Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina dell'evento
Clicca per ingrandire
Bloodbath
Clicca per ingrandire
Bloodbath
Clicca per ingrandire
Bloodbath
Clicca per ingrandire
Bloodbath
Clicca per ingrandire
Hatebreed
Clicca per ingrandire
Hatebreed
Clicca per ingrandire
Hatebreed
Clicca per ingrandire
Hatebreed
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/02/19
ONIROPHAGUS
Endarkenment (Illumination Through Putrefaction)

19/02/19
EVIL CONSPIRACY
Evil Comes

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
FM
The Italian Job

21/02/19
LARSEN
Tiles

22/02/19
WITCHERS CREED
Awakened From The Tomb…

22/02/19
HORNDAL
Remains

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

22/02/19
CONTINUUM
Designed Obsolescence

22/02/19
MORTANIUS
Till Death Do Us Part

CONCERTI

16/02/19
OBSCURA + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

16/02/19
P.O.D. + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

16/02/19
MICHALE GRAVES
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/02/19
PROSPECTIVE
REWORK CLUB - PERUGIA

16/02/19
WHITE SKULL + CHRONOSFEAR + ICY STEEL
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/02/19
ELECTROCUTION + BLACK RAGE + ULTERIOR
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

16/02/19
JETTASANGU FEST
CPO COLAPESCE - CATANIA

16/02/19
FAST AS A SHARK FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

17/02/19
WHILE SHE SLEEPS + LANDMVRKS + STRAY FROM THE PATH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/19
MICHALE GRAVES
DRUSO - RANICA (BG)

KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE - Alcatraz, Milano - 06/12/2018
12/12/2018 (985 letture)
Non appena letto l’annuncio della data italiana dell’European Apocalypse tour mi si illuminarono gli occhi: Kreator e Dimmu Borgir co-headliner accompagnati da Bloodbath e Hatebreed, mica pizza e fichi. Con dei nomi del genere in cartellone questo mini festival (perché di festival si può parlare, visti i diversi generi proposti) si presentava immediatamente come uno degli appuntamenti più appetitosi dell’anno. Per un motivo o per l’altro mi attardo a comprare il biglietto, ma ciò si rivelerà una mossa azzeccata: dopo aver subito un’insopportabile rottura di scatole a causa del famigerato periodo “black friday”, questo rivela una volta tanto la sua utilità sotto forma di abbassamento del prezzo del biglietto; lo prendo come un segno, è il momento di fiondarsi dal rivenditore sotto casa e accaparrarmi senza indugio l’agognato tagliando. Arrivo all’Alcatraz con un leggero anticipo e noto con piacere che pure i prezzi del merchandise sono onesti, per cui prendo una t-shirt e mi piazzo sotto il palco in seconda fila con facilità (il pubblico al momento non è ancora numerosissimo). Dopo pochissimi minuti in perfetto orario si abbassano le luci e fa il suo ingresso il primo gruppo della serata...

BLOODBATH
Apre le danze la superband Bloodbath che ci inietta dello sporco death metal direttamente nelle vene come solo un ensemble di valore sa fare. Nick Holmes & soci si presentano sul palco con l’aspetto di zombie che abbiano appena finito di far merenda con cosce e braccia di cristiani pur con una mise quanto mai adatta (il singer in particolare risulta comunque elegante in completo nonostante il sangue rappreso sulla camicia). La maggior parte dei presenti è già in visibilio, e a ragion veduta: non capita tutti i giorni di ritrovarsi come opener il cantante dei Paradise Lost -giusto per dirne uno- e per qualcuno sono addirittura il motivo principale della propria presenza al concerto. I Nostri, freschi di full length come ci ricorda il buon Nick, pescano tre brani dal nuovo The Arrow of Satan Is Drawn e data anche la ristrettezza della scaletta la scelta pare appropriata oltre che comprensibile. La fine del set dei Bloodbath arriva in fretta senza effetti pirotecnici, ma abbiamo comunque avuto modo di apprezzare un gruppo di grande caratura che ha saputo scaldare a dovere il pubblico.

SETLIST BLOODBATH
Intro
1. Fleischmann
2. Let the Stillborn Come to Me
3. So You Die
4. Bloodicide
5. Outnumbering the Day
6. Chainsaw Lullaby
7. Eaten


HATEBREED
In netto contrasto con la figura di Holmes, il buon Jamey Jasta irrompe sulle assi dell’Alcatraz carico come una molla: è tempo di saltare a ritmo di Live for This e Doomsayer per la gioia dell’eterogenea platea la quale non si fa pregare troppo dagli incitamenti del singer, specie quando questi chiede il primo circle pit della serata. Tamarro come sempre, Jamey non sta fermo un secondo, mentre i suoi compagni non sono da meno: Chris Beattie viaggia di quattro corde che è un piacere completandosi alla perfezione con le rullate di Byrne, mentre il corpulento Frank Novinec esegue un riff dietro l’altro: bando a tecnicismi e assoli, gli Hatebreed stendono un tappeto sonoro sul quale Jasta canta zompando come un canguro. Durante una pausa il cantante racconta di quando il management dei Kreator telefonò agli Hatebreed chiedendo se fossero interessati a partecipare all’European Apocalypse tour con l’ovvia e unica risposta possibile da parte degli statunitensi: “Yes!” C’è ancora tempo per un’esplosiva Destroy Everything e la conclusiva I Will Be Heard ed è il momento dei saluti: al di là dei gusti personali gli Hatebreed si sono dimostrati un’ottima live band e Jamey Jasta un frontman di grande carisma, capace di coinvolgere il pubblico con un perenne sorriso sulle labbra.

SETLIST HATEBREED
1. To the Threshold
2. Live for This
3. As Diehard As They Come
4. Looking Down the Barrel of Today
5. Doomsayer
6. Filth
7. This Is Now
8. Driven by Suffering
9. Beholder of Justice
10. A Call for Blood
11. Destroy Everything
12. I Will Be Heard


DIMMU BORGIR
A questo punto l’atmosfera si fa elettrizzante; in moltissimi sono qui stasera per assistere allo show dei Dimmu Borgir per cui i commenti durante il cambio palco si sprecano: dai diversi accenti capisco che l’Alcatraz contiene davvero tutta l’Italia stasera e non posso fare a meno di pensare che c'è chi per questa passione ha dovuto viaggiare per centinaia di km, mentre io fortunatamente in poco più di un’ora potrò rincasare. Cala l’oscurità ed ecco apparire dalle tenebre i musicisti scandinavi, i quali prendono posizione sul palco; l’ultimo a entrare è il leader Shagrath che subito ipnotizza gli spettatori con le sue movenze e la voce che sembra provenire dall’oltretomba. La scenografia è imponente, tra luci soffuse e croci rovesciate sembra di assistere a un cerimoniale pagano con gli adepti che ripetono le parole pronunciate dal grande maestro: sicuramente i Dimmu Borgir con le loro tuniche e il trucco sono un gruppo di grande impatto visivo, ma per la natura delle loro canzoni molte parti corali sono registrate e quindi si perde un po’ l’appeal diretto che caratterizza un live show. La cosa risulta più evidente a chi, come il sottoscritto, non è troppo avvezzo alle sonorità symphonic/black e naturalmente non infastidiscono i fan della band, ma comunque innegabilmente quello che risulta è un effetto “posticcio” che può non piacere a tutti. Ciò detto, i norvegesi tirano fuori una prestazione di tutto rispetto, proponendo molti cavalli di battaglia del loro repertorio e tre estratti dall’interlocutorio Eonian. La mimica e le pose di Shagrath trovano una variazione quando quest’ultimo si esibisce con un tamburo tribale prima di Council of Wolves and Snakes. Dimmu Borgir viene cantata da tutto il locale, Progenies of the Great Apocalypse è spettacolare e il gran finale è affidato a Mourning Palace sulla quale si raggiunge l’apice della performance. A fine set, sulle note di Rite of Passage i Dimmu Borgir si radunano a centro palco per un inchino di ringraziamento agli applausi ricevuti, quindi -mentre viene issato un enorme telo nero a oscurare lo stage- nelle prime file si nota un ricambio di spettatori che vede la diffusione di thrasher a discapito dei blackster...

SETLIST DIMMU BORGIR
1. The Unveiling
2. Interdimensional Summit
3. The Chosen Legacy
4. The Serpentine Offering
5. Gateways
6. Dimmu Borgir
7. Council of Wolves and Snakes
8. Puritania
9. Indoctrination
10. Progenies of the Great Apocalypse
11. Mourning Palace
Rite of Passage (outro)


KREATOR
Il telone di cui si è appena detto oltre a nascondere i preparativi dell’ennesimo cambio palco ha anche un’altra funzione: quando è il turno dei thrasher tedeschi su di esso vengono proiettate delle immagini (accompagnate dalla voce soave ed esotica di Demis Roussos) che ci suggeriscono come nel corso della storia l’uomo abbia sempre avuto una costante: la violenza. E di questa i Kreator se ne intendono eccome: una volta saliti sulle assi della venue milanese i crucchi sparano una Enemy of God da antologia ed è già ora di volare tra un’esplosione di stelle filanti. Il pogo è totale e immediato, mi ritrovo a guardare negli occhi Sami Yli-Sirniö mentre con naturalezza esegue i suoi assoli, poi arriva la corale Hail to the Hordes cantata dal pubblico guidato da un Mille Petrozza in forma smagliante sotto lo sguardo malvagio di un’enorme testa di demone che sembra volerci inghiottire per trasportarci all’inferno. La formula usata negli album più recenti, maggiormente melodica rispetto ai primi lavori più crudi e grezzi, ottiene un ottimo riscontro anche perché intonare i ritornelli di Satan is Real o Fallen Brother (la cui scenografia al solito prevede un video tristemente aggiornato con le foto dei musicisti che ci hanno lasciato) sa di “momento di aggregazione metallica” e unisce dei perfetti sconosciuti in un unico coro. I grandi classici non muoiono mai, si sa, e Flag of Hate con tanto di bandiera sventolata da Mille non fa eccezione, così come l’irresistibile Phobia, ritmata e violenta al punto giusto; il cantante improvvisa una gara a chi fa più casino tra le varie ali dell’Alcatraz mentre Sami ogni tanto lancia plettri agli astanti che lottano per accaparrarsi l’ambito trofeo. Il riff dell’instant classic Hordes of Chaos è godimento puro, questa superba cavalcata thrash dal vivo non fa prigionieri con Ventor che dietro le pelli lascia basiti per furia e precisione, uno spettacolo nello spettacolo. Anche “Speesy” Giesler fomenta la platea col suo headbanging sfrenato e le corna dirette nella nostra direzione mentre è già il momento della doppietta finale rappresentata da Violent Revolution e dalla devastante Pleasure to Kill, sulla quale ovviamente non si contano gli spintoni e nemmeno le persone che ci volano sulla testa.
Non c’è che dire, l’European Apocalypse è stata un’esperienza a dir poco esaltante che ha visto i Kreator dominatori assoluti, una macchina da guerra inarrestabile che ha raso al suolo un Alcatraz già provato dalle bordate degli altri ottimi gruppi. A suggellare la serata perfetta l'incontro all'uscita con i thrasher tedeschi dei quali ho apprezzato, tra autografi e plettri, la grande umiltà e disponibilità, mentre del tastierista dei Dimmu Borgir Gerlioz ricorderò soprattutto lo stato di alterazione dovuto probabilmente a qualche bicchiere di troppo in camerino. Come detto, questa data era un vero e proprio mini festival che ha accontentato un po’ tutti i palati e che ha avuto un'organizzazione perfetta, con orari rispettati al minuto spaccato, suoni adeguati e una cornice di pubblico degna di un evento simile; in una parola impeccabile. E speriamo ce ne possano essere tante altre.

SETLIST KREATOR
The Four Horsemen (intro) [Aphrodite’s Child song]
1. Choir of the Damned (intro)
2. Enemy of God
3. Hail to the Hordes
4. Awakening of the Gods
5. People of the Lie
6. Gods of Violence
7. Satan Is Real
8. Mars Mantra (intro)/Phantom Antichrist
9. Fallen Brother
10. Flag of Hate
11. Phobia
12. Hordes of Chaos (A Necrologue for the Elite)
13. The Patriarch/Violent Revolution
14. Pleasure to Kill



d.r.i.
Martedì 18 Dicembre 2018, 17.19.36
9
Certo che iniziare il concerto con un megascreen che aveva su scritto "Milan prepare to get destroyed" non lascia molta via di scampo
AL
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 19.17.21
8
Kreator spettacolari. Delle volte che li ho visti questa è stata la migliore.Bella anche la scenografia e Mille sempre un grande! Dimmu bravi ma la voce si sentiva male.. audio migliorato sul finale. Cmq per entrambi i gruppi se si stava troppo davanti si sentiva di merda. Il volume dei kreator è schizzato alle stelle dopo metà concerto. Curioso di rivedere i DB come headliner. Di vecchie speravo ne facessero altre. Scaletta kreator invece buona con la gradita sorpresa di awakening of the gods
Ares
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 14.43.24
7
Shagrath voce dall oltretomba? Si, ma perchè ormai è svociato da far pena... gracchiava senza aver un briciolo di emissione.
Alessio
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 14.27.42
6
Neanche un pezzo a Extreme Aggression o è saltato??? Mah....
d.r.i.
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 14.09.28
5
Perso i bloodbath ho visto buona parte dei hatebreed... noiosissimi. Dimmu bravi ma audio di merda. Kreator fantastici davvero un super concerto
Heavy Metal Grin
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 13.13.57
4
Purtroppo non sono riuscito a vedere Bloodbath e Hatebreed, peccato! Dimmu Borgir, un genere che non ascolto quasi mai, mi hanno davvero coinvolto con Mourning Palace, dal vivo a dir poco sontuosa. Kreator superbi, secondo me l'unica thrash band della vecchia guardia (forse giusto i Testament potrebbero fare lo stesso) a potersi presentare sul palco solo con pezzi "nuovi" (dal 2001 in poi) e mettere insieme uno show fantastico. Hail to the Hordes, Enemy of God, Violent Revolution... Poi vabbè, con Flag of Hate e Pleasure to Kill è venuto giù l'Alcatraz
Metal Shock
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 12.32.36
3
Purtroppo i Kreator, forse la miglior band thrash oggi, non li ho mai visti dal vivo.....sigh...
tino
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 9.36.13
2
Curioso il fatto che i dimmu non hanno fatto nulla del capolavoro spiritual. Peccato altro gruppo che avrei rivisto volentieri
zano
Mercoledì 12 Dicembre 2018, 8.40.49
1
Posso dire "io c'ero" Demolito da un pogo costante, interrotto solo dai i Dimmu. Esperienza mistica
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Dimmu Borgir
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
Clicca per ingrandire
Kreator
ARTICOLI
12/12/2018
Live Report
KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE
Alcatraz, Milano - 06/12/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]