IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina del tour
Clicca per ingrandire
Litfiba in bianco e nero
Clicca per ingrandire
Bleah
Clicca per ingrandire
Ghigo Renzulli
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/10/22
ACID WITCH
Rot Among Us

03/10/22
EVEN FLOW
Mediterraneo

06/10/22
TERAMAZE
Flight of the Wounded

07/10/22
SANTIANO
Die Sehnsucht ist mein Steuermann - Das Beste aus 10 Jahren

07/10/22
COUNTERPARTS
Eulogy For Those Still Here

07/10/22
BOREALIS
Illusions

07/10/22
TONS
Hashension

07/10/22
THE CULT
Under the Midnight Sun

07/10/22
ALICATE
Butterfly

07/10/22
THE LOVECRAFT SEXTET
Miserere

CONCERTI

01/10/22
VENOM INC. + KARMIAN + JUMPSCARE + THE MOTHMAN CURSE
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/10/22
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR
ESTRAGON - BOLOGNA

02/10/22
PALLBEARER + ELDER + IRIST
BLOOM - MEZZAGO (MI)

03/10/22
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR
ATLANTICO - ROMA

04/10/22
AMON AMARTH + MACHINE HEAD + THE HALO EFFECT
LORENZINI DISTRICT - MILANO

08/10/22
INTEGRITY+FULCI+HOBOS+EYES OF THE DREAMER
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

10/10/22
SAXON + DIAMOND HEAD
ALCATRAZ - MILANO

11/10/22
GAAHLS WYRD + SAOR + GAEREA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

12/10/22
ARCH ENEMY + BEHEMOTH + CARCASS + UNTO OTHERS
ALCATRAZ - MILANO

12/10/22
FLESHGOD APOCALYPSE + EX DEO + DARK MIRROR OV TRAGEDY (ANNULLATO)
LARGO VENUE - ROMA

LITFIBA - L’Ultimo Girone 1980-2022 tour - Catania, Villa Bellini, 23/07/2022
10/08/2022 (1161 letture)
Non solo un concerto, ma uno degli show del tour d’addio di una della band più importanti della storia del rock italiano. Da una cantina di Firenze ai palchi più importanti, il loro cammino ha coinvolto tanti di noi, come testimoniato dalla presenza più che numerosa di ragazzi e ragazze che indossavano magliette di band metal al concerto tenuto nella splendida Villa Bellini a Catania. Tanto divertimento, un po’ di malinconia per una storia che finisce, ma sopra tutto tanta gioia per il “ritorno alla vita” della musica live hanno connotato la serata.

RUSTICI, MUSICA, UNA VILLA E UN(a) CASTELLO
Partenza attorno alle 16,30 da una caldissima Messina alla volta di un’ancor più calda Catania, per assistere a un concerto; e già questa per noi è la notizia. Stavolta non si tratta semplicemente della solita trasferta per andare a vedere una o più band di nostro interesse, ma del primo spettacolo musicale live cui possiamo assistere dall’inizio della pandemia. È un ritorno alla vita e non intendiamo affatto perdere tempo arrivando tardi. L’occasione è il tour d’addio dei Litfiba, non esattamente una band metal, ma che occupa un posto nel cuore di molti di noi. Magari col ruolo di “starter” nel mondo del rock duro prima di approdare ai lidi più estremi cui siamo generalmente abituati. Arriviamo a destinazione perfettamente in tempo per gustare i rustici locali e una generosa dose di una birra di marca “medievale” che da noi non si trova, ma che nella città del Vulcano è comune, per poi accedere alla location di Villa Bellini prima (davvero un ottimo posto per un concerto) e nel backstage dopo. Tutti, dagli intervenuti agli addetti all’organizzazione, sembrano vivere l’evento in modo molto rilassato e lento, in piena tradizione sicula, godendosi ogni momento in una maniera che gli anglofoni definirebbero estremamente “easy”, ma che dalle mie parti viene indicato con un ben più efficace “sdillassatu” o altro sinonimo. Dell’intervista a Ghigo Renzulli leggerete in separata sede, per il momento questa è la cronaca della serata.

RAGAZZE SCAPEZZOLATE A ISTANBUL
Arena che si riempie a poco a poco- al momento dell’inizio del concerto sarà praticamente satura - di tanti giovani, ma pure di tante persone più anziane che presumibilmente hanno cominciato a seguire il gruppo dall’inizio. Oppure l’hanno incontrato strada facendo quando comunque avevano tante primavere in meno sulle spalle. Oltre alle ovvie magliette dedicate agli anfitrioni della serata, tante quelle degli Iron Maiden e di altre band metal, a testimoniare quanto i Litfiba siano una band trasversale, che almeno in certi momenti (Terremoto, per esempio) ha unito rocker generici e metallari sotto la stessa bandiera. Suonando peraltro assieme ad alcuni nome di una certa importanza, come gli stessi Maiden o i Motorhead, per esempio. Il concerto parte in perfetto orario ed è Simoncioni a prendere per primo possesso del palco, seguito via via dagli altri, con Renzulli e Pelù a entrare per ultimi, come da giusto copione. Si parte con Ritmo #2 per scaldare il pubblico e poi La Preda, Tex’n’Duet e Proibito a tenere subito alta la tensione. La band funziona, Pelù si muove e dialoga con gli astanti nel solito modo e Ghigo è sempre riconoscibilissimo col suo stile e il suo modo di suonare, mentre gli altri tre sono musicisti troppo navigati per non fornire una prestazione all’altezza. ”Simoncia” in testa. Da lì in poi lo show alterna momenti più trascinanti e puramente rock, con tanto di invito di Pelù allo “scapezzolamento” delle astanti che frutta vari reggiseni sul palco poi appesi agli strumenti, ad altri connotati da impegno politico con rimandi al Kurdistan, a tanti altri popoli in difficoltà, allo spreco d’acqua e al “coglione col colbacco”. Canzoni basate su testi scritti magari molti anni fa, ma ancora tristemente attuali, consentono molte di queste digressioni impegnate. La scaletta si snoda attraverso tantissimi pezzi storici quali Eroi nel vento, Istanbul, Fata Morgana, El Diablo, Dimmi il nome e Cangaceiro (per l’elenco completo vedi la setlist ufficiale a fondo pagina) e inevitabili mancanze che una carriera lunga decenni condita da decine di canzoni di alto livello a disposizione, impone inevitabilmente. Per esempio, Sotto il vulcano, che è stata appena accennata presumibilmente solo perché eravamo proprio a Catania. Poco male, da Ritmo #2 a Resta la band non si è risparmiata e la gente ha lasciato Villa Bellini soddisfatta. Dopo aver magari usato nel solito modo eccessivo i cellulari per riprendere il concerto invece di goderselo appieno in ogni suo istante, filtrando continuamente attraverso uno schermo la realtà che avevano davanti agli occhi e con troppe persone che hanno dovuto far ricorso al personale sanitario per il caldo e per qualche eccesso alcolico e/o “erbivoro”. È davvero questa la parola fine sulla storia dei Litfiba? Probabilmente sì, ma per questa sera di Trinacria del 23 luglio 2022 non è importato niente a nessuno.



fasanez
Domenica 21 Agosto 2022, 14.07.44
19
Grandissimo @rob. Citazione notevole!
Rob Fleming
Venerdì 19 Agosto 2022, 19.16.20
18
Ohy @fasanez, ho capito che ci fossimo conosciuti ai tempi dell'università, tanto mi sa che all'incirca l'età è quella, avremmo fatto strage (un Graveyard of Empy bottles, per dirla alla Dogs d'Amour). Una precisazione ad un tuo ricordo che mi lusinga: l'olandese clone di Anneke riguardava la voce. L'estetica....ehm...no. caruccia, questo sì, ma la Dea era anni luce sotto quel versante.
fasanez
Venerdì 19 Agosto 2022, 15.21.10
17
@Rob 13. Ok, va bene che "noi si assume solo il due di picche", però questa tipa dei Diaframma, l'olandese clone di Anneke... bisogna anche finalizzare, specialmente se si rinuncia a Steve & co ))!!! P.S. Io per la causa mi sono sorbito i Simply Red nel tour di "Stars". Una noia infinita, quando suonarono "The right thing" e mi piacque e provai a dirgli alla tipa "Questa è carina, come te, del resto" e lei "a me questa fa proprio cagare". Chiaramente due di picche clamoroso. Scusate l'OT.
Freccia
Sabato 13 Agosto 2022, 21.06.35
16
Li ho visti al Terremoto tour e allo Spirito tour negli anni 90. Grande band. Poi dopo mondi sommersi, che ancora mi piace hanno fatto album di bassa qualità
Cavaliere nero
Sabato 13 Agosto 2022, 3.58.17
15
Ottimi dischi fino a pirata.Erano infatti il fiore all'occhiello della new Wave italica.subito dopo lo schifo più'totale con dischi di merdoso rock insulso.era ora che si levassero dai coglioni.!adieu.
Galilee
Venerdì 12 Agosto 2022, 20.24.25
14
X Rob... Porca troia I Diaframma, mica i Gazzosa. Ti è andata di lusso per essere un servo della Gleba.
Rob Fleming
Venerdì 12 Agosto 2022, 19.00.38
13
Io sono come @fasanez. Visti al Palasport di Cesena per il tour del Diablo. I pezzi celebri sono straordinari, ma mi accontento di una raccolta. Piccolo aneddoto sui Diaframma. Quel giorno suonavano nella mia città i Death SS di Heavy Demons e i Diaframma. Non c'è bisogno di dire chi volessi andare a vedere, MA la tipa che mi piaceva si disse disposta ad uscire con me se si andava a vedere i fiorentini. Finito il concerto "grazie e tanti saluti". Che dire "Servi della gleba a testa alta, verso il triangolino che ci esalta".
Rasta
Venerdì 12 Agosto 2022, 15.44.18
12
Barley Arts in confronto a questa gente erano dei filantropi.
fasanez
Venerdì 12 Agosto 2022, 14.53.41
11
Quotone per Rasta! io sono pure un feticista del vecchio biglietto, li conservo ancora come reliquie e ne ho tante! . Litfiba visti sempre a Firenze e una volta a Bologna, gran band, niente da dire, ma non mi hanno mai preso fino in fondo tranne pezzi sporadici. #Vlad 7, me li ricordo i Diaframma, se non erro ho visto che Fiumani un paio di volte al vecchio Back
Rasta
Venerdì 12 Agosto 2022, 14.19.27
10
5-8: Se ci fate caso da dopo che la mafia di ticketone ha preso il monopolio dei concerti tutti, togliendo così alle persone gran parte del piacere e della libertà di partecipare perlomeno agli eventi un po' + grandi, obbligando a dare nominativi, posti prenotati, transenne tra pubblico di serie A e di serie B, spropositi del bagarinaggio, lì non puoi andare eccetera. Spero esista un inferno apposta x chi specula bassamente sulla passione altrui. Scusate lo sfogo!
Claudio
Giovedì 11 Agosto 2022, 22.42.04
9
Visti a Campobasso a giugno, 8000 persone sold out!!! Gran concerto emozionante e ricco di classici, Pelu’ e Renzulli in gran forma. La migliore rock band italiana
Andy
Giovedì 11 Agosto 2022, 22.31.52
8
Raven.....io intendevo i prezzi esorbitanti delle bands internazionali o se vuoi dei nostri promoters truffaldini...i litfiba sono ancora abbastanza accessibili...pero' 35 + prevendita...be insomma..parliamone...quando andavo a vederli io prendevano tra si e no 20 milalire a biglietto....
Vitadathrasher
Giovedì 11 Agosto 2022, 18.18.14
7
Per me non erano neanche gli anti Ligabue, per il semplice fatto che loro erano nati prima e ho sempre considerato Ligabue una sorta di derivato di Vasco e dei Litfiba, infatti mai preso in considerazione in quanto una brutta copia, con atteggiamento da macho nostrano? Boh? Comunque antipatico a vederlo anche a livello somatico. I Litfiba anni 80 e primi 90 erano avanguardia qui in Italia. Poi da fiorentino che ha vissuto il periodo d’oro ci metto anche i diaframma.
Ovest
Giovedì 11 Agosto 2022, 17.06.56
6
Visti nel 98, tour Mondi Sommersi. Che tempi, che ricordi. Le loro canzoni erano mai banali, mai ripetitive. Spesso libere dalla struttura strofa/coro. Per me erano gli anti-Ligabue a quei tempi. Poi si separarono, arrivo' il toro loco ecc. Persi di vista
Raven
Mercoledì 10 Agosto 2022, 20.13.58
5
Il prezzo medio era di 35 euro. Non ultra-popolare, ma non lo definirei esorbitante.
Andy
Mercoledì 10 Agosto 2022, 20.05.33
4
i Litfiba son stati una grande band...la piu' grande rock band sul suolo italico....hanno avuto, in piu' piccolo, una storia simile ai The Cult....stesse origini new wave trasformatesi poi in grande rock...la band andava vista dal vivo per lo meno nei primi anni 90 dove ricordo impostavano un concerto dal vero impatto heavy....i tour di terremoto e spirito son stati i migliori...io andavo sempre nella bolgia di firenze dove ill pubblico era davvero caloroso con loro...ci siamo divertiti molto...ora sti due vogliono solo raccimolare gli ultimi denari e vedo il tutto come sporco business...daltronde anche guns...kiss o acdc fanno questo a prezzi esorbitanti....a questa disfatta di motivato rock io non partecipo!...saluti!
Galilee
Mercoledì 10 Agosto 2022, 16.46.20
3
Mai visti nemmeno io, nonostante li abbia Ascoltati a non finire. Adesso non è il momento, ormai sono un economicamente un barbone.
angus71
Mercoledì 10 Agosto 2022, 14.57.06
2
non sono mai stato un grande fan di Ghigo onestamente. ma i Litfiba, soprattutto i primi 3, hanno sfornato ottima musica. Grandi.purtroppo mi sono accorto tardi del tour, altrimenti sarei andato sicuramente a vederli.
MetalFlaz
Mercoledì 10 Agosto 2022, 9.59.06
1
visti 2 volte durante questo tour (ah gli amori giovanili!), hanno fatto tanti brani storici da pelle d'oca, nulla da dire sulle performance (anche se, togliendo le cazzate come lo scapezzolamento e un po' di bla bla bla, avrebbe trovato posto un brano in più, ma va beh fa parte del gioco) e sulla formazione (lo so che non è quella storica, ma hanno suonato benissimo, quindi diamone atto), anche se una seconda chitarra in più non avrebbe fatto male.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Proibito
Clicca per ingrandire
Piero Pelù
Clicca per ingrandire
Litfiba
RECENSIONI
78
85
74
75
80
90
86
ARTICOLI
10/08/2022
Live Report
LITFIBA
L’Ultimo Girone 1980-2022 tour - Catania, Villa Bellini, 23/07/2022
01/05/2021
Articolo
LITFIBA
L'autobiografia di Ghigo Renzulli
15/06/2017
Live Report
LITFIBA
Arena Esterna Le Gru, Grugliasco (TO), 09/06/2017
20/11/2011
Articolo
LITFIBA
# 2 - La Tetralogia Degli Elementi
12/11/2011
Articolo
LITFIBA
# 1 - La Trilogia Del Potere
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]