Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
ARKHERON THODOL
Rituals of the Sovereign Heart

30/10/20
CURIMUS
Garden of Eden

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

30/10/20
STALKER
Black Majik Terror

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

METALLICA - Robert Trujillo - La biografia
01/03/2010 (18469 letture)
Sarà una banalità, sarà lapallissiano, ma è tremendamente vero: c'è una band, nell'universo heavy metal, in cui è molto più difficile suonare. Perchè ha addosso tutti i riflettori, non solo quelli dell'universo stesso a cui appartiene ma anche dei mondi paralleli che essa stessa ha saputo arringare con l'avvento dei Nineties. Stiamo naturalmente parlando dei Metallica, ormai diventati delle leggende (da una parte) ed un'enorme multinazionale di successo (dall'altra); all'interno di questo microcosmo, c'è un ruolo che è di fatto ancor più complicato da rivestire: quello del bassista. Per essenza intrinseca, il bassista dei Metallica è il destinatario naturale di un'eredità e di alcune responsabilità pesantissime, delineatesi irrevocabilmente il 27 settembre 1986 ma già prepotentemente forgiatesi nel corso delle tre annate precedenti: il periodo d'oro dei Four Horsemen, indelebilmente griffato dal genio musicale di Cliff Burton, pedina chiave dell'ascesa del quartetto californiano fino al giorno della sua tragica morte, avvenuta in un famigerato incidente stradale del tourbus sui tornanti svedesi. Roberto Agustín Miguel Santiago Samuel Trujillo Veracruz, da tutti semplicemente conosciuto come Rob Trujillo, ha sempre conosciuto il peso enorme di quel basso, ha sempre saputo quanto fosse difficile esibirsi davanti alla milizia di fans sapientemente governata e stimolata dal colonnello, James Alan Hetfield. Non ha esitato un attimo e non ha avuto paura, rimettendosi in gioco a 39 anni per entrare a far parte della più discussa, amata, odiata, potente, venduta, controversa band heavy meta di ogni epoca. Californiano di Venice (1964), Trujillo è sempre stato un ragazzo esplosivo e dinamico, un vulcano di energia e simpatia, caratteristiche perfettamente sintetizzate dal suo sguardo bonario e dai tratti somatici indigeni: discendente di una stirpe di nativi americani e di madre messicana, Rob imbraccia il basso negli anni '80 e suona in diverse band locali prima di fare il salto con i Suicidal Tendencies di Mike Muir, che successivamente lo coinvolge anche nel progetto parallelo Infectius Groove; è dotato di un giro di basso funk che ben si adatta alla natura alternative della band madre, con la quale intraprende a metà anni '90 un tour di supporto ai grandi Metallica; ed è qui che nasce un'amicizia decennale che lo porterà qualche lustro dopo proprio nella band che all'epoca dominava le platee sull'onda lunga del successo del Black Album. Anello di congiunzione tra Trujillo e i Metallica è Jason Newsted, il ragazzone del New Jersey che nel 1986 deve sostituire Burton immediatamente dopo la sua tragica fine, ruolo ancor più ingrato e appesantito dalla collera vendicativa del resto del gruppo: su Jason erano rigettati tutti i sentimenti più dolorosi, attraverso scherzi di natura nonnistica che il ragazzo ha saputo fronteggiare con forza psicologica e attributi notevoli. Bassista di stampo più quadrato e organizzato, Newsted si discostava dallo stile di Burton ma riesce a dare alla band l'appoggio sul quale costruire il suo successo commerciale; gli attriti sono perdurati per anni, anche quando Newkid si sentiva escluso dal songwriting o riteneva eccessivo l'ammorbidimento optato dai due guru della band, Hetfield e Ulrich. La corda si è spezzata quando gli è stato impedito di lavorare a progetti paralleli: l'addio, giunto all'alba del 2001, ha lasciato la band allo sbando, per di più con Hetfield depresso e in fuga dall'alcool, alla ricerca di se stesso in un centro di recupero.

Nel frattempo, il nostro Trujillo era uscito dai Tendencies e si era dato da fare con band quali Black Label Society e Mass Mental, prima di diventare l'axeman nientemeno che di Ozzy Osbourne. Il destino di Robert incrocia quello dei Metallica nel 2003, quando la band di Frisco sceglie lui come erede del basso più bollente del panorama hard'n'heavy. La risposta è scontata. Le prime parole di Robert Trujillo da nuovo cavaliere dell'Apocalisse furono incantate e gioiose come quelle di un bambino: Sono eccitatissimo e non vedo l'ora di iniziare il mio viaggio coi fratelli Metallica. Avanti così. Non sono in pochi a credere che la personalità solida e ottimista di Robert Trujillo, prim'anzi che la sua validità tecnica, abbia influito tantissimo sulla scelta avanzata da James Hetfield e Lars Ulrich. I due senatori della nuova 'democrazia' Metallica, nata dalle ceneri di una dittatura egemonica rinchiusa nelle loro mani, sapevano di attraversare un momento tremendo a livello emotivo e psicologico: ed oltre all'ingaggio di uno specialista che potesse seguire il gruppo da vicino giorno per giorno, aiutandolo a ritrovare la serenità e scacciare i suoi demoni, hanno saputo saggiamente avvalersi di un compagno estremamente rilassato, consapevole della propria forza ma affatto spocchioso o desideroso di fama e denaro. L'umiltà orgogliosa e la pacatezza intrisa nel gene del popolo che Trujillo porta nel sangue è stata la panacea capace di distendere i nervi degli ex thrashers in via di sfinimento, riportando il sorriso sulle loro labbra e la certezza di stabilità nelle loro anime disastrate. Un 'giovane' inesperto si sarebbe trovato in soggezione, al fianco di Mister Hetfield, aizzando probabilmente la sua collera ulteriormente; una primadonna di livello già riconosciuto o comunque dalla personalità troppo simile alla loro, come un Ellefson o un Joy Vera, avrebbe portato a sua vlta altre divergenze.

Trujillo era la scelta giusta, giustissima, forse l'unica: e allora è partito il treno dei ricordi e della nostalgia, anche perchè il campione di Venice suona con le dita, senza plettro, proprio come Cliff. Anche questo ha influito in Ulrich ed Hetfield, vogliosi di riannodare i fili della storia per recuperare la direzione stilistica persa con la morte dolorosa del vecchio amico: il crisma dell'ufficialità arriva nelle parole di Kirk Hammett, storico chitarrista della band: Già dalla prima prova (con i Metallica, ndr), Rob è stato fenomenale perchè aveva un sound enorme e suonava con le dita, il che ricorda molto Cliff Burton, e quel sound ci piaceva. Funzionava su tutti i fronti, aveva un bel sound e soprattutto è una grande persona, solida. Trujillo esibisce sul palco, immediatamente, una carica travolgente ed un'energia altamente spettacolare; non fa però in tempo a partecipare alle registrazioni di St. Anger, il controverso sfogo di rabbia che riporta la durezza nel sound dei Metallica: in studio il basso è suonato dal produttore Bob Rock, e sebbene il disco è criticatissimo va considerato come una parentesi 'esterna' alla discografia del complesso; non un 'passo falso' come Load e Reload, ma una figura 'a sé' nella quale documentare gli ultimi anni di scazzi ed amarezze. Vomitati quelli, i Metallica avrebbero potuto ripartire. E il processo che porta alla nascita di un disco ottantiano come Death Magnetic vede Robert in prima linea, autore -a detta di molti- di una prestazione superba sul disco del ritorno alle origini, datato 2008. Spiega Torben Ulrich, padre del batterista e attento osservatore della band: Credo che Robert sia una scelta estremamente felice. Con lui si prosegue sicuramente nella direzione che la band aveva preso dopo la morte di Cliff Burton, e a ben vedere la mancanza di conflitti -, se vogliamo, la ritrovata unione- si percepisce anche dal fatto che ora le basi adesso risuonano in modo molto sonoro. Tanto che dal punto di vista dell'heavy metal, cioè di una base pesante suonata a tono, questo può essere il loro momento più forte. Trascinante, devastante, spettacolare: una furia sul palco, Trujillo, con le sue trottole forsennate e i suoi affondi sul palco, perennemento piegato sulle ginocchia quasi senza riuscire a contenere l'enorme esplosione di adrenalina che vibra dentro di lui. Il paragone con Clifford Lee Burton sarà sempre durissimo, per chiunque, ma Robert Trujillo ha le spalle larghe e la serenità necessaria per reggere questo ruolo con onore, valore e passione. E il sorriso sempre sulle labbra, ma questo per uno come lui è ovvio.



L'ImBONItore
Giovedì 15 Ottobre 2020, 12.46.57
73
@@@@@Skull Si hai inteso benissimo. Eeeee si la sorella era veramente buona ma eeeeee il fratello ossia l'amico mio era geloso. Io stiiiiii fratelli possessivi non li capisco !
Luigi
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 19.59.23
72
Buonanotte.
Luigi
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 19.58.21
71
@ Skull: il parallelismo grunge/metal non regge, è privo di senso. Da una parte ci sono state bands che traendo spunto dai loro predecessori (e quindi attingendo dal passato) hanno “rinverdito “ il rock e hanno dato vita a qualcosa di significativo in termini artistici (ed ognuna di essa lo ha fatto avendo una sua precisa identità musicale). Dall’altra, abbiamo semplicemente una formazione che ha voluto ed ha trovato la strada giusta per raggiungere il successo commerciale, con un’opera che definire “paracula” è poco, e che più che rinverdire il genere ne ha mostrato alcune contraddizioni. Tutto qua. Il genere (preso nella sua interezza) in quel periodo godeva di ottima salute, ragion per cui fatico a pensare che sia stato arricchito e rinverdito da quella che a conti fatti è stata una magnifica operazione commerciale che è stata peraltro apprezzata anche da molti metallari, proprio in virtù della sua efficacia (per i risultati raggiunti). Paradossalmente, spesso ad essere incensata non è tanto la band in quanto fautrice di un opera artisticamente valida, ma la capacità imprenditoriale della stessa; taluni ascoltatori più che lodare il contenuto dell’album ne celebrano e ne apprezzano il successo in termini commerciali, quindi il prodotto prende il sopravvento sull’opera musicale. Da parte mia non ho vissuto la cosa in prima persona (nel senso che non mi ha coinvolto) per cui non ho dovuto “superare” alcun “trauma”, e lo stesso dicasi per il grunge visto che non ho reticenze nei confronti di certe sonorità e avendo peraltro visto dal vivo due delle formazioni più importanti del movimento. Sopportiamoci dai!
Luigi
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 19.53.50
70
@ Skull: grazie per il “benvenuto” ma ci siamo già incrociati sotto una notizia dei Blind Guardian! Ad ogni modo, tornando in tema (e sorvolando sulla questione fan) ti dico che dissento totalmente da quello che hai detto perché credo che sia il frutto di una visione ristretta delle cose, limitata alla storia della band losangelina (che, per quanto importante, rappresenta pur sempre un pezzo/un segmento della storia del metal) e al mondo in cui gravitavano. Quello che hanno fatto Hetfield e soci in quel periodo, viene sempre posto in relazione (e confrontato) con i soggetti musicali a loro più affini (le “band del giro”) e nell’ambito di un contesto – quello del thrash metal – che, sebbene molto popolare tra i metalheads, costituiva pur sempre solo una parte del variegato universo metal. Il punto è che secondo me il thrash insieme all’heayy metal puro ha rappresentato per molti ascoltatori una delle migliori forme espressive del metal, al punto da relegare tutto il resto in secondo piano, e non è un caso forse che molti dei gruppi più amati e chiacchierati ancora oggi siano riconducibili proprio a quei due specifici stili musicali. Per cui, a me pare che ci sia questa sorta di inclinazione da parte di molti a voler analizzare/giudicare non solo gli eventi musicali, per come si sono sviluppati su un piano prettamente economico (vendite, successi, flop, ecc.), ma anche le produzioni discografiche ad essi legate (e per le quali bisognerebbe adottare invece altre modalità di giudizio), partendo da una prospettiva che è chiaramente limitata, per i motivi di cui sopra. Quell’album è stato un “game-changer” rispetto a cosa? Ha dato forse vita a qualcosa di nuovo e stimolante da un punto di vista artistico? Un nuovo movimento o filone musicale, che ha segnato la storia e l’evoluzione del metal? Quali bands avrebbe influenzato?? Sono curioso. Infine, che sia stato “divisivo” non ci vedo nulla di strano, poiché é la natura stessa del disco, ambigua e ambivalente, che si presta chiaramente a giudizi contrastanti.
Galilee
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 19.44.50
69
Con me sfondi una porta aperta. Adoro SOWN, Only la so ancora a memoria oggi. Per metà.... Comunque il disco era una bella mazzata sui denti, non l'ho mai sentito accessibile. Non aveva comunque song d'impatto come Got the time o Antisocial. Che pezzi però... Potters fields, room for one more, packaged rebellion. This is not an exit... Muoio. Il peggiore degli album in scia? Forse Exodus, anche se a me non dispiace. A me era piaciuto molto anche Set the world on fire degli Annihilator.
SkullBeneathTheSkin
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 18.37.05
68
@Imbonitore: che ascoltasse i Duran Duran o il black album resta da capire se questa sorella fosse buona! Ho inteso bene? @Galilee: oltre ai due lavori dei Megadeth, Sound Of White Noise degli Anthrax fu uno dei più riusciti degli album "in scia". Potentissimo pur contenendo la loro prima semi-ballad, ricco di legnate pur contenendo l'irresistibile melodia di Only... fra l'altro, ai tempi, Hetfield voleva che proprio Bush prendesse il suo posto al microfono, nei Metallica.
L'ImBONItore
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 17.36.57
67
Il Black Album ha reso masticabile a tutti ma proprio a tutti il metal inteso musicalmente eeeeeeed esteticamente. Ormai anche la ragazzina che si ascolta Demi Lovato la trovate con una maglietta dei Metallica. E sce ne sono fidatevi. Uuun mio amico mi disse che la sorella cui ascoltava i Duran Duran ascoltò con entusiasmo il Black Album. Ooooora eeee non so se sia stata cosa buona o no. È inquietante sinceramente. Quindi qui parliamo eeee di sdoganamento o sputtanamento/ stereotipo del eeeeee metal? Ad ogni modo nel 91 uscì un album malsano e lontano anno lusce dal prodotto qui scitato, sopratutto le liriche sono agghiaccianti e sto parlando di Slow Deep And Hard deeeeei Type o negative. Oggi coooooome osci una Xero Tolerance sarebbe da politicamente scorretto con il femminismo imperante! Caghi saluti
Galilee
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 15.30.36
66
Sono d'accordo sul fatto che il black album abbia un 'importanza palpabile per il genere. E a me piace un sacco. Che sia un percorso spontaneo più o meno. Sicuramente le idee le presero in giro, perché i semi di questo nuovo sound a mio parere si sentivano già. Inoltre non prendi un Bob Rock reduce dei 10 milioni di copie di DR feelgood se non vuoi penetrare il mercato come si deve. Questo non significa appunto che non sia un prodotto di valore, anzi, ma non lo considererei così audace. Che altri gruppi li seguirono a ruota non c'è dubbio, e nessuno purtroppo ne usci così vincitore. Non vedo però in alcune band citate come Anthrax ad esempio, una volontà nel seguirli. Stilisticamente siamo su tutt'altri lidi a parer mio. Piu sul lato Pantera, Machine head, Meshuggah, Helmet etc etc.. Anche gli Slayer li vedo molto lontani.. Anyway questo stile soft di thrash che mi piace chiamare AOT, mi garbava assai, e il disco che apprezzai maggiormente oltre a quello dei Metallica fu The ritual dei Testament. Mamma mia quanto lo ascoltai...
er colica (più vecchio e acciaccato)
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 14.48.30
65
si perché credo che i metallica intorno all'89/90 unirono proprio la loro esigenza artistica di semplificare e rendere più versatile il loro suono alla scommessa commerciale e lo fecero in modo intuitivo e secondo me spontaneo mentre molti semplicemente rosicarono quando usci quel disco e in modo costruito copiarono più o meno bene quel suono, quelli più palesi per me tra i big furono i testament e i megadeth, solo che bisogna dire che i megadeth però fecero due bei disconi fatti bene nel 92 e 94 anche se l'intento era quello di scopiazzare la strada indicata dai metallica. I slayer li per li continuarono giustamente e coerentemente con il loro stile poi verso la fine dei 90 virarono in modo decisamente subdolo e poco sincero verso un suono più in linea con quei tempi, un po' slipknot un po pantera insomma roba cosi.
Analizzatore
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 9.47.26
64
Vero! Infatti nel periodo successivo al Black Album Testament, Overkil, Megadeth, Anthrax e persino Slayer, insieme ad altri nomi meno altisonanti, provarono tutti ad alleggerire o grunge-izzare la loro proposta originaria, con risultati non sempre di qualità e comunque con risultati vendite assolutamente inferiori ai Metallica. Sarò malpensante, ma credo che questo cambio di rotta fu guidato dall'avidità e dalla voglia di protagonismo e non dal sacro fuoco dell'arte... Se proprio vogliamo fare i puristi del [edit] dovremmo stigmatizzate più le suddette band che i Metallica, che con un cambio di direzione sicuramente calcolato -ma sul quale investirono pure molto- furono degli apripista.
er colica (più vecchio e acciaccato)
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 0.19.25
63
concordo co molti commenti qui sotto: Ulrich piccolo uomo di statura ma grande uomo di palle e mente, musicista passabile ai tempi, non un vero talento musicale ma imprenditoriale e manageriale, James carisma musicale e attitudinale del gruppo, kirk ottimo chitarrista poco incline agli spettacolini stile cabaret, e scimmio ( nomignolo di stima e simpatia) un mostro di bassista che opera alla causa metallica sacrificando la sua arte di bassista crossover metal punk funk, rispettabile e comprensibile la sua scelta. E per concludere sulla parentesi degli uttimi commenti qui sotto : magari avessi scritto prodotto e suonato il back album nel 91, ora non sarei qui a hahahaha scherzi a parte ogni musicista avrebbe voluto scrivere un album cosi, poi ognuno ha delle preferenze compreso il sottoscritto ma quell' album è l'album che il 90% dei musicisti metal avrebbe voluto pubblicare in quel di 30 anni fa, i fan l'hanno odiato ma i musicisti hanno rosicato. Il fan è una cosa il musicista vede tutto sotto un altro occhio e quel disco è un opera d'arte che in molti hanno sognato di fare ve lo posso assicurare tanto che qualcuno ci provò ma non fu la stessa cosa.
SkullBeneathTheSkin
Martedì 13 Ottobre 2020, 20.11.19
62
@Luigi: anche il rock è stato arricchito e rinverdito dal grunge, ed anche in quel caso molti non hanno (ancora) saputo superare il trauma... se vuoi, le miei sono considerazioni di un over40 che ascolta musica robusta da oltre un quarto di secolo. Sopportarmi dai
SkullBeneathTheSkin
Martedì 13 Ottobre 2020, 20.08.26
61
@Luigi: per prima cosa benvenuto, non ti avevo mai letto prima. Seconda cosa, in quel post ho mescolato un po' di cose... ma sono ben oltre il concetto di "fan" e da tempo non compero i loro dischi. S&M2 mi interessa come un documentario sull'accoppiamento delle cimici... ribadisco però che il tanto bistrattato black album è quel che in gergo si definisce game-changer. All'epoca, ha influenzato quasi tutte le band del giro ed ha ispirato molti giovani musicisti. Mi sembra talmente innegabile che almeno per me vale un avanti Cristo/dopo Cristo (non ac/dc!!!). By the way, Cristo si scrive maiuscolo per un fatto di grammatica, non per altro!!! Se non sei d'accordo, capisco, ma pochi altri album hanno saputo dividere allo stesso modo e questo qualcosa vorrà pur dire, non trovi?
Pikko
Martedì 13 Ottobre 2020, 19.59.14
60
Domani pubblicheranno in streaming l’ennesimo live acustico. Maronna che 2 palle che sono diventati!!! Nonostante la prima metà, più l’ultima traccia di Hardwired mi siano piaciute, ho dei terribili presentimenti sul prossimo album che sforneranno, se mai lo faranno.
Luigi
Martedì 13 Ottobre 2020, 19.53.34
59
@ Skull: senza offesa, ma dire che questi signori “sono stati capaci di portare avanti il metal” e di “garantirgli la vita che ancora oggi ha” è una mostruosità che non si può leggere… Io capisco l’importanza storica, il valore artistico dei primi albums e così via, ma spesso nel parlare di loro si finisce con l’ingigantire letteralmente le cose, attribuendogli meriti che non hanno e creando storie leggendarie che poggiano sul niente (a meno che non si voglia dare peso e importanza al sentire comune dei fans, sulla cui obiettività e capacità di interpretare con equilibrio le vicende musicali è meglio stendere un velo pietoso).
Analizzatore
Martedì 13 Ottobre 2020, 19.08.19
58
Ah, io non azzardo e vado su un parallelismo difficilmente contestabile: Mustaine nei Megadeth.
Tino
Martedì 13 Ottobre 2020, 8.05.20
57
Concordo su James, è l'unico metallica insostituibile, azzardo comunque un parallelo...araya
Tbone77
Lunedì 12 Ottobre 2020, 22.31.24
56
Concordo con analizzatore e skull, i metallica sono james. È lui che tiene su la baracca. Nei gruppi puoi cambiare i chitarristi, i bassisti, i batteristi ma il cantante è quello che rappresenta la band. Nella voce si riconosce il gruppo, Halford, Dickinson, Neil etc etc sono solo esempi di front man che se ne sono andati e a furor di popolo e conti che non tornavano sono dovuti rientrare nei ranghi. La gente non vuole blaze ripper Owen o corabi, vuole il cantante originale. Solo gli zeppelin morto Bonham gliela hanno data su. Ma è una mosca bianca.
Tbone77
Lunedì 12 Ottobre 2020, 22.31.20
55
Concordo con analizzatore e skull, i metallica sono james. È lui che tiene su la baracca. Nei gruppi puoi cambiare i chitarristi, i bassisti, i batteristi ma il cantante è quello che rappresenta la band. Nella voce si riconosce il gruppo, Halford, Dickinson, Neil etc etc sono solo esempi di front man che se ne sono andati e a furor di popolo e conti che non tornavano sono dovuti rientrare nei ranghi. La gente non vuole blaze ripper Owen o corabi, vuole il cantante originale. Solo gli zeppelin morto Bonham gliela hanno data su. Ma è una mosca bianca.
Analizzatore
Lunedì 12 Ottobre 2020, 12.19.58
54
Sì, mi riferivo anche al 29...
SkullBeneathTheSkin
Lunedì 12 Ottobre 2020, 12.09.51
53
@Analizzatore: ok, censurati, ma fa parte del comune intercalare... nessuno dovrebbe scandalizzarsi Ciò che dici riguardo a James è ampiamente condivisibile, con la sua mitica explorer, l'incarnazione eccellente di frontman ed "axeman"... in un certo senso, pur avendo sfornato capolavori, capisaldi, pietre miliari del thrash... sono stati capaci di portare avanti il metal, di sdoganarlo, di garantirgli la vita che ancora oggi ha. Qualcuno storcerà il naso, ma amio avviso, mio modestissimo avviso, il black album è un fottuto spartiacque di importanza storica. C'è un prima e c'è un dopo. Concordo che il loro successo sia ampiamente meritato! Lunga vita agli horsemen
Analizzatore
Lunedì 12 Ottobre 2020, 12.03.57
52
P.S.: Scrivo direttamente [edit] come forma di autocensura.
Analizzatore
Lunedì 12 Ottobre 2020, 11.57.38
51
Io sono sicuro che se in quel maledetto incidente fosse morto Kirk o Lars qui tutti starebbero a tessere sperticate lodi sulle qualità tecniche e caratteriali dei suddetti. Se invece fosse morto James i Metallica sarebbero finiti in quel giorno e questo perché i Metallica SONO James. La perdita di Cliff ha segnato una svolta per altri motivi, che non sono né tecnici (non era certo un Billy Sheehan) né di attitudine, ma molto più profondi: la perdita di un amico. È per questo che il sostituto è stato percepito come corpo estraneo e quasi "bullizzato". Da un gruppo di amici che erano una band che suona e compone insieme si è passati a un gruppo di professionisti dove la vera mente creatrice (coi suoi bei problemi) ed il manager tirano la carretta e gli altri seguono moralmente demotivati, ma spinti solo dalla risposta dei fan e dai guadagni. E comunque si meritano il successo molto più di quelli che li criticano a [edit].
Tino
Domenica 11 Ottobre 2020, 20.35.21
50
Ma figurati. Comunque non tutti i musicisti hanno ambizioni da primadonna, ci sono personaggi più defilati e Kirk è uno così, umile e si fa i cazzi suoi, un po'il Murray del thrash metal. Mustaine è un tipo totalmente differente, è come schuldiner, Waters, protagonisti e leader
SkullBeneathTheSkin
Domenica 11 Ottobre 2020, 19.57.24
49
@Tino: dai, non fare l'ottuso anche tu. Nessuno ha detto a morte kirk ma definirlo "quasi-turnista" lo trovo molto tagliente, magari un po' ingeneroso, ma di base non sbagliato. Anche io voglio bene a tutti gli horsemen e goduto di due grandi band... ma se non si può discutere di nulla tanto vale chiudere tutto
Tino
Domenica 11 Ottobre 2020, 19.41.22
48
Sarà ma io sono cresciuto con i Metallica, dal 1983, con Kirk, e con i Megadeth...e mi è andata benissimo così
SkullBeneathTheSkin
Domenica 11 Ottobre 2020, 18.32.47
47
@Tbone77: è quello che ho sempre sostenuto anche io @Tino: non c'è nessuna "fantafusione" da immaginare, le primissime foto dei metallica recavano esattamente la formazione che ho descritto, come dice @Vitadathrasher sarebbe stato bello fosse durata un po' di più: se alla potenza di Four Horsemen aggiungessi la nevrosi di Mechanix... suggestioni. Quel che dice @Vitadathrasher al #45 è inoltre sacrosanto, per trovare qualcuno che si divide dalla band madre e non va più o meno lentamente a ramengo bisogna faticare e guarda caso i nomi a cui si giunge sono tutti mostri sacri, tutte colonne del genere, e non solo.
Tino
Sabato 10 Ottobre 2020, 20.28.18
46
Io da fan di Megadeth e metallica non ho mai desiderato una fantafusione con il musta. Eppoi io amo kirk
Vitadathrasher
Sabato 10 Ottobre 2020, 17.27.34
45
Premetto che non ragiono da fan di chichessia, non parteggio per nessuno. Mi limito a constatare che generalmente chi viene via o, cacciato via nel caso di Mustaine, poi difficilmente riesce a prendere una propria strada, generalmente entra in un tritacarne di fallimenti se non ha alle spalle un curriculum di tutto rispetto. Lui da giovane costola dei metallica ha creato subito una one man band, anche se reclutando ottimi musicisti. A mio avviso gli altri metallica presi ad uno ad uno non hanno il carisma e le doti di un mustaine. Divisi, Lars e James e il quasi session man kirk sarebbero a fare altro ma non a suonare sotto il nome metallica. Comunque si, da una grande band, ne è venuta fuori una altrettanto grande.
Tbone77
Sabato 10 Ottobre 2020, 15.56.13
44
Lars è un grandissimo imprenditore, è il musicista più pagato al mondo. Un patrimonio da capogiro. Il suo brand è ovunque, vestiti, ristoranti, profumi...... Sicuramente ha le palle e le doti per quanto riguarda questo lato e non è da tutti. Poi come batterista è un altro discorso, ma qui è fantamusica. Anche a me sarebbe piaciuto vedere come sarebbero andate le cose con mustaine e cliff fino ai giorni nostri. Ma la vita è imprevedibile. Però il lato positivo è che per un lasso di tempo abbiamo avuto 2 grandi band invece che una no?
SkullBeneathTheSkin
Sabato 10 Ottobre 2020, 13.23.14
43
@Vitadathrasher: probabilmente hai ragione, Lars si dimostrò un volpone già accaparrandosi il nome, strappato ad una fanzine (mi sembra). Purtroppo lo considero più membro "sfondatore" che colonna dalla band, musicalmente Il momento più godurioso, sotto la pioggia dell'ippodromo, è stato quando James fradicio ha detto "portiamo fuori anche Lars" che poi ha continuato a suonare senza copertura, sotto l'acqua!!
Vitadathrasher
Sabato 10 Ottobre 2020, 13.08.50
42
Il più dotato in assoluto è il gatto rosso, rimanendo nel cazzeggio e fantasia, la vera curiosità sarebbe stato vedere il Mustaine nella band, per tutti gli 80's almeno. Il leader è l'iper attivo, logorroico e manipolatore ulrich, ha cacciato Mustaine, ma stava anche lui per essere cacciato dai vari Cliff, Kirk e James, solo che ci ripensarono... E scommetto che ci ripensarono perchè per mandare avanti una band, tra droghe, sbronze ecc. Elementi come urlich hanno le palle per prendere decisioni anche manageriali, cosa che gli altri a mio avviso non avevano.
SkullBeneathTheSkin
Sabato 10 Ottobre 2020, 10.46.18
41
Prima di essere mangiato vivo, rimarco che nel post qui sotto ho dimenticato un "IMHO" o "secondo me" o "sarebbe stato anche meglio se" ... circa la formazione-tipo della band
SkullBeneathTheSkin
Sabato 10 Ottobre 2020, 10.44.51
40
@Carmine: certo, aggiungici anche quel (breve) periodo in cui alcune band come i GirlsAgainstBoys e mi pare i Godspeed si proponevano con una chitarra e due bassi contemporaneamente... suggestioni su suggestioni. Di certo Cliff non era affatto "l'elemento neutro" che fu cercato dai Metallica dopo la sua triste dipartita. Oltretutto, questa storia, non riesco ad accettarla, la butto giù a fatica. La formazione tipo dei Metallica, con tutto il bene che posso volere a Kirk, Robert e Jason sarebbe: Hetfield, Ulrich (purtroppo), Burton, Mustaine... e per dirla alla Pizzul.. arbitra il danese Rasmussen
Carmine
Sabato 10 Ottobre 2020, 9.56.32
39
Io a volte mi chiedo come avrebbe reagito Cliff ascoltando le robe di DiGiorgio, oppure dei Cynic, degli Atheist, dei Primus... Per me sarebbe impazzito.
SkullBeneathTheSkin
Venerdì 9 Ottobre 2020, 23.12.42
38
@Rino: grazie della risposta. Volevo solo sapere. In quanto al fatto che Cliff era di vedute aperte ed avrebbe potuto guidare/contribuire alla svolta stilistica, concordo in pieno, così come concordo che non avrebbero fatto altri dieci MOP. Questo avrebbe forse potuto portare anche a tensioni nella band, sempre nel campo delle ipotesi, come accaduto per molte band/artisti importanti... in quel caso non credo che si sarebbero sciolti, sarebbe come oggi. Forse i Metallica con Cliff sarebbe stati qualcosa di simile ai Mastodon? Intendo per inesorabile continuo cambiare pelle... altre suggestioni, appunto
Rino
Venerdì 9 Ottobre 2020, 23.00.55
37
@SkullBeneathTheSkin: quando scrissi l'articolo, fu una mia suggestione. Non credo che realmente i due abbiano potuto scegliere un musicista solo perchè suonasse con l dita e non col plettro. Ad ogni modo, io credo che invece Cliff sarebbe rimasto nei Metallica: lui era uno di ampie veduto e sarebbe stato tra i primi d'accordo nel modificare lo stile e il genere senza rimanere ancorati ad un'unico approccio. Che poi non avrebbero scritto gli stessi identici dischi che ne sono conseguiti è un altro discorso, ma di sicuro non avrebbero fatto dieci master of puppets...
SkullBeneathTheSkin
Venerdì 9 Ottobre 2020, 20.48.59
36
Bello il tuo scritto, Thrasher. Però ti chiedo, questa parte è un tuo pensiero oppure ha fondamento storico? "suona con le dita, senza plettro, proprio come Cliff. Anche questo ha influito in Ulrich ed Hetfield, vogliosi di riannodare i fili della storia per recuperare la direzione stilistica persa con la morte dolorosa del vecchio amico" Rispettabilissimo ed interessante, se fosse solo una tua opinione. La mia è che Cliff, se fosse vivo, non sarebbe comunque più nei Metallica, così come che a Jems/Lars non interessasse riallacciare il sound alle origini: era ciò che ha sempre voluto Newsted!
matt2
Martedì 6 Ottobre 2020, 10.46.09
35
Cliff burton oltre alla sua leggenda dovuta alla prematura scomparsa , e quindi a una sorta di continuo elogio funebre che lo accompagna , lascia una importante eredità musicale nei metallica. E una parte della grande fama del gruppo (che c'ha un po marciato?)va ascritta proprio alla storia triste della sua morte che fa avvicinare ancora oggi tanta gente alla band. Musicalmente ha lasciato delle vere perle , in particolare nell'album ride the lightning ebbe un ruolo primario praticamente al livello di james , mentre su master ,dove ebbe piu spazio hammett , cliff apparve come autore su orion title track e damage inc. sul postumo and jusitce for all la strumentale to live is to die vede burton come autore non solo della breve poesia che si sente a un certo punto ma anche della musica in particolare della parte in la minore. trujillo non è l'ultimo arrivato e per questo anche nei metallica ha il suo spazio. nell 'ultimo hardwired ha co-compsto manunkind e l'ottima lords of summer(inspiegabilmente) esclusa dall'album ,mentre su death magnetic è accreditato di tutti i brani come hammett .quindi non male. Tuttavia , resta impossibile fare paragoni con burton ,sia per il "personaggio" cliff , sia- penso io- per le idee che portava quando si trovavano in studio.
Galilee
Lunedì 5 Ottobre 2020, 17.36.45
34
Fondatore nel senso che faceva parte della prima formazione, quindi è ovvio che il suo stile abbia contribuito a plasmare il sound dei Metallica. Trujillo si deve adeguare, giustamente.
Mulo
Lunedì 5 Ottobre 2020, 17.25.18
33
Ron Mcgovney era un membro fondatore -ha suonato sul demo-, non Burton. Burton è amatissimo perchè ha suonato sui dischi migliori più amati da fans. Per l'headbanging selvaggio e anche perchè era un gran personaggio. Mettici anche le perse Anesthesia e Orion, pezzi impensabili per una band thrash di quel periodo, e il gioco è fatto. Oramai i Metallica sono sulla 60ina e le ultime cose a livello creativo le hanno fatte ai tempi di Load/Reload. Piaccia o meno. In fase compositiva la band è, probabilmente finita. Restano i live. Trujillo fa quello che deve fare il bassista -ed è un grande bassista-. I pezzi li scrivono sempre i soliti. Burton resterà sempre nel cuore dei fans.
Tino
Lunedì 5 Ottobre 2020, 16.40.33
32
Si ma in fondo a lui che gliene frega? Non tutti i bassisti sono compositori, mica è Steve Harris. A leggere i commenti sembra che poveraccio sia costretto a suonare con Rita Pavone
Galilee
Lunedì 5 Ottobre 2020, 16.06.24
31
Che Cliff Burton era un membro fondatore, Trujillo il sostituto del sostituto. Quindi uno godeva di libero arbitrio l'altro non ne godrà mai.
Tino
Lunedì 5 Ottobre 2020, 15.10.44
30
Scusate ma se Trujillo è sprecato nei metallica e Cliff Burton era un dio dello strumento e il suo talento era al servizio della stessa band, cos'è che non funziona nel ragionamento? I pezzi dei primi tre dischi o.sono scarsi per un bassista o non lo sono. Boh
Analizzatore
Lunedì 5 Ottobre 2020, 10.06.18
29
Ah, la D'Urso, che gran [edit]! Ha giocato le sue carte facendo la [edit] e ci ha guadagnato. E oggi comanda lei. Ognuno ha le sue armi e se le gioca nel modo migliore: c'è chi ha la tecnica bassistica e si fa i soldi nei Metallica, e chi ha la [edit], 2 belle [edit], un gran bel [edit] e una grande attitudine a fare i [edit] e si fa strada in TV. Ma alla fine stiamo parlando sempre di [edit].
Tino
Domenica 4 Ottobre 2020, 10.14.30
28
Tutto sto offendere James e Lars non lo capisco. Ma chi sono vostri amici con cui avete avuto delle liti per esprimere sentenze su persone che si conoscono solo per via dei giornali? [edit] roba da matti neanche dalla D'Urso
paul thrash
Domenica 4 Ottobre 2020, 10.05.04
27
bravo bassista, ma nei metallica non esiste proprio. il povero Newsted pur penalizzato, bullizita, represso è cmq riuscito a dare un po della sua personalita', sgomitando con i due [edit]
Indigo
Giovedì 24 Settembre 2020, 17.21.26
26
Ah, per chi volesse (ri) sentirlo all'opera in un gruppo funk, a fine ottobre verrà pubblicato un nuovo EP degli Infectious Grooves. Qui sicuro il suo slap non mancherà
Galilee
Giovedì 24 Settembre 2020, 17.16.05
25
Chi non ci avrebbe almeno provato?
Indigo
Giovedì 24 Settembre 2020, 12.31.20
24
@paju, concordo in pieno con il tuo ultimo commento. Però chi direbbe di no ai Metallica, ai soldi e alla fama? Classica proposta impossibile da rifiutare
Tino
Giovedì 24 Settembre 2020, 11.00.45
23
Tal deg...mica suona con Max Pezzali
Tbone77
Giovedì 24 Settembre 2020, 10.30.56
22
Io direi si subito, non conterei neanche fino a 1.ha sistemato almeno 3/4 generazioni
Tino
Giovedì 24 Settembre 2020, 8.12.45
21
Ti diamo subito un milione di dollari solo per accettare e sono solo l'inizio di quello che guadagnerai nella band...cit. Ulrich in some kind of Monster. Poi pazienza se devi suonare master of puppets invece che slappare come se non ci fosse un domani in qualche progetto funk metal...cit. Tino
paju
Giovedì 24 Settembre 2020, 1.41.41
20
ottimo bassista in passato, vedi suicidal, infectious grooves ecc ecc nei Metallica azzerato come compositore, come suono, addomesticato al duo hetfield-ulrich. Peccato pk è un buon elemento, ma non esce non ha spazio. La sua personalita' che non è da poco la si sente su altri dischi (extra Metallica)
Emi
Sabato 15 Aprile 2017, 19.18.52
19
Jason è del Michigan non New Jersey
letypaxxa metallica 4ever
Giovedì 1 Settembre 2011, 16.56.19
18
logicamente recensione più che ottima, credo che trujillo sia un buon bassista e che possa fare molto nei metallica.
Andrea
Mercoledì 8 Giugno 2011, 11.38.19
17
Il bene che quest'uomo ha fatto ai Metallica è una delle cose più sottovalutate di tutti i tempi.
The Thrasher
Mercoledì 3 Marzo 2010, 11.49.58
16
tranquillo DevizKK(1991)
DevizKK(1991)
Mercoledì 3 Marzo 2010, 2.21.51
15
Allora scusami "The Thrasher" l'avevo preso come un dato di fatto..chiedo nuovamente scusa!
pincheloco
Martedì 2 Marzo 2010, 17.27.25
14
Oltre ai Suicidal, ascoltate il suo lavoro con gli Infectious Grooves di cui ho già parlato nel forum, poi mi direte se non si sente.
The Thrasher
Martedì 2 Marzo 2010, 13.58.49
13
grazie a tutti per i complimenti sul pezzo. cmq nn ho detto che trujillo abbia detto ai metallica come fare death magnetic, solamente che la sua presenza è stata importante per ritrovare credibilità; in ogni caso, ed è solo una mi considerazione personale dunque lontana dall'oggettività, anch'io preferivo a pelle jason, diciamo così 'per simpatia', lo sentivo più adatto a questa band; però è indubbio che con lui i rapporti erano logori e l'arrivo di trujillo è stato propedeutico.
DevizKK(1991)
Martedì 2 Marzo 2010, 11.25.25
12
è davvero un bell'articolo,molto utile...perchè non parla delle solite "star" detto questo,ho sempre e ribadisco sempre detto che è un gran bassista,ma preferivo di gran lunga il buon newsted incazzoso come pochi e con quella voce graffiante che ti faceva venire la pelle d'oca..Rob fà troppo numeri da circo per i miei gusti,la trottola la tarantola e via dicendo..IL mitico Cliff e il buon Nested sono sempre stati 2 bassisti con la schiena dritta e pronti a scapocciare in ogni momenti..e sopratutto con uno sguardo incazzoso,ma buono allo stesso tempo e che spruzzava felicità da tutti i pori perchè amavano quello che suonavano....Una cosa la dico,di certo i metallica non hanno fatto death magnetic grazie a trujillo,l'hanno fatto perchè avevano già in mente di fare sta svolta...Secondo me non è di certo il primo arrivato a dirgli cosa fare!!!Comunque ottimo articolo!
Er Trucido
Martedì 2 Marzo 2010, 11.16.30
11
A tanti non piace il suo stile e devo dire che musicalmente nei Metallica non mi colpisce più di tanto, devo dire che però 10 giorni fa ho acquistato Lights camera revolution dei Suicidal Tendencies e devo dire lì il suo stile si sente eccome! Secondo me è molto preparato e mi sembra una persona conscia della sua fortuna e che affronta la vita sempre col sorriso (come faceva Cliff). Un paio di osservazioni: quando entrò nei Metallica iniziò a provare col gruppo i pezzi vecchi, che gli altri non suonavano da una vita e toccò a lui ricordargli certi passaggi (ma pensa te...). I suoi calzini sono tra i peggiori della storia del metal!
Raven
Martedì 2 Marzo 2010, 9.20.33
10
Ed in ogni caso non è certamente la prima volta che ci occupiamo di personaggi meno in vista di altri, è un altro dei nostri tratti distintivi.
slide
Martedì 2 Marzo 2010, 7.19.53
9
Si, ottimo bassista ma penalizzato nell'ultimo album da una produzione che a dir poco lo oscura. Comunque solido elemento.
Khaine
Lunedì 1 Marzo 2010, 23.45.10
8
@ Lambruscore: perchè, soprattutto in Italia, sono conosciuti da pochi... io stesso -facendo autocritica- confesso di conoscerli poco
AL
Lunedì 1 Marzo 2010, 23.40.39
7
direi un ottimo elemento anche se nei Metallica il mitico Newsted non lo si dimentica tanto in fretta...
metal4ever
Lunedì 1 Marzo 2010, 22.56.21
6
Penso che Trujillo sia un ottimo bassista, e in più le sue movenze danno un tocco più pittoresco ai Metallica.
Master Of Pizza
Lunedì 1 Marzo 2010, 22.25.42
5
Pur non riuscendo ancora a digerire la sua immagine dei metallica,rimane un'ottimo musicista,che ha praticamente cacciato fuori i Merdallica e fatto tornare i Metallica che tutti noi amiamo..grande!
LAMBRUSCORE
Lunedì 1 Marzo 2010, 20.26.13
4
ottimo musicista, ma perchè pochi parlano dei suicidal tendencies, suo ex gruppo, secondo me uno dei più grandi gruppi del mondo con la loro mistura hardcore, funk, metal?????
drew
Lunedì 1 Marzo 2010, 20.21.56
3
Dire male o sminuire Robert Trujillo o considerarlo fuori contesto è proprio ridicolo, Mr. Trujillo ha ridato energia ai Metallica, sono i three horsemen a sembrare impalati sul palco rispetto al grande bassista, che vanta un passato professionale di tutto rispetto, che non aveva bisogno della luce dei 'tallica per essere evidenziato...
Khaine
Lunedì 1 Marzo 2010, 19.21.28
2
Beh, inutile... sarà inutile a te, scusa! di questo tizio non parla mai nessuno eh, un po' d'informazione non guasta
Electric Warrior
Lunedì 1 Marzo 2010, 18.53.56
1
ottimo articolo,ma inutile. Preferisco gli articoli sui grandi gruppi rock del passato,o comunque sulle vere personalità che hanno segnato la musica. Trujillo non ha cambiato la vita a nessuno, e quando suona nei Metallica sembra sempre fuori contesto. Peccato se ne sia andato Newsted,grandissima personalità. Trujillo invece è vuoto,senz'anima,guidato dalla mano sapiente (?) degli ormai three horsmen.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
METALLICA - Robert Trujillo - La biografia
RECENSIONI
58
65
s.v.
65
55
80
s.v.
50
70
95
79
93
100
97
100
94
ARTICOLI
23/10/2019
Articolo
METALLICA
S&M²
13/05/2019
Live Report
METALLICA + GHOST + BOKASSA - MILANO SUMMER FESTIVAL 2019
Ippodromo SNAI San Siro, Milano, 08/05/2019
15/02/2018
Live Report
METALLICA + KVELERTAK
Pala Alpitour, Torino, 10/02/2018
02/11/2013
Articolo
METALLICA
Metallica 3D - Through the Never, 29-30/10/2013
27/05/2012
Live Report
METALLICA + MACHINE HEAD + GOJIRA
Stadio Friuli, Udine, 13/05/2012
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
04/06/2011
Articolo
METALLICA
Passato e futuro di una leggenda in cerca di se stessa
07/04/2010
Articolo
METALLICA
Kirk Hammett - La biografia
03/04/2010
Articolo
METALLICA
Lars Ulrich - La biografia
15/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 2
08/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 1
01/03/2010
Articolo
METALLICA
Robert Trujillo - La biografia
10/02/2010
Articolo
METALLICA
Cliff Burton - Indimenticabile
01/02/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #2: Il successo mondiale
11/01/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #1 - Alla ricerca di un sogno
30/06/2009
Live Report
METALLICA + LAMB OF GOD + MASTODON
Palalottomatica, Roma, 24/06/2009
04/07/2004
Live Report
METALLICA + SLIPKNOT + LOSTPROPHETS
Stadio Euganeo, Padova, 29/06/2004
15/11/2003
Live Report
METALLICA + GODSMACK
Palamalaguti, Bologna, 11/12/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]