Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

METALLIZED CHARTS 2019 - Progressive Rock/Metal
07/01/2020 (1321 letture)
Inutile rimarcarlo, il 2019 verrà ricordato come l’anno in cui i Tool hanno finalmente messo fine ai 14 anni di attesa con il rilascio del loro quinto album in studio, di cui si è parlato tantissimo e si merita indubbiamente un posto tra le migliori uscite di quest’annata. Ricordiamo che questa non è una classifica ma un elenco, senza un vero e proprio ordine, dei dischi più interessanti dell’anno appena concluso in cui anche gli altri mostri sacri del progressive metal, i Dream Theater, hanno messo lo zampino. C’è spazio anche per il nostro bel paese con il grandissimo ritorno degli storici Banco Del Mutuo Soccorso, così come per i Noveria e gli Aldi Dallo Spazio. Come non citare poi il capolavoro di Devin Townsend o i grandissimi lavori di Evergrey, Leprous e Iamthemorning? Ecco quindi la guida alle migliori uscite del progressive rock e metal del 2019.

A cura di Roberto "Vicarious" Di Gaudio e Stefano Paparesta "Papi".


TOOL - FEAR INOCULUM

La quinta pietra miliare dei Tool, si è fatta senza dubbio attendere, ma non si può dire che l’attesa non abbia accresciuto il desiderio. Gli ottanta minuti di Fear Inoculum sono stati letteralmente divorati in men che non si dica da tutti i fan dell’eclettica band statunitense il 30 Agosto dell’anno passato e, volendo citare alcune tracce, non si possono non menzionare 7empest oppure Pneuma, perle di assoluta qualità che ci hanno fatto annoverare il disco tra le migliori uscite del 2019.

Spotify

DREAM THEATER - DISTANCE OVER TIME

Si fa sempre un gran parlare di John Petrucci e soci ogni volta che i Dream Theater mettono piede in studio per il rilascio di un nuovo album. Puntualmente ci sono coloro che li additano per non aver apportato alcuna innovazione al loro stile oppure chi li colpevolizza di non essere ritornati al suono dei primi album. Ebbene, questo Distance Over Time suona potente, deciso, diretto, poco banale e di certo apprezzato dai fan della band di Boston. Su tutte Pale Blue Dot si fa ascoltare e riascoltare con immenso piacere.

Spotify

LEPROUS - PITFALLS

Come si può realizzare un album completamente differente dai precedenti? Ce lo insegnano i norvegesi Leprous grazie soprattutto all’estro multiforme di Einar Solberg e al suo range vocale tanto vario da poter arrivare dalla voce death fino al falsetto. Questo Pitfalls, elegante ed elaborato, è da ascoltare con attenzione godendo di ogni singola scelta stilistica, dai violini alle soluzioni più metalliche. Un album particolareggiato e vario, fruibile anche per i non avvezzi al genere progressive.

Spotify

IAMTHEMORNING - THE BELL

Sulla falsa riga tracciata dai Leprous è impossibile non citare i russi Iamthemorning, un duo coadiuvato da una foltissima schiera di artisti che ha collaborato nella stesura del nuovo The Bell. Percussioni, arpa, sassofono, campane, ce n’è davvero per tutti i gusti in questo delizioso disco, una delle chicche che citavamo in apertura che ha reso davvero interessante questa annata targata progressive rock.

Bandcamp

Spotify

IQ - RESISTANCE

Non ci hanno fatto attendere quanto i Tool, certo, ma un lustro tra un disco e l'altro si fa comunque sentire. Gli IQ non deludono tuttavia le (alte) aspettative, confezionando un doppio album ambizioso e profondo, il cui piatto forte sono le lunghe suite in cui il gruppo di Mike Holmes da sempre eccelle. Inutile girarci intorno, i maestri del neo-prog sono tornati più in forma che mai e sicuramente Resistance lascerà il segno sugli appassionati del gruppo e, perché no, anche su qualche nuovo fan.

Spotify

DEVIN TOWNSEND - EMPATH

L’ultima fatica in studio targata Devin Townsend non poteva mancare in questa classifica annuale. Il poliedrico musicista canadese ci ha convinto col suo disco ricchissimo per quantità, qualità e densità di idee e spunti musicali stratificati e imprevedibili. L’album di per sé non aggiunge niente allo stile schizofrenico a cui Heavy Devy ci ha abituato negli anni, ma è assolutamente impossibile non rimanere colpiti dal riuscito eclettismo dei pezzi che compongono questo lavoro: su tutti citerei il singolo Genesis - e già che ci siete recuperatevi il geniale video pensato per il pezzo in questione - o la totalizzante e conclusiva suite Singularity. Non ve ne pentirete!

Spotify

SOEN - LOTUS

Un altro ritorno sorprendente è senza dubbio quello degli svedesi Soen. Il loro Lotus è un disco ammaliante e oscuro, potente ed emozionante, dove la componente tecnica è sapientemente plasmata al servizio di una forma canzone lineare ma arrangiata con consumata abilità. Lasciatevi travolgere dai pattern di batteria del maestro Martin Lopez, dai riff taglienti della coppia Ford/Ahlund e dagli impressionanti vocalizzi di un ispirato Joel Ekelof.

Spotify

Bandcamp

ARCH/MATHEOS - WINTER ETHEREAL

Non poteva mancare all’appello il nuovo lavoro della premiata ditta Arch/Matheos. Un disco di prog metal classico con tutti i crismi, pregno di uno scintillante ed estremamente vario guitarwork da parte del chitarrista in forze nei Fates Warning e di un sempre mostruoso Jon Arch, che non sembra aver perso un’oncia della sua potenza, espressività ed estensione vocale. Disco da possedere e gustare a più riprese.

Spotify

THE FLOWER KINGS - WAITING FOR MIRACLES

Si torna in Svezia in compagnia di Roine Stolt e colleghi. Il prog rock revivalista fino al midollo, ma finemente arrangiato, a volte logorroico ma sempre su livelli qualitativi mediamente alti, ha convinto fino alla fine con un doppio album che contiene diverse perle degne di attenzione per il pubblico più tradizionalista. Da non perdere assolutamente!

Spotify

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO - TRANSIBERIANA

In pochi avrebbero scommesso su un ritorno in pompa magna da parte della band capitolina, soprattutto considerando i gravosi lutti di un membro insostituibile e caratterizzante del calibro di Francesco Di Giacomo e dell’altrettanto valido Rodolfo Maltese. Ciò nonostante, sotto l’ala protettiva della prestigiosa InsideOut Music, il Banco sembra aver ritrovato l’ispirazione con un deciso ritorno verso le classiche sonorità prog, riservando non poche sorprese per noi ascoltatori. Bentornati!

Spotify

WHEEL - MOVING BACKWARDS

Una band che ha saputo colpirci per la qualità del proprio debutto. Un lavoro sorprendente che si snoda tra riuscite velleità prog metal, riff di matrice djent e un’interessante prova vocale che ricorda a tratti Mynard James Keenan dei Tool. C’è ancora qualche accenno qua e là a sonorità più derivative, ma nel complesso questo Moving Backwards è una delle opere prime più accattivanti dell’annata appena trascorsa.

Spotify

ALDI DALLO SPAZIO - QUASAR

Torniamo nuovamente in Italia per puntare il riflettore su questa sottovalutata uscita. Cinque brani per quasi un’ora di musica composta da lunghi trip acidi e psichedelici che lasciano ampio spazio alla sperimentazione degli arrangiamenti e dei suoni in un mix personale e per nulla banale. Un lavoro che, viste le premesse, lascia indubbiamente sperare bene per il futuro della band.

Spotify

EVERGREY - THE ATLANTIC

L’anno del prog metal si apre proprio con questo disco di casa Tom Englund e soci. E’ solo Gennaio ma è già chiaro che l’album che abbiamo tra le mani è una delle migliori uscite dell’anno nel quale siamo appena entrati. Riff possenti, una voce fantastica, quella appunto del celebre frontman. Gli svedesi sono una garanzia e questo The Atlantic non è assolutamente un passo falso. Un prodotto riuscito con molte canzoni dai ritornelli cantabili, quest’uscita è ormai di 12 mesi fa ma i ritornelli dalla testa non ce li siamo ancora tolti.

Spotify

PERIPHERY - PERIPHERY IV: HAIL STAN

Il djent scorre potente nelle vene di Spencer Sotelo e compagni e con questo Periphery IV: Hail Stan la band del Maryland è tornata a far parlare di sé. Dopo alcune uscite altalenanti e dalla qualità non eccelsa, i nostri tornano sulle scene innalzando nuovamente l’asticella della difficoltà e andando a spazzare via i dubbi e le perplessità sul loro operato. I Periphery tornano a convincere con questo quarto capitolo e si confermano una delle formazioni più interessanti in ambito djent.

Spotify

Tra le numerose uscite del 2019 è opportuno citarne anche alcune che, pur non avendo ricevuto un trafiletto, meritano comunque di essere considerate. Alcune di esse sono completamente passate in sordina ai più, soprattutto l’ultimo disco menzionato:

LONELY ROBOT - UNDER STARS

VANDEN PLAS - THE GHOST XPERIMENT: AWAKENING

THANK YOU SCIENTIST - TERRAFORMER

NOVERIA - AEQUILIBRIUM

IHLO - UNION



Crimson
Sabato 18 Gennaio 2020, 12.00.29
16
Un bell'anno, sicuramente. Determinati dischi devo recuperarli, gli Evergrey sono un bel po' che li ho lasciati indietro. Cmq, per il prog rock per me i Thank You Scientist, per il prog metal di stampo classico Arch/Matheos.
Graziano
Venerdì 17 Gennaio 2020, 18.47.26
15
Aldi per freschezza compositiva, in generale anno strepitoso: Leprous, Townsend, Tool, Arch/Matheos, Soen e Banco.
Le Marquis de Fremont
Venerdì 10 Gennaio 2020, 12.38.22
14
Sono assolutamente d'accordo sul disco dei Tool, veramente bello. Non conosco gli altri perché non sono un fan del progressive metal. Come avevo già segnalato con un post sulla recensione, non sono d'accordo su operazioni come quella del Banco del Mutuo Soccorso e sottolineo che questo disco non è bello. Au revoir.
Tino
Venerdì 10 Gennaio 2020, 10.32.24
13
Sbaglio o vi siete dimenticati i myrath che sono tra i gruppi più brillanti degli ultimi anni?
Master
Mercoledì 8 Gennaio 2020, 14.24.15
12
Gran discone di Devin, per me Empath è indubbiamente di grande qualità, se la gioca con i Blind Guardian per il disco dell’anno. Niente male i soliti DT, anche se senza grandi sobbalzi hanno fatto un disco di gran mestiere. I Leprous non mi hanno granchè convinto. Per il resto, non ho ascoltato niente...
JC
Martedì 7 Gennaio 2020, 22.04.25
11
Come per le altre classifiche, scelgo solo un disco. Vanden Plas.
HeroOfSand_14
Martedì 7 Gennaio 2020, 20.17.59
10
Gran bel ritorno per i DT, che ormai davo per spacciati, mentre i Leprous mi hanno colpito per la capacità di creare canzoni fuori di testa, e che di metal spesso hanno ben poco. The Atlantic degli Evergrey purtroppo fatica ad entrarmi in testa perchè lo trovo più pesante del precedente, mentre quoto l'idea di inserire i Flying Colors (anche se di metal hanno poco pure loro) perchè hanno realizzato un signor disco. Ma l'apice in ambito prog e derivati del 2019 per me è stato raggiunto da Hail Stan dei Periphery, disco che mi ha fatto innamorare di questa band alla quale prima ero solo "affezionato". Satellites è da insegnare nelle scuole di canto (Sotelo un mostro), ma a livello strumentale e vocale siamo altissimi, senza alcun calo. E se si vuole qualcosa di più easy listening ascoltate Garden In The Bones. Chapeau
gianmarco
Martedì 7 Gennaio 2020, 18.41.38
9
e gli opeth ? in cauda venenum era un gran discone .
Micologo
Martedì 7 Gennaio 2020, 17.02.11
8
Il Banco ha fatto il miracolo
fasanez
Martedì 7 Gennaio 2020, 16.39.18
7
Soen su tutti, magnifico. poi Arch/Matheos. I Leprous devo ascoltarli così come i VP che so già mi piacerà a prescindere, con loro sono di parte. Il resto non mi ha convinto.
Rob Fleming
Martedì 7 Gennaio 2020, 14.50.41
6
Ecco! Qua sono più preparato. TOOL e Soen su tutti con album veramente magnifici. I Leprous sono stati una conferma e anche i Dream Theater non hanno deluso dopo aver saputo finalmente ridurre il minutaggio in favore della fruibilità.
SkullBeneathTheSkin
Martedì 7 Gennaio 2020, 14.43.58
5
Nonostante abbia detto peste e corna dei singoli, Flying Colors atto terzo lo avrei indubbiamente inserito mentre non avrei inserito i Periphery che onestamente non sono prog a mio modesto avviso. Un conto è appartenere al filone un conto è ammiccare di tanto in tanto... gli stessi Tool qui sono outsider in un certo senso. In ogni caso ascolterò quel che di maiuscolo potrei essermi perso. Poi torno!
progster78
Martedì 7 Gennaio 2020, 14.28.10
4
Arch/Matheos,Tool,IQ e Evergrey.Per quanto riguarda I DT buon album ma non mi ha fatto impazzire.L'ultimo dei VP devo ancora ascoltarlo.
Shock
Martedì 7 Gennaio 2020, 14.08.21
3
Per quanto mi riguarda: Tool, Wheel (piccoli Tool crescono), Evergrey, per il resto il prog non mi va giù.
Galilee
Martedì 7 Gennaio 2020, 9.49.23
2
Non conosco tutti i gruppi e i dischi elencati, ma l'ultimo dei Leprous è magnifico. Uno dei migliori album dell'anno.
duke
Martedì 7 Gennaio 2020, 9.40.03
1
....dream theater...iq...evergrey ....leprous....
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Metallized Chart 2019: Prog Rock/Metal
ARTICOLI
13/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Death, Brutal, Grind
13/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Folk, Viking Metal
10/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Post, Core, Experimental
11/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Sludge e Stoner
12/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Doom e dintorni...
08/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Hard Rock/AOR/Sleaze
07/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Progressive Rock/Metal
05/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Heavy, Power
04/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Black Metal
02/01/2020
Articolo
METALLIZED CHARTS 2019
Thrash, Hardcore
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]