velvet
Lunedì 23 Aprile 2018, 19.32.26
47
@Obscure , ma su quello che dici sono perfettamente d' accordo. Le mie disamine partivano e finivano con il periodo Vanadium. Lo "zio" Pino del dopo Vanadium e di ora , non mi interessa e lo reputo un pagliaccio. Non sto facendo l' Apologia di Scotto. PS Comunque ascolto anche Dimmu Borgir E Dissection , solo per fare due nomi a caso che col "classico" non hanno nulla a che fare, e ce ne sono molti altri .
ObscureSolstice
Lunedì 23 Aprile 2018, 19.21.21
46
@Fabio Rasta..sempre interessanti i tuoi commenti. @velvet traspare il tuo essere appassionato di metal classico, il mio non è un voler sottovalutare i Vanadium, ma l'insopportabile atteggiamento che si protrae dell'amico Pino, vorrei vederlo piu' fare le chiacchere su disco che dei suoi colleghi che potrebbe evitare, anche nel dire che si pagano Hughes, Paice non sono cose da dire, o dare del drogato ad Axl, ci fosse solo lui, ognuno e' libero di fare quello che vuole. Lui dice che è sempre incazzato, ma bisogna anche rilassarsi con la musica
velvet
Lunedì 23 Aprile 2018, 18.42.04
45
@Obscure , i miei discorsi sono sempre stati incentrati sul panorama nazionale (non internazionale), e sull' epoca di riferimento. Poi se me lo chiedi, credo personalmente che se i Vanadium avessero avuto altre possibilità (che all' epoca in Italia erano precluse, molto più di oggi), avrebbero potuto giocarsela anche a livello internazionale. Certo non ai livelli di Maiden , o Purple , ma comunque una bella figura. Altri tempi, tutto li.
Fabio Rasta
Lunedì 23 Aprile 2018, 18.34.14
44
Riconosco che traspare spesso invidia in diverse dichiarazioni, sentimento ignobile sicuramente, ma umanissimo. Non sono certo che lo sia, se lo è sicuramente è inconscia, ma trasparire traspare. Però cerca quantomeno di motivarla. Prendiamo i suoi "nemici" prediletti: VASCO e Ligabue. Parole sue: "Col seguito che hanno non si prendono neanche la responsabilità morale di spiegare ai giovani in che mondo di menzogne stanno vivendo!". Dal Suo punto di vista ha pienamente ragione. Io già la vedo diversamente, ma non posso dire lo stesso che non abbia ragione. Ci ricordiamo quasi tutti gli anni di piombo, le critiche ai cantautori che non si impegnavano: PINO in quegli anni difficili, c'era, suonava e sa di cosa parla. A me piacque molto LUCIO BATTISTI, rispondendo a questo tipo di accuse: "vi emozionano le cose che faccio si o no?". Ché il mio Amore x la Musica mi fa ANCHE andare oltre il messaggio insito, sempre x me. Devo d'altra parte riconoscere che VASCO, poi, cantò la mia generazione meglio di chiunque altro, (persino dei CCCP), però adesso il disimpegno generale sta avendo risultati catastrofici. Persino il Rap, che oggi va tanto tra i giovani, che nacque come canto di protesta (ricordiamo tutti i RUN DMC o i PUBLIC ENEMY), mi risulta sia diventato assolutamente innocuo. Mi rendo conto che si entra in un discorsone gigantesco, con punti di vista controversi e diversissimi, però PINO SCOTTO, da provocatore nato qual è (una delle sue prime Band, nel Napoletano, si chiamavano GLI EBREI!), secondo me batte su questi tasti xchè, a modo suo, cerca di stimolare proprio questo tipo di considerazioni.
ObscureSolstice
Lunedì 23 Aprile 2018, 18.31.05
43
@velvet nessuno dice che i Vanadium è una band di poco valore, ma neanche a dire che sono gli eroi del genere underground, probabilmente potrà piacerne molte altre a che se uscite due mesi o un anno dopo loro, il fatto di storicità a chi e' arrivato prima, non credo possa influire la presunzione di avere questo atteggiamento arrogante che non ha nessun altro, solo chi non ha nient altro da dire.  L'antipatia vera e propria e' qui, dalle parole di Pino Scotto, velata contro Bruce Dickinson, e i suoi sostenitori che lo seguono alle sue sbruffonaggini; è un antipatia senza uno schema a bastion contrario come si legge nell'intervista di Pino Scotto, come il razzismo all'incontrario e non significa che anche se hai fatto parte dei Vanadium puoi fare SEMPRE cosi'. E' come un Robb Flynn che ha insultato avendo da ridire sul suo mentore maestro Phil Anselmo. Stesso atteggiamento. Dischi fighi si, avevi ragione le tastierine come me le ricordavo non le sento, forse in uno degli ultimi, ma non ho troppo tempo quando ci sono moolti dischi heavy in uscita in continuazione. Come c'e' anche da dire che non e' la massima ispirazione del genere. Noi italiani gonfiamo sempre i nostri anche quando non c'e' bisogno, rendendo sgonfiati, sminuendo e svilendo gli altri che hanno piu' stima non accettandolo se fanno qualcosa di veramente importante. Bruce Dickinson non dovrebbe neanche essere nominato, come nessun altro storico in questa sezione. Vuoi parlare delle stimate delle band undergound dell'heavy delle altre nazioni? Ce ne sono tante. Come se i Vanadium ci fossero solo loro e Pino, i veri grandi, gli altri non sono nessuno ahah. Beh, non è che sono i Deep Purple, o gli Iron Maiden, o i Guns N' Roses...sono i Vanadium...un po' di umilta', è quello il senso
Silvia
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.36.00
42
È vero @TheSkull, i social sono pieni di critiche incrociate fra musicisti (non tutti chiaro, fortunatamente molti pensano solo a suonare). Sicuramente comunque allora "coccolavamo" gli artisti di casa nostra, oggi purtroppo non è così
TheSkullBeneathTheSkin
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.30.13
41
Diciamo che sto fatto delle critiche andrebbe un po' ridimensionato. A dare contro ad Axl fu anche il compianto Kurt Cobain, ad esempio... comunque è verissimo, i Vanadium ci hanno reso orgogliosi ed è altrettanto vero che in italia non è solo "lui" ad avercela con chi ha avuto successo. Chissà, magari i nostri "nipoti" di metallized-tomorrow ce l'avranno a morte con Tommy Massara... anzi, secondo me è già inizizato il tiro al piccione!
Silvia
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.25.22
40
E vorrei fare i complimenti a Barry perche' ha dato un bel "ritmo" all'intervista
Silvia
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.24.28
39
Esatto @velvet #38, infatti come dice @Fabio eravamo orgogliosi dei Vanadium e mi ricordo bene che erano il gruppo di punta dell'heavy italiano anche qualche anno dopo. Probabilmente il fatto che Scotto critichi alcuni mostri sacri dell'heavy metal (atteggiamento che non condivido) attira verso di lui critiche a prescindere, ma io credo che l'antipatia non debba mai portare a sparare giudizi negativi che non hanno senso. Ri-quoto Fabio "i VANADIUM hanno fatto grandi LP con budget limitatissimi e case discografiche pressoché inesistenti". antipatia o meno bisogna riconoscerlo
velvet
Lunedì 23 Aprile 2018, 17.12.34
38
Sinceramente non capisco quelli che negano il fatto che i Vanadium, a quei tempi, erano il vero "orgoglio" dell' Hard & Heavy in Italia! Chi c' era di meglio nell'82? O uno non ha vissuto l' epoca, o ha dei pregiudizi . Su Scotto persona non mi pronuncio, ma è innegabile che ha fatto parte del più storico dei gruppi Hard e Metal.
tino
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.56.42
37
Sono d’accordo Fabio, ma quanto sono belli pezzi come don’t be looking back o war trains?
tino
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.54.08
36
Lui non sopporta chi ce l’ha fatta, magari buttandosi sulla musica per casalinghe (vero francesco renga?) e questo è purtroppo indice di invidia, un sentimento terribile che divora chi la prova Comunque a inizio carriera era una persona mite e tranquilla, bella l’intervista di primi anni 90 con red ronnie (visibile sul tubo) dove comunque spiega il buon inizio di con i vanadium, il fatto che sono andati a londra e comunque si sono messi in gioco, sono stati tra i primi a fare dei video clip. Io non disprezzo tutto di quest’uomo, è una persona che ha lavorato duro e nel frattempo ha coltivato il suo sogno e la sua passione per la musica, e per questo lo rispetto. Purtroppo si è incartato nel suo alter ego televisivo e di conseguenza incattivito diventando una specie di sgarbi di serie z e questo non gli ha portato nessun beneficio se non quello di alienarsi anche quel poco pubblico che gli era rimasto nel suo mondo.
Fabio Rasta
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.53.35
35
Mi fa enormemente piacere leggere che non sono rimasto l'unico vivo, che si ricorda di quanto all'epoca, noi ragazzetti e Rockers + vissuti, fossimo orgogliosi dei VANADIUM e del BON SCOTT di noi poveracci, ghettizzati nel ghetto, che è tutto dire. Quanto all'intervista non ho letto davvero cose scandalose, di solito le spara molto peggio. Parla persino di beneficenza, cosa che fa quasi da sempre, e non è nemmeno ricco! Sono del parere che la beneficenza andrebbe fatta senza clamori (la vostra mano destra non sappia ciò che fa la sinistra), ma so che PINO, a costo di rimetterci di persona, non riesce a tenersi una cosa dentro, e lo capisco bene dal momento che io sono tale e quale. E non è l'unica cosa che so di avere in comune con lui. Non capisco davvero il xchè alcune persone, anche tizi di solito miti e ragionevoli, diano addosso a PINO SCOTTO come se fosse il male assoluto. Non voglio difenderlo, ché non ha certo bisogno di essere difeso da un illustre sconosciuto, ma mi piacerebbe di capire le cose. E comunque dare addosso ai VANADIUM, addirittura ridicolizzarli non si può sentire! Fino al Mitico On Street Of Danger, i VANADIUM hanno fatto grandi LP con budget limitatissimi e case discografiche pressoché inesistenti. Rispetto opinioni diverse dalle mie, meglio se motivate, ma qui mi sembra che si sia sul piano della "merda spalata a prescindere". Solo mi dispiace.
Mulo
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.53.27
34
Tino ,Dickinson quelle belle opportunità che si è creato se le è fatte in leva grazie al successo avuto con i Maiden. Comunque tanto di cappello ad una persona che ha scelto di crearsi più opportunità professionali anziché sprecare il tempo libero a bere o a farsi.....
Foggy Mountain Boy
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.33.59
33
Il dire cazzate è la sola cosa che può fare...inutile azzardare qualsivoglia paragone con lui e i grandi della scena....distanze siderali ed incolmabili lo separano dai personaggi che egli cita, sia dal punto di vista della carriera che dell'abilità musicale. Che si goda la pensione....
ObscureSolstice
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.29.00
32
Scusa @Steelminded, ma perché Pino Scotto è simpatico?? E' praticamente tutta la negatività che si butta addosso a Bruce Dickinson, tutto ciò che si dice su di lui quando la si dovrebbe reputare a lui: Pino Scotto, e si dice è pure un grande ahah, mentre si butta letame addosso all'inglese più stimato. L'atteggiamento di Pino Scotto è come qualche altro personaggio non rassegnato e caduto nell'oblìo come DiAnno, dallo stesso tipico modo di fare "fanfaronico", oltretutto Scotto, ha un umiltà sotto terra, troppo montato il ragazzo se leggi bene...leggi bene quello che dice, e pensa che sono cose che ripete per ogni rivista, web zine, a ogni concerto le stesse cose da anni le dice uguali, dovrebbe cambiare atteggiamento se vuole migliorarsi, altrimenti ci credo che non lo chiama nessuno, nessuno vorrebbe collaborare con un tipo simile, oltre il fatto che non è mica chissà chi...ok il passato sei stato nei Vanadium, ma chi sei di così importante? Tutte queste arie. Il creatore di cosa? Hai buttato giù le fondamenta del genere? Un seguitore della corrente inglese. Ogni nazione ha avuto le sue band dimenticate. Collaborare con con i migliori della storia del rock, ma vola basso buon Pino. Questa storia comunque che si deve sempre collegare i Maiden a Scotto sarebbe anche da finire, lui caccola di fronte a un icona di un genere perché non lo può vedere (cit. Paul DiAnno). A lui praticamente gli stanno sulle palle per invidia le icone è risaputo da come parla, parla male di tutti...tutti gli artisti del suo repertorio quando dovrebbe trovarne il meglio da trattare ai giovani ed incentivarne all'ascolto ad appassionarsi, mondo cane, portare al più giovane ascoltatore il verbo del rock...e non solo "vaffanculo" o "non fanno un cazzo, pezzi di merda" ..etc..evitando tutte queste sparate. Sennò vai a fare il politico invece del cantante. Hai capito?? AXL Rose drogato? Azz, bigotto, anche tu ti drogavi. Non lo sai?? Se bisogna pigliarli uno a uno...non si finisce più. Non fare il neo-melodico drammatico. Ognuno fa quello che gli pare e sono incidenti di percorso, come tu del resto coi Vanadium, pensa alla tua band invece di pensare agli altri e addirittura ai big che non ti si caga neanche il tuo cane. Ma pensa a cantare e non scassare, solo il "simpatico" Pino lo fa...PINO SCOTTO SE HAI IL CORAGGIO RISPONDI SU METALLIZED, e invece di buttare merda parlando male di alcuni protagonisti della storia del rock: Guns N' Roses, Bruce Dickinson, Ian Paice, Glenn Hughes a dire che si pagano, o il tuo acerrimo nemico Vasco Rossi che in Italia era quello con più seguito, che ti piaccia o no, è sempre rock. Il periodo era quello, metà 70- inizio '80, e tutti hanno seguito. Ma canta, e non dire cazzate
Foggy Mountain Boy
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.24.06
31
E il povero Pino è stato spodestato da Bruce pure nei commenti alla sua intervista...
tino
Lunedì 23 Aprile 2018, 16.18.42
30
Patentino? Diciamo che guida aerei di linea. Più che hobby (tipo il golf di nicko o murray) mi sembrano potenziali carriere avviate che sono state (in parte) accantonate perché ovviamente avere un ruolo di primo piano in un grande gruppo comporta delle priorità. Poi che come solista non abbia funzionato è vero, ma è vero anche il contrario, cioè che il gruppo madre senza di lui non funzionava, mentre con il suo ritorno sono tornati anche i grandi eventi e il grosso pubblico. Harry lo sa bene e si è dovuto sorbire anche il ritorno di smith (mentre lui avrebbe tenuto solo gers) segno che comunque le carte le dava Dickinson. Poi anche lì si potrebbe aprire un dibattito perché il metal è sempre stato un genere legato più al brand di un gruppo che al nome singolo di tizio caio, fatta eccezione negli anni 80 dove gente come ozzy o dio hanno creato carriere sul loro nome. Comunque io un vincente lo giudico dai risultati e penso che Bruce ne abbia ottenuti tantissimi
Mulo
Lunedì 23 Aprile 2018, 15.58.23
29
Ho visto infatti da solista che vincente che è,4 gatti l’han cagato (è dovuto tornare a fare metal classico chiamando Adrian Smith xche’con skunkworks e i dischi precedenti 0 d 0). Discorso aerei,tanti americani e inglesi hanno il patentino/brevetto xche’in quelle nazioni costa poco (a differenza dell’italia),la compagnia aerea ha messo i soldi,a gestirla sono altri e per quello che mi riguarda è stato più lui a beneficiare dell’effetto maiden che i maiden dell’effetto. X carità è un grande cantante e ottimo frontman ma non vedo tutto questo fenomeno. Probabilmente risalta che in un ambiente come quello del rock dove la maggior parte dei musicisti nei tempi morti si stordisce con alcool e droghe uno che ha hobbies sani è visto come un Dio.
tino
Lunedì 23 Aprile 2018, 15.30.46
28
Dickinson è un vincente senza se e senza ma, non solo come rockstar indiscussa, ma anche in altre attività che non sono alla portata di tutti, tipo pilotare un aereo di linea (o i biblani d’epoca della guerra), prendere qualche laurea, gestire una compagnia aerea e perché no anche essere un bravo spadaccino. Che di Anno sia stato un grande interprete sui primi due dischi siamo tutti d’accordo ma dickinson non è stato un semplice rimpiazzo ma uno che ha dato una spintarella non indifferente alla carriera del gruppo con una voce straordinaria imitata da tantissimi, inoltre è sempre stato un animale da palcoscenico, ovviamente un’altra caratteristica vincente, non un semplice cantante ma una figura completa. Discorso autore, ebbene si è anche un grande autore perché tantissimi pezzi portano la sua firma nonostante l’autorevolezza e l’importanza artistica di steve harris che è ovviamente il numero uno. Dove c’è smith c’è quasi sempre anche dickinson e i risultati si sentono. Discorso bandiera o sfottò…purtorppo (o per fortuna) sono inglesi, hanno avuto l’impero e soffrono di manie di grandezza, basta non farci caso, ovvio che se noi italiani siamo spesso i primi che non rispettiamo noi stessi non possiamo poi pretenderlo che lo facciano gli altri.
Mulo
Lunedì 23 Aprile 2018, 14.50.31
27
I pezzi dei Maiden che preferisco li hanno scritti altri e nn Bruce,come performer ha cantato benissimo nelle turnee’ di Number of the beast e Piece of mind, già dal Worls slavery male. Come frontman e tenuta di palco ottimo invece. Da solista se lo cagano in pochi,dunque questa storia del vincente nato e bla bla ci sta fino ad un certo punto.... Certo è un professionista inpeccabile (ma ce ne sono tanti),con i se e i ma non si fa nulla ma con un Di Anno in “riga” e diligente a quest’ora probabilmente Dickinson farebbe l’insegnaNte di scherma in qualche palestra. Mio pensiero ovviamente.
Steelminded
Lunedì 23 Aprile 2018, 14.39.47
26
A me neanche sta tanto simpatico Dickinson, ma mi piace molto la sua carriera solista e nei Maiden ha fatto quello che ha fatto. C'è poco da dire...
Foggy Mountain Boy
Lunedì 23 Aprile 2018, 12.54.44
25
Purtroppo conta di più l'apparenza e sparare cacate che la musica...io l'ho visto un paio di volte ai tempi dei Fire Trails....i musicisti che l'accompagnavno veramente bravi, lui imbarazzante, al terzo pezzo aveva già perso quella poco voce che aveva, tra sproloqui e cacate da bar sport e un pubblico di credo non più dieci persone, ai tempi dei Vandium forse qualcosa si salva, ma non certo per merito suo...e poi cmq molti dei vecchi rocker dovrebbero tirarsela meno, sono nati anagraficamente prima e questo non penso sia un merito, si sono ritrovati a fare Metal in epoca senz'altro primitiva per gli standard italiani, ma questo non è necessariamente un merito.....in quegli anni c'erano in giro anche i Necrodeath, che i Vanadium se li pappavano a colazione, tanto per citare un gruppo...Pino vai a vedere i cantieri che è meglio!
tino
Lunedì 23 Aprile 2018, 12.45.13
24
I dischi dei vanadium sono bellissimi e fanno parte dellla mia crescita personale dai tempi di heavy con kleever. Detto questo ho apprezzato pino ai tempi dei fire trails dove aveva messo su una buon gruppo, poi si è perso per la strada e si è fatto prendere la mano con la televisione (e con you tube) ed è diventato un pessimo cantante. Non lo seguo più, l’ultima volta gli ho dato una possibilità live a parma dove c’eravamo in quindici a vederlo, triste, tristissimo, oltre che scadente dal punto di vista vocale. Peccato per steve che è comunque uno dei migliori chitarristi italiani, meriterebbe più fortuna, ma penso che pino ottenga spesso l’effetto contrario. La storia di bruce poi mi sembra la classica sboroneggiata da pub, stile l’ultima birra prima di andare a casa senti questa, peccato che non abbiamo più trent’anni e andiamo a letto presto.
TheSkullBeneathTheSkin
Lunedì 23 Aprile 2018, 12.43.19
23
Sono vent'anni che sento parlare male di questa persona, se non di più, ricordo i Vanadium ma non ho mai sentito nulla di quanto fatto dopo. Non ho intenzioni di cominciare adesso però leggo l'intervista e non sembra nemmeno l'intervista ad un musicista rock, finalmente capisco perchè di tanta merda addosso a sta persona. Si è fatto il culo in fabbrica per mantenere il suo sogno, ha il mio rispetto come persona. Il musicista non mi interessa. Riguardo a Dickinson tutto può essere ma non faccio fatica a crederci: in europa è quella la considerazione di cui ci degnano, da sempre, lui è inglese. L'italiano diventa cool solo attraversando l'oceano. Axl invece è quello che dice lui senza se e senza ma e si vede anche abbastanza bene
Foggy Mountain Boy
Lunedì 23 Aprile 2018, 12.30.10
22
Essendo veramente mediocre come musicista ha da sempre dovuto fare il giullare per restare a galla, sempre le solite frasi, i soliti aneddoti squalliducci....lui quello che dice le cose in faccia, ma per piacere, essere volgarotto e dire cazzo figa e porcodighel, non fa di te il gran figo che pretendi di essere.
Silvia
Lunedì 23 Aprile 2018, 9.37.44
21
@Sicktadone, mi riferivo al metal infatti e ricordo che i Vanadium erano avanti a tutti, erano i piu’ famosi e molto amati
AkiraFudo
Lunedì 23 Aprile 2018, 9.26.56
20
...che noia questo personaggio... sempre le solite frasi fatte, ripetute allo sfinimento... perché perdere tempo a intervistarlo, sarebbe sufficiente riproporre un'intervista di 6/7 anni fa aggiungendo il titolo del nuovo album.... sembra un disco rotto e che suona pure male
Sicktadone
Lunedì 23 Aprile 2018, 9.02.34
19
Forse perchè in iItalia c'erano altre realtà musicali di comunque spessore? Capisco per il metal, ma se parliamo di ambiti come la scena hardcore/punk, alternative e prog il Bel Paese stava avanti 10 passi a tutti
ObscureSolstice
Lunedì 23 Aprile 2018, 1.51.26
18
Barry si sarà fatto due risate almeno su questa intervista...Il solito Pino ne ha avuto da ridire su tutti, anche su Ian Paice e Glenn Hughes che per collaborare con loro devi pagare...e' ambizioso tuttavia, non credo che un Myles Kennedy sia mai avvicinabile a un personaggio come Pino, figuriamoci Paice, Hughes, o Jimmy Page..."Who is Pino?" Questi ultimi sono pionieri, ma per i Vanadium questo termine e' troppo largo, seppur una rispettabile band nostrana
SimonFenix
Lunedì 23 Aprile 2018, 0.19.42
17
Mah, ho i miei dubbi sulla storia di Dickinson, sarebbe un idiota ad averlo fatto con tutti i fan italiani che i Maiden hanno, se l'avesse fatta è più plausibile che sia stata una cosa ironica.
Silvia
Domenica 22 Aprile 2018, 21.12.36
16
Scusate ho confuso i post, quoto velvet al #10, nessuno suonava come loro all'epoca e anche Elluis al #12 × quanto riguarda i Vanadium ma non ho seguito Pino Scotto quindi non saprei che dire di lui
Silvia
Domenica 22 Aprile 2018, 21.09.00
15
I Vanadium mi piacevano tanto all'epoca e quoto il #12 di Elluis. Comunque fra i miei primissimi ascolti metal e pionieri di sicuro. Grandi ricordi
velvet
Domenica 22 Aprile 2018, 21.08.55
14
@Obscure, se ti ricordi solo "quelle tastierine"... allora non li hai ascoltati. Un ripassino non farebbe male, credimi.
ObscureSolstice
Domenica 22 Aprile 2018, 20.50.25
13
Certo che li ho ascoltati, anche se adesso è passato taaanto tempo. Mi ricordo solo quelle tastierine...
Elluis
Domenica 22 Aprile 2018, 20.40.50
12
Se si parla di Pino Scotto come personaggio, sono d'accordo che ormai è la barzelletta di se stesso, è un attore che interpreta una parte in maniera clownesca, ma forse più onestamente di tanti altri, ma come artista in passato ha fatto grandi cose, tenete presente che erano gli anni '80 e in Italia praticamente non esisteva un vero movimento metal, loro sono stati i primi a "sfondare", prima di chiunque altro. Per chi non l'ha sentito, consiglio l'ascolto del live dei Vanadium "On the Streets of Danger" del 1985, che è ancora un signor album. Anche con i Firetrails ha fatto cose pregevoli, ma loro li conosco meno.
velvet
Domenica 22 Aprile 2018, 20.26.15
11
@Obscure, ma almeno li hai mai ascoltati? Perché mi sembra di no.
velvet
Domenica 22 Aprile 2018, 20.10.20
10
@Obscure, a me "A race with the Devil", "Game Over", "Born to Fight" e "Corruption of innocence", piacciono un casino, e non li trovo per niente inferiori a moltissime altre release dell' epoca. E ti assicuro che i quel periodo, nel panorama italiano non c' era niente di lontanamente paragonabile. E se anche non hai vissuto l' epoca, se li ascolti oggi credo sia difficile affermare il contrario.
Steelminded
Domenica 22 Aprile 2018, 20.10.16
9
Grandi Vanadium, e grande Pino in quanto parte di quella esperienza... lavori suoi solista: mai sentito nulla. Obscure, lascia stare i Vanadium dai...
ObscureSolstice
Domenica 22 Aprile 2018, 19.53.07
8
pensa come stavamo messi... e ancor peggio ora fuori dagli anni d'oro. Ma a parte se avrebbero potuto competere o no per spopolare fuori dal nostro paese, parlando di qualità di dischi: a te piacciono? Soltanto Vanexa, o Strana Officina...sono altra cosa, anche se non si arriva a livello internazionale
warrior63
Domenica 22 Aprile 2018, 19.41.46
7
Dici bene Velvet. ..
velvet
Domenica 22 Aprile 2018, 19.31.32
6
@Obscure , i Vanadium secondo me erano l' unica band che all' epoca poteva competere con la scena internazionale senza fare una figura di cacca , anzi battendosela alla grande con molti altri nomi più blasonati. Non so se hai visuto quel periodo, ma ti assicuro che nel mio paese e dintorni, subito dopo Judas, Iron , Deep e le band "storiche" dell' Hard e dell' Heavy , c' erano i Vanadium come band di "punta"... ed era l' unica italiana!
ObscureSolstice
Domenica 22 Aprile 2018, 19.17.17
5
Ma poi sti Vanadium, diciamoci la verità..non sono tutta sta gran cosa. Non sono mica il massimo valore aggiunto delle band metal italiche dimenticate. Ormai lui più che altro insulta tutti, all'inizio ci poteva stare in parte condivisibile sulle cose giuste, dopodiché hai rotto i coglioni. Mi ricordo che perfino quando ha fatto da spalla agli AC/DC con le vibrazioni si è messo a fare il monologo. Ma può essere un artista serio codesto nano campano? Pino hai rotto i coglioni, vai jack...tanto non ti chiameranno mai su rai 2
velvet
Domenica 22 Aprile 2018, 18.45.55
4
Il fatto che ci sia gente che ancora da credito a questa barzelletta vivente, significa solo che il lavoro da fare è ancora molto lungo. E' addirittura peggio di Richard Benson... Lui non è stato grande, sono i Vanadium che sono stati grandi.
Mulo
Domenica 22 Aprile 2018, 18.28.42
3
Brus Dickinso' e Axl Rose non li regge proprio ,non perde occasione x insultarli . I Vanadiun eranop una buona band,poi nn l'ho più seguito.Al nuovo disco darò un ascolto visto che a quanto si legge dall'interviste dovrebbe avere sonorità a me gradite.
Elluis
Domenica 22 Aprile 2018, 12.57.47
2
Di Pino Scotto si può dire davvero tutto e il contrario di tutto, ma una cosa è certa, è uno che le cose non te le manda a dire, e sinceramente questo, per quanto diretto e a volte quasi brutale, è un atteggiamento che mi piace in una persona. Sono molto incuriosito da questo album in uscita, voglio proprio ascoltarlo e sono abbastanza fiducioso del fatto che mi piacerà.
alexilpastore
Domenica 22 Aprile 2018, 0.42.07
1
Ah pino più che scotto mi sembra già da un pò-COTTO-;se conoscesti berlinguer,con una degna di babbo, come figlia ed erede del potere la cosiddetta"INBIANCA BERLINGUER,ora vatti a conoscere il padrino del movimento a 5palle,vale a dire l'esponente rothschildiano ENRICO SASSON;quò maremma maiala si passa dalla padella alla brace,caro pino!!ALEXilpastore,
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Pino Scotto
Clicca per ingrandire
Pino Scotto
Clicca per ingrandire
Pino Scotto
RECENSIONI
s.v.
70
65
78
s.v.
ARTICOLI
22/04/2018
Intervista
PINO SCOTTO
Un uomo libero
02/07/2014
Live Report
MOTORHEAD + PINO SCOTTO
CITY SOUND, Ippodromo del Galoppo, Milano, 24/06/2014
17/01/2013
Live Report
PINO SCOTTO + HYPERSONIC + EPISTHEME
Barbara Disco Lab, Catania - 12/01/2013
18/12/2011
Live Report
PINO SCOTTO + VOODOO HIGHWAY + DEEP SOUTH
Discoteca "Il Faro", Catania, 07/12/2011
19/03/2011
Intervista
PINO SCOTTO
Sanremo, Palermo e Jack Daniel's
26/02/2011
Live Report
PINO SCOTTO + CRIMSONWIND
Zsa Zsa, Palermo, 18/02/2011
22/09/2010
Intervista
PINO SCOTTO
Non è un Paese per rockers
13/04/2010
Live Report
PINO SCOTTO + OPPOISER
Sabotage Bar, Vicenza, 03/04/2010
08/01/2009
Intervista
PINO SCOTTO
Le donne? La droga? Cavoli miei!
03/12/2008
Live Report
PINO SCOTTO + THE SOVRAN + SCREAM FOR MAIDEN
Target Club, Bari, 14/11/2008
27/01/07
Intervista
PINO SCOTTO
Parla l'icona del rock tricolore
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]