Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Death Angel
Humanicide
Demo

IX – The Hermit
Present Days, Future Days
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/06/19
MEMORIAM
Requiem for Mankind

21/06/19
HOLLYWOOD VAMPIRES
Rise

21/06/19
THENIGHTTIMEPROJECT
Pale Season

21/06/19
THE MEADS OF ASPHODEL
Running out of Time Doing Nothing

21/06/19
DREAMSLAVE
Rest In Phantasy

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

21/06/19
MAERORMID
Stasi

21/06/19
(HED)P.E.
Stampede

21/06/19
TERAMAZE
Are We Soldiers

21/06/19
ABYSSAL
A Beacon In The Husk

CONCERTI

20/06/19
UGLY KID JOE
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/06/19
DESTRAGE
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

21/06/19
THE BURNING DOGMA + COCAINE KAMIKAZE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/06/19
HELLBLADE + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/19
MOONLIGHT HAZE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

22/06/19
MOTOBIRRATA
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

22/06/19
WHISKEY RITUAL + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

22/06/19
NERO DI MARTE + DENHIAL
GOST MUSIC FESTIVAL - BERGAMO

23/06/19
ANATHEMA + guests
Rock in Roma - Roma

23/06/19
JETHRO TULL
TEATRO ANTICO - TAORMINA (ME)

SKELETOON - Power metal Nerds!
30/03/2019 (947 letture)
In occasione del concerto degli Skeletoon a Carpi, siamo riusciti ad intervistare il cantante Tomi Fooler e il chitarrista Andrea K. Cappellari, che ci hanno parlato del loro terzo disco They Never Say Die e di tutto quello che gira intorno al concept che hanno scelto, ovvero il film degli anni '80 The Goonies.

Pez: Ciao ragazzi! Siete soddisfatti per come sta venendo accolto il nuovo disco?
Tomi Fooler: Moltissimo! Siamo contenti sia dal punto di vista degli ascolti in streaming su Spotify, che ha raggiunto più di ventimila ascolti in due giorni, che per le vendite, dato che finalmente c'è un ritorno all'acquisto del disco in formato fisico.

Pez: Anche grazie al crowdfunding...
Tomi Fooler: Sì, abbiamo lanciato il crowfunding quando abbiamo annunciato più di un anno fa questo progetto. È andata molto bene, abbiamo superato ampiamente il 100%, quindi i fan sono rimasti contenti ed hanno supportato e comprato il disco. Infatti superando la soglia, abbiamo potuto anche ampliare un po' quello che avevamo all'interno del disco, abbiamo inserito più ospiti e siamo molto felici di come sia andata.

Pez: Il filo conduttore dell'album è il film The Goonies, perché?
Andrea K Cappellari: Siamo arrivati ai Goonies con il terzo disco perché è la continuo della Nerd Saga. Nei primi due dischi il nostro protagonista si avvicina al mondo nerd, quello dei fumetti (primo disco Curse of the Avenger), poi inizia a crescere e affronta tematiche un po' più mature come la scomparsa di persone care, piuttosto che l'amore ecc... E arriva nella pre-adolescenza, nel periodo in cui c'è il desiderio di rivalsa, la voglia di avventura e pensavamo non ci fosse miglior film di questo.

Tomi Fooler: Ci sembrava un bel film perché è anni '80 e noi siamo molto legati a quel periodo. È un'avventura per dei ragazzi che passano dall'essere considerati gli sfigati della situazione ad avere la loro rivalsa, la loro sorta di vendetta nei confronti della società.

Pez: Ricordo quando lo vidi, un sacco di anni fa, mi era piaciuto un sacco.
Tomi Fooler: Sì è molto bello, anche perché è molto più profondo della solita storiella. E quindi abbiamo deciso di inserirlo come tributo a questo periodo pre-adolescenziale nella nostra saga.

Pez: Visto che avete fatto un disco ispirato ad un film, sono arrivati prima i testi seguendo la sceneggiatura, oppure vi siete concentrati sulla musica?
Tomi Fooler: Abbiamo cercato di seguire la sceneggiatura come tipologia di brano, i testi hanno molte citazioni prese dal film e in alcuni casi ricalcano il personaggio anche al di fuori di quello che è stato descritto nel film stesso. Per esempio, abbiamo creato uno spin off su Willy l'Orbo, uno spin off su Chester Copperpot. Ci siamo inventati da dove nasce la danza del ventre di Chunck, quindi abbiamo creato una cosa un pochino più a 360°, però le canzoni ricalcano la tipologia di sentimento che ti danno le scene del film stesso, infatti nella versione digitale per Musicraiser, ogni canzone è introdotta da un intro che ha una parte del film a cui fa riferimento.

Pez: They Never Say Die è il terzo capitolo della Nerd Saga, avete già in mente il quarto?
Tomi Fooler: Sì, fino al quinto. Sono cinque dischi che si spartiscono i cinque capitoli della nostra saga. Il quarto album affronterà il periodo 13-16/17 anni e il quinto album va dai 17 ai 20 anni. Saranno anche questi incentrati su film, sempre anni '80, almeno una parte, e ci sono citazioni già in questi tre dischi che riconducono a quelli che saranno gli ambiti del quarto e del quinto disco. Sicuramente manterremo il binomio film-disco, in modo tale da dare alla nostra musica un'immagine o comunque creare una reminiscenza delle immagini dei film che ci sono piaciuti a quelli che seguono e ascoltano queste cose.

Pez: They Never Say Die vede la partecipazione di molti ospiti: Alessandro Conti, Giacomo Voli... Come siete entrati in contatto con loro e come avete scelto i loro ruoli?
Andrea K Cappellari: Innanzitutto possiamo dire che alcuni di loro li conoscevamo per vie traverse, abbiamo partecipato ad un tour insieme, ovvero il Triumvirato Tour due anni fa ormai, e addirittura ti dirò di più, che alcuni degli ospiti quasi sono nati, sono stati cuciti addosso al ruolo. Alla fine siamo una grande famiglia.

Tomi Fooler: Cerchiamo sempre di coinvolgere amici e professionisti e molto fortunatamente spesso queste cose combaciano, di conseguenza quando abbiamo pensato ai primi tre personaggi, i primi tre ospiti erano i cantanti delle band con cui siamo stati in tour nel Triumvirato Tour, quindi DGM, Secret Sphere e i Trick or Treat. Infatti Michele Luppi, Alessandro Conti e Mike Basile sono stati i primi a cui abbiamo dedicato un ruolo particolare. Poi altri si sono aggiunti perché la campagna andava sempre meglio e abbiamo ampliato un po' le cose, siamo arrivati ad avere Giacomo Voli, che conoscevamo personalmente prima, essendo stato il mio maestro di canto. Lo stesso Michele Luppi. Abbiamo preso anche un cantante spagnolo: durante il Triumvirato Tour abbiamo conosciuto questa band spagnola che ci apriva ed il cantante era molto bravo, quindi ci siamo entrati in contatto, siamo diventati amici e abbiamo inserito anche lui (David Arredondo dei Taken ndr). Melissa Bonny, cantante molto brava, svizzera che canta nei Rage of Light e adesso nei Serenity, è una ragazza molto dotata, che ha partecipato alla cover di Farewell degli Avantasia. Insomma, diciamo che c'è prima amicizia che collaborazione, che è una conseguenza piacevole che si è verificata.

Pez: Per il nuovo album vi siete affidati alla Scarlet Records, come vi siete trovati?
Tomi Fooler: Per noi Scarlet è stata un salto di qualità. Quando abbiamo finito di registrare, il nostro manager Fulvio Trinca e Simone Mularoni (chitarrista dei DGM e produttore del disco con i Domination Studio) insieme a Simone Bertozzi hanno fatto sentire questo master a Scarlet, che in neanche in 24 ore ci ha risposto con un'offerta. Siamo rimasti molto contenti, perché per noi Scarlet è sempre stata un po' un'etichetta tra le migliori in Europa e vedere che c'era comunque un'interesse da parte loro per me è stata una soddisfazione. Poi abbiamo visto come lavorano e sono veramente meravigliosi. Un sodalizio che penso che si manterrà per un po'.

Pez: Tre album in quattro anni e con tante date in mezzo: pensate mai di premere sul freno?
Andrea K Cappellari: Anzi, vogliamo pedalare!

Tomi Fooler: La verità è che vorremmo fare più attività live che quella in studio. Se volessimo dare una riduzione a qualcosa, preferiremmo darla all'attività in studio. Non succede, perché comunque abbiamo in programma altri due dischi. Però il live per noi è necessario, ci divertiamo davvero tanto e siamo contenti di suonare live finché possiamo senza fermarci.
Andrea K Cappellari: Anche perché il ciclo delle band è quello di creare un prodotto, portarlo in giro e promuoverlo. Noi anche in fase di composizione dei dischi facciamo i live.

Tomi Fooler: A meno che non ci siano grossi impedimenti, ovviamente non è che si può stare in tour tutta la vita, però se possiamo lo facciamo anche se scriviamo il disco. Abbiamo due settimane di songwriting e poi esce una data? Bene. Poi magari facciamo altre due settimane e un'altra data, ma a per noi va bene.

Andrea K Cappellari: La gente viene per divertirsi, ma anche noi suoniamo per divertirci, per noi è una festa, quindi ci carichiamo. E anzi ti dirò di più, se non facessimo live ne risentirebbe anche la scrittura.

Tomi Fooler: Per noi suonare live è dare al fan un prodotto che non avrebbe comprando il disco, cioè vogliamo dare uno spettacolo differente. Chiaramente se ascolti il disco il pezzo rimane quello, live cerchiamo sempre di farcirlo, a noi piace scherzare sul palco, ci piace questo atteggiamento goliardico, un pochino più scazzato... dà quell'aspetto meno serioso alla band.

Pez: Nel vostro album c'è la cover di Farewell degli Avantasia, quindi ti chiedo: Tobias Sammett quanto è stato importante per voi a livello d'ispirazione?
Tomi Fooler: Totale. Nel senso che io ho scritto i pezzi e Tobias Sammett è uno dei miei musicisti/compositori preferiti in assoluto. Mi piace dai tempi degli Edguy, adoro gli Avantasia, forse mi piacciono di più gli Edguy che gli Avantasia, per quell'atteggiamento che tendevano ad avere, un po' più scazzato e divertente, quasi happy metal. Lo trovo un musicista a tutto tondo, è stato quello che ha messo insieme di nuovo Kiske e Hansen, quando uscì il progetto Avantasia. È fondamentale per noi Tobias Sammett, in particolare per me è la mia massima ispirazione, insieme a mostri sacri come può essere Dickinson.

Pez: Ultima domanda: avete in programma un tour europeo?
Tomi Fooler: Se ne sta già parlando, vediamo come vanno le cose. Dovrebbe andare in porto qualche data, adesso le etichette ne stanno parlando, ci sono delle agenzie dietro che ci stanno lavorando. Appena avremo delle informazioni in merito le daremo, però sì, il nostro obiettivo è chiaramente anche quest'anno di andare fuori.

Pez: Grazie mille per la vostra disponibilità ragazzi!
Tomi Fooler: Grazie a voi!



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
l'intervista
RECENSIONI
68
ARTICOLI
30/03/2019
Intervista
SKELETOON
Power metal Nerds!
20/03/2019
Live Report
SKELETOON + WALLS OF BABYLON + P.O.E
Mk Live Club, Carpi (MO), 17/03/2019
13/04/2017
Live Report
SECRET SPHERE + DGM + TRICK OR TREAT + SKELETOON
The Triumvirate Tour - Officine Sonore, Vercelli - 08/04/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]