Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Carcass
Torn Arteries
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/21
POP. 1280
Museum On The Horizon

24/09/21
WALDGEFLUSTER
Dahoam

24/09/21
SECOND REIGN
Gravity

24/09/21
URIAH HEEP
Every Day Rocks (Box-Set)

24/09/21
UNTO OTHERS
Strength

24/09/21
ISKANDR
Vergezicht

24/09/21
SPIRIT BOMB
Tight

24/09/21
LLNN
Unmarker

24/09/21
SECOND REIGN
Gravity

24/09/21
WE BUTTER THE BREAD WITH BUTTER
Das Album

CONCERTI

24/09/21
TRIBULATION + BØLZER + MOLASSESS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

24/09/21
LA MORTE VIENE DALLO SPAZIO
ZIGGY CLUB - TORINO

25/09/21
METALITALIA.COM FESTIVAL
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/09/21
SAN LEO
ZIGGY CLUB - TORINO

28/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI - MILANO

29/09/21
EVANESCENCE + WITHIN TEMPTATION
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

29/09/21
OPETH + THE VINTAGE CARAVAN
TEATRO ROMANO DI OSTIA ANTICA - ROMA

29/09/21
AMENRA
LINK - BOLOGNA

02/10/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

12/10/21
POWERWOLF
ALCATRAZ - MILANO

BONES - #14 - Melissa, Dungeon Serpent, Sentiero dei Principi, Holdlajtorja, Trench Stench
27/07/2021 (384 letture)
Melissa - Melissa (Flesh Prison, 2021)

Tracklist:
1. Intro
2. Breonna
3. Jennifer
4. Jacob
5. Christopher


Formazione:
Jane Pain (Voce)
Goranus (Chitarra)
Tyler Kane (Basso)
Gruesome Maxwell (Batteria)

Esordio assoluto per i Melissa, gruppo di New York fondato dalla stravagante arista Jane Pain che debutta con un omonimo EP per la Flesh Prison. Se a parlare chiaro c’è una copertina che ricorda qualcosa di ben definito, ecco che superata l’intro si entra in contatto con un black metal dalle tinte punk che ricorda i Mayhem del seminale Deathcrush. Via quindi con chitarre taglienti e atmosfere lugubri, con lo scream della cantante a guidarci in circa quindici minuti di musica sporca, maligna, ma fatta a dovere; i pezzi godono infatti di una buona varietà offrendo diverse soluzioni lontane dal caos totale, tanto che la produzione è sì “vecchia scuola”, ma ogni strumento è tranquillamente rintracciabile e chiaro. Dalle ritmiche più black passiamo per dei mid-tempo più paranoici come i Breonna, senza lasciare da parte delle buone armonizzazioni che ci riconducono sempre ai capolavori del black. Va da sé che qualche riff si presenta molto legato alla scuola di Hellhammer/Celtic Frost (Jacob), è quasi inevitabile, ma al netto della poca originalità bisogna dire che il progetto riesce a convincere e apparire tanto genuino quanto piacevole.

Dungeon Serpent - World of Sorrows (Desert Wastelands Productions, 2021)

Tracklist:

1. Necroscope
2. Decay
3. Immortal Incubation
4. Cosmic Sorcery
5. World of Sorrows


Formazione:
Arawn (Voce, Chitarra, Basso, Synth, Drum machine)

Musicisti ospiti:
J. Hook (Drum machine, Synth)

Le etichette con cui vengono descritti alcuni progetti lasciano ormai un po’ il tempo che trovano e non sono certamente il punto su cui focalizzare l’ascolto, ma il fatto che i Dungeon Serpent, progetto solista del Arawn, siano descritti come “brutal melodic death metal” è alquanto curioso e attira sicuramente. E c’è da dire che in effetti calza piuttosto a pennello, dato che la proposta è un death metal brutale e melodico che non è però da confondersi come un melodic death molto orecchiabile e moderno, tutt’altro; all’interno di una proposta molto violenta, con un growl profondo e cavernoso, ricca di blast beat e soluzioni cariche di violenza s’incontrano tante soluzioni melodiche date da riff, assoli, fraseggi e qualche arpeggio. Diciamo quindi che è una violenza che poggia su di una ricca struttura che cura molto l’armonia, con delle fonti d’ispirazione che vanno dai Kataklysm più vecchi passando per Edge of Sanity e simili. La titletrack di undici minuti è un pezzo strumentale in cui Arawn dà sfoggio a tutta la sua creatività lanciandosi in lunghi assoli, soluzioni melodiche che si appoggiano a ritmiche di vario tipo e in cui l’aspetto “epicheggiante” di brani come Cosmic Sorcery o Immortal Incubation. Trentacinque minuti molto interessanti in cui vi sono delle idee che se sfruttate a dovere potrebbero portare il canadese a farsi notare sia da chi cerca death melodico sia da chi proprio non la digerisce.

Sentiero dei Principi - Romantic Black Metal Manifesto (Esercito della Chiesa Dorata, 2021)

Tracklist:
1. Tutto il sangue del mondo non potrà mai placare il mio dolore
2. Reincarnarsi in una tenia


Formazione:
Nicola Redavid (Voce, Tutti gli strumenti)

Altro debutto assoluto, questa volta parliamo di un progetto pugliese con un nome molto suggestivo: Sentiero dei Principi. Altrettanto suggestivo sono il titolo del disco e dei brani, che si pongono come una vera e propria descrizione dello stile musicale del gruppo guidato da Nicola Redavid. Due brani che mettono in mostra un black metal in cui emerge quell romanticismo fatto di sentimenti febbrili e animi tormentati, enfatizzati oltre che dalla musica stessa anche da intermezzi estrapolati da vecchi film (nulla di troppo invasivo). È un andamento fatto di sofferenza quello dei brani, violenti ma sempre costruiti su delle melodie malinconiche e disperate che ben si legano allo scream sofferto di Redavid, che diviene ancora più tagliente grazie ad una produzione lo-fi. Due brani sono pochi, è vero, ma bastano comuqnue per capire che direzione intenda prendere il Progetto, ovvero quella di un “raw black metal” melodico, sentito e che grazie ai temi che lo ispirano potrebbe diventare molto evocativo.

Holdlajtorja - Ab Oriente Ad Occidente (Autoprodotto, 2021)

Tracklist:
1. Ab Oriente Ad Occidente
2. Et Erat Subter
3. Vox In Rama


Formazione:
Kryptagonist (Sconosciuto)
Vorgrov (Sconosciuto)
Ingmar (Sconosciuto)

È un vero e proprio biglietto da visita quello che gli ungheresi Holdlajtorja pubblicano in modo del tutto indipendente con il titolo di Ab Oriente Ad Occidente. Il gruppo è formato da tre musicisti attivi in altri gruppi ungheresi tra cui a farsi notare è più che altro il nome dei Vorkuta, con all’attivo una dose piuttosto consistente di full, EP e demo. In appena otto minuti i tre imbastiscono scenari oscuri e distorti attraverso un black metal che sembra prendere la vecchia scuola nordica e riadattarla ad una visione fatta di dissonanze, passaggi evocativi ed inserimenti mistici dai richiami quasi tribali, oltre che ad una voce che non disdegna passaggi più teatrali, sia in growl che puliti (Et Erat Subter). Dominano sicuramente i mid-tempo e gli arpeggi distorti, una scelta che sicuramente aiuta l’efficacia di queste atmosfere ben realizzate anche grazie alla produzione lo-fi ma che non arriva mai a rendere incomprensibile il tutto. Pur trattandosi di soli otto minuti bisogna dire che per come sono costruiti lasciano la convinzione che ci siano le basi per qualcosa di molto interessante. Non resta che aspettare!

Trench Stench – From Beyond the Beyond (Autoprodotto, 2021)

Tracklist:
1. Blood Moon
2. In the Trees
3. Beyond the Beyond
4. C.O.C.
5. Dead end
6. Smell the Rot


Formazione:
NekroChode (Voce, Basso)
CockVomit (Chitarra)
MaggotLoad (Batteria, Synth)

Con i Trench Stench si entra in un territorio fatto di brutal death metal, grindcore e soprattutto, atmosfere horror anni 80. Sì, sicuramente qualcosa di estremamente abusato negli ultimi anni e non sempre in grado di risultare efficaci, ma i tre dell’Ohio provano a dire la loro con questo piccolo demo di tredici minuti tetri e marci. Oltre all’inserimento di intermezzi estrapolati da film horror, troviamo anche una presenza che se non massiccia è comunque considerevole dei synth, che ovviamente si fanno portatori di un suono ottantiano. Nell’insieme è qualcosa che sicuramente diverte e a tratti sembra anche ben costruito nella sua estrema semplicità fatta di accelerazioni in blast beat e rallentamenti di scuola Incantation. Più che di veri e propri riff, a dire il vero molto semplici, si può parlare di quanto il tutto risulti coinvolgente e suggestivo attraverso l’utilizzo di pochi e classici elementi; e in effetti sì, i tredici minuti suonano un po’ come un horror sonoro e vale la pena dare una chance ai tre deathster, ma è evidente che i tre necessitino qualcosa in più per riuscire a farsi notare.



Immolazione
Giovedì 29 Luglio 2021, 10.50.47
2
*fighissimo
Immolazione
Giovedì 29 Luglio 2021, 10.50.22
1
Dungeon Serpent è un progetto fighissimi.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
BONES #14
Clicca per ingrandire
Melissa - Melissa
Clicca per ingrandire
Dungeon Serpent - World of Sorrows
Clicca per ingrandire
Sentiero dei Principi - Romantic Black Metal Manifesto
Clicca per ingrandire
Holdlajtorja - Ab Oriente Ad Occidente
Clicca per ingrandire
Trench Stench – From Beyond the Beyond
RECENSIONI
ARTICOLI
28/08/2021
Articolo
BONES
#15 - Septage, Lucubration, Broder, Midnight Callings, Thecodontion, Vessel of Iniquity
27/07/2021
Articolo
BONES
#14 - Melissa, Dungeon Serpent, Sentiero dei Principi, Holdlajtorja, Trench Stench
25/06/2021
Articolo
BONES
#13 - Witch Vomit, Unfathomable Ruinaton, Taphos, Irae, Смрт, Chronic Hate
24/05/2021
Articolo
BONES
#12 - Disembodiment, Effluence, Źmiarćvieły, Ifrinn, Můra
27/04/2021
Articolo
BONES
#11 - Hideous Divinity, θoʊθ, Gastric Phantasm, Kampfeswut, Astral Tomb, Metaphobic
30/03/2021
Articolo
BONES
#10 - Turris Eburnea, Feculent, Fossilization, Tribal Gaze, Perilaxe Occlusion
25/02/2021
Articolo
BONES
#9 - Black Hole Deity, Dry Lakes, Deiquisitor, Diocletian, Coffin Mulch, Perihelion Gnosis
24/12/2020
Articolo
BONES
#8 - Cryptic Shift, Replicant, Inoculation, Astral Tomb, Gelkhammar, Crown of Ascension, Hyperdontia, Mortiferum, Fuming Mouth, Dripping
25/11/2020
Articolo
BONES
#7 - Sulphur Sun, Esoctrilihum, Psycroptic, Septage, Ixachitlan, Sciagura
28/10/2020
Articolo
BONES
#6 - Gorrch, Орд, Inferi, FATE, Atrahasis, Yxxan
24/09/2020
Articolo
BONES
#5 - 禦矢, Forþfæderasþrymcymeúpsprungennes, Cystgurgle, Wyvern, Basic Torture Procedure, Failed Treatment, The Passing
19/08/2020
Articolo
BONES
#4 - Heresiarch, Antediluvian, Apocryphetic, Ysengrin, StarGazer, Illuminated Manuscripts, Fetishism
24/07/2020
Articolo
BONES
#3 - Kuddia Attalora, Gadir, Reeking Nightshade, Blinding Sun, Sadomortuary, Celestial Key
24/06/2020
Articolo
BONES
#2 - Ayyur, Mortal Incarnation, Illuminated Manuscripts, Quilmoloncm, Celestial Conjuration, Larvae, Yoth Iria
03/05/2020
Articolo
BONES
# 1 - Continuum of Xul, Æternum Infinitus, Illuminated Manuscripts, Bacterium, Gadir
14/05/2014
Live Report
H.E.A.T + SUPERCHARGER + BAD BONES
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 09/05/2014
10/03/2014
Live Report
STEEL PANTHER + BAD BONES
Alcatraz, Milano (MI), 05/03/2013
23/06/2012
Live Report
FATSO JETSON + BONES & COMFORT + MALE DI GRACE
Lo-Fi, Milano, 15/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]