Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina dell'evento
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

TERZA ADUNATA - RADUNO IMPERIALE DI FEUDALESIMO E LIBERTÀ - Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 26/05/2018
30/05/2018 (1905 letture)
Non capita tutti i giorni la possibilità di vedere nella stessa sera due band “particolari” come Atroci e Nanowar of Steel. I primi hanno accompagnato l’adolescenza di almeno una generazione di metallari e negli anni (al di là del silenzio discografico) sono sempre rimasti relativamente parchi in termini di apparizioni dal vivo. I secondi invece continuano a cavalcare la cresta dell’onda garantendo sempre un gran livello qualitativo in show sempre numerosi e divertenti. Insomma: l’occasione era ghiotta. A far da cornice al tutto c’era la terza adunata ufficiale di Feudalesimo e Libertà, organizzazione parodistica (loro direbbero “partito politico”) che da sito ufficiale e pagina Facebook propugna il ritorno al potere “dello” imperatore, come solo dei veri ghibellini saprebbero fare. Parliamoci chiaro: in questi tempi di crisi lavorare sedici ore al giorno presso la gleba del feudatario locale rappresenta -quantomeno- una possibilità da non escludere a priori.

Arriviamo presso il Live Club alle 17, in ritardo di circa due ore rispetto all’inizio previsto della giornata. I concerti non inizieranno prima della serata e ciò ci dà il tempo di guardarci un po’ intorno. Il locale è stato sfruttato nella sua interezza: oltre al palco principale all’interno ne è stato allestito un altro più piccolo (dove si svolgerà peraltro il concorso per la Pulcella più Casta) e un altro ancora nella piccola area esterna, in prossimità dei tavoli della “hosteria”. In mezzo a tutto ciò troviamo un gran numero di bancarelle che vanno dal merch ufficiale dei gruppi e di FeL alla fumettistica, passando per il piccolo artigianato e i libri e l’oggettistica fantasy. Sempre all’esterno è stato ricavato uno spazio dove si tengono combattimenti simulati che rappresenteranno un’attrazione tutto sommato gradevole.
Il susseguirsi di eventi sui palchi è relativamente caotico, ma -nel complesso- pur rappresentando un antipasto alla parte “musicale” dell’evento permette agli accorsi di trascorrere il tempo, potendo peraltro incrociare personalità come Christian Ice (youtuber e fonico dei Nanowar) e Don Alemanno (autore del fumetto Jenus di Nazareth e cantante degli Holy Martyr). Tra approfondimenti goliardici sul cinema a tema medioevale con lo youtuber cinefilo Victorlaszlo88 e momenti “magici” con il mentalista Vanni de Luca e l’illusionista Tiziano Grigioni arriviamo alle prime -brevi- esibizioni musicali (quelle a cui abbiamo assistito almeno, perché ce ne sono state anche altre sui palchi secondari). Iniziano i Longobardeath, che hanno allietato i commensali dell’Hosteria con il loro hard rock “caciarone” cantato in milanese (la band è peraltro attiva da quasi trent’anni) e a quella dei Bardo Magno, super-gruppo composto da Don Alemanno, Mohammed Abdul dei Nanowar (per l’occasione convertitosi al cattolicesimo con il nuovo nome di Irene), Maurizio Cardullo (polistrumentista dei Folkstone) ed Edo Sala (batterista, sempre dei Folkstone). Questi ultimi reinterpretano classici della musica pop italiana in una chiave testuale adeguata al contesto. Ecco così avvicendarsi perle come Io Ghibellino che Son Io, Sotto il Sole di Avignone, Drakkar Special e Ius Primae Noctis (cantata sulla base di Certe Notti di Ligabue).
Poco dopo la conclusione della loro esibizione il palco viene approntato per il primo grande gruppo della serata: gli Atroci.

GLI ATROCI
Li aspettavamo con trepidazione, vuoi perché è sempre raro incrociarli su un palco e vuoi perché vederli suonare insieme ai Nanowar of Steel fa un certo effetto in noi amanti del metal più demenziale, e loro non ci hanno delusi. Gli Atroci, che solo il giorno prima avevano suonato in quel di Tregnago (VR), invadono la terza Adunata di Feudalesimo e Libertà con alcuni dei loro brani più conosciuti, correlati dalla solita carica umoristica che solo questo tipo di proposta può riuscire a trasmettere.
Un’ora è il tempo a loro disposizione, un’ora in cui veniamo travolti dal Sacro Metallo sprigionato dalla chitarra della Bestia Assatanata, dal basso dell’Oscuro Alchimista e dalla batteria dell’Orco Cattivo (questi ultimi due da poco entrati in formazione); ma non basta, perché non è un vero concerto degli Atroci senza i cori e le “coreografie” del Nano Merlino e del Boia Malefico e soprattutto senza la presenza centrale del Profeta, voce che da sempre ci guida sulla retta via del Metallo. Si spengono le luci e si accende la voce di una cara nonnina e del suo “tenero” gattino Fufi, prima dell’assalto di uno dei pezzi più cattivi della discografia della band bolognese: Ora basta. Tra il pubblico è subito fermento, e l’agitazione di massa sfocerà in un sacrosanto wall of death di lì a poco. Ma prima c’è spazio per diversi classici, come Volevo un taglio semplice e la “politicante” Fratelli nella fede che, così come I guerrieri del metallo e I dieci metallamenti, costituisce le pagine più importanti dei dettami metallici degli Atroci. Non mancano nemmeno quei brani che più di tutti fanno esplicito riferimento a gruppi a noi molto conosciuti, come Rhapsody o Rammstein, e stiamo ovviamente parlando di Il drago infuocato nel bosco incantato e l’attesissima Pennellen, cantata a squarciagola da tutti i sodali presenti. Dall’ultimo album (datato, ahimè, 2009) sono state eseguite anche Disinfestazione e Radiazioni, canzoni entrate meno di altre nel cuore degli appassionati, ma comunque assolutamente travolgenti dal vivo. Per non parlare poi della cattivissima Voglio vederti morire, di Curati la gotta, e di I tuoi amici atroci, vere e proprie chicche dal primo indimenticabile album pubblicato nel lontano 1999.
Un live degli Atroci non è mai un evento da considerarsi di secondaria importanza: la carica umoristica unita ad una proposta musicale tecnicamente ineccepibile rendono i loro concerti momenti indimenticabili per chi ha avuto la fortuna di parteciparvi. Unica nota negativa di quest’ora più che mai intensa di esibizione è stata la poca cura dei suoni, col microfono della voce principale che spesso rendeva impossibile capire le parole del Profeta.

NANOWAR OF STEEL
Dopo il grande show degli Atroci tocca ai romani prendere possesso dello stage principale del Live Club (che nel frattempo ha ospitato la breve parentesi acustica del duo The André). La posizione di headliner è ormai per loro un fatto consueto, anche alla luce della realizzazione dell’inno di FeL qualche anno fa.
Dopo un’intro -stranamente magniloquente- costruita creando una specie di versione sinfonica di Tricycles of Steel, i nostri attaccano con Bestie di Seitan, dedicata -probabilmente- ai vegani presenti in sala. I suoni appaiono da subito abbastanza bilanciati, con forse solo i microfoni in difetto di volume a favore di una batteria e un basso molto presenti (dettagli risolti poi in poco tempo da Christian Ice al mixer). Tutto il concerto dei Nanowar si è poi imperniato in maniera quasi esclusiva sull’EP Tour-Mentone 1 e in parte sull’ultimo album A Knight at the Opera. Questo per non allungare eccessivamente i tempi (il concerto è stato tutto sommato breve), pur proponendo comunque alcuni dei tormentoni che li caratterizzano. Dall’immancabile Giorgio Mastrota (The True Keeper of Inox Steel) introdotta da un’improvvisazione goliardica tra Potowotominimak e Mr. Baffo sulle note di Stairway to Heaven, al Cacciatore della Notte e il suo complicatissimo ritornello (in questo caso con tanto di Vanni de Luca travestito da barbagianni). A Cena da Gianni (immaginate voi l’argomento) viene bilanciata sul fronte “alimentare” da Ode al Cetriolo, Ortaggio Prestigioso, anche se è comunque da registrare l’uso improprio del suddetto ortaggio da parte del cantante Potowotominimak. Dopo l’episodio tangibilmente più imbarazzante di Tutte Cagne (che il pubblico femminile ha apprezzato solo in parte) si arriva poi ad uno dei momenti più attesi della serata. Pochi giorni fa era uscita infatti su Youtube una collaborazione tra Nanowar of Steel e Atroci, concretizzatasi nel brano Sottosegretari alla Presidenza della Repubblica del True Metal, ed era lecito aspettarsi -vista l’occasione- una sua esecuzione live. Ciò è avvenuto, con tutti gli Atroci che salgono sul palco a dare manforte ai Nanowar (tutti alla voce tranne La Bestia Assatanata, che ha comunque suonato la chitarra insieme al collega Mohammed Abdul). Uinona Rider alla batteria e Gatto Panceri 666 hanno fatto da sostituti dei loro colleghi occupandosi della sezione ritmica, mentre tutti gli altri si dedicavano a cantare. Inutile dire che si è trattato di un autentico momento storico per tutti gli amanti del metal demenziale italiano. La conclusione viene poi affidata -come prevedibile- all’inno ufficiale di FeL, eseguito con tutti gli ospiti del festival sul palco, chi a cantare (Don Alemanno o Vanni de Luca) e chi semplicemente a festeggiare la buona riuscita della serata. Un gran coronamento per una giornata piuttosto intensa.

Nel complesso si è trattata di una giornata riuscita. Fonti ufficiali parlano di circa 1800 spettatori e le impressioni a caldo sono state quelle di persone che abbiano gradito la manifestazione. Va sicuramente dato atto ai gestori di FeL di aver messo insieme una proposta variegata ed interessante, anche se forse si potrebbe ancora migliorare nella scelta di alcuni act minori e -in generale- cercare di limare un po’ i prezzi di cibo e bevande, nella media per un festival ma complessivamente alti per degli umili servi della gleba.
Appuntamento al 2019.

Introduzione e report dei Nanowar of Steel a cura di Gianluca Leone “Room 101”.
Report degli Atroci e foto a cura di Arturo Zancato “Flight 666”.



Antonino
Lunedì 18 Giugno 2018, 11.05.20
16
Ho buttato 15 euro nel cesso...mai più
Room 101
Giovedì 7 Giugno 2018, 6.20.08
15
@Grezzo: Bastava dirlo che ti serviva qualcosa da criticare a priori e la tua prima osservazione fosse buttata lì e non nel merito. Ti direi che il decidere se una cosa sia spazzatura o meno rimane (fortunatamente) una decisione soggettiva e non tua, ma mi sembra inutile a questo punto. Comunque grazie lo stesso eh. Vivrò bene anche senza regali e non diventerò povero per 13 euro di biglietto.
Grezzo
Mercoledì 6 Giugno 2018, 20.44.18
14
Oh oh oh addirittura! Beato te che hai i soldi da buttare nella spazzatura! Potrebbe essere un bel ritornello per un nuovo pezzo dei 2 gruppi del concerto in questione! Se vi piace ve la regalo!
Room 101
Mercoledì 6 Giugno 2018, 18.54.46
13
@Grezzo: Se mi fornisci un tuo recapito (mail o cosa ti pare) provvederò a mostrarti la prova di acquisto -nominativa- di Mailticket. Così ti risparmio di fare il Capitan Dubbioso della situazione.
Area
Martedì 5 Giugno 2018, 14.14.35
12
"Guerriero di pura Lana Merinooo"!!! Gli Atroci e i Nanowar per anni ci hanno fatto ridere a tutti quanti!
Blessed
Lunedì 4 Giugno 2018, 21.58.38
11
Ammazza... ma una risata ogni tanto, invece della solita acidità di stomaco?
Thomas
Lunedì 4 Giugno 2018, 21.22.04
10
Ottimo articolo
Grezzo
Lunedì 4 Giugno 2018, 20.17.00
9
Stagger...ma te ci credi? Ormai ai concerti accreditano cani e porci. Io invece ho più l'impressione che sia il contrario...cioè quando mancano report di concerti di importanti, è perché non gli hanno dato l'accredito (oppure perché sono gratis quindi non sono privilegiati). D'altronde è risaputa la "fama" di cui godono presso la comunità metal, addetti ai lavori in primis.
Stagger Lee
Lunedì 4 Giugno 2018, 12.09.28
8
ok...quando i soldi sono vostri, prendo atto.
Barry
Lunedì 4 Giugno 2018, 11.59.26
7
Dal momento che paghiamo di tasca nostra i biglietti per i concerti, può capitare che siamo costretti a saltare taluni show, anche a malincuore. Allo stesso modo, per fortuna, siamo ancora liberi di scegliere a quali eventi partecipare, sempre per il fatto che paghiamo con nostri soldi
Stagger Lee
Domenica 3 Giugno 2018, 23.38.17
6
e per le date italiane dei Cradle of Filth di questo inverno scorso (di cui una sempre a Trezzo?)....silenzio. ma sta puttanata invece meritava....
Elluis
Domenica 3 Giugno 2018, 20.10.50
5
@Niklas lieto di non essere il solo a pensarla come te: a volte ho l’impressione di essere un alieno....
LOL
Domenica 3 Giugno 2018, 19.35.33
4
LOL pure il report per sta roba, miti
duke
Domenica 3 Giugno 2018, 15.11.35
3
che cosa e' ....sta zozzeria?
Niklas
Sabato 2 Giugno 2018, 13.45.43
2
Non capita tutti i giorni la possibilità di vedere nella stessa sera due band “particolari” come Atroci e Nanowar of Steel. E meno male.
Zess
Giovedì 31 Maggio 2018, 19.32.33
1
1800 persone per una buffonata a 15 euro, per i gruppi veri... vabbeh, il discorso è sempre lo stesso da eoni ormai.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel e Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel e Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel e Gli Atroci
Clicca per ingrandire
Nanowar of Steel e Gli Atroci
ARTICOLI
30/05/2018
Live Report
TERZA ADUNATA - RADUNO IMPERIALE DI FEUDALESIMO E LIBERTÀ
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 26/05/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]