Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Striker
Play to Win
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/19
NOCTAMBULIST
Atmospheres of Desolation

21/01/19
VILE APPARITION
Depravity Ordained

21/01/19
RAVENOUS DEATH
Chapters of an Evil Transition

22/01/19
DREAM THEATER
Distance Over Time

22/01/19
DARK MIRROR OV TRAGEDY
The Lord Ov Shadows

25/01/19
SWALLOW THE SUN
When a Shadow is Forced Into the Light

25/01/19
MALAMORTE
Hell for All

25/01/19
CRYING STEEL
Steel Alive

25/01/19
CORRODED
Bitter

25/01/19
KING DIAMOND
Songs For The Dead Live

CONCERTI

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

25/01/19
MILL OF STONE + GUEST
GALIVM GARAGE - PIEVE DI SOLIGO (TV)

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

26/01/19
DISTRUZIONE + ERESIA + DESCEND INTO MAELSTROM
THE FACTORY - AZZANO VENETO (VERONA)

26/01/19
SOUND STORM + KANTICA + REVENIENCE
OFFICINE SONORE - VERCELLI

Speciale 2008 - POWER METAL
27/12/2008 (3879 letture)
Fin da bambini siamo stati abituati a ad essere valutati. La scuola, eccezion fatta per l’asilo, è una continua espressione di giudizi sul nostro “operato”. Così dovrebbe all’Università e così dovrebbe essere, ma spesso non lo è, negli ambienti lavorativi. Siamo cresciuti in una società apparentemente meritocratica. Si potrebbe allargare il raggio d’azione alla semplice scelta di un film, di un libro, di una maglia: insomma quel semplice “mi piace”, “non mi piace” col quale ci confrontiamo quotidianamente e che inevitabilmente ci porta a scegliere, a selezionare quello che a nostro giudizio è “migliore” o “peggiore”. Ed è proprio questa l’umile pretesa di questo altrettanto umile articolo. Poche righe per cercar d’essere una piccola guida all’acquisto delle migliori uscite Power del 2008.

Vestendo ora i comodi panni del professore, darò i miei giudizi sugli alunni che compongono la “classe” di mia competenza.

Iniziamo dalle sorprese. Senza ombra di dubbio i Saint Deamon con In Shadows Lost From The Brave hanno registrato un disco moderno e vincente dove la freschezza delle canzoni è l’arma vincente. Composizioni brevi che lasciano il segno senza stancare; pezzi che fanno centro al primo ascolto. Davvero un gran debutto!

Altra opera prima che si è affacciata quest’ anno sul vasto panorama power è Captain Morgan’s Revenge degli Alestorm. Pur non spiccando per innovazione stilistica, l’album coinvolge, eccome se coinvolge. Sarete catapultati su un galeone di pirati ubriachi e puzzolenti che saccheggiano in giro per i sette mari! Una bomba di power/folk aggressivo ed accattivante.

Se fino ad ora abbiamo premiato delle “new entry” nell’Olimpower metal, adesso è arrivato il momento di tributare il giusto plauso all’ alunno modello della classe, che da anni sforna dischi che sono sempre sinonimo di qualità. Parlo ovviamente di Tobias Sammet. Il genietto tedesco ha dato vita, nell’arco di pochi mesi, al terzo capitolo di Avantasia, The Scarecrow, e al nuovo album degli Edguy, Tinnitus Sanctus, per i quali una citazione era almeno doverosa. Inoltre, l’infaticabile Tobias ha messo in piedi un tour fantastico con due dei miei cantanti preferiti: Jorn Lande e André Matos. Rimpiangerò per sempre di non aver visto questo “tris d’assi” dal vivo: l’occasione era davvero ghiotta. Peccato. Mi rimane solo la speranza che in futuro torneranno a calcare lo stesso palco.

È proprio di un altro veterano come André Matos che dobbiamo parlare ora. Il suo Time To Be Free brilla come una stella nel cielo sereno di una sera di (mezza) estate. L’album è davvero gradevole: ascoltare la voce di Matos è sempre un’emozione indescrivibile; un puntino tanto luminoso quanto lontano, proprio come una stella. Irraggiungibile.

Altri scolaretti di tutto rispetto sono i Divinefire, che ci hanno salutato in grande stile dando alle stampe il loro ultimo disco, Farewell. Un concentrato di classico power cesellato con stile e maturità. Un canto del cigno che qualsiasi amante del power non può ignorare.

Molto bene si sono comportati i Serenity con Fallen Sanctuary, disco ben congegnato, in bilico tra un power sinfonico e, allo stesso tempo, aggressivo. Grazie alla loro release possiamo dire di non aver sentito, nel 2008, la mancanza di gruppi come Kamelot e Sonata Arctica.

Raccolgono lo scettro del power moderno, quello che io definisco “mainstream”, i Firewind, che con The Premonition vanno idealmente a collocarsi sul trono che era stato per qualche anno dei Masterplan. Il disco scorre via su standard di qualità notevoli; poi il cantante, Apollo Papathanasio ha un qualcosa nella voce che mi ricorda l’onnipotente Ronnie James Dio.

Per l’album migliore dell’anno non bisogna andare tanto lontano, perché è stato geograficamente partorito negli italici confini; precisamente in Piemonte, ad Alessandria. Qualcuno forse avrà già capito, ma se non avete indovinato non vi faccio aspettare oltre.

Il miglior album power dell’anno è (…rullo di tamburi…) Sweet Blood Theory dei Secret Sphere. Il concept - basato sul racconto The Vampyre (1819) di Polidori, ed ispirato ai film di Tim Burton e alle musiche di Danny Elfman - mi ha letteralmente incantato. Un album in cui c’è praticamente tutto: melodia, potenza, aggressività e senso della canzone; il tutto orchestrato con la solita classe dei sei piemontesi. Dalle suggestioni elettroniche della tastiera a quelle dei bizzarri arrangiamenti orchestrali, passando per sfumature gotiche, sferzate power e delicatissime ed eteree atmosfere, questo disco sarà in grado di soddisfare ogni tipo di palato. Ne ha proprio per tutti i gusti. Acquisto obbligato per gli amanti del power a tuttotondo.

Il peggio dell’anno è rappresentato da tutti quei gruppi che da anni continuano a proporci una squallida minestra riscaldata, e ahimé sono un bel po’, anzi, decisamente troppi. Impossibile, ed anche inutile citarli tutti, perciò ne ho scelto uno come emblema di ciò che non andrebbe mai fatto nel power odierno. I Revolution Renaissance di New Era, fulgido e lapalissiano esempio di quanto sia meglio stare zitti se non si ha nulla di veramente nuovo da dire.

Tirando le somme, mi sento di poter dire che il 2008 sia stato un buon anno per il Power. Non ci sono stati capolavori in senso assoluto, però gli album sopra citati sono la dimostrazione che il movimento esiste ancora.
Il 2009 ci riserverà le stesse soddisfazioni? Chi vivrà vedrà...



Rob
Domenica 11 Gennaio 2009, 14.35.18
10
Certo che si può fare... però mantenere quelle atmosfere per un album intero... è impossibile... magari puoi farlo tu con i Seizon... ma è impossibile suonare power per 60 minuti e concentrarti solo sulle atmosfere...
Renaz
Giovedì 8 Gennaio 2009, 12.39.20
9
Mi permetto di dissentire: un brano come And Then There Was Silence, oppure A Dark Passage dei Blind Guardian rientrano nella categoria power pur essendo avulsi da atmosfere "happy"...sono brani cupi, e molto più vicini alle atmosfere di Burton, rispetto a tanti altri. Ergo, si può fare Power con quelle atmosfere, a mio avviso.
Rob
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 17.40.07
8
Ovviamente caro Renatino non sono d'accordo... Secondo me è un grande album... come lo era stato "Heart & Anger", e come lo era stato "Scent Of Human Desire"... capitolo a parte nella discografia dove l'eclettismo la faceva da padrone... E cmq vorrei fare una precisazione... "Sweet Blood Theory" è un concept sul racconto di Polidori "Il Vampiro"... le atmosfere a la Tim Burton e gli arrangiamenti a la Danny Elfman... non potranno mai essere il succo del discorso... perchè sempre di power stiamo parlando...
Renaz
Mercoledì 7 Gennaio 2009, 11.04.11
7
I Secret Sphere non sfornano roba decente da A Time Never Come... l'ultimo non fa eccezione, e non saranno di certo le INTRO alla Danny Elfman a salvarli (perchè sia ben chiaro che non c'è traccia di Tim Burton nei brani veri e propri)...
Quorth_on
Martedì 6 Gennaio 2009, 17.54.22
6
Sisi è verissimo...il discorso è uguale sia per gli Edguy sia per Avantasia. Ma, mentre per gli edguy ci ero preparato, visto Rocket Ride, con Avantasia speravo non interrompesse il cammino powereggiante...
Rob
Domenica 28 Dicembre 2008, 21.01.42
5
Ammazza e come la vedete nera... Secondo me, invece, l'anno è stato abbastanza positivo... e poi caro Quorth il discorso per Avantasia è mooolttooo simile a quello degli Edguy...
Quorth_on
Domenica 28 Dicembre 2008, 20.49.45
4
La band power rivelazione dell'anno sono gli Alestorm. Per il resto ho trovato la solita pappa trita e ritrita degli ultimi anni. Giusto i Sabaton e i Falconer mi hanno deliziato. La più grande delusione: Avantasia - The Scarecrow. Sugli Edguy non mi pronuncio più che ormai hanno cambiato, ahimè, genere...
Raven
Domenica 28 Dicembre 2008, 16.47.27
3
Solo la speranza è rimasta....
Rob
Domenica 28 Dicembre 2008, 12.48.23
2
Bè speriamo che vada sempre meglio caro Nicola...
Khaine
Sabato 27 Dicembre 2008, 16.02.42
1
Beh dai speriamo che vada sempre in meglio, no? Comunque bell'articolo!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Avantasia
ARTICOLI
31/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
DEATH METAL
27/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
POWER METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
HEAVY METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
HARD ROCK & AOR
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
THRASH METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
PROG METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
GOTHIC METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
DOOM METAL
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
METALCORE
26/12/2008
Un Anno di Metal
Speciale 2008
BLACK METAL
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]