Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/19
EDGE OF FOREVER
Native Soul

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
GHOSTREAPER
Straight Out Of Hell

06/12/19
PRAYING MANTIS
Keep It Alive

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
HUMAN FORTRESS
Reign Of Gold

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

CONCERTI

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
ALIBI - PALERMO

06/12/19
ROCK BRIGADE + SCOLOPENDRA
L'OLANDESE VOLANTE - TODI (PG)

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

METALLIZED CHARTS 2018 - Redazione A "Alternative"
19/02/2019 (1485 letture)
Chiudiamo le nostre classifiche dedicate alla Redazione A analizzando i migliori dischi alternative del 2018: l'inserimento dei dischi sottostanti in questa categoria è, forse, un po' “forzato” in certi casi, ma abbiamo comunque ritenuto che vi fossero fondati motivi per procedere in tal senso. Del resto, l'importante è parlarne, no?

A cura di Andrea Barricelli “Barry”

ALICE IN CHAINSRainier Fog
Impossibile inaugurare la trattazione dei migliori dischi alternative senza citare l'ennesimo grande album degli Alice in Chains: la straordinaria band di Seattle, anima nera del grunge anni 90, ci ha regalato un'altra perla degna di essere ascoltata e riascoltata senza sosta. Layne Staley purtroppo non tornerà mai più, ma che almeno Jerry Cantrell ci venga conservato in questo stato ancora molto tempo.

Spotify

A PERFECT CIRCLEEat the Elephant
Album che ha radicalmente diviso critica e fan, ma che giudichiamo più che degno di comparire in questa classifica: il ritorno discografico della band di Maynard James Keenan e Billy Howerdel è di quelli pesantissimi e, sebbene i nostri abbiano complessivamente ammorbidito il loro sound, il loro terzo disco di inediti è un gioiello che non può non far parte dei migliori album dell'ormai passato 2018.

Spotify

MYLES KENNEDY - Year of the Tiger
Dopo essersi guadagnato un posto, in compagnia di Slash, nei migliori dischi hard rock, il buon Myles Kennedy bissa anche nella categoria alternative con il suo particolarmente toccante album solista, Year of the Tiger: un disco prima di tutto coraggioso, solido, ben strutturato, con una scaletta congegnata in modo funzionale ad un ascolto che si rivela piacevole e affatto noioso, pur a fronte di un album interamente acustico, seppur dotato di arrangiamenti sofisticati e stratificati. Bravo Myles.

Spotify

GODSMACKWhen Legends Rise
Pur non essendosi mai distinti per innovazione, i Godsmack hanno un posto speciale nel cuore di molti metallari amanti di sonorità moderne e non troppo pesanti: con il loro settimo album in studio Sully Erna e soci hanno fatto centro un'altra volta, regalandoci un lavoro magari non destinato a passare alla storia, ma ugualmente valido e piacevole da ascoltare. E, come si dice in questi casi, scusate se è poco.

Spotify

THERAPY?Cleave
Eccelente ritorno per una delle migliori band alternative anni 90: i Therapy?, provenienti dall'Irlanda del Nord, sono un po' spariti dalla scena che conta negli ultimi anni, anche a causa di alcuni lavori interlocutori, ma la nostra speranza è che questo interessantissimo Cleave contribuisca a riportarli dove meritano.

Spotify

BLACK STONE CHERRYFamily Tree
Con il sesto, bellissimo album in studio dei Black Stone Cherry inauguriamo un mini-ciclo di album che, in tutta onestà, ci hanno creato non pochi grattacapi: accanto ad innegabili influenze alternative rock e metal, infatti, troviamo anche un'importante componente hard rock, che non avrebbe certamente reso un errore un loro inserimento nelle charts dedicate al suddetto genere musicale. Alla fine, tuttavia, ci siamo persuasi a buttarli nell'attuale calderone, anche per evitare di disperdere il loro nome in mezzo a tanti altri validissimi lavori hard rock. Questo album, per inciso, è imperdibile per chiunque ami la buona musica, hard rock o alternative che dir si voglia.

Spotify

HALESTORMVicious
Anche la band capitanata dalla conturbante Lzzy Hale ha ingenerato in noi diversi dubbi: il loro ultimo, ottimo album, infatti, presenta una marcata componente hard rock e rock 'n' roll, ancor più accentuata rispetto ai precedenti album in studio. Come dicevamo poc'anzi, però, meglio lasciare le pur comprensibili discussioni sul genere altrove e godersi il quarto album di questi ragazzacci, sempre più convincenti con la loro musica.

Spotify

SHINEDOWNAttention Attention
Il suddetto mini-ciclo viene chiuso da Attention Attention degli Shinedown: la critica lo ha definito il vero seguito del clamoroso Sound of Madness, risalente al 2008 e considerato il miglior lavoro pubblicato finora dal gruppo. Attention Attention, tuttavia, può contendergli tranquillamente lo scettro; canzoni eccellenti, influenze che spaziano dall'hard rock all'elettronica e produzione cristallina. Bentornati!

Spotify

MUDHONEYDigital Garbage
E' sempre un piacere accogliere un nuovo disco di questi vecchi alfieri del grunge e del rock alternativo americano: pur non avendo mai raggiunto i livelli dei grandi del genere, hanno sempre saputo mantenere un elevato livello qualitativo ed anche nel 2018, con Digital Garbage, hanno dimostrato di essersi meritati ogni briciola del successo e del seguito maturati in questi tre decenni di onorata carriera.

Spotify

FLUXUS – Non si sa dove mettersi
Chiudiamo la classifica con un insperato e graditissimo ritorno: dopo ben quindici anni di silenzio, i torinesi Fluxus hanno colto tutti di sorpresa con Non si sa dove mettersi, un incredibile comeback che conferma la difficoltà di catalogare il loro stile in modo convincente: hardcore? Noise? Alternative? Heavy? Chiamiamola grande musica e finiamola qui. Bentornati e, per favore, non sparite di nuovo per così tanti anni!

Spotify

MENZIONI SPECIALI
Qualche menzione in meno del solito per il panorama alternative, ma si tratta comunque di omaggi a nostro avviso doverosi: facciamo i complimenti anche a Breaking Benjamin, Sevendust, Cayne, Low. Bravi ragazzi!



duke
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 10.43.57
16
...per me....alice in chains e mudhoney i migliori....
FABRYZ
Martedì 19 Febbraio 2019, 18.48.37
15
Su tutti a me sono piaciuti gli Alice in chains, il loro rainer fog l ho consumato, gli Halestorm, che dimostrano il talento vocale di Lzzy a far risaltare ottime canzoni...sufficienti i Godsmack e Myles kennedy (da cui mi aspettavo molto di + onestamente)..io i Therapy? li ho amati negli anni 90 ma quando se ne e' andato il batterista Fyfe x me il giocattolo si e' rotto (stesso discorso lo posso fare x gli Helmet)..gli A perfect circle non saprei come giudicarli,onore x il loro cercare di andare oltre, ma a me piacevano di + ai tempi dei primi 2 album..stavo leggendo del ritorno dei Fluxus di cui ho particolarmente apprezzato pura lana vergine ai tempi ma questo mi manca, sapete dirmi se e' ancora su quello stile?Comunque la scena torinese ha sempre regalato grande musica, non c'e' niente da fare...stanno tornando pure i Negazione con un nuovo album x tributare Marco Mathieu che e' messo male da diverso tempo purtroppo
Galilee
Martedì 19 Febbraio 2019, 16.20.01
14
Ho solo il primo dei BSC e se non hanno cambiato genere facevano un hard rock dalle tinte southern niente male. Il cantante era un mix tra Vedder e Robinson. Insomma Hard rock al 100%. Ma capisco comunque Barry che ha racchiuso in questo contenitore tutte le band che non sapeva dove piazzare.... 😁
Barry
Martedì 19 Febbraio 2019, 15.15.12
13
Non mi permetterei di definire un collega incompetente, ma senza dubbio la trovo una definizione molto discutibile
Rob Fleming
Martedì 19 Febbraio 2019, 15.13.58
12
@Barry: non metto in dubbio che tu l'abbia letto, ma converrai che chi l'ha scritto è un incompetente.
Area
Martedì 19 Febbraio 2019, 14.34.13
11
Gli Alter Bridge potevano essere Alternative Rock / Alternative Metal infatti... minchia Prog non lo é più stato nessuno veramente dopo gli anni 70...
Metal Shock
Martedì 19 Febbraio 2019, 14.30.08
10
Prog metal?? Ahahahahahahah!!!
Barry
Martedì 19 Febbraio 2019, 14.25.56
9
Anche gli Alter Bridge sono stati definiti hard rock o addirittura prog metal (giuro che l'ho letto), quindi non sempre è facile inquadrare il sound di una band
Metal Shock
Martedì 19 Febbraio 2019, 14.19.14
8
Post-grunge? Cioè lo stesso suono degli Alter Bridge? Mah sentirò altro si vede.
Barry
Martedì 19 Febbraio 2019, 14.06.32
7
Sono spesso etichettati come post-grunge, abbiamo ritenuto non fosse uno scandalo metterli qui.
Metal Shock
Martedì 19 Febbraio 2019, 13.50.37
6
Ok io continuo a rompere: Black Stone Cherry alternative??? Uno dei migliori dischi di puro hard rock (che mi ero pure scordato nell'altro articolo) con influenze blues e Southern....alternative??? Ok per AIC e Therapy e Cayne, per il resto passo volentieri la mano.
Area
Martedì 19 Febbraio 2019, 13.08.25
5
Ci credete che dei Mudhoney conosco solo Piece of cake e Superfuzz? Oltre che la roba dei Green River. Non sapevo che avessero fatto album nuovi loro e gli Alice. Mi incuriosiscono anche gli A perfect circle che li ho persi da anni.
tino
Martedì 19 Febbraio 2019, 12.35.56
4
Gli alice in chains hanno sfornato l’ennesimo bellissimo album che ormai si possono comprare a busta chiusa, gli halestorm al di là delle discussioni sul genere anche, è veramente impressionante il livello di miglioramento che raggiungono di album in album, sono bravissimi a valorizzare la loro centravanti con canzoni varie che mischiano modernità a tradizione hard rock senza scadere nei plagi o in revival vintage.
Rob Fleming
Martedì 19 Febbraio 2019, 12.02.01
3
Beh, gli A Perfect Circle a mio avviso sono stati tra i migliori in assoluto. Myles Kennedy in versione acustica è stata una bella sorpresa. Non sto riuscendo ad entrare dentro gli Halestorm. Lzzy Hale come cantante mi fa impazzire, ha una voce bellissima con delle sfumature da pelle d'oca, ma sono le canzoni che non mi prendono. Carine, in alcuni casi belle, ma...
Barry
Martedì 19 Febbraio 2019, 11.35.16
2
Merito dei redattori che lo hanno inserito in classifica, io sono solo un umile esecutore
Giaxomo
Martedì 19 Febbraio 2019, 9.09.32
1
@Barry: la menzione dei Fluxus merita un applauso, perché "Non si sa dove mettersi" è (inaspettatamente) un buonissimo album, anche se preferisco ricordarli così: VEEEEEELLLDDTT. Grande Andrea! 😉
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
ARTICOLI
19/02/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione A "Alternative"
14/02/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione A "Thrash, Hardcore"
12/02/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione A ''Hard Rock''
10/02/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione A "Heavy, Power"
02/02/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione B ''Death Metal, Grind, Brutal''
31/01/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione B ''Progressive Rock, Progressive Metal, Metalcore''
25/01/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione C "Black, Pagan, Folk e Goth"
23/01/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione C “Death/Doom Metal”
21/01/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione C “Sludge & Post Metal”
19/01/2019
Articolo
METALLIZED CHARTS 2018
Redazione C “Doom, Stoner e Sludge”
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]