Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Turilli / Lione Rhapsody
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)
Demo

Wraith (USA)
Absolute Power
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/09/19
KURGAN
Yggdrasil Burns

20/09/19
LEE AARON
Power, Soul, Rock N Roll

20/09/19
EXHORDER
Mourn the Southern Skies

20/09/19
AS I LAY DYING
Shaped by Fire

20/09/19
BRETUS
Aion Tetra

20/09/19
SNOW BURIAL
Ostrava

20/09/19
MONOLORD
No Comfort

20/09/19
URN
Iron Will of Power

20/09/19
AWAKE THE DREAMER
Damaged Souls

20/09/19
BULLRING
Break Down the Gate

CONCERTI

19/09/19
DER WEG EINER FREIHEIT + DOWNFALL OF GAIA
LEGEND CLUB - MILANO

19/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/09/19
LIGHT THIS CITY
DAGDA - RETORBIDO (PV)

20/09/19
SOTO + GUEST TBA
LEGEND CLUB - MILANO

20/09/19
RAM + VULTURE + INDIAN NIGHTMARE
DEDOLOR MUSIC HQ - ROVELLASCA (CO)

20/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
LARGO VENUE - ROMA

20/09/19
S.R.L. + VIOLENT INNER PROTEST + ORGANIC ILLUSION
SAXA BEACH - PORTO S. ELPIDIO (FM)

20/09/19
HORRID + STIGE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

20/09/19
TMA FEST (day 1)
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

21/09/19
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

DREAM THEATER - La band ieri, oggi e domani
14/11/2009 (3825 letture)
In occasione della data di chiusura italiana del Progressive Nation Tour ho avuto l'opportunità di scambiare quattro chiacchiere con James LaBrie, voce storica dei progster più famosi del mondo metal. James ha dimostrato di essere una persona molto alla mano, rispondendo con compiutezza a tutte le domande che gli ho posto nei venti minuti di tempo che avevamo a disposizione: ecco a voi dunque la trascrizione della nostra intervista. Buona lettura a tutti!

Khaine: Ciao James, grazie dell'intervista e benvenuto su Metallized.it!
James: Grazie a te!

Khaine: Cominciamo subito, ok? Sarà banale, ma ti vorrei chiedere chi fossero 15 anni fa i Dream Theater, e quali conseguenze e influenze ha avuto la vostra carriera di band sullo sviluppo della musica moderna.
James: Beh, 15 anni fa eravamo una band ancora relativamente giovane, stavamo ancora cercando di lasciare il segno, rendendo la nostra musica conosciuta a più persone possibile, restando comunque aderenti a ciò in cui credevamo, sai... per esser certi che noi fossimo i primi ad essere soddisfatti del nostro lavoro, facendo tutto il possibile per promuovere la nostra musica. Questo è ciò che eravamo... e, sai, grazie al nostro continuo suonare live abbiamo sempre mantenuto una certa integrità: credo che questo sia ciò che ha preservato la nostra longevità.

Khaine: Ok. James, ormai hai trascorso molti anni come musicista professionista: quali sono stati i cambiamenti principali nel music business?
James: Dunque, il cambiamento principale nel music business è in realtà una cosa molto ovvia: lo sviluppo della tecnologia ha rovesciato l'industria discografica, e credo che ormai gli artisti non vadano più in cerca del tipo di "business" di una volta, per cui tu registri un album, lo pubblichi, ne vendi tante copie e ne ricavi un profitto, così come guadagni facendo i tour e via dicendo... le entrate, e il modo in cui le compagnie discografiche erano solite operare, in gran parte non corrispondono più alla realtà delle cose. Penso che, sfortunatamente, la tecnologia ed il fatto che la gente continua a scaricare, quindi ottenendo la musica senza pagare, stia uccidendo un'industria della libera espressione, you know, un'area veramente artistica di un'arte universalmente apprezzata. Credo che si tratti della più grossa trasformazione che l'industria abbia mai subito: è spiacevole a dirsi, ma credo che sia necessario adattarsi... noi siamo molto fortunati, perchè abbiamo una base di fan incredibilmente leali ed affezionati a ciò che noi siamo, come band, ed alla nostra musica, quindi per fortuna noi continuiamo a vendere molto, molto bene i nostri dischi, ma lo stesso non credo si possa dire dell'industria nel suo complesso.

Khaine: Come band avete sempre sperimentato con la musica: c'è qualcosa che avreste voluto realizzare ma, per una qualche ragione, non siete riusciti a fare?
James: Credo che ciò che facciamo, come Dream Theater e musicalmente, sia esattamente ciò che vogliamo fare, e noi siamo esattamente dove vogliamo essere; pertanto no, non credo che ci sia mai stata una situazione del genere -forse con l'eccezione, sai, di Falling Into Infinity, in cui c'erano diverse forze che dall'esterno cercavano di dirigerci, di imporre ciò che loro pensavano fosse meglio per la band. Allora fu evidente che noi, in questa maniera, come band non possiamo esistere: in nessun modo queste due forze possono coesistere! Noi siamo ciò che siamo, facciamo le cose a nostro modo, il nostro approccio alla musica, all'incisione e alla composizione è quello che noi riteniamo più opportuno e in nessun'altra maniera possiamo esistere, come band, punto! Quindi penso che, a prescindere da chi o cosa c'è li fuori, musicalmente noi siamo esattamente ciò che vogliamo essere.

Khaine: Chi sono i Dream Theater oggi, e in che direzione state andando? Quali sono i vostri principali obiettivi, sia come artisti che come professionisti?
James: Quanto a "chi siamo", direi che siamo una band progressive metal, che è ciò che siamo diventati sin dall'inizio. Quanto alla "direzione", direi che amiamo completamente ciò che facciamo e crediamo che ci sia ancora molta musica dentro di noi, che ci siano ancora molte cose che dobbiamo dimostrare: ci sono ancora molti obiettivi che vogliamo raggiungere; finchè la fiamma continuerà ad ardere e ci sarà l'ispirazione... sai, credo che non ci sarà nessun limite su "per quanto tempo vorremo continuare a fare quello che facciamo". Penso che il futuro sia molto promettente, molto positivo e ritengo che sarà ancora molto luminoso, dal punto di vista musicale. Quanto ai nostri principali obiettivi, sai, noi vogliamo sempre continare a vederci crescere, sia come individui che, collettivamente, come band, e finchè continueremo a riflettere sulla nostra musica e a vedere che ogni album che creaiamo è un qualcosa che ci mostra cresciuti, e che ci fa evolvere musicalmente, come band credo che questo sia il nostro obiettivo principale. Finchè potremo dire con tutta onestà che ogni album che pubblichiamo è diverso e, per certi versi, migliore [dei precedenti, ndKhaine], e questo ci mostra che noi continuiamo a sperimentare, ad andare in nuove aree, e che comunque mateniamo un alto livello di comunicazione -pur in un modo diverso, ebbene finchè riusciamo a mantenere questo standard beh... credo che sia ciò che desidera ogni musicista.

Khaine: Credo che, negli anni, il modo di vivere un concerto cambi molto, per un musicista professionista. Oggi come oggi cos'è che vi dà soddisfazione? Voglio dire, a parte il fatto che per voi questo è un lavoro e non solo una passione, quali sono le cose che vi fanno dire "Dio, non vedo l'ora di iniziare e di fare questo tour"?
James: [un pelo scocciato, ndKhaine] Ah, ma è perchè uno ama fare quello che fa! Voglio dire, ci sono due mondi in cui si lavora: hai il tuo studio, in cui hai il controllo e ed un ambiente perfetto, che ti rendono in grado di essere veramente concentrato e di vedere tutto, fino alla fine, esattamente come dovrebbe essere, e così puoi realizzare musica nel migliore dei modi possibili. Poi c'è l'altro ambiente, l'altro mondo, quello dei live: in questo mondo hai il vero senso di apprezzamento per il tuo lavoro, che ti fa rinnovare il tuo grado di apprezzamento verso la tua situazione, quindi rispetto a chi sei, a cos'hai creato, alla stupefacente base di fan che ti segue in tutto il mondo, migliaia e migliaia di persone tutte le sere, e tu devi solo fare qualcosa che ami fare, che è parte di te, un qualcosa che la gente la fuori apprezza. Questa è la ricompensa definitiva, il migliore dei complimenti: è questo che ti simola, il motivo per cui vuoi stare davanti ai fan, perchè non c'è una sensazione migliore al mondo di questa completa gratificazione.

Khaine: Quindi non sei stufo di suonare in Italia, questa è la quinta volta quest'anno! [ridiamo, ndKhaine]
James: No, assolutamente. Non è questione di essere stufi noi, il problema è se i nostri fan si stancano! [ancora risate, ndr]. Noi amiamo veramente molto i nostri spettacoli e ci piace suonare dal vivo, ci piace stare in contatto coi nostri fan. L'unico motivo per cui lo facciamo è che abbiamo qualcosa come, non so, milioni di fan in giro per il mondo che apprezzano ciò che facciamo, e la verità è che non c'è nessun'altra ragione oltre questa. Nessun'altra a parte il fatto che ci sono un sacco di persone che vivono la nostra musica allo stesso modo in cui la viviamo noi.

Khaine: Ok. Forse è un po' presto per parlarne, ma come ti piacerebbe costruire -musicalmente- il prossimo album dei Dream Theater?
James: [qualche secondo di pausa, ndKhaine]... beh... questa è una domanda veramente molto difficile, perchè credo che alla fine succederà che ci siederemo, noi della band, e discuteremo su che tipo di album dovremo realizzare, in particolare penseremo a cosa meglio possa soddisfare noi, personalmente, come musicisti ed allo stesso tempo creare un disco che soddisfi le aspettative e renda felici i nostri fan. E' questa la strada che intraprenderemo, io non posso dirti "voglio che il disco suoni così, così e così", credo che invece sarà molto chiaro a noi stessi cosa ci sentiremo di fare quando verrà il momento di incidere il prossimo album.

Khaine: Molto bene. Cosa farai una volta che questo tour sarà finito, sia come band che come solista?
James: Dunque, finiremo domani notte in Slovenia, dopodichè torneremo a casa per fare una pausa, che durerà all'incirca un mese. Poi andremo in Nuova zelanda ed in Australia sempre per il tour, e poi nel nuovo anno faremo un tour in sud-America; da lì in poi inizieremo a discutere su cosa vorremo fare dopo.
Io, come solista, pubblicherò un nuovo album a giugno 2010; sono molto contento della musica che ho scritto, è veramente una figata. Ancora una volta ci sarà Marco Sfogli, che è un chitarrista fenomenale; ci sarà anche Matt Guillory, che è un mio partner -scriviamo musica insieme- e anche lui è un musicista veramente talentuoso.

Khaine: Ok, James, siamo quasi arrivati alla fine dell'intervista. A questo punto vorrei chiederti cosa pensi dell'uso della musica come strumento di tortura in guerra.
James: [è lettarlmente sbiancato, ndKhaine] Musica come strumento di tortura? In che modo?...

Khaine: Si, se ne è parlato molto a livello di stampa specializzata; è stata usata in Iraq e (credo, ma non ne sono sicuro), a Guantanamo. L'heavy metal è stato utilizzato per terrorizzare i prigionieri di guerra, sai, persone molto religiose...
James: Well, non posso fare un commento perchè non ero al corrente... Gesù, sono abituato a guardare la CNN ogni singolo giorno e non mi sono mai imbattuto in questi servizi giornalistici, ma... ah, è una cosa folle! La musica, sai, dovrebbe essere un qualcosa che ci fa sentire uniti, un qualcosa che ti fa sentire meglio nei confronti di te stesso, un qualcosa che ti fa capire che siamo tutti simili, che siamo tutti incredibilmente collegati. La musica non dovrebbe mai essere usata come arma, e questa è una cosa atroce, voglio dire, è completamente sbagliato!

Khaine: Si è trattato della musica degli AC/DC, dei Metallica e di alcune band di metal estremo.
James: Ma sai, innanzitutto queste band si suppone che dovrebbero essere ascoltate e apprezzate, perchè la musica dovrebbe essere un qualcosa che tu ami. Sai, io amo gli Slayer, amo i Metallica, amo i Pantera, amo una parte degli AC/DC e ciò che rappresentano, ma usarli come uno strumento di tortura? E' assurdo, è folle. Non riesco a crederci!

Khaine: Bene... passiamo all'ultima domanda allora? Ti va di dirci il nome di qualche album di pubblicazione recente che i nostri lettori dovrebbero ascoltare?
James: Dunque, ho sentito da poco l'ultimo disco dei Porcupine Tree, che è un grande album, ancora una volta Steve Wilson e la sua band sono riusciti a fare un gran bel disco; mi è piaciuto molto anche l'ultimo dei fenomenali Muse: ragazzi che disco! Si intitola Black Holes And Revelations. Poi, chi più... [riflette per qualche istante, ndKhaine]... dunque, penso che i Pain Of Salvation siano una band stupefacente, veramente unici e profondi... credo che queste band abbiano molto da dire. Anche il nuovo Megadeth è fantastico, mi è piaciuto molto.

Khaine: Ok, la nostra intervista è finita allora... ti ringrazio per il tempo che mi hai dedicato! Vorresti lasciare un messaggio ai nostri lettori?
James: Come no, certo! [prende il microfono e recita il messaggio qui sotto ;-)]




Khaine
Martedì 2 Marzo 2010, 19.51.01
17
uhhhh su questo io PERSONALMENTE ho qualcosa da ridire, ma come dico spesso... dipende da persona a persona! I DT o si amano o si odiano, una via di mezzo è difficile trovarla, soprattutto in relazione al periodo artistico post-Moore
Michele
Martedì 2 Marzo 2010, 17.53.01
16
E' probabile che si riferisse agli ultimi album ascoltati da lui (Azzo,però,è rimasto un pochetto indietro xD) Comunque bell'intervista,e poi devo dire anche che secondo me non hanno affatto finito l'ispirazione : per me l'ultimo disco è favoloso,ma diverso dai loro capolavori come Images & Words...
Khaine
Mercoledì 25 Novembre 2009, 19.31.54
15
LOL forse intendeva riferirsi a quello prima
Ste
Domenica 22 Novembre 2009, 16.37.58
14
A me l'ultimo dei Porcupine Tree ha deluso tantissimo XD
metal4ever
Mercoledì 18 Novembre 2009, 18.22.19
13
A James l'ultimo dei Muse è The resistance XD!!!! a parte i scherzi cmq trovo james veramente fantastico sia come artista che come persona, cmq spero che nel prossimo album tirino fuori qualcosa di meglio...
jemini
Martedì 17 Novembre 2009, 22.09.42
12
i dream theater sono DEI ... al gods hanno spaccato di brutto ...altro che slipknot
Rob
Martedì 17 Novembre 2009, 15.59.49
11
Esatto... non voglio fare l'avvocato del diavolo ma i Dream Theater hanno scelto di comporre musica in questa maniera, non è che lo fanno perché non sono più ispirati come una volta, è la direzione che hanno scelto per il loro futuro... che poi questa a molti non piace è un altro discorso...
Khaine
Martedì 17 Novembre 2009, 8.40.12
10
A guarda, allora probabilmente è il cambio stilistico. Son cose che si fanno in certi punti... alle volte piacciono a tutti, alle volte un po' meno...
Painkiller
Martedì 17 Novembre 2009, 8.29.36
9
Khaine, sarà come dici tu ma non capisco perché canti così anche sull'ultimo disco. Non so che dire, ormai non mi emozionano più... l'ultimo disco che mi é piaciuto veramente tanto é stato A train ...
Khaine
Lunedì 16 Novembre 2009, 18.42.39
8
Beh quello forse dipende dalla maturazione verso un approccio diverso (mi riferisco al cantato). O forse è solo un po' invecchiato ed ogni tanto si scorda i testi comunque a conegliano era tutto chiarissimo
Painkiller
Lunedì 16 Novembre 2009, 14.01.29
7
Ebbbravo Khaine! Bella intervista. Però però però ... i DT non riesco più ad ascoltarli ... più che altro proprio per come canta LaBrie ... dal vivo ormai si preoccupa solo di urlare più che può e non scandisce più le parole, e lo stesso ha fatto anche sull'ultimo album. In DVD l'unico in cui canta bene é "score". Anche Dickinson dal vivo stava facendo la stessa fine ma nell'ultimo é tornato a cantare alla grande.
Raven
Domenica 15 Novembre 2009, 20.16.27
6
Ottima intervista Khaine.
Rob
Domenica 15 Novembre 2009, 14.21.20
5
Spero che almeno l'abbia lavata!
Khaine
Domenica 15 Novembre 2009, 13.47.02
4
@ Rob: thanx! @ Andrea: più che altro il problema è che, davvero, i giornali di queste cose ne parlano pochissimo... quanto a Nightblast: e si vede che c'è affezionato no
Nightblast
Sabato 14 Novembre 2009, 23.32.44
3
Però La Brie potrebbe cambiarsi la t shirt...Ha la stessa da aleno 2 anni .Lo ricordo vesito così a Roma con I Symphony X e al Gods of Metal.
AndreaR
Sabato 14 Novembre 2009, 16.59.08
2
Complimenti e ti invidio un po' per l'opportunità che hai avuto ! Però, si vede che vent'anni spesi tra studio e tournée rimbambiscono un po' Oltre al fatto citato da Rob, mi riferisco anche alla risposta sulla musica come strumento di tortura ! Cmq, anche da questa internvista La Brie esce come una persona umile, lontano da atteggiamenti divistici.
Rob
Sabato 14 Novembre 2009, 16.03.38
1
Gran bell'intervista Khaine! Anche se James è rimasto un pochino indietro... l'ultimo album dei Muse si chiama 'The Resistance'! E sono d'accordo con lui nel dire che è bellissimo!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
James LaBrie
RECENSIONI
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
16/07/2019
Live Report
DREAM THEATER
Teatro Antico, Taormina (ME), 10/07/2019
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]