Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

CRYPTIC WRITINGS - #84 - Cult of Personality - Living Colour
02/08/2020 (703 letture)
Il mio primo contributo alla serie dei Cryptic Writings vuole anzitutto celebrare una straordinaria band hard rock, i cui membri erano e sono tutt'oggi artisti afroamericani straordinari, capaci di protendere verso un sound esplosivo collaudato da testi di straordinario interesse.
In secondo luogo, in concomitanza con le efferate proteste negli States a seguito dell'omicidio di George Floyd, rileggere il testo di un brano come Cult of Personality, scritto da una band nera nel 1988, campione di incassi e vincitore fra le altre cose di un Grammy per la Best Hard Rock Performance nel 1990, può risultare persino più interessante alla luce dei recenti eventi ma non solo.
Se è vero che certe canzoni come il vino più invecchiano più diventano buone, Cult of Personality non fa eccezione e tutt'oggi ci parla come se fosse ieri, nella sua maniera schietta e diretta, con lo stesso inalterato fervore di audace invito a comprendere e infine ergersi al di sopra delle sovrastrutture predominanti del nostro tessuto sociale.


E durante gli ultimi momenti che ci restano, voglio parlarvi schiettamente e in maniera semplice, in un linguaggio che tutti qui possano comprendere facilmente
Malcolm X- estratto dal discorso ''Message To The Grass Roots'', 1963, Detroit


Sarebbe stato impensabile per i Living Colour, la band rock afro per eccellenza, affidare l'introduzione ad una voce differente da quella di Malcolm X in apertura del loro pezzo più celebre. Impensabile, dicevamo, perché Malcolm X, e con lui Cassius Clay, altra testa calda negli ancora più bollenti anni della lotta nera a metà degli anni Sessanta, a differenza di altri attivisti più noti come Marthin Luther King o la stessa Rosa Parks, incarnava a pieno l'estremismo reazionario, il principio di azione decisa rispetto alla nonviolenza e al pacifismo, in una parola: la dirompenza.
Venticinque anni dopo dovettero risultare ancora modernissime alle orecchie dei nostri le parole di Malcolm X, soprattutto perché l'assioma massimo che impernia il testo di Cult of Personality, l'espediente principale per la veicolazione del messaggio, è proprio quell'estrema chiarezza sintattica a cui alludeva l'avvocato di Omaha e che quindi, a maggior ragione, ben si sposava con l'obiettivo comunicativo che intendeva perseguire la band.
Così, Vernon Reid e soci, partendo da un riff suonato quasi per caso durante le prove, durante la stesura del loro capolavoro scelsero di ricorrere a parole prive d'orpelli e imbellettamenti, versi brevi e massiccio utilizzo del titolo come refrain negli intervalli.
Il risultato, come vedremo, è la sintesi perfetta di concetti importanti che trova la sua resa in un testo di ricezione immediata.

Look in my eyes, what do you see?
The Cult of Personality
I know your anger, I know your dreams
I've been everything you wanna be ohhh...
I'm the Cult of Personality


Guardami negli occhi, cosa vedi?
Il Culto della Personalità
So della tua rabbia, dei tuoi sogni,
Sono tutto ciò che vuoi essere, ohh...
Sono il Culto della Personalità


Capiamo subito che non c'è né troppo spazio per lo scervellarsi su temi quali filosofia, politica o storia, né per districarsi fra complesse allusioni di natura sociopolitica perché i Living Colour modellano un concetto come fosse argilla e dalle parole grezze emerge quasi un protagonista in carne ed ossa, questo Mr. Culto della Personalità ''Personificato'', un personaggio pensante, parlante, che si rivolge direttamente all'ascoltatore e gli parla.
Sappiamo tutti che il culto della personalità, nella sua accezione etimologica, è una forma di idolatria sociale che prevede una cieca e assoluta devozione nei confronti di un leader, sia esso politico o religioso, che diventa talmente potente da permettergli di influenzare a suo piacimento le masse.
La storia dell'umanità, naturalmente, annota infinite cronache di individui capaci di ottenere una tale posizione di egemonia, partendo dalle antiche civiltà, con le figure di sovrani, faraoni e imperatori, fino ad arrivare ai giorni nostri con i politici moderni.
Se è pur vero che sono cambiati i metodi per ammansire le masse (dalla coniatura delle effigi sulle monete ai monumenti funerari, passando per la riproduzione delle immagini e dei messaggi nell'arte pittorica o nella scultura) accentrando nella propria figura un potere persuasivo senza eguali, non possiamo dire lo stesso del fine ultimo del processo, rimasto invariato nei secoli.
Potremmo forse esimere dalla nostra breve analisi sul culto della personalità politici populisti avvezzi ad ingraziarsi le masse sfruttando i social media per accrescere in modo esponenziale la presunzione e l'illusione di infallibilità riuscendo infine a farsi adulare al punto da autoconvincersi (e convincere) di essere depositari di una verità unica?
Eppure quello che in realtà interessa alla band di New York non è tanto ''chi'' o ''come'' vesta i panni di Mr. Cult of Personality, ma quanto alla fine non vi siano sostanziali differenze fra i contendenti, tutti colpevoli:

Like Mussolini and Kennedy
I'm the Cult of Personality
the Cult of Personality
the Cult of Personality


Come Mussolini e Kennedy
Sono il Culto della Personalità
il Culto della Personalità
il Culto della Personalità


Cosa? Vi sembra assurdo che il dittatore fascista di casa nostra e il presidente democratico americano eccellenza possano coesistere nella medesima frase?
E cosa direste se, appena una strofa dopo il bridge, l'associazione che stride mettesse insieme:

Like Josef Stalin and Ghandi ohh...
I'm the Cult of Personality
the Cult of Personality
the Cult of Personality


Come Josef Stalin e Ghandi, ohh...
Sono il Culto della Personalità
il Culto della Personalità
il Culto della Personalità


Per quanto possa sembrare azzardato, ai Living Colour, che si tratti di un dittatore, un moderato, un leader spirituale, importa poco. Chiunque, ci dicono i nostri, riesca ad imporre il proprio ascendente sul popolo, manipolando le coscienze inducendole alla cieca venerazione, sia esso uno spietato nazionalista o un pacifico guru, merita lo stesso trattamento e va condannato in egual modo.
Dissacrazione e rifiuto del potere trapelano anche dalle parole del bridge:

Neon lights, Nobel Prize
When a leader speaks, that leader dies
You won't have to follow me
Only you can set you free


Luci al neon, Premio Nobel,
Quando un leader parla, quel leader muore,
Non dovrai seguirmi
Solo tu puoi liberarti


Fa sorridere, rileggendo queste parole quantomai anacronistiche, ripensare a tutte le polemiche dopo l'assegnazione del Nobel per la Pace a Barack Obama, per molti il più grande fallimento di quel cambiamento che la nazione americana anelava da sempre.
Alla luce dei dubbi legittimi che ognuno di noi potrà avere o meno, non ci sembra poi così avventato quanto espresso dai Living Colour.
C'è spazio nel testo anche per un bel richiamo all'opera letteraria che forse più di tutte ha portato all'attenzione del mondo le infinite possibilità di coercizione di chi veste i panni di Mr. Cult of Personality:


I sell the things you need to be
I'm the smiling face on your T.V. ohh...
I'm the Cult of Personality
I exploit you; you still love me
I tell you one and one makes three ohh...


Ti vendo le cose che devi diventare
Sono la faccia sorridente nella tua T.V, ohh...
Sono il Culto della Personalità
Ti sfrutto; continui ad amarmi
Ti dico che uno più uno fa tre, ohh...


Vi dice qualcosa 2+2=5? No? Beh, se cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia (o quasi), i nostri estraggono dal cilindro una carta prelibata e scrivono un'equazione sul modello matematico alla base di 1984 di George Orwell con descrizione annessa della presenza costante del governo, o di chi ne fa le veci, su ogni mezzo audiovisivo.
Un colpo da maestri e non aggiungo altro.
Le conclusioni finali, in questa canzone leggendaria, grazie anche alle citazioni di altri discorsi politici presi in prestito dal gruppo e che riporto a fine paragrafo, oltre a veicolare il messaggio finale e riassuntivo dell'intero brano (forse con un pizzico di provocazione, visto che una di queste viene pronunciata proprio da Kennedy) lasciano ben sperare e soprattutto riflettere.
I Living Colour, sebbene giochino costantemente a far ridondare in maniera ossessiva la presenza del culto della personalità, semplicemente scandendola a più riprese e con ritmo forsennato, annichilendo e alienando allo stesso tempo, sembrano suggerire che così come si può aiutare un individuo ad edificare il proprio potere cedendogli il campo, così si può demolire.
Sta al popolo, dunque, orfano di una coscienza ormai preimpostata e allineata alle direttive di chi comanda, trovare la forza di opporsi, perché ogni rivoluzione è la scintilla del singolo per un rogo che si mantiene vivo se attizzato da molti.
Un messaggio quantomai attuale e urgentissimo.

You gave me fortune, you gave me fame
You gave me power in your God's name
I'm every person you need to be ohh...

I am the Cult of Personality


Mi hai dato fortuna, mi hai dato fama
Mi hai dato potere nel nome del tuo Dio
Sono qualunque persona tu debba essere, ohh..
Sono il culto della personalità


Non chiederti cosa il tuo paese possa fare per te
John Fitzgerald Kennedy


L'unica cosa di cui dobbiamo aver paura, è la paura stessa.
Franklin Delano Roosevelt




Ramingo
Giovedì 13 Agosto 2020, 21.23.46
4
Uno dei riff immortali della Storia del Rock. Da Hendrix a Vernon Reid, il testimone è passato.
angus71
Venerdì 7 Agosto 2020, 17.05.20
3
molto bello l'articolo. pezzo fantastico scritto da una band super.
Analizzatore
Martedì 4 Agosto 2020, 20.09.48
2
Certamente non un è testo letterariamente raffinato, ma resta una tematica attuale, oggi più che mai. Oggi che tanti nessuno si ergono a maître-à-penser perché in grado di cucinare una cotoletta o scegliere il giusto contorno labbra. Ci vedo una critica non tanto al narcisismo dei leader quanto al servilismo delle masse. O meglio, questo è quello che piace pensare a me, visto che il testo in realtà non dice qualcosa di preciso, di puntuale, di poetico o evocativo... è quello che è...
Shock
Martedì 4 Agosto 2020, 9.10.39
1
Un bell'articolo per una canzone immortale. C.M. PUNK!!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina CRYPTIC WRITINGS - Living Colour
ARTICOLI
03/08/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#85 - The Throne of Tragedy - Arcturus
02/08/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#84 - Cult of Personality - Living Colour
15/06/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#83 - Apokatastasis Pantôn - Deathspell Omega
02/04/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#82 – Tillsammans Är Vi Allt – Shining
14/03/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#81 - Yes Sir, I Will - Crass (Seconda Parte)
11/03/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#81 - Yes Sir, I Will - Crass (Prima Parte)
16/02/2020
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#80 ‒ A Simple Mistake ‒ Anathema
07/12/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#79 – Global Warming – Gojira
12/09/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 78 – Crazy Train – Ozzy Osbourne
26/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 77 - The Great Escape - Seventh Wonder
17/08/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 76 - 1916 - Motorhead
08/03/2019
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#75 – Nemoralia – Ulver
25/12/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 74 - Red - Ten
16/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 73 - Ghosts Along the Mississippi – DOWN
04/10/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 72 - The Night Before - Riverside
17/08/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 71 - Guyana (Cult of the Damned) - Manowar
29/04/2018
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 70 – Like a Stone – Audioslave
20/12/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 69 – Mesopelagic: Into the Uncanny – The Ocean
28/10/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 68 - Night Of The Gods - Nokturnal Mortum
26/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 67 - Sunbather - Deafheaven
05/08/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 66 - Pussy - Rammstein
01/07/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 65 - Loss (In Memoriam) - Saturnus
30/04/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 64 - Thuja Magus Imperium - Wolves in the Throne Room
04/03/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 63 - The Kinslayer - Nightwish
13/02/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 62 - Rira (Scream to the sermon of the handicapped) - Inchiuvatu
09/01/2017
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 61 - I Am the Black Wizards - Emperor
12/12/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 60 - One Rode To Asa Bay - Bathory
25/11/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 59 - Late Redemption - Angra
20/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 58 - Unhallowed - Dissection
03/10/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 57 - Book of the Fallen - Caladan Brood
22/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 56 - Time - Wintersun
05/09/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 55 - Heaven and Hell - Black Sabbath
13/08/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 54 - Mirdautas Vras - Summoning
16/06/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 53 - Death, Come Near Me - Draconian
09/05/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 52 - Heidra - Windir
16/04/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 51 - The Last in Line - DIO
29/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 50 - Everything Dies - Type O Negative
08/02/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 49 - Lazarus - David Bowie
29/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 48 - Hotel California - Eagles
09/01/2016
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 47 - Painted Skies - Crimson Glory
16/11/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 46 - The Logical Song - Supertramp
05/10/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 45 - Child in Time - Deep Purple
05/09/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 44 - La Vittoria della Sconfitta - Negazione
19/07/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 43 - Animale Senza Respiro - Osanna
18/04/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 42 - Capitel V: Bergtatt - Ind I Fjeldkamrene - Ulver
17/02/2015
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 41 - Veil of Maya - Cynic
11/10/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#40: My Lost Lenore - Tristania
27/09/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 39 – November Rain – Guns N' Roses
19/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
#38 - Countess Bathory - Venom
10/07/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 37 - Skies - Protest the Hero
21/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 36 - Junior Dad - Lou Reed & Metallica
19/04/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 35 - Locust - Machine Head
20/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 34 - Lost Child - Social Distortion
16/02/2014
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 33 - Du Som Hater Gud - Satyricon
17/11/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 32 - Walk on the Wild Side - Lou Reed
24/09/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 31 - River of Deceit - Mad Season
11/04/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 30 - Plague Of Butterflies - Swallow The Sun
05/03/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 29 – Ukkosenjumalan Poika – Moonsorrow
24/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 28 - Zos Kia Cultus - Behemoth
15/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 27 - Lovecraft's Death - Septicflesh
03/02/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 26 - The Show Must Go On - Queen
20/01/2013
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 25 - Jeremy - Pearl Jam
26/12/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 24 - Faget - Korn
27/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 23 - The Passion Of Lovers - Bauhaus
12/11/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 22 - Wait and Bleed - Slipknot
30/09/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 21 - The End - The Doors
05/08/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 20 - Time - Pink Floyd
25/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 19 - Straighthate - Sepultura
14/06/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 18 - Heart Shaped Box - Nirvana
17/01/2012
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 17 - The Learning - Nevermore
22/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 16 - Mr. Crowley - Ozzy Osbourne
18/12/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 15 - Stairway To Heaven - Led Zeppelin
07/11/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 14 - Norra El Norra - Orphaned Land
16/10/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 13 - Holy Wars... The Punishment Due - Megadeth
20/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 12 - Down In A Hole - Alice In Chains
14/09/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 11 - Disposable Heroes - Metallica
20/08/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 10 - Supper's Ready - Genesis
20/03/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 9 - Hail And Kill - Manowar
21/02/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 8 - Schism - Tool
19/01/2011
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 7 - American Soldier - Queensryche
27/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 6 - Empty Words - Death
17/12/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 5 - Learning To Live - Dream Theater
28/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 4 - Mandatory Suicide - Slayer
07/11/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 3 - R.I.P. (Requiescant In Pace) - Banco Del Mutuo Soccorso
24/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 2 - Prometheus: The Fallen One - Virgin Steele
10/10/2010
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 1 - Seventh Son Of A Seventh Son - Iron Maiden
09/11/2009
Articolo
CRYPTIC WRITINGS
# 0 - The Rime of The Ancient Mariner - Iron Maiden
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]