Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ulcerate
Stare Into Death And Be Still
Demo

Stone Rebel
Spirits on the Sky
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
MORS PRINCIPIUM EST
Seven

23/10/20
OVTRENOIR
Fields of Fire

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
DEMONICAL
World Domination

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

SIGILLUM S - Music Inn, Roma, 23/05/2019
28/05/2019 (558 letture)
Attivi sin dal lontano 1985, grazie all’incontro tra Eraldo Bernocchi, Paolo Bandera e Luca Di Giorgio, i Sigillum S hanno sempre rappresentato un punto di riferimento essenziale per chiunque si sia approcciato alla scena elettronica italiana degli ultimi vent’anni. La loro lunga carriera, costellata decine di release tra demo tape, EP ed album, ha sempre attraversato sinuosamente power electronics ed ambient, lambendo sonorità etniche ed esoteriche di ispirazione orientale, congegnali alla verve etno-antropologica che li contrassegna. E quale migliore occasione per saggiarne la veste attuale e l’incarnazione in sede live della data offertaci da La Fine?

Sebbene sia già il 23 maggio, il clima risulta piuttosto umido e pungente: a riscattare tuttavia la fatica nel raggiungere il locale sotto un fastidioso velo di pioggerellina è la magnifica cornice di Castel Sant’Angelo, facente da sfondo alla location. Conseguenza della chiusura dei più storici luoghi di ritrovo, per dir così, alternativi della capitale, è la recentissima riorganizzazione e frammentazione della scena in piccole realtà in grado di fornire l’atmosfera giusta a spettacoli per soli cultori. La sala ipogea dedicata ai concerti, di ridottissime dimensioni, è accogliente e suggestiva e l’aspetto grezzo delle sue mura donano un che di ancestrale all’esperienza. Ad affiancare Bandera e Bernocchi, menti propulsive del progetto, è il neo reclutato Bruno Dorella (sarà sufficiente qui citare gli OvO per riassumerne i meriti e la lunga militanza nella scena) che, come vedremo, apporterà un contribuito genuino e personale alla performance. Alle undici circa, le luci calano e lo spettacolo ha inizio. I tre impegnano il palco con le loro strumentazioni, avvolti da una luminescente cortina rossiccia. Come già avvenuto in diverse occasioni, i Sigillum S scelgono di abbandonare le velleità più eteree e riflessive del loro sound per graffiare la notte con beat dal sapore dub, ricchi di percussioni etniche e non, trafitte da synth ora rabbiosi e striduli, ora solenni, ora armonizzati e melodici. Se Bandera, chino e concentrato sulle proprie macchine, ha quasi le movenze di uno sciamano dei nostri tempi, Dorella presta appieno la propria fisicità all’ordito strumentale, sia mediante percussioni, sia avvicinando il pad al volto producendo vocalizzi mistici. Oltre a ciò, egli donerà un’ossatura ritmica ancora più marcata ad una delle composizioni imbracciando il proprio basso, unico strumento cordofono a comparire nel set. Sebbene l’ingresso del Dorella renda la formazione piuttosto inedita, si percepiscono un’armonia ed una comunione di intenti pressoché stupefacenti, come se i Nostri suonassero insieme da sempre. La sintonia è palpabile, così come l’anima ed il talento posti nell’esibizione: il sintetico non è qui mero silice attraversato da circuiti ed obbediente al totalitarismo del codice binario, bensì vera e propria protesi mediante la quale l’artista distende appieno il proprio universo. E l’ascoltatore non è più recettore passivo di una proposta somministrata dall’alto, bensì soggetto attivo dell’esperienza multimediale qui offerta. Non dunque grovigli di rame, bensì vasi sanguigni pulsanti, attingenti da un lato ad un sapere ventennale, dall’altro all’ispirazione più genuina.

Non vi sono termini che permettano di descrivere con maggiore precisione e nettezza le sensazioni e l’impatto che tali orizzonti musicali recano con sé: bisognerebbe prender parte almeno una volta a tale rituale trasposto in vibe elettroniche per averne un’idea sufficientemente definita. Mi accontento qui di offrire la mia visione, sperando di farvi interessare ad un progetto che merita tutta l’attenzione dell’ascoltatore più smaliziato.



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina della serata
Clicca per ingrandire
La locandina della serata
Clicca per ingrandire
Sigillum S
ARTICOLI
28/05/2019
Live Report
SIGILLUM S
Music Inn, Roma, 23/05/2019
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]