Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
BELENOS
Argoat

20/09/19
TUNGSTEN
We Will Rise

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
URN
Iron Will of Power

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
AS I LAY DYING
Shaped by Fire

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

20/09/19
COFFINS
Beyond The Circular Demise

20/09/19
CULT OF LUNA
A Dawn to Fear

20/09/19
CULT OF LUNA
A Dawn to Fear

CONCERTI

17/09/19
JACK SONNI + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

CRYPTIC WRITINGS - # 78 – Crazy Train – Ozzy Osbourne
12/09/2019 (596 letture)
Quando si pensa ad Ozzy Osbourne, a venire in mente sono davvero parecchie cose, ma raramente è la bellezza dei testi ad occupare il primo posto. Il personaggio con i suoi eccessi, la sua storia musicale e non, i grandi concerti ed i musicisti di chiarissima fama che hanno accompagnato la sua epopea e ci hanno regalato melodie ed assoli tra i più memorabili della storia del metal e dintorni, hanno sempre relegato in secondo piano questo aspetto. Specialmente per ciò che riguarda la sua carriera solista. In particolare, forse, proprio per un brano come Crazy Train. Il suo sviluppo facile da memorizzare, il suo impianto capace di parlare ad un pubblico assolutamente trasversale (specialmente sul mercato statunitense) ed una prestazione da brividi di Rhandy Roads, hanno relegato in sottofondo il significato del cantato. Questo, invece, pur nella sua semplicità di base offriva uno spaccato di un momento che l’intero pianeta ha vissuto con preoccupazione ed ansia. Un periodo pieno di paura che chi c’era, ricorda certo molto bene.

U.S.A. Vs. U.R.S.S. Tra Gorkij e Baghdad
Il momento storico è topico. E’ il 1980 ed il mondo vive il problema angosciante della guerra fredda tra i due blocchi egemoni: U.R.S.S. da un lato e U.S.A. dall’altro, coi confini dei due schieramenti che di fatto si toccano proprio all’altezza del nostre Paese, al di là di quanto gli Atlanti raccontano. Ogni momento potrebbe essere quello finale. Basterebbe che un pulsante venisse schiacciato da un lato, per provocare la reazione immediata dall’altro ed innescare in pochi minuti l’Apocalisse finale senza che nessuno possa far nulla o sperare di sopravvivere. Ammesso che sopravvivere sia un bene. La tensione si respira ogni giorno ed in pochi sembrano rendersi conto dell’assurdità della situazione. Gli Stati Uniti boicottano le Olimpiadi di Mosca, quindi devono fronteggiare l’occupazione della loro ambasciata in Iran ed alla fine eleggono Reagan come nuovo Presidente, confidando nel suo pugno di ferro. In U.R.S.S. Andrei Sacharov viene esiliato a Gorkij mentre Leonid Il'ic Brežnev guida il blocco comunista nel nome dell’ortodossia. Dire la propria forse non cambierà lo scenario, ma se sei un artista di fama internazionale è forse un dovere farlo o, quantomeno, manifestare la propria inquietudine è umano.

All aboard! ha ha ha ha ha ha ha!
Ay, ay, ay, ay, ay, ay, ay
Crazy, but that's how it goes
Millions of people living as foes
Maybe it's not too late
To learn how to love
And forget how to hate

Mental wounds not healing
Life's a bitter shame
I'm going off the rails on a crazy train
I'm going off the rails on a crazy train


Tutti a bordo! ha ha ha ha ha ha ha!
Ay, ay, ay, ay, ay, ay, ay

Folle, ma è così che funziona
Milioni di persone che vivono come nemici
Forse non è troppo tardi
Per imparare ad amare
e dimenticare ad odiare

Le ferite della mente non guariscono
La vita è un'amara vergogna
Sto deragliando su un treno impazzito
Sto deragliando su un treno impazzito


Non c’è tempo di fare preamboli. A bordo di questo treno della follia siamo tutti stipati in carrozze attaccate le une con le altre, ma con le porte ermeticamente chiuse; impossibile comunicare. Le cose sono andate così oltre che potrebbe essere troppo tardi, il deragliamento sembra ormai imminente e alcuni sostengono come non ci sia già più nulla da fare. L’imprintig ricevuto dai dispensatori di malevolenza è troppo forte per farci fermare in tempo. O forse no, dimenticare l’odio può ancora essere possibile.

Let's go!
I've listened to preachers
I've listened to fools
I've watched all the dropouts
Who make their own rules
One person conditioned to rule and control
The media sells it and you live the role

Mental wounds still screaming
Driving me insane
I'm going off the rails on a crazy train
I'm going off the rails on a crazy train


Andiamo!
Ho ascoltato predicatori
Ho ascoltato gli sciocchi
Ho visto i perdenti
Farsi le loro regole
Una persona condizionata dalle regole e dal controllo
I media la vendono e tu ti cali nella parte

Le ferite della mente gridano ancora
Mi fanno impazzire
Sto deragliando su un treno impazzito
Sto deragliando su un treno impazzito


Siamo tutti condizionati dal potere dei media e dal controllo che esercitano sulla nostra capacità di pensare autonomamente, mettendoci volutamente alla mercé di telepredicatori, politici e personaggi che fanno e disfano a loro piacimento contando sul nostro lassismo e sull’ignoranza diffusa. Per inciso: un tema sempre disgraziatamente attualissimo ed anzi, amplificato all'inverosimile dall’irrompere delle nuove tecnologie. Il senso di smarrimento e di paranoia aumenta sempre più ed il treno su cui viaggiamo sta per uscire definitivamente dai binari.

I know that things are going wrong for me
You gotta listen to my words
Yeah

Heirs of a cold war
That's what we've become
Inheriting troubles I'm mentally numb
Crazy, I just cannot bear
I'm living with something' that just isn't fair

Mental wounds not healing
Who and what's to blame
I'm going off the rails on a crazy train
I'm going off the rails on a crazy train


So che le cose non mi stanno andando bene
Devi ascoltare le mie parole


Eredi di una guerra fredda
Ecco ciò che siamo diventati
Ho ereditato questi problemi e sono mentalmente intorpidito
Folle, non riesco a sopportare
Di vivere con qualcosa che semplicemente non è giusto

Le ferite della mente non guariscono
Di chi o di che cosa è la colpa?
Sto deragliando su un treno impazzito
Sto deragliando su un treno impazzito


Abbiamo ereditato come società e come singoli una situazione follemente distorta che nessuno di noi ha creato, gli strascichi avvelenati di un conflitto globale che non è mai davvero finito. Siamo ormai desensibilizzati, tanto l’esposizione alla tensione è stata costante negli anni, ma la mente riesce solo a nascondere sotto il tappeto delle emozioni la paura e l’angoscia. Inevitabilmente ed a prescindere da chi sia il colpevole, continuare a seguire i binari porterà alla catastrofe.

IL MESSAGGIO SUL TRENO
Canzone passata alla storia per meriti musicali, con l’assolo “doppio” di Randy che si ritaglia di diritto un posto nell’Olimpo dei più belli della decade ed a causa di una melodia perfetta per il Madman, Crazy Train aveva anche qualcosa da dire. Magari senza meriti letterari da Nobel, senza l’uso di un lessico particolarmente ricercato od il ricorso a figure retoriche raffinate, ma comunicando in forma Rock, quindi molto immediata, il senso di smarrimento e di assoluta paura per il domani che quel 1980 aveva portato al mondo intero. Peraltro ereditando tutto questo dagli anni precedenti. Piccola fotografia un po’ sfocata di un conflitto di potere che avrebbe potuto cancellarci dalla faccia del pianeta e che oggi si è solo frammentato in mille e forse più pericolosi frames, Crazy Train va ascoltata ancora perché resta innanzi tutto una grande canzone, ma accompagnare questo piacere alla comprensione del suo messaggio è ancora importante; purtroppo. Perché quel treno ha cambiato percorso, ma la sua destinazione è ancora troppo incerta ed suo arrivo in stazione tutt’altro che scontato.



LAMBRUSCORE
Lunedì 16 Settembre 2019, 19.00.49
19
che chitarrista Randino Strade, non voglio immaginare i capolavori che avrebbe fatto negli anni......
fasanez
Domenica 15 Settembre 2019, 11.52.44
18
Pezzo immortale... Hp già scritto che Blizzard e Diary sono stati i miei primi album metal e il tribute l'ho consumato. L'alchimia che si creò tra Ozzy e Randy ha portato per me a perle inarrivabili, come ad esempio il pezzo in questione o Mr Crowley...
Diego75
Sabato 14 Settembre 2019, 16.49.23
17
Dopo Randy Rohads ....Ozzy ha sempre avuto solo ottimi esecutori...alla chitarra....non chitarristi....Rohads rimane e rimarra’ Il chitarrista per eccellenza....sostanzialmente oltre che essere stato un ottimo esecutore era allo stesso tempo un compositore di musica a tutto tondo....gli altri non arriveranno mai al suo livello.
Vitadathrasher
Sabato 14 Settembre 2019, 14.38.40
16
Anche gli assoli di jakelee, super bistrattato, sono da urlo, come le composizioni dei pezzi, Ozzy con il chitarrista vuole essere quasi in simbiosi. Con jake lee non c'era feeling come con rhoads e poi con wild. Comunque per un tipo come Ozzy ci voleva una moglie, manager, badante, un tipo come lui lasciato in balia di altri e di se stesso chissà che fine avrebbe fatto.
HeroOfSand_14
Sabato 14 Settembre 2019, 13.55.04
15
Pezzo leggendario, artista unico e chitarrista stellare. E' con questo pezzo che ho conosciuto quello che diventerà uno dei miei musicisti preferiti, il buon Randy, che con gli assoli ed il riff presenti in questi brano mi hanno folgorato all'istante. Ammetto che non credevo fosse un testo cosi serioso, motivo in più per diffondere il verbo della musica di Ozzy nel periodo Rhoads, nel quale sono stati sfornati brani storici. Per quanto mi riguarda, se dovessi pensare ad una classifica degli assoli più emozionanti che abbia mai sentito, Crazy Train sarebbe compreso nei primi 5 posti, mentre quello di Goodbye To Romance facilmente starebbe nei primi 3
Rob Fleming
Sabato 14 Settembre 2019, 13.13.12
14
Esatto. Anche nella mia copia vi è la foto con Rudi Sarzo e Tommy Aldridge. Ma, vado a memoria, con Daisley i casini sono continuati anche su Bark at the Moon visto che le canzoni sono accreditate al solo Ozzy con buona pace anche di Jake E. Lee.
Rasta
Sabato 14 Settembre 2019, 12.12.02
13
,,, come non detto ,,, letta su wikipedia alla pagina (italiana) di Diary Of A Madman. Come sempre difficile stabilire chi ha ragione. In ogni caso negare la copertina a chi ci ha suonato x ripicca su dei (alla fine dovuti) diritti d'autore, appare oltremodo un comportamento estremamente infantile. Ormai comunque sono passate Ere Geologiche... (sigh!). Un saluto!
Rasta
Sabato 14 Settembre 2019, 11.00.00
12
... Ehi Man! ... com'è la storia di quei due? Io so solo che se n'è sempre parlato poco.
Rob Fleming
Sabato 14 Settembre 2019, 10.39.40
11
Bravo @Fabio Rasta! Condivido al 100% le tue parole. E' vero che Ozzy aveva una voce sgraziata, ma è anche vero che oltre che immediatamente identificabile era in grado di tirare fuori prestazioni superlative. E come dici tu, a cantare Sabbath Bloody Sabbath lo devi saper fare. E infine la menzione a Daisley e Kerslake, sopraffini compositori truffati da Madame Osbourne. Randy Rhoads era un fuoriclasse cristallino, ma avere quale sezione ritmica quei due ha aiutato assai
Fabio Rasta
Sabato 14 Settembre 2019, 10.16.23
10
... ma sicuro... tutto quello che avete detto. Sul disco c'è scritto OZZY OSBOURNE, ma non si può non citare il Grande RANDY. Te lo credo che lo alzava così sul palco. Lo considerava una sua creatura; e in effetti lo aveva scoperto Sharon, nel tentativo di scuotere il marito dal torpore causato dai fatti che tutti sappiamo. E si vede che ne andava davvero orgoglioso: era il simbolo vivente della sua rinascita come Artista, e riscossa come Uomo. / Interessante... (Spack), non avevo idea che Crazy Train parlasse della guerra fredda, sgradevolissimo capitolo della storia umana, ma non senz'altro il peggiore, purtroppo. Curiosamente, i primi versi recavano un messaggio molto Cristiano, ma non era la prima volta. A dispetto della sua fama. /// Sul capitolo voce penso che OZZY giocasse ovviamente + sull'interpretazione (Black Sabbath, The Wizard, Fairies With Boots...), non avendo la benchè minima intenzione nè di curare, nè di preservare il suo talento. Ma quando stava + bene, ha avuto modo di deliziarci con melodie + ricercate e (oserei dire) sopraffine (tutto Sabbath Bloody Sabbath, ad esempio, ma anche tanto di Sabotage... e poi da solo). /// Aggiungerei Grande, invece, anche il duo DAISLEY, KERSLAKE!
ObscureSolstice
Sabato 14 Settembre 2019, 0.11.01
9
@1 Philosopher: il timbro vocale di Osbourne è più melodico di quanto se ne dica
ObscureSolstice
Sabato 14 Settembre 2019, 0.08.04
8
Quell'alzata di Ozzy con Randy Rhoads è un simbolo, come quella degli Ac/Dc a cavacecio o anche quando l'hanno fatto i Maiden. Ma questa è veramente un simbolo, non si è mai permesso cnessuno con l'insormontabile e intoccabile Tony Iommi, ma si è permesso con lui
Ste
Venerdì 13 Settembre 2019, 22.58.54
7
Blizzard of Ozz non è un album ma un tale concentrato di strepitosi riff/arpeggi /assoli di un certo genio della sei corde che dovrebbe essere usato come materiale didattico in ogni scuola di musica. Imprescindibile. Testo sempre attuale e non potrebbe essere altrimenti data la pochezza del genere umano.
lisablack
Venerdì 13 Settembre 2019, 21.21.25
6
Adoro Ozzy, che disco questo e che brano! Clamoroso😱! Roads in questo album e' magico, l' assolo finale di Mr Crowley e' inarrivabile..
Grezzo
Venerdì 13 Settembre 2019, 21.19.21
5
Articolo interressante. Tutti i testi di Ozzy sono importanti e pregni di significato. Ma nel contempo lui è una macchietta. È l'ABC della manipolazione mentale di massa. Chi vuole approfondire approfondisca.
Vitadathrasher
Venerdì 13 Settembre 2019, 14.53.35
4
Che vuoi dire a questo pezzo, questo album, ai loro interpreti? Comunque Ozzy è inimitabile ed è ciò che conta per un cantante/cantautore.
Beta
Venerdì 13 Settembre 2019, 14.46.55
3
Bell'articolo, che ho letto con piacere. Questo disco è bellissimo ed ha dentro canzoni con significati importanti e testi impegnati (non solo questa, ma anche Suicide Solution e Mr. Crowley, tanto per dirne un paio). Al di là del punto di partenza della guerra fredda, è un testo che, essendo metaforico, si può applicare alla follia di questo mondo in generale e anche al giorno d'oggi (che è il succo di quanto scrive Raven); impossibile non condividere quanto scriveva Ozzy all'epoca, che si rivela ancora attualissimo. Io, personalmente, non sapevo che il testo si riferisse alla guerra fredda in particolare, ma l'ho sempre interpretato come una critica al mondo che ci circonda e agli esseri umani, che l'hanno reso quel "world gone astray" di cui molti artisti in musica parlano. Penso che tutti ci possiamo immedesimare in questa canzone, visto che siamo tutti sulla stessa barca ... o treno
duke
Giovedì 12 Settembre 2019, 22.52.22
2
...bella canzone...cantante mitico....il tutto impreziosito dal tocco di un maestro della chitarra elettrica....
Philosopher3185
Giovedì 12 Settembre 2019, 22.38.21
1
Crazy Train contiene uno dei migliori riff metal di tutta la storia della nostra amata musica.Ozzy non è mai stato un cantante particolarmente dotato o tecnico,ma è carismatico e il suo timbro antimelodico e i riff possenti e melodici di Randy Rhoad andavano a braccietto con la sua voce...per quanto riguarda il periodo Sabbath,poco da dire.quella è storia da insegnare nelle scuole di musica..
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Blizzard of Ozz
Clicca per ingrandire
Cotonato
Clicca per ingrandire
Fam. Osbourne
Clicca per ingrandire
Ozzy e Randy
ARTICOLI
12/09/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 78 – Crazy Train – Ozzy Osbourne
26/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 77 - The Great Escape - Seventh Wonder
17/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 76 - 1916 - Motorhead
08/03/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#75 – Nemoralia – Ulver
25/12/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 74 - Red - Ten
16/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 73 - Ghosts Along the Mississippi – DOWN
04/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 72 - The Night Before - Riverside
17/08/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 71 - Guyana (Cult of the Damned) - Manowar
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]