Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

26/05/18
SAILING TO NOWHERE
BLACK OUT - ROMA

26/05/18
DON BROCO
SERRAGLIO LIVE - MILANO

CRYPTIC WRITINGS - # 70 – Like a Stone – Audioslave
29/04/2018 (414 letture)
18 maggio 2017.
Il mondo si risveglia più vuoto di quando si era assopito.
Qualcuno ha deciso di spiccare il volo diretto verso un’altra dimensione, lasciando sulla Terra solo ricordi e musica, tanta buona musica.

Doveroso cominciare questo articolo citando quella particolare data di maggio, rimasta ormai impressa nei ricordi.
Ma non vuole essere il ricordo malinconico di un musicista talentuoso del calibro di Chris Cornell a guidare l'articolo, piuttosto un'analisi del messaggio e della portata del contributo musicale che è stato in grado di trasmettere dapprima con gli storici Soundgarden; un messaggio ancora vivo perché congelato nell'eternità della musica.
Nel suo essere un artista sensibile e vocalmente molto dotato, Cornell nei suoi circa trent'anni di dedizione alla musica è stato in grado di raccogliere a sé sempre più sostenitori, grazie ad una carriera densa di successi e di progetti che, oltre alla band sopra citata ed ai più commerciali Audioslave, lo hanno visto impegnato anche con un suo progetto solista, capace di attirare i non amanti del grunge o dell’alternative metal, oltre che con i Temple Of The Dog, con cui incise quella pietra miliare dell’omonimo album, contenente alcuni tra i brani più belli interpretati dal cantante di Seattle come la mastodontica Hunger Strike.
Se il timbro sporco e profondo di Chris riesce a catturare all’interno di canzoni caratterizzate da atmosfere blueseggianti e calde, di sicuro non perde emotività anche quando ha a che fare con il sound più moderno e pomposo degli Audioslave. Sarà su di loro che quindi principalmente ci concentreremo in questo articolo.

AUDIOSLAVE: LIKE A STONE.
Nati dopo lo scioglimento dei già citati Soundgarden, gli Audioslave possono essere definiti come un'estensione più educata dei ribelli Rage Against The Machine, con l’aggiunta di un Chris Cornell reduce da un periodo personale buio per via di dipendenze ed abuso di sostanze.
Il loro stile alternativo, le loro liriche spesso profonde e l'energia espressa con sonorità tra il catchy ed il commerciale –vedasi la frequente rotazione di pezzi come Cochise nell’emittente MTV- hanno portato il gruppo a diventare molto noto ad inizio anni 2000, in piena epoca in cui gruppi nu/alternative metal, quali Linkin Park, Korn, System Of A Down e Slipknot, stavano affermandosi nel panorama musicale internazionale.
Il brano che andremo ad analizzare è sicuramente uno dei più noti, uno dei più “easy listening” come struttura, ritmica e melodia, ma che non per questo non ci fornisce spunti di riflessione molto intimi e profondi: stiamo parlando di Like A Stone, tratto dal debut album omonimo pubblicato nel 2002.
Arrangiamento semplice, zero tecnicismi strumentali, pochi orpelli ed una tristezza di fondo che si imprime nell’ascoltatore.
Che cosa rende allora questo brano così speciale?
Su tutti svetta sicuramente la prestazione magnifica al microfono di un Cornell capace di trasferire i propri sentimenti, le proprie emozioni all’interno del pezzo, facendo sintonizzare l’ascoltatore con il vortice di sensazioni spesso tristi e malinconiche, perfette per toccare l’anima.
In secondo luogo, ma non per questo meno importante, bisogna dare grande merito al testo scritto dallo stesso musicista, non banale ma neanche troppo complesso, che esplode in un ritornello emozionante. Proveremo a darne un'interpretazione, nonostante nasconda alcuni strati più criptici.

On a cob web
afternoon,
In a room full of emptiness
By a freeway
I confess
I was lost in the pages
of a book
full of death;
Reading how we'll die alone.
And if we're good we'll lay to rest,
Anywhere we want to go.


In un pomeriggio di dubbi
In una stanza completamente vuota
Vicino ad una superstrada
confesso
Di essermi perso fra le pagine
Di un libro
intriso di morte;
Leggendo di come moriremo soli.
E che se saremo buoni potremo giacere,
Ovunque vorremo.


E’ con un un clima cupo e triste che il brano inizia. Un arpeggio di chitarra, accompagnato da basso e batteria, cadenza un ritmo lento ed apparentemente rilassante. Ma è proprio in questo momento che entra in scena Chris, spostando in maniera netta l'asse emotivo e portandoci su un mood più cupo. Nell'emettere quasi dei lamenti dalla gola, descrive con amarezza la sensazione di solitudine mentre ci si trova in un luogo vuoto, desolato. La stanza viene paragonata ad un ammasso di ragnatela, quasi a voler raffigurare una mente aggrovigliata di dubbi.
Ci si sente sperduti, non si comprende come uscire dal misto di angoscia e paura nel quale ci si trova, probabilmente dovuti alla scomparsa di una persona cara alla quale si fa rimando nel testo. La riflessione è anche volta al capire come sia possibile morire soli, con una apertura religiosa nel finale della strofa, dalla quale potrebbe essere inteso un riferimento al passaggio dal nostro mondo a quello incerto dell’Aldilà.

In your house
I long to be;
Room by room
patiently,
I'll wait for you there
like a stone.
I'll wait for you there
alone.


Nella tua casa tua
desidero essere;
Di stanza in stanza
con pazienza,
Ti aspetterò lì
Come una pietra.
Ti aspetterò lì
Solo.


Il primo ritornello aumenta l’epicità del pezzo con una melodia più maestosa. Cornell ci racconta di un luogo in particolare nel quale vorrebbe trovarsi, che può essere inteso come quello nel quale potrà incontrare nuovamente la persona alla quale sono rivolti i suoi pensieri, nonostante l’impazienza di volerla incontrare sembra quasi contrastare con la solidità e la pazienza con cui viaggia "di stanza in stanza".
Stando ad alcune interviste rilasciate prima e dopo la pubblicazione dell’album di debutto degli Audioslave, Cornell ammise di aver vissuto un’infanzia difficile segnata da lunghi periodi di depressione e da un forte contatto con la religione, dovuto alla frequentazione di una scuola cattolica improntata su delle regole molto ferree. Nel corso degli anni, il cantante mutò opinione nei confronti della religione, non arrivando a dichiararsi “credente”, ma allo stesso tempo da ateo si confronterà in modo più spirituale a molte tematiche della vita.
Questi dettagli hanno sicuramente influito anche sulla stesura delle lyrics di questo brano, che contiene in sé numerosi riferimenti criptici al cristianesimo e ad un possibile Dio, inteso come entità spirituale superiore.
Tornando al brano, Chris usa un paragone molto bello e molto forte per descrivere la sua voglia di rivedere la persona cara e questo viene descritto spiegando che lui la aspetterà li, "come una pietra” (Like a stone, come il titolo della canzone).
Un altro particolare che conferma la tristezza provata dal leader nei confronti della sua solitudine arriva quando rimarca ti aspetterò lì, da solo, senza far quindi riferimento ad alcun sostegno o aiuto esterno.
Ci si trova da soli ad attendere un ritorno e nell'ascoltare queste parole si ha quasi la sensazione di vedere un uomo seduto in una stanza completamente vuota, con pareti tinte di nero.

And on my deathbed
I will pray
to the gods and the angels,
Like a pagan
to anyone
who will take me to heaven;
To a place
I recall,
I was there so long ago.
The sky was bruised,
the wine was bled,
and there you led me on.


E sul mio letto di morte
pregherò
Gli dei e gli angeli,
Come un pagano
(pregherò) chiunque
Mi porterò in paradiso;
In un luogo
in cui mi ricordo
Di essere stato cosi' tanto tempo fa.
Il cielo era livido
Il vino color sangue
E lì mi guidavi.


Questa parte del brano ha un gusto quasi teatrale nella descrizione dei particolari ed è come assistere ad una scena tragica e dolorosa.
L’attenzione si sposta su Cornell che metaforizza la vita come un letto di morte, nel quale sta aspettando un ricongiungimento. Sembra quasi aver terminato le speranze nell'affidare le sue preghiere verso gli dei, verso gli angeli, "come un pagano" verso chiunque possa soddisfare il suo desiderio di abbandonare la Terra per arrivare finalmente a quel paradiso a cui tanto aspira. Le tre strofe finali sono una descrizione astratta della sensazione provata in quel momento di dolore e attesa, durante il quale trova però uno spiraglio di positività seppur melanconico: si può leggere come il luogo a cui i ricordi di Chris si ricollegano sia anche connesso al ricordo di questa persona cara, che lo incoraggiava e guidava, quasi come a voler trarre da quei ricordi la forza di resistere, continuando a vivere in attesa del ricongiungimento naturale.

In your house
I long to be;
Room by room,
patiently,
I'll wait for you there
like a stone.
I'll wait for youthere
alone,
alone.


Nella tua casa
Vorrei essere;
Di stanza in stanza,
con pazienza,
Ti aspetterò lì
come una pietra.
Ti aspetterò lì,
solo,
solo.


Di fronte al ripetersi del ritornello, Chris varia leggermente la melodia vocale di alcune parole, ma è come per voler rimarcare la tristezza nella paziente attesa, sostenendola con maggiore enfasi e rendendola ancora più amplificata.

And on I read
until the day was gone;
And I sat in regret
of all the things I've done;
For all that I've blessed,
and all that I've wronged.
In dreams until my death
I will wander on.

In your house
I long to be;
Room by room,
patiently,
I'll wait for you there
like a stone.
I'll wait for youthere
alone,
alone.


E proseguii con la lettura
fino alla fine del giorno;
E rimasi seduto con il dispiacere
per tutte le cose che ho fatto;
Per tutte quelle in cui sono riuscito
E tutte quelle in cui ho sbagliato.
Nei sogni fino alla mia morte
continuerò ad andare avanti.

Nella tua casa
Vorrei essere;
Di stanza in stanza,
con pazienza,
Ti aspetterò lì
come una pietra.
Ti aspetterò lì
solo,
solo.


L'ultima strofa accumula tutto il dolore e lo fa esplodere in versi devastanti, nei quali si può dedurre come Chris, mentre sta sfogliando le pagine del libro che aveva iniziato a leggere a inizio brano (che certi dettagli farebbero pensare possa essere la Bibbia), rifletta su alcune delle cose compiute durante durante la sua vita. Rimane dispiaciuto per le cose che ha fatto, per i risultati ottenuti ma anche per gli errori. Il riferimento ai sogni che lo traghetteranno fino alla morte può forse rimandare ad una condizione quasi allucinogena della vita: può essere essa stessa vista come un susseguirsi di sogni, che una volta conclusi, lo porteranno finalmente al ricongiungimento tanto sperato.

LA FINE DI UN SOGNO
Like A Stone si candida ad essere una delle canzoni più profonde partorite dagli Audioslave: il videoclip è girato nella stanza di un’abitazione (quasi un rimando alla stanza citata nel brano) e mostra i quattro musicisti intenti ad eseguire il pezzo, senza colpi di scena; è un video molto semplice perché vuole dare maggiore risalto all'espressività più intima e riflessiva del pezzo.
L’analisi del brano è ovviamente una delle possibili interpretazioni, alcune dedotte da stralci di interviste e dichiarazioni rilasciate sul vissuto dell'artista, ma è complicato comprenderne a fondo il reale significato. Qualche indizio ce lo ha dato lo stesso Cornell, senza tuttavia scendere in maggiori dettagli, affermando che il pezzo riguarda il costante pensiero ad un possibile aldilà, alla speranza di una sua esistenza, pur differentemente rispetto al normale approccio delle religioni monoteiste.
Ciò non elimina i dubbi riguardanti alcune parti del testo, che rimangono comunque criptiche, lasciando spazio anche ad altre interpretazioni plausibili.

Con la comprensione meno superficiale di lyrics di questo livello di profondità, molti brani possono splendere con maggiore enfasi nelle nostre orecchie. Ora non ci resta quindi che rimettere su il brano e riascoltarlo con attenzione, cogliendone i suoi dettagli e rivolgendo un pensiero e chi ce lo ha donato attraverso la sua musica.



annie
Sabato 5 Maggio 2018, 12.59.03
9
Articolo da brividi, complimenti collega!
Testamatta ride
Venerdì 4 Maggio 2018, 21.41.19
8
Veramente un bellissimo articolo, complimenti. Certo che quelli furono giorni difficili, io ci misi un po' ad assorbire il profondo dispiacere. Non voglio esagerare ma in alcuni casi è come perdere un pezzo della tua vita, perché ci sei cresciuto e l'artista sveste tali panni per diventare come un amico con le cui canzoni scandisce le tue giornate, e leghi momenti e ricordi. In merito alle doti di Chris....diciamo per esempio che Beyond the wheel è tra le tre quattro migliori prestazioni vocali di sempre....ecco per esempio.....
TheSkullBeneathTheSkin
Venerdì 4 Maggio 2018, 14.49.53
7
Chris ne era sicuro già molti anni fa, di quello che sarebbe stato, come fosse la consapevolezza di una maledizione. All'epoca mi colpì una frase, come se la maledizione toccasse anche me, ma soprattutto il mood relativamente arioso da cui fuoriusciva: "fear is strong and love's for everyone who is not me". Lapidaria. Era un brano di DOTU. Dei testi degli Audioslave ho presente il debut "you gave me life now show me how to live", "I am not your rolling wheels, I am the highway"... tutti versi orientati alla sublimazione gassosa, all'espansione del proprio io fino all'annullamento, alla dissolvenza. Grandezza. Non forza. Chris mi ricorda gli elefanti di Dalì, un animo puro mostruosamente grande, per reggersi su quelle zampe improbabili: il giorno che ho provato avivere, ho scoperto di essere un bugiardo, proprio come voi.
Rob Fleming
Venerdì 4 Maggio 2018, 10.29.50
6
@HeroOfSand_14: chiaro. Mi permetto di suggerire allora "sentito"; "sofferto"; "emozionale/emozionante". Sto facendo la figura del professorino pedante, me ne rendo conto, ma su Cornell sono ancora poco lucido.
HeroOfSand_14
Venerdì 4 Maggio 2018, 10.01.12
5
@Akira e @Rob: ci tengo a precisare che con il termine "profondo" intendevo esprimere la profondità (appunto) delle emozioni che il suo timbro dona all'ascoltatore, non era da intendere come "timbro basso, baritonale". Non so se mi spiego, non essendo un esperto di tonalità e simili non potrei neanche analizzare i vari timbri,.
AkiraFudo
Venerdì 4 Maggio 2018, 9.56.05
4
...concordo decisamente con @rob fleming, senza voler polemizzare ma si tratta di una definizione che davvero mal si adatta a quello che ho sempre considerato come uno fra i pochissimi eletti che si possano definire eredi del grande Robert Plant.
Rob Fleming
Venerdì 4 Maggio 2018, 9.41.44
3
Sicuramente uno dei più grandi della sua generazione. Però devo dire che se penso al timbro di Cornell tutto mi viene in mente fuorché gli aggettivi "sporco" e "profondo" anche a riguardo i Temple of the Dog (altrimenti sarei legittimato a descrivere la voce di Vedder come un growl proveniente dall'oltretomba)
lisablack
Venerdì 4 Maggio 2018, 7.52.57
2
È gia' passato un'anno..è vero! Like a stone brano molto profondo, tra i migliori scritti da Cornell, risalta tutto il suo dolore e la sua sensibilità. Davvero bello..
attila
Venerdì 4 Maggio 2018, 0.59.48
1
Bellissimo articolo complimenti!Molto toccante..ci manchi Chris..
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Cryptic Writings #70
ARTICOLI
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]