Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
STEVEN WILSON
Home Invasion: In Concert At The Royal Albert Hall

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
IMPRECATION
Damnatio Ad Bestias

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
VESPERINE
Espérer Sombrer

22/03/19
ACCURSED SPAWN
The Virulent Host

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

GLI ATROCI - Il concerto di Bari
28/01/2008 (5623 letture)
Testi: Giuseppe Abbinante "Il Mentalista"
Foto: Valeria Di Chiaro "§tarchild"

Con sottile ma efferata cattiveria potreste rispondere a chi vi accusa di ascoltare e magari anche apprezzare una band sui generis come Gli Atroci che, a differenza dei *immettete qui il nome del gruppo preferito del vostro interlocutore*, almeno Gli Atroci SANNO di far ridere e VOGLIONO far ridere la gente. Se poi magari cercate una scusa convincente per snobbare sistematicamente tutti i concerti tranne quello degli Atroci, l'assunto di cui sopra farà ancora il suo sporco dovere. Sia che abbiate sete di vero e purissimo metallo, sia che abbiate bisogno di farvi una bella risata a suon di musica, Gli Atroci sono lì che vi aspettano.

Con queste premesse, va da sè che un evento che vede la simpatica band bolognese per la prima volta in sud Italia sia un successo annunciato. E la mossa coraggiosa (ma indubbiamente astuta) del Nordwind disco pub di bari si è trasformata in una festa rumorosa, colorata e scomposta di metallari bislacchi, unti, puzzolenti e felici, nonchè nel primo vero passo che potrebbe portare i sei loschi figuri - per l'occasione ridotti a cinque in seguito a fetidi problemi di salute del Nano Merlino ben illustrati dal frontman - a conquistare l'intera nazione nel nome del divertimento e del tanto adorato metallo. Che Gli Atroci avessero già trionfato prima ancora di salire sul palco era evidente dall'incredibile numero persone che si sono riversate in massa nel medio-piccolo locale barese, accalcandosi sotto il palco e lasciando al prossimo poco spazio per respirare e/o godersi una birra in santa pace (ne sa qualcosa il sottoscritto, che ha visto metà della sua pinta rovesciarsi sulla sua giacca e l'altrà metà andargli di traverso in seguito ai ripetuti urti di una donzella saltellante). Forti di questa sicurezza, i cinque bizarri cantori della fede non perdono tempo a presentare, in un momento politico difficile per l'Italia, il programma del neonato partito "Il sole con le borchie":

1. Con il chiodo tutti a scuola
2. Con le borchie in ufficio
3. Orecchino anche nel naso
4. Niente doccia per un anno
5. Gli stivali anche in spiaggia
6. Solo birra a colazione
7. Ozzy Osbourne al Senato


Sarà che l'ultimo punto del programma è oggi il meno improbabile di tutti, sarà che alle melodie e ai cori sgangherati e trascinanti della opener è difficile resistere, fatto sta che Fratelli nella fede è acclamata, applaudita e cantata a gran voce (e con grandi balzi) da tutti i presenti, disposti di buon cuore convincersi (se mai ce ne fosse stato bisogno) che "il metallo tutto cambierà". Inutile dire che la band emiliana ha una presenza scenica e una capacità di coinvolgimento del pubblico degna di un consumato ensemble teatrale, utile dire invece che sotto il profilo musicale i nostri si sono rivelati tutt'altro che simpatiche macchiette: soprattutto la Bestia Assatanata alla chitarra (che per inciso assomiglia ad uno Jorn Lande d'annata) e il Lurido Cavernicolo alla batteria hanno dimostrato una tecnica e un feeling da "metallaro serio", il primo in virtù di una serie di assoli ispirati e funambolici, il secondo grazie ad una prestazione incisiva e un tocco granitico, uniti ad un carisma da pazzo scatenato che più volte mi ha fatto pensare al celeberrimo Thunderstick dei Samson e alle sue esibizioni dentro una gabbia. Imprescindibile la figura del Boia Malefico, dedito a cori e coreografie, che sta agli Atroci come il biondino tarantolato stava agli 883 negli anni '90; mi viene da chiedermi se dietro quella maschera nera e quel leggerissimo sovrappeso non ci sia proprio lui.

Tra gag esilaranti, hit estemporanee come Curati la Gotta, Il Muro (omaggio a Jump dei Van Halen) e Volevo un Taglio Semplice (prima volta in vita mia in cui mi sono sentito a disagio per i miei capelli corti) e ripetuti proclami di fede e fratellanza del carismatico frontman Profeta, la demenziale propaganda metallica degli Atroci continua allegra e spedita, toccando i suoi momenti di maggior intensità con il manowariano inno I Guerrieri del Metallo (che ottiene il doveroso e rispettoso inchino generale di - ehm, quasi - tutto il locale) ed il liturgico rituale della consegna delle tavole della fede dei Dieci Metallamenti, preceduto dal simpatico e blasfemo scambio del gesto di pace col prossimo al segno delle corna e di un "crepa" che con tutto il cuore il sottoscritto ha rivolto alla donzella che aveva precedentemente mandato in rovina la pinta di birra. Un Profeta che col passare dei minuti diventa sempre più nudo consegna magnanimo ad alcune ragazze un buono per "una trombata gratis con Gli Atroci" ed è solo per un soffio che la nostra fotografa Valeria non si trova nella ristretta cerchia di fortunate. Gli ammiccamenti del frontman durante Nemico dell'Igiene (molto "prossima" ad Highway To Hell degli AC/DC), cantata da un sorprendente Boia in versione Bon Scott, e le sue richieste di applausi alla fine delle song che passano da "applauso" ad "ovazione" a "trionfo" incontrano in modo sistematico urla, sorrisi e partecipazione di un pubblico sempre più divertito e (come fa notare Nemico dell'Igiene) sempre più sfatto e maleodorante. Merito del groove pazzesco delle varie Peppino L'Usuraio, Alvaro il Metallaro, Arrivano Gli Untori o Voglio Vederti Morire, dedicata a tutti i truzzi (indovinate invece a chi la dedicherebbe oggi il sottoscritto...), che continuano a far saltare, cantare e scapocciare i numerosi presenti senza sosta e senza ritegno, sino al gran finale con I Tuoi Amici Atroci, in cui il Profeta rimane letteralmente in mutande (di pelle).

Ad aprire la serata sono stati i Nightfall, giovanissima band locale nata e cresciuta sotto il segno del metallo più puro ed incontaminato. Ora, non so se sia stata l'emozione o lo spirito di Joey Demaio ad irrigidire i muscoli dei quattro ragazzi, ma la loro esibizione è stata viziata dall'ansia che ha preso il sopravvento sin dalle prime battute della opener, una cover di Raining Blood degli Slayer, e ha tenuto in ostaggio i quasi imberbi metalheads per i successivi nove pezzi, che annoverano certe Ace Of Spades, Brothers of Metal, Breaking the Law e persino Ghostbusters (gli Xentrix insegnano). Molto manowarani sono stati i pezzi di produzione propria proposti, tra i quali ne spicca uno dal titolo Darkness falls on the land and the night is falling again (non so dove vada tagliato). I nostri ci mettono comunque grinta, sudore e passione e, a dispetto di un risultato finale non entusiasmante, dimostrano di credere fino in fondo nel loro progetto metallico.

Alla fine della fiera, tutti (tranne i due tristissimi ragazzi sul palco addetti alle riprese e alle foto) sono tornati a casa stanchi, sudati, felici e con un rinnovato senso di appartenenza a quella minoranza che combatte da sola contro il resto del mondo con la consapevolezza di avere ragione, quei "pochi e neanche buoni" a cui l'ineffabile profeta ha promesso (minacciato) di tornare in un tripudio di urla, applausi ed acclamazioni. Come incentivo all'adesione alle nostre legioni, vi propongo un buono per una trombata gratis con Gli Atroci in cambio di una semplice risposta alla seguente domanda:

Che cosa noi suoniamo ?
Che cosa noi vogliamo ?
In cosa noi crediamo ?
Che cosa noi mangiamo ?
Con cosa ci vestiamo ?
Con chi ci trastuliamo ?
Con chi ci confidiamo ?
Per cosa moriremo?



SETLIST ATROCI
1. Fratelli nella fede
2. Curati la gotta
3. Il muro
4. Volevo un taglio semplice
5. I guerrieri del metallo (parte I e II)
6. Rivolta metallara totale
7. Arrivano gli untori
8. Le malattie
9. Peppino l'usuraio
10. Nemico dell'igiene
11. I dieci metallamenti
12. Voglio vederti morire
13. Alvaro il metallaro
14. I tuoi amici Atroci



Fables
Martedì 29 Gennaio 2008, 15.22.27
8
IL METALLO!!!!
Il Mentalista
Martedì 29 Gennaio 2008, 12.20.52
7
Grazie a tutti per il sentito commentare ragazzi, ma nessuno ha ancora risposto alla domanda finale... non vi interessa il buono?
anto
Martedì 29 Gennaio 2008, 11.48.38
6
orion...ho qualcosa in comune con te:un vetro rotto e un giubbotto in meno...(o meglio il mio ragazzo ha qualcosa in comune con te)Me li sono goduti questi atroci...però poi ad un certo punto della serata ho continuato a guardare gli altri invidiandoli per la loro forza inesauribile(la mia era esaurita)Comunque sia ho la spilletta del partito...mi pare che ormai sia rimasto l'unico partito in cui credere! UCCIDI COMBATTI oh oh oh oh oooh
OrioN
Lunedì 28 Gennaio 2008, 23.20.23
5
sèèè tu a kiang p la birr? (x i norvegesi, "ma dai, ti lamenti per una birra rovesciata?") e a me che m'hanno fregato il giubbotto dalla macchina?? SS comunque non sono d'accordo con la recensione su un punto, ovvero almeno personalmente mi han deluso nell'aspetto cabarettistico al di fuori delle canzoni... molto scontati per quanto mi riguarda.. molto aderenti alle stesse battute che fanno sui cd, poche kazzate e poca improvvisazione... per un gruppo demenziale secondo me questa componente è di primaria importanza...
Morgana
Lunedì 28 Gennaio 2008, 14.43.23
4
Bellissima recensione... XD Anche se provoca effetti collaterali, tra i quali i miei genitori che mi guardano, mentre rido da sola, e fanno "ma che hai??"... COME spiegare che sono in balia ai ricordi DEL concerto, vissuto in prima fila? *.* ...mi auguro che tornino...
Roxy
Lunedì 28 Gennaio 2008, 14.27.35
3
Al solito, le tue si che sono recensioni di cui fidarsi!!!!!
Raven
Lunedì 28 Gennaio 2008, 13.32.18
2
Una prece per la birra rovesciata Amen. (hai provato a strizzare la giacca prima di lavarla e raccogliere quanto potevi?).
valentina
Lunedì 28 Gennaio 2008, 12.48.55
1
Bellissimo report, scanzonato e divertente! Bravo, bravo mentalista! e belle forografie, brava valeria.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La Locandina
ARTICOLI
03/12/2014
Live Report
GLI ATROCI + Guest
Audiodrome, Moncalieri (TO), 28/11/2014
05/11/2012
Live Report
GLI ATROCI
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 31/10/2012
28/01/2008
Live Report
GLI ATROCI
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]