Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
MYSTERY BLUE
8red

20/09/19
MONOLORD
No Comfort

20/09/19
KADAVAR
For the Dead Travel Fast

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
KOBRA AND THE LOTUS
Evolution

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

CRYPTIC WRITINGS - # 77 - The Great Escape - Seventh Wonder
26/08/2019 (489 letture)
La fine dell'umanità, la straziante storia di come potrebbe concludersi la grande fuga della popolazione terrestre alla ricerca di un nuovo pianeta abitabile. I Seventh Wonder ci raccontano la vicenda in maniera eccezionale, come nessuno ha mai fatto. Tutti noi dovremmo riascoltare questo brano e imparare dalle loro parole.

Molte volte, alzando gli occhi al cielo, ci siamo chiesti se ci sia la possibilità di fuggire dal nostro pianeta per esplorare nuovi mondi nei quali sia ipotizzabile accogliere il genere umano. Tentativi ne sono stati fatti, la ricerca di nuove "Terre" abitabili è un tema di attualità, ma i più avvezzi all'astrofisica sapranno che una meta a pochi anni luce di distanza non è raggiungibile da un essere umano, né da una sonda interstellare, né da qualsiasi altro corpo dotato di massa; l'esperimento dei neutrini insegna. Quindi perché continuiamo ad alzare gli occhi al cielo? C'è grande fascino nel firmamento e, oltre a questo, quando lo sguardo torna sulla Terra la vista non è confortante. Disastri ambientali, cambiamenti climatici irreversibili con incendi che arrivano addirittura a devastare il freddo Alaska. Certamente non un quadro idilliaco, tanto da far ipotizzare una situazione catastrofica imminente, nell'arco di qualche decina d'anni. Ecco quindi cosa ci spinge all'esplorazione, alla ricerca di nuove soluzioni per risolvere un problema che affligge il pianeta da circa due milioni di anni, ovvero l'essere umano. Nel 1956 lo scrittore e premio nobel svedese Harry Martinson scrisse un poema fantascientifico dai connotati epici intitolato Aniara. Il termine fantascientifico, in realtà, non è del tutto esatto, perché il tema è di attualità ed è reale. Sicuramente quest'opera deve aver segnato notevolmente i connazionali Seventh Wonder che nel 2010 decidono di comporre un album -anzi la sua title track, ad essere precisi- dedicato al poema. La canzone in questione, della mastodontica durata di trenta minuti e quattordici secondi, è la più lunga della loro carriera e si suddivide in tredici parti identificabili come veri e propri capitoli. La suddivisione ci aiuta a sviscerare meglio la storia e ad apprezzarne il contenuto, mentre i titoli ci danno una mano nella comprensione del testo. Lo sforzo incredibile del quintetto svedese nella realizzazione di questo ambizioso lavoro non ha mai ricevuto i meritati consensi. Certo, di suite elaborate ce ne sono molte, su tutte The Divine Wings Of Tragedy dei Symphony X, dalla quale i Seventh Wonder hanno preso in prestito le sonorità, ma nessuna di esse raggiunge la complessità e la tensione narrativa di questo assoluto capolavoro scelto per l'articolo.

Un incipit particolare per dare il via alla narrazione: madre Terra, in lacrime, si prepara a dare l'addio alle sue creature, gli esseri umani, che per innumerevoli anni hanno solcato quei terreni. La dolcissima voce di Tommy Karevik impersona questo ruolo, coadiuvata dall'accompagnamento di chitarra acustica di Johan Liefvendahl. L'addio è straziante e le parole dovrebbero far riflettere tutti noi, oggi più che mai:

I. ...And The Earth Wept

I tuck you in ever so gently
Still you cried and turned from me
You stepped on my heart
I forgave you just like mothers do
From under your shoes I still carried you

Soon my body will burn into ashes and dust
And rain will turn all that glitters to rust
One last pill for the pain
Sit down, let me explain

Why my bruises stay
My child, I know you never meant to
These scars just won't fade away
And I'm sure you never knew

I give up, I give in
Help December let a new year begin
Take what's left and move on
Fly away
Be gone


I. ...E la Terra pianse

Ti rimboccavo dolcemente le coperte
Eppure hai pianto e sei scappato via da me
Hai calpestato il mio cuore
Ti ho perdonato come fanno le madri
Ho continuato a portarti da sotto le scarpe

Presto il mio corpo brucerà e sarà cenere e polvere
E la pioggia farà arrugginire tutto ciò che luccica
Un'ultima pillola per il dolore
Siediti, lascia che ti spieghi

Perché i miei lividi perdurano
Figlio mio, so che non era tua intenzione
Queste cicatrici non svaniranno
E sono sicura che tu non l'hai mai saputo

Basta, mi arrendo
Aiuta dicembre a far iniziare un nuovo anno
Prendi ciò che resta e va' avanti
Vola lontano
Vai via


La seconda parte è la strumentale A Poisoned Land, una landa avvelenata, ciò che l'umanità si lascia alle spalle a causa del suo modo di vivere, facendo letteralmente terra bruciata del proprio habitat. La voce si fa da parte e lascia spazio alla magistrale abilità dei quattro musicisti. Come in ogni viaggio i protagonisti sono chiamati a fare le valigie e a dare l'addio alle loro case e ai luoghi nei quali hanno messo le radici, per prepararsi a non rimettere mai più piede sulla Terra. La destinazione è un nuovo pianeta abitabile a bordo dell'astronave Aniara, responsabile di preservare il genere umano nel viaggio interstellare. Ecco che il terzo capitolo Leaving Home comincia con un ritrovato spirito di positività, la malinconia lascia spazio alla speranza e questo è udibile già dalle prime parole:

III. Leaving Home

The morrow winds blow and herald a time
When man will be damned for all his crime
We all were too bold, now we all can see
How the lifegiver's bleeding to death before me

I am packing my bags, I'm waiting in line
This tragedy forces us away from this land
As I board this creature of steel
I kiss her goodbye, give her time to heal


III. Via da casa

I venti del domani soffiano e preannunciano un tempo
In cui gli uomini saranno condannati per i loro crimini
Eravamo tutti troppo sfrontati, ora riusciamo a vedere
Colei che ci ha donato la vita sanguinare a morte davanti a me

Sto facendo le valigie, sto aspettando in coda
Questa tragedia ci obbliga ad andarcene da questo mondo
Mentre mi imbarco su questa creatura d'acciaio
Le do un bacio d'addio, le do tempo per guarire


Certo la consapevolezza si fa ora pesante nella coscienza degli umani, eravamo tutti troppo sfacciati, sfrontati, quasi deliranti di onnipotenza, ci sentivamo invincibili, eppure ora è tutto così evidente: abbiamo ucciso la Terra ed essa sanguina proprio davanti a noi. Come diceva Nietzsche? "Come ci consoleremo noi, gli assassini di tutti gli assassini? Quanto di più sacro e di più possente il mondo possedeva fino ad oggi, si è dissanguato sotto i nostri coltelli; chi detergerà da noi questo sangue? Con quale acqua potremo noi lavarci? Quali riti espiatori, quali giochi sacri dovremo noi inventare? Non è troppo grande, per noi, la grandezza di questa azione? Non dobbiamo noi stessi diventare dèi, per apparire almeno degni di essa? (Friedrich Nietzsche, 'Aforisma 125, La Gaia Scienza')". È il momento di andare. Imbarcandosi su questa ''creatura d'acciaio" l'uomo dà il definitivo addio al suo pianeta natale, il decollo, The Takeoff, è imminente. Apprendiamo un dato molto importante: è ovvio che la futuristica Arca di Noè non potesse ospitare tutti gli esseri umani ma ci viene fornito il numero preciso, i viaggiatori sono esattamente ottomila che si dirigono verso oceani del colore della notte, che significa verso i meandri oscuri dell'universo.

…Leaving the ground we bathe in starlight
While heading for oceans of night…


…Lasciato il suolo ci immergiamo nella luce delle stelle
Mentre ci dirigiamo verso oceani di notte…


La speranza si interrompe bruscamente. Le coordinate impostate per la rotta erano chiaramente perfette, eppure un asteroide non identificato di nome Hondo sta per impattare contro la navicella e urge una brusca sterzata. La manovra costa all'equipaggio un cambio repentino di destinazione e Marte, pianeta designato per l'accoglienza del genere umano, diventa improvvisamente troppo distante. C'è malcontento, le provviste erano programmate per un viaggio di breve durata così come le risorse per sopravvivere, che non sono sufficienti per tornare indietro sulla rotta originaria. Il genere umano rischia l'estinzione, le cose volgono al peggio: A Turn For The Worst.

…A swerve to clear the Hondo stone
Now we proclaim it known
Took us off course, came too wide of Mars to turn back home
There's no turning back
Guiding units broke and cracked
We will never win this game


Una sterzata per superare l'asteroide Hondo
Ora lo diamo per noto
Ci ha portati fuori dalla rotta, e siamo troppo lontani da Marte per tornare a casa
Non ci sarà ritorno
Le unità di guida si sono guastate e rotte
Non vinceremo mai questa partita


Al decimo minuto si registra un cambio di ritmo, un piccolo e breve intermezzo di pianoforte divide le prime cinque parti dal resto. Considerando che la navicella ormai è fuori dal sistema solare senza possibilità di una marcia indietro, la navigazione nel buio dell'universo prosegue ormai da ben sei anni, senza una meta, ma con un ritrovato equilibrio: A New Balance.

…Six years down the line, we still feign dawn
And sunset, but space no light will spawn
Eternally darker


Sei anni sono trascorsi, ancora simuliamo l'alba
E il tramonto, ma lo spazio non emetterà alcuna luce
Eternamente sempre più buio


Gli astronauti sono costantemente guidati da Mima, il computer di bordo che, come una sorta di animatore robotico, li intrattiene con racconti di fantasia e non, per mantenere il bisogno e la fame d'arte insita nell'uomo. Esso, o essa, mostra loro come il punto dal quale l'astronave è partita sei anni prima sia in fiamme, lasciando presagire che l'intera Terra è probabilmente andata distrutta, dopo un ciclo vitale di ben 4,5 miliardi di anni, nel capitolo VII Death Of The Goddesses.

…Humanity, the festering cancer that
Dug her own grave


L'umanità, il cancro virulento che
Si è scavato la sua tomba


La notizia getta sconforto tra i passeggeri, la confusione, la consapevolezza e il caos prendono il sopravvento. Il basso di Andreas Blomqvist e le tastiere di Andreas Söderin ci conducono verso una breve pausa, la seconda. L'ottavo capitolo è suddiviso a sua volta in ulteriori tre parti ed è nominato The Age Of Confusion. La tensione è massima e le parole si caricano di tristezza, disperazione ed estrema malinconia.

In this deafening silence people mourn
We've cried us a river
Who knows where all laughter be?
On whom we place the blame?


In questo silenzio assordante la gente piange
Abbiamo versato fiumi di lacrime
Chi sa dove sono finite tutte le risate?
A chi possiamo dare la colpa?


Dopo la disperazione è la lussuria a prendere il sopravvento e sull'astronave gli umani cominciano a rendersi conto che la loro vita potrebbe anche terminare senza più mettere piede su un altro pianeta. Ciò li porta a consumare rapporti in malsane orge e la confusione continua a regnare sovrana. Ma d'altronde cosa faremmo noi al loro posto? Non saremmo più guidati dalla ragione, la pazzia si prenderebbe gioco di noi. E così anche le orge si dissolvono per far spazio alle riflessioni. Che ne sarà di noi ora? I connotati della melodia si incupiscono, le note si caricano di emozioni oscure.
Nell'undicesima parte, The Aftermath, fa la sua comparsa la sorella di Tommy Karevik, Jenny, già protagonista nel precedente album Mercy Falls e dotata di una voce sensazionale. Ora il più grande rammarico è quello di separarsi dalla vita senza qualcuno che possa vedere i superstiti sparire nello spazio, senza qualcuno che possa ricordarsi di loro. Un pensiero orribile, una fine senza alcun ricordo, una morte definitiva senza rimanere nel cuore dei propri cari. Lo strazio totale è ormai incontrastabile, ma la colpa, in ultima istanza, è sempre da imputare a sé stessi.

We're holding on
Within our cradle of confusion
We paint no rainbows in the dark
No one will ever see us fade away
Oh, for so long
I was the wielder of illusions
But there's no hiding what we are
We are the plague of all
(For humanity there is no cure)


Teniamo duro
Nella nostra culla di confusione
Non dipingiamo arcobaleni nel buio
Nessuno mai ci vedrà scomparire
Oh, per così a lungo
Sono stato il detentore delle illusioni
Ma non si può nascondere ciò che siamo
Siamo la peggiore delle piaghe
(Per l'umanità non c'è cura)


Ci avviciniamo alla conclusione. Dopo una voce rabbiosa a chiudere il precedente capitolo, si apre il penultimo con un ritmo meno sostenuto, più lieve, anche se il titolo Dining On Ashes non ha certo una scelta di termini molto ottimistica. Qui le parole, finemente soppesate e probabilmente prese in prestito direttamente dal poema originale, ci danno una lezione molto importante: sono passati ormai vent'anni e i peccatori, ora penitenti, pregano. Pregano un Dio assente nei meandri del buio cosmico, nella notte senza alba. Tutti pagherebbero per poter vedere la pioggia e poi l'arcobaleno sulla Terra, quel paradiso che essi stessi hanno brutalmente distrutto.

What we reap is what we sow
Naked our truth smugly glows
We leave all games behind 'cause
Twenty years to come and go
Then only did we all know
And see how wrinkled and jaded we have grown

Looking out the window
But there's nothing new
Only darkness stares at you
I would die to see the rain below the rainbow
Just like others do

We crown the skies with our tiara
The life and fate of Aniara
(We write an endless symphony)
Now thousands were weeping
And hundreds cried in dismay
Twenty years today
Repenting sinners pray


Si raccoglie ciò che si è seminato
Nuda la nostra verità risplende sprezzante
Ci lasciamo alle spalle tutti i giochi perché
Vent'anni sono passati
E solo allora abbiamo tutti capito
E visto quanto siamo diventati raggrinziti e stanchi

Guardo fuori dal vetro
Ma non c'è nulla di nuovo
Solo le tenebre ti osservano
Morirei per vedere la pioggia sotto l'arcobaleno
Proprio come fanno gli altri

Incoroniamo i cieli con la nostra tiara
La vita e il destino di Aniara
(Componiamo una sinfonia infinita)
Ora a migliaia piangevano
E a centinaia gridavano per lo sgomento
Vent'anni oggi
I peccatori pentiti pregano


Mentre le note scorrono rapide, tra virtuosismi mai eccessivi e assoli di qualità, si giunge alla conclusione del viaggio e cala il sipario sull'umanità. Siamo al tredicesimo e ultimo capitolo The Curtain Falls. All'improvviso la melodia cessa, lasciando risuonare le note solitarie del pianoforte che accompagnano la voce del frontman. Dopo anni di ascolti quest'ultima parte non riesce a lasciare indifferente, le parole pesano come macigni e arrivano dritte a scalfire all'interno. Una frase su tutte centra in pieno i sentimenti: "Ma solo la polvere cade sulle tombe di tutti noi". Immaginate dei sepolcri persi nel mezzo dell'oscurità spaziale sui quali comincia ad accumularsi la polvere dell'oblio, agghiacciante. Nel silenzio l'umanità è svanita, dopo ventiquattro anni di fuga, un'eroica corsa per la sopravvivenza verso una nuova casa. Immaginate il silenzio assordante fuori dalla navicella che va alla deriva, le persone morire, chi di fame chi di vecchiaia, al suo interno, nessuno a conservare memoria della loro esistenza. Come se il genere umano non fosse mai esistito, spazzato via dai suoi stessi peccati. Ma noi non siamo tanto lontani da questa conclusione, eppure sfacciati e sfrontati, come nel poema di Harry Martinson, continuiamo a scherzare con il fuoco. Ma prima poi ci sarà da bruciarsi, sul serio.

See, in silence we faded: our great escape
Twenty four years inside
Looking, searching our ship
For life but just dust
Falls on the graves of all

The halls of our ship now are
Void of all but death
Our lives have passed
Our hearts were broken by the endless dark
Our new paradise
The one to replace the one we burned so bad
The god we hoped for left profaned
All wounded and forlorn
On the home we scarred

Now here I stand, my dear
One heart still beats
I bid you farewell
The curtain will now descend
Somewhere in time we were living
Remember us then


Guarda, siamo svaniti nel silenzio: la nostra grande fuga
Ventiquattro anni qui dentro
Guardando, cercando nella nostra nave
La vita, ma solo polvere
Cade sulle tombe di tutti

Le stanze della nostra nave ora sono
Svuotate di tutto, eccetto della morte
Le nostre vite sono trascorse
I nostri cuori spezzati dal buio senza fine
Il nostro nuovo paradiso
Che doveva sostituire quello che avevamo bruciato così terribilmente
Il dio in cui riponevamo speranza è rimasto profanato
Completamente ferito e sconsolato
Sulla casa che abbiamo deturpato

Ora io sono qui, mia cara
Un cuore batte ancora
Ti dico addio
Ora il sipario calerà
In un qualche momento nel tempo siamo stati vivi
Ricordati di noi allora


La maestosa suite dei Seventh Wonder, tratta dal visionario poema di Harry Martinson, è un pezzo di storia della musica progressive metal. Mai racconto fu più dettagliato e mai viaggio fu più travagliato. Per chi apprezza questo genere sicuramente non può mancare la visione del capolavoro di Christopher Nolan Interstellar, oppure la magistrale serie TV tutt'ora in corso The 100. In entrambi vi sono parecchie similitudini con Aniara ed è impossibile pensare che i due autori non ne abbiano letto almeno qualche pagina.



HeroOfSand_14
Martedì 27 Agosto 2019, 21.18.07
4
Bello vedere in home page i Seventh, da anni ormai diventati probabilmente il mio gruppo preferito per vari motivi, uno su tutti sua maestà Tommy Karevik, che con la voce può fare qualsiasi cosa. Ho apprezzato molto questo scritto, bravo veramente Roberto perchè non era un testo facile da analizzare, anche grazie alla sua lunghezza notevole. The Great Escape è un pezzo da novanta, una delle punte di diamante della carriera della band (e non solo) ma non sempre riesco a tributargli le giuste lodi per via della lunghezza (30 minuti non sono ascoltabili in qualunque momento della giornata). Il testo non l'avevo mai approfondito e quindi mi è servito questo articolo per farmi un'idea di come avevano descritto la storia (penso Blomqvist, autore di molti testi della band). Beh, bellissime parole, grandi liriche, sofferte, emozionanti e non banali. In generale il brano comunque non ha cali, la parte del ritornello non citata ("Shine your light, be a beacon of hope at night..") è splendida, la voce di Jenny sta sempre alla perfezione all'interno di un loro brano, la parte finale è da pelle d'oca. Non occorre dire che Tommy qui da sfoggio di molte delle sue qualità, dal cantato soft e più melodico a quello più aggressivo, una prestazione come poche altre nel metal per quanto mi riguarda. Spero anche io che questo gruppo venga pubblicizzato di più anche su questo sito, al momento i Seventh sono uno dei gruppi di punta del prog moderno ed è veramente un peccato che la gente conosca solo due/tre nomi. Ah, se dovessi leggere un'analisi del testo di uno dei brani di Mercy Falls (uno dei dischi della mia vita) andrei in estasi. E pensare che volevo farlo io quando scrivevo per Metallized
Ponji
Martedì 27 Agosto 2019, 14.32.11
3
L'apprezzamento è pienamente meritato vista la mole e la qualità del lavoro che hai svolto. Poi essendo il prog moderno il mio genere preferito (sia con influenze metal che alternative) mi fa solo piacere quando se ne parla, per i metallari sembra che esistano solo i Dream Theater e Symphony-X quando invece potrebbero trovare lavori molto superiori attualmente
Vicarious
Martedì 27 Agosto 2019, 1.06.20
2
Grazie Ponji per il tuo apprezzamento. Mi farebbe piacere che in tanti leggessero questo criptic writing perché ci tengo davvero molto e cercherò di fare in modo che il prossimo sia su Mercy Falls, un album che ritengo tra i migliori concept della storia del progressive metal
Ponji
Martedì 27 Agosto 2019, 0.16.07
1
Finalmente viene resa giustizia a questo fantastico gruppo, Spesso il lavoro concettuale che sta dietro i brani viene snobbato, Vicarious è stato davvero un grande nell'analisi del testo, spero che il prossimo articolo riguardi il concept di Mercy Falls.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Seventh Wonder
Clicca per ingrandire
Seventh Wonder - The Great Escape
ARTICOLI
12/09/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 78 – Crazy Train – Ozzy Osbourne
26/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 77 - The Great Escape - Seventh Wonder
17/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 76 - 1916 - Motorhead
08/03/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#75 – Nemoralia – Ulver
25/12/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 74 - Red - Ten
16/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 73 - Ghosts Along the Mississippi – DOWN
04/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 72 - The Night Before - Riverside
17/08/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 71 - Guyana (Cult of the Damned) - Manowar
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]