Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Leviathan
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
POUNDER
Breaking the World

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

29/01/21
TRIBULATION
Where the Gloom Becomes Sound

29/01/21
THE BODY
I’ve Seen All I Need To See

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

I PROTAGONISTI - # 10 - Monica Atzei
11/12/2020 (1106 letture)
Impegnata nelle più svariate attività riguardanti il “dietro le quinte” del metal, Monica Atzei è in grado di fornirci uno spaccato di molte delle attività connesse alla promozione di una band. Inoltre, i suoi interessi personali la portano a spingersi in campi che con la musica non hanno a che fare, ma che sono ugualmente molto interessanti.

Francesco: Ciao Monica e benvenuta su Metallized. Intanto vuoi presentarti ai nostri lettori? Chi è Monica Atzei?
Monica: Ciao Francesco. Grazie a te e alla redazione di Metallized per questa opportunità. Chi sono… Una insegnante di lettere che ha una grande passione per la musica, specialmente quella metal e che si “diletta” a supportarla.

Francesco: La tua attività ti porta ad occuparti di promozione, di PR ed a scrivere per delle webzine. Cominciamo dalla prima delle tue passioni: intanto cosa significa fare ufficio stampa per dei gruppi metal?
Monica: Era il mio sogno! Devo essere sincera: quando ero ragazza immaginavo, mentre ascoltavo la musica, di poter essere dietro le quinte, stare in disparte, ma non a guardare. Bensì organizzare, far conoscere, esserci nei momenti di up e down, collaborare. Insomma, occuparmi di una band e della sua promozione. Questo è ciò che sto cercando di fare con band metal italiane e straniere da qualche anno. Un supporto costante affinché possano essere conosciute, intervistate, recensite con i loro album.

Francesco: Sappiamo che lavori anche per la Punishment 18. Cosa puoi dirmi della situazione attuale vista dal lato delle case discografiche underground? Abbiamo detto che hai qualche contatto professionale all’estero. Che differenze stai riscontrando nel modo di gestire l’emergenza?
Monica: La Punishment18 Records è un traguardo non indifferente per me, una etichetta italiana di tutto rispetto che Corrado Breno ha fondato e porta avanti con serietà e passione verso il metal nostrano e non solo. Noi anche quest’anno, che non è stato facile a causa del Covid-19, abbiamo pubblicato in fisico e digitale degli album. Le ultime quattro produzioni sono uscite il 27 novembre. Un anno difficile specialmente per i live e le fiere del disco; ci siamo comunque mossi per la promozione e abbiamo sempre mantenuto i contatti in Italia e all’Estero. Promuovendo band estere ed occupandomi praticamente io di loro, i contatti ci sono. Abbiamo cercato di avere un feedback maggiore e di dare un supporto più forte. Conosco altre realtà più o meno underground come la Punishment e anche all’estero hanno continuato con la promozione e alcune di queste che sono anche nel settore booking hanno organizzato dei live in streaming. Diciamo che tutto sommato siamo tutte sulla stessa lunghezza d’onda, speriamo tutto questo passi presto.

Francesco: L’underground in Italia, per così dire, è sempre stato più underground che altrove, se parliamo di metal. Oggi come oggi è anche il Covid-19 a deprimere questo e tutti gli altri settori. Sarà appunto Internet a salvare la scena o siamo davanti alla mazzata finale sulla voglia di partecipare agli eventi dal vivo? Te lo chiedo perché so che lavori o hai lavorato anche con dei locali e quindi conosci i loro problemi dall’interno.
Monica: Concordo con te, qui l’underground è più che altrove underground. Seguo da anni la scena (ormai trent’anni; sigh, cresciamo!) e il metal qui a volte trova difficoltà a decollare. Io spero che il Covid non dia la mazzata finale. Noi abbiamo bisogno di concerti, i concerti e la musica hanno il potere di far del bene, di sollevare l’umore, di svoltarti la vita. Gli eventi devono continuare; si, collaboro come ufficio stampa con alcuni locali, invio i loro comunicati per i live e anche se alcuni da maggio a ottobre hanno portato avanti una loro programmazione osservando tutte le norme (tavolini, distanziamento, ecc.) l’ultimo Dpcm sugli orari ha riportato tutti allo scenario di marzo e alcuni hanno dovuto chiudere. Questo è fonte di dispiacere perché chi organizza live, serate, clinic, ci mette tanta passione e vitalità e dovrebbe avere una maggiore tutela.

Francesco: Sempre a proposito di promozione e diffusione del metal. In Italia già in condizioni normali agiamo in una specie di bolla culturale che ci isola dal resto del mercato. Ti è capitato di cercare di proporre un tuo gruppo presso mezzi di informazione “normali” e vederti chiudere le porte in faccia? Anche qui: hai notato differenze con l’estero?
Monica: Bella domanda! Ho provato a proporre sulle radio nazionali (non web) alcune band, ma mi hanno proprio fatto capire che se dietro non c’è una label di un certo spessore e soldini da investire non c’è trippa per gatti. Parlo, specialmente, di band che curo con InfinityHeavy dove vi sono anche band di symphonic metal e hard rock, quindi diciamo “più adatte” a certi canali, ma niente da fare. Alcuni non hanno nemmeno risposto. Io credo che tutti nella vita debbano avere una opportunità quindi queste cose le capisco veramente poco, credimi. Si, ci sono alcune differenze con l’estero. Per esempio le riviste sono molto più reattive, più celeri e anche se non di stampo prettamente metal ti danno una chance per presentare nel modo più valido il tuo prodotto. In Italia comunque abbiamo da parte delle webzine/magazine di settore, anche se maggiormente online, un ottimo supporto. Siete sempre in prima linea, voi come tante altre webzine, per dar voce all’underground e ringrazio tutti coloro che supportano con vera passione la realtà italiana.

Francesco: Quanto è professionale il giro heavy nazionale? Da persona che lavora per la loro comunicazione, credi che ci sia un gap da colmare con il resto d’Europa?
Monica: Ci sono ancora tante band che a livello di comunicazione provano a far da sole, com’era un tempo. Ma adesso sono tante ed è sempre più difficile per loro farsi largo. Vuoi perché le redazioni a volte prende in considerazione solo chi ha un presskit inviato da ufficio stampa o label, vuoi perché chi fa ora le recensioni non è più solo il semplice appassionato/conoscitore della musica metal, ma in tanti si improvvisano e quando vedono dei promo girati dalle stesse band tendono a mollare. Credo che in Italia sia un gap da colmare perché in Europa hanno capito da un pezzo che la comunicazione è l’arma vincente. Le parole sono efficaci, i fatti molto di più è vero, ma le parole fanno tanto, specialmente di questi tempi in cui abbiamo la fortuna di avere Internet.

Francesco: Passando al discorso webzine, ma restando sul tema della comunicazione, quanto impattano ancora le recensioni che scriviamo sulle scelte degli appassionati? Che senso ha al giorno d’oggi scrivere di musica usando la Rete?
Monica: Sai benissimo che scrivo come te, anche se io preferisco fare interviste (poi quando intervistano me non so cosa dire e mi mancano le parole); io ho iniziato con le recensioni tanti anni fa e la passione non mi ha abbandonata anche se faccio fatica ultimamente perché il tempo è tiranno. Io credo che in primis siano le band a essere ultra felici per le recensioni. Per loro è un grande traguardo; noi che scriviamo siamo un “tramite”. Certo non è più come un tempo, quando si aspettava di andare in edicola per leggere sulla rivista qual era la novità (che poi da me in Sardegna arrivava sempre tutto più tardi) e cosa ci suggerivano le recensioni. Ora arrivano anche le anteprime sul Web e tutti possono ascoltare i brani sulla Rete. Per me hanno ancora il loro peso anche se la nostalgia ogni tanto mi assale per quel tempo in cui aspettavi con trepidazione la recensione o l’uscita della cassetta da comprare.

Francesco: Come abbiamo accennato, nel privato sei un’insegnate, ma anche una medievalista e nel metal certi temi sono ricorrenti. Che ruolo ha avuto l’amore per certi argomenti nel farti appassionare a questa musica e come credi siano trattati nei testi dei vari gruppi?
Monica: La prima band metal che ho ascoltato, non avevo ancora 13 anni, sono stati gli Iron Maiden, quindi diciamo che qualche brano incentrato sulla storia lo hanno fatto… A scuola introduco Alessandro Magno facendo ascoltare il loro brano. La storia l’ho amata sin da bambina. Sono curiosa, mi piacciono le biografie dei grandi imperatori (adoro Nerone!), ho letto e continuo a leggere tantissimo e studiare tutto il periodo del nazifascismo e della seconda guerra mondiale e poi la mia grande passione storica è per la vita nel Medioevo e i monasteri. Infatti faccio ricerche specialmente sui monasteri, i monaci e la loro vita e gli scriptorium. Molte band hanno parlato di temi storici, certe band ne fanno proprio il loro “vessillo” come gli Amon Amarth che nei loro testi parlano della mitologia norrena, gli Slayer che con Angel of Death ci conducono nei meandri della mente del Dr. Mengele e sui prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz. Addirittura i Sepultura hanno dedicato un intero album alla Divina Commedia. Poi i Manowar e la loro epicità e ci sarebbero tanti altri esempi che mi hanno formata. Di certo di pari passo con i miei studi c’è sempre stata la musica a supportarmi.

Francesco: E non è tutto. So che scrivi anche dei libri di argomento storico, no?
Monica: Si è vero. Scrivo anche dei libri e in questo caso (o almeno fino ad ora) non metal, anche se qualcosa di metal nel cassetto c'è. Solitamente mi occupo di ricerche in archivio del periodo medioevale, di paleografia e diplomatica. Da poco è stato ristampato un libro di una mia ricerca su San Fulgenzio di Ruspe. Monaco e poi vescovo africano che ha vissuto nel 500 d.C. Ho affrontato la Regola del suo vivere che è nota come "Pedagogia dell'esempio". In effetti ho cercato di coniugare qui le due materie in cui sono laureata: la Storia Medioevale e la Pedagogia. Scrivo anche per la rivista storica Horizon Magazine e attualmente conduco anche ulteriori ricerche che poi spero diventeranno altri saggi di studio.

Francesco: Chiudiamo con un argomento che non c’entra nulla con la musica, ma che ritengo comunque importante, considerando anche la sensibilità dei nostri lettori. So che sei impegnata con l’A.Ma.P.I. - Associazione Malattie Polmonari Interstiziali “Giulia ed Ester Molia ONLUS”. Di cosa si tratta?
Monica: Grazie per questa domanda Francesco. A.Ma.P.I. com’è hai detto tu, è una associazione. È stata fondata per volere mio e di mio padre nel 2014 in ricordo di mia madre Giulia e di mia zia Ester, due sorelle scomparse a causa della fibrosi polmonare interstiziale. Mamma aveva 32 anni e zia 33. Tra l’altro è stata una “batosta” doppiamente dolorosa in quanto mio padre aveva risposato in seconde nozze proprio mia zia Ester che mi accudiva come una mamma. Diciamo che è una cosa che ci ha segnato davvero tanto. Io avevo 7 anni la prima volta e la seconda 15 e ti assicuro che la musica è stata importante e di grandissimo supporto. Con l’associazione cerchiamo di far conoscere questa malattia che è rara e genetica e le altre malattie dell’interstizio polmonare (proprio quello che colpisce il Covid), organizziamo attività di beneficenza e aiutiamo pazienti col nostro supporto. Il mondo metal italiano ci è molto vicino. Lo scorso anno ad esempio la Jam Session benefica organizzata da Luca Guiotto (Loud’n’Proud Radio) e dal Circus ha elargito il ricavato della serata a noi e ad un’altra associazione, ci sono molti iscritti che appartengono al metal e al rock di casa nostra e a breve ci sarà una sorpresa sempre con l’Amica Musica. Intanto ringrazio chi vorrà iscriversi: il tesseramento scadrà il 31 dicembre e costa 10 euro. Se qualcuno vorrà partecipare come socio ne saremo ben felici, è davvero tra le cose che mi stanno più a cuore.

Francesco: È tutto. Ciao e grazie per la chiacchierata. A presto.
Monica: Grazie Francesco, grazie per questa bella chiacchierata, saluto i lettori e la redazione di Metallized, sempre pronta ed attenta alla musica e a ciò che ci gira intorno.



Raven
Sabato 12 Dicembre 2020, 13.37.39
17
Grazie a nome di tutta la redazione. 😉
Konradz
Sabato 12 Dicembre 2020, 13.28.00
16
Leggo da anni Metallized. Una qualità che contraddistingue questa webzine è, oltre alla competenza e alla passione evidenti di chi vi scrive, la capacità di dare spazio alla realtà metal italiana. L'intervista a Monica Atzei è un bellissimo esempio di come l'amore per questa musica si concili con attività professionali diverse e impegnative e ne tragga ulteriore ispirazione, aggiungendovi anche l'impegno nel sociale, che dà la misura delle doti umane di chi si dedica alla nostra musica preferita. E tutto questo nonostante il nostro paese non sia affatto un terreno facile per il rock e il metal. Grazie a Raven per questa intervista e a Monica Atzei per il suo esempio di passione e professionalità. P.S. Riguardo alla domanda sull'impatto delle vostre recensioni sulle scelte di chi legge: da anziano ascoltatore di hard&heavy vi assicuro che le recensione di webzine come Metallized influenzano eccome i miei ascolti e i miei acquisti... non occorre incoraggiarvi, ma continuate così!
Raven
Sabato 12 Dicembre 2020, 11.00.19
15
Per tutti: evitiamo i botta e risposta personali e restiamo sull'intervista, grazie.
Compagno di Merende
Sabato 12 Dicembre 2020, 10.43.46
14
Gentile "Elluis", vedo che è ancora costume degli utenti di questo sito insultare e accusare chi non la pensa come loro, complimenti.
Elluis
Venerdì 11 Dicembre 2020, 13.17.54
13
@Lele 13,5 DiAnnő quasi tre righe di introduzione per poi dirmi che cosa?? Ho già chiarito al commento 9. Buon fine settimana anche a te!
Lele 13,5 DiAnnő
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.50.47
12
Ciao Elluis. Io e “tu” probabilmente non ci siamo mai incrociati ma commento qui da anni, forse un decennio (se vuoi ti faccio a mente una lista di recensioni o articoli). Scrivo anche sul forum, ma con un altro username. Semplicemente mi ha incuriosito il ritratto e aprendolo ingrandito ho letto (sbagliato) questa cosa. L’attenzione al dettaglio può essere considerata una manifestazione di intelligenza? Non lo so. Buon fine settimana
Lele 13,5 DiAnnő
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.49.25
11
Ciao Elluis. Io e “tu” probabilmente non ci siamo mai incrociati ma commento qui da anni, forse un decennio (se vuoi ti faccio a mente una lista di recensioni o articoli). Scrivo anche sul forum, ma con un altro username. Semplicemente mi ha incuriosito il ritratto e aprendolo ingrandito ho letto (sbagliato) questa cosa. L’attenzione al dettaglio può essere considerata una manifestazione di intelligenza? Non lo so. Buon fine settimana
Mommy
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.38.51
10
Elluis hai fatto bene! Nessuna offesa, ci mancherebbe. Si si è vero ogni tanto compaiono. Grazie per aver letto l'intervista e buona giornata!
Elluis
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.35.59
9
@Mommy non era mia intenzione offendere, ogni tanto compare qualche troll con qualche commento idiota e sembrava quasi che questo fosse il caso, ma evidentemente mi sono sbagliato quindi ritiro e chiedo scusa.
Cipmunk
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.29.16
8
Raven onestamente? Di quel mondo rock metal che tanti decantano puro, collaborativo, e di fratellanza fasulla ne avevo le palle piene a 20 anni, e cmq non parlavo di Monica, che come mi confermi ha esperienza decennale, non la contatto perché ho finito di perdere tempo con progetti di inediti, dove quando sei fortunato fai 2 serate all anno... Largo a chi ci crede ancora... Io per suonare, girare ovvero fare Serate son passato al lato oscuro e discriminato... Tribute e cover....
Mommy
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.10.47
7
@Elluis grazie. Prima non mi sono presentata Mommy sono io l'intervistata. Ho risposto in quanto è giusto precisare il nome delle ragazze che hanno fatto il ritratto.
Elluis
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.04.44
6
Commenti intelligenti ne abbiamo?? (mi riferisco ai primi tre). Non mi stupirei se fosse sempre lo stesso utente che si diverte a cambiare nick.
Raven
Venerdì 11 Dicembre 2020, 12.03.01
5
Cipmunk, Monica non è una ragazzetta alle prime armi, è una donna adulta che lavora in questo mondo da anni ed ha una certa fama. Puoi contattarla direttamente, se credi. Basta cercarla su Fb.
Cipmunk
Venerdì 11 Dicembre 2020, 11.53.09
4
Premetto che non conosco Monica, ma abito in Sardegna, a Cagliari, e conosco molto bene la scena metal, rock e affini, incluse tribute e cover band, Nell isola il giro è piccolo.., era circa il 2015 avevamo una demo di inediti registrati in studio, decisamente ben fatta e professionale, ci sarebbe piaciuta una recensione sul lavoro.. Scegliemmo la webzine" metallus", lavorava una ragazza sarda che contattai per delucidazioni, ragazzi che spocchia.. Sembrava di parlare con il centralino della Universal, neanche accetto'l invio della demo... Mi liquido' dicendo... Se la vostra demo avrà carattere di rilevanza nazionale allora forse le daremo un ascolto... Capito l antifona la mollai senza discutere, questo per dire cosa... Si parla tanto di.. Aiutiamoci a vicenda, facciamo crescere l underground, supportiamo i gruppi locali, la scena, e poi la costante son sempre la forca e i bastoni tra le ruote...... Ergo.. Mi auguro che l affascinante Monica non diventi l ennesima spocchia del mondo musicale, le ennesimo parole da"intervista"......
Mommy
Venerdì 11 Dicembre 2020, 10.40.11
3
Lele chi ha fatto il ritratto si chiama "lasfigacosmica".
Compagno di Merende
Venerdì 11 Dicembre 2020, 8.06.32
2
Rimango perplesso.
Lele 13,5 DiAnnő
Venerdì 11 Dicembre 2020, 7.35.23
1
Ci vedo male io o nel disegno c'è scritto "lasfigacronica"?
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Monica Atzei
ARTICOLI
11/12/2020
Intervista
I PROTAGONISTI
# 10 - Monica Atzei
16/04/2020
Intervista
I PROTAGONISTI
# 9 - Mameli Rock / RNC Music
24/10/2019
Intervista
I PROTAGONISTI
# 8 - Volcano Records & Promotion
25/08/2019
Intervista
I PROTAGONISTI
# 7 - Metal For Emergency / Associazione Senza Tempo
01/11/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 6 - Jolly Roger Records
18/10/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 5 - Ver1musica
29/08/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 4 - Nadir Music / Buil2Kill
21/08/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 3 - Punishment 18 Records
02/08/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 2 - Andromeda Relix
21/07/2015
Intervista
I PROTAGONISTI
# 1 - Black Widow Records
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]