Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/11/19
INFERITVM
The Grimoires

25/11/19
NOCTURNAL DEPRESSION
Tides of Despair

27/11/19
EGOSYSTEMA
Distance

28/11/19
DISHARMONY
Messe de Minuit

28/11/19
BLOOMING CARRIONS
Sisters in Blooming Flesh

29/11/19
CORONATUS
The Eminence of Nature

29/11/19
MOLLY HATCHET
Battleground

29/11/19
SUN OF THE DYING
The Earth Is Silent

29/11/19
MISERY LOVES CO.
Zero

29/11/19
ÖXXÖ XÖÖX
Ÿ

CONCERTI

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

23/11/19
STRANA OFFICINA
THE FACTORY - CASTEL D'AZZANO (VR)

23/11/19
GESCHLECHT + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

23/11/19
MORTUARY DRAPE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

23/11/19
NEID + GUESTS
LIBERA OFFICINA - MODENA

23/11/19
THE END AT THE BEGINNING + GUESTS
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

24/11/19
GRETA VAN FLEET
ALCATRAZ - MILANO

24/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
TRAFFIC LIVE CLUB - ROMA

DREAM THEATER - Parla Mike Portnoy
08/11/2007 (6373 letture)
Roma 26/10/07 – In un caldo pomeriggio di fine Ottobre, più o meno alle 18:00, è avvenuta una delle cose più incredibili della mia “carriera” di reporter e, della mia vita da fan dei Dream Theater, incontrare Mike Portnoy. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente Metallized (nelle persone di Thomas Bartlett e Renato Zampieri) per avermi dato questa possibilità.
Mike Portnoy è stata la mia prima intervista per Metallized e, non vi nascondo che al cospetto del batterista di Long Island l’emozione è stata notevole. Impossibile non emozionarsi davanti ad uno dei tuoi idoli che segui da quando avevi dieci anni.
Ecco com’è andata.

Roberto Tirelli - Buona sera sig. Portnoy, piacere di conoscerla.
Mike Portnoy - Piacere mio, come stai?

Rob - Bene. Allora com’è essere tornati in Italia?
MP - È sempre fantastico perché i fans italiani sono tra i nostri preferiti.

Rob - Come hai appena detto il pubblico italiano è uno dei migliori al mondo.
MP - Sicuramente.

Rob - C’è qualcosa di particolare nel suonare in Italia?
MP - Ti riferisci ai fans?

Rob - Si.
MP - Bè… puoi veramente sentire la loro passione. Anche ieri sera (Bologna 25/10 - ndr) prima che salissimo sul palco ho lanciato uno sguardo sulla platea, anche quando non c’era nessuno sul palco, riuscivi a sentire un’energia nell’aria, è una cosa che succede solo qui, è una cosa diversa dal resto del mondo… mentre noi suoniamo, il modo in cui il pubblico canta, anche sulle parti strumentali, canta le melodie, è… è qualcosa che ci fa venire sempre i brividi.

Rob - Parliamo di “Systematic Chaos”. Probabilmente saprai che l’album è entrato al secondo posto della classifica italiana. Vi aspettavate un successo così grande?
MP - Onestamente, non faccio molta attenzione alla posizione in classifica dei nostri album. Sono sempre preoccupato dell’album in se stesso. Una volta che l’abbiamo finito è al di fuori delle nostre mani, è nelle mani della casa discografica e dei fans ma, avere una posizione di successo in classifica… è perfetto, è fantastico. Ce lo aspettiamo? Non ce lo aspettiamo ma, sappiamo quanto è numerosa la nostra fanbase, quindi, è sempre bello quando puoi vedere dei buoni risultati ma, per me non è la cosa più importante.

Rob - Secondo me “Systematic Chaos” rappresenta una sintesi di “Train Of Thought” e “Octavarium”. Perché ha lo stesso atteggiamento heavy di “Tarin Of Thought” ma, allo stesso tempo, gli spunti progressive di “Octavarium”. Pensi che questo sia vero in qualche modo?
MP - Sono d’accordo al cento per cento. Ho descritto l’album con le stesse e identiche parole.

Rob - C’è una cosa in particolare, del nuovo album, che mi ha sorpreso molto. Sto parlando dei testi. Per esempio canzoni come “In The Presence Of Enemies”, “The Dark Eternal Night” oppure “Forsaken” sono ispirate da elementi fantastici e di finzione. Come ci spieghi questa scelta?
MP- Bè… questa è una risposta che dovrebbe darti John, perché lui ha scritto questi testi ma, so che voleva di proposito avere uno stile un po’ diverso con questo album, voleva provare a scrivere testi più “romanzati”, in passato lo ha fatto, per esempio “The Killing Hand” e “Metropolis” erano in quello stile. Non scriveva canzoni di questo tipo da molto tempo, quindi, penso che abbia voluto provarci perché era da molto che non lo faceva.

Rob - Al contrario, James LaBrie ha scritto il testo di “Prophets Of War” che è basata su fatti reali (guerra - ndr). Mi piacerebbe sapere cosa pensi di questioni molto discusse come la guerra in Iraq e la politica estera degli Stati Uniti.
MP - Cosa ne penso io personalmente?

Rob - Si, certo.
MP - Non me ne importa niente di quella “roba” (usa un linguaggio un po’ più “colorito” - NdR). Quando guardo la tv sono più interessato… al divorzio di Britney Spears o alle stelle di Hollywood, non me ne frega un bel niente della politica, quindi, non mi informo nemmeno su di essa.

Rob - Cambiamo argomento. Una volta hai detto che i videoclip non erano la dimensione dei Dream Theater. Infatti, il vostro ultimo video è “Hollow Years” che risale al 1997. Dieci anni dopo, avete girato un nuovo video per “Constant Motion”. Cosa è cambiato in questi dieci anni?
MP - Bè… quando abbiamo smesso di fare videoclip nel 1997 aveva un senso fermarci a quel tempo, perché l’unica possibilità era Mtv che non era affatto interessata ai Dream Theater. Quindi, fino al 1997 era uno spreco di tempo e denaro ma, dal 1997 in poi, tutto il Mondo ha avuto la possibilità di collegarsi ad Internet, quindi, oggi ha di nuovo un senso per i Dream Theater girare un video, perché, anche se Mtv non lo trasmette, ci sono altre possibilità, come You Tube o Itunes, tutti posti dove un videoclip può essere una… come dire… una buona strategia di marketing, sicuramente oggi è di nuovo sensato girare un video.
In realtà, ti confesso che anche un po’ d’anni fa, anche per i nostri ultimi album, volevo girare un video. Volevo girarne uno per “As I Am” da “Train Of Thought”, uno per “I Walk Beside You” da “Octavarium” ma, a quel punto la casa discografica non era più interessata a promuovere i Dream Theater sotto questo punto di vista. Una volta arrivati alla Roadrunner abbiamo potuto affrontare di nuovo l’argomento.

Rob - “Systematic Chaos” significa anche una nuova etichetta. Perché avete scelto la Roadrunner?
MP - Per me è stata una decisione naturale, è stata la decisione più ovvia. Volevamo andarcene da una major discografica perché siamo stati legati per quindici anni all’Atlantic e, una volta chiuso il contratto, abbiamo avuto diverse offerte anche interessanti, la stessa Atlantic voleva trattenerci ma, abbiamo visto i pro e i contro del mondo delle majors e quello che possono fare ad una band, quindi abbiamo deciso di andar via da quel tipo di ambiente e, la Roadrunner è stata la scelta più ovvia. Quasi tutti i miei gruppi preferiti sono su Roadrunner, loro hanno uno spirito veramente indipendente e hanno un roster con molta integrità, allo stesso tempo hanno le dimensioni di una major ma, non sono una major, lasciano ancora spazio alle persone.
Sai, quando eravamo con l’Atlantic eravamo come… un grande pesce in uno stagno piccolo, perché loro avevano gruppi Rap, gruppi R‘n’N, gruppi Pop, quindi, eravamo mischiati in un’accozzaglia su una major come quella. Invece, la Roadrunner è un mondo focalizzato sull’ hard rock e l’heavy metal, dove possiamo sicuramente imporci in cima al roster e avere l’attenzione che ci siamo meritati e che abbiamo guadagnato in tutto questo tempo.

Rob - L’11 Settembre 2001 è stato un giorno triste per l’America. Sono passati sei anni, cosa ricordi di quel giorno tragico?
MP - Ogni volta che vedo un documentario o un film che tratta dell’11 Settembre ancora non mi sembra una cosa vera, mi sembra un qualcosa di completamente surreale. Cosa ricordo di quel giorno? Ero incollato alla tv, ero shockato. Pensavo che quel giorno sarebbe rimasto nei libri di storia per sempre. Era spaventoso. Ricordo di aver pensato che quello poteva essere l’inizio della terza guerra mondiale. È stato un giorno spaventoso e shockante che ancora oggi e, per sempre sarà ricordato.

Rob - Internet ha rivoluzionato le nostre vite. Siti come You Tube, My Space oppure webzine musicali come la nostra sono molto importanti secondo me. Cosa ne pensi?
MP - Sono stati uno strumento incredibilmente positivo per i Dream Theater. Perché noi non potevamo contare su Mtv, su Rolling Stone sulle radio e su tutti i media mainstream.
Abbiamo potuto costruire la carriera di questa band sulla forza di Internet. I fans hanno potuto ottenere informazioni su di noi, le date dei concerti, hanno potuto comunicare con altri fans in tutto il Mondo. Internet è stato uno strumento incredibilmente importante per la nostra crescita e per il nostro progresso.

Rob - Ok Mike, per me è abbastanza (in realtà lo era più per il suo tour manager). Ora puoi dire qualsiasi cosa per chiudere l’intervista.
MP - Ciao baby! (risate)



silvereagle
Lunedì 21 Settembre 2009, 19.21.29
21
un gruppone,indubbiamente un gruppone!!!iper tecnici e funambolici,cm daltronde vuole il genere di metal ke propongono,il progressive.In formazione hanno uno dei migliori kitarristi in circolazione,un batterista ke mi sembra sia nei primi 3 al mondo...una voce devo dire stupenda....e cmq nn sono appassionato del prog,ma cmq e' sempre un piacere sentire i dream,pke lo fanno cn passione e professionalita,ad altissimi livelli....sn fortissimi!
Whawhaman
Mercoledì 24 Dicembre 2008, 19.10.39
20
cmq...volevo dire ke i dream theater sono i migliori i assoluto...li seguo dal 2005, ma in poco tempo ho ascoltato tutte le loro canzoni e mi sn subito appassionato a questo genere di musica...STAY PROG.!!!
Whawhaman
Mercoledì 24 Dicembre 2008, 19.04.19
19
cavolo! ma è davvero basso mike...più o meno quanto è alto?
Whawhaman
Mercoledì 24 Dicembre 2008, 19.02.06
18
forte hai parlato cn mike!!!! E john petrucci c'era?
mauro
Mercoledì 19 Novembre 2008, 20.43.06
17
rob...a quanto pare qui hai una grande reputazione, complimenti per le rencensioni....ne ho letta qualcuna. purtroppo solo ora ho visitato questo sito, perchè mi dimenticavo sempre di farlo (mi scuso per questo) e devo dire che d'ora in poi sarò un assiduo visitatore perchè sicuramente troverò cose interessantissime e buoni consigli per la mia crescita "metalculturale".
Pablo
Giovedì 31 Gennaio 2008, 15.41.52
16
Quello nella foto è mio cugino!!!!!!!!!! Grande Roby... minchia che invidia!!!
Amato
Giovedì 15 Novembre 2007, 17.24.27
15
Ottima fratè!!...Complimenti ufficiali
CIKY(/
Martedì 13 Novembre 2007, 23.28.28
14
Grande Robby sei il mio reporter preferito continua così...un saluto ai lettori di metallized
Gianluca
Martedì 13 Novembre 2007, 22.24.15
13
Grandissimi DT, insuperabili!!!!!
Thomas
Martedì 13 Novembre 2007, 15.21.19
12
Credo anch'io che portnoy non si interessi molto di politica, come lui stesso ha affermato .
Il Mentalista
Martedì 13 Novembre 2007, 11.12.44
11
Hai ragione Bazooka, ho confuso i due personaggi comunque non mi sembra che i musicisti americani in genere si facciano problemi a sparare a zero contro bush e la sua politica estera, quindi forse le parole di Portnoy sono da prendere come vere. E questo è ancora peggio...
Rob
Domenica 11 Novembre 2007, 20.40.06
10
Eh no bazooka, il tour manager è arrivato alla fine dell'intervista... quando ho fatto la domanda eravamo soli... Cmq... per la cronaca mi è sembrato che Mike si riferisse in generale alla politica... sicuramente non alla guerra in Iraq per la quale, i DT hanno più volte affermato la propria contrarietà... anche con le canzoni, "Prophets Of War" appunto...
bazooka
Domenica 11 Novembre 2007, 18.53.20
9
Scusate, ho scritto male "Theater".
bazooka
Domenica 11 Novembre 2007, 18.49.15
8
Secondo me non è vero che a Portnoy non gliene frega niente della politica estera del suo paese e dell' Iraq. Credo che non voglia gettare (altro) fango su G. W. Bush (gli americani sono già abbastanza incavolati per tutti i soldi e le vite umane spese in questo nuovo Vietnam) e, soprattutto, evitare che, in America, qualche giornalista scriva che Portnoy in Italia ha parlato male di Bush, con conseguente polemica che avrebbe coinvolto il gruppo dei Theather. E poi Portnoy, oltretutto sorvegliato dal suo tour manager, preferiva sicuramente parlare di musica. X il Mentalista: Fudo della montagna è un personaggio della serie "Ken il guerriero", non de "I 5 samurai" (Ryo il fuoco, Sami la luce ecc...). Forse hai confuso Fudo con Shido della terra.
Rob
Venerdì 9 Novembre 2007, 20.11.47
7
Si si... già Thom mi ha tirato le orecchie... lo conoscevo cmq Potevo chiederlo a Mike!
Il Mentalista
Venerdì 9 Novembre 2007, 19.46.56
6
non dirmi che non hai mai visto i 5 samurai...
Rob
Venerdì 9 Novembre 2007, 19.25.38
5
Thx Caro Seba ce la potevamo dividere al max Thom ma chi è Fudo della montagna?!?! D'accordo sul meno ciccio cmq!
Syd
Venerdì 9 Novembre 2007, 15.00.33
4
Bel colpo Rob!
Thomas
Venerdì 9 Novembre 2007, 10.56.46
3
E' il gigante buono come fudo della montagna, meno ciccio però
WildChild
Venerdì 9 Novembre 2007, 10.41.01
2
Rob, ma sei gigantesto! Una spanna abbondante più alto di Mike! Avevo intenzione di giocarmi l'intervista con te in una lotta all'ultimo sangue... ma fortunatamente ho cambiato idea! Anche perchè hai fatto un gran lavoro!
Il Mentalista
Giovedì 8 Novembre 2007, 23.15.34
1
l'emozione è talmente forte che hai scritto tutto in grassetto eheh... rob è meghj ' e Pelè!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Io e Mike Portnoy
RECENSIONI
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
16/07/2019
Live Report
DREAM THEATER
Teatro Antico, Taormina (ME), 10/07/2019
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]