Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

Speciale 2008 - BLACK METAL
26/12/2008 (3736 letture)
Un altro anno è passato e, come disse nel 1616 il saggio Giacomo I, allora sovrano d’Inghilterra, la buona notizia è che non ci sono notizie: la nera fiamma continua a bruciare incurante degli strali e delle lamentele di quei catastrofisti, profeti di sventura e nostalgici che, potendo, avrebbero cristallizzato il mondo nel 1992, facendone una succursale della Norvegia. Paese, quello scandinavo, che continua immancabilmente a rappresentare l’epicentro del fenomeno Black Metal, sia da un punto di vista culturale che da una prospettiva più “pratica”, rappresentata dalla quantità e dalla qualità delle uscite discografiche.

Sono ancora i grandi nomi a suscitare il maggior interesse, anche se sempre più spesso l’ascolto non ripaga con la soddisfazione l’entusiasmo e l’hype che si genera attorno ai dischi più attesi. E’ il caso dei Satyricon e dei Darkthrone, due autentiche leggende, che rispettivamente con The Age of Nero e Dark Thrones & Black Flags continuano a perseguire la propria strada ormai lontana dalle sonorità che li hanno portati alla guida del movimento; cosa rispettabilissima nelle intenzioni ma deludente nei risultati, almeno a parere della maggioranza di critica e pubblico.
Va meglio quando si parla di “classici minori” come i Taake, che col quarto omonimo album riescono a mantenere alto lo standard qualitativo della propria proposta - non lontana da quella dei maestri del genere; come i Khold, giunti con Hundre År Gammal alla sesta pubblicazione di buon livello.
Risultati migliori si hanno allargando un po’ l’orizzonte e tendendo l’orecchio alle contaminazioni e alle sperimentazioni che nel corso degli anni hanno dato vita alla corrente Avantgarde. Pur non facendone parte in senso stretto, si muovono in questo sottobosco due pezzi grossi come gli Enslaved - che con Vertebrae hanno dato ancora una volta prova della loro genialità - e Ihsahn, ex mastermind degli Emperor, che dà alle stampe lo stupefacente angL, lavoro insuperato quest’anno per ispirazione, freschezza e brillantezza. Da tenere d’occhio anche Twilight and Randomness degli Emancer, ottimo esempio di sperimentazione applicata al black.
Con la Norvegia in testa, è tutto il Grande Nord a mantenersi regione prolifica per il Black Metal: in particolare si segnalano uscite di alto livello in Svezia - Konkurs dei Lifelover si rivela un piccolo capolavoro di disperazione ed oscurità mentre i Lord Belial con The Black Curse recuperano un po’ dello smalto perso negli anni - e in Finlandia, nazione sempre distintasi per la ferocia e l’oltranzismo delle proprie band e ancora una volta in prima linea con Behexen (My Soul For His Glory), Azaghal (il micidiale Omega), Horna (Sanojesi Äärelle, monumentale doppio-cd) e Alghazanth (Wreath of Thevetat, potente e sinfonico).

Ovviamente il resto d’Europa non sta a con le mani in mano e regala all’audience internazionale parecchi motivi per guardare al di qua del Ponte di Öresund. Notevole in questo senso l’apporto tedesco alla causa grazie ai seminali Nocte Obducta con il nuovo Sequenzen Einer Wanderung, ai Dark Fortress con Eidolon, agli Agrypnie col loro splendido ibrido a nome Exit e ai neonati Lantlôs, che fanno il botto col loro debutto auto intitolato: un disco vario, ispirato, moderno e nerissimo.

Seguono a ruota i Paesi Bassi e la loro carica di novità con i Gorath davanti a tutti grazie al bellissimo Misotheism, un ottimo esempio di Black Metal ricercato ed atmosferico. Un gradino sotto troviamo gli altrettanto stupefacenti Woods of Ypres, capaci di mettere in piedi un tomo melodico e fortemente epico come Woods III: Deepest Roots and Darkest Blues, e i debuttanti Carach Angren, in grado col loro Lammendam di portare una notevole ventata di freschezza nell’affollato panorama del Black Metal sinfonico, che si arricchisce in questo 2008 anche del nuovo capitolo dei vampiri inglesi Cradle of Filth, tornati quasi ai fasti dei bei tempi andati col buonissimo Godspeed on The Devil’s Thunder.

Pochi altri sussulti continentali si hanno con gli esageratissimi Belphegor, che dal cuore nero dell’Austria esplodono ancora una volta col loro carico di death/black metal a base satanico-sadomasochista Bondage Goat Zombie, con gli spagnoli Agynguerran, autori dell’ottimo Perverting the Nazarene Cult e con i transalpini Blut Aus Nord (Memoria Vetusta II - Dialogue With The Stars), per l’occasione portabandiera di una scena fantastica - ma quest’anno dormiente - come quella francese.

Fuori dal vecchio continente, sono davvero pochi i motivi d’interesse per il black metal - la scena sudamericana, pur se in crescendo, non è ancora in grado di presentare buoni spunti - e perlopiù localizzati negli Stati Uniti: due grandissimi dischi a nome Leviathan - il tenebroso e terrificante Massive Conspiracy Against All Life - e Nachtmystium - l’eclettico e sperimentale Assassins - Black Meddle Pt. 1. Si vede anche il profilarsi di una nuova ondata di giovani band che mescolano il Black Metal sinfonico stile Dimmu Borgir con thrash e deathcore per risultati molto spesso irritanti, ma alcune volte interessanti come nel caso di In The Shadows of a Thousand Suns degli Abigail Williams e di Wounds dei Funeral Pyre.
Giunge così l’ora di guardarsi in casa: da qualche anno ormai la scena Black Metal italiana ha assunto un ruolo di primo piano per la qualità della propria proposta e la situazione è in costante miglioramento. Vagito più importante di questo 2008 è l’ultimo viaggio di Argento con i suoi Spite Extreme Wing. Il risultato è un disco complesso e controverso come Vltra, lavoro capace di spaccare in due la critica ma dannatamente affascinante, al pari di Janvs dei Vega, piccola perla di black metal raffinato, progressivo ed avanguardistico. Uscite di alto profilo anche per i capitolini Stormlord, che con Mare Nostrum confezionano uno dei migliori dischi dell’anno nel loro genere, dei furiosi Black Flame con il tiratissimo Imperivm e dei Melencolia Estatica con un capolavoro oscuro ed emozionante come Letum. Notevoli anche Haeretichristus dei Nefarium e Miseria e La Voce dei Morti, rispettivamente di Inchiuvatu e Malnàtt, che col loro Black Metal tinto di folk danno voce alle leggende, alle superstizioni e alla cultura regionale di Sicilia ed Emilia-Romagna - in barba a chi continua a vedere i blacksters come una massa informe di vichinghi incazzati a morte con la croce e tutto ciò che essa rappresenta.

Note & rivelazioni di chiusura: i più attenti sapranno che non è vero che non ci sono notizie, la novità è anche bella grossa. Gaahl, leader dei Gorgoroth (o di quello che ne rimane), ha dichiarato pubblicamente la propria omosessualità, gettando nello sconforto centinaia di fan che mai e poi mai si sarebbero aspettati di vedere tra i riflessi della nera fiamma qualche sfumatura di rosa. Eppure neanche questo le impedirà di continuare a bruciare; del resto se le parole di Giacomo I sono state pronunciate proprio nell’anno 616 (cifra che secondo recenti studi sull’Apocalisse di San Giovanni identifica il VERO numero della bestia) del primo millennio, un motivo ci sarà…



tribal axis
Sabato 27 Dicembre 2008, 0.19.37
5
a me è piaciuto un sacco the age of nero... sarà che io non sono di solito un estimatore della scena black per cui il mio giudizio non varrà molto, ma io lo ritengo un ottimo album... ... per quanto riguarda la notizia sul cantante dei Gorgoroth, mi fa sorridere alquanto...
Giasse
Sabato 27 Dicembre 2008, 0.14.11
4
Personalmente ritengo ottima la scena locale. Letum è semplicemente fantastico, Miseria è la solita (in senso positivo) mistione mediterranea con cui ci ha abituato quel genio di Agghiastru. In tutta franchezza ho pure tra le mani un autoprodotto proveniente dalla sardegna che farà la felicità dei Burzum-maniaci (ve ne parlerò a giorni)! Insomma, i fiordi sono dietro l'angolo...
Valereds
Venerdì 26 Dicembre 2008, 18.03.36
3
Al concerto dei Satyricon a Roma c'ero anche io. Bellissimo.
Dark Lord
Venerdì 26 Dicembre 2008, 18.00.56
2
I Satyricon stanno un pò cambiando. Secondo me è giusto così se la strada intrapresa è questa.
hm is the law
Venerdì 26 Dicembre 2008, 17.23.26
1
L'ultimo dei Satyricon è un grande album. I brani eseguiti dal vivo durante il concertro che hanno tenuto a Roma hanno spaccato proprio e ottenuto l'unanime consenso degli spettatori.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Satyricon
ARTICOLI
31/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
DEATH METAL
27/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
POWER METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
HEAVY METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
HARD ROCK & AOR
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
THRASH METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
PROG METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
GOTHIC METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
DOOM METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
METALCORE
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
BLACK METAL
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]