Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
Clicca per ingrandire
Electric Wizard
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/12/18
YSENGRIN/STARGAZER
D.A.V.V.N.

15/12/18
SPEED KILLS
Speed Kills

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

CONCERTI

15/12/18
WITHIN TEMPTATION
FABRIQUE - MILANO

15/12/18
NANOWAR OF STEEL
REVOLVER CLUB - SAN DONA DI PIAVE (VE)

15/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/18
NECROART + GUESTS
BONNIE & CLYDE - TORRICELLA VERZATE (PV)

15/12/18
STONEDRIFT + TOTEM AND TABOO
CONDOR DARK CLUB - RUBIERA (RE)

15/12/18
SPEED KILLS + CARRION SHREDS + ADEPTOR
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

15/12/18
BARBARIAN + MERCILESS ATTACK + APOCALYPTIC SALVATION
CIRCOLO MU - PARMA

16/12/18
NOVEMBRE + LES DISCRETS
CYCLE CLUB - CALENZANO (FI)

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

ELECTRIC WIZARD + UFOMAMMUT + HUMULUS - Live Music Club, Trezzo sull'Adda (MI), 18/11/2018
23/11/2018 (416 letture)
CACOFONIA PORTAMI VIA...
Dopo più di un lustro di assenza dal suolo italico i maestri del doom Electric Wizard tornano con due concerti nel nostro Paese: per la data milanese poi gli opener, oltre alla giovane band Humulus, sono nientemeno che gli Ufomammut quindi -seriamente- potevamo perderci questo appuntamento? No di certo, e allora accredito alla mano via verso Trezzo a tutta velocità per qualla che si preannuncia come una serata ad altissimo volume (distorto)!

HUMULUS
La sala del Live è ancora abbastanza "spoglia" quando fanno il loro ingresso tre ragazzi armati di strumenti e bottigliette: gli Humulus salutano e attaccano il proprio breve set con suoni buzz e ampli vintage che sfrigolano riff cadenzati e sostenuti. Il biondo Andrea Van Cleef ricorda vagamente Kurt Cobain e si adopera sia alla chitarra che al microfono mentre il bassista Giorgio Bonacorsi (ex Folkstone) fa il suo tra distorsioni e giri di basso corposi ed essenziali; completa il trio Massimiliano Boventi che nonostante un drumkit non esagerato satura l'aria con rullate dege di nota. Gli stoner lombardi durante una delle brevi pause tra un pezzo e l'altro reclamizzano pure quella che scopriamo essere proprio la loro birra e concludono lo spettacolo con il brano omonimo sia della suddetta IPA che del gruppo stesso, ricevendo gli applausi del pubblico che via via sta riempiendo sempre più il locale meneghino.

UFOMAMMUT
Veloce cambio di palco ed ecco entrare in scena i piemontesi Ufomammut, una delle formazioni di punta del panorama sludge/doom internazionale, a dimostrazione che quando c'è talento vero ci si può fare un nome anche ad alti livelli. Urlo al solito ha uno sguardo tra lo spiritato e il folle, grida nel microfono le relativamente poche parti cantate e al tempo stesso si danna sul proprio basso mentre sull'enorme scenografia alle sue spalle scorrono immagini coloratissime che completano l'atmosfera ipnotica delle canzoni in scaletta. Ben presto il batterista Vita si toglie la t-shirt perché l'atmosfera, complici le luci rosse che fanno tanto inferno di fuoco, si scalda immediatamente tra gli apprezzamenti e gli incitamenti degli astanti che sgranano gli occhi di fronte a tanta furia sonora esaltandosi e scapocciando a più non posso. La chitarra acida e pungente di Poia distribuisce carezze e schiaffi a non finire e la platea pare essere in stato di catalessi mentre scorrono le note di una Temple o di una Zodiac interpretate in maniera magistrale e con il piglio della grande band; i circa 45 minuti a disposizione dell'act proveniente da Tortona si chiudono con God e con l'abbandono degli strumenti urlanti sulle casse degli amplificatori mentre i tre musicisti abbandonano lo stage tra applausi e cori di approvazione, giocandosi il titolo di miglior performance della serata con gli headliner (anzi, più di uno spettatore ha decretato vincitori dello "scontro diretto" proprio gli alessandrini): una cosa è certa, gli Ufomammut sono una band di qualità assoluta.

SETLIST UFOMAMMUT
1. Temple
2. Warsheep
3. Zodiac
4. Oroborus
5. Hellcore
6. God


ELECTRIC WIZARD
Dopo un rapido soundcheck ad opera dei musicisti stessi, ecco il turno degli attesissimi Electric Wizard: la band britannica mancava dalle nostre lande da un bel po' di tempo e per rifarsi ha schedulato una data a Roma oltre a quella odierna in quel di Trezzo. I fan di Jus Oborn & Co. si sono presentati in massa nella venue milanese e il Live risulta bello pieno: il boato sull'attacco della mitica Witchcult Today la dice lunga sulle aspettative del pubblico e bisogna dire che il leader del gruppo sembra volerlo accontentare con una scaletta di tutto rispetto e che propone la sola See You in Hell dall'ultimo lavoro in studio, il non troppo entusiasmante Wizard Bloody Wizard. Lo schermo sullo sfondo proietta al solito immagini di B-movie horror di settantiana memoria, sangue, sesso, morte, droghe... il mondo wizardiano si rispecchia perfettamente con la parte video mentre le note ossessive e solenni ci trasportano in un trip lisergico malsano e sulfureo: anche qui le teste si muovono all'unisono sui riff intessuti dalla coppia Oborn/Buckingham. A proposito della bionda chitarrista, va segnalato come essa sia defilata nel suo angolino in ombra e appaia al centro dello stage solo per tracannare di tanto in tanto un goccio di birra, lasciando il centro della scena al marito Jus che comincia a sudare copiosamente già a inizio set. La new entry Haz Wheaton ben figura al basso, avviluppando le note con le proprie dita e donando il mood tipico a brani quali Black Mass e Incense for the Damned. Sembra di assistere a un rituale esoterico e gli adepti del culto dello Stregone Elettrico sono rapiti da quanto accade sul palco, sottolineando l'ottima prova con applausi convinti ad ogni esecuzione e ricevendo un semplice "Thanks!" da parte di Oborn, il quale ci invita con un eloquente "Come My Fanatics!" a un lungo Return Trip. Dietro le pelli Simon Poole scandisce il ritmo di questo macigno sonoro e di altri della stessa caratura, come ad esempio la title track del capolavoro Dopethrone o la sublime The Chosen Few, il cui assolo rappresenta uno dei momenti di maggior pathos dell'intero show; Funeralopolis è la lenta marcia che ci accompagna alla fine del concerto tra pachidermici riff e pattern apocalittici, lasciandoci stralunati e inebetiti, ancora una volta succubi del potere soprannaturale dello Stregone Elettrico.

SETLIST ELECTRIC WIZARD
1. Witchcult Today
2. Black Mass
3. Return Trip
4. See You in Hell
5. Incense for the Damned
6. Satanic Rites of Drugula
7. Dopethrone
8. The Chosen Few
9. Funeralopolis



Devil1
Venerdì 23 Novembre 2018, 13.19.50
2
Concerto fantastico, tutti bravissimi, ottimi gli humulus, straordinari come sempre gli Ufomammut ma ragazzi non scherziamo: gli electric wizard hanno spazzato via tutto e tutti, non c'è gara. Sono una band di un altro pianeta, una divinità maligna da adorare e venerare. Sembrava di partecipare ad un rito occulto e frastornante che ci ha avviluppato e risucchiato completamente. insomma un'esperienza mistica
No Fun
Venerdì 23 Novembre 2018, 9.38.22
1
Madonna mi fa ancora male il collo da quanto ho scapocciato su Funeralopolis (e anche prima) !! Sempre simpatici i filmati con maghi messe nere e donnine sculettanti. Per me ok gli Ufomammut sono bravissimi ma a me fanno partire lo sbadiglio dopo cinque minuti. Non c'è gara per me. Poi loro Liz non ce l'hanno, defilata o meno...
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Humulus
Clicca per ingrandire
Humulus
Clicca per ingrandire
Humulus
Clicca per ingrandire
Ufomammut
Clicca per ingrandire
Ufomammut
Clicca per ingrandire
Ufomammut
ARTICOLI
23/11/2018
Live Report
ELECTRIC WIZARD + UFOMAMMUT + HUMULUS
Live Music Club, Trezzo sull'Adda (MI), 18/11/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]