Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYPTIC BROOD
Outcome of Obnoxious Science

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

HOLLYBLOOD - # 25 – IT - Capitolo Due
02/10/2019 (726 letture)
Ci è voluto del tempo per elaborare un articolo dopo le emozioni contrastanti scaturite dalla visione di questo IT - Capitolo Due di Andrès Muschietti. Non nego di essere rimasto positivamente colpito dal primo capitolo, che era riuscito egregiamente nell’impresa non banale di svecchiare la storia, surclassando la miniserie televisiva del 1990 che vedeva un ottimo Tim Curry nei panni di Pennywise. Il risultato è stato ovviamente possibile grazie alla convincente prova di Bill Skarsgård nei panni del villain a metà tra l’inquietante e il grottesco, ma soprattutto ad una regia tutto sommato lineare, capace di dare il giusto risalto al background dell’infanzia dei singoli protagonisti. Capirete pertanto, dopo un adattamento più che buono, quanto le mie aspettative fossero, se non altissime, in attesa di un secondo capitolo all’altezza del precedente.

Per questo film Muschietti ha alzato nettamente la posta in gioco, fornendo un adattamento cinematografico ambizioso, labirintico, ipertrofico, dove accade davvero di tutto in un continuo pastiche tra horror, comicità, tratti grotteschi e tanta nostalgia in un viaggio alla scoperta delle proprie paure sopite e, in secondo luogo, di sé stessi. Il regista argentino ha privilegiato la psicologia dei protagonisti ormai cresciuti, cercando coi numerosi flashback di andare alla ricerca dei traumi infantili dei Perdenti -episodi traumatici sopiti e nascosti, ma mai affrontati o sconfitti- che torneranno a tormentare i nostri con effetti ancora più devastanti una volta divenuti adulti. Non è un caso per esempio che il più sensibile e fragile del gruppo, Stan, decida di suicidarsi per non dover rivivere l’incubo della propria infanzia. Alle versioni adulte di Bill, Bev, Mike, Ben, Richie e Eddie viene lasciato ampio spazio durante il film, specie verso la metà della pellicola, quando il gruppo si divide in un viaggio personale in quei luoghi che hanno originato i propri mostri infantili. La strategia narrativa è sempre la stessa, macchinosa e ripetitiva forse, ma certamente necessaria ed efficace nel rendere il racconto comprensibile: ogni membro del gruppo è protagonista di un personale flashback in cui rivive i propri incubi e ha uno scontro preliminare e in solitaria con IT, metafora della paura stessa incarnata attraverso diverse forme, in attesa della resa dei conti finale. Se è evidente e nell’economia complessiva del film necessario l’ampio spazio lasciato alla psicologia dei personaggi, è altrettanto deludente l’impiego di Pennywise, qui in verità mai davvero terrificante, ridotto a una macchietta. In particolare nella lunga sequenza dello scontro finale dove la regia perde di mordente e soprattutto dove il pagliaccio di Derry non fa mai davvero paura. Ciò nonostante Bill Skarsgård risulta essere nel complesso un ottimo interprete, più teatrale del predecessore Tim Curry, ma in questo capitolo rimane l’amaro in bocca per un attore ed un personaggio che potevano e dovevano essere sfruttati meglio.

Tra un flashback e l’altro è ampio lo spazio lasciato ai momenti incentrati più sulla suspense e sulla tensione che sulla paura in senso stretto e, come era prevedibile, anche qui come per il primo capitolo vengono costruiti ad hoc tramite il massiccio e sistematico ricorso ai jump scares. Il risultato è altalenante, dato che alcune sequenze ben riuscite, costruite su un buon timing -come per esempio la scena in cui Pennywse divora una bambina durante una partita- si alternano ad altre decisamente più banali e scontate -come quella che vede protagonista Eddie nel retro della farmacia. Anche qui il difetto principale è dovuto alla ripetizione dello stesso espediente narrativo poi reiterato per tutti i Perdenti, che nel film vengono perseguitati dai propri incubi sia nei flashback da giovani sia, in modo abbastanza prevedibile persino per chi non è un fan scafato del genere horror, nel presente. Per carità, non c’è mai nulla di veramente noioso, però una maggiore varietà nel costruire le situazioni sarebbe stata gradita. Per concludere cos’altro dire? Il vero problema di questo film è la banalizzazione del rito di Chud, qui ridotto ai minimi termini come semplice espediente narrativo. Un semplice atto che fornisce un mezzo per sconfiggere Pennywise, brutalmente privato di tutta l’atmosfera onirica -e anche un po’ lovecraftiana- presente invece nel romanzo di King. A dimostrazione di questo infatti la parte peggiore del film è tutta concentrata negli ultimi tre quarti d’ora, quando i Perdenti si recano ai Pozzi Neri per la definitiva resa dei conti con IT. Uno scontro tanto spettacolare negli effetti quanto alla fine poco memorabile, che affossa la pellicola in un prodotto di qualità appena sufficiente.

Per tirare le somme dunque, IT - Capitolo Due si muove tra alti e bassi. La pellicola alterna buoni momenti ben confezionati e capaci d’intrattenere, nel complesso godibili e trascinanti, a pecche clamorose che consistono nel ripetere con lo stampino gli stessi schemi, dilatando la narrazione oltre misura e, in alcuni casi, mostrando il fianco a momenti privi di mordente per non dire anonimi. Se confrontata con il primo capitolo della mini saga, questa seconda parte si rivela pertanto essere complessivamente inferiore, principalmente perché privo di quell’aura inquietante che aveva contraddistinto il primo film e quindi un mezzo passo falso che difficilmente soddisferà i fan di Stephen King.



d.r.i.
Venerdì 4 Ottobre 2019, 0.24.08
7
It esiste solo in cartaceo
Testamatta ride
Giovedì 3 Ottobre 2019, 22.12.00
6
Per tutti i motivi riportati in recensione e dai commenti precedenti boccio anch'io il film. Salvo giusto la scena della bambina sotto le gradinate alla partita di baseball e Jessica Chastain
Punto Omega
Giovedì 3 Ottobre 2019, 14.22.29
5
Chiunque abbia letto il libro non può affermare che l'adattamento cinematografico del 1990 renda giustizia alla storia.
ObscureSolstice
Giovedì 3 Ottobre 2019, 1.21.13
4
L'unico IT è quello originale del 1990 tratto dal romanzo di Stephen King del 1986, stop
nonchalance
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 14.38.57
3
Il vero difetto del film - a mio parere - è proprio la serialità della cosa.. Finché è casuale (o funzionale al racconto) ci può anche stare. Ma, quando diventa routine, non fai altro che girarti nella poltrona..aspettando di vedere cosa accade nel finale! Inoltre, nei vari Nightmare abbiamo Freddy che spara cazzate, oltre a farli fuori. Qui l'omaggio è abbastanza chiaro..l'effetto per niente! Non parliamo, poi, degli effetti speciali fin troppo "speciali".
Mic
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 13.59.54
2
Eddie adulto non si può guardare. Attore indecente. Anche la scena con la madre attaccata al lettIno e quella cosa che le mette la lingua in bocca... mah. Velo pietoso sul finale. Far fuori It con la tattica dell'insulto al suono dei vari "clown di merda"...
GT_Oro
Mercoledì 2 Ottobre 2019, 8.03.15
1
Concordo, aggiungendo che un altro dei problemi principali è che le controparti adulte dei perdenti recitano molto peggio di quelle giovani, diventando perfino fastidiose (Eddie esempio lampante). Inoltre la costruzione dei jumpscares è sempre la stessa: c'è il fermo immagine e poi l'attacco. La prima volta ok, la seconda mmh... la terza te lo aspetti.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina IT - Capitolo 2
ARTICOLI
02/10/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 25 – IT - Capitolo Due
24/09/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 24 – Bomb City
27/02/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 23 – Lords of Chaos
05/01/2019
Articolo
HOLLYBLOOD
# 22 – Nekromantik – Ménage à Trois col morto
30/10/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 21 - The Killing of a Sacred Deer
28/07/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 20 - A Fool There Was (La Vampira) - Le radici del look Gotico moderno
03/06/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 19 - À L’Intérieur
08/05/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 18 - A Quiet Place
30/04/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 17 - It Follows
24/03/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 16 - La Cura del Benessere e Madre!
24/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 15 - It
14/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 14 - The Witch - A New England Folktale
26/10/2017
Articolo
HOLLYBLOOD
# 13 - Un autunno di sangue
14/07/2016
Articolo
HOLLYBLOOD
# 12 - The Crow (Il Corvo)
28/09/2014
Articolo
HOLLYBLOOD
# 11 - Il ritorno della rubrica dell'orrore
19/04/2013
Articolo
HOLLYBLOOD
# 10 - Le Streghe di Salem - Anteprima
29/12/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 9 - Viaggio nelle pellicole horror degli ultimi 10 anni
11/09/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 8 - La Casa (The Evil Dead)
15/08/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 7 - Splice
16/07/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 6 - Benvenuti a Zombieland
16/06/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 5 - Saw VI
15/05/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 4 - Iron Man 2
16/04/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 3 - Gamer
21/03/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 2 - Legion
17/02/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 1 - Paranormal Activity
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]