Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

MACHINE HEAD - Parla Dave McClain
28/02/2008 (3249 letture)
Quello che mi si presenta davanti in questa occasione è un Dave McClain piuttosto rilassato, con l’aria di non aver troppo da dire a questo mondo, per via di una introversione cronica costruitasi con gli anni per fare da contrappeso al personaggio abituato a trascinarsi sul palco. Una breve discussione sull’incredibile stato di forma di una band che, tra alti e bassi, ha saputo ritrovare la propria strada proprio mentre il cammino si faceva più insidioso. Signore e Signori, Machine Head…

Sette date sold out per il Black Crusade, com’è andata?
Fantastico. Era un tour che non vedevamo l’ora di fare, con delle band di grande livello, ed è stato semplicemente grandioso.

Negli ultimi anni buona parte dei grandi nomi della scena metal mondiale si è trovata a dover faticare parecchio per rimanere a galla in mezzo a questo immenso calderone di nuove band. Si da il caso che vi consideri uno di quei grandi nomi, eppure la vostra fama è cresciuta con “The Blackening”. Come ci si sente ad essere oggetto di una così piacevole controtendenza?
Oh, è meraviglioso. Speri sempre che alla gente piaccia quello che fai e con “The Blackening” credo si sia arrivati ad un livello superiore, c’è una sorta di relazione tra i fan ed il gruppo, qualcosa a livello di chimica. Ne parlavamo qualche giorno fa: sono cose che ti fanno pensare al fatto che ci sono diverse band oggi che tra dieci anni non saranno più in giro. Il fatto che dopo tutto questo tempo siamo ancora qui, credo sia fantastico.

Credi che “The Blackening” possa avervi regalato ciò che vi serviva per essere definitivamente considerati parte di una ipotetica hall of fame della musica pesante?
Beh, credo che essere in giro da così tanto tempo sia un segno chiaro. Il fatto di aver tirato fuori a questo punto della carriera un album che molti considerano il nostro migliore, ci ha sicuramente fatto guadagnare il rispetto di molte persone.

Molte band heavy metal stanno ultimamente prendendo una direzione che porta verso un modello americano di musica per così dire “moderna”. Cos’ha ispirato la vostra decisione di puntare verso un suono più old style thrash, più metal alla vecchia maniera?
Noi suoniamo principalmente per creare musica che ci piace ascoltare, e noi ascoltiamo roba come Iron Maiden e Judas Priest. Credo sia normale che ciò che suoniamo segua quello stile. Così accade che i riff di Robb e Phil siano ispirati dalla maniera di suonare di K.K.Downing e Glenn Tipton. Questi gruppi hanno fatto la storia e credo che una delle cose più belle della musica metal oggi sia che ciò che era cool negli “eighties” è tutt’ora di grande impatto e funziona ancora molto bene.

Tralasciando il particolare della propria ispirazione musicale, credi che questo ritorno alle radici del genere possa rivelarsi una strategia vincente nel music-business?
Non credo che ci siano delle strategie vincenti. Credo che ci siano semplicemente dei periodi in cui la gente vuole ascoltare determinate cose. In un certo senso “The Blackening” è stato un successo perché abbiamo colto nel segno: in questo momento era esattamente ciò che la gente voleva, e quando l’album è uscito la reazione è stata “Wow!”.

Tra pochi giorni sarà l’anniversario della morte di Dimebag. Credi che sia già stato dimenticato?
No, non sarà mai dimenticato. Era l’immagine vivente dell’heavy metal 24 ore su 24. Una grande persona che semplicemente con il suo modo di essere ci ha ispirato molto.

Avete in progetto qualcosa di particolare per celebrare la sua memoria durante la sera dell’anniversario?
Probabilmente bere molto…

Credo l’avrebbe apprezzato…
Lo apprezzerà!

In passato i Machine Head hanno avuto qualche battibecco con Kerry King in relazione a certe sue affermazioni. Come sono i rapporti con Mr.King ora?
Sono buoni. Lui e Robb si sono chiariti e adesso la situazione è distesa. In America ci è capitato di suonare un paio di show insieme, quindi direi che tutto è tornato a posto.

E’ difficile rimanere un fan nonostante tutto il vostro successo? Hai qualche idolo?
Sono davvero all’incirca gli stessi che avevo quando ero un ragazzino. Sono quei musicisti che ammiravo quando ho iniziato a suonare, e che rimangono tutt’ora alcuni tra i miei musicisti preferiti, come Neil Peart dei Rush o Tommy Aldridge.

Come sono i vostri rapporti con il pubblico italiano?
Direi buoni. Abbiamo sempre fatto dei grandi show da queste parti, e la folla è sempre stata di grande supporto.

Per quanto riguarda il futuro, state iniziando a pensare al prossimo album?
No. Per ora rimarremo concentrati sui tour, non c’è nulla di programmato per il prossimo album.

Bene Dave, ti ringrazio per il tempo concessomi e ci vediamo presto.
Grazie, ci vediamo.



randyblythefanfemale
Lunedì 4 Marzo 2013, 20.03.08
6
@silvereagle: metalcore?????????
silvereagle
Lunedì 21 Settembre 2009, 19.16.58
5
un buon gruppo veramente...metalcore a manetta,grinta e potenza,mi piacciono...ver.amente bravi
AL
Venerdì 16 Gennaio 2009, 12.37.11
4
con gli Slayer sono i migliori in circolazione!!!
WildChild
Sabato 1 Marzo 2008, 19.54.15
3
Syd
Venerdì 29 Febbraio 2008, 15.54.21
2
Bel colpo Seba!
Nikolas
Giovedì 28 Febbraio 2008, 17.17.36
1
Non li venero, ma il concerto a Roma è stato sicuramente di buon livello (certo, ho preferito i Motorhead e i Maiden dopo ). Comunque si meritano di tirarsela un po' per il successo appena avuto! Ah un altro fan di Neil Peart, *___*
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Machine Head
RECENSIONI
81
87
90
80
57
59
65
88
ARTICOLI
30/10/2019
Live Report
MACHINE HEAD
Burn My Eyes 25th Anniversary Tour - Live Music Club, Trezzo sull'Adda (MI), 25/10/2019
23/11/2014
Live Report
MACHINE HEAD + DARKEST HOUR + DIABLO BLVD
Alcatraz, Milano, 19/11/2014
27/05/2012
Live Report
METALLICA + MACHINE HEAD + GOJIRA
Stadio Friuli, Udine, 13/05/2012
20/01/2012
Live Report
MACHINE HEAD + BRING ME THE HORIZON + DEVILDRIVER + DARKEST HOUR
Alcatraz, Milano, 13/11/2011
28/02/2008
Intervista
MACHINE HEAD
Parla Dave McClain
03/07/2007
Live Report
IRON MAIDEN + MOTORHEAD + MACHINE HEAD
Stadio Olimpico, Roma, 20/06/2007
18/11/2008
Live Report
SLIPKNOT + MACHINE HEAD + CHILDREN OF BODOM
Palasharp, Milano, 18/11/2008
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]