Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
DOMINANZ
Let The Death Enter

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
STEVEN WILSON
Home Invasion: In Concert At The Royal Albert Hall

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

OPETH - Transilvania Live, Milano, 17/02/2003
26/02/2003 (3701 letture)

Poche parole per dire che con questo report cercherò di far rivivere (a chi c'era) un vero e proprio evento e di far pentire gli assenti di non aver assistito ad un concerto da raccontare a figli e nipoti...buona lettura...

L'ATTESA….
Fin dall'arrivo al TRANSILVANIA è palpabile l'attesa per questo concerto:già dalle 18 in punto,un discreto numero di fan è presente di fronte ai cancelli;l'ansia e la voglia di assistere alla performance live di una delle band + innovative e creative del momento è evidente,tanto che col passare dei minuti il numero delle persone in attesa cresce vertiginosamente.Tra l'altro ho modo di constatare come la tribù dei sostenitori degli OPETH abbia ormai un carattere trasversale:si va dal metallaro classico,al fan del rock progressivo,passando da persone normalissime fino ai dark + oscuri!Alle 19 e 30 si aprono i cancelli e ci si riversa tutti nel locale……l'evento ha inizio…..

Special guests:MADDER MORTEM
Dopo mezz'ora di attesa,parte lo show del gruppo di supporto:i MADDER MORTEM;la band proveniente dalla NORVEGIA(e fresca autrice del cd DEADLANDS per la CENTURY MEDIA)sfoggia un sound che strumentalmente rimanda a VOIVOD e KING CRIMSON,mentre dal punto di vista vocale la brava AGNETE mi ha ricordato in + passaggi ANN-MARI EDVARDSEN dei mitici THE THIRD AND THE MORTAL.Putroppo la musica complessa ed oscura non è stata apprezzata da tutto il pubblico,anche se va detto che i ragazzi non hanno fatto mancare il loro supporto alla band.
Da parte mia posso dire che se il primo brano eseguito,mi aveva lasciato alquanto interdetto,col proseguire della performance del gruppo mi sono trovato ad apprezzare sempre + la musica eseguita,tanto da rimanere estasiato di fronte alla stupenda SAVE US!
Tra l'altro da rimarcare come la band abbia eseguito dei brani tecnicamente assai complessi in modo quasi perfetto(ottimi i due chitarristi BP e EIRIK) e soprattutto con una pulizia di suoni ed esecuzione che ha permesso di meglio comprendere le trame sonore di pezzi di non facile presa.La speranza è di rivederli al + presto dalle nostre parti magari con + tempo a disposizione,anche perché devo dire che il loro concerto mi ha letteralmente catturato e posso d'ora in poi annoverarmi tra i fans della band!

L'EVENTO:OPETH
Dopo una snervante attesa, alle 21 in punto, parte un intro orientaleggiante(accompagnata da un urlo liberatorio del pubblico)seguita dall'entrata in scena della band:è subito delirio perché gli OPETH attaccano a testa bassa,con una sconvolgente versione di THE LEPER AFFINITY;i suoni sono ottimi(anche se la doppia cassa di MARTIN LOPEZ rimbomba eccessivamente,coprendo le trame bassistiche di MARTIN MENDEZ)e l'esecuzione è da brividi,tanto che al primo break all' interno del brano,parte uno dei tanti scroscianti applausi,che caratterizzeranno la serata.
Non faccio in tempo a riprendermi dalla botta,che MIKE e C.,decidono di farmi infartare,riprendendo(dal magico MORNINGRISE)ADVENT:13 minuti di autentica magia,che la band esegue in maniera superlativa e che testimonia l'intesa"gemellare" tra le chitarre di MIKE AKERFELDT e PETER LINDBERG..
Ma è il turno del nuovo disco e da DELIVERANCE viene estratta proprio la già epocale title track, con AKERFELDT perfetto sia nei growling che nelle commoventi clean vocals;segue poi la mitica THE DRAPERY FALL(da BLACKWATER PARK)in + passaggi cantata dal pubblico e in grado di creare un atmosfera quasi mistica!Si torna,poi,al passato della band con l'esecuzione della trasognata GODHEADS LAMENT (da STILL LIFE)e CREDENCE superba ballata figlia di MY ARMS, YOUE HEARSE.
Ma non c'è tempo per rifiatare dato che la band spara due assi come BLEAK(da BLACKWATER PARK) e A FAIR JUDGEMENT(da DELIVERANCE)entrambe cantate da MIKE coadiuvato da un pubblico del TRANSILVANIA in perfetta simbiosi esecutiva!
Sembra la fine del concerto,ma gli OPETH tornano sul palco per gli immancabili bis:ecco che a sorpresa viene eseguita la stupenda HARVEST,ballata acustica contenuta in BLACKWATER PARK(che MIKE confessa essere stata eseguita live al massimo 2 volte);segue DEMON OF THE FALL da MY HARMS ,YOUR HEARSE,che provoca in me un autentico delirio emozionale!
Che dire…un concerto stupendo ed emozionale;la band ha suonato in maniera superba,vicina alla perfezione e il feeling col pubblico ha contribuito a rendere brani già di per se emozionanti ancora + sconvolgenti.Da sottolineare la prestazione superba di MARTIN LOPEZ alla batteria,caratterizzata da continui controtempi e finezze jazz,nonché da un uso dei piatti e delle dinamiche favoloso!Sicuramente un concerto destinato ad ampliare ancora di + la fama del gruppo,che ha promesso di tornare al + presto per il tour a supporto di DAMNATION.

L'after-show
Breve chiusura dedicata al dopo concerto:sì perché gli OPETH al contrario di tante band anche meno blasonate (che dicono di amare i propri fans e invece li evitano come la peste),tengono al contatto con la propria audience.Così dopo una ventina di minuti dalla fine del concerto un disponibilissimo PETER LINDBERG ha raggiunto i fans per autografi e foto,seguito poi da MIKE e dal resto della band. Tutti disponibilissimi anche a farsi 4 chiacchiere in allegria e ad esaudire ogni curiosità dei propri sostenitori.io ne ho approfittato per soddisfare qualcuna delle mie,venendo a sapere che:MARTIN LOPEZ alla sua prima incisione con gli OPETH(MY ARMS,YOUR HEARSE)aveva malapena 18 anni!;tra i batteristi preferiti di MARTIN vi sono VINNIE COLAIUTA e GENE HOGLAN;nel tour di DAMNATION gli OPETH riproporranno THE FACE OF MELINDA e TO BID YOU FAREWELL,inoltre avranno con se un tastierista;uno dei brani di DAMNATION(ENDING CREDITS)sarà uno strumentale descritto come"indescrivibilmente atmosferico";MIKE è un acceso fan di FAITH NOMORE(epoca THE REAL THING,ANGEL DUST) e dei VOIVOD!
Insomma una serata unica,se non lo avete capito vi siete persi il concerto dell'anno,mordetevi pure le mani….
 




IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Lo Show
RECENSIONI
65
74
60
90
91
90
89
s.v.
95
93
92
90
85
ARTICOLI
12/10/2018
Live Report
MESSA + DOPETHRONE
C.S.O. Pedro, Padova - 5/10/2018
08/11/2014
Live Report
OPETH + ALCEST
Alcatraz, Milano, 03/11/14
29/11/2011
Live Report
OPETH + PAIN OF SALVATION
Alcatraz, Milano, 24/11/2011
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
20/12/2006
Live Report
OPETH
New Age, Roncade (TV), 18/12/2006
25/12/2005
Live Report
OPETH
Rolling Stone, Milano, 13/12/2005
18/12/2005
Intervista
OPETH
Parla Martin Mendez
08/03/2004
Live Report
OPETH
Motion, Zingonia (BG), 02/10/2003
26/02/2003
Live Report
OPETH
Transilvania Live, Milano, 17/02/2003
20/02/2003
Live Report
OPETH
New Age, Roncade (TV), 18/02/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]