Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helevorn
Aamamata
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/02/19
ONIROPHAGUS
Endarkenment (Illumination Through Putrefaction)

19/02/19
EVIL CONSPIRACY
Evil Comes

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
FM
The Italian Job

21/02/19
LARSEN
Tiles

22/02/19
WITCHERS CREED
Awakened From The Tomb…

22/02/19
HORNDAL
Remains

22/02/19
BLOOD YOUTH
Starve

22/02/19
CONTINUUM
Designed Obsolescence

22/02/19
MORTANIUS
Till Death Do Us Part

CONCERTI

16/02/19
OBSCURA + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

16/02/19
P.O.D. + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

16/02/19
MICHALE GRAVES
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/02/19
PROSPECTIVE
REWORK CLUB - PERUGIA

16/02/19
WHITE SKULL + CHRONOSFEAR + ICY STEEL
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

16/02/19
ELECTROCUTION + BLACK RAGE + ULTERIOR
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

16/02/19
JETTASANGU FEST
CPO COLAPESCE - CATANIA

16/02/19
FAST AS A SHARK FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

17/02/19
WHILE SHE SLEEPS + LANDMVRKS + STRAY FROM THE PATH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

17/02/19
MICHALE GRAVES
DRUSO - RANICA (BG)

CRYPTIC WRITINGS - # 74 - Red - Ten
25/12/2018 (485 letture)
Nell'ambito della musica hard 'n heavy, gli argomenti storici sono stati una cospicua e costante fonte di ispirazione per numerosi gruppi e artisti. Pensiamo ad esempio agli Iron Maiden e al suo frontman Bruce Dickinson, che forte di una laurea in storia ha sempre dedicato ampio spazio a episodi e personaggi più o meno conosciuti in brani come Alexander The Great, Paschendale, Aces High oppure, per cambiare versante, ai Nile, che hanno tratto le idee per i loro pezzi dall'antica storia egiziana. Altri gruppi ancora vi hanno costruito sopra una intera carriera, e mi riferisco in questo caso ai Sabaton, specializzati in brani a sfondo guerresco. In tal senso è esemplare l'ultimo album The Last Stand, in cui ogni traccia è ispirata a una particolare battaglia. In tale disco appare il brano Blood of Bannockburn, che narra della battaglia più importante delle guerre di indipendenza scozzesi. I Sabaton, tuttavia, non sono stati né i primi né gli unici ad ispirarsi a questo particolare episodio storico. Ben 18 anni prima, infatti, i già citati Iron Maiden avevano pubblicato all'interno del bistrattato Virtual XI il brano The Clansman, opportunamente ripescato nel live Rock In Rio.

Quest'oggi parliamo però di un'altra band inglese che ha tratto ispirazione dallo stesso contesto storico, ovvero i Ten. Guidati dal prolifico cantante Gary Hughes, un personaggio che di certo non ama starsene con le mani in mano e che nel corso degli anni è stato coinvolto in numerosi progetti, sia come solista che a supporto di altri artisti, anche i Ten non hanno saputo resistere al fascino delle vicende di William Wallace e dei suoi compatrioti. Un anno dopo Virtual Xi, nel 1999, i Ten pubblicano Spellbound, quarto centro dopo una serie di album di hard rock melodico davvero notevoli e che all'epoca fecero guadagnare una discreta fama al gruppo. In tale album è contenuto il brano Red, certamente uno dei più emblematici del gruppo insieme a The Name of the Rose, contenuta nell'album omonimo. Come è facile intuire dall'introduzione, anche Red trae ispirazione dalla guerra d'indipendenza di Scozia e come The Clansman è probabilmente un prodotto della scia lasciata da Braveheart, noto film di grande successo uscito qualche anno prima, nel 1995.

Prima di analizzare il testo del brano, è necessario tuttavia fornire un minimo di contesto storico. Divisibili grosso modo in due periodi storici definiti, le cosiddette guerre d'indipendenza scozzesi hanno inizio nel 1292, in pieno medioevo, con l'incoronazione di John Balliol a re di Scozia, dopo una mediazione da parte di Edoardo Plantageneto, re d'Inghilterra, a causa dell'alto numero di pretendenti al trono. Nei suoi piani, Edoardo intendeva approfittarsi di Balliol e ottenere il suo appoggio e le sue truppe per iniziare una guerra contro i francesi. Balliol, però, strinse un'alleanza con questi ultimi, e questo diede alquanto fastidio a Edoardo, il quale, raccolta un'armata, nel 1296 invase la Scozia. Ebberò così inizio le prime battaglie contro gli invasori inglesi, battaglie che rinvigorirono il sentimento di nazione degli abitanti delle Highlands. Fino al 1306, la guerra vide assurgere a protagonista il già citato William Wallace, ma dopo la morte di quest'ultimo fu la volta di Robert Bruce, nominato Guardiano di Scozia e destinato poi a diventare re. Proprio Bruce fu l'artefice delle ribellioni che culminarono nella succitata battaglia di Bannockburn, nella quale l'esercito inglese, pur in netta maggioranza, fu sconfitto definitivamente dall'armata scozzese.

RED

The mist rolling in from the lochs to the Spey
Will rise from the valleys as the dawn comes again
We stand here together and prepare for the fray
When today could leave our history in flames


La bruma che avanza dai laghi verso lo Spey
Si alzerà dalle valli quando l'alba tornerà
Siamo qui insieme e ci prepariamo alla mischia
Mentre oggi la nostra storia potrebbe essere distrutta


I look on the faces that oppression has greyed
The scars deep within that mark a lifetime in chains
The stark legacies of a nation have changed
As the history book begins another page


Guardo i volti ingrigiti dall'oppressione
Le profonde cicatrici interiori che segnano una vita in catene
La nuda eredità di una nazione è cambiata
Mentre il libro di storia volta pagina


Le prime due strofe di Red, in cui il brano inizia come una ballad sorretta dalla chitarra acustica, sono un fermo immagine sui luoghi caratteristici della Scozia (i laghi e il fiume Spey) e sugli uomini che si apprestano ad affrontare la battaglia imminente. Narrate dal punto di vista delle popolazioni scozzesi, esse pongono l'accento sull'importanza del momento e su ciò che ne seguirà, e questo si riflette in espressioni quali "La nuda eredità di una nazione è cambiata/mentre il libro di storia volta pagina". Gary Hughes si erge quindi a narratore di un giorno che riscriverà la storia o che, al contrario, potrebbe lasciare la Scozia devastata.

The strong urge to fight that was never overcome
The spirit burning bright that we shielded from the huns
The lost mother tongue never spoken in the light
Will echo in their ears tonight


Il forte desiderio di combattere che mai fu sopraffatto
Lo spirito dall'intenso ardore che proteggemmo dagli unni
La lingua madre perduta, mai pronunciata alla luce
Riecheggeranno nelle loro orecchie questa sera


La terza strofa, che introduce il ritornello, è la prosecuzione della storia: descrive i sentimenti verso l'oppressione subita dal popolo scozzese nel corso dei secoli ed è un grido di liberazione e di volontà di rivalsa sull'invasore, dapprima gli unni, ora gli inglesi. Sebbene sia un testo decisamente esplicito, le immagini che evoca sono estremamente potenti, essendo incentrate sullo spirito combattivo delle truppe, e trasportano l'ascoltatore in un mondo passato, rendendolo parte di una realtà antica, tramandata grazie alle leggende.

For now the last cry of battle has returned to the glens
The clan fires are burning in the highlands again
We'll fight 'till the flag of freedom flies overhead
'Till the evil-hearted tyranny is dead
And the colour of the battlefield is red


Poiché ora l'ultimo grido di battaglia è ritornato nelle valli
I fuochi dei clan bruciano nuovamente nelle highlands
Combatteremo finché la bandiera della libertà sventolerà sopra di noi
Finché la tirannia dal cuore malvagio sarà morta
E il campo di battaglia sarà tinto di rosso


Il ritornello celebra la futura vittoria delle genti delle Highlands, con i fuochi che tornano a splendere sulle colline, nonché l'ostinazione del popolo scozzese, che combatterà fino a distruggere la malvagia tirannia che lo opprime. Si comprende a questo punto il titolo del brano, Red, colore del sangue dei nemici (ma anche degli stessi membri dei clan) caduti sul campo di battaglia. Musicalmente, il coro riflette le parole delle liriche, che da una tutto sommato pacata descrizione diventano una vera e propria dichiarazione di guerra, un inno al patriottismo ma anche alla libertà. Quando il titolo viene pronunciato, la canzone si trasforma in un incalzante up-tempo caratterizzato dalle sferzate di chitarra ad opera di Vinny Burns. La spiccata orecchiabilità del ritornello è da ricercarsi, oltre che nella melodia, negli artifici linguistici utilizzati da Hughes. Sono da notare in particolare l'abbondanza di suoni liquidi (last, glens, clan, highlands, ma anche di rotativi quali overhead e evil-hearted tyranny) e la loro contrapposizione con la riuscitissima allitterazione contenuta nel verso "We'll fight 'till the flag of freedom flies overhead".

From east where the mountains meet the sea to the west
We are legion united by the cause from the rest
They won't find us wanting when our steel's to the test
I know every man and boy will give his best


Da est, dove le montagne incontrano il mare, fino a ovest
Siamo una legione unita da una causa comune
Non ci troveranno impreparati quando il nostro acciaio sarà messo alla prova
Io so che ogni uomo e ragazzo darà il meglio di sé


We stare with defiance and our eyes are ablaze
We will kill every man who tries to stand in our way
We'll cut out their hearts and send them back where they came
For our claymores will send them to the grave


Il nostro sguardo è sprezzante e gli occhi sono in fiamme
Uccideremo ogni uomo che si porrà sul nostro cammino
Strapperemo loro il cuore e li ricacceremo da dove sono venuti
Perché le nostre claymore li spediranno nella tomba


Nelle due strofe che seguono, il narratore fa una panoramica sulle truppe che si preparano al conflitto, forti del loro coraggio e armate fino ai denti. Si passa da una dichiarazione di fratellanza di genti unite da una causa comune a cruente immagini guerresche, che minacciano un futuro decisamente poco roseo per il nemico. Il testo cita inoltre le tipiche spade a due mani claymore, in uso tra i clan scozzesi nel tardo medioevo. Il nome, tuttavia, sembrerebbe essere stato introdotto intorno al 1700, molto dopo le battaglie descritte nel brano.

They can't turn the tide, now the battle has begun
The devil take the man, when his soul is on the run
The land will return to her long forgotten sons
To cherish in our hearts tonight


Non possono cambiarne il corso, la battaglia è cominciata
Il diavolo si impossessa dell'uomo, quando la sua anima è in fuga
La terra ritornerà ai suoi figli da lungo tempo dimenticati
E questa sera la porteremo nel cuore


Ormai la battaglia per cui le truppe si preparavano nelle strofe precedenti è cominciata, è troppo tardi per cambiare strada e darsi alla fuga. La figura del diavolo prende possesso degli uomini e il narratore descrive le sorti della terra che tornerà in possesso dei suoi figli, certo che la battaglia sarà vinta e la terra invasa dall'oppressore sarà liberata.

For now the last cry of battle has returned to the glens
The clan fires are burning in the highlands again
It's time for the million cast aside to be free
For we'll drive oppression back into the sea
We'll die for the children and the wives we defend
The lives and the memories of the proud-hearted man
We'll fight 'till the flag of freedom flies overhead
'Till the evil-hearted tyranny is dead
And the colour of the battlefield is red


Poiché ora l'ultimo grido di battaglia è ritornato nelle valli
I fuochi dei clan bruciano nuovamente nelle highlands
È tempo di libertà per chi è stato messo da parte
Perché ricacceremo l'oppressione nel mare
Moriremo per i bambini e le mogli che difendiamo
Le vite e i ricordi di uomini orgogliosi
Combatteremo finché la bandiera della libertà sventolerà sopra di noi
Finché la tirannia dal cuore malvagio sarà morta
E il campo di battaglia sarà tinto di rosso


L'ultimo ritornello, il cui testo si discosta leggermente dal primo, culmina con un break strumentale in cui a farla da padrona è nuovamente la chitarra di Vinny Burns, chitarrista piuttosto sottovalutato ma dotato di notevole gusto e di una discreta personalità nello stile, per poi ripetersi un'ultima volta prima della fine del brano. Sebbene il titolo della rubrica sia Cryptic Writings e il testo di Red non sia così criptico da prestarsi a differenti interpretazioni, essendo l'argomento e l'intento narrativo abbastanza palesi, il brano è senza dubbio uno dei più fulgidi esempi di come la potenza strumentale dell'hard rock è riuscita a coniugarsi magistralmente con la storia in esso narrata.



Rob Fleming
Venerdì 28 Dicembre 2018, 12.22.15
3
Canzone magnifica che trovai in quei cd omaggio di Psycho! L'album non lo presi, mi son fermato a Babylon che trovo essere il loro migliore. I Ten non mi hanno mai convinto più di tanto. Momenti di classe, ma gruppo poco costante. Questa canzone però può stare tranquillamente a fianco, senza sfigurare, a Over the hills and far away di Gary Moore
JC
Giovedì 27 Dicembre 2018, 21.27.27
2
band spettacolare, disco spettacolare, canzone spettacolare. Fino a Babylon compreso solo capolavori.
Poison Ivy
Mercoledì 26 Dicembre 2018, 10.13.42
1
Una delle più belle canzoni della storia dell'hard rock!! Musica e testo da brividi: la voce di Hughes e la chitarra di Burns costruiscono un brano che è pura magia e ti riempie l'anima. We'll die for the children and the wives we defend: già solo questa frase dice tutto, e ti vengono in mente uomini valorosi che per la libertà sono disposti a tutto, meraviglioso. Tra l'altro su Youtube trovate la versione estesa "Remenbrance of the brave" con relativo video, ancor più stupendo!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
ARTICOLI
25/12/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 74 - Red - Ten
16/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 73 - Ghosts Along the Mississippi – DOWN
04/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 72 - The Night Before - Riverside
17/08/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 71 - Guyana (Cult of the Damned) - Manowar
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]