Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
METALLICA - Monografia, #2: Il successo mondiale
Clicca per ingrandire
Hammett travestito da Prince
Clicca per ingrandire
Hetfield in azione
Clicca per ingrandire
I Four Horsemen
Clicca per ingrandire
I Metallica in un momento difficile
Clicca per ingrandire
James e il tipico look da Black Album
Clicca per ingrandire
Kirk Hammett
Clicca per ingrandire
La grinta di Newsted
Clicca per ingrandire
Lars Ulrich trionfante
Clicca per ingrandire
Metallica in posa
Clicca per ingrandire
Ora sono delle rock star
Clicca per ingrandire
Le mille facce dei Metallica
Clicca per ingrandire
1991: Metallica
Clicca per ingrandire
1993: Live Shit
Clicca per ingrandire
1996: Load
Clicca per ingrandire
1997: Reload
Clicca per ingrandire
1998: Garage Inc.
Clicca per ingrandire
1999: S&M
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

METALLICA - Monografia, #2: Il successo mondiale
01/02/2010 (7174 letture)
I Metallica salutano gli anni '80 da Signori dell'heavy metal, privati del genio di Cliff Burton ma autori di quattro dischi assolutamente memorabili grazie ai quali si sono insediati sull'Olimpo della musica dura mondiale. Il nuovo decennio nasce sotto un vento nuovo, con l'entrata in studio prima per la registrazione di una cover (Stone Cold Crazy dei Queen) e poi per dedicarsi ad un nuovo disco. La novità è rappresentata dalla scelta come produttore di Bob Rock, nome celebre nel mondo del rock mainstream; di fatto, le voci su un nuovo corso del sound Metallica iniziano a trapelare e ad agitare i fans di vecchia data. Il nuovo album prese forma lentamente, dopo un anno di lavoro intenso e maniacale che puntava alla perfezione assoluta: si sarebbe chiamato proprio Metallica, quasi a voler chiarire immediatamente la nuova dimensione sonora del combo californiano. Per la promozione del disco viene organizzato l'imponente Wherever We May Roam Tour, che dopo un paio di date californiana si sposta in Europa; l'attesa per l'uscita di Metallica, prevista per il 12 agosto, è isterica e incontenibile; e infatti nella sua prima settimana di vita il disco -ribattezzato 'Black Album' per la copertina completamente nera- vende 600 mila copie, entrando nella classifica pop. Il platter aveva un suono molto melodico ed estremamente pulito, non perdeva dell'energia e della potenza tipica dei Metallica ma era meno cruento e più diretto, orecchiabile e decisamente lontano dalle sonorità thrash; a pezzi lunghissimi in cui si concentravano tonnellate di riffs, la band aveva preferito canzoni più semplici arrangiate attorno ad un riff unico e di impatto immediato. 'Black Album' diventa un virus che porta l'heavy metal nelle case di tutti, lo avvicina alle masse e lo fa spopolare nelle classifiche: ciò che i Metallica hanno combattuto a inizio carriera diventa ora il cavallo di battaglia degli stessi Four Horsemen, che assumono la caratura delle rockstar famose e idolatrate anche al di fuori delle canoniche platee metal alle quali erano abituati. Una mossa a lungo criticata dai puristi, ma che invece segna un'evoluzione intelligente sia musicale che professionale: dopo aver toccato gli incredibili apici tecnici in dischi come Master Of Puppets e ...And Justice For All, infatti, i Metallica scarnificano il loro stile sperimentando nuove soluzioni artistiche, senza mai perdere la credibilità o la cupezza tipica del loro stile. A trainare il disco ci pensano hit come l'energica opener Enter Sandman, la lenta e ossessiva Sad But True o le struggenti ballate The Unforgiven e Nothing Else Matters, prima canzone d'amore scritta dalla band: i fans storici sono sconcertati e storcono il naso, quelli più recenti abbracciano la capacità dei Metallica di saper passare indifferentemente da un repertorio durissimo ad uno più melodico e sentimentale. Alle critiche rispose con orgoglio il bassista Jason Newsted, tipo deciso che non le ha mai mandate a dire: Capisco perfettamente chi vuole sentirci fare solo pezzi velocissimi. Se vi piacciono le band thrash, compratevi i dischi di quelle band e andate ai loro concerti, così possiamo tenerle in vita, ma per favore non disprezzate chi ha aperto la strada e ha sfondato le porte a tanti gruppi che ora apprezzate. I Metallica sono uno dei gruppi che ha avuto un ruolo principale in questa storia. Siamo noi che abbiamo scritto Damage Inc, Fight Fire With Fire e Whiplash. Voi gli date un nome, noi abbiamo contribuito a inventarlo. E siamo ancora capaci di suonarlo meglio di chiunque altro. Posso sfidare qualsiasi gruppo death metal, colpo su colpo, in qualsiasi momento: lo schiacceremmo. Li rispetto molto, ma questi sono i fatti.

Il tour porta i Metallica a girare in lungo e in largo il Vecchio Continente, con setlist entusiasmanti che soddisfano sia il pubblico di ultima generazione che i fans del thrash metal ottantiano; il 28 settembre 1991 i Metallica vengono invitati a suonare con Pantera e ACDC a Mosca, in un concerto gratuito che si teneva in un aereoporto militare in disuso: fu un successo enorme, guastato solo dalla violenza della polizia russa, la quale non esitava a pestare i fans scalmanati quando il loro entusiasmo scavalcava il presunto limite di decenza. Dopo aver messo a ferro e fuoco l'Europa, i Quattro cavalieri presero la via del ritorno con una nuova cascata di date in Nordamerica, prima di concludere l'anno con una trasferta in Giappone, festeggiando il Capodanno al Tokyo Dome. Tra un premio e l'altro, il 1992 nasce sotto il segno di nuove date nel continente natio, che precedono un evento mondano come il Freddie Mercury Tribute Concert, enorme memoriale per il compianto leader dei Queen recentemente arresosi all'AIDS; il momento clou della serata è l'esecuzione di Stone Cold Crazy, in cui Hetfield canta il pezzo supportato dai membri restanti dei Queen e dal leader dei Black Sabbath Tony Iommi. Una nuova parte del tour di supporto al 'Black Album' prende avvio in quel di luglio, e vede i Metallica condividere la tournèe assieme agli scellerati Guns'N'Roses, colossi del rock mainstream. Quattro mesi in tour gomito contro gomito: la folle psiche di Axl Rose, che spesso minaccia di non salire sul palco per qualche schizofrenia improvvisa, rischia da subito di minare i rapporti tra le due bands, inizialmente cordiali; dopo diverse serate trionfali, in cui i due headliner entusiasmano letteralmente le folle, l'8 agosto a Montreal si va ad impattare contro un evento che avrebbe potuto rivelarsi tragico: durante Fade To Black, James mette il piede in una parte sbagliata del palco, laddove esplode un effetto pirotecnico; avvolto dalle fiamme, il chitarrista sfiora la morte di pochi centimetri e, contorcendosi in dolori atroci (riporterà ferite di terzo e secondo grado a braccio e mano sinistra) viene portato d'urgenza in ospedale; Axl Rose ebbe la bella idea di non presentarsi sul palco lamentando un insignificante mal di gola, che fece infuriare la folla: la furia della gente portò migliaia di danni alla struttura dell'impianto. Il tour venne sospeso per permettere a James di curarsi, ma il cantante tornò presto in pista, dedicandosi solo al microfono e lasciando la chitarra ritmica a John Marshall, come nel 1986; il tour si protrasse fino a inizio ottobre, di città in città, e quando Hetfield fu guarito del tutto prese la volta dell'Europa: Metallica e Guns'N'Roses si salutarono in pessimi rapporti. Le scintillanti esibizioni europee si susseguirono fino a fine anno, e a inizio 1993 la band si esibì affiancata nientemeno che dai Megadeth: fu proprio l'ex 'cavallo pazzo' Mustaine a decretare la fine dell'astio tra le due potenze del thrash metal californiano, riservando parole gentili e di ammirazione nei confronti di quella che era stata la sua ex band; nel luglio di quell'anno, l'enorme tour iniziato nel 1991 giunse al capolinea, dopo aver battuto e ribattuto centinaia di rotte, riempiendo le più grandi arene del globo e attirando folle oceaniche assolutamente impazzite di fronte al delirante successo dei Metallica. Oltre alle metropoli dei maggiori stati europei e nordamericani, erano stati toccati Messico, Hawaai, Giappone, Nuova Zelanda, Indonesia, Singapore, Tahilandia, Filippine, brasile, Cile e Argentina: l'heavy metal portato ovunque, a chiunque, i Metallica alfieri di una nuova corrente capace di diffondere la musica più incazzata con semplicità da hit parade.

Nonostante il periodo di meritato riposo, Hetfield ed Ulrich non avrebbero comunque saputo rimanere con le mani in mano: si misero così a vivisezionare la mole gigantesca di filmati e registrazioni audio per documentare il tour, un surplus di lavoro che porta a novembre l'uscita di Live Shit: Binge & Purge, un cofanetto a forma di custodia contenente tre cd audio (registrati a Città del Messico nel 1993) e tre cassette con immagini da Seattle 1989 e San Diego 1991, materiale che permetteva di avere una succosa testimonianza dei Metallica pre e post 'Black Album'; il tutto era arricchito da pass, toppe, un libro, gadget vari, 'regali' che fecero lievitare il prezzo del pacchetto fino agli 85 dollari: nonostante le critiche dei fans e della stampa, il Live Shit riscosse un grande successo e divenne un'alternativa gustosa a chi ancora non era stufo dei Metallica e non avrebbe sopportato sei mesi di pausa della loro band preferita. Il ritorno all'attività live, nel 1994, va di pari passo con l'ingresso in studio per la realizzazione di un nuovo album: i Ragazzi scelgono i Planet Studio di Sausalito (California), praticamente a casa loro: segno di una rilassatezza generale che permette alla band di lavorare con serenità, senza fretta e senza la meticolosità maniacale che aveva caratterizzato ogni lavoro precedente. Già nell'agosto 1995, dopo diversi mesi di lavoro in studio, la band presenta live un paio di nuovi pezzi, prima di dedicarsi ad eventi del tutto particolari: come il cinquantesimo compleanno di Lemmy Kilminster, leggendario leader dei Motorhead, omaggiato con travestimento ad hoc (parrucche e cappelli da cowboy) e cover a tema; o come il 'concerto più freddo del mondo', tenuto davanti a 500 vincitori di un concorso nello Yukon (precisamente a Tuktoyaktuk), in un'arena riscaldata da stufe al cherosene. Tuttavia è alle porte l'alba di un'era buia e faticosa per la band e i suoi membri, James Hetfield in primis: il cancro si porta via il padre a inizio 1996, lasciando un segno pesante nel cantante; la malattia di Virgil Hetfield aveva riavvicinato padre e figlio, che avevano finalmente messo da parte anni di incomprensioni. Dolorosi i ricordi di James: Il mio punto di riferimento deve essere mio padre. Mi sono reso conto soltanto dopo di quanto mi ha influenzato, quanto era presente nella mia vita. E quando siamo finalmente tornati insieme ho visto che ci piacevano quasi le stesse cose e ci trovavamo benissimo dopo tutti gli scazzi che avevamo avuto in famiglia. Quando si è ammalato mi sono reso conto di quanto era forte, gli sono stato molto più vicino ed è stato bellissimo perchè tanta gente non ci riesce. A volte le persone se ne vanno e basta, ci lasciano senza preavviso. Con lui almeno c'è stato un pò di preavviso, e alla fine sono riuscito a stargli sempre più vicino. Dopo, calò il sipario e si fece buio.

La band inizia a parlare di testi più introspettivi e anche di una inclinazione melodica intrapresa dal sound del quartetto: tuttavia i fans aspettano con la bava alla bocca un prepotente ritorno al thrash metal in seguito ad un'escursione nel metal mainstream di qualche anno prima. Cinque anni di silenzio -senza Internet, senza l'abbondanza di band che c'è oggi- hanno portato l'attesa della gente a livelli di guardia elevatissimi. L'uscita di Load, questo il titolo annunciato, è però preceduta da apparizioni inquietanti: le foto ufficiali dei Metallica targati 1996 portano sulle fanzine e sulla stampa specializzata qualcosa di assurdo e patetico, non tanto per i capelli, tagliati cortissimi per tutti e quattro gli ex thrashers californiani, quanto per il loro look bizzarro e inaccettabile per chi, assieme ai Metallica, ha sempre combattuto contro le mode, le apparenze, lo snobismo da rockstar. James coi capelli tinti di nero, Lars col trucco attorno agli occhi, Kirk travestito da gangster anni '30 (con tanto di piercing, tattoo e sigaro cubano): l'abito non fa il monaco, ma se il buongiorno si vede dal mattino per i metalhead old school è notte fonda. L'uscita del primo singolo, Until It Sleep, conferma ogni timore: i Metallica, ora, suonano un hard rock sempliciotto e malinconico, che strizzava l'occhio alle classifiche e che nulla aveva della vecchia potenza tipica della band. La delusione è enorme: critica e fans danno addosso al combo americano, che in tutto e per tutto sembra essersi piegato alla dollarosa causa del trendy. Load è tutto sommato un buonissimo album di hardrock melodico, che se fosse stato partorito da qualsiasi altra band minore avrebbe meritato commenti positivi: ma dai giganteschi Metallica, ruggenti leoni dell'heavy metal per oltre un decennio, non ci si può aspettare un timido miagolio di questa sorta. Quello che più evidentemente risaltò nelle dichiarazioni dei quattro di Frisco, fu un approccio più tranquillo e spensierato alla creazione delle nuove canzoni: vennero abbandonate sia le vecchie trame sofisticatissime, lunghe e infarcite di molteplici riffs diversi, e fu preferito un songwriting più immediato, facile da suonare e basato su un unico riff a seconda del pezzo; se Ain't My Bitch era la traccia più energica e vicina alle caratteristiche del Black Album, quella più lontana da tutto il repertorio classico dei Metallica era Mama Said, sofferente ballata dal sapore country dedicata da James Hetfield alla madre. La conferma della nuova rotta intrapresa dalla band arrivò con l'annuncio della sua partecipazione ad un festival di rock alternativo come il 'Lollapalooza', nel quale i Metallica scelsero nientemeno che gli Oasis nel momento in cui furono gentilmente invitati a scegliere altre band da inserire nel cartellone! Successivamente i Four Horsemen girarono il globo in lungo e in largo con il loro 'Poor Re-Touring Me', in cui fortunatamente suonavano scalette a metà tra i pezzi nuovi e i poderosi vecchi calibri; il tour procedette fino alla vigilia del Capodanno 1997, celebrato con estratti di vari classici dell'heavy metal più la cover maideniana 2 Minutes to Midnight proprio a due minuti dai festeggiamenti.

Il nuovo anno vede i californiani on the road per cinque mesi, all'azione in show modernissimi ed effetti speciali hollywoodiani: delle esplosioni sul palco davano l'idea di un incidente reale che costringeva Hetfield ad allontanarsi dai riflettori, con tanto di stuntman che balzava sul palco avvolto dalle fiamme e veniva soccorso da un manipolo di paramedici; quando la calma era ripristinata, i Metallica si ritrovavano a suonare i loro cavalli di battaglia più datati in un angolino del set, rannicchitai sotto un unico riflettore quasi a voler dar l'impressione di quattro ragazzini qualunque che suonano rabbiosi in una sporca cantina della Bay Area! Nonostante le critiche e il malumore dei fans, era un periodo abbastanza florido per i Nostri eroi, che nel frattempo erano cresciuti e mettevano su famiglia: Lars e James sposarono le proprie consorti a pochi mesi l'uno dall'altro. Per l'estate di quel 1997 fu annunciata l'uscita di un secondo disco nato dalle sessioni di Load, che inizialmente doveva essere un doppio: inutile, quindi, aspettarsi un lavoro di stampo più heavy. Prima dell'uscita del platter, i Quattro furono protagonisti di un concerto benefico a favore di un istituto per ragazzi disabili, fecero un paio di date in una discoteca londinese (!) e collaborarono per il singolo The Memory Remains con Marianne Faithfull, la prima 'donna maledetta' del rock, la quale si limitava a qualche rantolo farfugliato nel pezzo; alla sua uscita, Reload sembrò leggermente migliore del suo predecessore, forte di pezzi sempre 'commerciali' ma meno noiosi come Fuel o The Unforgiven II, sequel della celebre ballata del '91. Tra apparizioni televisive e vari riconoscimenti, gli ex Four Horsemen erano ormai degli agiati signori sulla trentina con tanti anni di musica dura alle spalle e una rosea prospettiva di fama e ricchezza sotto i propri occhi: sembravano definitivamente tramontati i tempi della ribellione, del sudore, dei capelli lunghi e della lotta al conformismo. Nonostante tutto, i Metallica continuavano a lavorare sodo, sempre in tour e sempre con un'energia invidiabile: dal vivo, nessuno notava la differenza con i vecchi Cavalieri dell'Apocalisse. Il 1998 inizia dunque sempre on the road, allietato dalla nascita dei primogeniti di James e Lars. Nel corso dell'annata, i Quattro si chiusero in studio per registrare un doppio album di cover rock e metal, Garage Inc, doveroso tributo alle radici del background del combo californiano. Il disco fu promosso con una serie di date nei club, accompagnati dalla coverband dei Battery: questi ultimi suonavano i pezzi dei Metallica, che invece si cimentavano nelle cover. Le iniziative del tutto particolari procedettero nel 1999: ad aprile i Four Horsemen suonano due date assieme all'Orchestra Sinfonica di San Francisco al Community Theater di Berkeley, riarrangiando classici e nuovi pezzi sotto la saggia direzione di Michael Kamen (che anni prima aveva già lavorato con la band a Nothing Else Matters): il risultato, immortalato nell'album S&M (pubblicato a novembre) è apocalittico, maestoso e addirittura tronfio secondo alcuni critici; fatto sta che i Metallica ci prendono gusto, e tengono degli spettacoli anche con l'Orchestra di Berlino e con quella di New York, al Madison Square Garden. I californiani proseguirono l'annata con un fittissimo calendario di date sui palchi di tutta Europa, e non solo: una delle più incredibili fu quella del 24 luglio per il trentennale di Woodstock. I Ragazzi sciorinarono una serie enciclopedica di classici d'antologia di fronte alle nuove generazioni, ma il festival fu un drammatico fallimento a causa di un'organizzazione disastrosa. Uno stupro, stand devastati, risse: altro che 'peace & love', il pubblico di Woodstock '99 ha saputo rovinare un evento gioioso trasformandolo in un incubo.

E incubo sembra essere la parola giusta per segnare l'ingresso dei quattro di frisco nel nuovo Millennio. Il 2000 passa alla storia come l'anno del caso Napster, programma di file sharing che permetteva ai propri utenti registrati di scaricare e scambiarsi gratuitamente caznoni di artisti vari. La miccia che fece tuonare l'ira di Lars Ulrich fu I Disappear, innocua traccia composta su commissione per la colonna sonora del film Mission: Impossible II, che iniziò a circolare tra gli utenti prima della sua uscita ufficiale. La querelle che ne conseguì fu una telenovela lunga e deplorevole, con tanto di citazione da parte dei Metallica degli utenti da bannare. I fans e la critica accusarono pesantemente i quattro californiani, additandoli come rockstar mercenarie e denunciatutti, visto che oltre a Napster furono citate in giudizio svariate altre aziende che utilizzavano il nome della band impropriamente: da un mobilificio ad una casa produttrice di abbigliamento intimo femminile. La realtà come sempre sta nel mezzo: lo stesso Ulrich spiegò che non era una questione meramente venale, perchè la band stava perdendo più soldi in avvocati e cause legali rispetto a quanti ne avrebbe persi lasciando che Napster continuasse a distribuire senza consenso la musica creata da altri. In effetti il principio che muoveva il danese a mettersi a capo di questa rabbiosa rivolta tesa a far chiudere Napster era sensato e motivato, perchè è giusto che chi crea musica -o qualsiasi altra forma d'arte o prodotto- abbia il diritto totale di decidere cosa farne, in tutto e per tutto. Semmai furono i modi di Lars, scontrosi e isterici, a metterlo in cattiva luce. I Metallica avranno ragione su Napster (si troverà un accordo consensuale), ma da allora la fama del quartetto e in particolare del drummer europeo iniziarono a subire un colpo pesante da digerire agli occhi della gente. Intanto la band, tra un concerto e l'altro, aveva trovato vari modi di passare il tempo libero: Kirk partecipò ad un corteo a Frisco contro il caro-prezzo delle sale prova, James cantò con i Motorhead e i Misfits e lo stesso Lars partecipò ad un insolito torneo di tennis, sfidando -assieme al campione John McEnroe- la coppia composta dal bassista dei REM Micke Mill e dall'altro tennista Jim Courier; i quattro improvvisarono poi qualche classico della NWOBHM. Con l'avvento del 2001 ricominciarono a piovere grane sulla band: innanzitutto, le sospettate e insanabili divergenze tra Jason Newsted e lo zoccolo duro della formazione portarono il bassista fuori dalla band dopo quindici anni; la causa ufficiale furono i problemi fisici, dovuti all'eccessivo headbanging, lamentati dal ragazzo del New Jersey. La realtà parlava invece di un musicista totale che nei Metallica non riusciva a sentirsi tale, confinato ai margini dall'egocentrismo compositivo di Ulrich ed Hetfield e oppresso dal proibizionismo che il singer ostentava verso la sua irresistibile voglia di suonare in progetti paralleli: per Hetfield, esistono solo i Metallica. Per difendere la storia e il nome di una band che stava attraversando un periodo di declino apparentemente irreversibile, James era pronto a tutto: ma le sue ambizioni dovettero scontrarsi contro i suoi crescenti problemi personali, con una dipendenza dall'alcool ormai insopportabile. Hetfield aveva sempre amato alzare il gomito parecchio, ma l'alcool era diventato una vera prigione dopo le gozzoviglie di inizio anni '90 e il grande dolore che lo aveva depresso in seguito alla scomparsa del padre. Si stava distruggendo con le proprie mani, così saggiamente decise di entrare in un centro di recupero per curarsi. Per un anno, i Metallica rimasero Hammett e Ulrich, con un futuro incerto e nerissimo e senza notizie dall'amico Hetfield. La band è stata vicinissima allo scioglimento: improvvisamente era calato il silenzio sui chiacchieratissimi ex Horsemen. Il cantante scriveva, talvolta, sul diario online della band, spiegando di una condizione in via di miglioramento; nel novembre 2001 partecipò anche alla festa a sorpresa per il compleanno di Kirk, che ricorda: Vederlo è stato uno dei regali più belli che ho mai avuto. E' stato bellissimo rivederlo. Mi emoziono ancora adesso, a parlarne.

Nel 2002 Hetfield superò finalmente i suoi problemi e tornò dai due compagni di una vita più forte ed energico che mai: i Metallica si chiusero in studio per lavorare ad un nuovo album, coadiuvati dal produttore Bob Rock al basso e supportati dall'ausilio di uno psicologo che avrebbe dovuto scacciare tutti i malumori inconsci e gli eccessi di ego dei Four Horsemen: il tutto venne ripreso e immortalato in un documentario pubblicato postumo col titolo Some Kind Of Monster (2003). Lo stesso metodo di lavoro della band subì un notevole progresso in direzione democratica, come racconta lo stesso Hetfield: ”Io e Lars arrivavamo in studio e dicevamo agli altri cosa fare. Dovevo avere tutto sotto controllo: assolutamente infantile. Tengo talmente tanto ai Metallica che ho quasi annientato la band col mio amore”3. Ora i Metallica lavoravano tutti assieme, e nella stessa direzione: il cantante aveva superato le sue debolezze, chiuse dietro ad un volto serioso e un carattere da freddo lupo solitario. Si era finalmente tolto la 'maschera' sotto la quale celava ogni sofferenza, fermamente convinto di non dovere e potere dare segni di debolezza: C'è un sacco di machismo in questo mondo, ma la cosa più virile che puoi fare è affrontare le tue debolezze e svelarle. Se sveli le tue debolezze alla gente dimostri forza, e questo permette di aprire un dialogo, di creare amicizie. E a me è successo così. Man mano che i mesi passavano, cresceva l'attenzione per l'album che stava nascendo: al di là del fatto che dalla band filtravano voci di sonorità accostabili a quelle di Meshuggah ed Entombed, osservazioni parecchio esagerate ed azzardate, i fans si attendevano ancora una volta un ritorno al thrash metal. Nel febbraio 2003 fu annunciato l'ingresso in formazione del nuovo bassista Robert Trujillo, vecchio amico della band dai tempi dei suoi tour con i Suicidal Tendencies; tuttavia Trujillo non partecipò alle registrazioni dei pezzi nuovi, che erano già in fase avanzatissima. Ad aprile la band registrò il video di una nuova canzone, St Anger, che sarebbe stata la titletrack del nuovo lavoro: le riprese si tennero nel carcere di San Quintino, temibile luogo dove vigeva una 'No Hostage Policy' e nel quale i Quattro tornarono in un secondo momento per suonare i loro classici di fronte ai carcerati. Arrivò finalmente l'ora di St Anger, che era sicuramente più aggressivo e potente degli ultimi due predecessori in studio; i fans restarono però interdetti, di fronte ad una qualità dei suoni discutibile (volutamente 'da garage') e a pezzi lunghissimi ed estremamente ripetitivi, infarciti addirittura di sprazzi nu metal, la moda del momento. Testi introspettivi ed estremamente ermetici, ritornelli sintetici ripetuti allo sfinimento, tanto casino fine a se stesso e nessuno -dicasi nessuno- assolo di chitarra. Qualcuno lo accoglie come peggiore di Load e Reload, altri ne apprezzano la ritrovata energia e qualche sparuto riff thrash sparso qua e là. Di fatto la band suonerà nei live soltanto due pezzi del platter, Frantic e la titletrack. E' l'inizio di un periodo meno intenso per i Four Horsemen, che rialzano la testa e iniziano a recuperare credito grazie a dei set live mirati a recuperare il repertorio ottantiano; nel 2004 si segnala un'influenza estiva che stende Lars e porta dietro le pelli una tellurica esibizione part-time di grossi calibri come Joey Jordison (Slipknot) e Dave Lombardo (Slayer). Nell'anno successivo la formazione californiana diventa protagonista di un episodio dell'esilarante cartoon The Simpson, prima di tornare lentamente ad un'attività costante on the road: il 2006 è infatti l'anno del ventennale del mitologico Master of Puppets, e la band lo celebra suonandolo per intero in ogni serata. Le vecchie immortali micce di Battery, Damage Inc., Disposable Heroes e compagne esplodono terremotanti come due decenni prima, più dure di qualsiasi altra cosa fatta successivamente dalla band: con queste premesse, le fantasie smodate dei fans galoppano implacabili, anche perchè Bob Rock esce di scena e il produttore chiamato a sostituirlo è Rick Rubin, che aveva firmato lo slayeriano Reign In Blood. Anche nelle parole dei componenti della band iniziano a sfuggire dichiarazioni di ritorno alle origini, al thrash, come lasciò intendere lo stesso Hetfield: I momenti negativi sono ormai un ricordo lontano, da tenere comunque come monito per il futuro. St Anger ha rappresentato il nostro purgatorio, un atto dovuto per diventare un gruppo migliore. Questa volta, invece, abbiamo fatto tutto senza fretta, per essere sicuri di centrare l'obbiettivo. Death Magnetic è un ritorno al passato, alle sonorità che più amiamo, arrangiate in un contesto attuale: potremmo definirlo come un Master Of Puppets moderno, ma non aspettatevi una copia esatta di quel disco!

Il 2007, corredato da un'apparizione al Live Earth, vede la band chiusa in studio per tirare fuori l'anima e le sensazioni provate a metà anni '80, su esplicita richiesta di Rubin: l'attesa dei fans regge per i primi mesi del 2008, fino all'uscita -a cinque anni dal predecessore- di Death Magnetic. Ed è un successo riuscito solo in parte, perchè la band recupera il suo lato più duro, proponendo un heavy thrash degno di rispetto, ma viene anche accusata di aver avviato l'operazione revival solo per riacquistare i fans persi negli ultimi anni di nefandezze. C'è chi critica la produzione e chi non digerisce la riproposizione tale e quale del materiale stile Egihties proposto dalla band; ma dopo anni passati ad attendere un 'ritorno alle origini', sicuramente non si può criticare questa mossa di riscoperta effettuata dal combo californiano. In sede live i Metallica sono ancora capaci di scatenare dei putiferi: qualche errore ci scappa sempre, ma per molti headbangers è il sentimento che conta. E quello non manca mai. La Hall Of Fame della musica rock ha accolto i Metallica nel 2009, e l'evento è stato un'occasione in più per ricordare e celebrare il mito di Cliff Burton, la stella che da lassù (o da laggiù?) ha sempre accompagnato i Four Horsemen. Che, spediti e compatti, cavalcano verso quello che sarà ormai il quarto decennio della loro incredibile avventura.



lisablack
Domenica 30 Agosto 2015, 9.03.11
82
Una band straordinaria fino all'88..Poi hanno rinnegato loro stessi e i fans di mezzo mondo. Prima il black album, il classico disco che acceca milioni di persone, e che vale meno della metà degli album precedenti. Poi quelle due ciofeche di Load e Reload, con il look da buffoni..per non parlare del resto..comunque bell'articolo davvero.
letypaxxa metallica 4ever
Venerdì 26 Agosto 2011, 10.17.26
81
potrei scrivere 100 pagine di elogi, ma sarebbe una rottura di coglioni immensa...... e poi qui si scambiano opinioni e pareri, perciò nessuno è ridicolo.... solo chi parla senza sapere cosa dice, ma chissenestrafotte... w metallica!!
SNEITNAM
Giovedì 25 Agosto 2011, 21.01.20
80
Si e dopo?
letypaxxa metallica 4ever
Giovedì 25 Agosto 2011, 17.48.35
79
ma noooooo.. nnn sei ridicolo!!! ah, scusa, lei non è ridicolo..egregio e brillante sig. Sneitnam!!!!
lou Reed
Giovedì 25 Agosto 2011, 12.21.25
78
Per Odino... suvvia siamo su un sito metal, mica in un Barber shop a farci i capelli, si diverta sig. sneitam !!
SNEITNAM
Giovedì 25 Agosto 2011, 12.17.38
77
grazie egregio sig. Reed però vede se ci pensa bene il vero ridicolo della situazione sono io perchè mi metto a fare polemica su stupidaggini quando dovrei fregarmene e pensare a tutt'altre cose comunque di sicuro in quella foto erano belli sbronzi di successo
lou Reed
Giovedì 25 Agosto 2011, 12.12.59
76
sig, sneitam, i veri ridicoli sono loro, non lei...
SNEITNAM
Giovedì 25 Agosto 2011, 12.05.41
75
Anzi a dire il vero il ridicolo sono solo io con queste stupide polemiche...
Khaine
Mercoledì 24 Agosto 2011, 18.46.05
74
hahahahahahah bellissimo
Lou Reed
Mercoledì 24 Agosto 2011, 18.44.11
73
senza di me sarebbero dei falliti.....mèh
letypaxxa metallica 4ever
Mercoledì 24 Agosto 2011, 18.30.25
72
e comunque chi apprezza i lavori dal Black Album in poi nn è detto che avrebbero fatto così..... ogni persona reagisce in modo diverso.... e non intendo ai soldi....
letypaxxa metallica 4ever
Mercoledì 24 Agosto 2011, 18.22.53
71
SNEITNAM: edison, l'inventore della lampadina, ogni volta che gli dievano che aveva sbagliato, lui rispondeva" NON HO SBAGLIATO, HO SOLO TROVATO 1 MODO IN PIU PER NON FARLA..."... e ci ha provato per più di 100 volte prima di trovare il modo giusto... questo fa pensare...
SNEITNAM
Mercoledì 24 Agosto 2011, 16.42.19
70
E anzi sai che penso invece? E' un bene da una parte che siano stati loro per primi a fare quegli errori perchè senza volerlo hanno dimostrato quanto si è importante maturare ma avere dalla propria un cammino coerente. L'uomo sperimenta di tutto nella sua vita e se non lo avessero fatto loro lo avrebbe fatto qualcun'altro. Hanno alle spalle 4 album assolutamente storici e guarda dopo dove si sono mossi...può piacere come no ma sono sicuro che ai tanti che comunque apprezzano anche lavori come quelli che vanno dal Black Album in poi al loro posto avrebbero fatto diversamente. Sono comunque un insegnamento da prendere in seria considerazione sia in ciò che di monumentale hanno fatto sia nell'opposto
letypaxxa metallica 4ever
Mercoledì 24 Agosto 2011, 16.40.45
69
se penso a quello ke hanno fatto negli anni '80 in un garage e quello ke fanno adesso con i miliardi ke hanno... anke in modo di vestire.... mi verrebbe da affogarli nel cesso!!!! e poi nn hanno scuse, non possono dire che hanno cambiato tutto solo per la vecchiaia, guarda gruppi del calibro dei kiss...ankora come trent'anni fa...
SNEITNAM
Mercoledì 24 Agosto 2011, 16.29.43
68
Dopo oh, ognuno è libero di fare quel cazzo che vuole, non è che siano andati in giro a spaccare le balle agli altri. Però quella foto è di una tristezza....
SNEITNAM
Mercoledì 24 Agosto 2011, 16.26.44
67
No certo ma la coerenza mi sa che era andata a quel paese. Tutti quanti facciamo le nostre cazzate, per carità e chi è immune da questa cosa? Siamo vivi anche per imparare dai nostri errori. Guarda là: capisco assicurarsi la vecchiaia e mettersi nelle condizioni di vivere decisamente bene la propria vita ma quello che hanno fatto per me è l'essersi comportati come delle puttane mandando a quel paese una potenziale evoluzione musicale. Non dico di andartene ancora in giro con la birra in mano e i jeans strappati ma neanche vestito in quelòla maniera e quella cazzo di banana...ma non aveva altri momenti per mangiarla? Dai letypaxxa è molto penosa quella foto se pensi a ciò che hanno fatto quei musicisti negli anni '80. Non si sta parlando di Britney Spears o altre menate, capisci?
letypaxxa metallica 4ever
Mercoledì 24 Agosto 2011, 16.07.38
66
ma dai ke è carino... fagli fare il figo.... non ha più l'età per fare pazzie.... ma quella per cominciare a godersela...
SNEITNAM
Mercoledì 24 Agosto 2011, 15.59.54
65
Mazza che figo Hammett nella foto su con quel bel vestitino rosso e nero, tutto bello truccato e con la banana in mano...ma vaff.......quando il successo ti trasforma in una puttana
letypaxxa metallica 4ever
Domenica 21 Agosto 2011, 18.02.21
64
io sono perfettamente d'accordo con The Thrasher. basta criticare!!! sarano stati i più stronzi di sempre ma hanno ancora da fare!!! per loro è stato un periodo molto buio, e non credo che lo sia stato per i soldi.... erano già ricchissimi con MOF, avrebbero potuto tranquillamente campare di rendita, ma nn è mai stata veramente 1 questione di soldi... ora stanno tornando su, nonostante le polemiche, ed è anke per questo ke li ammiro ancora molto!!!!!!
The Thrasher
Sabato 22 Gennaio 2011, 13.47.12
63
Io la penso come te, Undercover. ognuno di noi fa degli errori nella sua vita, io ammiro molto i metallica ed amo i loro primi 5 dischi. sono talmente affezionato a loro, li ammiro così tanto, che mi sforzo di accettare e comprendere anche degli eventuali passi falsi, senza dar loro addosso... non è automatico che dei grandi artisti abbiano sempre grande ispirazione e riescano a sfornare dischi grandiosi: a tutti i colossi degli '80 è capitato un periodo di declino con dischi scadenti (demolition, virtual XI, risk, endorama, diabolus in musica e via dicendo).. tra '95 e 2000 i metallica sono stati travolti dal loro successo e vorrei vedere chi, di fronte a una montagna inesauribile di dollari resterebbe lucido e deciderebbe di restare underground.. load e reload sono figli di questo, e di conseguenza il look e gli atteggiamenti da rockstar dell'epoca. ma a parte lars (per via della sua mancanza di allenamento), gli altri sono riusciti a ripulirsi; tra 2000 e 2003 la band ha dovuto rialzarsi dalla sbornia, dai problemi interni e dalla crisi alcoolica di hetfield e non ha avuto tempo di dedicarsi ai dischi; st anger è figlio di quel periodo di confusione. ma tra 2003 e 2008 la band si è rimessa in pista, e death magnetic è un piccolo segnale. se ora, dopo 'appena' due anni, già si parla di un nuovo disco, secondo me è positivo: significa che i metallica 'rockstar' che gfacevano un disco ogni 5 anni se ne sono andati... senza il trionfo troppo grande di black album, e senza i problemi personali della prima parte degli anni 2000, magari i metallica avrebbero pubblicato qualche dischetto non dico epocale ma buono, come maiden o megadeth. forse avrebbe potuto andare così, non credi? gli eventi hanno dilatato i tempi, facendo produrre loro pochi dischi e scadenti, ma questo potrebbe sì significare un declino ridicolo ma anche no, non ne possiamo avere la controprova e pertanto mi piacerebbe che si giudicasse meno e si tenessero vive entrambe le possibilità di veduta.
Undercover
Sabato 22 Gennaio 2011, 12.39.04
62
@The Thrasher si ma infatti come disco heavy mi piaciucchia Black Album l'ho detto e lo ripeto, non mi dispiace ogni tanto metterlo su e anche abbastanza tamarro ahahah. Sai qual è il punto? Che come tanti son cresciuto con i 'Tallica e quindi pur sapendo che al 99% rimarrò deluso per l'ennesima volta sono il primo poi ad ascoltare i nuovi lavori, pensa che "Saint Anger" l'ho comprato a scatola chiusa senza aver visto video o altro e non ho mai neanche provato a venderlo o regalarlo perché ritengo che quando un disco ti entra in casa ci sia sempre un perché, mi affeziono agli acquisti e non riesco a disfarmi neanche degli orrori (per fortuna son veramente pochi), sarà sbagliato ma non ritengo la musica merce di scambio come le figurine.
The Thrasher
Sabato 22 Gennaio 2011, 11.47.33
61
ok, all'epoca fu spacciato come thrash e la reazione scomposta dei fans la capisco benissimo, però oggi, nel 2010, valutando oggettivamente un darto di fatto -cioè un disco ottimo di heavy e non più di thrash- possiamo giudicarlo come disco positivo, il fatto che non sia thrash npon implica che sia una ciofeca. cmq se ti hanno talmente rotto i maroni e non vuoi sorbirti un nuovo loro disco ''nella media'' o ''sotto la media'' che dir si voglia puoi anche fare a meno di ascotlarlo, nessuno ti obbliga io al contrario non vedo l'ora di sentire del loro nuovo materiale, per me faranno un disco interessante, solo mi dispiace che ci siano tanti pregiudizi su di loro perchè so già che qualsiasi cosa faranno verranno criticati cmq... se al posto di black album avessero scritto the number of the beast secondo me sarebbero statri linciati lo stesso perchè ''non è thrash''...
Undercover
Sabato 22 Gennaio 2011, 11.27.08
60
@The Thrasher su quello siamo d'accordo però venne venduto e sponsorizzato come tale e questo creò non poche spaccature in quel periodo, ricordo metallari molto più grandi di me che ne mandarano non poche ai Four Horsemen di bestemmioni XD. Detto questo ok sono d'accordo i primi quattro sono capolavori e che siano influenti non lo nega nessuno, dico solo che adesso hanno abbastanza rotto i maroni e al posto di sorbirmi un altro disco di qualità infima preferirei si godessero i loro soldi evitando di farmi perdere la stima che nutro nel loro passato ricoprendolo di liquame.
The Thrasher
Sabato 22 Gennaio 2011, 11.02.20
59
concordo pienamente con alex. i primi 4 dischi dei metallica sono talmente influenti e importanti che non basterebbero 10 st. anger a sminuirne il valore. non ne hanno azzeccata una? tutto è raltativo. hanno fatto 3 dischi in questo periodo, non azzeccandone 2. ma a tutti capita di fare un paio di passi falsi. black album ovvio che è un ottimo dsisco solo se non lo si giudica in ambito thrash,s olo uno sprovveduto potrebbe volerlo giudicare scadente solo xk non è thrash. l'essere thrash non è un'etichetta marchaita a fuoco, nessuno che suona thrash è obbligato a suonarlo a vita senza poter cambiare se vuole
Undercover
Sabato 22 Gennaio 2011, 10.11.18
58
@The Thrasher scusami ma anche io che suono il citofono sono meglio di Saint Anger non mi sembra un gran miracolo. "Black Album" è un buon disco se non lo consideri thrash inserito nel genere è una ciofeca, è molto molto popular, a me piace metterlo su ogni tanto che ricorda l'adolescenza ma è stato anche il colpevole di uno sputtanamento generale dello stile cosa che non è da dimenticare. I primi quattro sono intoccabili storicamente il resto è tutto dire, si può però continuare a difendere una band mettendomi anche in fase di concordato con la tua posizione che dal 1990 non ne infila una? Siamo nel 2010, se non fosse stato per i live sarebbe stata cosa di sciogliersi, adesso non vanno neanche quelli è arrivato il momento di ritirarsi almeno per mostrare di possedere un minimo di dignità.
Alex Ve
Sabato 22 Gennaio 2011, 10.10.26
57
Io penso che non sia giusto fare medie matematiche per discutere della carriera di un gruppo. Secondo me bisognerebbe discutere su quanto valga ogni singolo disco, su quanto abbia apportato di nuovo alla musica e quanto sia servito alle generazioni future. Una band può azzeccare anche un capolavoro su 5, ma se quello è tale e fondamentale per la musica, vale più della discografia di una band che di dischi buoni ne ha composti 10 ma con quelli in musica non è mai riuscita a fare la differenza.
The Thrasher
Sabato 22 Gennaio 2011, 9.17.38
56
secondo me esagerate, con critiche troppo ingenerose e velenose. su ulrich concordo che è un disastro, ok, ma x me le cose non stanno come dite.. io ritengo anche black album un ottimo disco, ritengo che i primi 5 dei metallica siano tra il leggendario e l'ottimo. load e reload sono due dischi nella forma, ma uno solo nella sostanza.. per cui load/reload+st. anger sono due dischi flop in realtà... 5 dischi top e 2 flop, ripeto, il bilancio mi sembra positivo. e death magnetic è discreto, poi se si vuole per forza criticare e disprezzare liberi di farlo.. hanno avuto un declino negli anni '90 con 2 dischi flop, ma death magnetic sarà certamente migliore di load o st.anger no?
Flag Of Hate
Venerdì 21 Gennaio 2011, 23.52.52
55
@Mariamaligno; sottoscrivo al 100%. Proprio per questo dislivello macroscopico credo che, nel complesso, definirli la miglior band metal di sempre sia una grossolana esagerazione, senza nulla togliere ai primi 3 capolavori, che definire "seminali" sarebbe un degradante eufemismo.
Undercover
Venerdì 21 Gennaio 2011, 22.57.10
54
@Nikolas era una battuta , purtroppo l'involuzione è del trio non del singolo elemento, Trujillo entrando in questo baraccone da circo mi ha dato un dispiacere.
Nikolas
Venerdì 21 Gennaio 2011, 22.49.24
53
Non credo sia tanto come andare in bicicletta Io non suono, ma l'allenamento e' fondamentale, e quando si hanno abbastanza soldi da spendere il proprio tempo libero in altri modi chi ha voglia di allenarsi? Si ok sono cattivo, ma l'involuzione di Kirk e' davvero sotto gli occhi di tutti, e mi spiace molto perche' quello che faceva mi piace molto, ma in DM secondo me e' terribile
Undercover
Venerdì 21 Gennaio 2011, 22.39.33
52
Non contando che hanno rovinato la vita per un bel po' a quel povero cristo di Jason Newsted, gran bassista ridotto a far la balia a tre viziati pseudo musicisti. L'unico che ancora salvo e difendo in parte è James ma Kirk è un chitarrista inutile allo stato attuale e Lars dovrebbe andare a prendere lezioni di batteria, è disastroso guardare o se preferite ascoltare le sue prove live. Il dubbio in me è sempre stato forte, l'avrà registrato lui "...And Justice For All"? Non lo so, lo ritengo incapace di suonare in quel modo a meno che quel poco di bravura sia scomparsa col tempo...ma non è come andare sulla bicicletta? Lui ruzzolava spesso allora.
mariamaligno
Venerdì 21 Gennaio 2011, 22.28.46
51
La cosa allucinante dei Metallica, che dopo piu' di 15 anni che li ascolto ancora mi sconvolge è lo stacco netto tra i primi 4 album e tutto il resto. Cioe' qui non si parla di evoluzione ma di praticamente due band diverse. Non mi viene immente nessun gruppo o artista colpito da un cambiamento cosi' radicale associato ad un contemporaneo calo qualitativo nel giro di pochi anni. Questi e' dal 91 che devono fondare la scaletta dei concerti sui primi 4 album. In 20 anni non hanno aggiunto un solo classico che fosse uno all'altezza di quelli anni 80. Tutto cio' per me ha ancora dell'incredibile, l'ho gia' detto in qualche altro post qui su Metallized, senza ironia, non sono neppure certo i primi 4 dischi li abbiano scritti loro veramente..o fu TUTTA opera di Burton (al di la' di quello che si puo' leggere sui credits) o glieli scrisse qualcun altro, altrimenti non si puo' spiegare quanto successo dopo. I Metallica anni 80 non esistono piu' forse si son ritirati e ci han lasciato un gruppo di sosia..un po' tipo la leggenda della morte di Mc Cartney!!!
hm is the law
Venerdì 21 Gennaio 2011, 22.04.27
50
Ci sono gruppi che con un solo disco hanno fatto epoca pensate ai Sex Pistols per esempio. Mi sono sempre chiesto se Cliff non moriva sarebbe stata la stessa storia?
Nikolas
Venerdì 21 Gennaio 2011, 21.53.35
49
Beh pero' 3 dischi come periodo di declino e' veramente tanto; alla fine di dischi davvero grandi (grandissimi, ottimi, sono d'accordo), ne han fatti 4, su una discografia di 9 album, dove gli altri 5 (o almeno 4) non sono dischi "buoni" ma dischi sufficienti, se non di meno. i Maiden anzitutto per me han fatto ben piu' di 5 capolavori (fino a Seventh Son lo sono tutti, e sono 7) e gli altri non sono tutti "a malapena sufficienti" ma si alternano tra insufficienti (per me solo Virtual XI e No Prayer) e medio/buoni
valereds
Venerdì 21 Gennaio 2011, 21.25.15
48
Sono totalmente in accordo con Radamanhtis. La verità è che morto Burton sono morti pure i Metallica che a parte AJFA che cmq è infreriore ai primi tre non ne hanno imbroccata più una.
the Thrasher
Venerdì 21 Gennaio 2011, 21.09.00
47
anche qui, concordo poco... 1981-1993: 10 anni, 4 dischi ottimi e 1 buono (o discreto, o sufficiente) + un ottimo live shit 1993- 2003: 10 anni, 3 dischi ritenuti flop: il periodo di declino che ci sta, a tutti capita 2003-oggi: 1 solo disco, sufficiente (o discreto). ora, una carriera deve per forza avere tanti dischi per essere ritenuta buona? quanti dischi degli iron maiden da no prayer' ad oggi sono fondamentali, storici o epocali? 9 dischi tra il 1990 e il 2010, ma anche i maiden (come i metallica) rimangono importanti sopratutto per il primo decennio (primi 5 dischi stellari, poi un paio di buoni). 5 dischi stellari contro i 9 degli ultimi 20 anni. belli si ma non certo epocali. e allora, mi sembra che sia la solita tendenza a gettar merda sui metallica... 4 dischi top+2 buoni contro 3 flop non mi sembra un cattivo bilancio... siamo bravissimi a dire tutto e il contrario di tutti.. volevamo il ritorno alle origini ma poi bolliamo death magnetic come forzato tentativo di revival; definiamo corto il periodo d'oro dei metallica, ma se negli anni 90'/2000 avessero fatto altri 2 o 3 dischi non stellari ma solo 'buoni' avremmo invocato il pensionamento. è tanto facile starcene seduti a giudicare questo o quello, il fatto è che l'invidia per chi ha successo e tanti soldi influenza a presccindere il giudizio della gente
Radamanthis
Giovedì 20 Gennaio 2011, 23.24.50
46
I Metallica sono stati la massima espressione del thrash metal e, al pari degli Iron Maiden del metal in generale per un breve periodo di tempo. breve ma intenso diranno alcuni...ma breve però! Hanno sfornato 4 CAPOLAVORI (Kill, Master, Ride, Justice), e poi il NULLA!!! (Il Black album, tanto acclamato e famoso è l'inizio della fine, nonostante il gran successo). Quindi la discografia dei 4 cavalieri è molto, ma molto ridotta. Magari i Megadeth (x restare in tema thrash) non hanno mai scritto un disco come Master (a mio avviso si, ma molti credono di no...) ma loro tutt'oggi fanno grandi dischi e hanno una validissima discografia (2 passi falsi anche per loro purtroppo...ma è successo a un pò tutti no?). Peccato x i 'tallica, bastava che proseguissero sulla via che loro stessi avevano creato...
the Thrasher
Giovedì 20 Gennaio 2011, 22.31.43
45
Ok, chiaro.. poi dipende dai punti di vista.. per me sono 4 dischi leggendari, uno ottimo, tre tra il sufficiente e il modesto ed uno più che buono. poi una carriera va anche giudicata dalle prestazioni live... band come motorhead o acdc producono ogni due anni lo stesso disco e di veramente fondamentale hanno i primi 4-5, ma nessuno si sogna mai di dire che le loro discografie non siano di buon livello.. siamo tutti fin troppo esigenti, e anche definire black album 'mediocre' mi sembra eccessivo... non sono di certo uno dei fan dei emtallica 'mainstream', ma mediocre il black album..?? dovremmo estraniarci dall'ottica del 'thrasher', perchè se giudichiamo tutto in base a 'ciò che è stato prima' è come fare di tutta l'erba un fascio..
the Thrasher
Giovedì 20 Gennaio 2011, 22.31.42
44
Ok, chiaro.. poi dipende dai punti di vista.. per me sono 4 dischi leggendari, uno ottimo, tre tra il sufficiente e il modesto ed uno più che buono. poi una carriera va anche giudicata dalle prestazioni live... band come motorhead o acdc producono ogni due anni lo stesso disco e di veramente fondamentale hanno i primi 4-5, ma nessuno si sogna mai di dire che le loro discografie non siano di buon livello.. siamo tutti fin troppo esigenti, e anche definire black album 'mediocre' mi sembra eccessivo... non sono di certo uno dei fan dei emtallica 'mainstream', ma mediocre il black album..?? dovremmo estraniarci dall'ottica del 'thrasher', perchè se giudichiamo tutto in base a 'ciò che è stato prima' è come fare di tutta l'erba un fascio..
Nikolas
Giovedì 20 Gennaio 2011, 22.03.07
43
PS: nessuno toglie meriti ai Metallica, ma per me la loro discografia, composta di 3 grandissimi dischi, 1 molto buono, 2 mediocri (Black e Load) e 3 pessimi (Reload, St. Anger, DM), non si puo' definire una discografia di buon livello
Nikolas
Giovedì 20 Gennaio 2011, 21.54.39
42
The Thrasher, forse mi sono solo spiegato male, con vale "quasi la discografia", intendo che da solo per me vale piu' di tutti di dischi da AJFA (si, per me gia' quel disco e' l'inizio della discesa dei Metallica). Sui primi tre non ho nulla da dire, per quanto per me Agent Orange se la puo' tranquillamente giocare almeno coi primi due. Poi ho sempre sostenuto che se c'e' un disco thrash che merita 100, questo e' MoP
the Thrasher
Giovedì 20 Gennaio 2011, 21.38.49
41
@Nikolasd, credo che la tua affermazione sia un pochino ingenerosa nei confronti dei metallica perchè dire che agent orange sia da solo meglio di MASTER OF PUPPETS, RIDE THE LIGHTNING e KILL'EM ALL la trovo una cosa esagerata, sopratutto da parte tua che sei un ascoltatore esperto e attento. lasciami dire che mi sembra una dichiarazione infantile. @The WilDrummer ti sei attirato le antipatie e sarai linciato però molte cose che hai detto le condivido
Lord_of_all_fevers
Giovedì 20 Gennaio 2011, 21.30.03
40
black album, load e reload sperimentali? e io che pensavo che i cynic... grazie, mi hai aperto gli occhi!!!
war
Giovedì 20 Gennaio 2011, 20.44.07
39
questo sito si sta riempiendo di bimbiminkia mica da ridere...
Nikolas
Giovedì 20 Gennaio 2011, 20.38.44
38
Pensa che per me il solo Agent Orange vale quasi la discografia dei Metallica. Per il resto, la prima frase ti qualifica abbastanza
The WilDrummer
Giovedì 20 Gennaio 2011, 20.36.45
37
Secondo me dite tutti solo un cazzo di stronzate! I Metallica, sono stati, sono e saranno sempre la miglior band band Heavy Metal sulla Terra, hanno un qualcosa che nessuno ha, un insieme di componenti e di canzoni oltre tutto e tutti, sono sempre stati avanti: hanno fatto canzoni lunghe mentre tutti gli altri le facevano corte, hanno "osato" suonare canzoni lente al contrariod ei Thrashers della Bay Area, hanno fatto delle "semi-ballate" spettacolari, mentre gli altri loro coetanei manco ci avrebbero mai pensato. Hanno fatto 5 album che sono la fine del mondo, nel '91 hanno sfornato il Balck Album che è bellissimo, diverso dagli altri, ma cazzo volevano creare solo qualcosa di un po' più semplice e diverso come spetta a qualsiasi artista che si rispetrti (e ci sono riusciti alla grande)....poi 3 anni di tour, nel mondo della musica succede di tutto (Grunge su tutti), e loro decidono di andare avnti con la sperimentazione con Load e ReLoad, con l'obiettivo di rendere decente qualsiasi cosa e ragazzi, in quei 2 album sono presenti grandissimi classici che non so s el'avete mai visti live ma fanno paura (Ain't my Bitch, Until it Sleeps, Hero of the Day, Fuel ecc...) e comunque è vero, sono anche io leggermente deluso da questi album perchè potevano fare di più, ma se non penso all'artista e ascolto l'album posso dire tranquillamente che sono due grandi album Rock. Poi con St.Anger non so se avete visto il documentario "Some KInd Of Monster", io l'ho visto, e vi assicuro che vi cambierà molte prospettive sulla band e l'album è solo lo sfogo durato 3 anni che i Metallica dovevano esprimere al mondo (anhc ese i brano potevanoe ssere unsati mooooooooooolto meglio) perchè c'è veramente tanta rabbia in quelle songs. Con Death Magnetic sono tornati alle orgini, e cazzo, è l'album che da 20 anni tutti si aspettano e osate anche criticarlo?! G'namo questa è incoerenza... Ci sarebbero tantissime cose da dire ma non volgio scrivere un poema perchè su di loro potrei davvero anche farlo visto che sono i mieie eroi, nonostante io abbia solo 17 anni...e ricordatevi una cosa I Metallica non saranno mai come i Sodom (mi piacciono loro, ho preso una band a caso) sempre la solita zuppa che viene anche a noia, con loro non ci si annoia, sono imprevedibili e se ci ragionate sono riusciti a creare un genere diverso per ogni album cher hanno fatto, se non sono geni loro... una saluto Stay Metal and Wild...
DevizKK(1991)
Domenica 28 Febbraio 2010, 11.32.19
36
Ottimi articoli thrasher,davvero fatti bene!!!!!Avrei voluto che la storia si fermasse al primo articolo!!!!Io amo i metallica fino ad and justice,non disdegno il black ma di certo non lo amo....Non capisco come un james hetfield incazzato con delle idee ben precise,sia diventato il soggetto che odiava e a tratti insultava nelle propie canzoni..Praticamente fino all'88 dice una cosa e idal 91 in avanti si smentisce e tira in ballo frasette da moralista!!!!!!è davvero una cosa triste guardare nella tua scrivania e vedere tutti i dischi dei metallica in fila e pensare:fino a justice for all vado sul sicuro,sul black album c'è stata un'evoluzione che ci può stare,poi arriva load e ti fa storcere il naso di brutto(disco decente per una band hard rock fricchettona!!)reload meglio non parlare...arriviamo a st.anger,lars suona con delle pentole,la voce di james è quello che è..c'è anche la brillante idea di escludere i soli,marchio di fabbrica di kirk..poi arriva death magnetic lasciamolo stare lo odio mi sta sul culo,non lo sopporto è una presa per il culo....Quando vedo la discografia dei metallica vedo l'evoluzione di una band fino al black album,ma da li in avanti vedo l'evoluzione di 4 persone!!!!!!ed è stata propio questa la cosa che ha portato i metallica allo sfascio,tutti maturano con gli anni,ma i metallica hanno mischiato troppo la loro vita personale..Quello che voglio dire è che,se un giorno james è contento arriva in sala prove tutto bello felice,e dice ok son felice perchè mai devo fare thrash incazzoso??Quando posso fare musica bella e felice come un'hard rock da frichettone??ed è cosi che son nati dischi come load e reload...Invece james doveva avere questa idea..Son felice mi gira tutto bene,faccio del thrash incazzoso fatto come si deve,ma con un testo intelligente e ben elaborato,ma non doveva mai dimenticare che i metallica sono thrash e l'hanno inventato!!!!Se voleva fare altra roba poteva fare un'altro gruppo....Non dico che sia giusto il mio pensiero anzi,però io la vedo in questo modo.......Venderanno pure quanto vogliono,saranno ricchi etc..ma preferisco stare nella mia cazzo di cantina a fare musica fatta col cuore e come si deve, che prostituirmi alla stessa gente che combatto nei miei testi e che ho sempre odiato....
Michele
Mercoledì 10 Febbraio 2010, 16.55.04
35
Beh,penso che tutti li considerino vecchietti perchè,comunque,la loro musica non è più bella come un tempo...ha perso quell'irruenza giovanile,appunto,e ascoltare un disco come Death Magnetic oggi,non è come ascoltare Master of Puppets 20 anni fa...
Painkiller
Mercoledì 10 Febbraio 2010, 10.31.16
34
Quoto al 100% Al, The Thrasher e Arekusu. Per me i Metallica si sono sciolti dopo il tour di Justice ..... gli album successivi non riesco proprio ad ascoltarli. L'unico che salvo è il Black Album perchè se non l'avessero registrato loro tutti avrebbero gridato al miracolo. Ma load, reload, st anger death magnetic ..... niente da fare, resteranno lì sul mobile a far la polvere .....
Arekusu
Mercoledì 10 Febbraio 2010, 1.01.51
33
Però pensateci: dai commenti è evidente che tutti considerano i Metallica anzianotti e prossimi al pensionamento. Steve Harris mi pare sia pure più anziano, e nessuno si sogna di dargli del vecchietto prossimo alla pensione. Dave Mustaine non è coetaneo di Hetfield? A parte il fatto che di anni ne dimostra la metà, chi è che da i Megadeth per prossimi allo scioglimento? Mille Petrozza è di 3 anni più giovane di Hetfield ed ha appena sfornato un capolavoro del thrash! Infine, nemmeno oso citare Lemmy... però pensateci su... è sintomatico che tra tutti i personaggi citati, gli unici ai quali viene da pensare come "vecchietti" siano proprio i Metallica... no?
The Thrasher
Venerdì 5 Febbraio 2010, 12.59.12
32
piccolo appunto per Al: dici ' nonostante consideri il thrash il miglior genere di metal, e i Metallica uno dei padri fondatori, mi sono piaciuti solo per i primi 4 album': appunto perchè consideri il thrash il miglior genere e i Metallica tra i padr fondatori ti sono piaciuti solo i primi quattro album! 'proprio per questo' e non 'nonostante', visto che poi di thrash non c'è stata più nemmeno l'ombra!
Master Of Pizza
Giovedì 4 Febbraio 2010, 23.00.07
31
Inteso dall'epoca di Justice xD
Master Of Pizza
Giovedì 4 Febbraio 2010, 22.59.04
30
Anche rispetto ad Endgame..però ci sta tutto dire che èDM è meglio degli ultimi album dei Metallica..Chiamatel Merd Magnetic o gna c**z volet,ma questo è il primo disco dei 'Tallica che riesco a sentire senza saltare el canzoni da Justice.
Michele
Giovedì 4 Febbraio 2010, 22.54.47
29
Quoto in tutto e per tutto AL. Death Magnetic è migliore di altri dischi precedenti dei Metallica,ma paragonato,che ne so,a The Formation of The Damnation dei Testament,o anche all'ultimo degli Slayer,risulta inferiore di molto...
AL
Giovedì 4 Febbraio 2010, 21.47.14
28
complimenti, un bell'articolo!! nonostante consideri il thrash il miglior genere di metal, e i Metallica uno dei padri fondatori, mi sono piaciuti solo per i primi 4 album e poi mi sono scaduti... black album lasciava presagire cose brutte e infatti.... penso che cmq un paio di album buoni li possano ancora fare.. l'ultimo non era male anche se con il ritorno del thrash e un sacco di nuove uscite, il loro album è quello che mi convince meno...
Master Of Pizza
Giovedì 4 Febbraio 2010, 15.32.51
27
Che dire..Speriamo in bene!
The Thrasher
Giovedì 4 Febbraio 2010, 14.13.27
26
ho i miei seri dubbi a riguardo, e parlo io che sono un loro fan oltranzista, capace di difendere e farmi piacere anche load, reload e stanger... due dischi così la penso proprio impossibile. uno, forse, ma non aspettiamocelo. ciò che viene viene.
Master Of Pizza
Mercoledì 3 Febbraio 2010, 22.08.43
25
Io spero in almeno un paio di dischi buoni,che siano una sana mazzata di Thrash come solo loro sanno fare..non dico due capolavori,ma almeno due dischi di cui valga la pena negli anni a venire di sfoggiare una maglietta xD..
The Thrasher
Mercoledì 3 Febbraio 2010, 21.09.00
24
mah, secondo me altri 6-7 anni li fanno, e almeno un altro disco... che secondo me potrebbe essere molto 'sincero' in quanto il loro contratto con la warner bros è scaduto, il tanto decantato 'ritorno alle origini' è avvenuto ed ora non possono che chiudere in bellezza con un lavoro spontaneo e viscerale. il che non significa che dovrà essere un capolavoro, tanto per restare coi piedi per terra e ricollegarci coi discorsi affrontati nei giorni scorsi.
Michele
Mercoledì 3 Febbraio 2010, 16.26.30
23
Si,hai ragione,molto probabilmente hanno più problemi di noi Poi stanno facendo vecchi,è normale che non riescano ad essere frechi ed attivi come da giovani....è la vita Penso che,comunque,sarà un trauma la loro dipartita,che,non per portare sfiga,secondo me non è poi così lontana...
Master Of Pizza
Mercoledì 3 Febbraio 2010, 15.07.14
22
Consideriamo che sono artisti e soprattutto esseri umani e non semi-dei come molti credono xD..
The Thrasher
Martedì 2 Febbraio 2010, 23.00.41
21
già, anche qualcuna in più di quelle che hai citato le giudicherei 'carine' il problema è che nessuna è all'altezza non tanto di quelle degli Eighties ma nemmeno ad uno qualsiasi dei pezzi 'minori' del black album, che ne so una trough the never o una of wolf and man qualsiasi... stiamo parlando di un gruppo elitario e pertanto se ci fanno canzono 'solo' carine non ci va tanto giù. però dobbiamo sempre considerare l'età, le difficoltà e tutto quanto.. è naturale che certi livelli non torneranno più: ancora una volta, è la vita. se vogliamo riascoltaremaster of puppets, reign in blood o the number of the beast faremmo meglio a rispolverare direttamente quei vecchi album, piuttosto che sognare che quelle band li rifacciano... è biologico, è quasi impossibile aspettarsi il contrario, nonostante ci sia stato anche in ambito metal qualche disco relativamente 'nuovo' capace di affiancare i classicissimi. ma sono stati episodi piuttosto isolati.
Master Of Pizz
Martedì 2 Febbraio 2010, 21.37.57
20
Secondo me anche con una prestazione vocale di James Mmigliore oltre a quello che hai detto tu xD..le uniche tre canzoni che riesco a sentire di quell'album sono Unnamed Feeling(secondo me fatta davvero bene),Frantic(non un granchè,ma da l'illusione del ritorno al Thrash nell'intro xD) e Puriify(che se avesse avuto un'assolo e il riff finale in meno sarebbe stata decente per i Metallica)
The Thrasher
Martedì 2 Febbraio 2010, 21.16.34
19
sottoscrivo a pieno la tesi del disco liberatorio, come testimoniato da james anche nell'articolo... musicalmente, se le canzoni fossero state più corte, meno ripetitive e con qualche assolo non sarebbero state malissimo...
Master Of Pizza
Martedì 2 Febbraio 2010, 20.44.29
18
Anch'io l'ho visto diversamente..è vero resta il peggior disco dei Metallica(almeno secondo me),peròper i Metallica questo disco significa tanto,ha avuto un singificato liberatorio(oltre ai ricordi ad esso attaccati) e credo che ogni tanto lo riascoltino per ricordarsi cos'erano e cosa non dovranno tornare .
Michele
Martedì 2 Febbraio 2010, 19.34.54
17
E' un bel documentario,ma,come tutti i documentari di questo tipo,un pò pesante (E non intendo la musica ) Però,dopo averlo visto,ho iniziato a vedere St.Anger sotto un ottica diversa...
Master Of Pizza
Martedì 2 Febbraio 2010, 12.40.52
16
Bhè in effetti si dura tipo 2 ore!
Er Trucido
Martedì 2 Febbraio 2010, 12.33.20
15
Tranquillo, il problema sarà trovare il tempo di vederlo!
Master Of Pizza
Martedì 2 Febbraio 2010, 12.20.56
14
Scusa me ne accorgo solo ora xD..intendevo guardalo xD...non so perchè ho scritto pure compralo xD..Scusami!
Master Of Pizza
Martedì 2 Febbraio 2010, 11.20.34
13
Guarda compralo perchè è davvero un documento unico..Io cel'ho dall'estate scorsa(edizione doppio dvd) e devo dire che davvero mostra i Metallica nel loro periodo più buio(Their darkest hour citando i megadeth?xd) con sincerità e senza tagliare le scene delle sedute con lo psicologo..c'è anche una scena extra in cui Mustaine parla con Ulrich!
Er Trucido
Martedì 2 Febbraio 2010, 0.10.56
12
Vabbè ma King è così, prendere o lasciare! fai conto che una volta disse che i Metallica sbagliarono a prendere Hammett perchè negli Exodus c'era Holt che era molto meglio e potevano prendere lui...magari adesso gli do ragione, ma per come è andata la loro storia direi che non c'è di che lamentarsi. Some Kind of Monster l'ho comparto tempo fa in offerta ma non l'ho ancora guardato, forse ho un pò di paura subconscia di vederli in condizioni pietose!
Master Of Pizza
Lunedì 1 Febbraio 2010, 23.18.18
11
Ma King fa ancora ste frecciatine da bimbo?
The Thrasher
Lunedì 1 Febbraio 2010, 22.27.06
10
esatto, concordo appieno con te master of pizza. aggiungerei un aneddoto curioso. a proposito di 'some kind..' Kerry King degli Slayer ha detto: 'non l'ho visto e non lo voglio vedere, per me i metallica sono quelli di master of pppets,in quel video sono invece dei vecchi di merda che hanno paura a farsi un coktail...'. l'elegante risposta di hetfield? 'King non vuole vederlo perchè ha paura di vedere quello che potrebbe diventare lui'
Master Of Pizza
Lunedì 1 Febbraio 2010, 21.52.04
9
è la vita..quoto assolutamente.Anche Hetfield come hai riportato tu dice che è più virile mettere a nudo le proprie debolezze e affrontarle che metterle sotto una maschera di machismo.Giusto.è solo che vedere tutto ciò è brutto,pure essendo importante(e questo non l'ho mai negato,infatti ho detto che è un documento importantissimo).In conclusione:la vita va affrontata dura o bella che sia.I Metallica mettendo sotto gli occhi di tutti la loro condizione hanno dimostrato di non aver paura delle proprie paure(scusate il gioco di parole) e di saperle affrontare.E sotto sotto di saperle affrontare con l'umiltà di chiedere aiuto.
The Thrasher
Lunedì 1 Febbraio 2010, 21.40.34
8
le difficoltà nella vita capitano a tutti. quanti non hanno mai litigato col loro migliore amico o con la propria compagna? i Metallica hanno avuto il coraggio di mettere a nudo le proprie debolezze per dimostrare a tutti come ripartire da queste. è deprimente, è triste, ma è terribilmente VERO. è la vita...
Master Of Pizza
Lunedì 1 Febbraio 2010, 21.35.17
7
Some kind of monster è importantissimo come documento ma si può lasciar stare come contenuto xD...è deprimente vedere una band che in passato fu così unita disgregarsi per cose che si chiamano a volte ego,a volte alchol..
The Thrasher
Lunedì 1 Febbraio 2010, 21.35.13
6
correggo il pezzo con la giusta osservazione su some kind of monster. gli album 'incriminati', alla fine, sono tre: il periodo da load a st. anger va dal 1996 al 2003 (7 anni). al di là del fatto che questo articolo ripercorre anche i momenti gloriosi di un album controverso ma comunque storico e rispettabile come 'Metallica', ci tengo a sottolineare che 7 anni negativi nella vita di una band che ne ha 29 di storia non sono un'onta incomprensibile. ci stanno, insomma.
Michele
Lunedì 1 Febbraio 2010, 19.37.12
5
I Metallica sicuramente hanno fatto la storia,ma alcuni loro album,penso sappiate quali,non sono un granchè,e questo articolo ripercorre proprio quei periodi bui... P.S. Misà che vi siete dimenticati di parlare del film-documentario "Some Kind of Monster",che venne girato durante le registrazioni di St.Anger
metal4ever
Lunedì 1 Febbraio 2010, 18.09.00
4
Gran articolo, mi piange il cuore pensare che i Metallica come band abbiano già detto tutto, ma il tempo passa inesorabile per tutti....
The Thrasher
Lunedì 1 Febbraio 2010, 13.22.21
3
grazie ancora ragazzi!
Raven
Lunedì 1 Febbraio 2010, 13.09.00
2
Mi associo.
Master Of Pizza
Lunedì 1 Febbraio 2010, 12.54.08
1
Bellissimo articolo..Ancora xD!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
2003: St. Anger
Clicca per ingrandire
2008: Death Magnetic
Clicca per ingrandire
I Metallica oggi
Clicca per ingrandire
James Alan Hetfield
Clicca per ingrandire
Hatfield e Hammett
Clicca per ingrandire
Lars Ulrich
Clicca per ingrandire
Il leader dei Metallica
Clicca per ingrandire
we never stop, we never quit...
Clicca per ingrandire
Kirk Hammett
Clicca per ingrandire
Rob Trujillo
Clicca per ingrandire
Ancora Lars
Clicca per ingrandire
Metallica nella Hall Of Fame
Clicca per ingrandire
La celebrazione assieme a Newsted
Clicca per ingrandire
Kirk in azione
Clicca per ingrandire
In sala prove
Clicca per ingrandire
The Four Horsemen
Clicca per ingrandire
I Metallica di Load
RECENSIONI
65
s.v.
65
55
80
s.v.
50
70
95
79
93
100
95
100
ARTICOLI
02/11/2013
Articolo
METALLICA
Metallica 3D - Through the Never, 29-30/10/2013
27/05/2012
Live Report
METALLICA + MACHINE HEAD + GOJIRA
Stadio Friuli, Udine, 13/05/2012
04/06/2011
Articolo
METALLICA
Passato e futuro di una leggenda in cerca di se stessa
07/04/2010
Articolo
METALLICA
Kirk Hammett - La biografia
03/04/2010
Articolo
METALLICA
Lars Ulrich - La biografia
15/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 2
08/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 1
01/03/2010
Articolo
METALLICA
Robert Trujillo - La biografia
10/02/2010
Articolo
METALLICA
Cliff Burton - Indimenticabile
01/02/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #2: Il successo mondiale
11/01/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #1 - Alla ricerca di un sogno
30/06/2009
Live Report
METALLICA + LAMB OF GOD + MASTODON
Palalottomatica, Roma, 24/06/2009
04/07/2004
Live Report
METALLICA + SLIPKNOT + LOSTPROPHETS
Stadio Euganeo, Padova, 29/06/2004
15/11/2003
Live Report
METALLICA + GODSMACK
Palamalaguti, Bologna, 11/12/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]