Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Copertina
Clicca per ingrandire
Scott Stapp
Clicca per ingrandire
Torche
Clicca per ingrandire
Cats in Space
Clicca per ingrandire
Lucifer
Clicca per ingrandire
Yaldabaoth
Clicca per ingrandire
Grave Circles
Clicca per ingrandire
Esoctrilihum
Clicca per ingrandire
Verikyyneleet
Clicca per ingrandire
Havukruunu
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
KEN HENSLEY
My Book of Answers

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE - # 35 - Motorpsycho, Kvelertak, Neptunian Maximalism, Yaldabaoth , Grave Circles, Havukruunu, Yawning Man......
24/01/2021 (423 letture)
Non sono stati mesi facili, ormai ce lo diciamo da tempo. Per questo ci sembrava opportuno riprendere una vecchia e sana abitudine e andare, nei limiti del possibile, a rimpolpare un po’ il nostro amato database con qualche disco che, per un motivo o per l’altro, ci fosse sfuggito nelle normali recensioni.
Al solito, abbiamo cercato di pescare ad ampio raggio i dischi da recuperare e certo di roba interessante o perfino imperdibile ne abbiamo trovata tanta. Qualcosa abbiamo recuperato, via via, tanto che adesso abbiamo abbastanza materiale da portare alla vostra benevola attenzione e siccome era un po’ che non ci prendevamo questo spazio di approfondimento, alla fine è venuto fuori che i dischi che avevamo recuperato erano anche di più di quanti ricordassimo. Ecco quindi che in questo caso, invece della consueta cadenza trimestrale che l’articolo dell’Archivio aveva abitualmente, per l’occasione avremo due uscite relativamente vicine, con questo articolo e il gemello, contenente gli altri album di questa tornata, che arriverà tra un mese. Naturalmente siamo ben consapevoli che titoli ce ne sarebbero a quintali da recuperare, ma confidiamo che qualcosa di interessante siamo riusciti a proporlo. Ben vengano i vostri consigli in merito: cercheremo di soddisfarli e magari scoprire così qualche altro grande disco che ci fosse scappato.

Intanto, buona lettura!


ALTERNATIVE METAL

Scott Stapp – The Space Between the Shadows
Non è sicuramente questa la sede per delineare un quadro psicologico attorno alla persona di Scott Stapp, ma le sue vicissitudini, tra cui il tentato suicidio, e la sua instabilità interiore sono elementi chiave per capire sia il messaggio sia i toni con cui crea ed interpreta i suoi lavori. Muovendosi su direzioni differenti rispetto alle band post grunge moderne come Bush o Seether, ricordandone gli elementi comuni solo alla lontana, il cantante americano mescola adeguatamente la parte cantautorale con quella più rockeggiante delle proprie radici, alternando ad intervalli strategici l’una e l’altra, in modo da rendere più fruibile e leggero l’ascolto.

Torche – Admission
In verità è proprio il sapiente mix di tutti questi ingredienti così distanti tra loro a creare un sound inequivocabilmente personale e unico nel panorama rock attuale e questo è un dato di fatto di cui si deve tenere conto nell’approcciarsi ai Torche. I ragazzi di Miami confezionano undici brani formalmente perfetti, dove l’ascoltatore non rischia di abbassare la guardia nemmeno per un attimo. Nessun calo e una durata complessiva che supera di poco la mezzora sono gli ennesimi punti a favore di un disco che segna un ipotetico apice per il gruppo stesso e per ogni artista che voglia scrivere un bel disco di rock moderno al giorno d’oggi.

HARD ROCK

Cats in Space – Day Trip to Narnia
Ci sono dischi capaci di folgorare l’ascoltatore fin dalla prima nota e non scollarsi più dalle orecchie: questo è esattamente ciò che è successo al sottoscritto con Day Trip To Narnia, quarto album degli inglesi Cats In Space. Un nome buffo, ironico, si potrebbe pensare, che potrebbe essere istintivamente associabile ad una band stoner rock o psichedelica, ma in questo caso ci troviamo in ben altri lidi: i sette “gatti dello spazio” infatti portano in alto il vessillo del rock puro e genuino, ma riconducibile alla tanto amata/odiata decade degli anni ’80 (o per la precisione a quel periodo sul finire degli anni ’70 in cui il progressive rock si stava ridimensionando considerevolmente): un sound infarcito di tastiere, orchestrazioni epiche e armonizzazioni vocali, per un risultato che fa della grandezza compositiva e della pomposità melodica la propria arma più forte e d’impatto.

Lucifer – Lucifer III
Il richiamo del passato nel caso dei Lucifer diventa un ottimo punto di partenza per creare appunto delle belle canzoni, composte e suonate con garbo e qualità e interpretate da musicisti di valore ed esperienza. Sicuramente il fulcro dell’attenzione restano la voce e l’interpretazione di Johanna Sadonis, capace di attirare su di sé i fari del palcoscenico, giovandosi di un gruppo compatto alle spalle. L’immaginario tipico dell’occult rock viene preso e sviscerato in modo competente, senza per questo indulgere troppo sul Grand Guignol o su tematiche sataniche.

BLACK METAL

Yaldabaoth - That Which Whets the Saccharine Palate
That Which Whets the Saccharine Palate non è assolutamente tra i dischi più semplici che possiate ascoltare e difficilmente soddisferà il gusto di chi dal black metal si aspetta immediatezza e schiettezza: nulla è immediato o schietto, qui. Anzi, dopo numerosi ascolti comincia a far breccia l’idea che il disco sia minuziosamente studiato a tavolino: sta a voi decidere se questo valga come pecca, come pregio o se sia indifferente.

Grave Circles - Tome II
Il primo ascolto di Tome II si delinea nella mente e nelle orecchie l’ombra di quella che può esser considerata, senza timore di smentita, una delle realtà più importanti ed influenti (se non addirittura LA più importante ed influente) del black metal contemporaneo, i polacchi Mgła, dai quali ereditano una certa delicatezza che si fonde perfettamente con la decadenza e la ferocia del genere.

Esoctrilihum - Eternity of Shaog
Non aspettatevi brani quadrati, con un andamento prestabilito, ma lasciatevi invece trascinare dal susseguirsi di momenti e cambi di ritmo frequenti; c’è ovviamente la furia tipica del black metal fatta di riff serrati, scream e con un’adeguata sezione ritmica, ma nulla che si fermi ad essere solo quello. Si viene subito colpiti da un utilizzo molto riuscito di tastiere, synth e svariati strumenti che fanno da sfondo e diventano protagonisti in determinati passaggi, con chitarre acustiche che arpeggiano e si mischiano a soliste melodiche.

Verikyyneleet - Ilman kuolemaa
il misterioso musicista finlandese non ha mai reso nota la sua identità o altro, salvo foto che però dicono molto poco. Si sa che è un pittore e alcune sue opere possono essere ammirate nel libretto del disco, e sappiamo che con l’altro progetto, gli altrettanto singolari E, ha pubblicato tre album ed un EP. Verikyyneleet esordisce con una copertina che per qualche motivo suscita interesse, forse i colori, forse la percettibile vena naïf. Fatto sta che una volta che il disco prende il via, si entra in contatto con qualcosa di piuttosto particolare pur presentendo elementi ben noti; il black metal del finlandese fa dell’atmosfera un enorme punto di forza, ma non aspettatevi il classico black atmosferico, anzi.

Havukruunu - Uinuos syömein sota
Il modo in cui parte il disco aiuta a dare una dimensione ben precisa di cosa si ascolterà per i prossimi quarantasei minuti; i bellissimi cori in gruppo vanno a dare epicità e maestosità ad un pezzo che qualche secondo dopo parte in tutta la sua furia su riff di scuola black melodico. In poco tempo si viene quindi gettati in mano a riff in grado di evocare gelide tempeste glaciali, e uno scenario che oltre a rispecchiare quanto si vede in copertina (perfetta) sembra quasi raccontarne dei retroscena.

THRASH METAL

Grinpad – Violence
Da Violence non vi aspettate qualcosa che non sia il "solito" thrash di matrice americana, infarcito -nella sostanza- di stereotipi cari alla tradizione di Slayer su tutti, ma anche di Sodom, Pantera ed Anthrax. Sarà un demerito? Non so davvero, ma coloro che, tra i nostri lettori, siano da annoverarsi tra i ricercatori di novità ad ogni costo sono avvertiti.

PSYCHEDELIC ROCK E STONER

Yawning Man – Macedonian Lines
Peculiarità dei nostri è quella di essere stati tra i primi a comporre veri e propri trip lisergici prevalentemente strumentali, capaci di astrarre fisicamente e mentalmente l’ascoltatore, come narrato dal già citato Brant Bjork. Nessun bisogno di fuzz spinti all’eccesso o ritmi estremamente dilatati, bensì sapiente uso di vuoti e pieni e grande ricercatezza melodica che talvolta rende stretto l’epiteto di “desert rock band” ai tre californiani.

Nebula – Holy Shit
Eddie Glass ce l’ha fatta. Dopo dieci anni, come nulla fosse, ha riportato i Nebula al disco e lo ha fatto tirando fuori dal cappello un album destinato ad entrare di diritto tra le uscite più importanti del 2019 e di tutta la propria discografia. Un bel risultato, non scontato, ma assolutamente alla portata di un musicista che senza ricercare le luci della ribalta, non ha mai pubblicato niente che non fosse almeno ottimo.

INCLASSIFICABILE

Kvelertak – Splid
Tornando invece alla storia dei sei saggi e dell’elefante, se prendessimo sei esperti appassionati di metal e a ciascuno di loro facessimo ascoltare un pezzo tratto da Splid, ciascuno potrebbe dire che gli Kvelertak suonano un determinato genere, tutti e sei diversi. Avrebbero tutti ragione presi singolarmente, ma nessuno saprebbe cosa suonano davvero i norvegesi. La loro musica è un concentrato di punk, hardcore, rock’n’roll, heavy metal, metalcore, con punte di black metal, volendo di prog metal e perché no, anche post punk in qualche passaggio, che celebra un gigantesco ibrido musicale.

Neptunian Maximalism – Éons
I Neptunian Maximalism donano al mondo un’opera destinata a smuovere la dimensione interiore di molti ascoltatori e la speranza è quella che Éons possa godere di buona fama tra coloro che sono sospinti in alto da questo genere di proposta, unica nel suo genere soprattutto alla luce del 2020. Non parliamo di metal, nemmeno di rock, qualcuno ha avanzato il termine zeuhl, di magmiana memoria, ma non è forse corretto, in quanto anche i Magma hanno coniato a loro tempo qualcosa di unico e inimitabile. Guillaume Cazalet suona un genere che non è definibile se non attraverso i termini dell’avanguardia, definizione anch’essa ormai superata e appartenente al defunto ‘900, che risulta tuttavia non del tutto esplicativa.

DEATH METAL

VoidCeremony - Entropic Reflections Continuum: Dimensional Unravel
Il coinvolgimento al basso di un mostro come Damon Good dovrebbe poi dare una dimensione molto chiara e definitiva del tipo di tech death con cui si ha a che fare. Parliamo di vecchia scuola, e quindi sotto con influenze che arrivano da Death, Atheist, Pestilence (quelli del favoloso Testimony of the Ancients, sicuramente il loro maggior punto di riferimento) passando per delle sezioni che ricordano i Morbid Angel; ma attenzione perché tali influenze non si riscontrano tanto nei riff ma più che altro nel concetto, nel modo di proporre e costruire i pezzi. In aiuto di quanto detto c’è lo strumento che più di tutti si farà notare per tutta la durata del disco, il basso.

Venomous Skeleton - Drowning in Circles
Possiamo dire che se avete a mente e a cuore le splendide uscite dei Sonne Adam, è molto probabile che con Drowning in Circles entrerete in un tunnel oscuro in cui vi sentire al sicuro. Non si parla di una copia dell’ex-gruppo, quanto più di un rimescolare le carte cercando di distanziarsi e di dare la percezione che si tratti di un progetto totalmente nuovo. No, i tre non abbandonato quel death metal sulfureo, nero come la pece, arricchito di soluzioni doom e, cosa fondamentale, costruito sul legame tra i riff, ma hanno certamente dato più spazio al lato maggiormente violento del genere.

Ulthar – Providence
Il trio non è cambiato poi tanto da quanto ascoltato due anni fa, proponendo ancora una volta un death metal dalle tinte psichedeliche, con alcuni momenti vecchia scuola e un riffing molto curato. Ed è l’attenzione per il riff ad essere il vero punto di forza del disco, che nei suoi trentasei minuti regala picchi di qualità e intensità; un’intensità data anche da un moderato utilizzo di sample, tastiere ed altri effetti sparsi in giro per i brani

PROG ROCK

Motorpsycho – The Crucible
The Crucible è un album bellissimo, uno dei loro (dei Motorpsycho, NdA) migliori senza alcun dubbio, che prosegue la strada aperta con The Tower e lo fa pescando tanto dalla tradizione psichedelica quanto da quella prog e jazz, per un risultato ricchissimo ed emozionante. Band infinita e album che merita un posto tra le migliori uscite del 2019 e non solo. Non da intendere come regalo solo per nostalgici dell’epopea prog dei primi anni Settanta: questo è un disco da avere per tutti coloro che amano la bella musica.

A risentirci tra un mese!!!



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Grinpad
Clicca per ingrandire
Yawning Man
Clicca per ingrandire
Nebula
Clicca per ingrandire
Kvelertak
Clicca per ingrandire
Neptunian Maximalism
Clicca per ingrandire
VoidCeremony
Clicca per ingrandire
Venomous Skeleton
Clicca per ingrandire
Ulthar
Clicca per ingrandire
Motorpsycho
ARTICOLI
21/02/2021
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 36 - Paysage d’Hiver, Ensiferum, Vanden Plas, Saint Vitus, The Pineapple Thief, Bring Me the Horizon, Bell Witch, Loathe, Hateful.....
24/01/2021
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 35 - Motorpsycho, Kvelertak, Neptunian Maximalism, Yaldabaoth , Grave Circles, Havukruunu, Yawning Man......
30/06/2019
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 34 - Beast in Black, Bio-Cancer, Five Finger Death Punch, Antichrist, Revocation, Godwatt e tanta altra bella e rilassante musica estiva
01/04/2019
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 33 - Halford, Negacy, Prophilax, Gama Bomb, Kingcrow, Acid, Godwatt, Necrophobic ed altre storie in musica
31/12/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 32 - Plini, The Ocean, Heroes del Silencio, Calvary, Death SS, Strana Officina, Folkstone, ma anche...
30/09/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 31 - Greta Van Fleet, Little Caesar, The Night Flight Orchestra, The Black Dahlia Murder, Marilyn Manson e....
30/06/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 30 - Letture per l'estate
31/03/2018
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 29 - Metallica, Pink Floyd, Sanctuary, Ten, Anvil, Power Trip, Havok e tanto altro
31/12/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 28 - Judas Priest, Halestorm, Rival Sons, TT Quick, Goatsodomizers, Lords of Black e tante altre band molto natalizie.
29/09/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 27 - Aerosmith, Genesis, DragonForce, Destroyer 666, NitroVolt, Serpent Ritual e molte altre chicche
30/06/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 26 - The Cult, Megadeth, Hypersonic, Firewind, Helmet, Destroyer 666, Hour of Penance, ma anche...
31/03/2017
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 25 - Silverhead, Galneyrus, Glenn Tipton, Mark Boals, Silvertide, Slade, Twilight Force, ma anche...
31/12/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 24 - Iron Maiden, Rhapsody, Jorn, Exodus, Nasty Savage and many others
30/09/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 23 - Baroness, Godsmack, Volbeat, Ensiferum, Five Finger Death Punch, Sick of it All, Darkthrone, HammerFall e varia umanità.
02/07/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 22 - Def Leppard, Megadeth, Circle II Circle, Iron Maiden, Discharge and many more...
30/03/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 21 - Rainbow, Venom, Van Halen, Megadeth, Grave Digger e...
02/01/2016
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 20 - Savage Grace, Mekong Delta, Halestorm, Domine, Ron Jarzombek, Tad Morose, English Dogs e...
03/10/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 19 - Iron Maiden, Grave Digger, Domine, Amassado, Sleepy Hollow, Marillion...
30/06/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 18 - Morgana Lefay, Axxis, Uli Jon Roth, White Skull, Aborted Fetus e poi...
28/03/2015
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 17 - Gama Bomb, Chastain, Battleaxe, Omen, Pink Cream 69....
27/12/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 16 - Place Vendome, Stryper, Helstar, Shrapnel, Solefald e..
13/09/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 15 - Mercyful Fate, Omen, Exxplorer, Shah, HammerFall, Y&T.....
09/06/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 14 - Rainbow, Pretty Maids, Jorn, Trouble, Raven, Iron Maiden.....
09/03/2014
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 13 - Scorpions, Oliva, Bon Jovi, Megadeth, Grinder e...
18/12/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 12 - Ayreon, Heretic, Hellion, Icon, Vendetta e.....
25/08/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 11 - Royal Hunt, Paradox, Saigon Kick, Malice e......
23/04/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 10 - Dust, The Parlor Mob, Heritage, Abattoir, Clientelle, Graveyard ed altre strane genti.
22/01/2013
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 9 - Corpus, Voivod, Benedictum, Arwen, Isengard, Watchtower e tanti altri
08/10/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 8 - Baton Rouge, Crisis, Endovein, Primal Scream, Vektor, Mad Poltergeist ed altro ancora...
06/07/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 7 - Dark Age, Liege Lord, Marshall Law, Vanir, Waylander e molti altri ancora....
20/03/2012
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 6 - Oz, Dust, Lamb Of God, Deftones, Draugr, Suidakra ed altri ancora...
31/12/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 5 - Oral, Kurnalcool, Believer, Drapsnatt e molti altri ancora...
07/10/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 4 - Samson, Avenger, Laaz Rockit, Nuclear Assault, The Darkness...
27/06/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 3 - Ill NIno, Budgie, Warhorse, Nuclear Assault, Vio-Lence e molti altri...
30/04/2011
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 2 - Balrog, Death Mechanism, Hatred, Fozzy, Living Death e molto altro...
20/07/2009
Articolo
L‘ARCHIVIO DELLA ‘ZINE
# 1 - Dai Rush a Satriani, passando per Sepultura, Sentenced e tanti altri...
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]