Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Protest The Hero
Palimpsest
Demo

Oneiric Celephaïs
The Obscure Sibyl
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

10/07/20
VISION DIVINE
Stream of Consciousness (ristampa)

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
VISION DIVINE
The Perfect Machine (ristampa)

10/07/20
LAETITIA IN HOLOCAUST
Heritage

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

CONCERTI

04/07/20
LYNYRD SKYNYRD (SOSPESO)
LUCCA SUMMER FESTIVAL - LUCCA

04/07/20
NOIROCKERCAMP IV (POSTICIPATO)
SANTA NINFA (TP)

05/07/20
ROCK THE CASTLE (day 6) - POSTICIPATO
CASTELLO DI VILLAFRANCA - VERONA

05/07/20
PEARL JAM + PIXIES (SOSPESO)
AUTODROMO INTERNAZIONALE ENZO E DINO FERRARI - IMOLA

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

SIKELIAN HELL FEST - 22/07/2010, Day One
29/07/2010 (6762 letture)
Quante volte abbiamo sentito frasi come: "In Sicilia non c'è nulla... In Sicilia nessuno fa niente... qui nessuno organizza niente..." ed altre simili?
Quante volte abbiamo maledetto la nostra terra tagliata fuori da tutto e da tutti? Dall'economia, dalla cultura, dallo sviluppo, e si, anche dal circuito musicale europeo e nazionale? Quante?
Tante, tantissime volte, troppe per essere contate o per essere veramente considerate come costruttive e non semplici lamentele.

E' quindi normale che quando si è sparsa la notizia che anche qui in Sicilia si sarebbe svolta una manifestazione importante come il Sikelian Hell Fest, in molti abbiamo pensato che forse questo poteva essere un punto di svolta, o meglio di partenza per tracciare una strada in grado di portare l'isola all'interno della modernità musicale, ciò al di là dei nomi delle varie band chiamate a comporre il bill dei tre giorni del Fest.
La vicenda che ha rischiato concretamente di far saltare tutto, con la Chiesa occupata a scagliare anatemi contro questo immondo rave party (!) che incitava all'alcolismo ed alla violenza gratuita, (parole testuali del Vescovo di Trapani), e l'Amministrazione di Alcamo impegnata in Pilatasche lavate di mani per non ammettere la paura di inimicarsi le gerarchie ecclesiastiche -salvo poi ritornare sui propri passi in tempo- è stata ampiamente seguita dalla nostra testata in questa serie di notizie in merito. Mi sembra pertanto inutile fossilizzarsi preliminarmente su queste questioni, dato che mi riprometto di sviscerarle debitamente in sede di intervista con i vari gruppi intervenuti, e soprattutto perchè gli eventi hanno avuto uno sviluppo che fa passare relativamente in secondo piano questi accadimenti; ma prima di andare alla cronaca vera e propria, devo tuttavia scusarmi con il Vescovo: Eminenza, purtroppo nessuno si è drogato, nessuno ha incitato alla violenza, nessuno si è ubriacato, e soprattutto niente lauti guadagni. Mi spiace, la prossima volta cercheremo di accontentarla (non prima però di averle fatto notare che proprio in questi giorni di droga si parla ad esempio nella Milano bene, e non tra questi sporchi metallari), per ora passo alla cronaca.

Le cose sono apparse nella loro triste realtà già dal nostro arrivo sul piazzale del parcheggio posto a fianco dello stadio di Alcamo, teatro di questo primo e quasi certamente ultimo Sikelian Hell Fest. Dato un rapido sguardo alla gente che si aggira davanti al botteghino e considerato che l'accesso all'interno della struttura non era ancora iniziato, è stato possibile fare un rapido e preciso calcolo dei presenti a circa tre quarti d'ora dall'inizio delle ostilità: circa 80 persone, contate una ad una dal sottoscritto. Veramente incredibile, ma il peggio doveva ancora venire.
Espletate le formalità per gli accrediti del sottoscritto e dei due fotografi che mi accompagnavano entriamo, ciò non prima di aver superato lo sbarramento del più pedante ed indisponente rappresentante della storia della SIAE, palesemente reduce dal superamento di un corso I.A.M., ("Insopportabilismo Applicato al Metal"), superato certamente a pieni voti, il quale ha controllato nell'ordine: il mio tesserino, l'esistenza della testata, degli accrediti per me e per i fotografi, dei biglietti che lo attestavano, dell'autorizzazione ad avere accesso al backstage, delle funzionalità del mio registratore e perfino il tappo della bottiglia dell'acqua minerale, il tutto mostrando la tipica gentilezza di un buttafuori mentre ti scaraventa fuori da un locale dopo avere bevuto le riserve etiliche della provincia.

Una volta dentro l'impatto con il Festival è per alcuni versi soprendente. Sarà perchè qui si fanno solo cose in piccolo (se si fanno), ma la vista di uno stage degno di manifestazioni di livello europeo che potete osservare nella foto allegata all'articolo è un piccolo -piacevolissimo- shock: l'attrezzatura a disposizione è palesemente di alto rango, lo spazio tantissimo, il fondo del terreno è un prato e non la solita terra battuta che mi attendevo: sembra tutto veramente a posto. Una volta entrati nel backstage mi trovo davanti ancora una volta a grandi spazi, e nella zona per i musicisti ricavata negli spogliatoi dello stadio e nello spiazzo antistante a questi sono montati alcuni tendoni con tavoli e panche per il relax. C'è tutto quello che serve ed anche di più.
L'atmosfera è tesa, l'organizzatore -per usare un eufemismo- è giustamente molto deluso. Ci ha messo impegno e soprattutto tanti soldi, ed una volta contate le presenze definitive l'amaro totale è di 100 paganti circa per un incasso che credo non copra nemmeno le spese di elettricità, ma anche di questo e delle dichiarazioni dei musicisti leggerete in separata sede.

Le ostilità vengono aperte dai Siracusani Dark Opera, gruppo black sinfonico dal discreto impatto con l'ingrato compito di scaldare un pubblico che, come avete visto, pur assiepato sotto il palco riesce a malapena a riempire due file, e dietro il vuoto di un campo di calcio. La band suona con impegno, ma alcuni problemi sul secondo microfono del cantante e (anche questo è stato notato dalla gente, anche se non è certo fondamentale) un'attitudine visuale poco in linea con la musica, ne hanno limitato la resa. A conti fatti comunque la loro è stata un prova abbastanza positiva.
A seguire i Traumagain, semplicemente devastanti, ciò a causa di una esperienza live che ormai è notevole e ben veicolata in particolare dalla presenza sia fisica che scenica del frontman Buzz. Il loro set è stato massiccio e potente, ottendo un discreto riscontro con i primi accenni di pogo sotto il palco.
Spazio quindi ai Der Geist, già recensiti sulle nostre pagine qui ed autori di un Death dal discreto impatto, anche questo salutato con favore dalla gente.
E' l'ora dei Palermitani Terrorage. Un set quadratissimo il loro, fatto di un hardcore/death monolitico ed ossessivo, funestato in parte da problemi ad una chitarra che forse hanno generato un po' di nervosismo sullo stage e che hanno in parte limitato la loro prestazione. I ragazzi ci hanno comunque dato dentro con passione e non si sono vergognati di interrompere un pezzo venuto male per rifarlo da capo.
Cambio di registro musicale con i Waiting For Better Days. I Baresi hanno proposto il loro muscolare e fisico screamo/Metalcore, forse fuori contesto rispetto alla piega generale della serata, con incitamenti al pubblico nel frattempo sedutosi a guardare, ma hanno fatto il loro con convinzione ed anche con discreta tecnica. Poco accorto un fotografo -e non era il solo- che continuava a passeggiare per il palco come fosse nel salotto di casa sua senza curarsi della presenza della band e che ha rischiato di far cadere rovinosamente il cantante dei WFBT.

Gli Urto si presentano on stage con grande convinzione e forti di una certa popolarità tra il pubblico. Il loro thrash è interessante, tecnico ed intricato anche se di stampo chiaramente anthraxiano, e proprio questo genera un appunto da parte mia per ciò che riguarda le parti cantate. Quando si tratta di acuti singoli il cantante Alessandro Olivo è sufficientemente performante, ma quando si tratta di articolarne alcuni in sequenza tende ad urlarli anzichè cantarli, e questo si nota all'interno di un impianto musicale che mostra chiaramente di essere votato ad un certo tecnicismo. Sono particolari, ma se si vuole puntare in alto bisogna limarli.

A questo punto il Sikelian Hell Fest avrebbe dovuto salutare la salita sul palco degli attesissimi Necrodeath. Il gruppo avrebbe certamente richiamato più gente dei miseri 100 intervenuti, ma l'ignorante interferenza in rosso vestita lo ha impedito. Anche di questo riparleremo altrove.
Eliminati i pericolosissimi Necrodeath con conseguente salvezza eterna delle anime dei presenti, è stato il turno dei The Ocean, la band dal sound più "fuori linea" della serata. Il collettivo nato a Berlino si muove tra ambient ed hardcore con elementi prog, la loro esibizione si è svolta però durante la mia intervista agli Extrema, ho fatto quindi in tempo ad ascoltare metà del penultimo pezzo e l'ultimo. Sembrano interessanti, ma in queste condizioni non posso che sospendere il mio giudizio per mancanza di elementi.
Siamo alla fine, tocca agli attesi Extrema. Sul perchè questi ragazzi meritino rispetto voglio sentirvi nei commenti all'intervista che uscirà a giorni, sull'esibizione al Sikelian posso solo dire: OTTIMA. Solo un centinaio di presenze davanti a loro (qualcuno addirittura aveva già guadaganto l'uscita data l'ora tarda), ma gruppo che ha dato il massimo, con il batterista Paolo Crimi potentissimo, il nuovo bassista Gabri Giovanna già ben inserito ed il duo Perotti/Massara trascinante come sempre.
Un set micidiale e violento (oddio, non vorrei dare un assist al Vescovo, diciamo "deciso"), condito da esortazioni ad essere presenti dove serve, a pogare, a resistere, con apprezzamenti all'operato del Prelato, critiche agli assenti, ringraziamenti ai presenti, richiami alla fierezza, e soprattutto tanta buona e ben suonata musica tratta da una set-list che ha proposto pezzi vecchi e nuovi ben mischiati, e che potete leggere in fondo al report. Che altro chiedere loro? Niente, c'è solo da rispettarli e pogare, pogare e rispettarli.
La serata termina con abbracci, birra, e la promessa di rivedersi presto.



Potrei chiudere qui, ma una cosa voglio aggiungerla. Ero convinto di dover focalizzare le mie critiche sulla Chiesa (e le ho fatte), sulla politica, sull'ignoranza, e, per carità, tutto quello che è avvenuto è effettivamente scandaloso ed innegabilmente ha arrecato danno alla manifestazione, con un gruppo di potenziali spettatori che sarà rimasto a casa a causa di queste interferenze indebite. Il fatto che il Comune abbia restituito l'agibilità dello stadio solo a ridosso della data prevista ha certamente fatto si che molti non sapessero del suo effettivo svolgimento, anche se al giorno d'oggi basta connettersi ad un sito informato come il nostro -ma non solo- per essere sempre aggiornati in pochi secondi. L'organizzatore avrà probabilmente esagerato nel mettere in piedi una manifestazione troppo faraonica per il posto ed il bill può essere criticabile come tutti i bill (potremmo passare giorni a discutere sul perchè un certo gruppo era presente ed un altro non è stato interpellato), con gruppi che possono o non possono interessare una certa fetta di pubblico. Tutte queste cose sono vere, lo ammetto, ma trovarsi di fronte a 100 persone presenti no, questo è inammissibile. E per spiegarlo non c'entra più la Chiesa, il Comune, l'Organizzazione, no. Il problema sono i Siciliani, e basta.
Si, perchè tolti quelli spiazzati dalle vicende di cui sopra, tolti quelli che non possono permettersi di spostarsi e di pagare 20 euro di biglietto (e ce ne sono molti, credetemi, ma ci sono anche molti "metallari", che metto volutamente tra virgolette, che non partecipano agli eventi ma spendono 20 euro in birra in un pub dove suona il gruppo cover di...), tolti quelli che non lo sapevano, tolti tutti, ma dove erano gli altri? Dove? Si, perchè se consideriamo che ogni gruppo avrà portato un minimo di amici al seguito, il numero dei presenti in quanto spettatori "semplici" si riduce al massimo a 50/60 unità, e questo non ha giustificazione alcuna.
Bè, ve lo dico io dove erano: a casa!! A casa a lamentarsi che in Sicilia siamo nel terzo mondo, che non succede niente, che non c'è niente, che non si muove nulla, che non c'è cultura metal, che non c'è lavoro (verissimo, purtroppo), e via discorrendo, per poi lasciare rigorosamente agli altri il compito di muoversi quando qualcuno cerca di smentirli.
Ebbene, questa gente può stare tranquilla, anche stavolta ha vinto, il Sikelian è stato un fallimento di pubblico e di conseguenza economico, pertanto molto difficilmente lo rivedremo, e costoro avranno ancora modo di ripetere le loro inutili litanie senza agire mai. Complimenti. Io però continuerò a sostenere queste ed altre realtà locali ogni volta che posso, magari ottenendo un passaggio per partecipare (grazie Carmelo), e rientrando a casa alle sei del mattino, e con me forse ci saranno sempre e solo un centinaio di fessi, ma per favore, non lamentiamoci più. Silenzio, per favore.

Foto: Carmelo Currò
Silvana Scaduto


SETLIST EXTREMA
Intro Everlasting
Anymore
Selfishness
Fall Down
Generation
Six six six is like sex sex sex
Money talks
Second coming
Displaced
This Toy
Ace of spades



AndrosTRMD
Sabato 7 Agosto 2010, 14.05.18
95
Sinceramente sono pienamente d'accordo con l'analisi fatta da Raven. Parlo da Alcamese e da squattrinato: è stata la cosa più vergognosa mai vista. Sono stato tempestato da telefonate di Palermitani, Alcamese, Castellammaresi e chi più ne ha più ne metta e ricevevo sempre la stessa domanda: "ma allora si fa?". Mi sono messo in contatto con un'organizzatore tramite mail per avere i dettagli, ho avvisato almeno 200 persone in una settimana e, non avendo i soldi per entrare, ho seguito il concerto dal parcheggio dello stadio per tutti e tre i giorni. Sinceramente non mi vergogno di dirlo, perché è la verità. Purtroppo na sorella che si sposa vuol dire anche rinunciare ad un evento (il primo di una certa serietà) sotto casa tua, ma una considerazione ancora è da fare: se ti iscrivi al gruppo di Facebook "vogliamo il Sikelian" allora vacci a sto cazzo di Sikelian!!! Sono stato tre sere parcheggiato a vedere il nulla!!! E poi riempiono la bacheca di "io ascolto Lamb Of God", ma stuppami li c#@@hiun@!!! Purtroppo devo convenire che la falsità Siciliana (che c'è e la noto da tempo) unita ad una speranza di troppo da parte degli organizzatori ha creato il gran disastro. Però una cosa è certa: con più di mille firme in petizione (di cui almeno 800 siciliane) nessuno si sarebbe tirato indietro a montare un palco così, e nessuno si sarebbe aspettato un tale schifo. La cosa che mi fa ancora più rabbia è che il teatro di uno scempio tale sia stato Alcamo, la stessa Alcamo che con orrore (da parte mia) supporta sempre gli stessi idioti mandati da Maria De Filippi. Anzi mi sento in dovere di chiedere scusa agli organizzatori per non aver dato il mio sano contributo a questo festival...stare in quel parcheggio mi faceva stare uno schifo ma, sinceramente, non potevo rinunciare a sentire quella musica, non potevo rinunciare a scoprire altra musica...la musica...l'UNICA VERA SANA DROGA DI UNA MANIFESTAZIONE DEL GENERE.
Raven
Mercoledì 4 Agosto 2010, 21.49.48
94
Non devi affatto scusarti Andrea, anzi, ad avercene di lettori come te. Per la cronaca oggi stavo ascoltando un programnma su radio rai 2 alle 19,30 che stigmatizzava il fatto che gli U2 chiedevano 340 euro (ripeto: 340 euro) per un posto sottoplaco nel loro tour attuale e citava testualmente : "allora i fans dei Maiden devono essere più che soddisfatti dei 70 euro che costa il biglietto".
Renaz
Mercoledì 4 Agosto 2010, 19.57.50
93
Un gran bel intervento Andrea, complimenti.
andrea
Mercoledì 4 Agosto 2010, 19.12.00
92
(continua) un po' meglio invece di spacciare per "true underground metal" lo schifo che trapela dal tuo garage, e senza lamentarti del fatto che lì dentro è relegato. ho reso l'idea? ho preferito esporre la mia opinione così, piuttosto che inventandomi spiegazioni per questo o per quello. ecco, questo è quello che penso in generale della questione. commentando più nello specifico questo sikelian invece (e stringo, non vi preoccupate), confesso che mi sono chiesto se le reazioni non siano state esagerate. come ha detto un mio amico, come mai non sono stati presi provvedimenti quando si sono accorti che le prevendite erano così basse? credo si sarebbe riusciti a spostare tutto in tempo in una location più piccola e meno costosa, sinceramente mi sembra un po' eccessivo puntare così in alto alla prima edizione di un festival a carattere tutto sommato local-nazionale (sapendo inoltre che in italia il metal non va per la maggiore e ancor meno al sud). anzi, io c'avrei pensato direttamente prima. altra cosa notata sempre dal mio amico, le transenne così lontane dal palco in stile megafestival, il che fa davvero pensare che gli organizzatori, con tutto (giuro, tutto) il rispetto parlando forse avrebbero dovuto ridimensionare le aspettative e di qui i metodi lavorativi. vengo agli ultimi due punti. è vero che se ci si sbatte per organizzare una cosa di solito ignorata in un posto allora ci si aspetta un'ingente partecipazione, è vero ma altrettanto lo è che uno non può andare a un festival metal solo "perché c'è" ed è un metallaro anche se in realtà non gliene importa nulla; bisogna inoltre considerare che essendo la sicilia un'isola non è così semplice arrivarci da lontano, come invece si può fare per il resto d'italia. poi può pure essere che, e non è né triste né una considerazione negativa, in sicilia ci siano molti meno metallari che altrove. tolti quindi tutti quelli che rientrano in tutte le categorie esposte finora, non ne restano molti. e infine: i gruppi. allora ragazzi, la reazione mi sembra sproporzionata per gruppi che tutto sommato sono iper sconosciuti. scusate eh, l'1 giugno ho visto i mayhem qui a gorizia al pieffe che per quanto adori quel locale, cazzo! è grande all'incirca come la mia cantina! sinceramente dopo tutte le premesse che ho fatto, come si può pensare che due soli gruppi medio-grossi possano giustificare una simile location e non solo quella, tutta la baracca?!? sinceramente io son stato a concerti di gruppi ben più "importanti" con la metà delle persone che si vedono in questi video! non dico che vada bene, no. augurerei mille persone almeno a tutti quanti ma ragionevolmente, dopo tutte le mie considerazioni (mie, non pretendo certo di insegnare nulla a nessuno), fossi negli organizzatori riconsidererei un po' le posizioni. [chiedo davvero scusa per la lunghezza]
andrea
Mercoledì 4 Agosto 2010, 19.07.05
91
ero indeciso se commentare o meno fino all'ultimo. ne ho discusso con un paio di amici che mi hanno illustrato la loro opinione e devo dire che se all'inizio la pensavo incondizionatamente come chi scrive il report (e in parte la penso ancora così, è la mia opinione da sempre su questioni simili che, per favore lo diciamo una volta per tutte? non riguardano il solo sud italia e nemmeno la sola italia: quante volte leggo interviste a tedeschi, finlandesi, americani, ecc. che si lamentano di come da loro il metal sia poco supportato, del fatto che non ci siano posti per suonare e così via. insomma dai, come per tutte le cose c'è bene e male ovunque) ora ho acquisito nuove prospettive. badate bene, ho letto tutti i commenti quindi non c'è bisogno di bestemmiarmi i parenti fino ai trisavoli se ripeto qualcosa, è solo per completezza. e premetto che tralascerò ogni commento relativo alla questione chiesa. dunque, io sono d'accordissimo con la maggior parte di voi e con gli organizzatori, dato che sono il primo a notare un certo assenteismo della maggior parte dei metallari (soprattutto di certe frangie e mi riferisco a quelle più estreme, a dispetto di ciò che si potrebbe pensare) ai concerti nella mia zona - il ridente estremo nord-est, provincia di gorizia, ma ovviamente mi riferisco a tutto il friuli basso che bazzico - nonché ovviamente una storica, abissale ignoranza parzialmente compensata vuoi da corni di thor o da corsetti in pelle o sfide a chi ascolta la roba più estrema - dove la concretizzazione dell'estremo è ovviamente data dal look/artwork/immagine delle band e dalle vocals. aaah, cazzo, finalmente l'ho detto, e davanti all'italia intera! insomma, nell'era di internet dove trovi online anche informazioni sul tuo stesso buco del culo la maggior parte dei metallari, più giovani e non (io 26 anni per dovere di cronaca), conoscono assai poco della musica che dicono di amare. naturalmente non mi permetto di fare i conti in tasca a nessuno parlando di acquisti di cd o biglietti di concerti, infatti non intendo toccare questo punto. però è vero che, tralasciando le differenze di genere (non mi aspetto certo che il mio amico thrasher conosca gli as divine grace o la mia amica folkster i metalucifer), alla maggior parte della gente non interessa scoprire cose nuove, approfondire ciò che già piace, andare alla ricerca di gruppi che non esistono più, scovare le rarità, ecc. tutto quello insomma che, credo fino alla mia generazione, riempiva nottate e nottate, soprattutto agli albori della conoscenza musicale. ma voglio dire, anche nel pop, quanta gente va oltre le 4 cagate che conoscono tutti? c'è del pop d'autore in giro che fa paura ma pure quegli artisti là lavano i cessi, che pensiamo?!?ci tengo a precisare che sto riportando esperienze realmente vissute innumerevoli volte, non le solite "situazioni fatte" tanto per darmi un tono. è così, speriamo cambi ma intanto prendiamone atto. tutto 'sto ambaradan perché, se non si capisce, lo ritengo sicuramente alla base del problema, se di problema si può parlare.e sicuramente anche questa formazione culturale - che io personalmente ritengo valevole per tutte le forme d'arte, basta pensare al classico stereotipo che purtroppo è realtà, di fermare uno/a per strada e chiedergli/le, che ne so, cosa pensi di caravaggio?-che schifo gli insetti!... - si può inserire nel circolo vizioso dei locali che chiamano solo cover band, sempre degli stessi gruppi poi, perché poracci han bisogno di mangiare pure loro ma così i gruppetti "veri" non hanno spazio ma del resto se nessuna va a vederli sì ma se nessuno li chiama ma se ma se ma se... insomma, ci siam capiti. poi per carità, nessuno è tenuto a sapere niente, sia chiaro: semplicemente, non venirmi a dire eh, io ascolto metal da tanto, yeah, horns up! porcoddio! andiamo a bere yeahyeah! e poi se ti chiedo che gruppi ti piacciono mi dici i litfiba, i maiden, i children of bodom, i darkthrone. mh, ok, questi sono i tuoi preferiti e poi? ah, boh. ... insomma, detesto fare il professorino ma è OVVIO che uno così (scusatemi se sembro offensivo, non è voluto) non andrà mai a un sikelian hell fest, visto tra l'altro la non smisurata lunghezza del braccino medio italiano, che vuole il concerto semigratuito, di grupponi però, possibilmente sotto casa. è vero, critico da anni il gods per una questione di rapporto qualità (non dei concerti ma organizzativa)-prezzo totalmente deficitaria secondo me ma non riesco a capire quelli che criticano i maiden o i manowar per i prezzi dei loro concerti quando sanno benissimo che assisteranno a un vero e proprio show, costoso sotto molti punti quindi, assolutamente professionale inoltre. voglio dire, magari compri 5 cd all'anno e rompi le balle per 70 euro di un concerto che sai benissimo essere "acrobatico e pirotecnico", e quindi esigente in termini di location, luci, suoni, coreografie, ecc.? e restatene a casa cristo! così magari ti alleni a suonare un po' meg
totih
Mercoledì 4 Agosto 2010, 17.36.45
90
tanto per smetterla di lamentarmi anche del fatto ke eravamo pochi, io mi sono divertito, è stato un bel festival, ottimi gruppi..ottima organizzazione..se potessi gli darei io i soldi per rifarlo!!!
Filippo Festuccia
Martedì 3 Agosto 2010, 18.50.22
89
Sì, ma non si può dire che sarebbe andato male a prescindere, perché denota una mancanza di "forza combattiva". Non esiste una "fisica che governa i festival metal", esiste gente che si sbatte senza risultati e gente che fa i soldi per l'ignoranza dei kids.
Pandemonium
Martedì 3 Agosto 2010, 17.38.05
88
Ok Anthony. Comunque guarda che ciò che dice Weeder è compatibile con la "nostra" tesi sull'ignoranza dilagante: entrambi denunciamo uno stato di degrado culturale.
Anthony
Martedì 3 Agosto 2010, 16.59.28
87
Pandemonium, non hai capito ciò che intendevo dire... La prima parte del mio messaggio era fortemente ironica e del tutto consequenziale rispetto agli interventi di alcuni utenti (Weeder e Nightblast, per esempio) che io non condivido. Fra l'altro io stesso ho parlato della questione "pubblico" in un mio precedente intervento (43) e della chisura mentale del "metallaro" medio (75).
Pandemonium
Martedì 3 Agosto 2010, 16.34.18
86
Piano, Anthony qui la colpa principale rimane l'ignoranza del pubblico, non degli organizzatori che tra l'altro (come si può leggere nell'intervista) mi sembrano tutt'altro che sprovveduti. Se puntare in alto e cambiare la realtà del proprio paese è una colpa, allora son colpevoli, ma solo di aver perseguito una nobile causa. Non confondiamo le cose: di base c'è la mancanza di un pubblico degno di questo nome.
Anthony
Martedì 3 Agosto 2010, 16.21.12
85
Ci è voluto un pò di tempo ma alla fine ci si è arrivati: la colpa è degli organizzatori!!! Tesi interessante e , in parte, anche condivisibile ma che non basta da sola a coprire o a rendere meno evidenti certe lacune che sono proprie della comunità metal. Continuo a dire che si tratta, secondo me, anche e soprattutto di un problema di cultura musicale che in Italia (e forse anche altrove) manca; la location o il bill non possono essere gli unici elementi su cui soffermarsi per valutare l'insucesso di questo evento...
Pandemonium
Martedì 3 Agosto 2010, 16.03.19
84
Chiedo scusa a Weeder per aver frainteso il suo pensiero. L'amara realtà di cui parla è la stessa immondizia che denunciavo io. Certo che in mezzo ai molti commenti qualunquisti che si leggono in questa pagina non è difficile travisare il senso di certe frasi.
Nightblast
Martedì 3 Agosto 2010, 15.36.33
83
Purtroppo devo dire che weeder ha ragione...La sua è ahimè una tesi esatta, e la confermano anni ed anni di manifestazioni mezze fallite. Un bill dedito per il buon 80% alla scena estrema, con le solite facce a scambiarsi i ruoli all'interno dei vari gruppi...Se da un lato condanniamo chi se n'è sbattuto le palle preferendo restare a casa a fare il saputello, dall'altro, bisogna pure dire che l'organizzazione ha fatto delle scelte poco oculate...
weeder
Martedì 3 Agosto 2010, 14.20.59
82
per festuccia: forza combattiva? ma di cosa blateri? lo capisci il nostro idioma? il mio discorso è che le cose stanno così, la fisica che governa i festival metal è questa, che ti piaccia o no. p.s. non ho detto che organizzo festival, ho detto che sono del giro
UnderCover
Martedì 3 Agosto 2010, 12.14.07
81
Sono uno degli assenti a quelle date, purtroppo ero fuori per motivi personali in quel periodo e amici che si sono esibiti in quel festival ne erano a conoscenza. Speravo le cose potessero andare diversamente, sono tre lustri che vedo concerti nella nostra terra e non è mai cambiato nulla, alla Tresa, come a Marko e agli altri voglio ricordare che nelle serate del Krossower e dello stesso Bier Garten ci furono buchi colossali. Se pensate che per i Katatonia non ci furono 400 paganti e per la coppia Enthroned/Sinister (non parliamo di pinco pallino a caso) si era poco più di 100 la cosa deve far riflettere. Personalmente ho visto i Napalm e i Necrodeath non so quante volte, se i primi sono fondamentali per il Bill i secondi assolutamente no dato che le altre loro discese hanno registrato presenza da cover band in un qualsiasi pub, contando che la cover band è avvantaggiata perché la gente va per mangiare e non per loro. Il problema è sempre lo stesso oltre la non voglia di spendere quei 20 euro e l'ignoranza anche musicale che attanaglia i metallari siculi (non tutti sia chiaro ma le nuove leve soprattutto) che inneggiano a chiunque e hanno basi fondate sul nulla, questi ne sono i risultati. Andiamo con ordine dagli Iron Maiden dei primi novanta in quel di Acireale, passando poi per vari mini festival non più ripetuti, i Death SS a Modica, Krossower, Easy Rider, Bier Garten e adesso il Sikelian (spero che almeno il festival ad Avola in spiaggia sia ancora attivo) quanti ne dovranno saltare per renderci conto che la Sicilia in quest'ambito è una terra di capre?
Filippo Festuccia
Martedì 3 Agosto 2010, 10.55.35
80
@weeder: beh, sì, quante volte ho visto i Napalm Death fare flop...se hai tutta sta forza combattiva, come giustamente dice Pandemonium, beh dal giro dei festival ci puoi anche uscire, scusami. se per fare un "bel" festival bisogna chiamare una band di moda, ci teniamo i Killswitch Engage headliner al GoM perché tanto vendono...ma mi sa che la qualità conta un pochino, e da fuori abbiamo tutto il diritto di incazzarci con chi non ha mosso il culo per promuovere il metal siciliano.
weeder
Martedì 3 Agosto 2010, 10.01.21
79
per pandemonium: vedi di calmarti. la mia tesi è semplice e autoevidente: QUESTO BILL IN QUESTO POSTO CON QUESTE CONDIZIONI ERA UN FLOP ANNUNCIATO. non ho altro da dire, spero i fest si facciano con più criterio e che la gente partecipi di più. Ma la prima condizione è che vengano fatti, appunto, con criterio, spirito critico e assoluto realismo. firmato uno che è nel giro dei festival da 15 anni
Raven
Lunedì 2 Agosto 2010, 15.23.10
78
Precisazione opportuna
Mario DG
Lunedì 2 Agosto 2010, 15.16.22
77
Ciao a tutti, sono Mario dei DER GEIST, visto che accanto al mio nome ho aggiunto DG tengo a precisare a tutti gli utenti che colui che si firma FrancescoGabriel DG non fa parte della nostra band. Ciao. Mario
Raven
Sabato 31 Luglio 2010, 17.55.31
76
Straquoto!!!! Anche alcuni musicisti in privato mi hanno parlato del loro ulteriore disappunto per questo aspetto della questione.
Anthony
Sabato 31 Luglio 2010, 17.53.38
75
Comunque devo dire che Pandemonium ha toccato un tema, a mio avviso, molto importante e cioè quello della chiusura mentale che contraddistingue il "metallaro" medio. Inoltre, se si leggono con attenzione alcuni dei commenti inseriti in questa pagina, si possono capire tante cose...
Khaine
Sabato 31 Luglio 2010, 14.23.47
74
Il pecorino lo voglio anch'io. E pure la pecorina (capisc'ammè)
Nightblast
Sabato 31 Luglio 2010, 14.06.16
73
@Raven...Grazie per la puntualizzazione...la leggerò di sicuro. Ma qualsiasi cosa possa io leggere non toglierà l'amaro di aver visto fiori di band escluse...Non è che sono prevenuto, ma si parla tanto di supporto e poi si chiamano band composte dai solito 4 elementi, nonchè band da fuori regione...Ah, dato che sei un esperto...Mi servirebbero 4 caciotte caserecce, ed un paio di forme di pecorino...Ti pccupi anche di vendita al dettaglio?
Filippo Festuccia
Sabato 31 Luglio 2010, 12.04.57
72
Che leggerò con sommo gusto.
Raven
Sabato 31 Luglio 2010, 11.47.45
71
Infatti ne abbiamo discusso in sede di intervista
Filippo Festuccia
Sabato 31 Luglio 2010, 11.40.53
70
@Raven: te no di sicuro, sei un cafone campagnolo del 1800 dedito alla pastorizia, no? questa ti tormenterà per il resto dei tuoi giorni e comunque sono un po' troppo intelligenti, come testi. condannarli presupponeva lettura e comprensione, ed è chiedere troppo.
Raven
Sabato 31 Luglio 2010, 11.31.34
69
La sapete un'altra cosa carina? I Necrodeath non hanno suonato perchè anticristiani, ma qualcuno ha letto i testi dei The Ocean?
Khaine
Sabato 31 Luglio 2010, 8.51.56
68
C'è da dire, però, che la Lombardia è diversa, Adimiron... tutte le volte che veno a concerti (anche minori) in Lombardia vedo gente, e non necessariamente metallari. Rispetto al Veneto siete tanto più vicini a questo genere di approccio!
Adimiron
Sabato 31 Luglio 2010, 2.00.04
67
non succede ovunque in Italia, ho partecipato da staff al maximum rock festival a trecate (novara) e con i napalm death la domenica (lunedì si lavora) abbiamo raggiunto e superato le 500 persone. io penso ci sia stato un bel boicottaggio della chiesa in questo caso, probabilmente fossi stato un organizzatore "pagante" avrei fatto diversamente. mi spiace per la sicilia e tutto il sud in generale, siamo con voi.
Renaz
Venerdì 30 Luglio 2010, 22.03.34
66
Beh, "buono" a sapersi... cmq mi fa piacere che ci leggi da laggiù!
lontano
Venerdì 30 Luglio 2010, 21.55.14
65
"Succede ovunque in Italia" leggo, bé io abito 50 Km a nord di Parigi e succede anche qui. L'anno scorso andai a Parigi per vedere un festival gothic (Elis, Stream of Passio, Sirenia, Atrocity, Leaves' Eyes) e credo che in tutto forse c'erano 100 persone, di cui 30/40 stazionate al bar in fondo alla sala e disinteressate al concerto... lo stesso festival s'è tenuto in Lussemburgo e Olanda in palasport da 10/15000 posti -pieni-. Durante l'act degli Atrocity, Alexander disse pure qualcosa in merito, non ricordo le parole esatte, ma era tipo un "fuck, is that a cellar we are palying in?" Che dire, 1500 Km abbondanti ci separano, ma la merda è la stessa purtroppo...
Renaz
Venerdì 30 Luglio 2010, 21.24.51
64
Concordo con Lyonhard e Pandemonium: tutti bravi a parlare, offendere e proporre, e quando è ora di agire se ne stanno rintanati. Succede ovunque in Italia, sia chiaro.
Mika
Venerdì 30 Luglio 2010, 21.16.08
63
Raven: se la metti così, ti do ragione, si è persa senza dubbio una bella opportunità.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 21.00.18
62
Khaine: non preoccuparti, per me è finita qui, ma tanto dovevo. Mika: quello che dici ha un senso ed è più che rispettabile, ma qui c'era da puntare su un discorso sul lungo periodo che ora non è più possibile. Er Trucido: si, sono deluso e molto, anche se non conoscevo gli organizzatori fino a quella sera, ma mi sembra una grande occasione persa.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 20.56.40
61
Hai problemi con L'italiano vero? Ho scritto che non posso dire nulla su di loro perchè non ho visto il concerto, e questo è un live report, sulla loro attività posso dirti molte cose, compreso il fatto che ho trascorso mezz'ora a bere con loro, cosa che dubito tu possa avere fatto, e più ancora dubito che loro te lo avrebbero permesso. Ma già, per uno che non conosce l'italiano non si può pretendere che capisca il significato di live report.
Khaine
Venerdì 30 Luglio 2010, 20.55.49
60
Chiedo cortesemente a tutti i leggenti di non rispondere alle provocazioni di FrancescoGabriel DG, grazie.
FrancescoGabriel DG
Venerdì 30 Luglio 2010, 20.28.19
59
FRANCESCO GALLINA se non conosci i The Ocean sei un CAFONE campagnolo del 1800 dedito alla pastorizia... la musica lasciala agli altri... mi fa piacere che ti mandino a questi festival di MERDA a sentire gli EXTREMA, come se fossero un gruppo vero....
Mika
Venerdì 30 Luglio 2010, 19.57.09
58
Scusatemi , ho letto tutti gli interventi senza mai prendere parola, ma adesso voglio dire anche io qualcosa. Sono siciliano, di Ragusa per l' esattezza, e quando ero più giovane facevo di tutto se per me ne valeva la pena. E quindi andavo a Biella in treno a vedere i cannibal e dormivo per terra, a milano a vedere i cradle, a roma a vedere slayer e sepultura, ma anche al festival jazz di roccella jonica, e l' elenco pur non troppo lungo potrebbe continuare. Quello che sembra stia emergendo dalla discussione, magari è solo una mia impressione sbagliata, è che siccome in sicilia non si fanno concerti, se se ne fa uno dobbiamo tutti andarci, altrimenti non dobbiamo più lamentarci. Io onestamente per nessun motivo al mondo mi sarei messo in macchina in estate per andare in uno stadio a vedere dei gruppi, benchè validi, di cui non mi interessa granchè. Non sono mai andato neanche a Scordia e mi sono pure perso i suffocation (che adoro) l' anno scorso credo.. E allora? sono uno stronzo per questo? Ma perchè se uno è metallaro ed è pure siciliano deve per forza andare a vedersi dei concerti se fatti in sicilia? E poi il discorso sul supportare l' underground ci può stare sino ad un certo punto. A me può non andare per i più variati motivi di farmi 3 ore all' andata più 3 ore al ritorno per andare ad ascoltare (pagando) gruppi semi sconosciuti o sconosciuti (rispettabilissimi per carità) che magari suonano anche generi che non gradisco o fanno musica discutibile. Poi ognuno fa ciò che vuole, ma non mi sembra giusto il discorso che il metallaro siciliano deve andare ad ogni concerto fatto in sicilia. Bisogna rispettare il lavoro degli altri (e mi dispiace che il festival non sia riuscito) ma anche il libero arbitrio, non credete? peace...
Pandemonium
Venerdì 30 Luglio 2010, 18.46.59
57
Vero che preso alla lettera il pensiero di Weeder è compatibile al mio Prof, ma il senso della sua frase (sopratutto l'incipit "beh beh..") mi sembra evidente. Comunque concordo sul problema fondamentale della carenza dei cosiddetti elementi "sistemici" del mercato musicale (soprattutto i mass media e l'interesse culturale dato che gli investimenti ci sono, ma falliscono) che dovrebbero essere nelle mani di chi di cultura ne ha (e non solo nel metal, ovviamente, ma in generale).
Er Trucido
Venerdì 30 Luglio 2010, 18.08.01
56
Un vero peccato...Scusate ma io non capisco le critiche al bill: trovo alquanto improbabile che solo 100 persone possano aver trovato interessanti Extrema e The Ocean...non so i giorni successivi come sia andata, però se queste erano le premesse...Che forse si sia fatto il passo più lungo della gamba ci può stare, ma teniamo conto della fame di concerti che dovrebbe esserci giù. Solidarietà agli organizzatori per aver tentato qualcosa e a Raven che con il suo lavoro ha cercato di tenere informati tutti (anche i siciliani) sugli sviluppi della situazione. immagino che tra i più delusi ci sia lui
Il professor Morte
Venerdì 30 Luglio 2010, 17.51.43
55
Anche io sottoscrivo Pandemonium, sebbene, per quanto io abbia inteso, il suo pensiero non mi sembra incompatibile con quello di Weeder, che limitandosi a dire "flop annunciato" non si è spinto però ad affermare che, per tale motivo, tanto vale non fare nulla; e non mi è sembrato perciò disfattista, ma realista. Inoltre, per come conosco io il mercato musicale, la componente "litigiosa" degli ascoltatori italiani (tra di loro) esiste, ma è molto meno determinante di altre componenti più "sistemiche" (investimenti economici, presenza nei media, interesse culturale). Rilevare il comportamento scadente del pubblico ha le sue giustificazioni, ma sostengo che il modo migliore per raddrizzare questi debosciati non siano gli anatemi, ma la conquista dei mezzi di dominio culturale per mezzo di lacrime, sangue e polvere da sparo. Saluti.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 17.40.18
54
Non tanto Vicè, un'oretta scritta di getto
mohikano
Venerdì 30 Luglio 2010, 17.34.22
53
Complimenti veramente per l'articolo raven, sara' stato un lavoro estenuante... straquoto pienamente pandemonium nel commento 40, ha espresso pienamente quello che pensavo.
Pandemonium
Venerdì 30 Luglio 2010, 17.05.27
52
Scusate, ma non riesco a non incazzarmi. Weeder che cazzo vuol dire il tuo commento?(n.46) Cioè, Raven e altri denunciano il fancazzismo e l'ignoranza degli italiani e tu la usi come motivo per confermare la stessa? allora è inutile parlare di qualsiasi cosa! A che serve l'antimafia se tutti sono mafiosi? Il tuo commento è comparabile a questa domanda oscenamente retorica. Qui si sta dicendo che si vogliono cambiare le cose e che chi tenta di migliorare una situazione di degrado culturale se la prende irrimediabilmente nel culo proprio a causa del degrado culturale, è vero, ma ti sembra normale? Non esiste una reazione? Non ha senso spronare una massa di ignoranti a farsi una cultura? Non ha senso dunque fare QUALSIASI cosa? Io non lo so... siamo al disfattismo totale con questa vuota retorica. La situazione è disarmante.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 16.55.15
51
The Diver: é una scusante, ma non giustifica le sole 100 presenze. Nightblast: circa le scelte fatte leggi l'iontervista che esce il 3. Dormiente: gli Extrema ti risponderanno nell'intervista che uscirà a giorni.
The Diver
Venerdì 30 Luglio 2010, 16.18.34
50
Peccato davvero....a mio avviso però, al di là tutte le giustissime osservazioni che sono state fatte, mi pare evidente che c'è stato qualcosa che non ha funzionato, perchè 100 persone le mettono insieme anche gruppi meno importanti di quelli che erano previsti nel bill...(persino in Sicilia): tra l'altro ricordo di aver visto proprio i Napalm Death un paio d'anni fa a Palermo e già il locale credo fosse più pieno. Io credo che abbia influito molto tutta questa incertezza...prima il cambio di location da Castellana Sicula, scelta che poteva essere più logica perchè più facilmente raggiungibile da tutta la Sicilia....poi soprattutto il fatto che si facesse o meno, ormai si dava per scontato che non si facesse perchè era stata data la notizia che era stato annullato. Solo 2 giorni prima mi pare che è stato riconfermato. Io stesso ad esempio ho avuto grossi problemi ad organizzarmi perchè non potevo decidere così all'improvviso di perdere 3 giorni di lavoro e così tanti altri avevano pure i loro cazzi da sistemare. Sarei potuto andare per un giorno soltanto, ad es. il sabato, ma farsi quasi 300 km di macchina solo andata non è mica roba da poco (per i Caliban tra l'altro...), e poi le cose si sono messe in maniera tale che cmq non ho potuto...Insomma, tutta questa incertezza secondo me è stata decisiva
il leccesethrasher90
Venerdì 30 Luglio 2010, 16.03.29
49
@raven per favore togli quel video della gente sula transenna..è tristissimo!sempra il publico di una recita scolastica(a parte per quello che fa headbanging XD)
Nightblast
Venerdì 30 Luglio 2010, 15.39.09
48
Peccato per l'assenteismo...Però vorrei precisare che se gli organizzatori avessero tenuto conto che la Sicilia è grande è che i gruppi sno un pò ovunque, forse le cose sarebbero state diverse...Sapete quante band valide sono state ignorate? Band con diversi album alle spalle...Quanti gruppi di Palermo hanno preso parte all'esibizione? Tanti... Le province di Agrigento, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta, Catania, sono stae praticamente ignorate...Penso che sarebbero accorse molte più persone se la scelta fosse stata fatta più ragionata.
Dormiente
Venerdì 30 Luglio 2010, 15.29.30
47
Ma di cosa vi meravigliate? In tutta Italia è così ho visto suonare i Setherial al nord davanti a 30 persone. Certo il Bill non era eccelso a mio modo di vedere, Raven parla degli Extrema come band nota, è vero è nota, ma grazie ai loro agganci suonano ovunque un giorno si e un giorno pure, tipo Pino Scotto, quindi hanno anche abbondantemente rotto le scatole, lo stesso dicasi per i Napalm Death stanno sempre in Italia. Poi per il resto erano tutte per lo più band Siciliane, qulacuno ha detto che avrebbe riscosso più successo in un piccolo club e qui sono d'accordo. Comunque mettetevi in testa che i "metallari" italiani ignorano cosa sia l'underground e si muovono solo per gruppi tipo Iron Maiden, Metallica ecc...
weeder
Venerdì 30 Luglio 2010, 15.02.07
46
bebe allora stiamo in pratica dicendo al stessa cosa: visto che il problema è l'italiano come dite voi, mi dite per quale motivo questo non doveva essere un flop annunciato?
il leccesethrasher90
Venerdì 30 Luglio 2010, 14.40.09
45
ragazzi io sono salentino..dalle mie parti non c'è mai niente ma sapete che vi dico?fanno bene a non organizzare niente perche semplicemente la gente ha il culo di piombo e non gli va di muoversi..io per andare a barletta a vedere gli extrema un mese fa mi sono fatto un viaggio faticosissimo ma ne è valsa la pena perchè i ragazzi meritano..tutto sto casino con la chiesa e gli headliner suonano davanti a 100 persone?ma per favore..
Filippo Festuccia
Venerdì 30 Luglio 2010, 13.59.47
44
@Raven: infatti ho letto i commenti sul tuo facebook
Anthony
Venerdì 30 Luglio 2010, 13.58.35
43
Dispiace che le cose siano andate in questo modo… peccato veramente! Ad ogni modo, è difficile poter fare delle valutazioni che siano esaustive o capire il perché di un simile insuccesso. Io credo che siano stati più fattori/elementi a determinare questa situazione. Innanzitutto, l’incertezza sul reale, effettivo svolgimento dell’evento: il fatto che a pochi giorni dall’inizio del festival si parlasse di annullamento non è stata certo una cosa positiva, anzi credo che abbia in qualche modo influito sulle scelte di qualche spettatore di recarsi o meno al concerto. Riguardo al bill si potrebbero dire tante cose… io, per esempio, sono rimasto positivamente colpito dal tabellone dell’evento nonostante fossero presenti band che si potevano benissimo evitare. Puntare su dei veterani della scena come i Necrodeath o sui maestri Napalm Death è stata una scelta che non credo possa essere, in alcun modo, criticata; a ciò bisogna aggiungere la presenza di una delle realtà musicali più interessanti degli ultimi anni, i The Ocean…!! Ciò che ho trovato, invece, parecchio discutibile è stato l’affidare ai Caliban un ruolo di primo piano all’interno della terza serata… Ad ogni modo, ritengo che il quadro generale dell’evento fosse abbastanza stimolante per un appassionato del genere (lo erano sicuramente le prime due serate). Io credo che si tratti con ogni probabilità di un problema legato ai gusti e alle abitudini del pubblico, nel senso che ritengo che quest’ultimo sia legato più che altro ai grossi nomi di qualsivoglia genere ed abbia scarsa dimestichezza con altre realtà considerate impropriamente underground… Penso che quella del metal considerato come un genere di nicchia sia una bella favola che ci si racconta tra amici per autocompiacersi ma che alla fine non corrisponde assolutamente alla realtà…
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 13.55.18
42
Esatto, e sento già molti in privato che dicono "ma non conoscevo nessun gruppo...". Leggete l'intervento di Pandemonium e riflettete.
Filippo Festuccia
Venerdì 30 Luglio 2010, 13.40.50
41
Aggiungo al grande intervento di Pandemonium che c'erano anche ottime band non estreme nelle altre giornate...cazzo, c'erano gli Eldritch, che all'estero fanno molta più gente da soli!
Pandemonium
Venerdì 30 Luglio 2010, 13.33.56
40
Raven e Mario DG hanno detto tutto: il problema dell'Italia intera (nord o sud fa poca differenza) sono gli italiani, non i festival. Se si continua con le solite lagne sul bill, sulla location, sull'underground etc. si stanno solo campando in aria scuse indecorose ed imbarazzanti. Qui il problema è culturale: nessuno si muove per supportare una scena, per scoprire gruppi nuovi (perchè fa comodo stare a casa ad ascoltarsi quelli vecchi), per conoscere coetanei con la propria stessa passione per la musica, per aggregarsi e formare una buona volta una scena italiana. Sento parlare della Germania e mi vien da ridere... in Germania si può trovare l'intera cittadinanza di un paesino ospitante un festival sotto il palco, e perchè? Perchè non hanno paraocchi culturali, perchè non gliene importa di chi suona, o del genere proposto: la gente sa che se partecipa principalmente aiuta il proprio paese economicamente, secondariamente conosce nuove realtà che prima ignorava senza dover spostarsi dal luogo in cui è nata. E invece noi italiani ci muoviamo sempre in massa per pochi eletti, "noi metallari" vogliamo essere anticonformisti e poi se non ci sono Iron, Slayer o Metallica ce ne stiamo a casa pretendendo l'apertura mentale degli "altri" che non accettano il metal, quando siamo "noi" i primi a mandare a puttane tutto dividendoci, contrastandoci... La cultura musicale se la si costruisce con gli anni passati ad andare a concerti, ascoltando anche e soprattutto l’inaudito, ciò che si ignora, non con quelli spesi davanti ad un monitor stilando la propria classifica del cuore, preparandosi playlist come dj… siamo tutti bravi ad apprezzare ciò che ci piace, ma la fatica di conoscere l’altro da sé rimane una virtù di pochi. Chiudo ringraziando Raven per l’articolo e gli organizzatori per l’idea, il concetto che hanno portato avanti facendo le cose come si deve, per aver puntato in alto, per aver tentato di cambiare questo paese di ignoranti, fallendo nobilmente.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.46.32
39
Quoto Mario DG
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.45.26
38
Si, la locatione era troppo faraonica, non ci piove, ma siamo sempre lì...100 persone......troppo poche. Ciao Teresa
Mario DG
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.44.39
37
E' bello vedere come tutti abbiano la soluzione a tutto. D'altronde ognuno di noi ha le proprie idee( e come si dice in Sicilia ogni testa è tribunale). Dire che c'erano solo band underground è sbagliato perchè c'erano band con esperienza pluridecennale, band da buona parte d'Europa e che anche se non sono il gruppo più famoso della terra o il proprio preferito valeva comunque la pena di vedere (dei The Ocean personalmente conoscevo a malapena 3 pezzi, sono rimasto sorpreso, sconvolto dalla loro esibizione, migliore a mio avviso di gruppi storici come Iron Maiden e Metallica). C'erano tante band locali è vero, forse un pò troppe, ma l'idea era fantastica, si è data l'oppurtunità a tanti musicisti di poter calcare un palco del genere, e per alcuni si è trattato quasi della realizzazione di un sogno. In ogni caso se le band si possono vedere al pubino aggratìs, se piacciono, andavano anch'esse sostenute in un momento così importante. Capisco inoltre che il bill non entusiasmava in toto tutti i metallari siculi , ma non esiste in nessuna parte del mondo un festival dove piacciono il 100% delle band. Quello che voglio dirvi è che a dover essere sostenuta in primis era l'idea. L'idea di un grande evento al sud, l'idea di uscire fuori da tutta l'ignoranza che ci circonda, l'idea di aggregazione in un luogo per ascoltare musica e tutto quello che ne consegue in un festival che così si possa realmente chiamare. Alla fine tante belle parole, solo quelle,
Michele
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.39.29
36
Comunque una cosa è certa : gli organizzatori hanno dato fiducia ai Siciliani,e sono stati "pugnalati alle spalle",se permettete. Dite addio per sempre a manifestazioni di questo tipo,io dubito che qualcuno proverà mai a riproporre un evento di questo tipo. Però,lasciatemelo dire,forse gli organizzatori si sono lasciati un pò prendere la mano : insomma,le band,si,sono ottime,ma non così famose per riempire uno stadio...insomma,al Nord i Napalm Death mi pare suonino pure nei Locali,o no?
teresa
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.36.20
35
Abbiamo sempre trattato le societa' settentrionali,come fredde ed impersonali,poco attente a tutto cio' che gli succede intorno.Ma almeno loro con zero gradi si precipitano in piazze e parchi per sostenere musica ed iniziative di controcultura.Noi del settentrione siamo spocchiosi e saccenti predicatori che razzolano male.Ho visto una petizione di 4000 mila firme,tutto un ribbollire di solidarieta' e quant'altro che e' evaporato al momento di agire.Cerco di mettermi nei panni dell'organizatore,che fra l'altro non e' nemmeno un'amante del genere,sento la sua rabbia e il suo senso di impotenza...E' BRUTTO LAVORARE UN ANNO ,cercare di dare il massimo e non essere apprezzati.E' COME DARE PERLE AI PORCI,volevo inoltre dire che si parla solo di napalm deth quando ci sono stati gruppi molto piu' innovativi e tecnicamente piu' preparati,e' che se non scendono i maiden NON USCIAMO DA CASA!!!!
Lyonhard
Venerdì 30 Luglio 2010, 12.07.49
34
Stessa cosa successa al metal brigade fest a Pavia, la dimostrazione che un pò in tutta Italia i "metallari" son buoni a lamentarsi che non ci sono mai concerti, salvo poi non supportare mai chi si fa il culo a tarallo per organizzare qualcosa. Tristezza...
NeuRath
Venerdì 30 Luglio 2010, 11.22.27
33
In effetti l'80% del bill però erano band locali, più che underground... roba che si vede aggratis nei pub di provincia (ma ripeto di non conoscere la situazione siciliana)... difficile riempirci uno stadio... però mi sarei aspettato più affluenza alla sera... i Napalm Death 20 euro li valevano di certo anche da soli...
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 11.08.35
32
Che si sia puntato troppo in alto è probabilmente vero, ma ripeto, 100 persone è cmq qualcosa di inverosimile.
TRESA
Venerdì 30 Luglio 2010, 11.01.20
31
in ogni caso non mi succederà mai più di guardare i napalm detah dalla prima fila e pogare come una pazza! quindi: GRAZIE IGNORANZA SICILIANA!
weeder
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.51.02
30
era lecito attendersi di piu? neanhe per sogno, io non avrei scomemsso 100 lire sulla riuscita di questo fest con questo bill in questa location. E spiegami perchè mettere questi gruppi UNDERGROUND in uno stadio. Folle.
weeder
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.48.18
29
inoltre, scusate, quelli che parlano di nomi come BLIND GUARDIAN - EXODUS - AMORPHIS non snno veramente di cosa stiano vaneggiando. Ma sapete quanto costa pèortare questa gente per una data secca in un'isola? Ma seiete mai stati vagamente partecipi della musica come musicisti o promoter? lasctae stare ragazzi, le misure del mercato sono queste..tanto x capirsi ricordo uno shammerfest a castelvolturno con ben altri nomi come anathema, vader, destruction che fece pochissima gente comunque...ripeto, il mercato è questo.
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.46.54
28
Non sono d'accordo. Non dico che i Necrodeath avrebbero salvato la situazione, ma qualcuno in più sarebbe venuto. Con un bill del genere forse si riempie un club nel Nord Italia, ma qui dove non c'è mai niente era lecito attendersi di più, e poi...in ogni caso 100 persone riempiono qualsiasi pub il sabato sera, non esiste che per un festival si facciano gli stessi numeri.
TRESA
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.45.50
27
grandissimo francesco, penso che adesso non ci sia più nulla da aggiungere
weeder
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.43.15
26
non vorrei deludere il recensore ma se ci fossero stati i necrodeath ci sarebbero state esattamente le stesse persone. mi viene da pensare all'inesperienza degli organizzatori, perchè èevidente che un bill così in sicilia non farà mai piu di 150 persone. Questi bill si fanno nei club non negli stadi.
Simone
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.27.33
25
Il festival doveva essere solo di 1 giorno come ha detto Claus ( commento 7 ) e apprifittare dei CD o DVD in uscita o usciti gia' da qualche mese di queste band IMMORTAL -DVD BLIND GUARDIAN - CD EXODUS - CD AMORPHIS - CD + DVD RHAPSODY OF FIRE - CD NEVERMORE - CD LABYRINTH - CD + 3 BAND LOCALI, CHE CE NE SONO UN BEL PO' CON DISCHI UFFICIALI E LIVE ALL'ESTERO...
Marko
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.25.58
24
Ragazzi,ci tenevo a precisare solo una cosa,sicuramente è stato il primo evento così grosso in sicilia,ma non dimentichiamo che in passato ci son passate band come Suffocation,Dark Funeral,Brutal Thruth,Impaled Nazarene e molte altre,e all'epoca la risposta del pubblico ci fu.In questo caso invece balzava addirittura la notizia che i Napalm Death non ci sarebbero stati,deduco quindi che ci sia stato tra le varie cose una sorta di boicottaggio da parte di qualcuno,non è sicuramente la motivazione reale del flop ma ci tenevo ad aggiungere anche questo particolare,in questi casi tutto fa brodo ed anche questi individui ci hanno messo il loro carico alimentando determinate voci
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.22.19
23
Bolzanino? ^_^
Giusepope Sbriglio
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.19.10
22
Mi chiangi u cori...
AngelSlayer
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.14.29
21
@Raven: Io non sto scusando proprio nessuno prima di tutto, è risaputo che questa è la realtà dei concerti in Italia. Gli Extrema sono comunque underground nonostante una maggiore notorietà in Italia rispetto ad altri. E' con i Napalm che questo discorso non si può fare, qui è giustissimo dare tutta la colpa alla gente che non è accorsa a un evento simile.
NeuRath
Venerdì 30 Luglio 2010, 10.01.30
20
Premetto che sono di Lecco, e avendo Milano a pochi chilometri sono abituato ad essere ben servito, per cui non riesco a mettermi nei panni dei siciliani, e insultare gente a caso sarebbe facile ma illogico. Detto questo, forse gli organizzatori hanno sbagliato ad organizzare le cose così in grande basandosi solo sulla speranza, ma di certo un flop del genere mi giunge inatteso. Va bene che i Necrodeath avrebbero portato più gente, ma quello che dice Raven sui Napalm Death (commento 19) è inattaccabile. Forse però, col senno di poi, sarebbe stato meglio darla vinta al vescovo: gli organizzatori non sarebbero finiti in mezzo ai debiti (o avrebbero avuto un buon caro espiatorio) e i siciliani avrebero potuto continuare a lamentarsi senza spostare le chiappe dalla sedia. Detto questo, i flop clamorosi ed inattesi capitano anche al nord...
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.39.22
19
Ciao Marko, prima o poi riusciremo a beccarci . No AngelSlayer, passi per The Ocean, ma gli Extrema sono noti, e poi i Napalm il giorno dopo? No, niente scuse.
AngelSlayer
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.34.16
18
@Raven: Come evento si, ma a livello di gruppi non ce n'era uno veramente famoso ( e, non per questo, qualitativamente basso ). In quanti pensi conoscessero i The Ocean o gli Extrema in Sicilia? Non credo fossero molti purtroppo vista l'affluenza.
Marko
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.29.02
17
ottimo lavoro come sempre Raven,un abbraccio e speriamo di rivederci presto
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.23.46
16
AngelSlayer: Ma questo ERA un evento importante.
AngelSlayer
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.13.12
15
Era prevedibile che andasse a finire cosi purtroppo.. La gente non si muove se non c'è un gruppo veramente importante, è sempre cosi... Vergognoso, poveri organizzatori che hanno dato tutto per il festival e si son ritrovati con una grossa delusione dopo..
Alex Ve
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.11.22
14
Purtroppo quanto raccontato da Raven non è l'eccezione ma la regola. Al contrario quando c'è il gruppo di fama -e di fame- mondiale ecco tutti pronti a comprare biglietti dai prezzi ESORBITANTI, salvo poi lamentarsi -a giorni alterni- dell'assenza di supporto alle band underground. Tutto ciò in piena sintonia con l'andamento dell'economia: chi è già ricco lo è ogni giorno di più, chi invece è povero è destinato a scomparire -nell'indifferenza.
Mario DG
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.10.34
13
Ciao Raven, come ti avevo detto la mia era soltanto una precisazione. Alla prossima, sperando che ce ne sia un'altra, visti i numeri del Sikelian. Buona giornata. Mario. P.S. Aspetto la pubblicazione delle interviste. Ciao
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 9.03.55
12
Caro Mario, ti devo delle scuse. Ho riletto adesso il pezzo ed effettivamente c'è un errore. Ero straconvinto di aver scritto Death e non Black, e si che non era la prima volta che lo rileggevo. Troppo lavoro......
Mario DG
Venerdì 30 Luglio 2010, 8.50.33
11
Caro Raven le mie non sono lamentele ma semplicemente delle dovute,a parer mio, precisazioni, A dire il vero appare ancora abbastanza strano che tu non le capisca. Non voglio suscitare polemica alcuna, ma nel report non c'è scritto DEATH ("etichetta" che ci va più che bene) ma BLACK (un genere che noi non facciamo). Quello che più mi fa sorridere è che a prendere fischi per fiaschi sia uno che dovrebbe essere esperto del settore e a cui non "cala" la definizione di Rave da parte di un Vescovo che il metal proprio non sa cosa sia. In ogni caso qui nel report c'è scritto BLACK ma in fin dei conti non ha importaza... Detto ciò ripeto, non voglio alzare un inutile polverone, e lascio comunque, per la seconda volta, il beneficio del dubbio che si sia trattato di un errore di battitura. Buon Lavoro. Cordialmente. Mario
hm is the law
Venerdì 30 Luglio 2010, 8.32.56
10
Senza parole punto. In questi casi il silenzio è opportuno
Raven
Venerdì 30 Luglio 2010, 8.25.16
9
Per Elluis: Anche peggio. Per Mario DG: è curioso che abbiate accettato la definizione Death nella recensione e non qui, ma sai cos'è più singolare? Che essendo io indeciso se applicare l'etichetta Death alla vostra musica mi sono rivolto al vostro myspace, dove ho trovato nella vostra bio le seguenti parole: "Il nucleo primigenio dei DER GEIST si forma nella calde estate sicula del 2006 quando Luca Lepre, Gabriele Schimmenti e Tommaso Carollo decidono di proseguire la loro avventura musicale insieme, iniziata un anno prima in un precedente progetto metal-core. In questo periodo i tre sentono l’esigenza di ampliare il proprio orizzonte stilistico e di abbracciare nuove sonorità, in seguito a ciò, la decisione di proporre un death metal dal carattere molto personale." Appaiono quindi decisamente strane le tue lamentele.
Claus
Venerdì 30 Luglio 2010, 8.11.37
8
Scusate per gli errori di battitura, ho scritto velocemente dall'ufficio..se il capo mi beccava erano cazzi... scusate ancora..
Claus
Venerdì 30 Luglio 2010, 8.03.08
7
Ciao a tutti, sono siciliano precisamente di Palermo dovevo esserci almeno per un giorno al festival, ma per problemi di lutto ho dovuto rifiutare. Apparte questo mi dispiace tanto per gli organizzatori che si sono indebitati per organizzare un festival del genere, palco, service, ecc.. fatto bene sicuramente meglio di altri festival che si fanno in qui in questo paese..pero' l'unica cosa che voglio dire a loro è questa: parlo sempre di parare personale, 3 giorni sono stati troppi, festival come il WACKEN si puo' permettere di fare 3 giorni e stiamo parlando un festival di oltre 20 anni di esistenza, poi sempre in Germania ce ne sono altri esistenti sempre da molti anni, che durano 1 giorno al max 2, ma voglio precisare che in Germania hanno altra testa e non siamo in Italia.. Poi la scelta dei gruppi, bisognava equilibrare le scelte anche sul genere variare tra Heavy Metal , Thrash metal , Death & Black Metal, si doveva puntare sulle band del Nord Europa che come tutti sapete sono sotto contratto tra NUCLER BLAST, CENTURY MEDIA, METAL BLADE, ce ne volevano una per ogni nazione come SVEZIA, NORVEGIA & FINLANDIA...Quello che ho scritto sicuramente è sbagliato, ma come detto prima è un parere personale, spero che gli organizzatori se ne escano al piu presto da questo brutto momento, posso esserci vicino moralmente e gli faccio i miei complimenti per aver organizzato tutto questo..
Mario DG
Venerdì 30 Luglio 2010, 2.31.57
6
Caro Raven, sono Mario il cantante dei DER GEIST, innanzitutto volevo ringraziarti per l'intervista e per l'interesse riposto in questa manifestazione, ma devo un pò "bacchettarti" perchè con i der Geist non suoniamo per nulla black metal. Hai persino citato recensioni, che se non ho le traveggole proprio di black non parlano. Magari mentre stavamo suonando avevi altro da fare? (non ci troverei nulla di male), in ogni caso una sbirciatina in giro per internet l'avresti potuta dare, magari solo per azzeccare il genere. Aldilà di tutto rinnovo i miei ringraziamenti . A presto. Mario
Elluis
Venerdì 30 Luglio 2010, 1.20.17
5
Che immane tristezza: trovo agghiacciante l'affermazione di Raven quando dice "qualcuno aveva già guadagnato l'uscita data l'ora tarda".....Ma dove cazzo doveva andare sta gente, cos'è aveva un appuntamento con la fighetta, o forse aveva paura di perdere l'ultimo autobus..... per andarsene affanculo? Anche la storia della "gente spiazzata dalla vicenda" mi sembra una gran bufala: la gente semplicemente non aveva voglia di sbattersi e andare, punto e basta. Il prossimo anno magari invece che allo stadio, il festival si può fare lo stesso, in qualche locale della zona da 2-300 persone, anche andando verso Palermo, così gli organizzatori non perderanno così tanti soldi e magari si riesce a rifare. Un'ultima domanda mi sorge: negli altri due giorni è andata almeno un po meglio? Cioè nel complesso, in tre giorni, il festival quanto pubblico ha fatto?
Filippo Festuccia
Venerdì 30 Luglio 2010, 0.22.59
4
Raven ha perfettamente ragione, ora sono altri a doversi VERGOGNARE per questo fallimento.
Michele
Venerdì 30 Luglio 2010, 0.19.16
3
Ora come ora mi lamenterei. Dopo aver letto l'articolo non mi lamento più,però : io sono un semplice ragazzino di Taranto,che già è tanto se un giorno andrò al TMF a Bari,che pure quest'anno avrei voluto andarci ma non potrò. Certo è che se potessi,io un pensierino ad un festival come il Sikelian ce lo farei (giacchè l'unico festival di una certa importanza qui in Italia,ovvero il Gods of Metal,si è rovinato tremendamente,tanto che lo ho soprannominato Gods of Merdal,ma quest'è un altro discorso)
fabriziomagno
Venerdì 30 Luglio 2010, 0.14.05
2
"Quante volte abbiamo maledetto la nostra terra tagliata fuori da tutto e da tutti? "...ti capisco perfettamente...e ti do ragione... ma non hai idea di quello che farei per trasferirmi in Sicilia... cmq, nel frattempo, mi sto organizzando una 3 giorni verso Palermo appena riuscirò nuovamente a camminare
Khaine
Venerdì 30 Luglio 2010, 0.05.11
1
Posso dire una cosa? Pochi si, ma belli incazzati. A parte questo... vabbè, ogni commento è superfluo.
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina del Sikelian Hell Fest
ARTICOLI
03/08/2010
Intervista
SIKELIAN HELL FEST
La voce dell'organizzazione
29/07/2010
Live Report
SIKELIAN HELL FEST
22/07/2010, Day One
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]