Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/03/19
PUTREFIED CORPSE
Left To Rot

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
VESPERINE
Espérer Sombrer

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
ACCURSED SPAWN
The Virulent Host

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

19/03/19
DAVID ELLEFSON
LEGEND CLUB - MILANO

19/03/19
MARTY FRIEDMAN + EUGENIO SAMBASILE
BELLOTTS PUB - CAPPELLA CANTONE (CR)

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

HOLLYBLOOD - # 23 – Lords of Chaos
27/02/2019 (4973 letture)
UNA PREMESSA
Dopo un tempo considerevole di gestazione, finalmente l’attesissima e contestata pellicola a firma di Jonas Åkerlund dallo scorso 22 febbraio è a disposizione del marcato on demand: coloro i quali si volessero finalmente togliere il dubbio sulla validità o meno di questo prodotto potranno quindi placare la loro curiosità. E soprattutto potranno costruirsi un’opinione informata, dato che questo film (com’era lecito aspettarsi) ha fatto molto discutere ancor prima che uscisse, spaccando in due il popolo metal tra chi si è detto curioso e interessato e chi non ha avuto dubbi nel ridicolizzarlo e nell’affermare di volerlo a tutti i costi boicottare, in nome di una certa “integrità morale”. Si sa, il circuito metal non è molto sostenitore di dispositivi commerciali di questo tipo e c’è da ammettere che il rischio concreto c’era che una storia che coinvolge alcuni dei principali protagonisti del true Norwegian black metal venisse distorta eccessivamente per renderla più compatibile ai palati del pubblico mainstream; un pubblico potenzialmente più sensibile nei confronti di certe vicende che, invece, per chi mastica il genere sono oramai parte della cultura di questo sottobosco musicale.

Il dibattito attorno a Lords of Chaos si era quindi già aperto da tempo, grazie ad alcuni episodi che lo hanno preceduto. La prima grande notizia che ha fatto scalpore è stata sicuramente la contrarietà apertamente dichiarata proprio dagli stessi protagonisti di questa storia, i Mayhem, che hanno negato i diritti al regista per l’utilizzo di brani originali all’interno della colonna sonora. A ciò si è accostata la serie di video dell’altro protagonista, Burzum, che si è schierato duramente soprattutto contro -a detta sua- l'eccessiva banalizzazione del suo personaggio. Secondo quanto afferma il musicista, doveva inoltre essere originariamente lui il protagonista, salvo poi una deviazione che ha portato il biopic a concentrarsi piuttosto sulla personalità del suo amico/nemico diretto, Euronymous. Di fatto c’è da concordare nel riconoscere lo sbeffeggiamento che (inconsciamente?) il regista ha voluto fare nei confronti di Burzum: investire Emory Cohen, attore di origini ebree, nel ruolo del Conte Grishnackh, ben noto per i suoi schieramenti politici, dev’essere decisamente suonata come una provocazione.
Ma, polemiche e schieramenti a parte, il regista Jonas Åkerlund non è proprio un outsider di questo mondo, tutt’altro: ha fatto parte di uno dei gruppi che ha ispirato proprio la second wave di black metal norvegese, i Bathory, partecipando alle registrazioni del disco di debutto omonimo. Nonostante sia noto che la caratura compositiva di quei pezzi sia totalmente dovuta alla genialità creativa di Quorthon, vantare di essere stato il batterista di un disco così seminale non è proprio roba da poco. La predisposizione e passione di Jonas nei confronti dell’ambiente del cinema del resto già emerse durante quegli anni, portando il regista a debuttare come autore di videoclip nel 1988, con la pubblicazione di un’altra pietra miliare per il metal “tradizionale”, ossia il celebre video di Bewitched dei padri della scena doom metal svedese, i Candlemass. Queste sono giusto un paio di coordinate per capire bene di chi stiamo parlando: Åkerlund è un regista che comunque ha fatto parte di questa scena e vi ha contribuito e partecipato, anche se poi ha scelto di distaccarsene e portare ad un livello più commerciale le sue doti dietro la videocamera, immergendosi di fatto nell’industria pop. Oltre a collaborare con artisti del rock e del metal più blasonato, come Smashing Pumpkins, Metallica, U2 o Rolling Stones, è stato infatti autore di clip di autentiche icone del pop e dell’elettronica, come Madonna, Prodigy, Britney Spears, Christina Aguilera e Lady Gaga (così adesso potrete anche rispondervi alla domanda sul perché nel video di Telephone con Beyoncé la star italoamericana sfoggiasse con disinvoltura un giubbotto di pelle crust punk borchiatissimo, con tanto di toppa dei Doom e back patch dei Gism). Tuttavia, non mi sono approcciata alla visione del film con pregiudizio, anzi: il fatto che fosse proprio un insider ad occuparsene mi ha fatto stare tranquilla per lo meno sul fatto che su certe cose non si sarebbe sfociati in distorsioni da dilettanti, con tutte le semplificazioni che un’operazione del genere avrebbe ovviamente comportato.

A BLAST FORM THE (DARK) PAST
Il film si apre con la voce narrante di Øystein Aarseth, il giovane Euronymous.
Nella sua piena adolescenza cerca di coltivare le sue passioni musicali estreme per sfuggire dalla noiosa compostezza della Capitale norvegese, all’inizio condividendo gli spazi con la sua “typical Norwegian family”, nonostante si dichiari già da subito una personalità deviata rispetto alla media dei teenager e destinata a portare nel mondo “sofferenza, caos e morte”. Le cose cominciano ad evolversi nel momento in cui quella formazione primordiale dei Mayhem, che si allenava al piano di sotto dell’abitazione di Øystein, subisce un cambiamento con l’ingresso alla batteria di Hellhammer e, soprattutto, con l’ingresso alla voce del biondissimo svedese Per Yngve Ohlin, in arte Dead, qui interpretato da Jack Kilmer. Il cambiamento scandisce nel film il passaggio dalla dimensione famigliare a quella del famoso appartamento che Euronymous e Dead condivisero fino al sanguinolento gesto suicida di quest’ultimo. Il registro del film a questo punto progressivamente inizia ad allinearsi alla personalità deviata dei suoi protagonisti, contrapponendo la vita a base di alcool e musica (sregolata, ma fondamentalmente in linea con il cliché metal), con l’approfondimento delle diverse e gravi fragilità psicologiche di ognuno. Non viene risparmiato nulla nell’excursus delle diverse vicende che si sviluppano attorno a quel gruppo di ragazzi: di Dead con pochi salienti fotogrammi viene restituita in maniera piuttosto fedele tutta la disturbata ma ingenua attrazione patologica nei confronti della morte, mostrando la sua tradizione di seppellire i vestiti sotto il terreno prima di esibirsi, per avere l’odore simile a quello di un cadavere, o il suo odio per i gatti, tanto da ucciderne e appenderne i cadaveri in putrefazione nella sua stanza, non risparmiando nemmeno la ricostruzione (cruenta e fedelissima) del suo rituale suicida; di Euronymous invece emerge una personalità in linea con alcune aberrazioni del suo fraterno amico, ma che l’interpretazione di Rory Culkin (non fino in fondo convincente, ma comunque plausibile) restituisce anche sotto la luce di una malcelata insicurezza che, a discapito del ruolo da leader che si era ritagliato, fa emergere la debolezza comprensibile di un ragazzo di soli 17 anni. Un'altra personalità cruciale che a mio parere è descritta in maniera piuttosto buona (anche se con qualche licenza poetica) è quella di Burzum. Dapprima il suo personaggio entra in punta di piedi per fare i complimenti ai Mayhem, al termine di un concerto dove Dead ha rischiato il collasso per tutto il sangue perduto mentre si tagliava sul palco: in questo frangente si presenta con il nome di battesimo Kristian, venendo anche preso in giro per la sua toppa degli Scorpions. Successivamente torna come Varg, imponendosi con un atteggiamento molto più sicuro di sé mentre sceglie di comprare i vinili di The Awakening dei Merciless e di In The Sign Of Evil dei Sodom, recandosi al negozio musicale che nel frattempo Euronymous aveva aperto a Oslo, lo storico Helvete. Devo dire che, superato un paragone sulla verosimiglianza fisica tra l’attore Emory Cohen e Vikernes, anche in questo caso il ritratto che ne esce fuori mi sembra piuttosto affidabile. Varg emerge infatti come un ragazzo inizialmente escluso che, alla luce del talento musicale riconosciuto dallo stesso Øystein, che aveva ascoltato la demo Burzum e aveva deciso di produrla per la sua etichetta Deathlike Silence Productions, riesce a riscattarsi e imporsi con un ruolo catalizzatore all’interno del Black Circle. Riesce così a soddisfare l’obiettivo di avvicinarsi ad una personalità come quella di Euronymous, percepita dall’esterno così carismatica, ma entrandovi tuttavia gradualmente in competizione, per averla scoperta in realtà meno esuberante nel partecipare concretamente ad un atto dimostrativo che portasse ad un “next level” tutta l’operazione fino a quel momento rimasta teorica del Black Circle.

Anche in questo caso, l’evoluzione del rapporto tra i due è trasposta in maniera molto chiara, nonostante sia stata condita da un’improbabile storia d’amore di Euronymous con una certa Ann-Marit, che Burzum in video pubblicati di recente conferma essere un personaggio del tutto inventato perché “nessuna ragazza frequentava il Circle” ma che, al di là di illazioni sulle tendenze omosessuali attribuite sempre dallo stesso Burzum a Euronymous, sembra sia stato un personaggio che Åkerlund ha sviluppato ispirandosi ad una ragazza bionda che sembrava in quel periodo davvero frequentare l’ambiente. Di fatto, se si fa una rapida ricerca sul web, si trovano alcune fotografie che ritraggono una ragazza, Jannicke Langard, all’Helvete in compagnia anche di Euronymous, testimonianze che però non chiariscono quale fosse il rapporto tra i due e che tanto meno giustificano l’obiettivo di focalizzare l’attenzione su un risvolto romantico. L’operazione è infatti sembrata un addolcimento forzato, teso ad umanizzare il personaggio e rendere il protagonista in fondo un “buono”, una vittima più vicina al pubblico spettatore rispetto a tutti gli altri protagonisti, piuttosto che uno stratagemma per dare un reale valore aggiunto a tutta la storia.
La chiamata all’azione stimolata da Varg porta a questo punto ai primi incendi delle stavkirke e scuote le coscienze degli altri membri del Black Circle, che vogliono iniziare a parteciparvi in prima persona, fino a perdere completamente il contatto con le conseguenze di ciò che stavano mettendo in atto, come capita nel caso dell’omicidio commesso da Bård Faust ai danni dell’omosessuale che aveva tentato di abbordarlo ad un pub. Anche questo episodio viene citato nella ricostruzione cinematografica.

Il ritmo della narrazione sembra, tuttavia, piuttosto lento ed acquisisce un incedere più incalzante solo nel momento in cui si arriva ad un sempre più marcato ribaltamento nella lotta di potere tra Varg e Euronymous. Nelle parti finali del film, quest’ultimo infatti perde il carisma degli inizi, quasi intimorito da quella situazione che sta uscendo fuori dal controllo, mentre il suo diretto rivale guadagna ascendente, nonostante ci sia un velato filo di ironia da parte del regista nel riprodurre ad esempio l’incontro di Varg con il giornalista che si occupò successivamente di pubblicare un editoriale sul quotidiano norvegese, in merito agli incendi appiccati ai danni delle chiese. L’accuratezza nell’allestimento della stanza dove l’intervista viene effettuata (piena di cimeli nazisti, armi di vario tipo e il teschio di un caprone appeso sul divano), seppur perfettamente aderente con le tendenze del personaggio, produce una sensazione caricaturale, caratteristica che in realtà è evidente in tutto il corso del film in particolar modo proprio nella maniera con cui è stato scelto di raccontare il personaggio di Varg.
Un’altra scena clou, come lecito intuire, è il momento in cui tra i due rivali avviene il confronto diretto e fatale, che sugella un epilogo cruento nella morbosità con cui il regista non indugia in primi piani mentre vengono inferte le coltellate, senza però raggiungere un vero e proprio picco di pathos, facendo poi scivolare velocemente a conclusione il film con un semplicistico finale in cui “i cattivi” vengono arrestati e “il buono” (Euronymous) viene tributato e compianto.

IL VERDETTO
Alla fine della visione, mi sento di giudicare il film in maniera tutto sommato positiva, ma possiamo stilare una serie di pro e di contro per accompagnare il giudizio di questa pellicola.

Un elemento che può considerarsi “contro” potrebbe essere il fatto che non si arriva ad un vero e proprio smontaggio di quell’aura mitizzata che soprattutto si riscontra in Dead e Euronymous, perché il fatto che il primo, dopo la teatralità del drammatico gesto suicida, continui ad infestare la mente del secondo come un fantasma, seppur fraterno, continua a volerlo collocare in una posizione quasi “trascendentale” rispetto a tutti gli altri. Francamente mi sarei auspicata un taglio meno edulcorato e molto più secco. Un altro elemento che non mi è piaciuto è stata l’introduzione di soggetti femminili all’interno del plot, non per ragioni puramente di genere, ma perché proprio ai fini della trama è stato del tutto superfluo infarcire alcuni episodi con frammenti di vita sessuale alquanto improbabile, visti i soggetti coinvolti.

Degli aspetti sicuramente positivi sono invece quelli legati all’estrema accuratezza con la quale Åkerlund ha ricostruito al dettaglio alcune ambientazioni, dimostrando una meticolosa ricerca nel repertorio fotografico. Non solo sono, infatti, stati riprodotti ad hoc certi scatti più celebri dei Mayhem nel backstage, di Burzum nei sotterranei dell’Helvete o della session di Euronymous con la spada, ma anche certi fotogrammi del film acquistano più senso se letti nell’ottica di questa indagine. La scena di apertura in cui Euronymous appare con il pappagallo bianco sul braccio è, infatti, fedelmente ripresa da una fotografia identica, così come la maglia nera che il musicista indossa in una scena casalinga dove viene chiamato da Burzum, che gli comunica del suo intento di coinvolgere i giornalisti. La maglia in questione, con la scritta “What do you want for nothing?” è infatti la stessa che si può trovare in una foto casalinga di Euronymous, dove per altro lui indossa gli occhiali da vista, esattamente come nella scena del film.
Tutte sottigliezze certo, alcune molto piccole, che a primo acchito sembrano passare inosservate all’interno della trama generale, ma che sono invece la dimostrazione della ricerca che c’è stata dietro a tutta la composizione del film, con l’obiettivo di dipingere un’immagine complessiva il più possibile aderente, sia in termini narrativi che visivi.

Ci sono anche un paio di curiosità, delle piccole chicche per gli appassionati feticisti:
- la prima stavkirke che viene immortalata, che dovrebbe rievocare la stavkirke di Fantoft incendiata da Varg a Bergen ed il cui scheletro incenerito finirà diretto sulla copertina dell’EP Aske, è in realtà la stavkirke di Gol, ospitata nel suggestivo Norsk Folkemuseum di Oslo (un museo all’aperto con esemplari architettonici di vario tipo del folklore norvegese, veramente emozionante e suggestivo da visitare)
- la scena che vede i Mayhem recarsi ai Grieghallen per le registrazioni di De Mysteriis Dom Sathanas vede la comparsa anche di Attila Csihar, che nella pellicola è interpretato proprio dal figlio del musicista, Arion, che rende tributo al padre simulando le vocals di Freezing Moon e indossando la maglia dei Tormentor. Un cameo che per altro mette in dubbio il fatto che la mancata concessione sull’utilizzo dei pezzi dei Mayhem per il film sia stata una decisione unanime.

Detto questo, e alla luce di tutta questa ricercatezza nei particolari, Lords of Chaos può ritenersi un documentario, come molti hanno affermato? Decisamente no: nonostante l’intento pregevole di voler essere ai limiti del feticismo nel curare alcuni aspetti, ci troviamo davanti ad una trasposizione cinematografica di alcuni fatti accaduti realmente, che come ogni trasposizione si prende alcune licenze poetiche, ma che francamente possono anche essere tollerate in un’ottica più complessiva.
Per queste stesse ragioni, il paragone con Until the Light Takes Us (un documentario senz’altro bellissimo ed interessante per gli appassionati di questa storia) molto banalmente non ha senso di essere messo in campo, proprio perché quest’ultimo ha un taglio documentaristico e anche solo per l’impostazione trovo che sia ridicolo accostare i due prodotti. Così come francamente non mi sento di accostarlo al genere “commedia”, perché, seppur non manchino momenti sarcastici o di ironia, non si può certo affermare che sia un film divertente.
È chiaro che la scelta di Jonas di aver “abbandonato” il genere in nome di un’affermazione professionale pop sia stata bollata dall’ambiente metal come alto tradimento e che ci sia stato ancora più fastidio nel vedere che fosse proprio quella stessa persona a tornare quasi sui propri passi, per attingere a piene mani da quel mondo. Ma è proprio qui nascosto un piccolo errore di fondo ed allo stesso tempo la chiave di lettura con la quale è necessario leggere tutta l’operazione: innanzitutto, non bisogna incorrere nell’errore di interpretare questo “ritorno” di Åkerlund al mondo metal come un ritorno da figliol prodigo; allo stesso tempo, proprio per questa ragione, l’unico modo per poter vedere il film con l’occhio giusto è sganciarlo sia da questa vena romantica da fan, sia dalla declinazione documentaristica o di commedia, per attribuirgli il valore di genere d’exploitation, che sento possa essere una definizione più in linea con ciò che mi ha di base trasmesso il film.

Del resto, con Lords of Chaos non mi sembrano esserci le pretese di portare avanti una certa ricerca artistica o fotografica, piuttosto si punta a sfruttare tematiche normalmente non trattate nel cinema canonico. L'intento quindi è di portare sul grande mercato episodi forti legati a degli adolescenti che sono inconsapevolmente diventati i padri fondatori di una scena oggettivamente di nicchia, cercando di trattarli in maniera panoramica, ma senza scendere mai veramente nel profondo del “culto” e, come spesso capita in film exploitation, risultando forse un po' di serie B. I protagonisti oggettivamente si mostrano per i loro limiti dovuti all’età e non fanno mistero di una mancata progettualità nelle loro azioni ed in tal senso quindi l’ho trovato un film “onesto”, godibile, che si può guardare in maniera piuttosto piacevole. Anche se avrebbe giovato di una maggior dose di musica, pecca giustificata dai negati permessi di copyright, la questione è stata per fortuna almeno parzialmente raggirata inserendo il minutaggio minimo consentito di registrazioni originali.



Silvia
Lunedì 18 Marzo 2019, 17.22.51
278
Sì tino la scena scandinava in realtà non è gigantesca come può essere in grandi metropoli ma a mio avviso è formata da persone con grandi idee (se noti infatti i gruppi sono spesso formati dalle stesse persone). I luoghi sono veramente affascinanti ma anche malinconici, concordo, e il clima può essere davvero inclemente. A proposito dell'Inner Circle se non ricordo male gli Emperor da ragazzi avevano il loro quartier generale in una specie di baita isolata nella foresta e Ihsahn diceva che x lui l'ispirazione della natura era molto importante nel processo creativo
tino
Lunedì 18 Marzo 2019, 16.44.57
277
Lapsus silvia, lo so comunque, sono posti che conosco anche perché ho viaggiato in quegli anni da quelle parti quando non c’erano i voli low cost, ryanair e tutta la frenesia odierna…se volevi viaggiare dovevi faticare e fare viaggi spesso da incubo su treni notturni stipati come treni bestiame. Chi è della mia generazione e ha provato la tratta notturna amburgo - copenhagen sa di cosa parlo. Mi sono sparato mezza scandinavia con l’interrail nei primi anni 90 e infatti ricordo che lillehammer era nella tratta che da trondheim va a oslo, solo che non ci siamo fermati perché con l’interrail solitamente viaggiavamo di notte e si tendeva ad evitare i posti intermedi. Sono posti magnifici e magnetici però ricordo sempre la sensazione di smarrimento e di solitudine che trasmettono, specie il pomeriggio tardi (e la sera) quando per strada non girava anima viva. Il film trasmette bene quelle sensazioni e le immagini dei luoghi riportano fedelmente ai luoghi in quegli anni. Adesso non posso dire come sono quei luoghi perché l’ultima volta che sono stato in scandinavia è stato nel 2001 o 2002, per la precisione andammo a stavanger in macchina, ma non c’era nessuna scena metal degna di nota, solo il solito sbaraccamento alcoolico serale del sabato sera dove la colonna sonora era la musica commerciale più insignificante, ma noi più che al metal eravamo interessati alle ragazze…
Silvia
Lunedì 18 Marzo 2019, 16.02.35
276
Esatto tino infatti sono paesi vasti scarsamente abitati (sono Silvia 😅
tino
Lunedì 18 Marzo 2019, 15.42.50
275
Hai ragione lisa, purtroppo noi italiani non siamo abituati alle distanze norvegesi e sicuramente è andata così per la questione lillehammer. In effetti il regista è andato diverse volte ad evidenziare le distanze scandinave, ad esempio quando dead arriva in stazione ad oslo dalla svezia per unirsi ai mayhem oppure quando vikernes decide di eliminare euronymous e si reca con snorre e la sua vecchia golf scassata a noleggiare una videocassetta (die hard 2) per costruirsi un alibi, in questo caso il regista registra per la seconda volta il passaggio dell’auto inquadrando il cartello stradale che indica oslo a quasi 500 km…questo secondo me per far capire che in quegli anni se volevi vivere una scena e conoscere altri appassionati dovevi spararti trasferte allucinanti e vivere un po’ come capitava, emblematica la scena in cui euronymous e altri suoi amici si svegliano la mattina in negozio (brandina a soppalco sopra la cassa) infastiditi da una innocua suora che chiede offerte per la croce rossa (ovviamente scacciata da un allucinatissimo euronymous in mutande in mezzo alla strada)
Silvia
Lunedì 18 Marzo 2019, 10.44.12
274
tino bellissimo report letto tutto d'un fiato! Lillehammer - Oslo sono circa 2 ore in treno
tino
Lunedì 18 Marzo 2019, 10.35.21
273
Alla fine sono riuscito a vederlo nonostante il mio inglese arrugginito e già di per se mediocre e quindi provo a fare un piccolo report. Per questo motivo non sono riuscito a goderlo appieno e soprattutto alcuni passaggi fondamentali della vicenda mi sono rimasti nebulosi. Comunque a parte questo problema “tecnico” posso dire che è un ottimo lavoro che tiene incollato alla poltrona e non annoia. Dal punto di vista tecnico ho apprezzato il lavoro di akerlund, ottima fotografia, buon ritmo, belli gli effetti speciali e comunque tutto l’insieme che fanno appreezare il lavoro finale indipendemente dal tema trattato. I personaggi attorno al quale ruota il film sono ben interprati e sono riusciti benissimo nell’intento di caratterizzare al massimo euronymous e il conte. Akerlund ha beffardamente assegnato la parte di varg ad un (bravissimo) attore di origine ebraica che rende al massimo il profilo freddo e feroce di Vikernes, descritto come un tipo calcolatore, rancoroso, freddo e cinico a differenza di euronymous più sbandato, per alcuni versi manipolabile, sicuramente affascinato dall’estremismo e dal male ma sotto sotto buono d’animo. Ovviamente la verità (o le bugie) non le sapremo mai del tutto. Inquietante la figura di dead e molto triste la sua fine prematura in una situazione di degrado e sbandamento totale. Qui il regista ha voluto secondo me sottolineare la differenza fra lo stile di vita di euronymous e i suoi amici, praticamente dei barboni nonostante la normalità della famiglia di origine e quello di varg, spesso ritratto nella sua casa ordinata e piena di colore bianco ovunque, quasi asettica. Le due uccisioni, sono veramente descritte in maniera cruda e realistica, specie quella di faust dopo essere stato abbordato dall’omosessuale, cruda e disturbante. Qua secondo me c’è una cosa strana della sceneggiatura, si vede l’omicidio nel parco poi il giorno dopo all’helvete di oslo faust entra mentre euronymous e varg guardano al notiziario il ritrovamento del corpo e faust dice sono stato io, al che non ho capito come avesse fatto ad essere a lillehammer la sera e il giorno dopo a oslo. Poi un’altra cosa che mi ha colpito è stata la ricostruzione degli incendi (veramente tristi e squallidi), inizialmente ad opera di varg che presumibilmente ha copiato l’idea dall’incendio delle sinagoghe negli anni 30, che alla fine hanno coinvolto anche il sempre più enigmatico euronymous che è evidentemente in bilico fra la passione malsana per il male alimentata dai rapporti con il sempre più esaltato varg e la sua indole buona, sottolineata da alcuni passaggi nel corso del film, ad esempio l’affettuosità nei confronti della sorella minore, della fidanzata (a differenza del conte che trattava le donne come oggetti sessuali), e del defunto dead del quale provava tristezza per la sua fine. Viene anche descritta la prima cattura di vikernes, attirato in trappola da sue giornalisti che lo manipolano con un’intervista in casa sua in mezzo a memorabilia nazi e solleticando il suo ego per poi sbatterlo in prima pagina e di fatto consegnandolo alle autorità, da notare il commento del fotografo all’uscita della casa con un “what fuckin’ idiot”. Da notare anche il ruolo di Snorre descritto come un soggetto debole manipolato dal conte. L’unica cosa che non ho capito a causa del mio inglese è il conflitto per il contratto e i diritti del lavoro di burzum che sono sfociati nell’omicidio (veramente tristissimo), non ho capito qual era l’intento di euronymous che ha scatenato la violenza omicida di varg, dovrò rivedere quel pezzo. Belle anche le ricostruzioni delle sessioni di registrazione al grieghallen dove il conte suona tutti gli strumenti e pure quelle di de mysteris dove il gruppo esegue la prima strofa di funerla fog con un attila giovanissimo edove il conte e euronymous si sfidano con lo sguardo mentre suonano assieme. Al di là dei pregiudizi su queste tristi vicende un opera da vedere specie se si è vissuto il genere, un film fatto bene, crudo e realistico, spesso disturbante, accostabile per alcuni versi secondo me al capolavoro christiane f.
Silvia
Sabato 16 Marzo 2019, 11.33.48
272
Grazie lisa mi fa piacere 🙂
lisablack
Sabato 16 Marzo 2019, 6.48.13
271
Quoto Silvia..anche lei ottimi commenti.
thrasher
Venerdì 15 Marzo 2019, 22.31.23
270
Quoto electric e analizzatore, ottimi commenti e punti di vista mirati. Revelation hai stile da vendere
Silvia
Venerdì 15 Marzo 2019, 22.30.01
269
@Analizzatore x me invece l'ALF è l'esempio della contraddizione x eccellenza. Predicano amore e compassione e poi usano la violenza, non l'ho mai accettato ed è proprio il loro esempio che mi ha fatto capire che nessuna ideologia è rispettabile se porta odio e violenza (x me ovvio). Nell'Inner Circle invece il pensiero seppur folle e contorto aveva un senso nelle loro menti malate. No problem, accetto . @Mulo, rispetto la tua opinione però Vikernes continua ad avere guai con la giustizia x la sua ideologia, qualche anno fa con l'antiterrorismo francese
Revelation
Venerdì 15 Marzo 2019, 21.55.29
268
Che Dio abbia Pietà e Misericordia di tutti noi!
Luigi
Venerdì 15 Marzo 2019, 21.50.18
267
@revelation:, sprechi tempo a pregare i fantasmi. Vivi e lascia vivere
Revelation
Venerdì 15 Marzo 2019, 21.42.00
266
Per chi ancora non lo fa, inizi a pregare Gesù, La Santissima Maria Madre di Dio, e l' Onnipotente! L' unica Via che può darvi sollievo e speranza. Niente è scritto, dipende solo da ognuno di noi, e ognuno di noi può salvare altre anime.
duke
Venerdì 15 Marzo 2019, 20.43.57
265
...il primo di aprile e' vicino....
Analizzatore
Venerdì 15 Marzo 2019, 20.43.30
264
Ovviamente quoto @ElectricVomit 255. @Silvia: Non mettiamo troppa carne al fuoco (è il caso di dirlo) quello degli animalisti è un esempio fuori fuoco (eh eh...), perché quello che loro pensano è chiaro. Eccessivo, ma chiaro. Mentre quelli dell'Inner Circle sostenevano cose in contraddizione purché fossero violente, le dinamiche di gruppo hanno fatto il resto. Chiedo venia per il tono un po' troppo caustico del mio 222.
Revelation
Venerdì 15 Marzo 2019, 20.29.14
263
Io vi esorto a credere in Gesù, Sua Madre Santissima Maria, e Nostro Padre Onnipotente! Non prendete queste cose con leggerezza, perché il Male è sempre con noi e ci tenta con l' inganno. Cercate di conoscere il Verbo, non vi costa niente. Poi e solo poi, fate la vostra scelta. Che Dio benedica tutti voi.
No Fun
Venerdì 15 Marzo 2019, 15.22.25
262
@duke #228 "non ci sono più le mezze stagioni...di una volta...bye" geniale, una risposta geniale, chapeau @duke!
Mulo
Venerdì 15 Marzo 2019, 15.08.50
261
Il mio pensiero? Hanno commesso questi bei reati xf arsi pubblicità e per fare a gara a chie era più "cattivo"nel gruppo. Varg ha ucciso Euro soprattutto x imporre la sua leadership (anche x altro ma sopratutto x questo).Volevano essere più estremi della scena death americana e per farlo sono passati ad azioni criminose.Guarda caso quando i condannati hanno scontato le pene e sono usciti dal carcere non hanno più ripreso a delinquere,come invece fanno i criminali veri. Questo è il mio pensiero ovviamente. Peace
Silvia
Venerdì 15 Marzo 2019, 14.29.52
260
scusa non che quelli dell'ALF fossero anti-cristiani, mi riferivo alle modalita' d azione simili
Silvia
Venerdì 15 Marzo 2019, 14.26.20
259
@fasanez ma il punto e' che sti tizi erano dei militanti anti-cristiani, mettiamola cosi', un po' come quegli animalisti dell'ALF che bruciavano le macellerie negli anni 90 quindi nelle loro menti (x me malate in entrambi i casi) la "base" c'era. Poi x me personalmente la linea di confine la superavano eccome perche' compivano atti violenti e arrecavano danni
fasanez
Venerdì 15 Marzo 2019, 13.54.19
258
Premetto che mi avete fatto venire voglia di vedere il film, anche se non amo il black. Bella discussione con degli spunti interessanti, vediamo se riesco a portarne qualche altro. Anche un pedofilo agisce dietro una pulsione, come chi violenta o chi di fa gli animali, perché è male e un normalissimo etero non fa nulla di'male? Dove sta la linea di confine? Sta nella nostra cultura, sta nel fatto che per noi i bambini non si toccano, le donne devono essere consenzienti. Non ci va bene la nostra cultura? Allora interviene l'ideologia che cambia le basi di una società e allora, dopo, si ridiscute tutto. Una volta fissate le regole, alle persone, che hanno il libero arbitrio, sono lasciati i comportamenti, nel senso che se uno fa qualcosa di 'male' per la società, ne risponde, punto. Le azioni sono azioni, i pensieri sono pensieri. Questi tizi, dietro nessuna ideologia, concordo con eletric, hanno semplicemente commesso dei reati, senza, diciamolo, nemmeno una base fondata... Insomma, puoi pensare quel che vuoi del cristianesimo, ma da qui a prendere una tanica e bruciare c'è ne corre...
Silvia
Venerdì 15 Marzo 2019, 13.51.07
257
@Electric, esatto partiamo proprio dai punti di vista (diversi) che tu citi, io restringo la cosa sul piano individuale. x me il confine fra "psicosi" e "ideologia" che spinge a determinate azioni e' molto labile ***a livello individuale*** . Il terrorista esaltato segue un'ideologia o ha un disturbo psicotico? x me entrambe le cose e lo stesso vale x l'Inner Circle e non c'entra la dimensione locale o internazionale ma (a mio parere) cosa frullava in quelle teste (violente e criminali, ovviamente). Purtroppo cio' che frulla nelle teste malate e malvagie spesso ha dato vita a orribili pagine della storia umana
tino
Venerdì 15 Marzo 2019, 12.35.35
256
Penso che lisa faccia confusione nel senso che non sta scritto da nessuna parte che i foreign fighters dell’(ex) isis siano gente che non ha mai lavorato, anzi spesso è gente che il lavoro lo ha lasciato per imbracciare il mitra, e non è neppure vero che è gente cresciuta con le armi da bambini perché non vengono tutti dalla striscia di gaza, ma sono quasi tutti nati e cresciuti in occidente, quasi sempre annoiati, disadattati o molto semplicemente allettati dalla vita che ti può dare quando stai dalla parte di un organizzazione miltarmente forte, cioè un mix di potere violento (che sembra inebetisca) e piaceri terreni come chi sta dalla parte dei narcos, o nella camorra o nella germania nazista (o russia comunista) insomma non molto diversi dai simpaticoni descritti in questo film che però si sono inventati un mondo che non esiste e non esisteva, la black metal mafia, l’ideologia anticristiana, insomma una tempesta in un bicchier d’acqua che è stata cavalcata spesso a posteriori ma che in realtà in un contesto sociale diverso e più complesso (tipo da noi o in paesi più grandi) sarebbe appunto un episodio alle bestie di satana cioè gente disadattata cresciuta a violenza finzionale (cioè innocua) che però ha saltato il fosso e sono passati a quella reale.
ElectricVomit
Venerdì 15 Marzo 2019, 11.36.54
255
Premessa: quello che scriverò non ha alcun intento difensivo o, peggio, giustificativo di azioni totalmente folli. È un’analisi. Silvia, la differenza di base tra il mio pdv e il tuo è che tu reputi “ideologia” le premesse teoriche alla base dell’Inner Circle, io no. La differenza sta nella valenza “politica” delle azioni che seguono le idee. Prendi l’Isis e il Nazismo. Ideologie totalmente folli, ma che hanno attecchito per precise ragioni contestuali e politiche (in maniera molto generale: crisi socio-economica nella Germania post-Prima guerra mondiale, che la Germania aveva perso + creazione da parte di al-Zarqawi di uno stato sunnita che governasse il Medio Oriente, partendo dall’Iraq, tramite l’instaurazione di un califfato islamico, il tutto a seguito delle conseguenze della prima guerra del Golfo). Nei fatti dell’Inner Circle manca completamente ogni propensione che allarghi lo spettro al di fuori della Norvegia, anzi Oslo e Bergen, e che faccia diventare quegli eventi l’inizio di programma folle e sistematico atto a stabilire un nuovo ordine politico nel mondo. Restano le azioni di un gruppo di persone disagiate, disorganizzate e, sostanzialmente, psichiatriche che, sulle base delle proprie psicosi, ha agito come ben sappiamo. Nessuna velleità politica, dunque nessuna base per passare da “psicosi” a “ideologia (psicotica)”. Che Samoth predicasse la morte del Cristianesimo, per i modi che ha adottato non è dissimile dall’internato che si professa nuovo Napoleone.
Silvia
Venerdì 15 Marzo 2019, 10.23.43
254
@Electric, le Bestie di Satana non hanno commesso quei delitti x seguire un'ideologia ma perche' (se non ricordo male) quei poveri ragazzi volevano uscire dalla setta e l'ultima vittima sapeva troppo. Certo che niente li giustifica come niente giustifca l'Inner Circle, ovviamente. Tu dici "giustificazioni per leittimare ciò che è illegittimo" ma io non penso, perche' l'obiettivo non era bruciare le chiese in questo caso ma distruggere il cristianesimo, capisci, questi erano convinti! Ti faccio un esempio, Samoth dichiaro' dal carcere non solo di non essere pentito ma che bisognava cercare un altro metodo x scardinare il cristianesimo visto che gli incendi non sortivano l'effetto sperato e i cristiani rimanevano uniti (??!!)! Comprendi che sto tizio seguiva una certa "ideologia", chiamala non legittima, folle, campata in aria ma nella sua mente era convinto di cio' che faceva. Lo stesso discorso x il terrorismo, nessuna fonte giustifica l'uccisione di innocenti (come dice lisa) eppure ci sono persone che legittimano questo abominio! Purtroppo le "ideologie" (seppur sballate, senza fondamento, violente etc etc) fanno presa sulle menti di certi esaltati ma non mi sembra che il film volesse sviluppare questi aspetti da cio' che ho capito nell'articolo comunque...
ObscureSolstice
Venerdì 15 Marzo 2019, 8.47.21
253
"Questa è gente che non ha mai fatto un cazzo" Ahah lisablack > pino scotto
lisablack
Venerdì 15 Marzo 2019, 7.18.06
252
Come nessuna fonte giustifica quelle merde che si fanno esplodere nelle discoteche, nelle metropolitane, oppure quando guidano un camion contro la folla..questa è gente che nella vita non ha mai fatto un cazzo, mai lavorato, questi sono parassiti, cresciuti sin da piccoli col mitra in mano per la "guerra santa"pronti al "martirio"..hahaaha ridicoli, è più facile fare il bullo con un fucile che prendere una vanga e arare un campo, vero eh? Il lavoro non piace..meglio fare il foreign fighters della "fava"...sei più figo, mamma mia quante sprangate gli darei volentieri a questi !!!
ElectricVomit
Venerdì 15 Marzo 2019, 7.02.13
251
Silvia, quella dell'Inner Circle era una finta idelogia o, se vuoi, un'ideologia faziosa perché non supportata da reali ragioni che non fossero del tutto pretestuose. In sintesi: giustificazioni per leittimare ciò che è illegittimo. Questa non è un'ideologia. Nessuna fonte giustifica le loro idee. Così come nessuna ragione giustificava i nostrani satanisti (Bestie di Satana). Se volevano dichiararsi satanisti e anticristiani potevano farlo sostenendo, ad esempio, il satanismo laveyano, non violento e basato sull'autodeterminazione di sé, non sulla distruzione degli altri.
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 22.36.13
250
@Analizzatore ma io non ho difeso nessuno e non sono entrata nel merito della validità delle loro idee nè ho confusione sul giudizio morale. Ho semplicemente scritto che secondo me questi ragazzi (Varg è solo uno di loro) erano mossi dalla loro ideologia e non dalla noia, il che non vuole essere una giustificazione. @No Fun x me il discorso sui foreign fighters (a patto che non si parli di mercenari, x questo non mi volevo addentrare, ci sono tante sfumature) è del tutto analogo all'Inner Circle. Anche in quel caso sono spinti da un'ideologia che nelle loro menti ha un certo peso. X me è la stessa esaltazione. @Stagger l'ho pensato anch'io 😁
Stagger Lee
Giovedì 14 Marzo 2019, 22.21.09
249
Ciao No Fun!! buona serata!
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 22.18.53
248
Ciao Stagger!!
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 22.18.22
247
@Analizzatore sì il mio esempio, non sull'Isis ma su alcuni foreign fighters che si arruolavano, era appunto di "cazzoni" simili, e per dire che non penso come @Silvia che ci sia un abisso tra chi è ideologizzato e chi è "cazzone". Ma comunque ritengo utile o interessante, come dice lei, capire questa pseudo ideologia che hanno in testa.
Stagger Lee
Giovedì 14 Marzo 2019, 22.15.34
246
#245....ci avviciniamo al 1 Aprile???
Revelation
Giovedì 14 Marzo 2019, 21.24.41
245
Satana è ingannatore, state attenti, solo Gesù vi può salvare
Analizzatore
Giovedì 14 Marzo 2019, 20.39.48
244
@Silvia: temo che tu faccia molta confusione sul significato di giudizio morale. Io ragiono sui fatti e ne desumo delle ipotesi verosimili. Rasoio di Occam come base logica. O mi contesti i fatti o mi contesti le ipotesi. Tu sostieni che dietro quei crimini c'è una "ideologia" complessa da spiegare che però spiegherebbe tutto e mi rimandi a Varg. Ma Varg, oltre ad aver scritto le sue cose MOLTO DOPO, è indifendibile sotto tutti i punti di vista, soprattutto quello logico e storiografico. Un caso esemplare di soggetto con poche idee ma confuse. E siamo sempre lì: il nulla (le idee di Varg) per spiegare dei crimini. Ma soprattutto se comunque condanni i crimini non capisco il senso fare una distinzione. Da qui il paragone con l'ISIS. @No Fun: quello dell'ISIS non era un esempio di "banalità del male", da te correttamente riportata come l'esecuzione acritica di ordini abominevoli da parte del burocrate Eichmann. È un caso in cui soggetti ideologizzati/credenti commettono crimini simili a quelli dell'Inner Circle: se si ammette che l'Inner Circle era ideologizzato, allora è in tutto simile all'ISIS, se si pensa invece che erano dei semplici cazzoni, allora ho ragione io. @AkiraFudo: quoto. Ma non sottovalutiamo il valore catartico di simili rappresentazioni, la tragedia aristotelicamente intesa come mezzo di purificazione delle passioni (vecchia ma sempre valida argomentazione).
lisablack
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.48.46
243
Si certo, non dico che siamo tutti cattivi, per carità... Ma cancellare il razzismo di razza o di genere, dalla società, sarà molto molto dura..
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.41.22
242
@Silvia stavolta ti ho preceduto!
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.40.21
241
@Lisa secondo me è proprio perché NON siamo tutti uguali che non ha alcun senso dire che "siamo tutti cattivi" "sarà sempre così" etc. Questo è quello che dice la chiesa: l'uomo è cattivo, c'è il peccato originale, preghiamo perché non c'è niente da fare...
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.39.25
240
@No Fun, eh se postavi un attimo prima ti quotavo e facevo prima, hahaha!
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.38.08
239
@Akira, capisco perfettamente cio' che intendi e mi rendo conto che si puo' fraintendere il discorso, x questo ho ribadito piu' volte che condanno questi gesti e non intendo esaltare queste persone, anzi x me personalmente tutto cio' che genera violenza e odio e' deprecabile qualunque ne sia il motivo. L'apprezzamento musicale non c'entra perche' a mio parere cio' che vale x queste persone vale anche x Breivik (e altri ovviamente). Quando io dico "x me c'era qualcosa di molto piu' orribilmente profondo e fragile in alcune di quelle menti contorte" non intendo dare loro "dignita' intellettuale" in senso positivo ma e' un modo di constatare che questi ragazzi si muovevano spinti da certe idee. Inconsistenti? Farneticanti? Malvagie? Si puo' dare qualunque giudizio ma comunque nelle loro menti avevano un certo peso. Riguardo al metal non vedo tutto questo odio, anzi penso che queste tematiche siano relegate a una cerchia ristretta
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.31.57
238
@Akira, però il problema non è se quella roba sia letame oppure no, ma in che misura quel letame che avevano in testa possa aver influito sul loro comportamento. Le ideologie non hanno un valore per la loro "verità" ma per la loro capacità di muovere gli uomini all'azione. Il razzismo come inteso oggi non è affatto un istinto, una pulsione come dici tu ma è una costruzione ideologica che prende piede molto di recente, nell'800, per giustificare segregazione razziale e espansionismo europeo. Ad esempio i Romani potevano parlare di culture più o meno civilizzate ma non facevano alcuna distinzione sui tratti somatici. Per i greci gli Etiopi banchettavano con gli dei e Memnone, il loro re, era considerato pari a un dio e descritto come il più bello degli eroi da Omero. Purtroppo si può benissimo essere colti e possedere "letame" in testa. Altrimenti come spieghi la diffusione di quel letame nel paese più avanzato d'Europa col nazismo? Per questo può essere utile capire quelle che per quanto povere o ridicole o aberranti sono comunque idee.
lisablack
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.25.15
237
L'odio razziale esiste da sempre e sempre esisterà.. Purtroppo fa parte dell'essere umano, odiare ciò che è diverso, i buonisti che professano "siamo tutti uguali, siamo fratelli e sorelle"per me sono solo frasi fatte, roba da film strappalacrime, la realtà è tutt'altro. Io vedo odio ovunque..sarò pessimista, può darsi, io credo di essere realista. Alla fine le idee che professavano questi loschi individui ( ma ripeto artisti, malgrado tutto) le puoi trovare ovunque in tutti gli ambienti della società.. Guarda che puttanaio, il mondo del calcio..perché li non c'è razzismo? Eccome..è una minoranza, ma c'è.
fasanez
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.24.15
236
Straquoto @akira. Bravo.
AkiraFudo
Giovedì 14 Marzo 2019, 19.01.20
235
@Silvia, credo si debba vedere la questione con un minimo di obbiettività e distacco, liberandosi per un attimo del coinvolgimento dovuto all'apprezzamento dell'elemento musicale e magari smettere di definire "idee" o "ideologia" quest'accozzaglia male assemblata di elementi presi dal folklore locale, dal cristianesimo (satana - che tutti se ne facciano una ragione - è un personaggio della letteratura cristiana), e da alcune fra le pulsioni più deprecabili mai partorite da mente umana (odio razziale e di genere, ecc.) perché così facendo si da' l'impressione (e sono sicuro che NON sia il tuo intento) di voler dare dignità intellettuale a messaggi infimi sotto ogni punto di vista, a puro LETAME, che rimane tale anche se legato alla gestazione di ottimi dischi.... per me queste "idee" non nascondo chissà quale profondità di pensiero, ma l'esatto contrario: il vuoto, la completa mancanza di basi culturali e anzi i chiari segni di personalità infantili stupidamente affascinate da ostentazioni di forza e violenza fini a sé stesse. Chiudo specificando che simili cazzate sono alla base di tanti dischi metal, ma il fatto che nella quasi totalità dei casi esse rimangano confinate lì, a parer mio fa la differenza, e non possiamo esprimere un giudizio senza tenerne conto.
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 18.26.05
234
Esatto @No Fun e a questo proposito ricordo come Breivik esulto' quando venne dichiarato "capace di intendere e di volere". X lui quelle idee che ai suoi occhi "motivavano" la strage erano importanti e temeva che venissero delegittimate e banalizzate come farneticazioni di un pazzo. Ritornando al film se non erro Varg lo critico' perché banalizzava la sua figura... Con questo ri-specifico che non voglio esaltare queste persone, tra l'altro non sono né anticristiana né misantropa 😅
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 18.08.51
233
certo @Silvia, quello dell'Isis era solo un esempio della "banalità del male". Però è anche vero che questa cosa della "banalità del male" è spesso essa stessa una banalità (la banalità della banalità del male). La stessa Hannah Arendt che coniò il concetto nel suo libro su Eichmann che vide al processo come un vuoto esecutore di ordini abominevoli fu, si scoprì poi, fuorviata dall'immagine che Eichmann voleva dare di sé appunto al processo. Successivamente fu provato che Eichmann non era affatto un banale malvagio ma era un nazista cosciente, del tutto convinto della giustezza di quella ideologia che conosceva molto bene. Quindi hai ragione nel dire che per capire certe persone e certi comportamenti non si può essere superficiali.
duke
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.51.09
232
....rispetto le tue idee.....
duke
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.47.12
231
...ok silvia....
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.42.52
230
@No Fun #226, hai colto cio' che intendevo (non entro in merito all'ISIS perche' il discorso e' molto piu' complesso). @Area #225, esattamente! @duke quello che dici dei paesi nordici non corrisponde alla realta', c'e' tanto disagio individuale ben oltre l'immaginabile
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.37.16
229
@Analizzatore (e duke con te) stai traslando tutto sul piano del giudizio e della morale ma questo non e' argomentare, e' solo esprimere il tuo punto di vista, ben inteso rispettabile, un po' meno "ti mancano le basi" "Mi armo di pazienza" etc etc che x me sono del tutto fuori luogo ma tant'e'. I punti 2, 3 e 4 del tuo #222 in che modo sono argomentazioni ai fatti? Sono tue opinioni e ipotesi. 2) si comportavano da cattivoni (viziati, hai detto prima) in base al tuo giudizio ma non hai elementi x dirlo, sono tue impressioni. 3) anche qui accosti l'ISIS e i piromani chiedendo "sono in qualche modo migliori?". Ma che c'entra, io non ho posto la questione in termini morali, ho gia' detto che li condanno. Parlavo solo di diverse motivazioni, x me non erano viziati annoiati ma avevano certe idee. Questo non li rende ne' peggiori ne' migliori. 4) il libro di Varg e' un pastrocchio x te (altro giudizio morale) ma rappresenta la sua ideologia dietro i suoi gesti. Te lo spiego meglio con un paragone analogo. x me il manifesto di Anders Breivik era un delirio da fuori di testa ma lui ha compiuto una strage basata su quelle idee cui teneva tanto e questa e' la modalita' che si puo' applicare su piccola scala (x fortuna!) all'Inner Circle. Saranno pastrocchi sconnessi ma loro ci credevano./// Non intendevo dire che ci vuole il patentino black metal x commentare, ci mancherebbe, e non volevo sminuire la tua conoscenza (non mi interessano questi aspetti) ma semplicemente che se fossi stato addentro al genere avresti conosciuto le ragioni che spingevano questi ragazzi ad agire in quel modo./// Comunque, x sintetizzare, abbiamo atteggiamenti e opinioni diverse, a me sta bene cosi', non mi interessa convincere nessuno. Tu dici atteggiamento fideistico, ma fideistico de che? Io ho solo ascoltato i loro dischi e le loro interviste e mi sono documentata un po' su quelle correnti di pensiero./// Te lo ripeto, se tu (e duke) ipotizzate che fossero ragazzi viziati ok, rispetto la vostra opinione ma non la condivido. x me c'era qualcosa di molto piu' orribilmente profondo e fragile in alcune di quelle menti contorte.
duke
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.15.07
228
...no fun....non ci sono piu' le mezze stagioni....di una volta....bye....anche il commento di area lo trovo giusto....saluti.....
tino
Giovedì 14 Marzo 2019, 17.12.53
227
Certo che vedere ihsahn su youtube che suona nel video promo dell'aristides the loss and curse ti fa veramente capire che dietro al fumo c'era anche tanto arrosto, mamma che spettacolo
No Fun
Giovedì 14 Marzo 2019, 16.41.14
226
@duke e le mezze stagioni? Ci sono ancora le mezze stagioni? @Analizzatore, giusto un appunto. @Silvia non dice affatto che "sono in qualche modo migliori" anzi dice che moralmente sono da condannare sia esaltazione che teppismo ma che si tratta di due fenomeni tra i quali "c'è un abisso da un punto di vista ideologico e psicologico". Non so se sia vero, ad esempio molti dei foreign fighters dell'Isis non sapevano nulla di ideologia e religione, partivano spesso perché la loro vita vuota è stata riempita di cazzate lette o sentite sul web o da amici che descrivevano una realtà fantasmata.
Area
Giovedì 14 Marzo 2019, 16.41.08
225
@duke, vorrei anche aggiungere che secondo me ed é certamente sia all'epoca sia oggi SICURO al Norvegese medio si sentirà ben poco infastidito "dalla presenza della chiesa in Norvegia che anticamente aveva soppiantato i culti pagani dei Vichinghi"... cioé seriamente quanta gente davvero penserà a sta roba in Norvegia? Così come sono sicurissimo che la musica che va per la maggiore da quelle parti non sia il Metal di qualsivoglia sottogenere e che molte persone di quei personaggi e di quei fatti di cronaca o non se ne ricordano oppure non ne hanno mai sentito parlare... Chiunque voglia replicare lo invito ad essere realista e a tener presente che: A) Sono episodi accaduti oltre 20 anni fa, B) I cosiddetti "Metallari" anche in Norvegia sono una minoranza come in tanti altri posti, C) La maggiorparte dei Norvegesi sono Cristiani Luterani e c'é anche una certa percentuale di Atei che credetemi non pensano al Paganesimo e ai Vichinghi.
ElectricVomit
Giovedì 14 Marzo 2019, 16.22.56
224
@Analizzatore: wow. @Altri utenti: studiate il suo approccio, a prescindere dai gusti. @Redazione: "Qui quello che conta sono le opinioni argomentate, non chi sono io o chi sei tu"; gentilmente, potete aggiungerla sotto la scritta del sito?
duke
Giovedì 14 Marzo 2019, 15.59.25
223
....analizzatore trovo interessanti i tuoi commenti..hai ragione.....erano ragazzini viziati....i paesi nordici sono ricchi....i servizi funzionano alla perfezione....lo stato ti aiuta.......non esiste emarginazione.....era bamboccioni annoiati......basta vedere la cronaca ...a quello che qualche anno fa ....ha fatto una strage....gli hanno dato 10 anni su un'isoletta "prigione" con casetta e la possibilita' di girarci liberamente....ma dai......
Analizzatore
Giovedì 14 Marzo 2019, 15.52.40
222
Mi armo di pazienza... 1) Tu dici: "se non sei addentro al genere e non hai seguito le interviste agli interessati" Come fai a dirlo? Ci vuole una spacie di passaporto black metal? Si deve commentare solo tramite una pec riconosciuta da Burzy? Guarda, io il black metal l'ho pure suonato per qualche annetto e tu? Certo, la mia potrebbe essere una balla, come pure il fatto che TU STESSA sia addentro al genere e che abbia letto interviste. Qui quello che conta sono le opinioni argomentate, non chi sono io o chi sei tu. E comunque mi pare di aver mostrato qualche conoscenza della materia. 2) Tu dici: "non ti posso spiegare in un post le ideologie di queste persone che sono molto complesse e ognuna di loro aveva la sua nel dettaglio" Le ho spiegate io prima: ogni scusa preconfezionata va bene per fare i cattivoni. Aggiungo che poi probabilmente, come spesso accade nei gruppi ristretti, c'è stata una escalation a dimostrare chi era più duro e puro. 3) Tu dici: "x me c'e' una bella differenza fra chi (es.) brucia le auto il sabato sera x gusto e chi brucia le chiese in un impeto di anticristianesimo. Il giudizio morale puo' essere lo stesso, sono criminali ovvio, ma fra esaltazione e teppismo c'e' un abisso da un punto di vista ideologico e psicologico ed e' cio' che intendevo." Passaggio notevole. Qui le cose sono due: o ti mancano le basi o ti stai arrampicando sugli specchi. Se commetto un crimine per necessità (rubare per fame), può pure essere accettabile. Se commetto un crimine per futili motivi, no. Se commetto un crimine per odio (incendiare chiese, uccidere omosessuali) è pure peggio. Fammi capire, quelli dell'ISIS che sgozzano gli infedeli e distruggono opere d'arte delle altre religioni (un po' come quelli dell'Inner Circle) sono in qualche modo migliori di chi "brucia le auto il sabato sera x gusto"? 4) Tu dici: "e' palese che non conosci il tema, Varg Vikernes ha anche scritto dei libri in cui spiega la sua ideologia quindi e' evidente che non sono mie considerazioni ed e' anche chiaro che non si trattava di ragazzate da viziatone annoiato" Quindi le basi ideologiche "che sono molto complesse" sarebbero i libri scritti da Varg? Ma dici proprio quel pastone sconnesso di nazismo antisemitismo, paganesimo e complottismo scritto diversi anni dopo i fatti? Io non ho letto quei libri né lo farò (e tu? e tutti gli altri black metaller?), ma le sue teorie mi sono note (delirio puro) ed è proprio per questo che confermo ogni mio giudizio. /// Comunque, cara Silvia (e non sono ironico), mi è chiara la tua posizione di condanna dei crimini dell'Inner Circle. Ti manca fare un ultimo passo e abbandonare questo atteggiamento che è perfettamante definibile come fideistico.
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 13.01.22
221
Aggiungo, anzi ribadisco (visto che e' cosi' facile fraintendere) che la penso esattamente come lisa #188
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 12.28.02
220
@Analizzatore, non e' mancanza di logica ma semplicemente se non sei addentro al genere e non hai seguito le interviste agli interessati non ti posso spiegare in un post le ideologie di queste persone che sono molto complesse e ognuna di loro aveva la sua nel dettaglio, ma potremmo dire che c'era un generale sentimento anticristiano e misantropo. x me c'e' una bella differenza fra chi (es.) brucia le auto il sabato sera x gusto e chi brucia le chiese in un impeto di anticristianesimo. Il giudizio morale puo' essere lo stesso, sono criminali ovvio, ma fra esaltazione e teppismo c'e' un abisso da un punto di vista ideologico e psicologico ed e' cio' che intendevo./// "questi ragazzi portavano avanti ideologie ben precise [ah ok, se lo dici tu...]," . Eh non lo dico io, e' palese che non conosci il tema, Varg Vikernes ha anche scritto dei libri in cui spiega la sua ideologia quindi e' evidente che non sono mie considerazioni ed e' anche chiaro che non si trattava di ragazzate da viziatone annoiato. Poi che queste persone abbiano commesso dei crimini e alcuni gesti/comportamenti facessero rivoltare lo stomaco x il loro totale disprezzo dei valori umani e della vita e' un altro paio di maniche, io non la volevo banalizzare cosi' e poi non parlavo del mio giudizio personale ma cercavo di inquadrare la situazione x quella che era.
Analizzatore
Giovedì 14 Marzo 2019, 11.43.50
219
@Silvia: Non è la prima volta che rilevo una forte carenza di logica nei tuoi ragionamenti. Tu dici: questi ragazzi portavano avanti ideologie ben precise [ah ok, se lo dici tu...], contraddittorie o meno non importa [ma come non importa??!?! hai detto che erano ben precise!], e non sembravano mossi da semplice teppismo derivante dalla noia [e certo, erano mossi da ideologie ben precise che però non si sa manco quali siano: paganesimo? satanismo? anti-cristianesimo? omofobia? nazismo?]. Facciamo i conti con i fatti: quelli erano dei ragazzotti viziati, per i quali ogni scusa preconfezionata per fare i cattivoni era buona, con troppo tempo a disposizione e con niente nel cervello: uno che al suicidio di una persona (e non dico di un coinquilino o di un amico) la prima cosa che fa è andare a comprare una macchina fotografica per immortalare lo scempio e poi conserva parti del cadavere tanto normale non è. E ci sono pure altri casi, noti ai più, a convalidare questa mia affermazione. Quindi smettiamola con sta storia dell'ideologia, che fa acqua da tutte le parti.
Silvia
Giovedì 14 Marzo 2019, 9.48.56
218
Una precisazione x chi ha estrapolato paganesimo=satanismo. Sicuramente si tratta di due concetti diversi, ma entrambi ***in questo caso*** sono espressione di sentimenti anticristiani culminati nella distruzione delle chiese. Ciò che intendevo è che questi ragazzi portavano avanti ideologie ben precise, contraddittorie o meno non importa, e non sembravano mossi da semplice teppismo derivante dalla noia (non so poi come questo aspetto venga approfondito nel film). In linea di massima infatti concordo con lisa quando parla di esaltazione./// Il #216 è la solita provocazione senza fondamento e non ha nessuna attinenza col mio post che si riferiva invece alle discussioni precedenti sui fatti descritti nel film.
Giocondo Romanella
Mercoledì 13 Marzo 2019, 14.32.12
217
Ciao Area, ieri ti avevo risposto in rima sulla bella recensione dei Beatles. Non so se hai fatto in tempo a leggerla, me l'hanno cancellata forse giustamente. Magari era un po' pesante e offensiva ma spaccava Bro. Magari ci riprovo alla prossima. Ciao Area bla bla in frittura di insalata di calamaro. Ciao Bro, mandami il beat giusto che martello, fratello.
ObscureSolstice
Mercoledì 13 Marzo 2019, 14.14.05
216
Silviablack 177, forse a te ha allontanato da persona superficiale, la tua contraddizione persiste. Il contorno è altro e non i fatti di cronaca ma semmai ha avvicinato con la sua aurea, la glacialitá, spiritualitá, cultura, religione e metal. In contraddizione a quello che dici sistono generi dove il lusso sfrenato, le gang su di macchine a spararsi con armi a fuoco a farsi vedere violenti come capi di cosche della malavita, oggetti preziosi addosso con un giacimento d'oro al collo, e modi di fare del tutto sbagliati da modelli sbagliati che vende un sacco ai ragazzini..zero cultura, e lí non si dice niente, come il rap, dove c'è mooolta piú "cronaca" vera lí e per giunta voluta piú volte (2 pac è solo uno dei tanti) o l'anarco punk che incita a cose sbagliate. Invece lí l'allontanamento non esiste e si ascolta senza problemi evabeh
Area
Mercoledì 13 Marzo 2019, 14.00.51
215
@ObscureSolstice, purtroppo per te io questa musica la conoscevo molto bene ed é per quello che mi permetto di intervenire...
Area
Mercoledì 13 Marzo 2019, 13.45.56
214
@Rapa Razzingher, ripeto a me non interessa più ascoltare quel genere, ma io non parlarei di una autentica esplosione, commercialmente parlando non ha fatto chissà quali numeri. Era e resterà per sempre un fenomeno underground con quale raro picco di fama non gradito dalla quasi totalità dei suoi estimatori (vedi il successo relativo dei gruppi Sinfonici o di altri tipo i Satyricon). Guarda mi spiace contraddirti ma i veri pionieri dell'estremo se proprio vogliamo dirla tutta sono i Coven a fine anni 60, anche prima dei Black Sabbath.
ObscureSolstice
Mercoledì 13 Marzo 2019, 13.43.28
213
Queste elucubrazioni per sapere come è andata, c'è solo da sorridere; facendo tesi storiche di un genere che a certe persone neanche interessa tutto il metal in verità, è a dir poco un paradosso. Se giá stona a questi ultimi il growl o lo scream o il face-painting che urta giá inizialmente, figuriamoci tutto il resto..è inutile parlare..come io non parlo degli avantasia. Ma è sempre compiacente vedere le manie di grandezza di certi soggetti infanti che tentano di fare dei discorsi ma peccato sbagliati, campati in aria, come in altri generi che tentano ossessivamente nel capire a chi ha iniziato prima, o chi ha fatto chi, e chi ha ispirato chi per notare la generazione dei professorini sempre in atto che non hanno vissuto niente e niente gli piace, ascoltando il genere estremo da due giorni. Su di un film, poi non ha senso... Il commento 177 è totalmente non veritiero come i suoi ragionamenti, sempre la solita, che poi non dovrebbe ascoltare black?
Rapa Razzingher
Mercoledì 13 Marzo 2019, 13.36.47
212
Io credo che il vero problema è che l'intera scena ha goduto della pubblicità negativa per i fatti ben noti, siete davvero sicuri che sarebbe cmq esploso il fenomeno black se ad esso non si fossero accompagnati i gesti criminali di alcuni asociali megalomani? eppoi non dimentichiamoci dei Mercyful Fate veri pionieri dell'estremo, autori di dischi che sono davvero degni di fregiarsi del titolo di capolavori....suonati alla grande e con un vocalist geniale ancora oggi pressochè inimitato...loro hanno inventato davvero qualcosa...a mio modesto parere...
Area
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12.46.58
211
@lisablack, Si ma infatti per me erano delle cavolate che potevano essere evitate, ognuno si faceva i fatti propri e pazienza. Secondo me il punzecchiare era anche per farsi notare. Ecco pensa se ci fossero state le instagram stories a quell'epoca XD jajajaja @Pap Razzinger, io in mezzo a quel trio di band da citate (satyricon, emperor e dimmu borgir) ci aggiungerei anche i Limbonic Art, tralasciando che usavano la drum machine i loro dischi erano ben registrati. @il pazzo, gli Emperor sempre andando a memoria ai tempi di In the nightside suonavano in Inghilterra con i Cradle of filth , cosa che poi fecero anche i Dimmu Borgir credo. @duke, Inri me lo fecero ascoltare un pacco di tempo fa e non l'ho mai comprato perché mi disturbava il suono della batteria...
tino
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12.43.46
210
E anche sui mayhem che però non mi sono mai piaciuti
tino
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12.43.04
209
Sui darkthrone invece quoto Hagen
tino
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12.39.04
208
Sono d'accordo con il 206
Hagen
Mercoledì 13 Marzo 2019, 12.28.20
207
Su Burzum stendiamo un velo pietoso, HLTO e Filosofem sono un ottimo esempio di black metal mischiato all'ambient, ma il soggetto in questione è solo un coglione razzista. I Mayhem hanno praticamente inventato e sdoganato il "riff black metal", e inoltre hanno avuto il coraggio di sperimentare anziché accontentare i fan e fare un DMDS parte 2. I Darkthrone sanno (o sapevano) suonare bene, basta ascoltarsi Soulside Journey, ma hanno deciso che quella non era la loro strada e sono andati verso il minimalismo e il grezzume, un po' come Picasso insomma.
Papa Razzingher
Mercoledì 13 Marzo 2019, 11.54.26
206
Non hanno inventato nulla i vari Burzum Darkthrone Mayhem e compagnia brutta, certo oltre ai caproni come Burzum poi sono emessi musicisti d'eccellenza...Satirycon, Emperor,Dimmu Borgir ecc tutta gente che ha capito che essere musicista significa suonare e registrare decorosamente, non fare schifo al cazzo perchè fa cool true e amenità simili, andate un po a vedere Burzum che si è ridotto a figliare come un coniglio e spara cazzate da suprematista bianco in mezzo alla boscaglia. Chi valeva davvero si è evoluto e si è costruito una carriera basata sulla musica e non sulle stronzate da disadattati!
lisablack
Martedì 12 Marzo 2019, 17.54.31
205
Area..Hate dei Sinister è una bomba di album..ma in quegli anni di capolavori ne sono usciti a bizzeffe, ha ragione Hagen come la pensava Euronymous riguardo il death, per lui doveva solo parlare di dolore e morte..e bollavano come "poser" chi si allontanava da queste tematiche, pur suonando sempre death metal..mah erano proprio estremisti, esagerati..
il pazzo
Martedì 12 Marzo 2019, 17.39.56
204
Mamma mia la storia della rivalità tra black norvegese e Death americano e svedese era veramente pessima, più che altro veramente adolescenziale…..si i vari leader dei gruppi norvegesi mettevano i bollini sui dischi con la faccia di burns sbarrata hahahah si vabbè la cosa era quasi comica. Diciamo che i norvegesi subivano molto la palese potenza della scena Death svedese e americana, la svezia aveva una flotta di gruppi Death più o meno validi ( da Stoccolma ad Umea a Goteborg fino ad Avesta) e idem in america mentre la prima scena norvegese poggiava quasi esclusivamente sul circolo di Oslo e le poche band provenienti da posti tipo Bergen. Quindi ad un certo punto i norvegesi hanno dovuto prendere le distanze e diversificarsi ed ecco la storia della competizione black contro Death. Anche se c'erano gruppi che congiungevano le due cose….i dissection erano tranquillamente ben visti sia in Svezia e sia in Norvegia come anche gli unanimated oppure i necrophobic, cioè per capirsi i dissection potevano tranquillamente suonare in una serata degli emperor e vice versa perché primo facevano una musica simile ( black / Death con melodia e atmosfera) e pure perché erano affini come "attitudine".
Hagen
Martedì 12 Marzo 2019, 16.57.34
203
@duke: anche se nessuno ha fatto il nome degli Hellhammer, sono comunque stati menzionati i Celtic Frost e i T.G. Warrior, il che è praticamente la stessa cosa. Sulla polemica riguardo al death metal e Scott Burns, al di là dei toni sbagliati usati dai membri della scena norvegese, va comunque detto che, a parte poche eccezioni, la sua produzione uccideva la potenza e la ruvidezza degli album: basso assente, chitarre leggerine, doppiacassa che sembra una macchina da scrivere. Inoltre Euronymous si era scagliato contro le band death che parlavano di temi sociali, perché secondo lui il death metal doveva parlare solo della morte.
Analizzatore
Martedì 12 Marzo 2019, 16.02.54
202
@duke: 156. PS: sì, manca una h...
duke
Martedì 12 Marzo 2019, 15.46.46
201
.....tra gli italiani ....necrodeath e bulldozer......soprattutto gli ultimi ......apprezzatissimi da euronymous......
duke
Martedì 12 Marzo 2019, 15.44.14
200
....tra le bands che hanno inventato il black....ci metterei gli hellhammer.......non ho ancora visto il loro nome....inoltre chi ha citato i sarcofago ha fatto bene....anche se di questi ultimi non appprezzo i loro primi lavori....ma li ritengo tra i fondamentali del genere.........
Area
Martedì 12 Marzo 2019, 14.54.15
199
@lisablack, per me uno dei dischi più riusciti del genere uscì nel 95 e non era nemmeno un disco Americano, ovvero Hate dei Sinister... oggi non riesco più ad ascoltare il genere in generale, ma sicuramente lo rispetto. Comunque boh nemmeno io sta cosa la capivo, volendo la si può vedere come una mania post-adolescenziale... ma non era mica lui che voleva tenere il suo negozio al buio con gli acquirenti che dovevano cercarsi i dischi a lume di candela? jajaja
lisablack
Martedì 12 Marzo 2019, 14.41.38
198
Si anche Varg era di quest'idea..esagerata per me, odiava le band che lavoravano con Scott Burns( pensa un po') vabbe', deliri di onnipotenza..stendiamo un velo pietoso. Del death metal non si butta via nulla, prima e dopo il 92, pure oggi roba validissima..
Area
Martedì 12 Marzo 2019, 13.57.16
197
@lisablack, mi pare di ricordare che loro disprezzassero la piega che aveva preso il Death dal 92 in poi, ma che tutto quello che era venuto prima fosse ancora degno... si che poi "Loro", Dead e Euronymous, gli altri secondo me se ne fregavano alla grande, anche perché erano poco più piccoli...
lisablack
Martedì 12 Marzo 2019, 13.15.29
196
Anche da Altars of Madness..son d'accordo Chapel of gouls è un pezzo black..quasi..
Area
Martedì 12 Marzo 2019, 12.56.19
195
@lisablack, da un punto di vista musicale e di meriti non ho problemi a riconoscere agli Emperor, Satyricon e anche i Dissection di essere gente che sapeva suonare... l'evoluzione dei loro dischi parla per loro. @Analizzatore, ovviamente esisteva già un tipo di metal che col senno di poi é stato definito black tipo ciò che fecero Sarcofago, Sepultura (almeno Morbid Visions) e gli Holocausto in Brasile o i Bathory in Svezia... questi sono secondo me quelli che hanno davvero anticipato, ma nel caso dei Brasiliani questa cosa é stata riconosciuta dopo... all'inizio era sicuramente tutto Thrash Metal. Quello che poi hanno fatto i Norvegesi é prendere un po da quelli e un po da altri (io insisto per me anche da Altars of madness dei Morbid Angel che a molti di loro piacevano) e hanno effettivamente creato un sound loro.
AkiraFudo
Martedì 12 Marzo 2019, 12.23.32
194
quoto il commento #191 e faccio notare anche la bizzarra unione fra satanismo e paganesimo che, a rigor di logica, dovrebbero escludersi l'un altro... un'aspetto che il film ha, a parer mio, probabilmente azzeccato è l'illustrare l'esiguità delle basi "ideologiche" del movimento...
lisablack
Martedì 12 Marzo 2019, 12.20.49
193
Non hanno inventato nulla, Mayhem , Burzum, Darkthrone..hanno fatto capolavori, riconosciuti da decenni, il black parte da Quorthon e Tom g.Warrior, Morbid Tales e Bathory i dischi che hanno acceso la fiamma nera..poi son venuti album che per me SONO il black, mi riferisco a The Return, Under the Sign of black mark..tutta la scena scandinava si è ispirata a questi dischi
Hagen
Martedì 12 Marzo 2019, 11.05.32
192
Infatti il movimento norvegese di quegli anni viene definito come second wave, segno che una first wave c'era già stata. Le band della first wave sono le stesse che avevano già influenzato la nascita del thrash e quindi del death metal. Le band della second wave hanno applicato le innovazioni del thrash estremo e del death dei primi anni allo "scheletro" della first wave. Quindi sì, possiamo dire che abbiano inventato poco, però d'altro canto hanno saputo mischiare molto bene quanto era già stato fatto.
Analizzatore
Martedì 12 Marzo 2019, 10.43.29
191
Il black metal è nato prima di Mayhem o Burzum. Bisogna farsene una ragione. Certo, capisco pure che chi è cresciuto con quella musica vi attribuisca qualità che trascendono lo spazio-tempo tipo, appunto, inventare cose che già c'erano. Ma facciamo finta, per un momento, di vivere nel mondo reale, quello purtroppo soggetto al normale scorrere del tempo e proviamo a guardare l'aspetto musicale, "ideologico" ed estetico di band come Slayer, Venom, Celtic Frost ecc... quale sarebbe la novità apportata dai gruppi scandinavi? Lo dico io: stocaz... L'aspetto ideologico merita una particolare attenzione: ha il suo apice nella frase "sono satanista perché sono anticristiano", detta e ridetta da vari esponenti. Ecco, una stronzata del genere, neanche questa originale perché di Bentoniana memoria, è equiparabile a "sono nazista perché anticomunista"... il cervello all'ammasso. Pure quelli dell'ISIS, tra l'altro simili per comportamenti, hanno una base ideologica più solida.
Hagen
Lunedì 11 Marzo 2019, 23.34.37
190
@tino: sì ok, ma non bisogna dimenticare che il black metal nasce per l'underground, nasce per restare al di fuori della portata del grande pubblico, per respingere ed essere sgradevole, basta ricordare che perfino il death metal veniva criticato per essere diventato troppo pulito e tecnico! Il minimalismo, il grezzume, la produzione pessima e incasinata erano elementi voluti, tant'è che i Darkthrone ad esempio hanno dovuto "disimparare" a suonare i loro strumenti.
tino
Lunedì 11 Marzo 2019, 21.32.44
189
Come dice qualcuno chi scuote la pianta poi non raccoglie le mele, i gruppi tipo mayhem o burzum hanno acceso la miccia ma gruppi come dimmu borgir con enthroned o marduk con nightwing nonché satyricon con nemesis e emperor con anthems hanno alzato l'asticella dimostrando grandi capacità tecniche unite a parossismo sonoro ed estetico e di fatto hanno fatto uscire il genere dall'underground.
lisablack
Lunedì 11 Marzo 2019, 19.13.54
188
Condanno tutto quello che ha fatto l'inner circle, così veniva chiamata all'epoca questi che bruciavano chiese( tra l'altro stupende)..Sapete come la penso riguardo la chiesa, ma mai mi permetterei di distruggere cattedrali, basiliche che poi non sono altro che opere d'arte..Diciamo che questi erano merde, nel loro comportamento, erano geniali quando entravano in studio a comporre musica. Perché di musica veramente oscura, malsana, fredda, ne hanno fatta..eccome e che album! Direi capolavori, mai superati, in ambito black! Anche se il genere per fortuna, ancora oggi regala tanta bella robas..
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 18.15.41
187
Comunque articolo molto interessante e completo, complimenti!
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 17.08.22
186
@duke hanno ucciso e inoltre distrutto delle bellissime chiese solo perché non ne condividevano il simbolismo... non è indice di equilibrio x niente infatti, questo penso sia un giudizio unanime
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 16.59.16
185
@Area infatti alcuni col tempo si sono dissociati dai fatti
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 16.58.28
184
Beh accostarsi ad una certa "filosofia" o portare avanti un'ideologia non significa necessariamente essere filosofi
duke
Lunedì 11 Marzo 2019, 16.58.18
183
..erano degli squilibrati che non avevano una gran conoscenza dei loro strumenti.....tranne gli emperor che erano musicalmente un gran gruppo....ma con certi elementi ......
Analizzatore
Lunedì 11 Marzo 2019, 16.44.21
182
Ah, erano dei flilosofi che sapevano suonare... questa è dissonanza cognitiva.
Area
Lunedì 11 Marzo 2019, 16.10.47
181
@Silvia, In realtà questo é un film che si sarebbe potuto fare tranquillamente 20 anni fa... ma il fatto che sia stato criticato da tutti i gruppi che quel periodo lo hanno vissuto la dice lunga su diverse cose... sarà sicuramente ancora così ma la maggiorparte di loro non ha piacere a parlare di quel periodo, quasi certamente perché non ne vanno fieri e anche quando gli veniva chiesto del libro "lord of chaos" loro ne parlavano anche peggio di questo film...
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 15.33.05
180
Si' @Area, assolutamente, dici bene, io ho una decina d'anni in piu' di te e infatti nel precedente post mi riferivo agli anni 90 in cui (fra l'altro) internet era agli albori e c'erano veramente pochissime notizie. Che poi se proprio vogliamo parlare di fascino dellle tematiche black io ricordo che (oltre a chi ne amava solo l'aspetto musicale) c'era qualcuno che era attratto da una certa "filosofia" (misantropia, satanismo, nazionalismo, paganesimo etc etc) che era cio' che contribuiva "all'aura nera" di **alcuni** gruppi. Perche' ricordiamo che non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. /// Che l'argomento fosse perfetto x un film non c'e' dubbio.
Area
Lunedì 11 Marzo 2019, 14.56.49
179
@Silvia, in realtà di quelle cose dei roghi e amenità varie fino a metà anni 2000 era difficile sentirne parlare se non avevi l'amico un po più grande che le tirava in ballo... oppure dovevi capitare su qualche raro articolo da rivista specializzata.... Per anni per bocca di amici, conosccenti e qualche illustre sconosciuto (quelli che becchi di sfuggita nei negozi di dischi) ho sentito mille versioni diversi tutte molto fantasiose, alcune vere e confermatissime, altre totalmente imprecise e anche molta roba falsa. E' roba che conosce sommariamente anche chi non ha mai posseduto mezzo disco black, hanno avuto una diffusione che ha dell'incredibile... quale miglior soggetto per un film?
Area
Lunedì 11 Marzo 2019, 14.39.45
178
@Galilee, per quanto da 10 anni a questa parte il Black Metal non sia più di mio interesse (giusto per essere gentili) una cosa che va riconosciuta é che proprio quei gruppi Norvegesi da te nominati o che in qualche modo compaiono in questo film a un certo punto TUTTI ma proprio TUTTI credo intorno a fine anni 90 smisero quasi di farlo... era gente che sapeva suonare e quando hanno potuto o hanno voluto registrare diversamente e meglio lo dimostrarono. Anche quando registravano così così (vedi In the nightside eclipse o De misteriis...)
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 13.29.42
177
Aggiungo che a mio parere "il contorno" della musica ha allontanato parecchia gente dell'ascolto forse.
Silvia
Lunedì 11 Marzo 2019, 13.27.18
176
Diciamo che forse chi non è addentro al genere è rimasto colpito dai fatti di cronaca ma chi lo ha conosciuto tramite i dischi non penso abbia dato troppo peso a questi crimini. Almeno x me è stato così, solo dopo molto tempo che lo ascoltavo negli anni 90 ho visto una foto di Samoth con la pistola, ho saputo dell'incendio x cui venne condannato etc etc. Fra l'altro un genere non rimane vivo e vegeto x più di 20 anni se non piace la musica al di là del contorno. Non è neanche vero che questi ragazzi fossero annoiati perché ahimè avevano le loro convinzioni filosofiche (non condivisibili magari ma c'erano)./// Non ho visto il film ma mi incuriosisce il motivo x cui gli esponenti della scena non abbiano dato il loro consenso
Galilee
Lunedì 11 Marzo 2019, 13.13.46
175
Affermazione superficiale, faziosa e non vera. Le band che non sanno suonare ci sono in tutti i generi, e in questo caso nel Black metal le band leader sapevano e sanno tutte il fatto loro. Da Burzum agli Emperor, dai Darkthrone agli Immortal.. E così via. Ricordo che i Rolling Stones non sanno suonare ancora oggi però....
Papa Razzingher
Lunedì 11 Marzo 2019, 12.28.21
174
Come già scritto la cronaca ha prevalso sulla musica...certi dischi fanno oggettivamente schifo. Gente che non sapeva suonare neanche il citofono elevati a guru musicali...ma per piacere...
Pacino
Lunedì 11 Marzo 2019, 8.03.58
173
Concordo su Bohemian Rapsody, una cagata immane, inspiegabile pure l'oscar a quel babbeo che ha fatto Mercury.
gianmarco
Domenica 10 Marzo 2019, 1.20.49
172
visto voto 9 .
Punto Omega
Sabato 9 Marzo 2019, 22.09.31
171
Come film è molto meglio di quell'opera inutile di Bohemian Rhapsody. Si tratta di un film, come tale va preso e come film è godibile.
Lontano
Sabato 9 Marzo 2019, 20.29.20
170
cit "È come comunicare con il linguaggio dei segni ad un cieco" STANDING OVATION
Analizzatore
Sabato 9 Marzo 2019, 15.02.12
169
@ElectricVomit: È chiaro che i significati hanno un valore solo in un contesto in cui gli stessi sono condivisi. Ex: mostrare il dito medio è un insulto se tutti condividono il senso del gesto, mostrare il dito medio ad un aborigeno o un indios dell'amazzonia equivale a fare una telefonata a un numero che non c'è. È come comunicare con il linguaggio dei segni ad un cieco. Non so rispondere alla tua domanda perché non mi è chiaro cosa tu intenda. Se ti riferisci alla trasformazione di fatti di cronaca nera in arte, come nel film La Casa Di Jack, sono portato a dire di no. @No Fun: mah, per me pop, black metal o post metal sono solo parole che servono esclusivamente a catalogare e non sono categorie assolute. Non si distingue tra buoni e cattivi attribuendo il genere. C'è pop buono e metal cattivo e ci sono tante vie di mezzo. E poi a me il post metal degli Ocean piace assai.
No Fun
Sabato 9 Marzo 2019, 10.26.53
168
@Analizzatore no non è una parolaccia, (ma quasi...) ed è proprio pensando alle band da te citate che ho parlato di virata verso il post rock (quando ho fatto ascoltare i Deafheaven a un amico pensava fossero i Mogwai) piuttosto che verso il pop. Comunque è vero, pop o post rock, qualunque cosa siano, alla fine meglio il primo come termine che anche se è quasi una parolaccia, il secondo qualunque cosa voglia dire mi sembra proprio un insulto! Buon appetito!
ElectricVomit
Sabato 9 Marzo 2019, 7.13.22
167
Analizzatore, #162, la vedo come te anche se aggiungerei il concetto di "contestualizzazione" alla tua analisi. I fatti sorti attorno al Black per me sono fenomeni di cui mi interessa poco in termini di "giudizio". Per quello ci sono già le autorità preposte. Quello che mi chiedo, anche se non mi illudo ci sia una risposta, è se l'insieme di musica e contesto non abbiano, per assurdo, creato una forma di arte (nel significato che intendi tu) del tutto nuova. Comunque sul relativismo mi trovi d'accordo. Occorre dare dei limiti, altrimenti ti ritrovi in situazioni in cui i fenomeni musicali di qualsiasi tipo sono legittimi e artistici solo perché "utili per chi suona e trova piacere nel creare musica o rumore" (. cit).
Analizzatore
Venerdì 8 Marzo 2019, 21.55.03
166
Beh, non lo si può dire. Ma quello che intendo non è solo il fatto che si siano accesi i riflettori su una scena marginale. Tipi che si vestono male e invocano il diavolo imitando altre band saranno considerati dai più semplicemente degli sfigati. Se quegli stessi tipi ammazzano e incendiano allora sono dei pazzi assassini e i buoni padri di famiglia avranno paura di loro e della loro musica che diventa musica pericolosa. Così i figli nell'età della ribellione adolescenziale saranno inevitabilmente attratti da quella musica. E questo accade solo perché sono stati commessi dei crimini. Della qualità musicale sticazzi. Ho scritto di fretta spero di essere stato chiaro.
Galilee
Venerdì 8 Marzo 2019, 21.37.11
165
X Analizzatore... Mi interessava sapere i dati di vendita dei dischi black più conosciuti per capire a che punto il genere sia riuscito a penetrare nel mercato, e per capire anche quanti possibili spettatori interessati possa avere un film di questo tipo.
Analizzatore
Venerdì 8 Marzo 2019, 21.28.01
164
@No Fun: Guarda che pop non è una parolaccia... Nella mia "previsione", in realtà una allucinazione conseguenza un rito blasfemo con tanto di invocazione demoniaca e sacrificio di un gallo nero (alla diavola, appunto), ho descritto qualcosa che quasi c'è già (Myrkur, Deafheaven, ecc).
tino
Venerdì 8 Marzo 2019, 21.21.48
163
sicuramente i fattacci di cronaca hanno acceso l'attenzione di molti ma secondo me il fascino del black metal sarebbe emerso comunque anche perchè i prototipi anni 80 (cui i norvegesi si sono ispirati) erano già seducenti e attrattivi dieci anni prima. A lvello di popolarità ovviamente i primi gruppi norvegesi sono stati determinanti e ancora sono delle icone, ma a livello di diffusione planetaria il volano è stato il repentino e costante aumento di qualità musicale, da genere minimal a genere completo e suonato con tecnica e padronanza. Lavori come enthroned darkness (e spiritual black dimension) anthems, nemesis divina, eld, the olden domain, heart of the ages, nightwing, e tanti altri hanno portato il genere ad un livello di attenzione maggiore per via della qualità delle composizioni e per la perizia tecnica, ovviamente questi lavori hanno fatto da volano anche per la popolarità dei gruppi più minimali (tipo darkthrone o carpathina forest o gorgoroth), almeno per me verso la fine degli anni 90 è stato così, ma penso anche per molti altri.
Analizzatore
Venerdì 8 Marzo 2019, 19.43.02
162
Arte è il prodotto intellettuale di sintesi tra forme e significati. Se non c'è apporto di nuove forme o nuovi significati o una trasformazione di forme e significati esistenti non c'è arte, è una copia carbone. È ovvio che un apporto seppur minimo di trasformazione formale c'è sempre. Quindi alla fine si potrebbe anche dire che siamo nell'ambito di valutazioni soggettive... o quasi. Siccome però questo relativismo ha ampiamente rotto, ti dico che è arte se viene giudicata tale da menti un po' più dotte e raffinate io).
ElectricVomit
Venerdì 8 Marzo 2019, 16.48.41
161
@Redazione: come intitolava il famoso film, "so cosa hai fatto".
ElectricVomit
Venerdì 8 Marzo 2019, 16.47.50
160
Mi riferisco a "Comunque non credo affatto che queste forme espressive si possano definire sempre arte."
ElectricVomit
Venerdì 8 Marzo 2019, 16.46.56
159
Analizzatore, qual è la tua idea di arte? Curiosità mia.
Area
Venerdì 8 Marzo 2019, 16.45.49
158
Beh quelli che hanno venduto di più a livello di numeri sicuramente cradle of filth e dimmu borgir, altrimenti a livello di fama (perché finiscono spesso accoppiati su libri e altrove) i soliti immortal, mayhem, burzum, emperor, satyricon, dissection, marduk e dark funeral. Non a caso i loro dischi sono stati ristampati innumerevoli volte sia in CD che in Vinile e sono facilmente reperibili.
No Fun
Venerdì 8 Marzo 2019, 16.08.43
157
Ciao @Analizzatore, sono d'accordo sul fatto che il black (e il punk) a parte alcune eccezioni abbia più uno sviluppo "orizzontale", con tante band diffuse nel sottobosco musicale e anche sul paragone col punk (è uno dei motivi per cui il black mi piace molto, l'altro è che è un genere molto vario). Però il punk il lato "pop" ce l'ha avuto un po' da subito (ne abbiamo parlato sotto la rece dei Green Day) e secondo me il black può finire piuttosto nel post rock e roba simile, ma non penso dipenda dal sottogenere specifico ma da tutto il metal. Finché ci sarà il metal ci sarà anche il black metal, magari diverso, come appunto Venom o Bathory erano diversi da Burzum o Mgla.
Analizzatore
Venerdì 8 Marzo 2019, 15.16.36
156
Ma non è una questione di vendite. Soprattutto non è una questione di vendite della singola band. È che le band black metal si sono diffuse come funghi. Mi spiego. Si consideri innanzitutto che il Black metal ha una formula semplice. Un motivo della sua diffusione su tutti i continenti e a tutte le latitudini sta proprio qui: semplicità = riproducibilità. Non sevono elaborate elucubrazioni intellettuali, non servono né grande tecnica né raffinate conoscenze teorico-musicali: si può fare black metal con poco. E se con poco riesci ad esprimere/sfogare un certo disagio giovanile (quello che tutti i giovani provano), la formula non può che essere vincente. Un po' come è stato per il punk. Comunque non credo affatto che queste forme espressive si possano definire sempre arte. Spesso (e molto) sono solo 4 stronzi che strimpellano (cosa che a me va pure bene, intendiamoci). E questo per me era prprio il caso dell'Inner Circle: alcuni ragazzotti dalle menti non particolarmente raffinate che suonavano e si comportavano da coglioncelli asociali. L'omicidio ha dato importanza a quella musica, che da un punto di vista propriamente musicale esisteva già, ma era roba per pochi appassionati. Il black metal non è stato inventato in quel contesto, i ragazzotti hanno preso da Slayer, Hellammer/Celtic Frost, Bathory senza aggiungere granché. Quel fatto di sangue ha dato rilievo a quel "granché", alle insignificanti declinazioni musicali elaborate dai ragazzotti rispetto alla musica delle band citate. Declinazioni che sono diventate stilemi musicali a tutti gli effetti, simbolo di satanismo, violenza, rabbia, ribellione, ecc. Gli stessi stilemi ripresi POI da chi possedeva una maggiore intelligenza artistica (o dalle stesse band diventate adulte) sono stati rielaborati in qualcosa che può essere considerato sicuramente interessante. Voglio fare una previsione, secondo me il blackmetal avrà la stessa parabola del punk: invecchiati (o crepati) i sostenitori cresciuti con quella musica, sarà sempre più un genere per nostalgici attempati e avrà come il punk una sua declinazione pop.
No Fun
Venerdì 8 Marzo 2019, 10.28.09
155
Io scommetto su uno dei gruppi citati da @tino al #150, anzi dovendo scegliere direi i Cradle, con loro il black si è affacciato nel mainstream. Sarei contento se invece fosse un disco di quelli citati da @Electric... (sarei ancor più contento fossero i Beherit o gli Urfaust...)
ElectricVomit
Venerdì 8 Marzo 2019, 9.01.13
154
Galilee: non ci sono dati specifici per il black. Se ne discute in qualche forum, ma nulla di attestabile. Devi cercare più in generale le vendite dei cd metal e vedere dove si piazza il primo album black. A naso direi il primo dei Mayhem, i primi due dei Venom e Burzum.
lisablack
Venerdì 8 Marzo 2019, 7.00.04
153
Si certo tino..a me i film piace vederli al cinema e ora ho poco tempo tra l'altro..si, il black non è solo underground, anche se la sua "natura" è quella, per forza..
Selenia
Venerdì 8 Marzo 2019, 0.38.14
152
Sarebbe interessante in effetti leggere qualche dato più ufficiale, ma ad una prima ricerca neanche io ho trovato molto.
Galilee
Giovedì 7 Marzo 2019, 22.56.01
151
Non riesco a trovare dati. Anche Burzum penso abbia venduto parecchio.
tino
Giovedì 7 Marzo 2019, 22.48.37
150
Sicuramente cradle of filth e dimmu borgir
Galilee
Giovedì 7 Marzo 2019, 22.40.27
149
Curiosità. Qualcuno sa quali sono i dischi black metal che hanno venduto di più?
tino
Giovedì 7 Marzo 2019, 21.27.02
148
Non vai a vedere il film perché non lo danno al cinema e anche se lo dessero lo darebbero un giorno e basta. Detto questo non è vero che il Black metal è solo underground, enthroned darkness triumpant anthems to the welkin at dusk e nemesis divina hanno consacrato il genere che è tracimato, giustamente se c'è qualità e non solo caos
lisablack
Giovedì 7 Marzo 2019, 21.19.32
147
Ma il black metal deve essere un movimento marginale..e lo è tutt'ora. L'omicidio di Euronymous e le stronzate che fa' o dice Varg, non rappresentano il black metal, per nulla. L'errore che molti fanno da 25 anni a questa parte, è fare l'equazione..Black Metal = omicidio Euronymous e tutto il marciume di contorno. Anche per questo, non vado a vedere il film..
duke
Giovedì 7 Marzo 2019, 20.52.48
146
....trovo interessante il commento 145.....
Analizzatore
Giovedì 7 Marzo 2019, 19.44.34
145
AkiraFudo 140: Non ho visto il film, ma se la tua interpretazione è corretta io ed il regista la pensiamo allo stesso modo. Tuttavia ritengo che se non ci fosse stato quel fatto di sangue il black metal sarebbe rimasto un movimento marginale come il crust et similia. Il macabro attrae inevitabilmente (soprattutto gli adolescenti): "Un teschio spesso interessa molto di più di una donna nuda" (Il Settimo Sigillo). È l'interesse innescato dalla vicenda che ha reso importante la musica, non viceversa. Alcune (poche) menti che DOPO hanno reinterpretato quegli stilemi hanno reso interessante anche la musica.
Miss_Scare
Giovedì 7 Marzo 2019, 16.39.22
144
Avevo una gran paura di vedere questo film. Talmente tanta da riunire vecchi amici della mia adolescenza "blackster" e decidere di guardarlo con loro, prevedendo lanci di tavoli, incazzature e poco ortodossi auguri di decesso a regista attori e comparse. E invece no. Mi e` piaciuto, per l`accuratezza dei dettagli citata nella recensione, per la nostalgia che ha risvegliato, per i ricordi, le emozioni che mi hanno rimandato indietro di 20 anni. Certo e` un film e qualche licenza doveva pur prendersela [tipo i kg di troppo di Varg] In ogni caso ha compiuto un piccolo miracolo: farmi riascoltare artisti che ho adorato da ragazza e che avevo messo da parte, risvegliando una passione che avevo dimenticato. Operazione nostalgia riuscita, quindi.
Area
Giovedì 7 Marzo 2019, 13.06.13
143
@AkiraFudo, ma figurati... ogni volta che si deve fare una retrospettiva sul black da qualsiasi parte e in qualsiasi modo si finisce per parlare di sta roba del black circle... d'altronde quando si parla di queste band é anche difficile non farne menzione. Se poi appunto calcoli che il film di per se interessa relativamente a pochi (non é un tema facile proprio come la musica ad esso associata) se ti concentri di più sull'aspetto musicale il film lo guarderanno ancora meno persone...
AkiraFudo
Martedì 5 Marzo 2019, 16.02.50
142
@area non mi riferivo alla presenza di brani nella colonna sonora, ma alla funzione della musica nello svolgimento del film, che pare totalmente in secondo piano rispetto all'ostentazione di bravate e atti criminali... facci caso mentre lo guardi e capirai cosa intendo.
Area
Martedì 5 Marzo 2019, 15.14.49
141
@AkiraFudo, non é che non é importante, semplicemente i membri reali delle band qui raffigurate non hanno concesso l'utilizzo dei brani, quindi é normale che di musica ce ne sarà ben poca... ripeto io non l'ho visto.
AkiraFudo
Martedì 5 Marzo 2019, 10.15.00
140
L'ho visto qualche giorno fa e nel complesso mi ha deluso. L'ho trovato troppo superficiale nella definizione dei caratteri dei personaggi, dipinti come mentecatti senza reali motivazioni, così come nell'illustrare la scena musicale del periodo, solo abbozzata. La musica stessa, poi, rimane totalmente in secondo piano; non sembra essere così importante per i protagonisti rispetto all'ostentare cattiveria e satanismo da osteria... Certi dialoghi poi sono oggettivamente comici, in modo così evidente da sembrare voluto, e la cosa fa sospettare un diversa chiave di lettura del film; come se l'apparente vacuità dietro alle azioni dei protagonisti rappresenti il giudizio del regista sulle stesse, sentenziando come il "true norwegian black metal" sia il risultato inaspettato di fattori triviali quali noia, narcisismo ed indifferenza... prodotto notevole di una vicenda squallida, che non merita di essere ricordata e, forse, nemmeno un film.
Lord of Order
Lunedì 4 Marzo 2019, 22.11.06
139
Non è male come dicono alcuni, vale la pena vederlo. I trve blackster cattivoni ad oltranza che lo criticano a prescindere fanno sia ridere che pena, quasi al livello di Varg e delle sue idiozie.
Area
Lunedì 4 Marzo 2019, 15.35.17
138
Dai va beh ho già detto che non mi interessa... ma chi ascolta Black Metal e critica questo film mi lascia abbastanza perplesso, perché mi pare di ricordare che giusto 10-15 anni fa diverse persone desiderassero un film di questo tipo e adesso che c'è davvero non va bene? Per quale ragione? Io ho visto il trailer e mi fermo lì, però da quei 2 minuti scarsi mi pare che non sia poi così male, il lavoro di ricostruzione dovrebbe essere ritenuto impressionante...
duke
Lunedì 4 Marzo 2019, 15.27.31
137
...beh ci sono pure gli action figure....sicuramente faranno la tazza,la magliettina..il portachiavi...ecc....
ElectricVomit
Lunedì 4 Marzo 2019, 15.15.19
136
Quoto #135, ah ah!
Traces of Reality
Lunedì 4 Marzo 2019, 13.02.53
135
è un film disney con il corpse paint
ObscureSolstice
Domenica 3 Marzo 2019, 16.42.35
134
Si conosce la storia del black metal e tutto quanto...come i Ramones che fanno hardcore (cit.)
Elluis
Domenica 3 Marzo 2019, 16.20.32
133
@tino ne ho visto un pezzo di quel film, ma io non sopporto Zalone, non mi fa ridere, e anzi in certi frangenti mi irrita un po. Casualmente ho visto la parte in cui lui era in Norvegia.
Elluis
Domenica 3 Marzo 2019, 16.18.06
132
@Obscure, ovviamente stavo scherzando, anche io come tutti sono cresciuto con i film di CG, prima del padre (che era la vera mente), poi con quel coglione del figlio Vittorio, che ha mandato a ramengo tutto quello che ha toccato, l'azienda di famiglia, la Fiorentina, i rapporti con le sue ex mogli...
tino
Domenica 3 Marzo 2019, 15.48.01
131
Checco zalone in quo vado ha fatto un bel ritratto della Norvegia...specie d'inverno
ObscureSolstice
Domenica 3 Marzo 2019, 14.09.16
130
@Elluis, il fatto è che con cecchi gori ci siamo cresciuti per tanto tempo, rimane sempre nei nostri ricordi, il periodo dopo è nullo, pieno di sciocchezze (fiction, serie tv, reality show, nu-metal, muccino-tre metri sopra il cielo...da lí è finito tutto irrimediabilment un epoca, film commedie belli non ne hanno piú fatti). Concordo tuttavia con quello che hai detto al commento 51 parola per parola
Elluis
Domenica 3 Marzo 2019, 11.13.15
129
@ObscureSolstice Cecchi Gori? E' un pò di tempo che non vai cinema, eh?
Pacino
Domenica 3 Marzo 2019, 5.39.25
128
Musicisti geniali, ma che congrega di sfogati sti blackster...
d.r.i.
Sabato 2 Marzo 2019, 23.11.35
127
Conoscendo la trama, la storia e il libro non credo che serva la traduzione italiana. Sono indeciso se vederlo o meno, sarà uno di quei film che per me oscillano tra bellissimo o cagata pazzesca senza vie di mezzo
ObscureSolstice
Sabato 2 Marzo 2019, 14.57.26
126
Aspettiamoci la traduzione coi sottotitoli in italiano...forza cecchi gori prendine e fanne tuo. Come con le traduzioni dei libri in ita lo fanno per ultimo, c'è da aspettare. Se avevo quello in versione originale intanto mi guardavo quello
Mulo
Sabato 2 Marzo 2019, 13.48.34
125
Scusate,dove si può vedere in streaming?
tino
Sabato 2 Marzo 2019, 13.42.36
124
parlare un minimo d'inglese non ti permette di seguire bene un film in lingua originale o di sotenere un dialogo, io l'ho studiato, lo so scrivere in maniera intermedia e anche leggerlo ma parlarlo bene e capirlo in una discussione è un disastro. Penso che bisognerebbe fare espereinze all'estero (viverci) da giovane per riuscire a pdaroneggiare la lingua. Poi in italia siamo abituati troppo bene perchè abbiamo doppiatori straordinari che ci permettono di gustarci un film senza sforzarci. Questo film proverò a guardarlo in lingua originale (ce l'ho già) ma non sao se riuscirò a godermelo, sarà difficile
ObscureSolstice
Sabato 2 Marzo 2019, 13.27.58
123
Penso che bisogna imparare almeno un minimo d'inglese, soprattutto se si vuol criticare negativamente un testo a priori di una canzone, in ambito black, per citarne uno. Figuriamoci in altre piú difficili e disparate. Oppure, per capire un dialogo o dover parlare con un chiunque tizio o musicista, come fai? Non puoi fare sempre a gesti. Non ci puó essere sempre l'aiuto del traduttore automatico che sbaglia...e peró quel testo lí...ahah
tino
Sabato 2 Marzo 2019, 13.26.38
122
il file torrent è un semplice file avi (che contiene il film) e si guarda sulla tv con una chiavetta usb dopo averlo prelevato dalla rete sul proprio computer. Ovvio che se fosse stato in commercio in formato dvd l'avrei ordinato ma così non è, a mali estremi estremi rimedi. Poi sinceramente non mi interessa se uno non conosce netflix (che tra l'altro non conosco e non uso nemmeno io) che è un sistema per guardare i film sulla tv utilizzando una connessione internet, cambia solo il veicolo di trasmissione ma si guarda una tv non lo schermo del pc o del telefono
Alex Cavani
Sabato 2 Marzo 2019, 13.23.36
121
@claudius I sub in italiano si trovano, ma sono fatti da cani, meglio i sub inglesi, ma le parti discorsive nel film sono intelligibili e chiare pure senza
No Fun
Sabato 2 Marzo 2019, 13.11.32
120
@tino non capisco cosa ci sia di strano nel non sapere cos'è Netflix specie se a uno non interessa vedere cose in rete. Ad esempio io non ho ancora capito bene cosa sia Spotify e non mi interessa. E il torrente di cui parli forse intuisco cosa sia ma anche qui non saprei come vederci un film e manco mi interessa saperlo. Ho provato a vedere roba in streaming ma mi si aprivano cose incomprensibili e poco raccomandabili e ho smesso. Guardo e acquisto (quando abitavo in Francia fino a qualche anno fa avevo un video noleggio sotto casa) dvd e al limite youtube oppure possibilmente al cinema in seconda fila. Col naso in su e senza rompiballe davanti.
Mulo
Sabato 2 Marzo 2019, 13.04.24
119
I sottotitoli in italiano ad ora non ci sono.
tino
Sabato 2 Marzo 2019, 12.49.43
118
prova nel torrente ma sarà difficile trovarlo con i sottotitoli
claudius
Sabato 2 Marzo 2019, 12.27.57
117
ragazzi...sapreste dirimi dove posso vederlo quantomeno sub ita?
lisablack
Sabato 2 Marzo 2019, 12.26.59
116
Beh tino puoi credere quello che vuoi, non so che sia Netfix, ne sento parlare ora. Non sono una che vive nelle caverne come i Flintstones, ma nemmeno una che sbava dietro a tutto quello che è moderno. Frequento solo questo sito, non sono nemmeno su Facebook tantomeno su twitter, so cosa sono però ma non mi interessano. Diciamo che sono moderna ma fino a un certo punto.
Alex Cavani
Sabato 2 Marzo 2019, 11.58.55
115
Ed infine, sono riuscito a vedere anche io "Lords Of Chaos", film di cui ho seguito gli sviluppi senza troppo interesse, ma comunque rimanendone incuriosito, al contrario del libro che, letto ormai anni fa, non mi lasciò quasi nulla. Ecco, sia nel film che nel libro, non ci sono informazioni o fatti che, se già siete esperti o avete un'infarinatura generale della seconda ondata black metal e della propria genesi, vi renderanno più "colti" o maggiormente informati, questo è da chiarire subito. Tra le semplificazioni - necessarie, ma comunque talvolta eccessive, specialmente per ciò che concerne la rappresentazione caratteriale di Euronymous e Varg e il loro rapporto, basato su dualismo essenziale buono-cattivo che lascia pochi spazi a quei brevi attimi di "umanità" - e le invenzioni più o meno fasulle - la fantomatica ragazza di Euronymous, che sebbene sia poco influente sulla trama in sé, alla fine il film sembra far passare come la responsabile delle ultime azioni del chitarrista - "Lords Of Chaos" regala anche buoni momenti atmosferici e "kvlt", come le varie citazioni storiche di momenti, nomi, fatti e notizie, che fanno sempre un certo effetto nel momento in cui appaiono sulla scena. Personalmente, ad esempio, ho avuto un sussulto nel momento in cui viene mostrato il famoso Helvete, il negozio di dischi di Euronymous, che per me, che sono un appassionato collezionista di dischi, è da sempre quasi un luogo di culto, così come quando compare il Grieghallen Studio. Del resto il film si muove come una pellicola "moderna", con delle buone interpretazioni in generale, e un mood che alterna atmosfere drammatiche e altre al limite della comicità - forse anche questa eccessiva, se fosse stata dosata meglio avrei apprezzato anche questo punto di vista - quest'ultime che comunque danno la cifra di un momento storico e di azioni compiute da quelli che all'epoca erano solo ragazzini, con tutti i pro e i contro del caso. Le situazioni che tutti conoscono vengono rappresentate tutte quante, dal suicidio di Dead all'omicidio nel parco ad opera di Bard Faust, senza tralasciare niente ed anzi, aggiungendo qualche tocco che solo i più smaliziati noteranno (le tendenze comuniste di Euronymous vengono evidenziate in numerose sequenze all'interno dell'Helvete ad esempio.. Fate attenzione ai quadri alle pareti). E questa è un'ottima cosa. Il personaggio che comunque ne esce meglio, sia come rappresentazione storica/filmica, che come interesse è senza dubbio Per "Dead" Ohlin, talmente grottesco da rimanere impresso per tutta la durata del film - ed infatti sarà così pure per Euronymous - e interessante oggi come allora per definire al meglio la creatura Mayhem. Infine la regia di Jonas Åkerlund, che in questo film si comporta in modo egregio, senza inutili virtuosismi che il nostro si concede fin troppo spesso nei suoi video musicali - prendere come esempio Rammstein: Paris, talmente arzigogolato e con cento inquadrature al minuto da rendere irritante la visione - ma tracciando un'atmosfera come già detto drammatica e allo stesso tempo spensierata, ma con un alone di tristezza e rabbia sempre percepibile. Unica eccezione l'incubo horror su Dead, che effettivamente sembra un videoclip, ma che all'interno dell'intero film ci sta abbastanza bene in fondo. Quindi, tutto questo malloppo di parole per dirvi che "Lords Of Chaos" non è il male incarnato per il black metal, come dicono in molti, anche perché di musica qui ce n'è davvero pochina (per ovvi motivi...) e di certo non sarà per colpa di questa pellicola che la scena black metal verrà screditata più di quanto non lo sia già. Guardatevelo e traete le vostre conclusioni, io personalmente ne sono stato piacevolmente sorpreso e ho concluso la visione sentendomi in un qualche modo sollevato. Bene così.
tino
Sabato 2 Marzo 2019, 11.56.09
114
io non ci credo che la lisa non sappia nulla, d'altronde come ho detto già il fattio che "naviga e commenta su un sito" è comunque indice di conoscenza tecnologica e non è da tutti, men che meno di chi continuamente dice di essere all'antica. Electric ha ragione, il cinema non è più indispensabile come ad esempio negli anni 80 e 90 dove al massimo in casa c'era il televisore analogico con il tubo catodico e il vhs, adesso con cifre alla portata di tutti si possono acquistare mega schermi hd connessi a internet che permettono visioni spettacolari sul divano di casa, se poi non si hanno le connessioni basta un banale dvd o una chiavetta usb. Ovvio che per godersi un kolossal hollywoodiano il cinema è sempre il massimo, per le poltroncine, il suono bobastico, il grande schermo, ma comunque non è comunque indispensabile specie per le pellicole ordinarie (senza effetti spettacolari), poi come ho detto ci sono le serie tv che ormai hanno una qualità cinematografica e sono fatte per la tv.
lisablack
Sabato 2 Marzo 2019, 11.20.20
113
Io non so nemmeno cos'e Netfix, come vedi non ne dico nemmeno male, mi informero'
ElectricVomit
Sabato 2 Marzo 2019, 10.58.09
112
Lisa, escono molti film validi anche adesso e che meritano la visione. Quellp che volevo dire è che le nuove possibilità, tipo Netflix, non sono il male in assoluto solo perché sono "altro" rispetto alla fruizione canonica. Sono un fenomeno, con lati positivi e negativi come l'esperienza in sala. Noi siamo persone intelligenti.
duke
Venerdì 1 Marzo 2019, 21.22.39
111
....vedo la foto della locandina.....mi fa riflettere .....non e' una delle classiche foto da album black metal...malvagia...mostra un'altra verita'.....un volto triste....
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 21.15.18
110
Ok mulo e Galilee avrò sbagliato band allora un saluto....
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 19.37.41
109
Son d'accordo..
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 19.31.16
108
Tra l'altro questo film come ho detto secondo me non ha la pretesa di competere con chissà chi, si sono tirati fuori nomi blasonati del cinema, oppure pellicole shock tipo serbian film insomma tutta roba che non c'entra nulla. Penso che il regista abbia voluto descrivere un mondo che in parte lo ha coinvolto anche se non direttamente con un lavoro più legato a certe fiction, come ho detto ce ne sono tantissime che sono fatte benissimo, a livello cinematografico, e sono fatte per gli schermi tv moderni
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 19.23.41
107
Hai ragione tino..sono anni che non vado al cinema tra l'altro, gli ultimi film che ho visto volentieri è stata la trilogia del Signore degli Anelli..perciò sono più di 15 anni
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 19.09.18
106
Lisablack se vivessi nell'altro secolo non saresti così attiva su un sito web, fai prima a dire che hai altre priorità
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 17.51.59
105
Grazie Galilee
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 17.18.56
104
OK tino..mi hai aggiornato, io vivo ancora nell'altro secolo aha
Galilee
Venerdì 1 Marzo 2019, 17.06.53
103
X Mulo. Molto meno.
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.46.21
102
I film lisa si guardano bene con i nuovi televisori maxi connessi o con un lettore dvd blue ray, ovvio che si può utilizzare anche un pc o uno smartphone ma nessuno lo fa e francamente non ha senso. Il parallelo con i metallica non ha senso perché questo è comunque un film con attori che recitano una parte, some kind un semplice documentario come tanti
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.30.38
101
Galilee,in Italia i Crue erano popolari come Guns/Leppard/BJ o meno/più?
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.28.10
100
Ciao mulo alla prossima
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.19.37
99
Scusa Electric..ma io sono molto all'antica, i film credo che sia giusto vederli al cinema, il grande schermo mi ha sempre affascinato, oggi non so come funzioni, se i film si possono vedere con lo smarthphone l'hi phone, non mi interessa perché non mi piace, ormai con il cellulare arriveremo al punto che ci faranno pure i figlioli, invece di scopa', concepiranno con il telefono..ahaha per fortuna sto invecchiando!
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.19.24
98
thrasher parlare con te è inutile.Non si può. Perchè le vendite dei dischi non contano perchè li copiavano gli amici degli amici,i concerti nemmeno perchè dici che non si presentavano.Va bene così.Motley Crue in Italia erano famosi come gli Guns/Def Leppard/Bon Jovi. Buon proseguimento.Ciao.
Galilee
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.14.59
97
No. Non mi pare. Li seguo da sempre e non ho mai sentito dire che non si siano presentati ad un concerto. Ma potrei anche chiedere conferma. Ho amici che li seguono come ombre dalla loro nascita. Quelli di Slam per la precisione.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.14.16
96
Ma io dico prima
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.13.07
95
Vissuti. Quando Tommy Lee stava con Pamela nessuno comprava più i dischi dei Motley,lo sai anche tu.Erano popolari x altro.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.10.38
94
E non sarebbe niente di strano eh
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.10.07
93
Mulo li hai vissuti quei periodi o parli leggendo i dati su Google? Tutto si spiegherebbe
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.08.58
92
Mulo erano già finiti nel 97 e la generazione era già cambiata non interessava più nulla ne di guns di motley ecc a nessuno
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.06.12
91
Cmq non hanno doppiato Some kind of monster dei Metallica,figuriamoci se doppiano questi .
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.05.05
90
Anche Generation Swine nel 1997 con Vince Neil non è stato questo gran successo. Galilee ti risulta che i Motley Crue non si presentavano ai concerti?
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.03.51
89
I crue hanno sempre avuto un pubblico più metal mentre gli altri citati erano più pop nel senso di trasversale, che poi siano stati famosi per il gossip non è vero o almeno lo e' in parte. Io ricordo che quando tornavo da scuola al pomeriggio su videomusic il video di girls girls girls era costantemente in programmazione, penso sia stato il loro periodo più popolare nonostante il top sia venuto con dr feelgood. Comunque entrambe le storie meritano una narrazione al di là degli eccessi e dei crimini, negarlo sarebbe un po' come guardare il dito
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 16.00.11
88
Avevano cambiato cantante e i fans non apprezzarono la scelta... Ripeto all epoca erano quelli i gruppi che giravano... Chi più chi meno... E fidati i motley non passavano inosservati nemmeno in Italia... Avevano una bruttissima fama ed erano ingestibili, questo può essere perché non venivano tanto chiamati in Italia come le altre band che hai citato... I guns facevano ritardi di ore nei live i motley non si presentavano nemmeno
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.53.25
87
Precisoche sto facendo un discorso sull'Italia.In Italia se paragnonato ai Guns/Bon Jovi/Def Leppar un cazzo. Poi dal 1983 al 1999 hanno fatto una data da headline in Italia..I Guns/Bon/Jovi dalgli anni '80 al 1999 quante ne hanno fatte?Tantissime. A casa mia sei un gruppo fa una sola data in Italia da headliner in 16 anni,vuol dire che non ha molto mercato.Se tu insisti a dire che erano come i Guns ok.I Guns però hanno riempito gli stati ITALIANI nel tour di Use Your Illusion....... Cmq i Crue erano talmente famosi quanto Tommy Lee stava con Pamela Anderson che il disco del 94 è stato un flop e il tour cancellato.Non interessavano più a nessuno.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.47.33
86
Ahahahah ma tu hai vissuto quel periodo o sei nato dopo? Perché tutto si spiegherebbe... Allora ripeto famosi per i loro eccessi di ogni tipo alcol sesso droga risse capito? Poi Dr feelgood lo sai quanto ha venduto?
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.43.37
85
Ai tempi era popolare Baywatch i Pamela Anderson e Lee viveva di riflesso alla popolarità di lei....
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.39.35
84
Ho detto che erano più conosciuti per i loro gossip e i canali li pubblicizzavano molto... Non erano poco conosciuti in Italia anzi...
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.35.57
83
No ma hai perettamente ragione. Probabilmente erano anche più famosi. Pensa che Italia prima del reuninon tour del 2005 hanno fatto solo una data da headliner nel 89...Mentre Bon Jovi/Def Leppard/Guns prb anche meno..Fatto bene a ricordarmelo
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.27.20
82
Beh mi ricordo che erano sempre nei giornali per le loro vicissitudini assieme ai Guns... Nei primi anni 90 non sto scherzando anche nel cioè venivano pubblicizzati... Quindi... Se non erano famosi questi
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.24.23
81
Oko hai ragione.Buona giornata,ciao.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.23.16
80
Mulo ti ricordo che una volta nelle compagnie una persona comprava il cd e lo copiava in cassetta ai suoi amici e viceversa... I crue erano conosciuti eccome più per i loro gossip che per la musica... Poi Tommy Lee per la sua storia con pamela e per aver inventato quel marchingegno per far volare la batteria durante i loro show
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.17.49
79
Basta andare a vedere le vendite in ITALIA di Slippery,Appetite/Illusion/Hysteria e Feelgodd x vedere che i Crue sono molto dietro..Bon Jovi e Def Leppard sono stati anche a San Remo.... Cmq un film sui Crue in Italia interessa ad una nicchia troppo ristretta di persone,per questo non sarà mai doppiato.Idem questo sul black circle.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 15.13.18
78
Mulo I crue erano famosi come i guns Alice Cooper Def Leppard skid row Cinderella ecc... I loro video venivano messi in continuazione sul vecchio canale video music e alla domenica nella rockhit di radio deejay programma condotto da Niki se non ricordo male... In quel periodo Kickstart my heart mi usciva dalle orecchie, come hey stupid di Alice Cooper ecc...
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 14.59.45
77
I crue... Ma io ipoteticamente dovrei andare a spendere dei soldi per un dvd sulla storia dei motley per vedere gli eccessi di ogni tipo che conducevano giornalmente? A me sinceramente non interessa
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 14.55.58
76
Lo dice il mercato,interessano a 4 gatti questi 2 film.I Crue ai tempi d'oro in Italia (a differenza degli USA) erano seguiti da 4 gatti (se praragonari ai Guns,BJ,Def Leppard).Figuriamoci ora.
thrasher
Venerdì 1 Marzo 2019, 14.46.29
75
Anche se me lo regalassero non lo guarderei nemmeno....
Area
Venerdì 1 Marzo 2019, 14.44.12
74
@Mulo, ma che ne sai tu che non verranno mai doppiati in Italiano? jajaja
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 13.56.42
73
Se non escono li vedrò in streaming o in altri modi.OK?
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 13.45.55
72
Sempre che escano in dvd
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 13.28.27
71
Non usciranno mai doppiati in italiano e la mia era una provocazione Mi prenderò i dvd.
Area
Venerdì 1 Marzo 2019, 13.23.37
70
@Mulo, The Dirt non era un esclusiva di netflix (che non uso)? Quello se uscirà al cinema lo guarderò... sarei curioso di sapere chi li doppierà in Italiano.
Mulo
Venerdì 1 Marzo 2019, 13.11.05
69
Io invece non vedo l'ora di vederlo,sia questo,sia The Dirt. Ovviamente al cinema.Le colonne sonore me le sparo direttamente sul grammofono,come un vero Tvrue/nostalgic/metallerz!!!
Area
Venerdì 1 Marzo 2019, 12.31.45
68
Detto questo il film non lo voglio comunque vedere, perché non lo reputo musicalmente e concettualmente interessante. Di recente ho visto "Il Primo Rè", un gran bel film Italiano che sembra una produzione di Hollywood (Andatelo a vedere!!!), quello di Van Gogh e mi ha stupito quello di Alita... cioé onestamente questo non mi serve. Però il film spero che serva per far capire che quelle robe che sono state fatte tanti anni fa sono delle autentiche nefandezze. Non sono certamente cose da mitizzare.
Area
Venerdì 1 Marzo 2019, 12.24.21
67
Vi dirò a commentare questo post ieri poi é andata a finire che mi sono andato a vedere almeno il trailer... incredibile ma vero alcune cose sono riuscite a riprodurle esattamente come me le ero immaginate quando le lessi... con toni blu forti (che fanno molto prima mattina o pomeriggio tardo) e ovviamente ambienti notturni. Sempre nel trailer c'é una scenetta che vorrebbe essere divertente ma per é ridicola, ovvera quella in cui alcuni di loro cercano di spaventare una famigliola che passeggia con dei bambini... boh... @Obscure, No guarda ti posso assicurare che se adesso vai in Norvegia, Svezia, Finlandia o in Germania (per l'appassionato di musica Metal o Rock medio sono queste le nazioni rock) in cima alle classifiche o ci trovi della Trap o il Pop esattamente come qui da noi.... poi che da quelle parti i gruppi Metal e Rock abbiano qualche spazio in più e considerazione quello é un altro discorso. Ma definirle nazioni Rock é sbagliato. D'altronde sai le mode in qualsiasi campo se non le fanno gli Stati Uniti ci pensano gli Inglesi.
ElectricVomit
Venerdì 1 Marzo 2019, 12.15.40
66
In merito ai film in sala: se mi si parla di questioni economiche inerenti la possibile perdita di introiti, e dunque occupazione, da parte dei gestori delle sale, mi sta bene. Ma se mi si dice che i film vanno visti in sala perché "è giusto così", scusate, ma non condivido. Non perché non ami la sala (la amo enormemente) ma perché è un discorso che affonda le proprie radici in una nostalgia del passato che rischia di diventare "si stava megliom quando si stava peggio". Non condivido. E tra l'altro, tanto Spielberg difende le proiezioni in sala per "la condivisione dell'esperienza", quanto Cronenberg riconosce nella piattaforma Netflix il futuro del cinema. E poi non so voi, ma a me di andare in una multisala, dove nulla ha personalità, tutto è fatto con lo stampino, spendendo 10,00€ per starmene a contatto con dei cafoni che, se provi a zittirli, ti minacciano di aspettarti fuori, be', non ne ho granché voglia. nei cinema di provincia qualcosa si riesce ancora a goderselo. Ma sono eccezioni.
ElectricVomit
Venerdì 1 Marzo 2019, 11.56.18
65
#62: In Spun c'era anche una cover acustica degli Zwan di The number of the beast che non aveva nulla da invidiare all'originale. E Billy Corgan aveva pure un cameo nella parte del dottore. #63: Lisa, la vittoria agli Oscar di Roma, distribuito da Netflix, ha fatto capire che l'assunto "i film devono essere visti al cinema" è molto relativo.
tino
Venerdì 1 Marzo 2019, 7.39.32
64
Visto l'impossibilità di reperire una copia fisica con almeno i sottotitoli ho buttato la lenza nel torrente e nel weekend proverò la visione anche se solo in inglese e capirò una parola su cinque, staremo a vedere
lisablack
Venerdì 1 Marzo 2019, 7.14.15
63
Mi rendo conto Hagen, ma i film secondo me devono essere visti al cinema, e io ce ne ho visti parecchi. Quando ci andavo io ho sempre zittito i rompiballe, l'unica cosa positiva che non c'erano i cellulari ( che hanno rovinato i rapporti umani), si campava benissimo senza passare 30 ore al giorno a sbirciare i social, di già uno che paga il biglietto per vedere un film e poi passa tutto il tempo in rete, ha bisogno di un bravo terapeuta..
Renato il chitarrista juventino
Venerdì 1 Marzo 2019, 0.23.37
62
Vi segnalo che in uno dei precedenti film di questo regista, Spun, faceva parte della colonna sonora Mother North dei Satyricon!
Hagen
Giovedì 28 Febbraio 2019, 23.49.36
61
Sì certo, bello vedere i film al cinema...finché non ti capita il rompicoglioni che parla durante tutto il film. O quelli che tengono il cellulare acceso. O ancora quello alto 2,5 metri che si siede proprio davanti a te.
ObscureSolstice
Giovedì 28 Febbraio 2019, 22.47.10
60
Ah non lo fanno al cinema, mi sembrava strano..Meglio cosí. @ElectricVomit 36: "pittati" in etimologia della bassa Italia significa pitturati. Semplicemente quello. Comunque @Area, ci sono eccome le nazioni rock piú di altre, basta andare in giro per sentire l'aria che si respira, la creativitá, che funziona tutto e quelle dove non funziona niente..come da noi...importiamo e non esportiamo mai...è giusto, che esistano mille generi possibili nelle classifiche o di basso rilievo, e non il monotematico come l'Italia, obsoleta, dove sarà indietro anni luce per qualsiasi questione
tino
Giovedì 28 Febbraio 2019, 21.23.14
59
è giusto che i film si vedano al cinema ma la stragrande maggioranza si possono vedere (bene) anche su uno schermo tv di nuova generazione magari di grande formato, il pc è solo un mezzo (sbagliato e limitato) per usufruirne, tra l'altro le nuove smart tv sfruttano la rete wi fi, poi esistono i lettori dvd e le chiavette usb, insomma tra il tutto (il cinema) e il nulla c'è sempre la buona vecchia via di mezzo e il divano di casa permette il relax assoluto. Tra l'altro non penso che akerlund abbia voluto fare un film da festival di cannes e nemmeno qualcosa di pretenzioso, se tutto dovesse essere consumato in un cinema dovremmo abolire tutte le serie tv che sono il cinema parallelo, entertainment come dicono gli americani, ce ne sono di veramente notevoli (ad esempio gomorra). Penso che invece akerlund abbia avuto una buona idea da sfruttare, poi il fatto che i gruppi storici si siano messi di traverso è tutto da dimostrare
lisablack
Giovedì 28 Febbraio 2019, 20.40.52
58
Meno male ahahaha
duke
Giovedì 28 Febbraio 2019, 19.47.35
57
....mi sa che la cerchia stretta ...si sta allargando....
duke
Giovedì 28 Febbraio 2019, 19.45.52
56
....ho appena visto che sulla pagina fb del film hanno pubblicato la foto dell'action figure di euronymous....
Galilee
Giovedì 28 Febbraio 2019, 19.44.03
55
Bravo Nonchalance
lisablack
Giovedì 28 Febbraio 2019, 19.34.38
54
Scusate..io sono rimasta al secolo scorso, se non è al cinema dov'è che proiettano il film?
nonchalance
Giovedì 28 Febbraio 2019, 19.17.39
53
..e il meno appagante! Se volete qualcosa di artistico e - allo stesso tempo - disturbante, andate a vedere l'ultimo di Von Trier. Anche nella versione censurata (quella doppiata!) fa la sua figura.. P.S.: I film son fatti per essere visti al cinema, non davanti ad uno schermo del PC!
duke
Giovedì 28 Febbraio 2019, 17.54.14
52
....un assaggio del film era presente sul video dei metallica(di akerlund)...manunkind...logo simil-mayhem incluso....lo streaming su internet sara' il modo piu' semplice per vederlo....
Elluis
Giovedì 28 Febbraio 2019, 17.42.47
51
Ho visto il trailer lungo circa 2 minuti e 10 del film su Youtube e qualche altro spezzone in rete, e già solo con quelli ho capito che non è roba per me. Non discuto Akerlund come musicista, il suo curriculum è noto a tutti ed è sicuramente di rispetto, ma come regista di questa pellicola.... mah! Non voglio giudicare il film a priori prima di averlo visto, ma solo il fatto che Mayhem, Burzum e Darkthrone abbiano fermamente negato l'uso della loro musica già la dice lunga. L'interpretazione che danno gli attori ai vari personaggi è piuttosto finta, non basta dipingersi la faccia di bianco e nero, bere birra, e delle scritte in norvegese sui muri per fare un buon film, soprattutto riguardo un argomento come questo.
tino
Giovedì 28 Febbraio 2019, 17.13.46
50
Non è proiettato al cinema
lisablack
Giovedì 28 Febbraio 2019, 17.06.10
49
Tino, lo guarderò senz'altro..il fatto è che rinchiudersi in un cinema la domenica, per ora ne ho poca voglia..è l'unico giorno che posso stare libera e mi rilasso, comunque prima o poi lo vedrò..
Area
Giovedì 28 Febbraio 2019, 15.30.23
48
@lisablack, avevo già fatto riferimento a quei modi di "cantare" e in entrambi i casi spesso sono ostici persino per altri che ascoltano Metal figurati per tutti gli altri... anzi ho conosciuto delle gente che ascoltava solo Heavy Metal, solo Power, solo Epic etc... che il metal estremo lo odiavano e lo consideravano da poser... Ma va beh a prescindere da tutto questo, sicuramente il soggetto é da film ma il problema di queste cose é che é dura condensare il tutto. A dirti la verità i soli film sui musicisti che mi sono piaciuti sono stati quello di Johnny Cash e quello dei Doors. Quello dei Queen non l'ho visto. Non mi era piaciuto nemmeno quello ispirato alla storia di Tim Owens e dei Judas Priest... nel film però si chiamano Steel Dragons tipo.
tino
Giovedì 28 Febbraio 2019, 15.22.42
47
Secondo me rinunciare alla visione di questo film se appassionati del genere è un peccato, guardando il trailer mi sembra veramente una figata
lisablack
Giovedì 28 Febbraio 2019, 13.52.40
46
Nemmeno io penso di guardare il film, non ho visto nemmeno quello dei Queen, proprio perché non ho voglia di andare al cinema, il metal estremo oltre al problema di essere orecchiabile( che non lo sarà mai) dimentichi il growl che non a tutti piace, tantomeno le urla indemoniate del black..
ElectricVomit
Giovedì 28 Febbraio 2019, 13.51.51
45
Quoto Area #44.
Area
Giovedì 28 Febbraio 2019, 13.19.14
44
@lisablack, lo so che non ti rivolgevi a me, ma hai fatto delle osservazioni a cui voelvo dar risposta... comunque... non é totalmente vero quello che dici. Il Metal ed MTV di pari passo ci sono andati e qualche volta ancora ci andranno, ma il Metal estremo é proprio un altra cosa, ha degli argomenti troppo "difficili" Come dicevo uno può anche dirmi "Eh ma allora quel Rap che parla di Gang in guerra, pappaoni etc.."? Quella lì é roba più tollerata perché é reale e le situazioni di quel tipo ci sono. A parte che in radio (almeno negli Stati Uniti) mandano le versioni dei singoli privi con le parole spinte modificate (i singoli vengono registrati sempre due volte). Nel Metal estremo una cosa così é impossibile (anche se qualcosa col Death USA lo fecero) e poi é proprio una questione di orecchiabilità... Comunque parlando dello specifico della pellicola, molte delle persone reali qui interpretate da attori mi pare di aver capito che abbiano manifestato contrarietà al tutto. Io non lo guarderò comunque ma va beh...
lisablack
Giovedì 28 Febbraio 2019, 12.52.47
43
Area..il discorso che ho fatto io non era rivolto a te a nessuno in particolare in questo sito, i pregiudizi la gente ce l'ha non solo nei confronti del black, un po' per tutta la scena metal..ma noi dobbiamo fregarcene alla grande. Che sia musica per pochi è logico, ed è un bene che resti così.. Penso che nessuna nazione è rock..penso che funzioni la regola "va' la roba che vende"il resto che non fa portafoglio, frega un cazzo a nessuno, metal compreso. Per metal io non intendo i vari Metallica, Iron ormai questi hanno un pubblico che va oltre, nel senso più vario, di tutte le età..e soprattutto propensi ad ascoltare anche rock. Nemmeno i Ghost io reputo un gruppo metal ( con tutto il rispetto) era per fare un esempio, per dire che metal e classifiche da MTV non andranno mai di pari passo, proprio per il discorso vendite..
Area
Giovedì 28 Febbraio 2019, 12.37.22
42
@Metal Shock... il film dei Motley Crue é un altra cosa perché il loro genere trattava delle tematiche si controverse ma meno controverse e più tollerabili di qualsiasi cosa associata al black e al demonio. Ma te lo immagini veramente il Black in radio al mattino o in fascia pre serale?? Qui non é questione di essere moralisti... quando qui sotto qualcuno ha detto che il "black é una musica per pochi" intendono (forse) anche dire che magari possono ascoltarlo in milioni però ha un immagine e tratta tematiche troppo assurde e fraintendibili per radio, Tv etc... Chiunque voglia fare dei paragoni con le tematiche dei gruppi Rock anni 60 e 70 o con quelle di certo Rap perde solo tempo, sono cose totalmente diverse e più reali....
Area
Giovedì 28 Febbraio 2019, 12.29.20
41
@ObscureSolstice... Nessuna nazione é Rock... anche se vai negli Stati Uniti o in Inghilterra in classifica non ci trovi i gruppi Metal, figurarsi quelli estremi. Ci sono dei paesi dove é vietata o comunque censurata (artwork modificati ecc) anche Shakira quindi... E' stato fatto poi notare che il film in questione pare che non sia stato doppiato quindi é difficile che nei cinema possa avere una certa diffusione... ma va beh che tu sei contrario quindi va bene...
Area
Giovedì 28 Febbraio 2019, 12.23.00
40
@tino, lisablack ecc... Beh non ve ne fregherà nulla eh ci mancherebbe, ma io non mi ero avvicinato al black metal con pregiudizio... semplicemente ho 10 anni di meno di chi all'epoca dei fatti aveva 18 / 20 anni... mi ero avvicinato a questa cosa perché esplorando e comprando dischi Metal dal Death é stato poi naturale provare ad ascoltare il Black. Io di quelle robe immonde del Black Circle ne ho sentito parlare dopo (e me ne hanno parlato in vari fantasiosi modi) , anzi addirittura ricordo di aver letto un articolo su grind zone a metà anni 2000... un epoca nemmeno così distante ma comunque lontana. Io lo ascoltavo come se fosse un sottogenere di Metal... Man mano sono state le persone che lo ascoltano qui in Italia a farmi vedere il tutto in modo sempre più "grottesco". Poi é per pochi? E come potrebbe essere altrimenti? E' antimelodico per definizione e registrato male e anche quando é melodico la voce non la é, poco importa che sia registrato impeccabilmente... quello é! Una roba per pochi.
tino
Giovedì 28 Febbraio 2019, 11.18.22
39
Citando invece Clint Eastwood in la recluta se vuole una garanzia si compri un tostapane elettrico
ElectricVomit
Giovedì 28 Febbraio 2019, 11.07.20
38
Rob, non lo sapevo, grazie! Comunque ciò che conferma che quando cerchi garanzie devi sempre puntare su Mel Gibson!
Rob Fleming
Giovedì 28 Febbraio 2019, 10.34.52
37
Non discuto che possa essere una citazione di Arma Letale, ma i Pitti erano un popolo identificabile con la Scozia che si pitturava la faccia. E "pittato" è diventato aggettivo per colorato. Tanto è vero che in Braveheart Mel Gibson in Braveheart...In ogni caso l'attore da accostare al termine pittato è corretto
ElectrciVomit
Giovedì 28 Febbraio 2019, 10.02.24
36
Obscure #33: l'aggettivo "pittati" è una citazione di Arma Letale, quando il bambino descrive il tatuaggio di Gary Busey? Comunque gli AC/DC è molto meglio conoscergli guardando "Brivido" (1986) di Stephen King (sì, ha diretto anche un film).
Sicktadone
Giovedì 28 Febbraio 2019, 8.49.55
35
vabbè dopo che hanno proiettato A Serbian Film, questo è poco! Comunque sarei curiosissimo di vedere questa pellicola
tino
Giovedì 28 Febbraio 2019, 7.32.36
34
Mah da quel che ho capito e' stato dato solo una sera a Torino in un cinema a tema e non penso sia stato ancora fatto in supporto fisico ne tantomeno doppiato. Adesso penso che la soluzione sia solo scaric...lo in inglese ma secondo me dovrebbero farlo in formato fisico.
ObscureSolstice
Giovedì 28 Febbraio 2019, 2.25.40
33
Un film del genere in Italia è la fine...non siamo pronti per copiare gli europei e scandinavi a mettere nelle sale cinematografiche un film del genere. Non siamo un paese rock e nè tantomeno metal, figuriamoci un film del genere che scandalo porterå nello squilibrio mentale morale delle persone brrrrr...sia degli anziani ma anche dei giovani. Le vecchiette si barricheranno in casa con le tapparelle chiuse e spieranno dallo spioncino, se una volta c'era la paura dei turchi o dei meridionali o di marilyn manson o di IT e Nightmare, adesso ci sará la paura di questi "tutti pittati" - "è colpa del demonio w il papa" ahah. Lo vedrò quando ho tempo, sicuramente lo vedró, ma da amante del genere spero che non venda niente, che lo ritirino presto dalle sale, poi uno può pure comprarselo in blue ray e vederselo da parte, se vuole. Per la società e un non conoscitore è come scoprire gli Ac/Dc col film Iron Man, per cui non approvo queste operazioni per le masse
Galilee
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 23.25.43
32
Un pò ti capisco, siamo abituati ad un altro tipo di cinema, magari più lento, ma più riflessivo e che calcava di più sulla sceneggiatura. Ora si punta di più sull'impatto immediato. Anche se a dirla tutta i compromessi ci sono sempre stati.
Metal Shock
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 22.33.27
31
Lo so che il cinema è spettacolo e si romanzi spesso, ma ti ripeto che è più un mio problema col cinema odierno. Per esempio nella realtà vi era una ragazza affiliata al Black circle che aveva anche fatto un tentato omicidio e fu poi rinchiusa in un manicomio, ecco magari una figura del genere nel film poteva essere interessante ed avere un senso.....ma magari sono io che pretendo troppo.
Galilee
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 22.07.51
30
Il cinema è spettacolo però. È normale che si romanzi un pò. Non ci vedo nulla di male. A meno ch uno inventi qualcosa che ti danneggi. Ma in questo caso credo proprio che la figa la vedessero col binocolo.
Metal Shock
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 22.00.15
29
@Galilee: The dirt e questo sono due tipi di film completamente diversi: sul primo ho già scritto quel che penso, no mi interessa proprio un film sui Crue (come altri gruppi); questo è diverso e potenzialmente sarebbe potuto essere un film interessante. Il fatto che da diverso tempo io proprio non sopporto i film dove ci devono per forza mettere storie sentimentali e sesso che c'entrano zero e neanche capisco il motivo di inserirle, proprio mi irritano e fanno si che il mio interessi scemi. Sarà sbagliato per carità ma è una mia opinione e convinzione e come tale va accettata. Inoltre non ho assolutamente detto che il film è brutto, ma a questo punto preferisco un documentario o reportage sulla scena in questione che apprezzomaggiormente.
Galilee
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 22.00.03
28
Aggiungo... Èsolo per discutere eh.. Nun te incazzà eh...
Galilee
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 21.37.17
27
Prima o poi lo vedrò perché i film sulla musica in generale mi piacciono assai. X Metal shock. Non credo che una presunta love story o scena di sesso per rendere il film più appetibile possa cambiare un granchè. Anche perché bisogna dirlo, i produttori e i registi investono soldi per creare un film e quindi il tornaconto ci deve essere. Non è come scrivere un libro. Trovo comunque che le tue critiche, sia qui, sia in altri casi siano esagerate. E parlo appunto di the dirt. e BR. Dico questo perché critichi ma non hai visto ne i film ne letto i libri. Non dico che la critica non possa starci, ma tutto sto parlè sul sentito dire stona un pò. Anche se sono tue convinzioni.
tino
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 20.52.18
26
comunque a guardare il trailer sembra fatto veramente bene (conoscendo akerlund mi stupirei del contrario), però sicuramente non è stato doppiato in italiano o sbaglio?
Luky
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 20.49.13
25
Non ho visto il film, però bisognerebbe sempre considerare le due facce della medaglia per farsi una propria idea, quindi il fatto che per fare le riprese non si siano nemmeno consultati i musicisti black metal norvegesi dell'epoca mi fa già concordare a priori con la tesi del recensore: il film punterà sulla spettacolarità a prescindere dai fatti.
tino
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 20.43.23
24
devo procurarmelo quanto prima in quanto i lavori di akerlund nel mondo dei videoclip sono assolutamente di qualità e pure nel cinema ha fatto cose notevoli, penso ad esempio al film con dennis quaid (the horsemen), inoltre a suo modo ha vissuto la prima cellula embrionale nel genere avendo militato nei bathory e quindi ha tutte le credenziali per descrivere con la giusta autorevolezza. Detto questo dal punto di vista storico, di costume, e di cronaca penso sia interessante, al di là dei meriti artistici dei personaggi coinvolti che nonostante siano controversi (cci mancherebbe) e indubbio che siano stati di peso specifico notevole. Al di là del fumo che compone l'aspetto culturale del black metal, c'è comunque tanto arrosto nel senso che sono usciti diversi capolavori indiscutibili, ovvio che se uno non è predisposto avrà problemi ad avvicinarsi. Io ho vissuto con passione il genere dal 95 ai primi anni 2000, devo dire che sono stato appassionato per anni di scandinavia e ho viaggiato spesso da quelle parti in gioventù e conosco bene le atmosfere che si respirano in quei luoghi e in quelle città, atmosfere che si ritrovano ascoltando i lavori di quegli artisti. Adesso è un genere che ho smesso di seguire ma anche perchè è cambiato anche il mio modo di vedere la vita o forse perchè semplicemente mi annoia, comunque seguo ancora i lavori dei gruppi storici. Comunque l''aspetto lirico e di costume è indubbio sia stato fondamentale per il diffondersi del genere, ovvio si possono suonare riff assassini in tremolo picking zanzarosi anche con un look da intellettuale come l'ihsahn che infiamma i palchi estivi di mezz'europa, però il look della prima ora è stato comunque di aiuto non indifferente
Metal Shock
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 20.25.53
23
Il film non lo guarderò perché purtroppo, come la porcheria sui Queen, è troppo romanzato (metterci la solita storiella d'amore e sesso che trovo patetico), ed è un peccato perché avrebbero potuto fare un grande e drammatico film su dei personaggi dell'animo tormentato come Dead e gli affiliati al Black Circle. Sul fatto che fossero ragazzi poco svegli annoiati e viziati basta guardare in casa nostra ed ai tanti giovani che spaccano infrastrutture pubbliche, torturano ed uccidono animali (per me è uguale ad uccidere una persona) e nefandezze simili. È uno spaccato della nostra società degradata, e purtroppo il film avrebbe potuto rendere meglio la cosa. Anch'io allora fui preso sia dalla musica, oggi non più, e da quella aurea maligna che si era creata e che ancora mi attira (come tanti altri), perché penso che "Il lato oscuro" abbia sempre il suo fascino, ovviamente senza arrivare a quello che Varg e soci fecero, anche perché già il solo rogo di quelle meravigliose chiese (che ho avuto il privilegio di vedere in prima persona) varrebbe l'ergastolo figuriamoci gli omicidi. Il black metal è un genere musicale e come tale va preso, per me testi e ideologie contano zero.
lisablack
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 20.11.52
22
Ascoltalo senza pregiudizi e la troverai
Marcello
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 19.50.06
21
Tanto per sapere quale sarebbe la "vera essenza del black"?
lisablack
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 19.23.16
20
Ti do' ragione in pieno fasanez, il mio discorso non è rivolto verso qualcuno in particolare, bensì su quello che sento in giro, diciamo su quello che pensa in generale la gente. Credo di non sbagliarmi, non perché io sono quella che non sbaglia mai, perché in decenni che ascolto, black ne ho sentite di stronzate. Lo stesso penso del power, chi lo valuta genere da minorenni, non ha capito un cazzo, a me il power piace, sul prog, non sono molto preparata, ma non mi dispiace. Il mio post non era contro qualcuno in particolare, era per dire che il black non è solo le gesta criminali di qualche invasato, e che i fans non sono tutti come Varg..o altri che hanno fatto merdate, tutto qui..
fasanez
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 18.46.33
19
Lisa, leggo sempre i tuoi commenti con interesse, però, permettimi un'osservazione. Premetto che mi piacerebbe discuterne nel forum e non voglio scatenare inutili flame del tipo io ho ragione tu no. Detto questo, come mai, ad esempio nel power si critica i testi di spade dragoni, video alla "vichinga" bollandolo come roba da teenager, il prog come "roba pallosa" e intricata con testi incomprensibili e quando si osserva qualcosa sul black, siamo noi a non coglierne l'essenza e non siamo in grado di "capire"? Io il film lo guardeò, perchè mi piacciono i biopic e quella storia, da appassionato di criminologia in generale, mi ha sempre incuriosito. Ottima la recensione. Brava Selenia.
lisablack
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 17.30.32
18
Ottimo articolo, son d'accordo con Luca, il black Metal deve restare per pochi, non perché voglio che sia per pochi "eletti" proprio perché la maggioranza delle persone si avvivcina a questo genere con pregiudizio, credendo che il black è solo le puttanate che hanno fatto Varg e compagnia bella, e che noi fans siamo tutti come le "bestie di Satana". Per me, parlo da appassionata, è invece tutt'altro. Per questo son d'accordo con Luca..che il Black resti sempre "per pochi" per chi sa' veramente coglierne la vera essenza..
Area
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 16.52.45
17
Il mio commento patetico é comunque lecito e messo giù in una maniera non offensiva.
Luca
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 16.19.31
16
Area del tuo commento patetico non frega nulla a nessuno.. il Black Metal è in generale la musica estrema è un genere che deve rimanere per pochi, hai fatto bene ad allontanartene
Area
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 16.06.22
15
Io non lo guarderò perché quel sottogenere lì non lo ascolto più da 10 anni ormai... la storia dei mayhem é sicuramente assurda... ma fondamentalmente il commento n.1# di questo articolo ha letteralmente parlato per me, anche se io l'avrei messa giù in toni un po più pacati. Dovendo però aggiungere qualcosa a quanto già scritto... io ancora non mi spiego cosa nel 2004 mi spinse ad approfondire la materia black metal, forse il sound aggressivo e minimale... oggi vedo tutto questo come un grande sbaglio.
InvictuSteele
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 15.05.41
14
Vederlo*
InvictuSteele
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 15.04.53
13
Non vedo l'ora di viderlo.
ignis
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 14.55.45
12
Ottimo articolo, grazie.
duke
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 14.18.26
11
....su bands piu' "normali"...
duke
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 14.17.39
10
...grazie per il regalo....anche se a me mette solo tristezza....non ci vedo niente di divertente....preferivo piu' un film sui napalm Death...o su i cannibal corpse.. .o su i Death....su bands che piu' "normali"....
Hagen
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 14.13.23
9
Eh già, la versione di Varg, quella che "è stata autodifesa anche se mi sono recato io a casa di Aerseth con un viaggio parecchio lungo, e portandomi dietro tre coltelli, una baionetta e una mazza da baseball", e "le ferite multiple da coltello alla schiena se l'è fatte cadendo sui cocci di una lampadina".
No Fun
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 14.07.02
8
Pensa un po'... proprio ieri chiedevo informazioni su questo film sotto l'articolo sul film su Freddie Mercury. Condivido le critiche sul circuito di distribuzione. Però come lo vedo, Facebook niente, Amazon Prime mi sta sui maroni, mi consegnava i cd il giorno dopo o appena erano disponibili anziché fare un'unica e comoda spedizione e pensavano pure di farmi un favore sti rompiballe. Aspetto esca il DVD poi lo regalo a duke dopo che l'ho visto
duke
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 13.36.18
7
....dopo che tanta gente vedra' questa pellicola....una vagonata di letame finira' sul mondo del metal....purtroppo a pagarne le spese ci saranno tante bands che non hanno nessuna colpa....per colpa di quattro schizoidi....
Galilee
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 12.59.02
6
Ovviamente, soprattutto Varg, persona affidabile.
Walter
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 12.34.58
5
Non ho alcuna intenzione di vederlo, già solo il fatto che per la realizzazione non sia nemmeno stato chiamato Vikernes per dare una sua versione dei fatti (anzi, lui sostiene sia un film pieno di cazzate sul suo conto), fa capire dove suddetto film voglia andare a parare...
Claudio
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 12.18.17
4
Io l ho visto, beccato su fb.. Ottima pellicola, è fatto bene.. Voto 9
NihilisT
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 12.16.07
3
mi pare su Prime video di Amazon...
Swallow
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 10.10.03
2
Ma dove si riesce a vedere sto film??? Esiste uno streaming? Anche a pagamento...
Carlos Satana
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 8.54.09
1
Per me è un film ben riuscito. Restituisce un'immagine ben precisa di chi e cosa fossero i protagonisti di quegli eventi, ovvero una manica di ragazzetti ignoranti, poco svegli, cresciuti nella noia e bambagia a cui le cose sfuggono rapidamente di mano. Era l'impressione che mi davano ai tempi di questi fatti di sangue e che gli anni non hanno mai smentito.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Lords of Chaos
Clicca per ingrandire
la riproduzione di un celebre scatto con il murales "Mayhem"
Clicca per ingrandire
Mayhem: gli attori del film
Clicca per ingrandire
Dead, interpretato da Jack Kilmer
Clicca per ingrandire
Emory Cohen in posa come un celebre scatto di Burzum
Clicca per ingrandire
Rory Culkin in Euronymous
ARTICOLI
27/02/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 23 – Lords of Chaos
05/01/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 22 – Nekromantik – Ménage à Trois col morto
30/10/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 21 - The Killing of a Sacred Deer
28/07/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 20 - A Fool There Was (La Vampira) - Le radici del look Gotico moderno
03/06/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 19 - À L’Intérieur
08/05/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 18 - A Quiet Place
30/04/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 17 - It Follows
24/03/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 16 - La Cura del Benessere e Madre!
24/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 15 - It
14/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 14 - The Witch - A New England Folktale
26/10/2017
Articolo
HOLLYBLOOD
# 13 - Un autunno di sangue
14/07/2016
Articolo
HOLLYBLOOD
# 12 - The Crow (Il Corvo)
28/09/2014
Articolo
HOLLYBLOOD
# 11 - Il ritorno della rubrica dell'orrore
19/04/2013
Articolo
HOLLYBLOOD
# 10 - Le Streghe di Salem - Anteprima
29/12/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 9 - Viaggio nelle pellicole horror degli ultimi 10 anni
11/09/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 8 - La Casa (The Evil Dead)
15/08/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 7 - Splice
16/07/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 6 - Benvenuti a Zombieland
16/06/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 5 - Saw VI
15/05/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 4 - Iron Man 2
16/04/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 3 - Gamer
21/03/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 2 - Legion
17/02/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 1 - Paranormal Activity
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]