Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La copertina
Clicca per ingrandire
Antichrist - Forbidden World
Clicca per ingrandire
Beast in Black - Berserker
Clicca per ingrandire
Bio-Cancer - Tormenting the Innocent
Clicca per ingrandire
Burning Witches - Hexenhammer
Clicca per ingrandire
Condor - Condor
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/07/19
OH HIROSHIMA
Oscillation

26/07/19
SINHERESY
Out of Connection

26/07/19
AS I MAY
My Own Creations

26/07/19
LORDI
Recordead Live - Sextourcism In Z7

26/07/19
SOUNDGARDEN
Live from the Artists Den

26/07/19
THY ART IS MURDER
Human Target

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

26/07/19
IAN GILLAN
Contractual Obligation

26/07/19
LACRIMAS PROFUNDERE
Bleeding The Stars

26/07/19
BLACK RAINBOWS
Stellar Prophecy (reissue)

CONCERTI

23/07/19
PERIGEO
PIAZZA SS. ANNUNZIATA - FIRENZE

25/07/19
COVEN + DEMON HEAD
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

25/07/19
THERAPY?
CURTAROCK FESTIVAL - CURTAROLO (PD)

26/07/19
COVEN + DEMON HEAD + GUESTS
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

26/07/19
SOILWORK
ROCK CLUB - PINARELLA DI CERVIA

26/07/19
WEEDEATER
FREAKOUT - BOLOGNA

27/07/19
MARDUK + GUEST
ROCK AND BOL - BOLOTANA (NU)

27/07/19
OBSCURA DOOM FEST
MU CLUB - PARMA

27/07/19
SOILWORK
LEGEND CLUB - MILANO

27/07/19
WEEDEATER
CRYSTAL MOUNTAIN FEST - MOSO IN PASSIRIA (BZ)

L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE - # 34 - Beast in Black, Bio-Cancer, Five Finger Death Punch, Antichrist, Revocation, Godwatt e tanta altra bella e rilassante musica estiva
30/06/2019 (432 letture)
Tenetevi forte, Metallized ha una notizia per voi. A seguito di attente ricerche e minuziose verifiche delle fonti, pare che l'estate sia arrivata. Con essa, anche il classico caldo e sopratutto gli altrettanto classici status su Facebook che ce ne danno conferma. Peraltro, senza che nessuno l'abbia chiesto. Tuttavia, dopo il giusto tempo necessario per riprendervi dallo stupore per questa inattesa informazione, potete anche distrarvi dall'afa leggendo le recensioni che abbiamo approntato per voi senza farle passare dalla home page.

HEAVY/POWER
Burning Witches - Hexenhammer
Con il travolgente heavy metal vecchia scuola del loro secondo album Hexenhammer, pubblicato dalla Nuclear Blast, tornano a farsi sentire le Burning Witches, gruppo di ragazze provenienti dalla Svizzera fondato nel 2015. Lo stile resta lo stesso dell’omonimo album di debutto Burning Witches, ovverosia, un heavy che prende apertamente ispirazione dai vari Iron Maiden, Judas Priest, Dio o meglio per restare nel mondo femminile a Doro

Beast in Black - Berserkerr
Le danze sono aperte con la traccia omonima, cavallo di battaglia dell’ensamble sulla scia di nomi ben più famosi, in cui le affinità con realtà quali i Powerwolf sono evidentissime e la qualità compositiva sotto gli occhi di tutti. Non serve fare una rassegna di ogni brano poiché le similitudini tra essi non si contano, importante comunque segnalare le abilità della coppia Kabanen-Heikkinen alle sei corde nel disegnare ritmiche solide e assoli interessanti

THRASH/GROOVE
Condor - Condor
La band nasce nel 2009 come terzetto, formato dal bassista e cantante Christoffer Bråthen, dal chitarrista Magnus Garathun e dal batterista Herman Holen, registrando l’anno successivo il demo Facing the First Winter, seguito da un EP, Speedwagon (2011), preludio all’esordio sulla lunga distanza. L’omonimo Condor (2013), inciso con la Demonhood, risulta un tripudio di marciume, a cominciare già dalla straordinaria e minimale copertina, raffigurante un condor in bianco e nero, che sembra disegnato a mano, con tanto di croce rovesciata al centro della testa.

Fabolous Desaster - Off With Their Heads
Le band più underground invece riescono ancora in qualche maniera a rendere il thrash per quello che è. Ovvero un genere abrasivo, violento, sporco ed energico. E’ questo il caso dei Fabolous Desaster, band che ormai ha nove anni sulle spalle dall’uscita del loro primo EP (When the Silence So Loud). Band tedesca ma con forte ispirazione alla Bay Area (in particolar modo agli Exodus, ma questo lo si poteva già dedurre dal nome della band), la quale propone un thrash al fulmicotone duro e puro.

Bio-Cancer - Tormenting the Innocent
Tormenting the Innocent esce il 23 febbraio 2015 per la Candlelight Records, proponendo nove tracce per un totale di quasi quaranta minuti di musica e brani tutti sopra ai quattro minuti, con la sola importante eccezione della rasoiata Haters Gonna … Suffer!, consumata in appena novanta secondi. A rimanere impresso, in particolar modo, è l’indiavolato screaming di Lefteris, a declamare testi a tinte horror, come testimoniano già titoli quali Obligated to Incest e Chemical Castration.

Murder Inc. - Umlcen Naveky
Umlcen Naveky, traducibile pressappoco come “eterno silenzio”, viene pubblicato il 9 febbraio 2018 e quindi distribuito un mese dopo in CD e vinile in edizione limitata dalla Support Underground. Dieci tracce per trenta minuti e spiccioli ben orchestrati e ben suonati, in cui troviamo dentro di tutto, dai riff marci alla Kreator prima maniera di Rozsudek Padl ai virtuosismi di Na Kusy Roztrhán e Smrtihlav, sempre conditi da linee vocali aggressive.

Revocation - The Outer Ones
Stilisticamente si continua senza indugi nel solco del technical thrash/death che ha caratterizzato il sound anche dei precedenti lavori in studio della band. La qualità tecnica è ineccepibile, merito in primo luogo di Davidson, cui sono affidati anche la maggior parte degli assolo. I testi, firmati dallo stesso Davidson, ci conducono, di pari passo con la musica, attraverso un viaggio cosmico alle origini del Male.

Five Finger Death Punch - American Capitalist
Capitalista americano. Non poteva esserci titolo migliore per il terzo album dei Five Finger Death Punch. I Cinque cow-boy sono l’incarnazione stessa dell’hybris consumista americana, come esplicitato dalla copertina dell’album, che ci sbatte in faccia Lamborghini e tette al silicone. È proprio con il qui presente terzo album che il quintetto di Las Vegas (la città più esagerata degli USA, e non è un caso) forgia l’immagine da Real American Heroes che oggi lo contraddistingue.

Five Finger Death Punch - War is the Answer
Quello che però troviamo all'interno dei solchi di War is the Answer è un insieme di brani che centrano l'obbiettivo, molto più del suo predecessore e soprattutto di quanto arriverà in futuro. Ivan Moody dimostra di trovarsi a proprio agio sia nei pezzi dal maggior tiro nei quali si cimenta nel growling, che nel cantato pulito usato per i mid tempo e le ballad. La potenza sonora è assicurata da una sezione ritmica debitamente efficace

Reek - Necrogenesis
Da un punto di vista stilistico, la band prosegue nel solco tracciato dal precedente Ep, ovvero quello di un technical thrash di ottima fattura, grazie alla perizia degli interpreti in questione, López in testa, insaporito da sfuriate più classiche e ancorate alla tradizione. Quarantasei minuti di musica, suddivisa in nove tracce, di cui ben tre interamente strumentali e una lunghezza media dei brani oltre i quattro minuti, con la corposa eccezione della chiusura, la suite Scions of the Void, che sfiora i dodici.

Antichrist - Forbidden World
L’album, prodotto dalla High Roller Records e distribuito a partire dal settembre del 2011, si compone di dieci tracce per un totale di poco più di quaranta minuti di musica, durante i quali riff marci, atmosfere cupe e screaming indiavolato la fanno da padroni senza ammissione di repliche, con gli assolo lampo di Forslund a impreziosire il tutto. Quello che differenzia però gli Antichrist dai propri riferimenti è la capacità di condire il prodotto con una propensione melodica che manca ad altri gruppi della scena

SLUDGE/STONER
Godwatt - L’Ultimo Sole
La nuova veste data alle composizioni, con il passaggio ad una dimensione ufficiale, le rende infatti assolutamente degne dell’attenzione di tutti gli appassionati di questa proposta a cavallo tra lo Sludge/Stoner e il Doom. Saccheggiando a piene mani dagli anni 70 e dalla lezione di gruppi che vanno dai Monster Magnet ai Kyuss, passando per Spiritual Beggars e Candlemass ed impreziosendo tutto con testi in italiano, i Godwatt mettono insieme un disco che magari non sconvolge ma si fa ascoltare certamente con piacere.

ROVENTE COME L'ESTATE
Letto? Bene. Con questa tornata si chiude convenzionalmente anche la nostra Primavera metallica anche se, come è del tutto evidente e come abbiamo già accennato, l'estate è già iniziata da un pezzo. Potete quindi approfittare per leggere le nostre recensioni fino in fondo ed ascoltare i dischi segnalati. Magari nel fresco della vostra stanza col condizionatore a palla ed un bel succo di mirtillo e mango, oppure mentre vi spostate inmacchina insieme alla zia ed alla nonna per raggiungere il mare. L'importante è che l'estate che vi apprestate a vivere sia rovente anche musicalmente. Alla prossima.



Rob Fleming
Domenica 30 Giugno 2019, 10.45.02
1
Complice la stupenda "Back on blue" con i vari ospiti (Kenny W.S. rules!) ho scoperto i 5FDP. Così ho preso la raccolta Decade of Destruction. Per me sono veramente validi: melodici, aggressivi, ruffiani e commerciali. Molte cover e tante strizzatine d'occhi alle classifiche. Però sono un bell'ascoltare
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Fabolous Desaster - Off With Their Heads
Clicca per ingrandire
Five Finger Death Punch - American Capitalist
Clicca per ingrandire
Five Finger Death Punch - War is the Answer
Clicca per ingrandire
Murder Inc. - Umlcen Naveky
Clicca per ingrandire
Reek - Necrogenesis
Clicca per ingrandire
Revocation - The Outer Ones
ARTICOLI
30/06/2019
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 34 - Beast in Black, Bio-Cancer, Five Finger Death Punch, Antichrist, Revocation, Godwatt e tanta altra bella e rilassante musica estiva
01/04/2019
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 33 - Halford, Negacy, Prophilax, Gama Bomb, Kingcrow, Acid, Godwatt, Necrophobic ed altre storie in musica
31/12/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 32 - Plini, The Ocean, Heroes del Silencio, Calvary, Death SS, Strana Officina, Folkstone, ma anche...
30/09/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 31 - Greta Van Fleet, Little Caesar, The Night Flight Orchestra, The Black Dahlia Murder, Marilyn Manson e....
30/06/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 30 - Letture per l'estate
31/03/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 29 - Metallica, Pink Floyd, Sanctuary, Ten, Anvil, Power Trip, Havok e tanto altro
31/12/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 28 - Judas Priest, Halestorm, Rival Sons, TT Quick, Goatsodomizers, Lords of Black e tante altre band molto natalizie.
29/09/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 27 - Aerosmith, Genesis, DragonForce, Destroyer 666, NitroVolt, Serpent Ritual e molte altre chicche
30/06/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 26 - The Cult, Megadeth, Hypersonic, Firewind, Helmet, Destroyer 666, Hour of Penance, ma anche...
31/03/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 25 - Silverhead, Galneyrus, Glenn Tipton, Mark Boals, Silvertide, Slade, Twilight Force, ma anche...
31/12/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 24 - Iron Maiden, Rhapsody, Jorn, Exodus, Nasty Savage and many others
30/09/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 23 - Baroness, Godsmack, Volbeat, Ensiferum, Five Finger Death Punch, Sick of it All, Darkthrone, HammerFall e varia umanità.
02/07/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 22 - Def Leppard, Megadeth, Circle II Circle, Iron Maiden, Discharge and many more...
30/03/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 21 - Rainbow, Venom, Van Halen, Megadeth, Grave Digger e...
02/01/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 20 - Savage Grace, Mekong Delta, Halestorm, Domine, Ron Jarzombek, Tad Morose, English Dogs e...
03/10/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 19 - Iron Maiden, Grave Digger, Domine, Amassado, Sleepy Hollow, Marillion...
30/06/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 18 - Morgana Lefay, Axxis, Uli Jon Roth, White Skull, Aborted Fetus e poi...
28/03/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 17 - Gama Bomb, Chastain, Battleaxe, Omen, Pink Cream 69....
27/12/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 16 - Place Vendome, Stryper, Helstar, Shrapnel, Solefald e..
13/09/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 15 - Mercyful Fate, Omen, Exxplorer, Shah, HammerFall, Y&T.....
09/06/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 14 - Rainbow, Pretty Maids, Jorn, Trouble, Raven, Iron Maiden.....
09/03/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 13 - Scorpions, Oliva, Bon Jovi, Megadeth, Grinder e...
18/12/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 12 - Ayreon, Heretic, Hellion, Icon, Vendetta e.....
25/08/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 11 - Royal Hunt, Paradox, Saigon Kick, Malice e......
23/04/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 10 - Dust, The Parlor Mob, Heritage, Abattoir, Clientelle, Graveyard ed altre strane genti.
22/01/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 9 - Corpus, Voivod, Benedictum, Arwen, Isengard, Watchtower e tanti altri
08/10/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 8 - Baton Rouge, Crisis, Endovein, Primal Scream, Vektor, Mad Poltergeist ed altro ancora...
06/07/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 7 - Dark Age, Liege Lord, Marshall Law, Vanir, Waylander e molti altri ancora....
20/03/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 6 - Oz, Dust, Lamb Of God, Deftones, Draugr, Suidakra ed altri ancora...
31/12/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 5 - Oral, Kurnalcool, Believer, Drapsnatt e molti altri ancora...
07/10/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 4 - Samson, Avenger, Laaz Rockit, Nuclear Assault, The Darkness...
27/06/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 3 - Ill NIno, Budgie, Warhorse, Nuclear Assault, Vio-Lence e molti altri...
30/04/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 2 - Balrog, Death Mechanism, Hatred, Fozzy, Living Death e molto altro...
20/07/2009
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 1 - Dai Rush a Satriani, passando per Sepultura, Sentenced e tanti altri...
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]