Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Flyer
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

CONCERTI

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE + ROUGENOIRE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

METALLICA + GHOST + BOKASSA - MILANO SUMMER FESTIVAL 2019 - Ippodromo SNAI San Siro, Milano, 08/05/2019
13/05/2019 (2393 letture)
È primavera ma a guardare il cielo non si direbbe: nubi minacciose si stagliano all'orizzonte mentre ovviamente fino a ieri splendeva il sole, per cui è con un certo fastidio interiore che mi dirigo a Milano. Di una cosa sono sicuro però: non saranno due gocce o un cielo plumbeo a farmi rinunciare a una serata heavy metal. Arrivato in zona San Siro trovo un parcheggio che definire economico è un eufemismo (€1 fino al mattino successivo!) l'unico "inconveniente" è una scarpinata di una decina di minuti fino all'ippodromo, ma di certo non mi spavento per così poco. Entrato nella venue mi ritrovo a fare il giro dell'oca ma alla fine arrivo sul prato e quindi guadagno l'entrata al pit da dove seguirò il concerto. Mi viene fornito un braccialetto, quindi posso fare una sosta al banco del merchandise mentre il primo gruppo della serata sta facendo il suo ingresso sullo stage...

BOKASSA
Con un leggerissimo anticipo sull'orario entrano in scena i Bokassa, trio norvegese che comincia a scaldare gli infreddoliti animi dei presenti con una buona dose di verve accompagnata da una colonna sonora di hard rock tendente allo stoner. Palco spoglio ed essenziale come da copione per gli opener di un grande evento, gli scandinavi ci danno dentro e il loro breve set dà comunque un buon riscontro a giudicare dal numero di persone che salta a tempo incitato dal leader Jørn Kaarstad. La band sembra aver sfruttato al meglio l'occasione di farsi conoscere a un pubblico ampio e i pochi minuti a loro disposizione volano via velocemente lasciando gli astanti soddisfatti dell'aperitivo... avanti i prossimi.

SETLIST BOKASSA
1. Impending Doom
2. Last Night (Was a Real Massacre)
3. Hellbilly Handfishin'
4. Mouthbreakers Inc.
5. No Control
6. Walker Texas Danger


GHOST
Il secondo nome in cartellone è quello degli arrembanti Ghost capitanati da Tobias Forge, il quale entra in scena platealmente solo dopo l'ingresso dei Nameless Ghoul, come si conviene al suo alter ego Cardinal Copia. Dopo che l'intro esaurisce la sua funzione si dà inizio alle danze -macabre- con la coinvolgente Rats, mix rock/dance che sembra essere assai apprezzato dai presenti. Si può dire tutto di Forge tranne che non sappia tenere il palco: il cantante dialoga spesso col pubblico in maniera ironica e scherzosa, si muove in maniera sicura sulle assi dello stage eclissandosi durante le parti strumentali dei compagni. Divertente anche il siparietto che vede l'ingresso del macilento Papa Nihil, che però sembra resuscitare per il bell'assolo di sax su Miasma; ottime anche le esecuzioni degli altri brani come Cirice, Mummy Dust e Year Zero fino al coinvolgimento totale di Dance Macabre, che con il suo ritmo e il ritornello easy fa saltare i presenti. Si chiude con Square Hammer e i musicisti truccati ringraziano il pubblico per il riscontro ricevuto con una sfilata condita di applausi da entrambi i lati.

SETLIST GHOST
1. Ashes
2. Rats
3. Absolution
4. Ritual
5. From the Pinnacle to the Pit
6. Faith
7. Cirice
8. Miasma
9. Year Zero
10. Mummy Dust
11. Dance Macabre
12. Square Hammer


METALLICA
Il cielo non promette nulla di buono quando sull'enorme schermo allestito sul palco fa la sua comparsa Tuco, sulle note del Maestro Ennio Morricone: l'eccitazione sale e dopo un'intro preregistrata ecco apparire, accompagnati dal boato della folla, i Metallica, attaccando a bomba con Hardwired. La band sembra in gran forma e la successiva The Memory Remains, sebbene appartenente a uno degli album più deludenti dei Four Horsemen, in sede live guadagna punti, soprattutto grazie all'apporto del pubblico che intona all'unisono la cantilena del ritornello con un effetto veramente emozionante; la band è soddisfatta di questa risposta e più ancora lo siamo noi non appena Hetfield annuncia un pezzo d'annata, la stupenda Ride the Lightning, quanto mai adatta all'occasione in questa nuvolosa serata meneghina. Personalmente non mi sono voluto spoilerare la setlist del tour ma leggendo qui e là avevo comunque carpito la probabile presenza di The God that Failed, la qual cosa mi ha riempito di felicità proprio come l'esecuzione di un altro pezzone estratto da Metallica, vale a dire quel capolavoro intitolato The Unforgiven, magistralmente eseguita da un ispiratissimo Kirk Hammett; il chitarrista poi si renderà involontariamente protagonista di un comico siparietto allorché durante l'assolo di Moth into Flame (di grande effetto l'incendiaria coreografia) scivola sul palco cadendo senza fortunatamente riportare conseguenze, ma anzi continuando a suonare non saltando nemmeno una nota. E si sorride anche dopo, quando Rob Trujillo con la collaborazione proprio di Kirk si cimenta in un'irriverente cover di El Diablo con tanto di foto vintage dei Litfiba sui mega schermi; il seguente assolo di basso -comprensivo di Orion- invece ci restituirà le belle immagini del compianto Cliff Burton, doveroso omaggio alla sua memoria. I Metallica adesso ci tirano sulla schiena un carico pesantissimo con la monolitica Sad But True, sempre un piacere riascoltare questo pezzo leggendario. Il tempo passa e qualcuno stava cominciando a illudersi di poter arrivare a fine concerto "senza che Giove Pluvio ponesse in pratica la sua passeggera minaccia" [cit.] ma ecco che su St. Anger (sarà un caso?) la pioggia cade sopra San Siro senza più smettere: pazienza, ci faremo anche noi la nostra piccola Woodstock versione bauscia e cercheremo di sopravvivere; per fortuna nel mio caso il fastidio è mitigato dal fatto sul prato è stata allestita una pedana che ricopre quasi tutto il pit per cui, almeno per il momento, non staremo con i piedi immersi nel fango. Poi arriva il turno di One e Master of Puppets e chi se ne frega dell'acqua, siamo a un concerto rock e conta solo saltare e cantare a squarciagola; non solo, adesso i Four Horsemen si avvicinano ulteriormente al pubblico piazzandosi al limitare della passerella centrale dove è stata allestita una seconda batteria e così, sotto un diluvio che le rende ancor più epiche, arrivano in successione For Whom the Bell Tolls, Creeping Death e Seek & Destroy. I Metallica stoicamente continuano a suonare con grande energia, sono fradici come e più di noi ma non mollano un attimo, veramente ammirevole la loro prova che viste le avverse condizioni meteo ce li rende ancora più vicini, accomunandoci in quello che adesso sembra a tutti gli effetti un vero e proprio rito. Al termine di questo trittico da infarto i quattro si ritirano dietro le quinte per poi fare ritorno per il consueto bis aperto da Lords of Summer, cui segue Nothing Else Matters e al termine della quale James esibisce il plettro commemorativo della serata, su cui campeggia l'immagine del Duomo, per poi terminare con un'imperiosa Enter Sandman: ora è finita sul serio, i ragazzi distribuiscono plettri a volontà e si radunano sulla pedana per un ultimo saluto, ognuno ringraziandoci per l'ennesima serata passata insieme; Lars infine ricorda la loro prima volta a Milano di 35 anni fa in supporto ai Venom, asserendo che ogni calata meneghina sia stata migliore di quella precedente. Il pubblico attorno a me applaude soddisfatto ma adesso arriva il momento della lenta transumanza verso le -pochissime- uscite; a quanto pare nelle retrovie, a differenza del pit, l'audio non è stato soddisfacente, motivo per cui l'organizzazione dovrebbe probabilmente porsi qualche domanda: prima fra tutte se effettivamente sia opportuno organizzare concerti open air ai primi di maggio nel Nord Italia...

SETLIST METALLICA
Intro (The Ecstasy of Gold)
1. Hardwired
2. The Memory Remains
3. Ride the Lightning
4. The God that Failed
5. The Unforgiven
6. Here Comes Revenge
7. Moth into Flame
8. El Diablo (Litfiba cover)
9. Bass Solo
10. Sad But True
11. Halo on Fire
12. St. Anger
13. One
14. Master of Puppets
15. For Whom the Bell Tolls
16. Creeping Death
17. Seek & Destroy
---Encore---
18. Lords of Summer
19. Nothing Else Matters
20. Enter Sandman


Un ringraziamento particolare a Roberto "Vicarious" Di Gaudio per le foto che compaiono nell'articolo



tino
Lunedì 10 Giugno 2019, 12.29.07
43
Fighette o non fighette non ho mai avuto problemi a frequentare mega concerti anche se adesso con gli anni sono diventato più esigente in termini di confort e quindi tendo ad evitare mega eventi come ad esempio quello che ho vissuto nel 2015 per gli acdc a imola…Ho comunque sempre sopportato tutto, il caldo asfissiante, il sole, la fila per le birre come quella allucinante lo scorso anno al rock the castle, i puzzoni che si fanno avanti tra la folla a spintonate e a petto nudi sudati fradici e con l’ascella pezzata, l’attesa snervante per il gruppo principale senza potersi assentare nelle retrovie per perdere la posizione, ma non ho mai sopportato la pioggia, nemmeno quella più insignificante, come detesti i concerti in inverno anche se al chiuso che ho smesso da un po’ ormai di frequentare. Ricordo nel 2005 che ce la siamo filati sconsolati la sera dopo qualche pezzo di rj dio che suonava sotto il diluvio, penso che se avessi avuto il biglietto dei metallica in un contesto simile o l’avrei venduto fuori o al limite me la sarei filata, infatti me ne sono guardato bene dal comprarlo a suo tempo. Non è questione secondo me di essere fighette, è che comunque non è da tutti sopportare certi disagi che ovviamente fanno parte del gioco del rock’n’roll, se i 47000 che c’erano si sono divertiti buon per loro.
Vicarious
Lunedì 10 Giugno 2019, 10.49.13
42
@ObscureSolstice: il discorso fighette lascia il tempo che trova, se spendo 110 euro per un concerto mi aspetto che i servizi valgano 110 euro. Non puoi fare delle uscite dalle quali escono 50 persone al minuto se ci sono 50 mila persone dentro, in più senza mettere due pedane per il fango. Due pedane di legno, hai incassato qualche milione di euro, metti due pedane. Altrimenti se fai questo discorso e spendi 110 euro per una cena, ma volevi mangiare un hamburger, perchè non sei andato nell'hamburgeria sotto casa? risparmiavi 90 euro Io ho speso 110 euro per un servizio che poi non ho ricevuto, non è colpa dell'utente
Therealthing
Venerdì 31 Maggio 2019, 22.16.33
41
Ma cosa sta succedendo a James ? In un anno sembra invecchiato di 5...l'anno scorso a Bologna sembrava davvero un altro dal punto di estetico(e lo avevo a 2 metri)...azz, mi spiace davvero, anche vocalmente a giudicare dai video di quest anno rispetto al 2018 sembra giú di corda, mi spiace tantissimo e spero sia solo la stanchezza dovuta a 2 lunghi anni di tour. Loro ci mettono sempre l'anima sul palco, come testimoniano il concerto di Milano senza tagli sotto il diluvio e la foto della chitarra insanguinata di Kirk a Parigi...sempre e comunque grandissimo affetto e rispetto per loro!
Matteo
Venerdì 31 Maggio 2019, 18.50.20
40
Era qualche anno che non andavo ad un concerto di un gruppo grosso in Italia. Ho azzardato, essendo i Metallica una delle mie band preferite, ma mi son pentito. 86 bombe per: 1) l'incapacità organizzativa made in Italy che ha fatto si ci volessero quasi 40 minuti ad uscire, almeno per la maggior parte degli spettatori tra i quali me medesimo 2) prezzi alle stelle: dai 3 euro per una bottiglietta dell'acqua fino a 7 euro per una heineken, entrambe da 33 ml; 3) vedere una band oramai stanca e che, a mio avviso, ha fatto una scaletta mediocre rispetto a loro concerti passati a cui ho partecipato. Gli stessi soldi son veramente spesi meglio per festival che hanno magari meno gente ma che in proporzione sono organizzati da persone più competenti.
SkullBeneathTheSkin
Venerdì 31 Maggio 2019, 16.35.10
39
Onestamente me ne batto le... tanto qualunque song italiana non avrebbe avuto effetto diverso... una "last caress" mi avrebbe soddisfatto certamente di più, ma non sarebbe stata riposante per la band. Quello era un momento di alleggerimento per tirare un po' il fiato... meglio la semicover di El Diablo che cinque minuti di dialogo col pubblico (imho)
HIRAX
Venerdì 31 Maggio 2019, 14.49.33
38
i'm evil la conoscevate tutti? Sfido chiunque. Last Carress e Green hell pure? Io sì. Certo la mia era una provocazione. Avrei preferito un omaggio da defender e non una marchetta alle prime file...
Rob Fleming
Giovedì 30 Maggio 2019, 9.15.50
37
Come non si può non dare ragione a @tino. Brani metal in Italia di gruppi italiani che conoscono tutti non ce ne sono. Al massimo potevano fare una bella "La mia banda suona il rock" o il "Rock di Capitan Uncino" o "W la mamma". Ma i primi due sono anche difficili da cantare per chi non ha dimestichezza con la lingua. Quindi visto l'obiettivo manifestamente goliardico ben vengano Vasco/Litfiba/Ligabue (dei primi due album). La Strana Officina? Grandissimo gruppo. Ma "Viaggio in Inghilterra"; "Autostrada dei sogni"; "Luna nera"; "Piccolo uccello bianco" e "Non sei normale" anche in questo sito in quanti le conoscono? Io per primo ammetto di aver sentito oggi per la prima volta dei Fingernails e i Necrodeath a mala pena so che esistono. Allora perché no gli Small Jackets o i Buttered Bacon Biscuits o i Wicked Minds?
ObscureSolstice
Giovedì 30 Maggio 2019, 7.51.39
36
Non sia mai bagnarsi eh. Che scherzi. Meglio comodi col bel tempo, niente vento, niente pioggia neanche una nuvola, niente urti e niente spintoni neanche a sfiorarsi per puro caso, niente headbanging, per forza il pit ticket vip che poi sul forum lo snobberó e posto riservato privato pure se mi sposto per andare al cesso deve essere essenzialmente vicino e tutti devono farmi passare, l'omino vendi bevande che se ho sete o fame deve volare direttamente dove mi trovo appeso a un drone per servire solo me. Poi mentre si aspetta prima e durante il concerto si chiacchera tutto il tempo di cazzate da nerd con l'amico vicino per disturbare chi sta dietro a noi non essendo interessati minimamente al concerto. Queste sono alcune delle regole invalicabili, questi sono i fighetti del metal
SkullBeneathTheSkin
Mercoledì 29 Maggio 2019, 20.51.26
35
Tino uber alles!!! Non solo hai ragione su tutta la linea, a me il pubblico è sembrato tiepidino anche per i Ghost
Tbone
Mercoledì 29 Maggio 2019, 18.14.12
34
Potevano fare vado al mare dei pluto, i più grandi di tutti!!
tino
Mercoledì 29 Maggio 2019, 17.08.55
33
Il problema che se suoni un pezzo qualsiasi metal di un gruppo italiano non lo conosce nessuno (io dei gruppi citati penso di non conoscere un pezzo uno, forse qualcosa della strana), mentre un pezzo nazional popolare come dalla o i litfiba lo conoscono tutti anche chi non ascolta pop o musica leggera. Non è un tributo perché i metallica non hanno bisogno di lezioni di metal, è una semplice macchietta per divertimento e in effetti funziona. Avessero voluto celebrare il pezzo metal italiano più conosciuto in italia e all’estero avrebbero dovuto fare heaven’s a lie...ah già c’è chi pensa non sia metal…mannaggia
HIRAX
Mercoledì 29 Maggio 2019, 15.43.06
32
Qualcuno dica ai Metallica he in Italia oltre a vasco e i litfiba ci sono i Necrodeth, la Strana Officina, i Fingernails e tanta tanta altra bella roba!
Psychosys
Domenica 26 Maggio 2019, 1.56.02
31
Questo concerto mi ha fatto capire l'importanza dei "classici" nelle scalette delle grandi band del passato. Ho compreso molto bene quanto tutti quanti i soldi spesi per il biglietto fossero stati utilizzati per fare esperienza live di alcune delle canzoni che hanno maggiormente segnato il mio percorso musicale. Una volta arrivato all'ippodromo volevo rivivere la situazione di incredulità rispetto all'immensità e alla carica innovatrice delle pietre miliari contenute nei primi 4 album dei Metallica. Cantare a squarciagola Master Of Puppets, fare headbanging su Creaping Death (difficile trovare una canzone più adrenalinica di questa), fare air guitar su One e air drumming su For Whom The Bell Tolls. Quando James ha dato il via a Ride The Lightning mi sono venuti gli occhi lucidi dal momento che è stata per tanto tempo la mia canzone preferita - e contiene tutt'ora uno dei miei assoli di chitarra preferiti di sempre - e la band molto raramente la esegue dal vivo. Ma quanta rabbia nel vedere tanti altri pezzi dalla statura elevatissima lasciati fuori dalla scaletta per fare posto a brani - a mio personale modo di vedere - assolutamente trascurabili. Lords Of Summer, Here Comes Revenge, The Memory Remains, St. Anger (davvero?!) erano veramente necessarie in scaletta al posto - magari - di Hit The Lights, Whiplash, Fight Fire With Fire, Fade To Black, The Call of Ktulu, Disposable Heroes, ...And Justice For All e compagnia? Passino le canzoni del Black Album (disco che non apprezzo affatto), che comunque fanno felice una buona fetta di fans, ma andare a "riscoprire" addirittura St. Anger... Stavo bene anche senza. In totale inserire solo 6 canzoni dei primi 4 album su 20 brani totali mi sembra veramente troppo poco, soprattutto perché dopo i primi 4 lavori non è che si trovi poi molto da riproporre dal vivo (nemmeno i brani di Load, che mi piacciono molto nel complesso, li trovo adeguati per un live), in particolare Nothing Else Matters, la canzone perfetta per ammazzare l'atmosfera ad un concerto thrash metal. Posso perdonare alla band una scarsa precisione nell'esecuzione, posso perdonargli una brutta location con un pessimo tempo, posso perdonargli un volume non altissimo... Ma sulla scaletta ho parecchio da ridire. Alla fine i Metallica fanno quello che pare a loro e io sono stato felice lo stesso... Ma una volta o due me la dovranno pur fare Disposable Heroes dal vivo!
Beta
Venerdì 17 Maggio 2019, 18.17.30
30
In realtà noi non abbiamo avuto problemi per il posto auto. Appena siamo arrivati abbiamo trovato la strada principale che costeggia l'ippodromo sbarrata dalla polizia, a cui abbiamo chiesto indicazioni per il parcheggio e ci hanno detto che potevamo metterla ovunque, perché i blu erano tutti gratis. Noi non abbiamo parcheggiato sul piazzale che c'era lì perché ormai avevamo imboccato una strada a senso unico, ma abbiamo parcheggiato in una via trasversale (non nel blu, ma in un parcheggio sterrato che divideva due sensi di marcia), a neanche 10 minuti di strada dall'ingresso principale. C'è da dire che mi ero fatta dare delle dritte da chi conosce la zona per il resto sono d'accordo con quanto già detto: troppo traffico, un casino uscire dalla città (Milano in macchina è qualcosa di terribile ... poi dicono di Napoli XD) e casino pure sulle tangenziali. Tremendo. Niente a che vedere col forum: quello essendo in periferia è molto meno incasinato ed è in mezzo al nulla (più o meno), quindi hanno avuto tutto lo spazio per organizzare i parcheggi. Stata più volte e mai casino. Vicarious: hai ragione, in effetti neanche io sono tornata a casa col fischio ... XD
Vicarious
Giovedì 16 Maggio 2019, 0.03.13
29
Grazie per i complimenti per le foto, nonostante la pioggia e senza nemmeno la reflex sono riuscito a fare qualcosa di decente, vi ringrazio tutti. Aggiungo una nota sull'audio del concerto, io, come potete ben immaginare dalle foto, ero a mezzo metro dal palco quindi non posso certo lamentarmi. Però se io sono uscito dall'ippodromo con le orecchie perfettamente sane e senza il classico fischio post concerto metal, significa che i volumi erano indubbiamente bassi, immagino che quelli da metà del posto unico in poi non abbiano visto nè sentito nulla. E concordo con chi ha scritto che non è che chi si trovava nel posto unico avesse speso 15 euro, anzi, tutt'altro. La pioggia più che un azzardo è stata sfortuna, il giorno prima sole, il giorno dopo sole. Sfiga nera
Christian death rivinusas
Mercoledì 15 Maggio 2019, 17.47.39
28
Tino@ condivido in tutto..... assago location fantastica, ho visto gli helloween reunion ed è stato un concertone... parcheggio immediato all’arrivo e poco traffico , audio e visuale magnifica. Come location L’autodromo di monza secondo me è tra i migliori ..... c’ è Un po di traffico ma i parcheggi ci sono e l’organizzazione è superiore a quella dell’ippodromo e anche l’audio era perfetto anche a lunghe distanze dal parco, posdo provarlo io che l’ho vissuto personalmente al gods of metal del 2016....speriamo sia per i maiden che per i 4 cavalieri la prossima volta di vederli in una location alk’altezza del loro valore professionale
tino
Mercoledì 15 Maggio 2019, 16.59.40
27
Ti capisco cristian, sono stato all’ippodromo a luglio per i maiden ed è stata un’impresa snervamte arrivare, raggiungere la zona in mezzo al caos di milano, capire dove parcheggiare visto che un sacco di gente metteva la macchina di fianco al perimetro del’ippodromo (in evidente sosta vietata), io non mi sono fidato e ho cercato le strisce blu all’opposto dell’entrata, poi però cè stato il problema di trovare la macchinetta per il biglietto, insomma troppo stressante. Poi per andare via grande fuga durante i bis e bestemmioni nonostante il satellitare per raggiungere la tangenziale dove ovviamente c’erano tutte le direzioni compreso la svizzera tranne che bologna. Bello ma troppa fatica e troppo stress, ho preferito un paio d’anni prima al forum d’assago, molto più tranquillo, facile da raggiungere (e da filarsela) e c’era pure l’aria condizionata
Christian death rivinusas
Mercoledì 15 Maggio 2019, 16.57.48
26
Per chi non lo sapesse per i possessori del biglietto oltre alla copia fisica in omaggio dell’ulTimo cd dei Metallica è prevista anche la copia in mp3 del live dell’ippodromo....dopo essersi registrati basta fornire al sito dei metallica il barcode del biglietto del concerto... poi sarà possibile scaricare gratis i 2 cd in mp3 e le label con i titoli della scaletta del concerto...io l’ho scaricato oggi è si sente veramente bene.... un bellissimo regalo da parte dei metallica per ricordare il magico evento
Christian death rivinusas
Mercoledì 15 Maggio 2019, 16.50.49
25
Scusate per l’erroRe ma è la tastiera... ai metallica....
Christian death rivinusas
Mercoledì 15 Maggio 2019, 16.49.22
24
Concerto fantastico l’uniCa pecca è stata la location troppo dispersiva e l’audio che era troppo basso. l’ippodromo secondo me è stata una location di difficile meta in auto ,visto il traffico esagerato e la mancanza di posti auto nelle vicinanze. Per fortuna ho trovato il posto 30 minuti prima del concerto e mi sono salvato in corner.... Hai Metallica faccio i miei complimenti che nonostante la pioggia hanno suonato con ultra professionalità fornedo una prestazione epica.
duke
Mercoledì 15 Maggio 2019, 15.41.14
23
....delle bands di supporto non me ne frega niente.....dei metallica ...ora come ora....non li andrei a vedere.....sono troppo distanti .....dalle origini.....un periodo mitico....in cui erano gli dei del metal anni 80......ora sono solo delle marionette ......del music biz....mi dispiace dirlo....ma e' cosi'...purtroppo...
tino
Mercoledì 15 Maggio 2019, 11.02.47
22
Ovviamente non me ne intendo di canto però “dicono” che se impari a cantare in modo professionale la voce non la perdi (a meno che come mustaine non ce l’hai mai avuta), te la rovini se non hai tecnica, infatti gente come pavarotti o al bano non penso abbiano o abbiano avuto problemi particolari a livello vocale, quindi non si possono paragonare gli strilli di noi fans sotto al palco con la tecnica di un cantante profesionista come hetfield. Sicuramente è invecchiato, certo, però teniamo anche presente che fa il doppio del lavoro perché oltre al canto deve concentrarsi su centinaia di riff e note.
Gabriele
Mercoledì 15 Maggio 2019, 10.09.40
21
Teniamo conto che io, dopo aver cantato The God That Failed avevo finito la voce. Hetfield va in tour da 40 anni e la sua voce al primo minuto era uguale all'ultimo. E non è che in quel microfono ci sussurri.
Vitadathrasher
Mercoledì 15 Maggio 2019, 0.18.44
20
Per il cantante questo è un genere che ti brucia in fretta. Inoltre da giovani non credo che avessero un maestro che li seguisse e se non la preservi.......Ora è naturale che preservi la voce, non la sporca più, non spinge è da capire, deve fare anche tante date.
Gianluca
Mercoledì 15 Maggio 2019, 0.13.12
19
Grandi come sempre, Eye of beholder live mi piacerebbe parecchio
Beta
Martedì 14 Maggio 2019, 21.10.19
18
mariamaligno: commento giustissimo il tuo. Infatti io li ho apprezzati proprio tenendo conto del fatto che hanno passato i 50 da un po' (anacronistico, a mio avviso, cercare di fare i ragazzini ... sarebbero risultati solo ridicoli, invece, come hanno fatto, sono stati, appunto, più che dignitosi). Volendo essere pignoli, Hetfield non ha avuto tutta 'sta potenza vocale ... ma ci può stare. Ha 57 anni e ha sempre avuto un modo di cantare "tirato", quindi, per come la vedo io, più che dignitosi TheSkull: guarda, per tornare all'ippodromo dovrà proprio esserci una band che mi fa impazzire e ad agosto e concordo sulla capacità di coinvolgimento di Heatfield e di tutta la band (carinissimi quando James ha detto, dalla passerella: "Che facciamo, restiamo qua? Ma sì, dai, restiamo qua fuori al bagnato!" - wet in inglese, so che fa schifo come traduzione XD - ); e ha ragione Matocc: si sono lavati più loro di noi
SkullBeneathTheSkin
Martedì 14 Maggio 2019, 20.32.13
17
@mariamaligno: io non me la sono sentita di dire che 23 anni fa erano più carichi... ovvietà... ma realmente sono invecchiati (con noi) e tenutone conto sono ancora all'altezza del loro nome. Più che dignitosi, come hai detto tu
SkullBeneathTheSkin
Martedì 14 Maggio 2019, 20.27.24
16
Due giorni prima ed il giorno dopo il clima era piacevolissimo, abbiamo avuto sfiga e basta non griderei allo scandalo per quello. Riguardo al suono, si vocifera che gli effetti pieno/vuoto fossero dovuti al vento... boh, tanto belli luci ed effetti quanto opinabile il missaggio.. detto con rispetto di chi magari ha lavorato in condizioni limite. Io ero nel mezzo, già per i Bokassa la batteria copriva il resto... pensavamo fosse per Lars!!!
mariamaligno
Martedì 14 Maggio 2019, 20.23.03
15
Rispetto al commento 12...anch'io ho letto pareri contrastanti sulla perfomance di Milano..e pur non essendo presente alla data in questione si fa in fretta a farsi un'idea dello stato della band guardando i vari live su Youtube. A mio avviso dipende dall'approccio che uno ha nel giudicarla, se li paragoni con ciò che furono è indiscutibile siano la triste caricatura di se stessi (e chi si ostina a dire il contrario è un fanboy col prosciutto su occhi orecchie e ogni zona ricettiva del corpo), del resto a me fecero già tenerezza nel 2003 quando portarono i figli(????)sul palco. Se invece si considera che vanno per i 60 e si accetta la cosa sono obiettivamente ancora più che dignitosi. La vera domanda è se abbia senso suonare un genere come il thrash metal ad un'età che inevitabilmente ti rende difficile proporlo nella sua naturale violenza e potenza, ma su questo ovviamente ognuno è libero di pensarla come crede.
ian
Martedì 14 Maggio 2019, 19.59.00
14
Un tour europeo, sopratutto al nord, a Maggio, con un palco totalmente scoperto e´ alquanto azzadato. Io credo che sia proprio una scelta, non tanto degli organizzatori ma della band stessa, come per sottolineare : Noi siamo i Metallica, siamo Rock e possiamo suonare per ore prendendo tutto quello che arriva dal cielo, non tagliando neanche un pezzo e fermandoci alla fine a salutare tutti!!
Vanessa Inc.
Martedì 14 Maggio 2019, 19.34.45
13
@Andrea...... nn so se tu eri alla festa dell' unita x uno dei 4 Monster i volumi erano tutt' altro che bassi
vascomistaisulcazzo
Martedì 14 Maggio 2019, 19.33.46
12
Ho letto diversi report e molto commenti dei presenti sui social e non capisco qui tutti concordi nell'audio ottimo e metallica in grande forma, ho letto il contrario, che poi si reputi comprensibile che quelli infondo possano sentire poco come se avessero pagato 15euro il biglietto....
SkullBeneathTheSkin
Martedì 14 Maggio 2019, 18.47.02
11
@fabio rasta... non saresti rimasto deluso, fidati.. ho assistito ad una monumentale "seek & destroy" (per me il pezzo migliore della serata) ed in linea di massima i pezzi dai primi tre dischi non mancano, poi chiaro non si possa accontentare tutti. @beta anche per me prima ed ultima volta all'ippodromo... visto niente e sentito male... ma mi ha piacevolmente sorpreso la voglia di James di farci cantare. Volenti o nolenti e fradici, gran bello show
Fabio Rasta
Martedì 14 Maggio 2019, 18.28.07
10
Riguardo alla scaletta..., certo che se un estimatore della prima ora (tipo me), fosse andato con la speranza di ascoltare qualcosa dai primi tre LP, sarebbe rimasto assai deluso, visto che ne sono stati tratti solo 5 miserabili pezzi, concentrati poi soprattutto nel finale. Mi accadde una cosa del genere con gli IRON al Sonisphere a Imola, e lì andò anche peggio, poiché il minutaggio dei pezzi "nuovi" era anche oltremodo eccessivo; furono due palle così (x me e, a quanto ho potuto vedere, x quasi tutti quelli sopra i trent'anni), anche se io nonostante tutto, fossi lì x i MOTÖRHEAD.
Beta
Martedì 14 Maggio 2019, 17.37.41
9
Complimenti per il report e, sopratutto (Matocc non me ne voglia), per le foto, veramente molto belle (bravissimo Vicarious). Io ero la prima volta che andavo all'ippodromo, quindi non sapevo bene cosa aspettarmi: nel complesso trovo che la location fosse bella (io ero nel posto unico, ma, nonostante io e il mio amico siamo arrivati alle 17, tra una cosa e l'altra, abbiamo comunque trovato posto a due passi dalle transenne) e, dalla mia posizione, sono riuscita a vedere abbastanza bene (dico "abbastanza" perché avevo davanti un ragazzo alto due metri XD) e si sentiva molto bene. Per quanto riguarda la scelta del posto a maggio, posso dire che di solito a maggio c'è un tempo divino, tant'è che settimana scorsa il tempo è stato soleggiato tutti i giorni tranne il giorno del concerto (sticaz... XD), quindi penso che gli organizzatori abbiano fatto bene a rischiarla. Certo, la pioggia a metà Metallica ha rotto un po' le balle (sono arrivata a casa infreddolita e infangata fino al ginocchio ... e quoto TheSkull, minchia quanta acqua che abbiam preso! ), ma il concerto in sé è stato molto bello, bella la scenografia sugli schermi, bello il siparietto Litfiba, bella la scaletta (ho apprezzato molto i pezzi "meno importanti", diciamo così), bravi i Metallica e anche i gruppi spalla. Specialmente i Ghost, veramente degli ottimi performers (e a me non sono mai piaciuti, quindi ... XD).
Argo
Martedì 14 Maggio 2019, 15.21.34
8
Mmm, scaletta coraggiosa, molto varia...
Andrea
Martedì 14 Maggio 2019, 14.23.25
7
Il vero problema dell' ippodromo è quello del volume da festa dell' unità.
tino
Martedì 14 Maggio 2019, 14.08.54
6
Painkiller io non ero mai stato all’ippodromo prima dell’anno scorso (iron) ma avendo il biglietto per il pit ti posso assicurare che ti vedevi il gruppo benissimo senza sforzi, vicinissimo, io poi che sono uno che non è mai andato ad assieparsi vicino alle transenne anzi spesso sto defilato mi vedevo i musicisti vicinissimi, cosa più unica che rara. Avendo il bracciale uscivo spesso dal pit e secondo me si vedeva e sentiva bene ovunque, ovvio che molto indietro è brutto ma si sa. I servizi erano normali niente da segnalare, l’unico difetto le aree ristoro troppo poche e soggette a code, difetto purtroppo che non si riesce a debellare visto poi l’orribile servizio del rock the castle l’anno scorso. Il mio scetticismo per l’ippodromo è dovuto al fatto che è troppo in città per i miei gusti, specie quando voglio “filarmela” per evitare le code (per i maiden me la sono squagliata appena hanno attaccato i bis), ma ho trovato difficoltà anche ad arrivare proprio per l’ubicazione poco periferica e soggetta al traffico cittadino e per i parcheggi, insomma ho chiuso con milano. Per il discorso pioggia, io non avrei comunque mai preso alla cieca un biglietto per un concerto all’aperto prima del 15 di giugno quando il rischio di perturbazioni è ridotto per la canicola, gli organizzatori hanno rischiato ma è anche vero che un maggio così erano decenni che non si vedeva.
Painkiller
Martedì 14 Maggio 2019, 13.03.17
5
Sono contento che siano in forma e che stiano variando un po’ le scalette. Ho letto che vorrebbero lavorare al nuovo disco, spero il prossimo anno per uscita max ad inizio 2021. Hardwired ha passato la prova del tempo, mi piaceva prima e mi piace anche oggi.
Painkiller
Martedì 14 Maggio 2019, 13.01.26
4
Visti lo scorso anno dalla piccionaia a Bologna, erano in gran forma. Quest’anno mi sono rifiutato, già mi fanno incazzare i biglietti Golden/Platinum e vattelappesca, poi non potendo prenderlo subito per poi dovermi accontentare del biglietto normale mi ha fatto desistere. L’ippodromo è una location oscena, essendo stretto e lungo, anche col superbiglietto rischi di non essere vicino al palco, senza sei CERTO di vederli da distanza siderale. Se poi piove il fangone è garantito. Come ho sempre detto molto meglio il cemento della fiera dove, dopo i primi due anni dì assestamento, hanno capito dove etere gli stand (all’ombra sotto il parcheggio multipiano) e di aggiungere bagni chimici e vaporizzatori anti-caldo.
Silvia
Martedì 14 Maggio 2019, 11.47.21
3
Ottimo report e foto veramente belle, certo inusuale l'open air in questa stagione. James sembra molto stanco
SkullBeneathTheSkin
Martedì 14 Maggio 2019, 10.23.12
2
.. quanta cazzo di acqua abbiamo preso... però grande show
tino
Martedì 14 Maggio 2019, 9.23.48
1
Bel report, mi sarebbe piaciuto andare, ma dopo essermi massacrato l’estate scorsa per i maiden sempre all’ippodromo ho chiuso con milano, troppa fatica, troppo scomodo e soprattutto non mi sono giustamente fidato del tempo perché la pioggia e il freddo ad un concerto all’aperto sono uno strazio. Ricordo ancora nel 2005 a toscolano maderno quando dopo che cominciò il diluvio con i candlemass salutammo Dio dopo aver assistito ad un paio di canzoni da sotto il tendone del ristorante dove un mare di gente aveva trovato riparo, uno schifo…sarà anche eroico quando c’è ma io detesto la pioggia quando sono in ferie o ci sono i concerti. Detto questo sono contento per la riuscita del concerto, curiosa la rispolverata di st anger…hanno fatto bene nonostante il disco sia orribile. Ho visto lo stramazzo di kirk e mi sono venuti i brividi perché qualche anno fa per una caduta simile mi sono fratturato il capitello radiale del gomito, da allora piedi sempre ben a terra, specie quando c’è bagnato. Comunque grandi metallica, sempre
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Metallica
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Ghost
Clicca per ingrandire
Bokassa
Clicca per ingrandire
Bokassa
ARTICOLI
13/05/2019
Live Report
METALLICA + GHOST + BOKASSA - MILANO SUMMER FESTIVAL 2019
Ippodromo SNAI San Siro, Milano, 08/05/2019
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]