Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Ramones 1980
Clicca per ingrandire
Un successo mondiale di Phil
Clicca per ingrandire
...uno planetario...
Clicca per ingrandire
...ed uno stellare
Clicca per ingrandire
Phil Spector e Darlene Love, 1962
Clicca per ingrandire
Phil e Larry Levine al mixer
Clicca per ingrandire
A Christmas Gift - 1962
Clicca per ingrandire
Ronettes, 1964
Clicca per ingrandire
Rightouse Brothers, 1964
Clicca per ingrandire
Ike & Tina Turner, 1965
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

JURASSIC ROCK - # 12 Il ragazzo con la pistola
21/09/2009 (5604 letture)
Come on / Listen to "Da Doo Ron Ron", now / Listen to "Be My Baby" / I know you're gonna love Phil Spector

Mona – The Beach Boys


Un pazzo scatenato? Un geniale produttore? Un disturbato mentale? Un mitico autore? Un visionario e allucinato genio? Un eccentrico e ossessionato artista? Non una ma tutte queste cause riunite in una persona sola creano la miscela esplosiva, il TNT di cui è composto Phil Spector.

Harvey Philip Spekter è nato il giorno di Natale del 1939 nel Bronx, e la data è già di per sé un “anomalo” segno del destino, da genitori, cugini diretti, ebrei fuggiti dalla Russia in giovane età ed accasati a New York. All'età di 10 anni Phil resta orfano per il suicidio del padre e la famiglia si trasferisce a Los Angeles presso un lontano parente. Frastornato dal mood artistico che si respira nella città, Phil comincia a interessarsi di musica e arti visive, impara la chitarra e frequenta con una singolare curiosità i numerosi studi di registrazione della Città degli Angeli. Con tre compagni di scuola forma i Teddy Bears, complessino che già si fa valere nelle feste scolastiche e vedere nei music-bar di cui è disseminata la città. Con la sua prorompente vivacità e le sue già avanzate conoscenze riesce a farsi assegnare qualche ora gratuita di studio di registrazione da Stan Ross dei Gold Star Studios di Hollywood. Phil raduna i tre compari quindicenni come lui e sotto la sua guida registrano To Know Him Is to Love Him dedicata al padre perso in giovane età; il brano arriva immediatamente al top, in sei mesi vende oltre un milione di copie e procura al combo un contratto discografico. Purtroppo dopo i seguenti tre dischi abbastanza anonimi, l'anno dopo il quartetto si scioglie.

Spector mettendo a frutto l'esperienza già accumulata, ritorna a New York ed entra alla corte di Lieber & Stoller, i più affermati autori del momento (Elvis Presley, The Drifters, The Coasters etc.) che gli propongono di scrivere per un nuovo solista, Ben E.King; ecco nascere Spanish Harlem, primo vero hit dell'artista del Nevada a cui seguirà Stand By Me, appunto di Lieber & Stoller. Phil, ormai considerato l'astro nascente del mixing, lavora per Ray Peterson (Corinna,Corinna), per i Top Notes con Twist and Shout (che tutti però ricordano più nella versione dei Beatles), per Curtis Lee, Be My Boy delle Paris Sister con le quali inaugura la Phillies records, Da Doo Ron Ron per le Crystals ancora per la sua etichetta e lanciò definitivamente le grandi voci di Connie Francis e di Gene Pitney. Sempre per la Phillies creò le Ronettes, trio coulored femminile che si affermò con Be My Baby ed arrivata con la stessa freschezza ai giorni nostri.

Grande sostenitore del one-hit-wonder a 45 giri, giudicò il nascente EllePì come “... two hits and ten pieces of junk.. due successi fra tanta spazzatura...” però fra tanti singoli Spector pubblicò nel 1962 uno dei primi Lp a tema, A Christmas Gift for You, raccolta di classici di Natale reinterpretati dai suoi artisti (Darlene Love, Bob Soxx, The Ronettes, Crystals); il microsolco, dall'anno della pubblicazione fino al 1987, ultima uscita, fu costantemente ai vertici delle hit nel periodo natalizio. Nel 2007 per la EMI è uscita una nuova riedizione di questo lavoro su cd mantenendo l'originale caratteristica di riproduzione in mono ed è stato un nuovo successo.

THE WALL OF SOUND
La peculiare tecnica di registrazione che caratterizzava Phil e messa a punto dal suo alter ego, l'audio-engineer Larry Levine, è da tutti nota come Wall of Sound-Muro del Suono. Caratteristica dei suoi prodotti era quella singolare miscela sonora data da innumerevoli e sapienti sovraincisioni, una controllata saturazione con effetti di riverbero che pompavano a dismisura il sound del brano dandogli una forza e un impatto notevoli, risultato particolarmente evidenziato dall'ascolto nei diffusissimi apparecchi juke-box all'avanguardia nella riproduzione ma anche di grande efficacia nei passaggi radiofonici, il maggiore veicolo di promozione del periodo. Lui stesso definiva il suo suono “...un wagneriano approccio al rock & roll...”. Il risultato finale poi era maggiormente accentuato dalla acerba tecnologia mono dei dischi degli anni “60; anche per questo motivo Phil fu uno strenuo oppositore della nascente stereofonia. Nonostante sia considerata obsoleta, molti artisti dei decenni seguenti si sono ispirati alla sua tecnica per ottenere questo particolare denso effetto, dai Beatles ai Beach Boys, da Springsteen (Born to Run) ai Pet Shop Boys, dai Frankie Goes to Hollywood (Trevon Horn) a Duffy (Steve Booker) senza comunque ottenere lo stesso risultato. Si avvicinarono invece molto gli ABBA con Waterloo e Dancing Queen.

Dalla metà degli anni “60, Spector si dedicò principalmente alle Ronettes, il trio in cui militava anche la moglie Veronica “Ronnie” Bennett. Scrisse per loro innumerevoli hits (Be My Babe, Baby-I Love You, Breakin' Up, Walking in the Rain etc.), le produsse, gli fece da manager e le accompagnò anche in tour ma tutto ciò non solo per un mero impegno artistico ma soprattutto perchè Phil era dilaniato da una maniacale gelosia; non sopportava vederla parlare o anche solo che un estraneo la guardasse tanto che in un tour inglese del 1964 puntò la pistola sotto il naso a un giovanissimo Paul McCartney perchè nelle quinte del teatro Gaumont-Odeon in cui erano entrambi ospiti chiese una sigaretta alla vocalist. I suoi comportamenti eccentrici e il suo temperamento bizzarro sono sulla bocca di tutti tanto da essere palesemente uno dei personaggi più temuti dello show business. Regolarmente armato, notoriamente preda di rabbiosi scatti d'ira e tremende sfuriate, Phil ha un comportamento mentale disambiguo, geniale, acuto e creativo quanto collerico e pericolosamente monomaniacale addirittura vicino al sadismo.

Ronettes original song "Be My Babe"


Durante il 1964, Phil fa conoscenza dei Rightouse Brothers e resta affascinato da Bill e Bobby, i titolari del duo. Li scrittura a peso d'oro per la sua etichetta e produce una serie di hits che faranno storia anche negli anni a venire: You've Lost That Lovin' Feelin (ora anche inno del Nottingham Forest F.C.), Just Once in My Life, Ebb Tide e la mitica Unchained Melody inserita poi in versione originale anche nel film Ghost (1990), come Be My babe del resto, che riportò Spector agli onori dell'Olimpo musicale.

THE RIGHTEOUS BROTHERS
I due cantanti della band Paramours, Bill Medley e Bobby Hatfield (entrambi 1940) erano l'attrazione principale dei locali della Los Angeles Area nei primi anni “60 e riscuotevano particolare successo per quella fusione vocale data dal “basso-baritono” di Medley e dal “tenore” di Hatfield tanto da fulminare le orecchie e la fertile mente di Spector quando incidentalmente li udì in un night della zona. Li scritturò immediatamente e confezionò su di loro i migliori abiti sonori che si potessero concepire. Il loro stile, definito “blue-eyed soul” ebbe risonanza mondiale e culminò con il successo di Ebb Tide e Unchained Melody, brano gettonatissimo anche ai nostri giorni. Non durò molto la collaborazione con Phil ma lasciò certamente il segno se i due continuarono per i successivi 40 anni proponendo principalmente i motivi del periodo Phillies pur passando in seguito a case prestigiose come la Capitol e la Motown. Nel 1987 il solo Medley ebbe un clamoroso successo personale interpretando I've Had The Time of My Life con Jennifer Warnes inclusa nel film Dirty Dancing. Nel novembre del 2003, dopo un concerto al Miller Auditorium di Kalamazoo-Michigan, Hatfield ebbe un attacco di cuore e morì appena giunto in hotel. Bill Medley continua tuttora la sua carriera come solista.

Come da copione però, l'eccentrico produttore l'anno dopo perse interesse per il giocattolo rappresentato dal duo che abbandonò per concentrarsi su di una nuova coppia appena scoperta, Ike & Tina Turner con cui registrerà River Deep-Mountain High, bellissimo ma difficile pezzo pop-soul che non porterà al successo sperato nonostante Phil lo considerasse un magnum opus, uno dei suoi migliori mai realizzati. Sarà invece, in seguito, un successo per Eric Burdon, Deep Purple, Diana Ross, Bob Seger, Meat Loaf ma anche per la Zanicchi! Comunque Spector dopo questo insuccesso matura la decisione di vendere l'etichetta che fra il “60 e il “65 aveva piazzato ben 25 singoli nella top-ten e lascia temporaneamente lo star-system in una delle sue crisi “reclusive”, un disturbo bipolare schizofrenico.

Schizofrenia è un termine piuttosto generico che indica non una entità nosografica unitaria, ma una classe di disturbi, tutti caratterizzati da una certa gravità e dalla compromissione del cosiddetto "esame di realtà" da parte del soggetto. A questa classe appartengono quadri sintomatici e tipi di personalità anche molto diversi fra loro, estremamente variabili per gravità e decorso; in casi molto gravi i sintomi possono provocare totale inabilitazione. Nella maggioranza dei casi di schizofrenia vi è qualche forma di apparente disorganizzazione o incoerenza del pensiero. Vi sono però certe forme dove questo sintomo non compare, e compaiono invece rigide costruzioni paranoidi.

Phil Spector è malato, tutti lo sanno ma tutti vogliono i suoi preziosi servizi, il suo tocco da Re Mida anche a costo di sopportare le sue sfuriate, i suoi improvvisi cambiamenti umorali, i suoi stati depressivi o iperattivi, il suo deragliamento mentale, la sua illogicità. Nel 1970, Allan Klein, avvocato newyorkese che stava occupandosi degli affari dei Beatles, sveglia Phil dalla sua acinesia e lo porta a Londra per dare un senso a quel casino di nastri lasciati incompiuti dai Quattro in fuga uno dall'altro. Gli mettono in mano un abortito Get Back a cui deve dare capo e coda. Chiede ed ottiene la massima libertà di azione e stravolgendo completamente l'idea originaria dei Fab, dà alla luce Let it Be, uno dei million sellers dei Beatles. McCartney, che non era della partita, sentito il prodotto dà su tutte le furie soprattutto per lo stravolgimento di The Long and Winding Road, tramutata con archi e cori in un musical hollywoodiano, ma anche Across the Universe di Lennon ed I Me Mine furono criticate come inappropriate. Nonostante la deformazione dovuta ai suoi nuovi arrangiamenti, Let it Be stravende, vince anche un Oscar e Spector ottiene la fiducia incondizionata di Lennon e Harrison per la realizzazione dei loro nuovi lavori.

Spector & Lennon cantano insieme


Seguono così All Things Must Pass, My Sweet Lord, What Is Life, Concert for Bangla-Desh per Harrison e con John Instant Karma, PlasticOno Band, Power to the People, Some Time in New York City, Rock & Roll Album dove Lennon, in grave ritardo produttivo, fu minacciato di morte da Phil con la roulette russa. L'apice della collaborazione con John fu però l'album Imagine (1971) che conteneva l'omonima canzone, la più ascoltata del secolo.

Altre titolate collaborazioni sono quelle per Leonard Cohen, Death of a Ladies' Man (1977), e quella inusuale per i Ramones voluta da Joey, grande fan di Spector, End of the Century del 1980, uno dei loro maggiori successi (Rock & Roll High School, Do You Remember Rock & Roll Radio (Baby I Love You)) ma anche fonte di aspre critiche dai fans per l'apertura verso brani di chiara concezione radiofonica. Anche queste sedute di registrazione furono tempestose e tormentate.

DAI RICORDI DI DEE DEE
Spector portò via Joey per una riunione di tre ore da qualche parte in casa sua, Dee Dee li andò a cercare. «La prima cosa che vidi fu Phil apparire in cima alle scale urlando e impugnando una pistola».

Lo affrontai, ricorda Dee Dee; "Phil", gli dissi, "Non so che tipo di fottuti problemi tu abbia, brandendo la pistola a destra e a sinistra in quella maniera...ma io ne ho abbastanza. Me ne torno al Tropicana..."

"Tu non vai da nessuna parte, Dee Dee" disse Phil.

Mi puntò la pistola al cuore e poi ordinò a me e al resto dei Ramones di tornare in sala di incisione... Mise via la pistola solo quando fu sicuro di essere protetto dai suoi bodyguard. Poi si sedette al pianoforte e ci costrinse ad ascoltarlo suonare e cantare "Baby, I Love You” fino alle 4:30 del mattino.

Alla fine l’album costò circa 700.000 dollari, dato che Phil non faceva altro che mixarlo e remixarlo. Se fosse stato per lui avrebbe voluto remixare daccapo l’intero album ancora e ancora...Era tutto una pazzia.

Phil Spector celebration


In precedenza, nel 1974 Phil alla guida di una potentissima spider, lui che aveva l'autista e non guidava quasi mai, si schiantò in una corsa pazza su e giù per i tornanti delle colline di Hollywood. Fu per molto tempo in coma, si temette per la sua vita e dopo diverse operazioni chirurgiche alla faccia e alla testa rimediò oltre 700 punti di sutura interni ed esterni. Più tardi dichiarerà alla polizia di essere stato inseguito da un killer anche se questa versione non troverà mai fondamento. Resta però il fatto che questo incidente e i successivi ricoveri acuirono ancora di più la sua schizofrenia e la paura verso il mondo esterno tanto da farlo vivere recluso nella sua mansion per gli anni successivi cosa che farà anche nel corso degli anni “80 e “90. Si dice che viva nel buio più totale e si aggiri per il Pyrenees, la sua residenza californiana, con indosso un costume da Batman... Nel 1989 quando fu inserito nella Hall of Fame per i suoi meriti artistici, si presentò alla cerimonia di insediamento spalleggiato da tre bodyguard tutti con le pistole spianate, fu un vero shock per i 3.000 invitati!!!

E' stato in seguito contattato per lavorare nell'album multimilionario di Celine Dion Fallin Into You a fianco della créme produttiva di Hollywood come Babyface, Humberto Gatica, David Foster, Billy Steinberg etc. ma il progetto della sua partecipazione è naufragato. Produrrà invece nel 2003 il secondo album degli inglesi Starsailor di James Walsh, interpreti di un rock al borotalco carino e leggero (Train, Fray, Sixpence None the Richer etc.), un lavoro che faceva presumere un riavvicinamento di Phil al mondo del pop. Stava pianificando il nuovo album degli australiani The Vines ed uno del cantautore Hargo, anche Amy Winehouse aveva applaudito al suo rientro nello star-system cantando con la pop-singer ex-Sugarbabes Mutya Buena il brano B Boy Baby che usa manifestamente il refrain di Be My Baby delle Ronettes, il cui autore è appunto Spector. Aveva progetti in corso anche con i Coldplay e programmava il rientro di Rob Halford... progetti...solo progetti...

LA FINE DEL RE DEL POP
Una donna trovata morta nel suo castello, uccisa da un colpo di pistola in bocca

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE DI NEW YORK - Quando il giudice Larry Paul Fidler della Corte superiore di Los Angeles ha letto la sentenza, il suo primo piano era una maschera congelata in uno stupore lontano. Phil Spector, il più leggendario produttore musicale della storia, si prepara a trascorrere il resto della vita in prigione: è stato riconosciuto colpevole di omicidio di secondo grado per aver ucciso nel 2003 l' attricetta 40enne Lana Clarkson (nda: ex di Glenn Hughes). Anche se la sentenza sarà emessa solo il 29 maggio Spector, che oggi ha 68 anni, rischia da un minimo di 20 anni all'ergastolo (nda: comminati poi 18 anni). L'ex Re Mida della canzone -celebre per aver inventato negli anni ' 60 il «Wall of Sound» e aver prodotto gli hit più famosi di Tina Turner, John Lennon, i Beatles, i Rolling Stones, The Ramones, Leonard Cohen e Cher, nonché per un cameo in Easy Rider- era da sei anni in libertà provvisoria dopo un primo processo annullato e il versamento di una cauzione di un milione di dollari.«Io quella donna non l' avevo mai vista prima. Neppure la conoscevo», dichiarò al processo.«È venuta a casa mia e si è messa a giocare con la pistola, a baciarle la canna. Quella figliola si è semplicemente suicidata». Dopo una trascurabile carriera come protagonista di film quali Barbarian Queen, la Clarkson sbarcava il lunario come cameriera-hostess nel nightclub House of Blues di Los Angeles. A quei tempi anche Spector era sul viale del tramonto, abbandonato e depresso. Il loro è un incontro tra anime sole e disperate. Si conoscono il 3 febbraio 2003 e decidono di tornare a casa insieme, nella residenza di Spector, Pyrenees Castle, ad Alhambra. Alcune ore più tardi la polizia riceve una telefonata dal suo autista: «Penso che il mio capo abbia ammazzato qualcuno». Al Daily Telegraph il producer aveva confessato «disturbi di bipolarismo che mi rendono relativamente pazzo». Ma a complicare la sua posizione sono i racconti dell' ex moglie. «Mi aveva murata viva nel suo castello e mi vietava di parlare coi Beatles e i Rolling Stones per paura che lo tradissi», rivela Veronica «Ronnie» Bennett, ex lead singer del gruppo The Ronettes. «Mi aveva fatto costruire una bara d' oro massiccio con il coperchio di cristallo. Minacciava di uccidermi e di mettermi in mostra». E anche la sua passione per le armi era nota. Più di una volta aveva puntato la pistola alla tempia di Leonard Cohen, Steve Wonder, Ramones e Lennon. Al processo emerge la sua infanzia tormentata, il padre suicida. Nel '74 era quasi morto in un incidente d' auto. Da allora non è più stato lo stesso.

Video dei successi di Spector


Albums

1959: The Teddy Bears Sing – The Teddy Bears * 1963: A Christmas Gift for You from Phil Spector – Various Artists * 1963: Twist Uptown – The Crystals * 1963: He's A Rebel – The Crystals * 1964: Presenting the Fabulous Ronettes Featuring Veronica – The Ronettes * 1965: Ronettes – The Ronettes * 1966: River Deep - Mountain High – Ike and Tina Turner * 1970: Let It Be – The Beatles * 1970: All Things Must Pass – George Harrison * 1970: Plastic Ono Band – John Lennon + The Plastic Ono Band * 1970: Plastic Ono Band – Yoko Ono + Plastic Ono Band * 1971: Imagine – John Lennon * 1971: The Concert for Bangla Desh – George Harrison and friends * 1972: Some Time in New York City – John Lennon and Yoko Ono + Elephant's Memory * 1975: Rock N' Roll – John Lennon * 1975: Born To Be With You – Dion * 1977: Death of a Ladies' Man – Leonard Cohen * 1980: End of the Century – Ramones * 1981: Season of Glass – Yoko Ono * 1986: Menlove Ave. – John Lennon * 1991: Back to Mono (1958-1969) (Box set compilation) – Various Artists * 2003: Silence Is Easy – Starsailor

Singles

"To Know Him Is to Love Him" - The Teddy Bears (58, #1) * "Corrine, Corrina" – Ray Peterson (61, #9) * "Pretty Little Angel Eyes" – Curtis Lee (61, #7) * "Every Breath I Take" – Gene Pitney (61, #42) * "I Love How You Love Me" – The Paris Sisters (61, #5) * "Under the Moon of Love" – Curtis Lee (61, #46) * "There's No Other (Like My Baby)" – The Crystals (62, #20) * "I Could Have Loved You So Well" – Ray Peterson (62, #57) * "Uptown" – The Crystals (62, #13) * "He Knows I Love Him Too Much" – The Paris Sisters (62, #34) * "Let Me Be the One" – The Paris Sisters (62, #87) * "Second Hand Love" – Connie Francis (62, #7) * "He's A Rebel" – The Crystals (62, #1) * "Zip-a-Dee-Doo-Dah" – Bob B. Soxx & the Blue Jeans (63, #8) * "He's Sure the Boy I Love" – The Crystals (63, #11) "Puddin N’ Tain (Ask Me Again, I’ll Tell You the Same)" – The Alley Cats (2/16/63, #43) * "Why Do Lovers Break Each Other’s Hearts" – Bob B. Soxx and the Blue Jeans (63, #38) * "(Today I Met) The Boy I’m Gonna Marry" – Darlene Love (63, #39) * "Da Doo Ron Ron" – The Crystals (63, #3) "Not Too Young to Get Married" – Bob B. Soxx and the Blue Jeans (63, #63) * "Then He Kissed Me " – The Crystals (63, #6) * "Wait ’Til My Bobby Gets Home" – Darlene Love (63, #26) * "Be My Baby" – The Ronettes (63, #2) * "A Fine Fine Boy" – Darlene Love (63, #53) * "Christmas (Baby, Please Come Home)" – Darlene Love * "Baby, I Love You" – The Ronettes (64, #24) * "Breakin' Up" – The Ronettes (64, #39) * "Do I Love You?" – The Ronettes (64, #34) * "Walking In the Rain" – The Ronettes (64, #23) * "You've Lost That Lovin' Feelin'" – The Righteous Brothers (65 #1, UK #1) * "Just Once in My Life" – The Righteous Brothers (65, #9) * "Unchained Melody" – The Righteous Brothers (65, #4) * "Ebb Tide" – The Righteous Brothers (66, #5) * "River Deep - Mountain High" – Ike and Tina Turner (66, #88 UK #3) * "Love Is All I Have to Give" – The Checkmates, Ltd. (69, #65) * "Black Pearl" – The Checkmates, Ltd. (69, #13) * "Proud Mary" – The Checkmates, Ltd. (69, #69) * "Instant Karma" – John Lennon (70, #3) * "The Long and Winding Road" – The Beatles (70, #1) * "My Sweet Lord" – George Harrison (70, #1) * "What Is Life" – George Harrison (71, #10) * "Power To The People" – John Lennon/Plastic Ono Band (71, #11) * "Try Some, Buy Some" – Ronnie Spector (71, #77) * "Bangla-Desh" – George Harrison (71, #23) * "Imagine" – John Lennon (71, #3) * "Rock 'n' Roll High School" – Ramones (79, UK #67) * "Baby, I Love You" – Ramones (80, UK #8) * "Do You Remember Rock 'n' Roll Radio?" – Ramones (80, #54) * "To Know Him Is To Love Him" - TRIO / Linda Ronstadt, Dolly Parton, Emmy Lou Harris (87, #1) * "Unchained Melody" – The Righteous Brothers (90 Reissue, #13) * "Silence Is Easy" – Starsailor (03, UK #8)



Celtico
Domenica 27 Settembre 2009, 13.19.24
22
..beh sì, qui mi sembra non ci siano dubbi....
....
Domenica 27 Settembre 2009, 10.23.16
21
qui cè di mezzo anche il morto e le testimonianze dei Ramons e di tutti gli altri
Khaine
Sabato 26 Settembre 2009, 19.29.52
20
Beh nel suo caso specifico ci sono sentenze e fotografie... mica favolette
Celtico
Sabato 26 Settembre 2009, 16.28.10
19
si sentono storie così strane e incredibili di personaggi famosi che molte volte mi chiedo se non siano pianificate a tavolino solo per far parlare di se....
Giasse
Giovedì 24 Settembre 2009, 22.26.20
18
La morale è che TUTTI i geni hanno qualche strana ipersensibilità nel cervello che li rende assolutamente disadattati nei confronti del mondo... madonna che fuori di testa questo qui...
Richard
Giovedì 24 Settembre 2009, 13.04.46
17
SILENZIO ... è la mia ora di preghiera e di sofferenza. Pane, acqua e cilicio
Raven
Giovedì 24 Settembre 2009, 12.55.30
16
Don Milella suona benissimo
Khaine
Giovedì 24 Settembre 2009, 12.53.56
15
Hahahah frate richard Don milella!!!
Richard
Giovedì 24 Settembre 2009, 12.48.00
14
Vi sto leggendo e scrivendo dalla mia umile celletta BASTARDI !!!!!!
Raven
Giovedì 24 Settembre 2009, 9.03.07
13
Richard, col saio saresti perfetto, pensaci
Khaine
Giovedì 24 Settembre 2009, 8.51.44
12
AUHAUHAUHUAHUHAUHAU!
pincheloco
Giovedì 24 Settembre 2009, 8.49.43
11
Si scherza ovviamente.
pincheloco
Giovedì 24 Settembre 2009, 8.49.01
10
Si di Spector conoscevo già il nome e che fosse legato a tanti successi. Non sapevo che fosse così folle. Hare Krishna è legato a George Harrison in Bangladesh o ad una tua conversione? Perchè un mio amico che ci è passato ora è diventato frate.
Khaine
Mercoledì 23 Settembre 2009, 23.28.59
9
Ci mancherebbe Rich, massimo supporto
Richard
Mercoledì 23 Settembre 2009, 21.19.17
8
Grazie ragazzi per i complimenti. Posso solo aggiungere che mi viene letteralmente da piangere lacrime vere quando vedo John Lennon VIVO che suona, prova, discute, si incazza con Yoko, fuma, sorride, parla con George, Phil e Nicky insomma VERAMENTE EMOZIONANTE...... ...E grazie ai meravigliosi ragazzi di Metallized che danno un impensabile appoggio alle nostre iniziative musicali; il successo di queste va diviso al 50% con VOI... Hare Krishna
Khaine
Mercoledì 23 Settembre 2009, 20.37.36
7
Beh si tratta sicuramente di una storia più unica che rara! Quello che mi ha stupito di più, però, è vedere DI QUANTI successi ques'uomo è statao responsabile... i brani linkati, in particolare, li conosce anche la mia bisnonna. Una roba pazzesca! Conoscevo già Spector e sapevo che era un pezzo grosso, ma non avrei mai e poi mai immaginato che fosse COSI' grosso. Come sempre Richard ha fatto un colpaccio
pincheloco
Mercoledì 23 Settembre 2009, 20.33.44
6
Accidenti la storia di questo matto non la conoscevo proprio.
nic
Martedì 22 Settembre 2009, 11.36.48
5
certo che ce nè di gente strana in giro!
Nikolas
Lunedì 21 Settembre 2009, 16.52.17
4
Un personaggio unico nel suo genere, davvero un peccato come sia finito...
Maiden1976
Lunedì 21 Settembre 2009, 16.28.24
3
Mamma mia che fuori di testa!!!!!
nic
Lunedì 21 Settembre 2009, 13.08.00
2
azz.... geniale (articolo e personaggio)
Raven
Lunedì 21 Settembre 2009, 13.05.34
1
Personaggio assai discutibile e singolare, la cui storia va conosciuta. Brutta e prevedibile fine.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Spector e cocaina nel cameo del film 'Easy Rider'
Clicca per ingrandire
Phil punta la pistola al fotografo, un vizio che gli costerà caro
Clicca per ingrandire
John e Phil
Clicca per ingrandire
John Lennon - Imagine 1971
Clicca per ingrandire
Un altro capolavoro di Phil
Clicca per ingrandire
Spector, il Re Mida dei produttori
Clicca per ingrandire
Phil Spector 2009 (con parrucca)...
Clicca per ingrandire
... e senza in una foto segnaletica dopo la carcerazione a 18 anni
Clicca per ingrandire
Lana Clarkson
Clicca per ingrandire
La scena del delitto (la pistola di Phil è visibile sotto la gamba sinistra)
ARTICOLI
12/12/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 25 - Iron Butterfly: il pesante volo della farfalla di ferro
03/12/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 24 - Smoke On The Water: quando la Storia si fa Leggenda
25/10/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 23 - Close To The Edge: Ai Limiti Dell'Impossibile...
13/09/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 22 - Jimi & Janis
29/06/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 21 - School's Out
31/05/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 20 - 1970: Belli e quarantenni
30/04/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 19 - Paul Is Dead?
29/03/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 18 - Creedence Clearwater Revival
28/02/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 17 - COVER STORY: Equipe 84, Corvi ed altri animali...
31/01/2010
Articolo
JURASSIC ROCK
# 16 - C'era una volta Rino Gaetano
20/12/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
# 15 - II ritorno del "Biglietto per l'Inferno"
23/11/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
# 14 LOU ADLER - Il "papa'" dei Figli dei Fiori
26/10/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
# 13 Mad Dogs & Englishmen - The Crazy Baraonda
21/09/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
# 12 Il ragazzo con la pistola
05/08/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#11 Abbey Road compie 40 anni
26/07/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#10 - STEVE WINWOOD - L'incredibile storia di Mr. Fantasy
22/05/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#9 VERY 'EAVY...VERY 'UMBLE - Uriah Heep Gli incompresi dell'Heavy Metal
17/04/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#8 - Twentieth Century's Albums
10/03/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#7 THE CREAM - The Dream of a Dream Team
04/02/2008
Articolo
JURASSIC ROCK
#6 ALO - ANDREW LOOG OLDHAM: come si inventa la più grande band di rock & roll del pianeta
09/01/2009
Articolo
JURASSIC ROCK
#5 WHO'S NEXT - "The Who" Genio e sregolatezza
06/12/2008
Articolo
JURASSIC ROCK
#4 WOODSTOCK - Tutto ciò che non vi hanno mai detto...
04/11/08
Articolo
JURASSIC ROCK
#3 Deep Purple In Rock
03/10/2008
Articolo
JURASSIC ROCK
#2 From Genesis to... Travagliato
18/09/2008
Articolo
JURASSIC ROCK
#1 Grand Funk Railroad
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]