Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

BONES - # 1 - Continuum of Xul, Æternum Infinitus, Illuminated Manuscripts, Bacterium, Gadir
03/05/2020 (883 letture)
Vi presentiamo BONES, la rubrica di Metallized interamente dedicata al metal estremo. Con “metal estremo” intendiamo tutte quelle forme espressive di musica etichettabili come death, black, noise, grindcore, industrial et simili. Tra la grande mole di promo che riceviamo tutti i giorni, vi sono moltissimi split, demo ed EP che per motivi facilmente intuibili - uno su tutti: la brevità di queste uscite che rende difficile lo scrivere la classica recensione - vengono lasciate indietro nonostante parte della redazione sia interessata e appassionata. Va da sé che queste uscite arrivano principalmente dall'underground, dove le etichette sono piccole e il motivo che spinge ad andare avanti è la passione che condividono con tutti noi amanti di queste proposte, ma tranquilli, non mancheranno anche uscite di gruppi più noti. Speriamo vi appassioni e vi dia modo di scoprire nuove realtà, buona lettura!

Continuum of Xul - Promo MMXIX (Autoprodotto, 2019)

1. The True Vassago
2. Conjurationg Through Obscurity
3. Visions from the Dark Side (Morbid Angel cover)


Tya (Voce)
Matteo Gresele (Chitarra)
Malga (Basso)
Luigi Contenti (Batteria)

Nome decisamente nuovo ma che vede al suo interno musicisti piuttosto noti in ambito death metal quali Tya, ex-cantante degli Antropofagus e Matteo Gresele, chitarrista degli Ad Nauseam, a cui si aggiunge il bassista Malga, i Continuum of Xul rilasciano Promo MMXIX nel 2019. Immagini (a cura di Raoul Mazzero, meglio noto come View From the Coffin, vero mostro dell'illustrazione) e titoli lasciano intuire subito su che sonorità si assesti il trio: death metal. I tre pezzi qui presenti mettono in mostra un gruppo ispirato dal death metal più ferale degli anni 90, in particolar modo si sentono echi di Centvrian, Diabolic e Morbid Angel, quest'ultimi omaggiati con la cover di Visions from the Dark Side. Death metal serratissimo, con la batteria dell'ospite Luigi Contenti (Hellish God) che danno spessore e pesantezza ad un muro sonoro fatto di riff vorticosi, stop n'go che enfatizzano l'approccio brutale e assoli dai richiami vecchia scuola. Produzione a dir poco ottima e che riesce a dare spazio ad ogni singolo strumento, basso compreso, presente dall'inizio alla fine. I nostalgici di un certo approccio non potranno lasciarsi sfuggire un'uscita simile.

Æternum Infinitus - .-. . .--. . .-.. .-.. .- -. (Deathkvlt Productions, 2019)

1. Dopamine
2. 1316
3. Supernovæ


Volantis (Voce)
Vidunder (Tutti gli strumenti)

Se da tempo ci si è abituati all'utilizzo di lettere come “Æ”, le “v” al posto delle “u”, “Σ” al posto delle “E” e ad altra trovate simili, si è certamente meno abituati ad avere titoli scritti in codice Morse (diverso per chi segue Mesarthim). Progetto chiuso dopo l'uscita di questo EP composto da tre pezzi, gli svedesi Æternum Infinitus hanno sicuramente registrato del materiale degno di nota e che piacerà a chi è sempre alla ricerca di proposte diverse e, pur nelle loro imperfezioni, affascinanti. Il duo, decisamente interessato a mantenere un alone di mistero, applica quel senso di “ignoto” anche alle atmosfere che caratterizzano il lavoro. Partendo da un black metal cosmico e intenzionato ad evocare immagini tra lo spaziale e l'orrore, il duo trasforma la proposta in un quello che è un incrocio tra death metal e black metal più atmosferico. Ciò avviene grazie ad una produzione volutamente sporca, acida oseremmo dire, all'utilizzo di effetti sonori, tastiere e a delle scelte decisamente particolari per quanto riguarda la voce. Non parliamo di un lavoro di facile approccio, ma per chi è abituato a proposte di questo tipo sarà un piacere viaggiare in quello che sembra un cimitero nella galassia; le composizioni sono tutt'altro che banali e scontate, c'è un continuo alternarsi di sezioni atmosferiche ad altre più marce, per non parlare di un brano interamente ambient, 1316, che a differenza di altre uscite, riesce ad avere un senso e a creare un ponte tra due ottimi brani. Un vero peccato si siano sciolti.

Illuminated Manuscripts - القانون في الطب (Xenoglossy Productions, 2020)

1. ابوعلى سينا
2. القانون في الطب
3. ابن رشد


Kobold (Voce, tutti gli strumenti)
Stilgar (Basso su traccia 2, tastiere su traccia 3)

Breve lavoro ispirato al famosissimo scritto di Avicenna intitolato Il canone della medicina (in arabo: Kitāb al-Qānūn fī l-ṭibb, questo il titolo del lavoro), quello di Illuminated Manuscripts, nome dietro cui si cela il musicista Kobold, è, nel suo apparire amatoriale e semplicistico, in grado di dare un suono al senso di straniamento che l'essere umano prova dinanzi ad opere e linguaggi per lui indecifrabili. Parliamo di un black metal paranoico, ossessivo, con brani assolutamente monotoni ma che riescono a dare un senso di dispersione e stasi. Per essere ancora più chiari, potreste prendere come punto di riferimento il Burzum di Filosofem o, altro gruppo interessantissimo e meno noto, i portoghesi Black Cilice. Approcciandosi a questo demo bisogna necessariamente rinunciare alla ricerca di una produzione cristallina (avrebbe senso in un lavoro così?) o a dei brani complessi, perché i diciassette minuti di Kitāb al-Qānūn fī l-ṭibb sono l'antitesi della chiarezza e della complessità come generalmente la si intende. Le chitarre non lasciano il benché minimo spazio ad una soluzione vagamente ricercata, figurarsi basso e batteria. Solo nel terzo brano salta fuori una tastiera, ma è palesemente utilizzata per chiudere quello che potremmo definire un lavoro “meditativo”. Per alcuni potrà apparire solo rumore, ma per chi sa benissimo di cosa si sta parlando, il progetto di Kobold è da tenere seguire senza problemi.

Bacterium - Sunt Lacrymae Rerum (Fuck Yoga Records, 2020)

1. Sunt Lacrymae Rerum
2. Sorites Paradox


Muiris (Voce, Synth)
Andrew (Voce, Chitarra, Synth)
Raymond (Batteria, Synth)

I Bacterium ci fanno sprofondare, letteralmente, in contesti lugubri e lenti. I due pezzi che compongono questo interessante demo sono infatti un concentrato di funeral death/doom lento, marcio e, cosa che li rende molto particolari, “guidati dai synth”. C'è infatti un ampio utilizzo dei synth, e ciò avviene in modo un po' diverso da come lo si pensi; lo strumento sembra infatti seguire una sua direzione muovendosi tra diversi suoni che vanno dal più classico organo ad uno strano effetto sonoro riconducibile ad una distorsione piena di flanger e phaser. Interessante anche la produzione, sicuramente marcia ma che dona alla batteria un suono che si fa sicuramente notare e segna in modo preciso le lente ritmiche. Sunt Lacrymae Rerum è un ottimo esempio di come si possa dare ad una proposta simile, difficile da gestire nella sua lentezza e monotonia, un'impronta più personale e in grado di lasciare il segno.

Gadir - Declivities (Xenoglossy Productions / Cossyra Tapes, 2020)

1. Horizon Sphinx
2. Sentinels
3. Declivities
4. Oneiric Square


Gadir (Voce, tutti gli strumenti)

Sempre per la nostrana Xenoglossy Productions (più precisamente per la sotto-etichetta Cossyra Tapes) esce Declivities del progetto solista Gadir (pron. Gah-deer), di cui purtroppo non sappiamo nulla se non che arriva dall'isola di Pantelleria. La proposta di Gadir è più particolare di quanto possa sembrare: partendo da un black metal che volendo può essere accostato ad Illuminated Manuscripts presentato qui sopra, l'enigmatico/a musicista si avvale anche di un vero e proprio collage sonoro. Ascoltando il lavoro infatti, ogni tanto si percepiranno dei piccoli salti, questo perché la registrazione, molto probabilmente, è composta da pezzi sovrapposti e incollati tra di loro. E sarebbe interessante capire se questo processo avvenga tramite software o alla vecchia maniera, chissà... Musicalmente parlando insomma, è un black metal ipnotico, che fa di questa tecnica e in modo particolare della produzione un punto di forza; lo stile enigmatico e ripetitivo, unito ad una voce percettibile solo a tratti, danno al disco un'aura molto particolare accostabile, come poi è nelle intenzioni della mente dietro il progetto, a delle tempeste di sabbia e al senso disorientamento che può dare un deserto. Fate un tentativo!



Federico S.
Domenica 10 Maggio 2020, 12.29.13
8
Benissimo, speriamo che la cadenza della rubrica sia regolare.
Muki97
Giovedì 7 Maggio 2020, 18.59.19
7
Mi associo ai complimenti per l'iniziativa
duke
Giovedì 7 Maggio 2020, 17.00.47
6
...spazio molto interessante.....
God of Emptiness
Giovedì 7 Maggio 2020, 12.02.39
5
Approvo al 100%. Un ottima idea quella di dedicare spazio all'underground, li ci sono le band migliori. Grandissimi i Continuum of Xul
No Fun
Giovedì 7 Maggio 2020, 11.12.30
4
Certo che fa un po' sorridere leggere certi titoli o nomi di band estreme: latino, arabo, addirittura codice morse 😂 lo dico con simpatia ovviamente, anzi è piacevole e normale che si cerchino cose strane e originali per distinguersi. Come ad esempio qui sopra scopro il nome della label "Fuck Yoga Records" e mi scatta l'applauso!
Silvia
Giovedì 7 Maggio 2020, 10.25.45
3
Mi associo ai commenti precedenti, ottima idea questo sguardo al "sottobosco"
Galilee
Giovedì 7 Maggio 2020, 9.18.12
2
Ottimo.
No Fun
Giovedì 7 Maggio 2020, 9.02.23
1
Ottima idea!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
BONES #1
Clicca per ingrandire
Continuum of Xul - Promo MMXIX
Clicca per ingrandire
Æternum Infinitus - .-. . .--. . .-.. .-.. .- -.
Clicca per ingrandire
Illuminated Manuscripts - Kitāb al-Qānūn fī l-ṭibb
Clicca per ingrandire
Bacterium - Sunt Lacrymae Rerum
Clicca per ingrandire
Gadir - Declivities
RECENSIONI
ARTICOLI
24/06/2020
Articolo
BONES
#2 - Ayyur, Mortal Incarnation, Illuminated Manuscripts, Quilmoloncm, Celestial Conjuration, Larvae, Yoth Iria
03/05/2020
Articolo
BONES
# 1 - Continuum of Xul, Æternum Infinitus, Illuminated Manuscripts, Bacterium, Gadir
14/05/2014
Live Report
H.E.A.T + SUPERCHARGER + BAD BONES
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 09/05/2014
10/03/2014
Live Report
STEEL PANTHER + BAD BONES
Alcatraz, Milano (MI), 05/03/2013
23/06/2012
Live Report
FATSO JETSON + BONES & COMFORT + MALE DI GRACE
Lo-Fi, Milano, 15/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]