Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
MYSTERY BLUE
8red

20/09/19
MONOLORD
No Comfort

20/09/19
KADAVAR
For the Dead Travel Fast

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
KOBRA AND THE LOTUS
Evolution

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

CRYPTIC WRITINGS - # 76 - 1916 - Motorhead
17/08/2019 (579 letture)
La guerra è uno degli argomenti più tipici delle narrazioni heavy metal. C’è chi, come gli svedesi Sabaton o come gli inglesi Bolt Thrower, ne ha fatto anzi l’argomento principale delle proprie discografie. C’è chi ne ha parlato in maniera eroica, chi storica, chi ricorrendo alle metafore del fantasy. Anche per i Motorhead si tratta di un argomento noto e diffusamente trattato, perfino nell’iconografia stessa della band, infatti, ci sono richiami evidenti a mostrine, medaglie e oggetti legati alla guerra. Ma in 1916, gli inglesi hanno dato una delle letture più forti, potenti e struggenti in assoluto di questo terribile evento. Vediamo assieme il testo di questo splendido brano…

LA BATTAGLIA DELLA SOMME
Con questo riferimento geografico al fiume Somme, che scorre in Piccardia, nel nord della Francia, si identifica una delle battaglie più cruente e sanguinose combattute sul Fronte Occidentale durante la Prima Guerra Mondiale, tra le forze Alleate e l’esercito tedesco. Il presupposto della battaglia fu la grande offensiva che il generale Erich Von Falkenhayn scagliò contro la fortezza di Verdun nel febbraio del 1916. Lo scopo di questo feroce ed enorme attacco era dichiaratamente quello di costringere l’esercito francese ad una strenua difesa della "mistica Verdun", nella corretta percezione che lo Stato Maggiore non avrebbe mai permesso una sconfitta in quel luogo fortemente simbolico. L’idea era quindi quella di prosciugare di mezzi e uomini i francesi, in una soffocante pressione continua, che durò per dieci mesi portando come risultato una delle più grandi carneficine della Storia, che resta a tutt’oggi la battaglia col maggior numero di morti per metro quadrato. Il Comandante francese, generale Joseph Joffre, già nel mese di aprile propose all’alleato inglese una manovra che, partendo appunto dal fronte del fiume Somme, avrebbe dovuto costringere l’esercito tedesco ad allentare la presa su Verdun, schiantando letteralmente il fronte nemico e costringendolo quindi alla definitiva ritirata, mentre era impegnato contestualmente su Verdun e, dall’altro lato, da una offensiva russa coordinata. Purtroppo, la strategia non tenne nel giusto conto l’impreparazione del corpo d’armata britannico in Francia: l’appena nominato Comandante Sir Douglas Haig, infatti, pur condividendo la strategia dell’alleato, non conveniva su altre operazioni secondarie di preparazione e questo rallentò il via alle operazioni, tanto che la pressione tedesca su Verdun e l’enorme costo in vite umane che questa stava portando, obbligò i francesi a ridurre grandemente il loro apporto all’offensiva di Somme, lasciando di fatto gli inglesi col compito di coprire da soli 40 Km del fronte di 60, inizialmente previsto. Per soddisfare le necessità militari, il Ministro della Guerra inglese, Sir Horatio Kitchener, ricorse ad una fortissima campagna di reclutamento volontari, formando i cosiddetti “Pals Battalions” (Battaglioni di amici), che furono addestrati e messi alla prova proprio nella Battaglia della Somme. Gli iconici manifesti della campagna di reclutamento restano scolpiti nella memoria collettiva inglese e mondiale e li ritroveremo addirittura nella copertina di Call to Arms dei Saxon.
La preparazione alla battaglia fu imponente: gli alleati impiegarono oltre 3000 cannoni e obici che spararono oltre 1 milione e settecentomila granate e dieci tunnel contenenti fino a 20 tonnellate di esplosivo, da far brillare alla partenza dell’attacco della fanteria alleata. I preparativi fecero però del tutto svanire l’effetto sorpresa dell’attacco e i tedeschi ebbero tutto il tempo di prepararsi all’offensiva inglese (mentre non si aspettavano affatto quella congiunta francese, che fu organizzata in maniera meno evidente e da personale esperto), gestendo peraltro il terreno in maniera migliore, quindi garantendosi sempre una posizione sopraelevata rispetto agli attaccanti. L’effetto dell’imponente bombardamento, il più grande della Storia moderna e corredato anche dall’uso massiccio di armi chimiche, fu comunque notevolissimo, non fosse che l’attacco, inizialmente previsto per il 29 giugno, fu posticipato per motivi metereologici al 1° luglio, col risultato che le truppe inglese, ammassate nelle strette trincee, subirono a loro volta gli effetti delle continue esplosioni, durate giorni.
Alle ore 7 del 1° luglio, partì l’offensiva inglese e congiuntamente quella francese: l’assoluta impreparazione della “Armata di Kitchener”, unita alla scarsità dei collegamenti, alla folle decisione di far avanzare le truppe in gruppi compatti e tutte assieme, col risultato di offrire una muraglia di bersagli ordinati al nemico, sortì degli effetti catastrofici per gli attaccanti, che già il primo giorno persero tra vittime, dispersi e prigionieri, quasi 60mila uomini. Le divisioni britanniche, composte ciascuna di 10mila uomini, furono decimate dal tiro dei difensori: i tedeschi, ammassati nei tunnel sotterranei, avevano risentito minimamente dell’impressionante bombardamento e accolsero gli attaccanti con un fuoco serrato che, di fatto, azzerò l’impatto frontale dell’avanzata. La mancanza di comunicazioni e il fragore delle esplosioni, impedì al comando britannico di avere la minima idea di come stessero andando effettivamente le cose sul fronte e di quella che si stava delineando come una carneficina senza alcun risultato positivo. Anche laddove i britannici riuscirono effettivamente a sfondare le linee nemiche, si ritrovarono soli e accerchiati, lasciando peraltro numerose sacche di resistenti e nidi di mitragliatrici armati, che falcidiarono le seconde linee, nelle quali le perdite furono anche più sanguinose, impedendo alle avanguardie di ottenere rinforzi, viveri e armi e costringendole quindi a ripiegare quasi subito. Molto meglio andò sul lato francese, dove i tedeschi furono in effetti presi di sorpresa ed ebbero notevolissime perdite, rispetto a quelle degli attaccanti. Purtroppo, questo non bastò a modificare il risultato del primo nefasto giorno di battaglia e la grande offensiva divenne a sua volta una logorante guerra di trincea e di stallo, che si concluderà solo mesi più tardi, con l’impiego anche dei primissimi carri armati da parte degli inglesi, che comunque non sortirono alcun effetto di rilievo sul risultato finale.
Le conquiste territoriali alla fine dell’offensiva, il 19 novembre 1916, furono a dir poco irrilevanti: si parla di 8 Km di territorio riconquistato dagli Alleati, ma le perdite sui due fronti furono inimmaginabili. Solo dopo mesi si riuscì ad avere un’idea effettiva del costo della Battaglia della Somme e per molto tempo i dati furono contestati: ad oggi, si può dire con relativa certezza che gli Alleati persero 620mila soldati, mentre per i tedeschi si parla di circa 480mila. Tatticamente parlando, la Battaglia della Somme fu quindi un totale disastro per le truppe anglo-francesi, ma strategicamente l’obbiettivo fu raggiunto: la caparbia e continua offensiva britannica costrinse i tedeschi a spostare mezzi e uomini da Verdun, che in quello stesso novembre fu definitivamente lasciata, anche lei con il suo impressionante record di morte. La propaganda bellica ottenne poi la mobilitazione dell’intero Impero Britannico e il Corpo d’Armata in Francia arrivò a mobilitare oltre un milione e mezzo di uomini. L’esercito tedesco, invece, a sua volta prosciugato dallo scontro, non poteva contare su nuovi rincalzi e, da qui in avanti, la sua diventerà una guerra di sola difesa, con l’impossibilità di portare a termine la conquista della Francia. I britannici presero di conseguenza il comando delle operazioni, finchè la disperata reazione tedesca, affidata agli attacchi indiscriminati dei sommergibili, portò all’ingresso nella Guerra anche degli Stati Uniti.
Si tratta insomma, di un episodio fondamentale della Prima Guerra Mondiale, la Grande Guerra, il più tremendo e logorante teatro di battaglia a memoria d’uomo.

1916
La mente umana non riesce a concepire un numero come un milione e centomila morti, per conquistare una striscia di terra di 8 Km. E’ impossibile farsi una ragione di tanta morte e sofferenza. Per questo, fin troppo spesso, i numeri non riescono a parlare, a comunicare davvero l’orrore che sembrano rendere evidente e che invece finiscono per nascondere, dietro una logica contabile. E’ per questo che la letteratura ha invece potuto e saputo raccontare con molta più profondità ed emozione le vicende che solo un secolo fa hanno visto il Mondo sprofondare nella più sanguinosa guerra di tutti i tempi. Almeno fino alla Seconda. Assieme alla letteratura, sarà naturalmente anche il cinema a raccontare le proprie storie e non poteva essere da meno la musica. 1916 è la canzone che dà il titolo al nono album dei Motorhead, leggenda del rock britannico, uscito il 26 febbraio 1991, con la gloriosa formazione a quattro, che vedeva assieme al leader Ian “Lemmy” Kilmister, il rientrante Phil “Philty Animal” Taylor alla batteria e le due chitarre di Michael “Wurzel” Burston e Phil Campbell. Si tratta di uno tra gli album più belli ed importanti nella discografia della band inglese e, sicuramente, uno dei più "coraggiosi", se vogliamo, con brani che furono innovativi rispetto alla tradizionale scrittura dei Motorhead, come la ballata Love Me or Leave Me e appunto la titletrack. Peraltro, già la bella copertina, che mostra alcune delle bandiere delle nazioni coinvolte nella Prima Guerra Mondiale, rovinate dalle bombe e dagli scoppi e avvolte dal fino spinato, aiuta a cogliere l'atmosfera del brano. Ironicamente visto il tema della titletrack, per un errore, la bandiera francese, quelle bulgara, russa, serba e portoghese, non furono rappresentate.
Il brano è un unicum nell’intera discografia dei Motorhead, che si caratterizza per tempi molto veloci e per la commistione di punk/hardcore ed heavy metal primigenio, che Lemmy continuerà giustamente a chiamare rock’n’roll fino all’ultimo giorno. 1916, scritta peraltro in solitaria da Kilmister, è invece una traccia lenta e gelida, scandita dalla batteria che detta un tempo chiaramente militare, da un organo e da archi e corni campionati, sui quali il musicista scandisce una melodia struggente, dando fondo alle proprie capacità d’interprete, lasciando una impressione profonda e significativa. Un’impressione che peraltro non lascia dubbi sulla profondità del rifiuto della guerra da parte del leader dei Motorhead, spesso al centro di polemiche per il proprio esibito interesse per l’iconografia militare, in particolare per quella tedesca, proprio della Prima Guerra Mondiale. Qua non c’è niente della “cavalcata gloriosa” di una The Trooper, non c’è trionfo, non c’è gloria, non ci sono allori. Fin dalla prima nota, il brano è un epitaffio, una mesta e dolorosa narrazione.
Il canto è quello di uno dei ragazzi della “Armata di Kitchener”, uno dei misteriosi protagonisti della Battaglia della Somme, arruolatosi come volontario per orgoglio e desiderio di difendere la propria Patria ed il suo onore militare e destinato alla morte nel fango nel primo terrificante giorno di battaglia:

Sixteen years old when I went to the war,
To fight for a land fit for heroes,
God on my side, and a gun in my hand,
Chasing my days down to zero,
And I marched and I fought and I bled and I died,
And I never did get any older,
But I knew at the time that a year in the line,
Was a long enough life for a soldier,


Sedici anni quando sono partito per la guerra,
Per combattere per una Terra degna solo di eroi,
Dio al mio fianco e un fucile nella mia mano,
Inseguendo i giorni che mancavano fino allo zero,
E marciai e combattei e sanguinai e sono morto,
E non sono mai diventato vecchio,
Ma ho imparato in quel momento che un anno sul fronte,
E’ una vita lunga abbastanza per un soldato


C’è da credere che furono tanti all’inizio i volontari che si iscrissero nelle liste di collocamento, quasi cinquecentomila risposero all’appello di Sir Horatio Kitchener e dopo un addestramento sommario finirono subito in guerra, carne da macello per rinforzare le file dei veterani che componevano inizialmente i 160mila del Corpo d’Armata Inglese in Francia. La dura consapevolezza della realtà della guerra di trincea scava immediatamente gli iniziali ardori retorici, sbattendo la crudezza e l’inutilità della morte dei soldati, alla conquista di un pezzo di terra che il giorno dopo viene riconquistato dal nemico.

We all volunteered, and we wrote down our names,
And we added two years to our ages,
Eager for life and ahead of the game,
Ready for history's pages,
And we brawled and we fought and we whored 'til we stood,
Ten thousand shoulder to shoulder,
A thirst for the Hun, we were food for the gun,
And that's what you are when you're soldiers,


Andammo tutti volontari e scrivemmo i nostri nomi,
Aggiungendo due anni alle nostre età,
Affamati di vita e avanti rispetto agli eventi,
Pronti per le pagine di Storia,
E rischiammo e combattemmo e ci prostituimmo finché rimanemmo immobili,
Diecimila, spalla contro spalla,
Affamati di crucchi, eravamo invece cibo per le mitragliatrici,
Ed è questo che sei, quando sei un soldato.


Così i “Pals Battalions”, battaglioni composti da soldati provenienti dalle stesse città e dagli stessi quartieri, che andavano ad ingrossare le divisioni di diecimila uomini lanciati contro le linee tedesche a corsa, avrebbero dovuto trovarsi di fronte un nemico indebolito e messo in ginocchio dai tremendi bombardamenti di preparazione e dall’esplosione dei tunnel di dinamite. In verità, i tunnel sotterranei avevano permesso ai tedeschi di non subire particolari perdite e la totale mancanza di effetto sorpresa, così come lo sbandamento delle inesperte linee offensive inglesi, al di là del comprensibile scoramento psicologico causato dalle continue esplosioni, permise di fatto ai difensori un fuoco di sbarramento mortale che decimò le file delle divisioni inglesi, preparando la strage del primo giorno di battaglia.

I heard my friend cry, and he sank to his knees,
Coughing blood as he screamed for his mother,
And I fell by his side, and that's how we died,
Clinging like kids to each other,
And I lay in the mud and the guts and the blood,
And I wept as his body grew colder,
And I called for my mother and she never came,
Though it wasn't my fault and I wasn't to blame,
The day not half over and ten thousand slain,
And now there's nobody remembers our names
And that's how it is for a soldier


Sentii il mio amico piangere e cadde sulle sue ginocchia,
Tossendo sangue mentre chiamava urlando la madre,
E caddi al suo fianco ed è così che morimmo,
Abbracciandoci l’un l’altro come bambini,
E giacqui nel fango e nelle budella e nel sangue,
E piansi mentre il suo corpo si raffreddava,
E chiamai mia madre, ma lei non arrivò mai,
Anche se non era colpa mia e non ero certo io da biasimare,
Il giorno non era passato neanche per metà e già diecimila furono sterminati,
E ora non c’è nessuno che ricorda i nostri nomi
Ed è così che va per un soldato.


Inutile aggiungere commenti all’ultima parte del brano, se non per notare come il "Dio al proprio fianco" orgogliosamente nominato alla partenza dei volontari, non sia poi invocato nel momento della morte, nel quale lascia il posto alla madre dei soldati morenti. Tutta la retorica della guerra e della Patria, lascia qua posto all’orrore della morte, ancora più terribile perché non è la propria ad arrivare per prima, ma quella di un amico, abbracciato a te, finché non è il silenzio e la consapevolezza che nessuno ricorderà il sacrificio di questi ragazzi, partiti come volontari pieni di sogni di gloria, finiti nel fango, piangendo se stessi e la propria gioventù mandata al massacro.



HIRAX
Sabato 14 Settembre 2019, 9.12.08
7
Grande articolo, testo da brividi... Motorhead forever
HeroOfSand_14
Mercoledì 21 Agosto 2019, 13.29.29
6
Bell'articolo Saverio, pur non essendo amante dei Motorhead devo dire che 1916 è uno di quei brani che mi hanno sempre colpito della band, emozionante e, a quanto vedo, scritto veramente alla grande.
Cristiano Elros
Lunedì 19 Agosto 2019, 22.40.19
5
Bell'articolo per uno dei miei pezzi preferiti dei Motorhead, un unicum davvero, con un testo che dice praticamente tutto. Sì, sarebbe da studiare a scuola.
Replica Van Pelt
Lunedì 19 Agosto 2019, 20.22.38
4
C'è poco da dire o da commentare,questo pezzo sarebbe da studiare a scuola (piaccia o meno la musica rock),peccato perchè si dimenticherà tutto e non ci sarà più una "storia" ,ma solo gente instupidita dalla modernità e dal progresso.ciao Lemmy,tramanderò questa storia comunque vada.
Fabio Rasta
Lunedì 19 Agosto 2019, 15.15.01
3
Morire x biechi interessi di ignobili politicanti, condotti al proprio destino da incompetenti cialtroni arroganti, in maniera così atroce e toccante come ben descritto nell'ultima strofa... Canzoni contro la guerra ce ne sono state tantissime, da Blowin' In The Wind e Masters Of War a Mandatory Suicide (quest'ultima trattata in questa stessa rubrica). Ma questa dei MOTÖRHEAD andrebbe maggiormente ricordata. E non xchè io stravedo per loro, ma xchè nel + puro stile LEMMY, va dritta al sodo e ti catapulta come d'improvviso nella carneficina di corpi maciullati, urla strazianti, esplosioni assordanti, morti inutili. La realtà della guerra senza retoriche all'americana. Struggente come poche. In quello stesso LP, LEMMY scrisse anche di un argomento all'epoca poco di moda ma sempre molto scottante, ovvero l'abuso sui minori (Love Me Forever). Se non ricordo male la scrisse x farla cantare a DORO. LEMMY raccontò che il nonno di un fan pianse dopo aver ascoltato 1916, e disse sentitamente che questa x lui era una enorme ricompensa. Non il grammy.
Aceshigh
Lunedì 19 Agosto 2019, 14.06.15
2
Bellissimo articolo. 1916 rimane una delle canzoni più toccanti di tutto l’heavy. Come giustamente detto, stilisticamente un unicum nella discografia dei Motorhead, la musica si sposa perfettamente col bellissimo testo scritto da Lemmy, che è sempre stato a mio avviso un formidabile paroliere. 1916, groppo in gola tutte le volte...
Rob Fleming
Lunedì 19 Agosto 2019, 11.38.26
1
Bellissimo e terribile articolo che mi ha lasciato un'autetica sensazione di disagio. La stessa che provai quando ascoltai la canzone la prima volta. Uno dei vertici dei Motorhead.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina Cryptic Writings # 76
Clicca per ingrandire
Copertina di "1916"
Clicca per ingrandire
Il "London Opinion" con l'appello di Kitchener
Clicca per ingrandire
Manifesto per il reclutamento dei volontari
Clicca per ingrandire
La copertina di "Call to Arms" dei Saxon
ARTICOLI
12/09/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 78 – Crazy Train – Ozzy Osbourne
26/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 77 - The Great Escape - Seventh Wonder
17/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 76 - 1916 - Motorhead
08/03/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#75 – Nemoralia – Ulver
25/12/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 74 - Red - Ten
16/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 73 - Ghosts Along the Mississippi – DOWN
04/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 72 - The Night Before - Riverside
17/08/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 71 - Guyana (Cult of the Damned) - Manowar
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]