Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

PROPHILAX - 30 anni di politicamente scorretto
22/05/2020 (2225 letture)
In una situazione drammatica come quella che sta vivendo il nostro Paese, è importante trovare un motivo per sorridere; noi lo abbiamo trovato facendo una lunghissima chiacchierata con Fabio Pinci “Ceppaflex”, cantante dei Prophilax: con lui abbiamo parlato dell'emergenza COVID-19, ma anche di cinema e, naturalmente, di musica, in previsione di una possibile celebrazione del trentennale della sua irriverente band. Buona lettura e che il Mentulatore vi protegga!

Barry: Ciao Fabio, bentornato su Metallized! Come procede questa quarantena per voi?
Ceppaflex: Noi stiamo bene dai, per fortuna ci sono dei trans della Togliatti che ci vengono regolarmente a trovare, in barba ai divieti.

Barry: Immaginavo aveste compagnia... a tal proposito, Don Mignotte continua imperterrito nella sua attività preferita? Che scrive sull'autocertificazione?
Ceppaflex: Dice che va a trovare dei congiunti, ma la parola “congiunti” è scritta con inchiostro simpatico, sotto in realtà c'è scritto “mignotte”. Ne sa una più del Diavolo quello!

Barry: Furbo...e Cagatone Joe? Si è adeguato alle norme igieniche?
Ceppaflex: No, ma perché ora non vive più a Roma; si è trasferito in una discarica di Forlì, dove le norme sono meno stringenti, quindi sta bene. A parte l'ebola intendo.

Barry: Discarica rigorosamente abusiva. Immagino!
Ceppaflex: Perché, ne esistono altre?

Barry: Anche tu hai ragione. Parlando un attimo di cose più serie, nel 2020 ricorre il trentennale della fondazione dei Prophilax. Avete in mente di celebrarlo in qualche modo, COVID permettendo?
Ceppaflex: Eravamo indecisi se festeggiare il trentennale il 30 aprile al Qube, data ovviamente saltata a causa dell'emergenza, oppure direttamente all'Antinatale: se la situazione dovesse migliorare e fosse quindi possibile suonare in tutta sicurezza, penso che fine dicembre potrebbe essere il momento ideale per celebrare l'anniversario. Fra l'altro, per quanto tutti noi siamo legatissimi al Qube, la sua acustica non è il massimo per questo genere di eventi; si tratta pur sempre di una discoteca, quindi si porta dietro tutti i problemi tipici di un locale non specificamente pensato come sala concerti. A parte la droga, ovviamente: si sa che la droga non esiste in discoteca, è una leggenda metropolitana, in realtà circola solo fra i metallari.

Barry: Ovvio, siamo noi quelli brutti e cattivi... ricordo comunque un vostro concerto al Qube, effettivamente l'acustica non era il massimo.
Ceppaflex: Ma sai, credo sia un problema un po' tutto romano in realtà, perché molti locali sono adattati e non pensati come sale concerti. Anche l'Orion, che pure è un locale stupendo, è fatto di cemento, è una discoteca: quindi, ad esempio, se sei in fondo alla sala al centro senti benissimo, se sei sottopalco senti maluccio, se sei laterale non senti un cazzo. Ma del resto è per questo che ci sono gli ingegneri del suono, no? Si vede che all'epoca della costruzione stavano in vacanza.

Barry: Beh, se ci pensi, i teatri greci o romani hanno un'acustica infinitamente migliore e sono stati costruiti millenni fa...
Ceppaflex: Ma è chiaro! Poi il problema è sempre lo stesso: a chi va in discoteca per sentire quella merda di house, cosa frega della qualità del suono? Quelli manco la sentono la musica! E' chiaro poi che ci sono situazioni diverse e persone diverse, ci mancherebbe, ma quelli che vanno ai rave veramente non li concepisco: si rincoglioniscono, non capiscono la musica -non capiscono un cazzo in realtà- e, quel che è peggio, travisano tutto! Ogni tanto sento qualcuno dire di essere andato a sentire un dj “che suonava”: ma che cazzo dite? Il dj non suona, il dj mette roba fatta da altri; poi è chiaro che alcuni siano bravi e che ci voglia abilità anche a mixare, ma quello non è suonare, altrimenti suonano pure il lattaio, il tranviere, il trans sulla Togliatti di prima! Io ad esempio suono col culo.

Barry: Ma nel senso col culo da solo o con l'accompagno di uno strumento?
Ceppaflex: No no, da solo. Ho l'intestino polifonico.

Barry: Beh sono qualità, tipo l'orecchio assoluto.
Ceppaflex: A parte scherzi, io ringrazio veramente il cielo di essere diventato metallaro in giovane età: quando andavo al liceo, tutti vestivano con le Timberland, la Marina Yachting, 501, erano stereotipi ambulanti; ricordo, ad un certo punto, di aver detto: ”Ma che c'è di tanto fico nell'essere tutti uguali? Ma perché vi vestite tutti come dei coglioni?” Oggi, quantomeno, col fatto che la moda si è diversificata, non sono tutti identici: puoi vestirti da coglione 1, coglione 2, coglione 3... poi attenzione, a me non faceva impazzire neppure il tipico look da metallaro, ma ricordo di aver conosciuto dei ragazzi simpaticissimi, che mi hanno iniziato all'heavy metal e con cui è nato da subito un bel rapporto di amicizia. Non riscontravo in nessun altro ambiente lo spirito di comunità dei metallari -tutti uomini ovviamente, all'epoca ragazze metallare non esistevano- ed è anche per merito di questo gruppo di amici, dove tutti suonavano, che ho iniziato a studiare batteria, a scrivere canzoni. Quindi, ripeto, io ringrazio veramente il cielo che un giorno qualcuno mi abbia fatto sentire Strong Arm of the Law dei Saxon, che fu una folgorazione.

Barry: Un inizio mica male!
Ceppaflex: Ma sai, io ho avuto la grande fortuna di aver vissuto un'epoca in cui andavo al negozio di dischi e ne uscivo con The Number of the Beast, ci tornavo e ne uscivo con Master of Puppets; ogni volta tornavo a casa con un capolavoro, il tutto senza averlo ascoltato prima! Non c'erano le radio, non c'era internet, non c'era un cazzo: andavo al negozio, vedevo un disco e dicevo: ”Che è questo? “Bonded by Blood”? Fico, col bambino diavolo cucito al bambino angelo!” lo compravo, lo ascoltavo ed era un capolavoro, oppure compravo Morbid Tales, Reign in Blood e li ascoltavo venti volte di fila. Anche quando un disco non mi piaceva, comunque lo ascoltavo decine di volte, perché magari lo avevo pagato ventimila lire dell'epoca e mi rodeva il culo che fosse brutto! Oggi invece metti su Spotify, ascolti due canzoni distrattamente e, se non ti piacciono, la storia finisce là, anche perché hai altri venti album in coda. Magari, invece, al decimo ascolto quel disco che hai scartato ti sarebbe piaciuto! Poi per carità, a me Spotify piace, perché permette a tutti di ascoltare musica ovunque vadano, ma mi dispiace che si sia un po' perso il “rituale” dell'ascolto.
E' un po' come in pizzeria, hai presente? Una volta entravi, vedevi la margherita -bona!- e te ne mangiavi quattro pezzi, tutto contento. Oggi entri in pizzeria e ti trovi davanti centottanta gusti diversi, magari tutti buoni, ma prima di riuscire a provarli tutti ti sei già stufato.

Barry: Il paragone calza! Anche a me Spotify tutto sommato piace, benché non mi sia molto chiaro quanto finisca poi materialmente in tasca all'artista.
Ceppaflex: Non molto, ma posso assicurarti che qualche soldo arriva anche a noi Prophilax, che pure non siamo un gruppo da milioni di ascolti. Calcola poi che Spotify è un'alternativa: magari i ragazzi degli anni 90 ancora acquistano il CD, qualcuno sta riscoprendo il vinile, ma già i nati dal 2000 in poi considerano il supporto fisico roba da vecchi. Io, ad esempio, come molti altri, ho una collezione di CD sconfinata, ma chi cazzo li mette più nel lettore ormai? Io ho la mia copia fisica di Powerslave rippata sul telefono, ad una qualità altissima, mi metto sul divano con le cuffie Bluetooth e me la sento. Tieni poi conto che l'offerta, rispetto ai miei tempi, si è decuplicata: un tempo uscivano due dischi al mese, oggi ne escono trenta, quindi è impensabile che un ragazzo si metta a comprare a scatola chiusa tutto quello che esce.

Barry: A proposito di uscite... so di toccare un tasto dolente, ma quando lo pubblichiamo questo Pornado?
Ceppaflex: Guarda, per Pornado abbiamo qualcosa come dodici canzoni pronte, posso dirti anche qualche titolo: ci saranno Amore Interspecie, La Spermatariana, Pippe a Chilometri Zero, nonché ovviamente Pompe Funebri e Fatti una Famiglia. Il problema è che tutti noi lavoriamo tanto, quindi il tempo per vederci è poco e, alla fine, la fretta di avere il prodotto pronto passa; non mi sbilancio più sulle date perché sono state tutte smentite, ma posso promettere che prima o poi uscirà!
Stesso discorso per Tana pe Cristo dei San Culamo, per cui sono pronte venticinque canzoni: il problema è sempre quello di registrarle materialmente, perché se potessi metterle online come sono sarebbero già pronte da anni! Ti confesso poi che, in questo periodo storico, i San Culamo mi divertono più dei Prophilax, probabilmente perché ce l'ho a morte con la Chiesa. Ci fan l'elemosina con i soldi che le diamo noi, capito? Ci dà le briciole, non paga una lira di tasse e la ringraziamo pure! Poi però ci indigniamo per due tette, due chiappe o due parolacce dette in televisione... io spero che la gente prima o poi apra gli occhi, sinceramente, anche se non sono ottimista: decenni di TV spazzatura e tagli all'istruzione hanno fatto danni enormi, hanno riempito la testa della gente di idiozie. Oggi tutti pensano che, se dai il culo, arrivi in alto, ma non capiscono che quasi mai è così. Io per esempio ho dato il culo a tanta gente, ma non sono mai riuscito ad entrare negli Oasis...

Barry: Ah, Liam e Noel non hanno apprezzato l'offerta?
Ceppaflex: No no, loro mi hanno sodomizzato, ma con l'inganno, perché poi non mi hanno fatto entrare nel gruppo. Peccato, avevo già dei pezzi strepitosi pronti per loro.

Barry: Immagino Morning Glory con il tuo tocco...
Ceppaflex: Lì avrei messo le bestemmie. In italiano però, perché gli inglesi non hanno la nostra stessa ricchezza di vocaboli.

Barry: Certo, l'italiano permette molte più varianti... tornando ai Prophilax, negli anni voi avete realizzato molti pezzi di protesta e denuncia: in uno di questi, Ospedanal, vi eravate scagliati contro la sciagurata politica dei tagli alla sanità: direi che, purtroppo, è un pezzo maledettamente attuale...
Ceppaflex: Devo essere onesto: mentre un pezzo come A.T.A.C. di merda è ancora molto attuale, Ospedanal è una canzone un po' paracula: è vero che la nostra sanità è stata completamente spolpata, ma sinceramente la preferisco a quella di altri Stati. Anni fa ho avuto un episodio di peritonite e sono stato operato d'urgenza, trovando del personale bravissimo e non pagando praticamente nulla; mi fosse capitato negli Stati Uniti, senza un'assicurazione mi avrebbero levato ottantamila dollari! Ospedanal, quindi, più che il sistema sanitario in sé, prendeva in giro alcuni episodi di malasanità verificatasi all'epoca, era un pezzo composto da ragazzi che magari non si rendevano conto fino in fondo di cosa parlassero. Oggi, ripeto, non cambierei mai la nostra sanità con quella di altri Paesi.

Barry: Assolutamente, anche io mi riferivo alla sua gestione da parte della politica, il personale sta facendo miracoli anche e soprattutto in questa emergenza COVID!
Ceppaflex: Guarda, questo virus, rispetto ad altri come quello della SARS, dell'ebola o della spagnola non è così terribile: si tratta di un virus molto aggressivo e contagioso, ma, se preso in tempo, pare non abbia effetti così devastanti, potremmo averlo avuto anche noi due senza essercene accorti. Poi per carità, i numeri a leggerli fanno comunque impressione, ma credo ci sia stato anche un po' di terrorismo mediatico; del resto questo posso capirlo, perché se agli italiani dici ”Vabbè dai, questo virus tutto sommato non è tremendo”, un'ora dopo stanno tutti in giro. Però, come sempre in questo Paese -ma non siamo stati i soli-, all'inizio il virus è stato sottovalutato e gestito a cazzo di cane, così come ora il lockdown, che secondo me di base è giusto, viene gestito altrettanto male.

Barry: Anche perché, fra poco, la vera emergenza sarà quella lavorativa ed economica.
Ceppaflex: Ma lo è già! Un conto è chi può lavorare da casa, chi bene o male riesce ad avere la cassa integrazione, ma un sacco di piccoli imprenditori che non hanno questa possibilità sono costretti a star chiusi. Dicono ad esempio che un bar o un ristorante su cinque di questo passo non riaprirà: del resto, se i soldi non arrivano, se non possono lavorare, come pagano le tasse? Come pagano i dipendenti? Forse sarò incosciente, ma personalmente preferisco rischiare il contagio che la bancarotta.

Barry: Bisognerà vedere come ne usciremo infatti. Peraltro, nei vari decreti non si fa minima menzione dell'attività dei musicisti...
Ceppaflex: Certo, perché in Italia i musicisti non sono considerati lavoratori, sono al massimo gente che si diverte. E' il paradosso di un Paese che vive di arte, ma considera l'arte un hobby per gente ricca annoiata. Pensa che ad un caro amico, che fa lo scultore ed è anche piuttosto bravo, chiedono spesso: “Ma che lavoro fai?” “Lo scultore.” “Ah che bello... e poi?” “Eh, lo scultore.” “Sì, ma come vivi?” e così via. La gente pensa che solo chi fa il medico, l'avvocato, il ragioniere, il commercialista lavori, lo scultore, il pittore, il musicista no.

Barry: Un classico, purtroppo. Senti, qualche settimana fa hai pubblicato una fenomenale intervista a “Dylane”, il protagonista del vostro celebre ridoppiaggio Beverly Holes. Come mai questa idea?
Ceppaflex: L'idea mi è venuta principalmente per omaggiare Luke Perry, un bravo attore morto male e troppo giovane; al di là del doppiaggio, era un bel personaggio che mi stava sinceramente simpatico, anche perché lo associavo ad un bel periodo della mia vita come i primi anni 90. Spulciando in rete, ho trovato quest'intervista risalente al 1991, perfetta per essere ridoppiata. Quale momento e modo migliore, quindi, per omaggiarlo? E' stato molto bello anche ritrovarlo nell'ultimo film di Tarantino, uscito mesi dopo la sua morte, perché ti fa capire che ha avuto una carriera importante al di là di Beverly Hills. Fra l'altro, poco dopo hanno annunciato anche il reboot della serie, che naturalmente doppieremo.

Barry: Ah non lo sapevo, questa è una notiziona! Stavo giusto riammirando La Passione di Mannaggia qualche giorno fa e mi manca un nuovo doppiaggio.
Ceppaflex: La Passione di Mannaggia purtroppo è stata gestita male, l'abbiamo fatta a tappe perché ci venivano nuove idee man mano che ci lavoravamo. Mi spiace poi non averla potuta mettere su YouTube, perché è troppo lunga.

Barry: Ah, non per motivi strettamente contenutistici?
Ceppaflex: No no! A Youtube, così come a Facebook -cioè agli americani- delle bestemmie non frega un cazzo. Io a Pasqua ho messo una vignetta con Cristo divorato dagli zombie, nessuno mi ha detto nulla. Ho provato invece a pubblicare un fotomontaggio di me con delle conigliette di Playboy, una cosa divertentissima dove si vedevano al massimo due tette ed è successo un casino: mi hanno cancellato la foto, mi hanno redarguito e mi hanno intimato di segnalargli altre foto del genere in mio possesso, come un genitore! Gli americani sono così, passano tranquillamente sopra le bestemmie, ma non transigono su nudo e copyright. La Passione di Mannaggia, infatti, non è pubblicabile non per via delle bestemmie, ma perché, se metti alcuni minuti di un prodotto coperto da copyright, YouTube pensa che tu stia caricando il film e ti blocca tutto. Avrei dovuto spezzettarlo in dieci parti, creando solo gran confusione, quindi ho preferito caricarlo su Vimeo, una piattaforma un po' più “liberale” e l'ho reso scaricabile dal nostro sito.

Barry: Devo dire che la seconda parte, con gli spezzoni calcistici, è notevole!
Ceppaflex: Sono tutti tratti dal mitico Mondiale del 2006, che abbiamo vinto strameritatamente! Purtroppo sono state le ultime grandi performance della Nazionale, che poi è andata incontro a quattordici anni di nulla assoluto, anche se con Mancini, che secondo me è stata un'ottima scelta come CT, sembriamo sulla via della ripresa.

Barry: Lo sai che secondo me per l'Europeo non saremmo stati messi male?
Ceppaflex: Il problema è che, se tu leggi la formazione del 2006, ti prende un colpo: il più “scarso”, Materazzi, ci ha fatto vincere il Mondiale! Oggi invece leggi i nomi e ti prende un colpo, ma al contrario; fenomeni non ne abbiamo, al massimo abbiamo qualche buon giocatore, ma i campioni sono altri. Per me possiamo fare un buon Europeo, ma una Nazionale come la Francia ad esempio ci rompe il culo.

Barry: Vedremo nel 2021 dai, sperando che si possa giocare con il pubblico, perché significherebbe esserci liberati del virus.
Ceppaflex: Ti riporto quel che mi hanno detto amici medici: il vaccino, ad esempio, servirà ovviamente alle categorie più fragili della popolazione, ma per produrlo serviranno mesi, per somministrarlo anni, senza contare che, in caso di mutazione del virus, potremmo darcelo in faccia; che facciamo, stiamo in lockdown altri tre anni? Probabilmente, come accadde con la SARS, che ebbe un ciclo di settanta giorni per poi sparire in estate, anche questo virus farà una fine simile. E' più importante ora capire come curarlo e, soprattutto, non continuare a massacrare la sanità pubblica come hanno fatto negli ultimi decenni, perché, se avessimo avuto i posti in terapia intensiva della Germania, questo virus sarebbe stato molto più gestibile. Tanto, come sempre, chi può permettersi la sanità privata se ne frega pure del COVID: vai in una struttura all'avanguardia, scuci 25.000 euro, ti fai tutti i tamponi che vuoi, le infermiere ti fanno i pompini...

Barry: Comodo così...
Ceppaflex: Certo. Infatti, per tornare al discorso di prima sulla sanità pubblica, io sono veramente grato al personale medico e paramedico, che è stato mandato totalmente allo sbaraglio, in molti casi per due soldi ed ha fatto letteralmente miracoli.

Barry: Assolutamente, un'amica infermiera mi ha detto di esser stata mandata nei reparti COVID con le buste di plastica ai piedi... ma questo ovviamente non lo leggi sui giornali.
Ceppaflex: Il giornalismo ormai non si fa più per inseguire la notizia, ma per inseguire i click. Del resto, purtroppo, la morte tira sempre, è una considerazione amara ma è così. In questo periodo ho letto giornali online scritti veramente col culo: concetti confusi, errori, pessima qualità di scrittura, notizie false... come fai a fidarti di chi non sa neppure riportare un fatto? Ormai, per avere un'informazione decente, devi andare a leggere i quotidiani stranieri.
Non parliamo poi di tutti i presunti esperti che spadroneggiano da mesi su TV e carta stampata: una marea di fenomeni ci hanno spacciato per dogmi delle cose che poi si stanno rivelando quantomeno discutibili, tipo la questione dei coaguli nel sangue, che parrebbero essere la principale causa delle complicazioni legate al virus; anche in questo caso, virologi stranieri ne parlavano da tempo, altri da noi prima negavano ed ora glissano...

Barry: Il vero problema, poi, è che dicono tutti cose diverse, quindi è difficile capire di chi fidarsi.
Ceppaflex: Ma questo è normale: è un virus sconosciuto, quindi nessuno sapeva e sa con certezza come curarlo! Infatti non bisogna presentare come verità assolute quelle che sono semplici teorie, anche perché poi dai spazio ai politici che un giorno dicono “chiudiamo tutto” ed il giorno dopo “apriamo tutto”... senza far nomi, secondo me qualcuno di loro si è fottuto la carriera! Hanno sparato talmente tante cazzate da far invidia a The Walking Dead!

Barry: Dove di cazzate effettivamente, specie nelle ultime stagioni, ne hanno dette tante...
Ceppaflex: Guarda, io sono un grande amante del cinema ed in particolare del cinema horror, quindi le prime stagioni di The Walking Dead mi piacevano molto. Il problema è che, per me, la serie è finita con l'attacco del Governatore alla prigione, nella quarta stagione; da lì in poi potevano anche chiamarla Il Boschetto: i protagonisti girano in tondo dentro questo bosco, incontrano esseri viventi stronzi, perché sono loro ad esserlo e non gli zombie -il concetto di Romero ripetuto allo sfinimento-, portano avanti faide secolari e fanno morire sempre gli altri al posto loro. L'ultima stagione è andata un po' meglio, ma secondo me è fuori tempo massimo, anche perché hanno fatto uscire di scena troppi personaggi ben fatti per lasciarne di monodimensionali. E poi chiacchierano troppo, due coglioni!

Barry: E' diventata The Talking Dead!
Ceppaflex: Bravissimo! Pensa che io ho visto la nona stagione mandando avanti i dialoghi, skippavo appena iniziavano con le loro pippe mentali... e sai qual è il bello? Che ai fini della narrazione non cambiava un cazzo! Le uniche chiacchiere che tollero sono quelle di Quentin Tarantino e David Lynch, che scrivono dialoghi a volte prolissi, ma bellissimi. C'era una volta a Hollywood è uno dei film più discorsivi che abbia mai visto, eppure mi è piaciuto tantissimo: Tarantino potrebbe prendere un qualunque soggetto e trasformarlo in oro, potrebbe far diventare un'opera d'arte anche Squadra Antitruffa... che già di suo è un capolavoro ovviamente, ma fatto da lui andrebbe agli Oscar. Poi, in questo ultimo film, Tarantino ha messo assieme Brad Pitt e Di Caprio che mi piacciono molto, nonché Margot Robbie, che è un cesso ma è bravina... si tratta di uno dei pochi registi capaci di rendere bello un film fatto per il 90% di dialoghi statici. Lo stesso The Hateful Eight era strapieno di parti parlate, ma era un filmone, con un finale da standing ovation.

Barry: Era quasi un'opera teatrale se ci pensi: tanti personaggi, tanti dialoghi in uno spazio ristretto! A me devo dire che piacciono un po' tutti. Forse Grindhouse è quello che mi piace meno.
Ceppaflex: Guarda, io lessi in un'intervista che A Prova di Morte, la parte diretta da Tarantino e Planet Terror, quella diretta da Robert Rodriguez, negli Stati Uniti sono uscite in un'unica versione, intitolata appunto Grindhouse. Iin Italia, invece, per far uscire due film da un'ora e mezza l'uno, hanno appesantito le due pellicole con tutte le scene tagliate: il problema è che, mentre le scene aggiuntive di Planet Terror sono divertentissime, quelle di A Prova di Morte tutto sommato erano state tagliate giustamente. La prima metà, comunque, fino a quando “Stuntman” Mike uccide le ragazze, secondo me è un capolavoro, poi effettivamente perde un po' di mordente, perché replica la prima metà con meno cattiveria.
Ciò nonosante, resta comunque un film di un livello che in Italia non vedremo più; a me dispiace dirlo, ma in giro non vedo grandi attori italiani, quando vedo un film con Sordi o Mastroianni mi metto a piangere: abbiamo alcuni bravissimi caratteristi che però, in venti film, fanno sempre lo stesso personaggio, anche perché ormai noi produciamo o film drammatici o film comici, senza vie di mezzo, quindi è difficile trovare chi sappia far bene entrambe le cose. Come si fa a dire che il cinema italiano oggi produce pellicole di alto livello? Dirlo significa non aver mai visto In Nome del Papa Re, Il Marchese del Grillo, Nell'Anno del Signore o Blow-Up. Oggi facciamo Perfetti Sconosciuti.

Barry: Dai, quello è un bel film!
Ceppaflex: Non mi è piaciuto proprio, si basa su un assunto fantascientifico ed ha quel finale troppo paraculo. Ci si può passare il tempo, ma non è che fra vent'anni lo ricorderai come oggi si ricordano i film che ti ho menzionato. Ma anche i presunti grandi capolavori che ci spacciano... guarda La Grande Bellezza, uno spot della peggiore Italia! Poi magari vedi un film come Inception e capisci che è ancora possibile sfornare capolavori veri, senza una minima sbavatura, di cui puoi parlare per mesi; devi sapere che io sono un grande fan del primo Christopher Nolan, quello della trilogia di Batman, di The Prestige, non di quello che fa i film per i figli.

Barry: Ho un netto ricordo di una nostra chiacchierata in privato su Intersellar, che io adoro ed a te non era piaciuto.
Ceppaflex: In realtà Interstellar mi è piaciuto per tre quarti: il problema è il finale strappalacrime, figlio dell'intromissione della moglie, che gli ha detto “Eh ma non puoi continuare a fare finali così cupi, perché un giorno i tuoi film li vedranno i tuoi figli”. E sti cazzi! Ma che vuol dire? Allora se io facessi film porno non potrei più metterci dentro cazzi perché un giorno li potrebbero vedere i miei figli? E pazienza, si vedranno Peppa Pig! E' come per John Lennon: appena la moglie ha iniziato a metter bocca nei suoi affari, Lennon è stato un uomo finito: se ne è andato dai Beatles e si è fatto pure ammazzare! Tutto per quel cesso peraltro...

Barry: Tipo Margot Robbie...
Ceppaflex: Ah beh, se viene da me Margot Robbie e mi dice “Certo Fabio che però i Prophilax...” io non solo sciolgo i Prophilax, ma mi metto a fare folk.

Barry: Beh potreste fare due gruppi, i Fabio Pinci's Prophilax ed i Ludovico Piccinini's Prophilax!
Ceppaflex: Bravissimo, come i Rhapsody! Io qualche tempo fa ho letto un articolo che illustrava la storia della loro separazione ed ho scoperto che le “nuove” band sono almeno tre, mentre ero convinto fossero due! Non sarebbe stato più semplice adottare un altro nome? Per me chi ha creato il gruppo ha diritto a tenersi il nome: lo ha creato Turilli? Allora se lo tiene lui. Non è che se domani Bruce Dickinson esce di nuovo dagli Iron Maiden si fa i Bruce Dickinson's Iron Maiden! Il gruppo lo ha fondato Steve Harris ed il nome resta a lui. Mi spiace parlare così dei Rhapsody perché mi piacciono moltissimo, i primi album erano una meraviglia, ma con questa storia hanno fatto un macello. Certo, devo anche ammettere che le ultime intro, quelle da tre/quattro minuti, per me erano diventate un incubo... vedi perché poi sono fan dei Manowar? Più passano gli anni, più li rivaluto nei confronti di tutti: se ci pensi, non hanno fatto un disco brutto! Anche Gods of War, che tutti dicono faccia cagare, è un bel disco, ha tre/quattro pezzi veramente ben fatti; poi per carità, in mezzo ce n'è anche qualcuno meno valido, ma non hanno mai fatto un disco veramente di merda, come ad esempio Virtual XI. Ti dirò che, nella classifica dei gruppi che mi hanno impressionato di più dal vivo, li metto al primo posto, seguiti da AC/DC ed Iron Maiden; quando li ho visti, poi, erano giovani ed Eric Adams aveva una voce che non ho mai più sentito, ha tenuto un acuto tre minuti mentre gli altri andavano a cambiarsi, per poi tornare sul palco con le moto... fanno ridere? Può darsi, ma valle a rifare oggi certe cose! Fra l'altro, Manowar ed Iron Maiden hanno scritto i testi più belli che abbia mai letto: un pezzo come The Crown and the Ring è una poesia! Poi loro sono anche dei grandissimi paraculi e fanno pezzi come Brothers of Metal, ma fa parte dei personaggi che si sono costruiti; è una sorta di populismo heavy metal, ma sinceramente a me diverte molto.
Poi siamo sempre là: dal jazz al brutal death, non c'è stato un ricambio, guarda Michael Jackson: chi è il suo erede, Bruno Mars? Quando gli AC/DC moriranno, chi sarà il più grande gruppo hard rock del mondo? I Coldplay? Gente come Iron Maiden e Judas Priest va per i settant'anni, i Metallica sono più giovani ma prima o poi smetteranno anche loro, chi ci va a suonare?

Barry: I Prophilax!
Ceppaflex: Ahah! Eh ma pure noi abbiamo una certa età eh, io ormai ho ventisette anni...

Barry: E fortunatamente non hai il nome che inizia per J...
Ceppaflex: Eh un paio di volte ho avuto la tentazione di buttarmi dal balcone... perché avevo visto delle belle fiche di sotto però.

Barry: Allora tutto ok.
Ceppaflex: Esatto. Comunque ci sono anche gruppi nuovi che mi piacciono eh, non voglio dire che non esistono band valide, però è difficile che mi entusiasmino davvero. Una delle poche sono i Symphony X, che oltre ad essere bravissimi sono anche intelligenti, perché pubblicano un disco ogni quattro anni, quindi si prendono il tempo per lavorarci bene; a me piace anche l'album solista di Michael Romeo peraltro, benché in pratica siano i Symphony X con un altro cantante... poi mi piacciono molto gli Overkill ed Exodus, che raramente sbagliano un colpo, ma sono comunque band in giro da decenni, non certo nuove leve.

Barry: Il disco solista di Romeo mi manca. Visti i tuoi gusti, potresti provare con i Powerwolf.
Ceppaflex: Li conosco poco in effetti, sai? Per quel poco che ho sentito fanno parte di quei gruppi che hanno una produzione paurosa, quindi ti conquistano già con i suoni, poi sono bravi. Li dovrei approfondire in effetti, ma sai che c'è? Come dicevamo prima, ci sono una marea di gruppi, quindi servirebbe un mare di tempo libero per approfondire.

Barry: Loro ed i Sabaton, tra i gruppi “nuovi”, sono fra quelli che preferisco. Poi per carità, si tratta sempre di band derivative, ma del resto oggi è difficilissimo inventare.
Ceppaflex: E' vero. Pensa che qualche tempo fa un amico mi ha fatto sentire un disco, dicendomi quanto fosse fico. L'ho sentito ed ho detto: “Ma questi sono i Led Zeppelin!”

Barry: Fammi indovinare, erano i Greta Van Fleet?
Ceppaflex: Bravissimo! Non sono male eh, si lasciano ascoltare, ma sono i Led Zeppelin! Un po' come gli Airbourne, che sono gli AC/DC di Flick ot the Switch; pure loro sono bravi eh, però ad esempio ho trovato l'ultimo album di una ridondanza eccessiva. Non sono gruppi che faranno la storia, purtroppo finiranno nel dimenticatoio: se sei un clone di qualcuno, la gente si ricorderà del gruppo originario, non certo di te.

Barry: Vero, anche se magari sei molto bravo. Tornando al tuo gruppo, si può dire che ormai la vostra formazione abbia trovato una certa stabilità con David Folchitto alla batteria e Viola Milano al basso. David lo conosciamo tutti, ma come avete scoperto Viola?
Ceppaflex: Innanzitutto fammi specificare che i Prophilax sono persone molto serie nel rapporto con i musicisti: li trattiamo come tali, li paghiamo, siamo molto professionali. Insomma, non ce la scopiamo! Ci tengo a chiarirlo perché in tanti mi dicono: “Ah ma voi ve la ingroppate!” No, non è così! Viola è stata scoperta ventenne su Facebook da Ludovico, che ne ha intuito le potenzialità; l'abbiamo contattata, le abbiamo chiesto di scendere a Roma praticamente a ridosso del video di Fatti una Famiglia ed è entrata a far parte del gruppo. Al di là poi dell'idea che uno può farsi, ti assicuro che, oltre ad essere una bravissima musicista, è anche una bravissima studentessa universitaria ed è molto simpatica; del resto, per suonare nei Prophilax devi anche avere l'attitudine giusta; per lo stesso motivo ci troviamo alla grande con David che oltre ad essere un gran batterista è anche una persona molto professionale e simpatica. Tornando a Paola -il suo vero nome- devi poi considerare che Ludovico era andato in fissa con l'idea di avere una bassista donna; infatti i prossimi passi saranno una batterista donna ed un cantante donna.

Barry: Ma come funziona, prendono direttamente una cantante o ti operi?
Ceppaflex: No io a quel punto farei il produttore, assieme a Ludovico e Christian. Ci siamo rotti i coglioni di suonare!

Barry: No dai, poi ci manchereste. Chi altri farebbe una versione in quarantena di Ti Ano, come avete fatto voi? A proposito, mi dici come è venuto in mente a David di suonare la minibatteria?
Ceppaflex: Poiché non può registrare la batteria normale in casa, con i microfoni, senza rischiare una denuncia, mi ha detto che poteva procedere in due modi differenti: o montava la batteria e poi la suonava con le bacchette da sushi, oppure provava ad usare questa minibatteria. Io gli ho detto di provare in entrambi i modi, ma il secondo ha vinto; e attenzione, suona a tempo eh! Gli ho detto che ha fatto la sua miglior performance. Specie quando a fine video se l'è infilata nel culo.

Barry: Certo, un po' come rompere lo strumento a fine concerto. Come mai avete selezionato proprio Ti Ano?
Ceppaflex: Il pezzo è stato scelto da Ludovico, che lo ama al punto da essersi tatuato il titolo sul braccio... è una canzone d'amore che abbiamo dedicato ai nostri fan il giorno del concerto annullato; oltretutto ci consentiva di avere con noi entrambe le cantanti, Tiziana e Germana, due bravissime interpreti con timbri differenti, con le quali prolungheremo la convivenza canora. Considera che, per Pornado, ho in mente un pezzo chiamato Doppia, che sarebbe la versione al contrario de Il Triangolo di Renato Zero: un uomo porta a casa una ragazza, ma ne ha già una nel letto; loro due, allora, capiscono le intenzioni del tizio, si coalizzano e lo sodomizzano in vari modi. Alla fine sono tutti contenti, soprattutto lui.

Barry: Beh certo, è logico! Va bene dai, ti ringrazio molto per questa divertente chiacchierata!
Ceppaflex: Grazie a te! Speriamo di rivederci presto dal vivo!



Francesco
Sabato 13 Giugno 2020, 11.28.29
27
@underground e fattela na risata che domani magari non te svegli... e se non te la voi fa, che cazzo vieni a legge qui
Michel Delloro
Sabato 6 Giugno 2020, 0.06.58
26
io comunque dei San Culamo aspetto ancora l'uscita di "Te rompo er culo in dumila pezzi"
Donna Arcama
Lunedì 1 Giugno 2020, 21.42.46
25
Secondo me Underground è Zio Cleto che ha esagerato a fare orge col pelatone demmerda
Soad80
Lunedì 1 Giugno 2020, 21.35.34
24
Il Covid lo paragono alla Megaceppa, secondo me metaforicamente parlando è quello che ci meritiamo... Glande Ceppaflex, ti auculo lunga vita
Masterburner
Venerdì 29 Maggio 2020, 9.42.19
23
Di Ceppaflex ho apprezzato soprattutto i "ri-doppiaggi" Biuticul, Puttanic e Beverly Holes. Pioneristici e leggendari
Analizzatore
Giovedì 28 Maggio 2020, 17.05.55
22
Beh, finita sta storia del covid, ci sarà modo di fare un'intervista collettiva con tutti i "membri", così potrete giocare a mikado.
Barry
Giovedì 28 Maggio 2020, 14.28.39
21
Solo via Skype però, visto che eravamo ancora in pieno lockdown
Analizzatore
Giovedì 28 Maggio 2020, 12.59.55
20
Ah, però... un incontro tra un "membro" della band e un "membro" della webzine. Avete giocato agli spadaccini?
No Fun
Domenica 24 Maggio 2020, 20.21.16
19
Ciao. Comunque se ho frainteso quello che hai detto mi scuso. Lo scopo dell'intervista penso fosse di rilassarci e ridere per un quarto d'ora, non certo voler fare polemica su qualcosa.
Underground
Domenica 24 Maggio 2020, 19.40.31
18
@No Fun: continui a non capire (mai scritto che lui abbia detto che il lockdown non serve) ma fa niente, siete contenti di quello che dice, contenti tutti. Inutile continuare, ciao.
No Fun
Domenica 24 Maggio 2020, 18.49.15
17
No dai facciamo invece assessore alla sanità della Lombardia uno che dice: "Indice di contagio 0,5 vuol dire che per contagiarmi devo entrare in contatto con due persone infette contemporaneamente, il che è molto difficile". A ma lo è già? A ok. Tu leggi un'intervista a Ceppaflex dei Prophilax in cui parla di calcio musica concerti album sanità e cinema e fa pisciare dal ridere 😂 e ti indigni perché ti sembra impreciso quello che dice, fatto sta che lui è Ceppaflex dei Prophilax non l'assessore alla sanità o il primo ministro, dovrebbero preoccupare le cazzate dette da questi non quelle (presunte) dette da Ceppaflex dei Prophilax che fa discorsi tranquilli come qualunque tipo al pub di fronte a una birra (scusami, ma a me sembra che sia tu che continui a non capire cosa dice, ad esempio dov'è che avrebbe detto che il lockdown non sarebbe utile? oppure il "non è così terribile" è riferito rispetto agli altri virus elencati, non in assoluto).
Underground
Domenica 24 Maggio 2020, 16.58.08
16
Ma sì dai facciamo questo primo ministro e vedi come risolverà i problemi del paese. Mal che vada gli succeda come Boris così vede come non è così pericoloso.....
Barry
Domenica 24 Maggio 2020, 16.13.04
15
Ma sì, non voleva dire che è un'influenza, ma fortunatamente non è neppure la peste nera. O magari, come tutti noi, spera semplicemente di poter tornare presto alla normalità e che le persone smettano di morire
Silvia
Domenica 24 Maggio 2020, 12.44.48
14
Anche secondo me e' sembrato dannatamente serio e molto bene informato al di la' dei luoghi comuni. Anche il paragone fatto con gli altri virus e' corretto, perche' hanno una mortalita' superiore al Covid-19, il che non significa dire che e' innocuo ne' minimizzarlo. Anzi ha detto che gli italiani vanno controllati, hahaha . Giusto anche quel che dice sulla sanita', che alla fine e' il vero motivo x cui questo maledetto virus ha messo in ginocchio il Paese (non sono il nostro). /// Comunque "andavo al negozio, vedevo un disco e dicevo: ”Che è questo? “Bonded by Blood”? Fico, col bambino diavolo cucito al bambino angelo!” lo compravo, lo ascoltavo ed era un capolavoro" hahaha, mi ha fatto morire!!!
No Fun
Domenica 24 Maggio 2020, 11.21.19
13
Boh, a me sembra chiaro che "virus molto aggressivo e contagioso" non significhi affatto "virus innocuo", non capisco come si faccia a capire questo, mi sembra un discorso sensato quello che viene fatto, non sminuisce ma nello stesso tempo dice che l'umanità ha affrontato virus peggiori. Tra l'altro tutta l'intervista mi sembrano cose sensate anche se dette in maniera molto divertente e cazzona. Già gli scienziati si sono quasi sempre premurati di ricordare che loro propongono ipotesi scientifiche anche se poi media e politici spesso le hanno rilanciate come certezze, ancora di più l'opinione di Ceppaflex dei Prophilax è una opinione come tante detta in una chiacchierata, come dice appunto "è un virus sconosciuto, quindi nessuno sapeva e sa con certezza come curarlo!" a me pare sinceramente di aver letto più cose sensate in questa intervista che sulle pagine ad esempio del Corriere della Sera che ormai ha raggiunto livelli imbarazzanti.
Underground
Sabato 23 Maggio 2020, 23.26.58
12
Scusa, ma non pensi che la spagnola abbia ucciso milioni di persone perché si parla di un secolo fa, mentre oggi abbiamo una medicina sensibilmente superiore ed anche mezzi di comunicazione che hanno aiutato e non poco? Quanti morti ci sarebbero stati senza la medicina di oggi ed il lockdown? Sinceramente certe dichiarazioni lasciano il tempo che trovano: solo in Italia abbiamo ad oggi 30 mila e passa morti ufficiali e probabilmente altri 20 mila non conteggiati. Senza lockdown gli esperti, non io, hanno parlato di almeno dieci volte tanto di morti. E fate un po' il conto in tutti i paesi del mondo. Prima di dire certe frasi magari bisognerebbe o informarsi o almeno avere il buon senso di non dire certe cose. Su Facebook non mi riferivo a te in particolare ma in generale e comunque la notizia dei medici degli ospedali è stata risaltata un po' ovunque. Poi fate voi. Fine OT.
Barry
Sabato 23 Maggio 2020, 21.49.35
11
Non penso intendesse dire che il SARS-Cov2 sia innocuo, tant'è che poi parla di numero che fanno comunque impressione. Credo volesse dire che il tasso di mortalità non sia terribile come quello di virus come la spagnola, che del resto ha fatto decine di milioni di morti. In molti del resto sostengono che i casi asintomatici siano decine di volte quelli ufficiali, il che ovviamente non cancella la marea di vittime causate da questo virus, ma ridimensionerebbe la sua mortalità. Quanto all'informazione su FB, non ho ben chiaro (colpa mia sicuramente) se il riferimento sia generico o diretto a me, ma in questo secondo caso posso assicurarti che non è vero.
Underground
Sabato 23 Maggio 2020, 20.58.36
10
Interessante intervista soprattutto quando si parla del Covid: "Guarda, questo virus, rispetto ad altri come quello della SARS, dell'ebola o della spagnola non è così terribile: si tratta di un virus molto aggressivo e contagioso, ma, se preso in tempo, pare non abbia effetti così devastanti, potremmo averlo avuto anche noi due senza essercene accorti". Ecco, questa frase fa ben capire cosa ha capito tale musicista: io gli direi di andarsi a leggere qualche intervista seria di un virologo che ben gli spiega come questo sia un virus quasi innocuo. Tra l'altro le notizie di personale medico che ha dovuto combattere questo virus senza DPI e con sacchi dell'immondizia e' stata più volte detta sia su articoli di giornali alquanto duri che in trasmissioni televisive molto critiche. Ah già, molti oggigiorno prendono le notizie da Facebook quindi è tutto dire. Non parlo neanche della musica, mi quadra il nome del gruppo ed il titolo delle canzoni.
Barry
Sabato 23 Maggio 2020, 19.42.41
9
@Zess: Perché scusa? In fondo sono opinioni, anche se certamente condivisibili o meno. Come avrai letto, neppure io e lui concordiamo su Interstellar o Perfetti sconosciuti
LAMBRUSCORE
Sabato 23 Maggio 2020, 17.00.42
8
Ho ascoltato alcuni dischi, qualche anno fa, veramente bravi, demenziali non direi, dicono cose vere che danno fastidio ai bigotti. Guardate anche i video su youtube delle varie parodie. Troppo forti.
fasanez
Sabato 23 Maggio 2020, 13.26.29
7
Mai sentiti, ma rimedierò, bella intervista e personaggio veramente divertente . e poi, fan dei manowar
No Fun
Sabato 23 Maggio 2020, 12.05.58
6
Ahahah 😂 una delle cose migliori lette su Metallized negli ultimi tempi. Puttanate, autoironia, ragionamenti, ricordi.
Pietro
Sabato 23 Maggio 2020, 11.04.39
5
Bellissima intervista, abbiamo gli stessi gusti in tutto...tranne che per i trans...per fortuna che ci siete voi con la vostra musica demenzialmente colta! Vi ano e attendo con ansia i nuovi pezzi
Vic Rattlehead
Sabato 23 Maggio 2020, 0.51.52
4
Ceppaflex mi fa smpre sganasciare dal ridere, spero che Pornado esca entro l'anno, sono in astinenza da nuova musica dei Prophilax!
Destiny
Venerdì 22 Maggio 2020, 23.28.57
3
Pensa che io invece sono d'accordo praticamente su tutto... pure sulla velata quanto ben posta smerdata politica. Proprio vero che il giullare è l'unico che può permettersi di pronunciare la verità a voce alta.
Zess
Venerdì 22 Maggio 2020, 14.16.23
2
Raramente ho letto tante puttanate su musica e cinema. Bene così.
Silvio Berlusconi
Venerdì 22 Maggio 2020, 7.57.36
1
le interviste a Ceppaflex ed ai Prophilax in generale fanno sempre spanciare dal ridere! ora speriamo che Pornado e Tana pe' Cristo escano presto,che sennò qui è peggio dei Tool ed X Japan!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Ceppaflex by Quarantine
RECENSIONI
77
ARTICOLI
22/05/2020
Intervista
PROPHILAX
30 anni di politicamente scorretto
03/08/2014
Intervista
PROPHILAX
Divertimento, libertà e tanta goliardia
27/04/2014
Live Report
PROPHILAX
Qube, Roma, 24/04/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]