Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
SCIENCE OF DISORDER
Private Hell

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM
Hóstia

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS (ANNULLATO!)
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA + ANCIENT DOME + RAWFOIL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR (ANNULLATO!)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

ZETAZEROALFA + AURORA - Neutro relativo
03/06/2009 (10729 letture)
Il circolo Cervantes di Catania è un collettivo molto dinamico che, in occasione dell’apertura della nuova sede, ha pensato ad una serata memorabile per la scena del sud Italia, con la presenza dei capitolini Zetazeroalfa e come opening act i concittadini Aurora. Il concerto inaugurale si è svolto il 23 Maggio 2009, preceduto dalla presentazione programmatica delle attività del circolo, dibattito a cui hanno partecipato diversi personaggi locali e non.

Il circolo Cervantes è localizzato in uno stabile occupato all’interno del quale i partecipanti svolgono diverse attività, sociali, politiche e ricreative; per l’occasione l’evento scindeva la parte sociale/comunicativa (nel pomeriggio) da quella musicale/distruttiva (nella serata). Il concerto, senza nemmeno un dj set di intrattenimento, inizia senza fronzoli verso le 22:00, sul palco gli Aurora, band che conosco molto poco e per la quale non mi sono particolarmente esaltato. Purtroppo il brevissimo sound-check non ha permesso loro di raggiungere un suono particolarmente cristallino, penalizzando soprattutto la voce che molto spesso è risultata indistinguibile, nonostante il rigoroso utilizzo della lingua madre. Dare un giudizio sulla prestazione globale è compito assai arduo, perché la partecipazione del pubblico è stata strepitosa nonostante una performance non proprio brillante: un unico coro che cantava insieme al frontman ogni traccia, con un coinvolgimento davvero unico.
Nonostante la band sia molto conosciuta e rispettata nella scena, la loro proposta musicale è stata piuttosto mediocre – senza picchi qualitativi – ma schietta, sincera e molto diretta. Verso la fine della loro breve comparsata, percepisco una presenza inquieta aggirarsi per la sala: nientemeno che il mastodontico Gianluca Iannone (quasi un leone in gabbia) che da li a poco sarebbe salito sul palco con i suoi Zetazeroalfa per mettere a ferro e fuoco il Cervantes.

Inutile dire che non appena saliti sul palco gli Zetazeroalfa il locale è improvvisamente imploso in un’adrenalinica tensione che da li a poco sarebbe esplosa in un pogo tritaossa. I nostri, che vantano rispetto ai compagni di viaggio un sound decisamente migliore, si presentano purtroppo orfani del deficitario chitarrista – per l’occasione immediatamente rimpiazzato – senza comunque risentirne particolarmente. Lo show ha inizio e la scaletta comprende buona parte dei pezzi nuovi, che si sono subito distinti per un approccio rock’n roll capace di trascinare nel vortice creatosi sotto il palco anche il più docile spettatore. L’atmosfera è rovente sin dalle primissime note, ma l’apoteosi si raggiunge dopo pochissimi pezzi, non appena sfoderano una manciata di classici della loro discografia tra cui Nel Dubbio Mena, Asso Di Bastoni e la cruenta Cinghia Mattanza, nella quale si è consumato il consueto sguainamento delle fibbie ed il conseguente vortice di cuoio… altro che carnevale di Ivrea!
Il frontman si è riconfermato un eccellente dominatore di palco che, con carisma e sarcasmo, ha ipnotizzato la platea per tutta la durata di uno show che sfortunatamente ha avuto un durata molto striminzita, nonostante un bis gentilmente concesso. Nemmeno mezzanotte e lo spettacolo finisce in un crescendo wagneriano decisamente coinvolgente. L’ipnosi pocanzi citata non è casuale: ogni persona presente in sala ha cantato a squarciagola ogni canzone da loro proposta, contribuendo a creare un atmosfera unica.

In un momento in cui in terra Sicula non si muove nulla di nuovo, un concerto del genere ha significato qualcosa di ancor più forte ed importante. Un ringraziamento particolare ai ragazzi del Cervantes che hanno reso possibile un simile evento e dai quali mi aspetto ancora ottime cose.



T-REX
Domenica 19 Ottobre 2014, 17.28.38
58
hahahahahahahaha e te pareva.....
D.
Domenica 19 Ottobre 2014, 11.36.33
57
il Cervantes è.... un collettivo???
FURIO
Venerdì 29 Agosto 2014, 16.20.46
56
@Hank Amarillo: Grazie per il poemetto ma se rileggi i commenti precedenti, si spiega ampiamente il motivo per cui si è deliberatamente scelto di NON parlare del lato politico dell'evento. Riguardo al parallelismo con Raven posso solo dire che ogni recensore è giusto che parli delle bands che meglio conosce ed apprezza, ed io non nego di apprezzare questi generi musicali... che ti piaccia o no!
Hank Amarillo
Venerdì 29 Agosto 2014, 13.01.46
55
Rileggendo a distanza di anni... è stata davvero un'operazione di equilibrismo pazzesco. Parlare del Cervantes come se fosse un centro servizi del comune, senza classificarlo come ONC. Parlare degli ZetaZeroAlfa e degli stessi Aurora come se fossero gruppi in testa alla classifica (chissà come mai tutti i presenti conoscevano le canzoni a memoria? Beh...), senza dire quale sia lo sfondo. Il paragone coi gruppi black non regge, ed in ogni caso avrei preferito che, per dire, Raven avesse recensito i ZZA e che il signor Furio andasse a recensire, che ne so, i Napalm Death. Vorrei aver detto ad Ulysses che proprio questo è il punto: l'auto-censura di Metallized. Tu, che sei probabilmente un fan o comunque un simpatizzante degli ZZA, come fai ad apprezzare una recensione che TACE i motivi per cui questi sono così popolari, e per cui probabilmente piacciono anche a te? Censura è non dire che il gruppo è un simbolo della comunità di estrema destra e skinhead nazionalista italiana. Censura è non dire che il Cervantes è una ONC, assimilabile all'esperienza delle Casa Pound. Questa è censura. La peggiore castroneria è comunque attribuibile al sig. Furio quando scrive "In un momento in cui in terra Sicula non si muove nulla di nuovo"... a memoria ricordo che nei due anni immediatamente precedenti avevano suonato a Palermo Napalm Death, Suffocation, Brutal Truth, Cripple Bastards... e lui mi viene a parlare di evento salvifico coi grandi ZZA, che, in conclusione, vorrei soggettivamente giudicare come gruppo terribile, banale, scontato, parrocchiano e parrocchiale. Ma è abbastanza chiaro che anche il sig. Furio nutre (o nutriva) grandissima simpatia per questa area politica, per le ONCV, per il Cervantes e per i ZZA. Mi dispiace per lui, ma va bene così, per mes i può parlare di tutto, l'importante è l'onestà intellettuale, e questa vostra scelta editoriale dell'epoca, in questo senso, mi è sembrata infelice. Respect!
Ulysses Everett McGill
Giovedì 10 Dicembre 2009, 0.13.12
54
Toccata e fuga di un lettore saltuario, sconvolto da questa tirata allucinante... Tutto questo vociare scomposto dimostra solo una cosa: che la gente di sinistra, nel suo sbracciarsi e sgolarsi per dare del 'fascista' agli altri che la pensano diversamente, si dimostra estremamente più fascista ed antidemocratica di coloro che di ciò accusa. Ricordatevi che in democrazia TUTTI hanno diritto ad esprimere le propie idee, che vi piacciano o meno, e che quindi dovreste vergognarvi per il vostro fare censorio, perchè è la CENSURA che state invocando contro un gruppo musicale. Onore a Metallized per la linea scelta, per l'apertura mentale e per la calma olimpica mostrata di fronte a gente che merita giusto un cordiale 'vaffanculo'. Ah, poi fra l'altro il fascismo è finito 64 anni fa, ma evidentemente la sveglia che certa gente tiene appesa al collo tarda a suonare...
Raven
Venerdì 10 Luglio 2009, 10.16.40
53
Consiglio per il futuro, (se permetti), non confondere una posizione generale con la superficialità, perchè non c'è relazione. Questa cmq è e rimarrà un'isola musicale felice, se questo ci costa qualche lettore vuol dire che lo perderemo, punto.
Renaz
Venerdì 10 Luglio 2009, 10.08.56
52
Fai benissimo Lucio, sono sicuro che troverai webzine più adatte al tuo palato raffinato! Ciao, buona fortuna!
Lucio Villani
Venerdì 10 Luglio 2009, 9.59.39
51
Mah, sarà... ma io rimango dell'idea che se si parla di Guccini o De Andrè non si può non contestualizzare la loro "proposta musicale" ed evitare riferimenti a scelte politiche, giuste o sbagliate che siano. Trovo il vostro atteggiamento superficiale e molto poco obiettivo, dato che fate finta di niente di fronte alle critiche e vi ostinate a ribattere che avete ragione voi senza fornire la minima spiegazione. Dire che in questo sito si parla di musica e non di politica è facile, ma quando si è chiamati a motivare la scelta di una simile recensione non se ne ha la più pallida idea. Le alternative sono due: o si parla a tutto tondo di un gruppo/disco/genere musicale o non lo si prende affatto in considerazione. La vostra parzialità non ha scuse e, dunque, accolgo il vostro sentito suggerimento: starò alla larga da metallized, così potrete rimanere tra di voi a discutere di note e mai di testi, significati e storia.
Raven
Sabato 27 Giugno 2009, 15.03.40
50
Bè, che ci crediate o no, neanche io li ho ascoltatii.
Renaz
Sabato 27 Giugno 2009, 15.01.03
49
Che tu ci creda o no, Uno Qualsiasi, io questa band non la conosco, ma mi è venuta voglia di ascoltare la loro PROPOSTA ROCK. E sono sicuro che anche altri se ne fregheranno deile tendenze politiche, sessuali o religiose dei gruppi. Poi ovviamente se dopo averli ascoltati scoprirò che la musica è pari a zero ed è solo al servizio della propaganda (più o meno come i 99 Posse, CREDO), il discorso cambierà, ma al momento è così.
Uno qualsiasi
Sabato 27 Giugno 2009, 13.51.21
48
Io ho già detto tutto prima. Provo a riordinare tutti i concetti che avete detto per evitare fraintendimenti tra di voi: Satanismo qui non c'entra, quindi direi di non parlarne e basta, per quanto riguarda la politica, beh, si verifica ciò che avevo previsto io qualche settimana fa (vedi primi commenti): qui è MOLTA più politica che non musica, ecco perché non si riesce a parlare di musica, e quindi il suo posto non è su questa webzine politicamente neutrale. Se un gruppo si costruisce un'immagine, quella gli rimane, la gente fa affidamento su quella e stop. E se ne scontano le conseguenze. D'altronde secondo voi se il live report era sui Tokio Hotel, secondo voi in questi commenti si parlava di musica?
Renaz
Venerdì 26 Giugno 2009, 9.03.25
47
Sono sconvolto dalla leggerezza con cui si parla di Satanismo, mentre un gruppo del genere fa tanto scalpore... certi commentatori dovrebbero vergognarsi. Lasciate fuori da questo sito le vostre idee religiose, così come lasciate fuori quelle politiche. E per chi non accetta questo modus operandi, alla larga da Metallized, grazie.
Raven
Giovedì 25 Giugno 2009, 17.45.31
46
No, immagino di no, ma le reazioni dovrebbero essere musicali, dato che, come ripetutamente detto, non abbiamo trattato altro. Mi rendo conto che è purtroppo inevitabile, ma non vorrei che la linea musicale di una webzine venisse scambiaa per linea politica, ecco. Che tu ci creda o no non mi è mai capitato di discutere di politica con nessun appartenente alla nostra crew, questa è un'isola musicale felice, e tale deve rimanere.
tribal axis
Giovedì 25 Giugno 2009, 17.41.13
45
scusami Raven capisco benissimo le vostre buone intenzioni... ma non puoi pretendere di recensire un gruppo del genere senza provocare un certo tipo di reazione...
Raven
Martedì 23 Giugno 2009, 21.38.54
44
Infatti ABBIAMO PARLATO DELLA LORO MUSICA, non delle loro posizioni politice, di queste risponderanno nelle sedi competenti, CHE NON SONO I SITI MUSICALI.
Nergal
Martedì 23 Giugno 2009, 21.24.38
43
vorrei solo ricordare a coloro che dicono lasciamo fuori la politica, che questi signori fanno parte di forza nuova, un'organizzazione neofascista che se potesse prenderebbe tutti noi rocker\metallari e ci manderebbe ai lavori forzati, in quanto da buoni cristiani ci considerano tutti dei satanisti drogati ladri e chi piu'ì ne ha piu' ne metta.
Raven
Martedì 23 Giugno 2009, 15.52.17
42
immagino che ci sia qualcuno più n grado di me di risponderti, e mi riferisco all'autore del report che spero leggerà il tuo ultimo commento e t risponderà.
Behemoth
Martedì 23 Giugno 2009, 15.49.05
41
ok parliamo di muisca...........ma che c'entrano i zza con la musica???
Raven
Martedì 23 Giugno 2009, 15.01.45
40
Ragazzi: per l'ultima volta, questo sito e questa recensione NON SPOSANO LE POSIZIONI POLITICHE DI QUESTO GRUPPO, ciò in quanto qui SI PARLA DI MUSICA. il paragone tra recensione ed il mein kampf è quantomeno fuori luogo e dire che il satanismo non ha mai ucciso nessuno è azzardato, (numeri e background diversissimi, d'accordo). Parliamo di musica, grazie.
Robespierre
Martedì 23 Giugno 2009, 13.47.07
39
la necrofilia e il satanismo, a differenza del fascismo, non hanno mai ammazzato nessuno.
Figlio di Lucifero
Martedì 23 Giugno 2009, 13.43.41
38
FASCISTI CAROGNE TORNATE NELLE FOGNE. il prossimo passo sara' recensire il main kampf??? ma che gruppo di merda.
Raven
Martedì 9 Giugno 2009, 16.27.49
37
La prima parte del tuo commento è più che condivisibile, laseconda mi sa di provocazione, rimanimo in topic musica, grazie.
darklot
Martedì 9 Giugno 2009, 15.59.44
36
Che dire...penso che valga la pena dire solo che se piacciono gli zerozetalfa, beh una persona è liberissima di andarli a vedere e supportare, mentre a chi il genere fa schifo...forse è il caso che stia a casa come faccio tranquillamente io che non li sopporto musicalmente e non li tollero per niente dal punto di vista politico...per il resto siamo in democrazia ed ognuno esprime quello che crede, come meglio crede...basta che non si ripeta la mattanza avutasi nel teatro comunale di Orsogna...tanto comunque lo si sa che il mondo metallico è cosparso di ideologisti destroidi...dove sta il problema???
Khaine
Lunedì 8 Giugno 2009, 12.53.51
35
Vabbò ragazzi, la questione è finita qui. Come non si parla degli aspetti religiosi non si parla della politica: questa è la posizione della zine e non occorre continuare a ribadirlo.
Raven
Lunedì 8 Giugno 2009, 8.17.48
34
Il fatto è che un conto sono i (comunque criticabili) aspetti teatrali connessi alla musica, un conto è la politica, per questo è meglio tenerla fuori dal sito.
FURIO
Lunedì 8 Giugno 2009, 0.38.09
33
Mi pare di capire che se si brucia una chiesa è tutto ok, se si accoltella qualcuno è tutto ok, se si invita al suicidio è tutto ok, se si blatera sulla necrofilia va altrettanto bene, ma non appena si parla di testi di destra è un dramma? Non facciamo i finti moralisti e diciamo apertamente che quelli di destra non sono benvenuti... Io stesso sono stato ad un concerto degli IMPALED NAZARENE e so bene quello che fanno on stage... ben peggio degli ZetaZeroAlfa, eppure nel report uscito qualche giorno fa (ovviamente!) non se ne fa cenno.. Se poi da oggi dovremo mettere le etichette su ogni musicista, così ogni ascoltatore può basarsi semplicemente su quelle, fatemelo sapere...
Lucio Villani
Domenica 7 Giugno 2009, 15.03.05
32
Mah... per me avreste potuto semplicemente fare il report, esattamente come avete fatto, dichiarando a cosa si ispirano i contenuti musicali del gruppo in oggetto, proprio come per Burzum, Death SS, Inti Illimani, Sex Pistols o chi vi pare. Poi questo non vuol dire assolutamente essere fascisti, satanisti o quant'altro. Ripeto, il mio è un discorso di obiettività e nient'altro. Berlusconi è andato da Vespa a far finta di parlare di calcio proprio perchè Vespa non poteva parlare di politica sotto elezioni e questo, per me, equivale a tirare in ballo Marx solo per la sua barba lunga o a scrivere un articolo sui quadri di Charles Manson omettendo, volutamente, le notizie storiche che hanno connotato queste persone (siano politiche, religiose, filosofiche etc). Chi vuole capire, capisca. Infine, sono d'accordo sul fatto che un concerto degli ZetaZeroAlfa sia un puro concentrato di semplicissimo rock'n'roll -aggiungerei- con testi di estrema destra. Tutto qui.
Raven
Domenica 7 Giugno 2009, 13.51.36
31
MI pare che gli ultimi 3 interventi dicano tutto quello che rimaneva da dire. Se i prossimi tornassero a parlare semplicemente di musica sarebbe meglio, no?
Renaz
Domenica 7 Giugno 2009, 3.17.35
30
x Uno qualsiasi: sì sì tranquillo, anche la mia era una semplice precisazione, siamo d'accordo
FURIO
Sabato 6 Giugno 2009, 21.31.25
29
Ho letto con attenzione ogni intervento e mi permetto di fare 2 appunti: 1° - Metallized è una zine che tratta anche musica estrema, dunque se dovesse snobbare ogni gruppo che tratta argomenti "scomodi" ci ritroveremmo a parlare di pochissime bands. Ricordiamo che grandissime bands come BURZUM, TAAKE, SLAYER, DARK THRONE, MAYHEM, IMPALED NAZARENE... hanno avuto seri problemi per la politica eppure rimangono ottime bands delle quali sinceramente non mi sento di non parlare solo per la loro appartenenza. Se poi si parla di messaggi "uncorrect" dovremmo evitare anche CARCASS, DISMEMBER, PUNGENT STENCH, MORTICIAN, NECROPHAGIA... e tutte quelle bands che parlano di necrofilia, violenze e via dicendo. E il satanismo? Troppe davvero... Per evitare di incappare in polemiche faziose, ho preferito glissare sull'argomento sposando la politica del quieto vivere che contraddistingue le care pagine di Metallized. 2° Che ci crediate o no, un concerto degli Zetazeroalfa è un puro concentrato di semplicissimo rock' n roll!
Uno qualsiasi
Sabato 6 Giugno 2009, 20.20.40
28
Sono in pausa cena dal seggio, Ok Renaz mi pare che il discorso l'abbiamo affrontato, sviscerato e ci siamo pure ben capiti quindi direi che è ok così, no? L'unica precisazione che vorrei fare è che l'intervento che ho fatto io NON è per motivazioni politiche o razziali: non sono né ebreo né di sinistra (e tantomeno di destra, ho ripreso dai miei una simpatia centrista), per cui sinceramente non sono offeso da questo articolo (l'ho detto prima, non mi fa né caldo né freddo), l'intervento che ho fatto era unicamente per quello che ho detto prima, cioè per il pensiero che potesse essere frainteso in quello che sicuramente era l'obiettivo prefissatosi da Metallized. See ya.
Renaz
Sabato 6 Giugno 2009, 15.37.42
27
No babos, mi spiace ma per Metallized, LA MUSICA NON E' NE' DI SINISTRA NE' DI DESTRA... al limite lo sono i testi delle canzoni, ma questo live report non analizza i testi delle canzoni, quindi non ha nulla di coraggioso.
babos
Sabato 6 Giugno 2009, 15.14.18
26
live report azzardato, ma coraggioso e degno di rispetto..in italia è sempre difficile poter parlare di musica di parte senza incappare nelle antipatie delle opposte fazioni politiche..l' unico appunto ( rivolto non a metallized ma ad alcuni dei commentatori ) che mi sento di fare è il seguente: perchè chi ascolta musica di sinistra è "alternativo" mentre chi ascolta musica di destra è subito considerato un fascista? rifletteteci un attimo..saluti
Renaz
Sabato 6 Giugno 2009, 14.38.09
25
Cmq, Uno qualsiasi, ho capito il tuo discorso, apprezzo molto la tua serietà e stima, e per certi versi concordo. Il punto però è che le male lingue che vogliono trovare l'etichetta sbagliata in un articolo, lo possono fare in qualsiasi momento, in qualsiasi articolo. Mi spiego meglio: è capitato -e capiterà- numerose volte di imbattersi in recensioni scritte assolutamente in buona fede, spesso da recensori addirittura inconsci di "risvolti" di vario tipo nelle tematiche trattate dalla band. Non ci si può fare nulla... L'unica cosa che ci sentiamo di fare è prevenire con una sana REVISIONE del testo, come è stato fatto anche qui, e sperare nel buon senso della gente. Del resto, ci si augura che siano sempre gli estimatori della linea editoriale di Metallized, a leggere Metallized, no?
Giasse
Sabato 6 Giugno 2009, 14.01.04
24
Comunque più che spiegare e rispiegare la posizione non si può fare. Avere la possibilità di commentare serve anche a questo ed invito tutti a leggeri i testi, come pure tutti gli interventi che sono anche l'occasione per approfondire. Ho capito bene cosa vuoi dire, Uno, ma crediamo dando spazio a tutti in modo editorialmente corretto faccia parte anche del nostro (secondo) mestiere... Riguardo alle etichette gratuite: non ne diamo e dunque non ne vogliamo.
Uno qualsiasi
Sabato 6 Giugno 2009, 13.53.01
23
No Renaz, alt. Ripeto: il lavoro che voi fate qua, lo mandate avanti voi, non io, e quindi le decisioni le prendete voi e non io. Però la gente (senza offendere il BUON pubblico di Metallized, che penso apprezzi l'audacia di Metallized di descrivere la musica a 360°) non DOVREBBE essere legata alle etichette, ma in realtà lo è eccome! So per esperienza che la gente piuttosto che sentirsi la musica si appoggia agli stereotipi, cioè il vestiario, l'atteggiamento etc etc etc. Per cui, un live report come questo rischia di essere frainteso nel suo significato: in mezzo ai bravi lettori di Metallized sai quanta gente non capirà il vostro intento... ecco perché questo live report io non l'avrei fatto. Per me quando in un evento c'è di mezzo più politica che musica (Tra cui anche robe tipo il concerto del 1° maggio, sia ben chiaro), il posto di quell'evento secondo me non è qui. E' chiaro che poi un mio disaccordo con Metallized non scalfisce la stima che ho per Metallized. Una eventuale mia risposta tarderà ad arrivare, poiché tanto per rimanere in tema, sto a fare lo scrutatore al seggio...
Renaz
Sabato 6 Giugno 2009, 13.11.20
22
Uno qualsiasi, mi stai dicendo quindi che non si può fare una recensione di un evento/disco, se la band è dichiaratamente di estrema sinistra o destra? Vorresti dirmi che la maggior parte dei lettori è così ignorante e legata alle etichette? Io francamente non credo... Penso che Metallized sia pieno di gente molto intelligente, e capace di comprendere il nostro punto di vista neutrale.
Raven
Sabato 6 Giugno 2009, 13.07.27
21
Infatti questa NON E' UNA WEBZINE DI ESTREMA DESTRA, E NEMMENO DI ESTREMA SINISTRA, sembrerà strano, ma è una webzine MUSICALE, E BASTA. Mi è poi venuto in mente che tante volte mi è capitato di recensire gruppi HC o Black in toni anche entusuastici, ed è presumibile che alcuni di questi siano su quelle posizioni, vuole forse dire che anche io o metallized lo siamo? no, vuol dire che LA LORO MUSICA mi è piaciuta, punto.
Khaine
Sabato 6 Giugno 2009, 12.58.02
20
Apprezzo l'intervento di Uno Qualsiasi; mi spiace che Lucio si ostini a non capire la nostra scelta editoriale, ma soprattutto mi spiace che ci paragoni a Vespa che poi il paragone non regge perchè lui DOVREBBE fare quel tipo di lavoro CHE NON FA sotto elezioni. Noi invece DOVREMMO parlare di musica (perchè il nostro sito parla di questo) e guarda un po'... lo facciamo! Siamo proprio strani eh. Lucio, aspetto i tuoi commenti su tutte le recensioni black, mi raccomando eh... sennò qui si rischia di parlare, criticare e commentare solo quando fa comodo (senza offesa, eh)
Uno qualsiasi
Sabato 6 Giugno 2009, 12.36.12
19
Io non sono scandalizzato dalla presenza di questo articolo, anzi a dir la verità non me ne frega granché, però attenzione Furio e compagnia: comunque la mettiate, siete entrati in un campo minato, dove rischiate di essere etichettati come webzine di estrema destra. Checché voi ne possiate dire, questo la gente potrebbe pensare di voi. Io non vi biasimo e non la butto sulla politica (o la pseudopolitica che questa gente diffonde), però state attenti a come vi difendete. Per quel che mi riguarda, appunto perché non è possibile che si debba stare a perdere tempo appresso agli ideali della band, anziché alla qualità della musica, io questo live report non l'avrei fatto.
Uno qualsiasi
Sabato 6 Giugno 2009, 12.27.01
18
Io non sono scandalizzato dalla presenza di q
Renaz
Sabato 6 Giugno 2009, 12.00.52
17
La differenza è che Berlusconi non è un calciatore, mentre questi sono musicisti.
Giasse
Sabato 6 Giugno 2009, 11.44.16
16
Sei retorico.
Lucio Villani
Sabato 6 Giugno 2009, 11.39.57
15
Che dire, se è davvero una scelta quella di omettere la connotazione politica, religiosa o altro parlando di gruppi per cui questa componente è fondamentale (direi quasi alla base della loro esistenza), avete fatto la figura di Vespa, che sotto le elezioni invita Berlusconi in Tv a parlare di calcio. Le discussioni annose nascono quando si gira attorno al punto senza mai sfiorarlo, proprio come in questo "report". E penso a chi, magari attratto dalle vostre parole, si avvicina a un gruppo che gli è stato presentato in una certa maniera, per scoprire che si tratta di tutta un'altra cosa. Descrivere gli ingranaggi di una bomba non significa affatto essere a favore della guerra, al contrario (perdonate il paragone), nel vostro caso avete presentato un ordigno mortale come un innocuo carillon alla portata di tutti.
Giasse
Venerdì 5 Giugno 2009, 14.38.52
14
Confermo quanto detto dai colleghi. Ho personalmente REVISIONATO l'articolo di Furio rendendolo il più possibile "apolemico" (non "apolitico"): Che piaccia o no il risultato è stato garantito, dato che a due giorni dalla pubblicazione - e a differenza di episodi che mi hanno anche coinvolto personalmente - non si sono accesi (come è giusto che sia) grossi focolai. La posizione redazionale è questa. E lo sarà anche in futuro. Detto questo mi compiaccio per la tua educazione e per la sincerità, alla quale rispondiamo senza "nasconderci" dietro a nulla.
Raven
Venerdì 5 Giugno 2009, 13.01.22
13
Esatto Lucio, il tuo intervento è bene accetto e comprensibile, ma i due precedenti di Khaine e Renaz dicono tutto quanto c'è da dire. E' la nostra posizione, condivisibile o meno, ma è la nostra posizione.
Renaz
Venerdì 5 Giugno 2009, 12.37.39
12
Noi sappiamo perfettamente di chi stiamo parlando: l'articolo è stato REVISIONATO e reso NEUTRO. E' una nostra precisa "politica" quella di pensare soltanto alla musica: sei liberissimo di vederlo come un nascondere la testa sotto la sabbia, anche se naturalmente la verità è semplicemente che amiamo il quieto vivere ed evitare discussioni annose come quella che stai provando ad iniziare tu. Allo stesso modo dunque "nascondiamo la testa sotto la sabbia" omettendo di parlare profusamente della componente satanista della maggior parte dei gruppi black old style. Io trovo francamente molto più gudurioso descrivere l'arrangiamento di una chitarra o l'armonia creata da un coro, piuttosto che soffermarmi sul tema trattato nel brano che, per inciso, SPESSO nel metal è soltanto un espediente per enfatizzare la violenza della musica, senza grossi intenti propagandistici. O, almeno, a mio avviso spesso i musicisti sono in buona fede.
Khaine
Venerdì 5 Giugno 2009, 12.32.26
11
Lucio non c'è bisogno che ti scusi di nulla, il confronto è sempre ben accetto su questa zine. Ciò che volevo dire è questo: Furio ha assistito al concerto e lo ha descritto nel Live Report. La connotazione politica della band è palese, ma a noi non interessa ne citarla, ne parlarne, ne altro: non siamo obbligati a farlo, non l'abbiamo fatto, non lo faremo mai. Non lo faremmo neanche se (per assurdo) dovessimo recensire i 99 Posse: il Live Report è una descrizione del concerto e niente più. Non è per far finta di nulla: semplicemente non centra con l'oggetto dell'articolo, che rimane una recensione di uno spettacolo live. E' giiusto che sia così e tale deve rimanere... spero che ora la nostra posizione sia più trasparente
Lucio Villani
Venerdì 5 Giugno 2009, 11.35.10
10
...e ti pareva, nemmeno uno che abbia capito il discorso. Fare cronaca o scrivere articoli, report o recensioni implica il fatto di essere informati e dunque di trasmettere tali informazioni a chi legge, di qualunque tenore esse siano. L'opinione personale e la propria ideologia politica o fede religiosa è giusto che rimangano a casa, ma il fatto vero, cioè che la suddetta band sia politicamente schierata e fieramente propagandista, non può essere ignorato nè taciuto. Questo per me è fare finta di nulla. Se, al contrario, secondo voi riportare dei dati di fatto (dunque l'innegabile appartenenza politica o religiosa o quello che vi pare di una band o di un personaggio) vuol dire esprimere un giudizio e sbilanciarsi, allora continuate pure a considerare il sito un sito musicale e basta, come dite voi, ed insieme superficiale, carente nell'informazione e sicuramente parziale. Mantenere il sito apolitico è una banale scusa per nascondere la testa sotto la sabbia, così come il "pensiamo a goderci la musica e basta" potrebbe essere applicato anche a un cattolico che ascolta i Morbid Angel senza chiedersi alcunché su testi, iconografia e concetti espressi dal gruppo. Se poi davvero la politica vuole essere lasciata fuori, bisognerebbe evitare di parlare di gruppi che sventolano bandiere, anzichè fare un report che non ne faccia il minimo cenno. Per decidere da che parte stare, quale che essa sia, è necessario sapere di che si parla. Il compito di diffondere notizie dovrebbe essere di chi scrive. Scusate l'intrusione ma far arrivare una notizia è molto, ma molto diverso dal prendere una posizione sullo stesso argomento.
Arekusu
Giovedì 4 Giugno 2009, 20.43.59
9
Quanto baccano per nulla. Fino a qualche tempo fa, il mondo era convinto che gli Slayer fossero nazisti. Eppure, scommetto che ai loro concerti ci andava anche chi politicamente la pensava diversamente...
Khaine
Giovedì 4 Giugno 2009, 19.23.31
8
Come la politica l'abbiamo lasciata FUORI dal live report, sarebbe corretto che venisse lasciata FUORI dai commenti. Pensiamo a goderci la musica e basta please
angelsdontkill
Giovedì 4 Giugno 2009, 17.46.40
7
ah ok. Almeno qualkuno con le mie stesse idee ce. Bella!!!
Raven
Giovedì 4 Giugno 2009, 16.45.57
6
Ribadisco: politicamente la penso come te, ma qui parliamo di musica, punto.
angelsdontkill
Giovedì 4 Giugno 2009, 13.58.47
5
nn si puo fare la recensione di un concerto fascist!!!!! è una roba vergognosa. Semrpe antifa!!
Raven
Giovedì 4 Giugno 2009, 12.18.31
4
Mi accodo a Giasse e Renaz, qui non si tratta di ignorare, (specialmente nel mio caso), ma di mantenere il sito un sito MUSICALE E BASTA, se no le derive, in un senso o nell'altro , porterebbero su un terreno che soffocherebbe facilmente la nostra ragion d'essere: LA MUSICA.
Renaz
Giovedì 4 Giugno 2009, 11.57.57
3
Quoto, è una nostra priorità mantenere il sito il più apolitico possibile
Giasse
Giovedì 4 Giugno 2009, 11.43.12
2
Credo che il nostro "lavoro" sia quello di commentare le performance artistiche dei vari gruppi. Ritengo che la linea deliberatamente scelta per questo articolo sia professionale e distaccata. Ci sono nomi, luoghi, foto che permettono - a chi lo voglia - poter di approfondire. Mi sembra più che sufficiente: una visione distorta deriverebbe da giudizi di merito riguardanti le attività extra-musicali della band che, per quanto obiettive, risentirebbero inevitabilmente delle ideologie di ognuno. Comunque ti ringrazio per l'opinione, spunto di sano dibattito. Un saluto.
Lucio Villani
Giovedì 4 Giugno 2009, 11.06.01
1
è una vergogna che in una simile "recensione" non si faccia il minimo cenno all'appartenenza degli ZetaZeroAlfa alla destra radicale e li si tratti come un gruppo musicale e basta. Si può tifare per loro o detestarli, ma non si può fare finta di niente. Che sia per ignoranza o per paura, scrivere una roba del genere senza il minimo cenno alle vicende politiche di Iannone o al film "NaziRock" è vergognoso, superficiale e invita a una visione distorta della realtà.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Zetazeroalfa - La band
ARTICOLI
03/06/2009
Live Report
ZETAZEROALFA + AURORA
Neutro relativo
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]