Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/08/18
EXOCRINE
Molten Giant

17/08/18
DORO
Forever Warriors, Forever United

17/08/18
CARNATION
Chapel of Abhorrence

17/08/18
FEUERSCHWANZ
Methämmer

17/08/18
CEMETERY URN
Barbaric Retribution

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

CONCERTI

16/08/18
FRANTIC FEST (DAY 1)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
FRANTIC FEST (DAY 2)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

17/08/18
NEREIS + GUESTS
CASTALDI FESTIVAL - SEDICO (BL)

17/08/18
NECRODEATH + GUESTS
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

17/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 1)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

17/08/18
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

18/08/18
FRANTIC FEST (DAY 3)
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA (CH)

18/08/18
DESTRAGE + GUESTS
SUMMER CROCK FESTIVAL - BORGHETTO DI SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

18/08/18
HIRAX + GUESTS
MU CLUB - PARMA

18/08/18
RADUNOROCK FESTIVAL (day 2)
BAITA PENNA NERA - VALLE DI CEMBRA (TN)

HOLLYBLOOD - # 7 - Splice
15/08/2010 (2188 letture)
PREMESSA
Con Splice torna Vincenzo Natali, regista balzato agli onori delle cronache cinematografiche nel 1997 grazie a quel piccolo miracolo visivo titolato Cube – Il Cubo. Lontano dalle atmosfere cupe, plumbee e claustrofobiche degli esordi, il regista questa volta dimensiona la propria storia ad una realtà meno cruenta ma più realistica, spostando l’accento sull’horror fantastico a discapito del thriller cruento. L’autore, canadese ma di evidente origine italiana, avrebbe dovuto girare Splice immediatamente dopo la sua fortunata opera di debutto, ma l’elevato budget allora richiesto e il gran numero di effetti speciali non hanno permesso che si concretizzasse quel progetto. Natali però non si è perso d’animo, e a distanza di anni è riuscito a portare a termine l’idea originaria, forte di una produzione coi fiocchi e di un cast nutrito.

LA STORIA
Splice affronta il delicato tema dell’ingegneria genetica, discorso di estrema attualità rispetto al quale norme etico-sociali, spesso supportate da quelle giuridiche, non riescono a dare ordine, causa evoluzione continua e contrapposizione tra interessi contrastanti. I due protagonisti umani di questa vicenda sono Clive ed Elsa, coppia nella vita e nel lavoro, emergenti ma già balzati ai vertici della letteratura scientifica, tentano di andare oltre il proprio esperimento. Non si accontentano più di combinare il DNA di animali diversi ma provano un ulteriore amalgama, una formula che per dare risultati davvero rivoluzionari ha bisogno del DNA umano. In barba alle varie norme etiche, giuridiche, nonché eludendo le regole professionali, cominciano il loro cammino scientifico alla ricerca di qualcosa di indefinito. Il fine giustifica i mezzi, diceva colposamente qualcuno molti anni fa, e lo scopo che muove Clive ed Elisa è di tutto rispetto: scoprire la soluzione a gravi malattie che affliggono l’umanità. Spesso però, quel fine, cercato con ardore di scienza e studi cervellotici, può produrre conseguenze che esulano qualsiasi giustificazione. Oltre il confine c’è Dren, l’essere quasi umano e non animale che partorisce il laboratorio. Il curioso esperimento, dapprima simile ad un folletto, cresce a vista d’occhio, e dopo alcuni giorni raggiunge dimensioni quasi paragonabili a quelle di un adulto umano. I due scienziati, dapprima spiazzati ed impauriti dal loro “prodotto”, cominciano ad affezionarsi ed a studiarne il comportamento.
Dren è una femmina che dimostra di avere tutte le caratteristiche legate ai sensi umani. E’ sensibile, percepisce gli stati d’animo, li assorbe. E’ molto intelligente, impara in fretta, è guidata da qualità sovraumane di apprendimento. Nello stesso tempo è piccola di animo, ha un carattere fragile, molto simile a quello di un comune bambino. Elisa ne rimane colpita, al punto di affezionarsi a Dren come fosse una figlia e di viziarla con tanto di coccole, orsacchiotti pelosi e giocattoli. La situazione nel laboratorio dell’industria farmaceutica diventa però insostenibile, il rischio che qualcuno si accorga dell’esperimento è alto, quindi i due scienziati decidono di portare Dren nella casa di campagna di Elisa, per assicurarle un presente più sereno in vista di un futuro assolutamente ignoto. Mentre le ricerche della ditta farmaceutica proseguono, Dren comincia a dare ampie dimostrazioni di quanto sta apprendendo, e via via nel racconto, ci si renderà conto di come e quanto andare oltre le regole naturali della vita comporti rischi non calcolabili, fino ad un epilogo in crescendo che eleverà di molto il livello di tensione.

CONCLUSIONI
Non sarà eccelso come uno dei riferimenti del genere -La Mosca- ma Splice è un buon film, va detto francamente. Per chi scrive è il miglior horror di recente uscita (al confronto The Box e Coming Soon sono due fastidiose malattie veneree). Il racconto affronta in maniera inconsueta una tematica ampiamente dibattuta -quella degli esperimenti genetici. Gran parte della visione è incentrata sulla dinamica della coppia, Clive ed Elisa, sul loro rapportarsi a Dren, e sulle conseguenze che per primi pagheranno a causa del nuovo arrivato. Nell’evoluzione della narrazione risulta fondamentale la capacità del regista di umanizzare l’essere, fino a farlo diventare qualcosa di terreno, anche più degli stessi esseri umani. Quello che era all’inizio solo un esperimento, un animaletto dall’aspetto inquietante ma anche curioso (tipo l’on. Bondi, ma molto più grazioso), di giorno in giorno evolve in chimera, intelligente, sensibile e seducente come una donna, ma dalle tante altre caratteristiche, continuamente rivelate e sempre più sorprendenti. Ciò che però è congegnato senza rispetto per le basilari regole della natura, rivela le proprie incognite solo dopo il palesarsi delle proprie capacità, e non è detto che gli effetti possano sempre essere piacevoli. I due scienziati, assieme al protagonista da laboratorio, monopolizzano le scene per gran parte del film, e grazie alle buone doti di Adrien Brody e Sarah Polley, e soprattutto ad una sceneggiatura e ad un soggetto ben costruiti, favoriscono un collegamento crescente con lo spettatore, coadiuvati da effetti speciali perfetti. Di sicuro chi cerca una visione horror/splatter tipica si dovrà rivolgere ad altri titoli; Splice è di tutt’altra fattura e costruzione, dà più spazio ai contenuti interiori e narrativi che all’immediatezza di scene violente (lo spavento si manifesta raramente in chi osserva, salvo crescere nel finale). Il film però non annoia, anzi, col passare del tempo ci si affeziona alla chimera protagonista, così diversa ma così uguale a noi, così forte ma anche sensibile al richiamo della vita da sembrare più umana di chi la osserva.




Michele
Martedì 17 Agosto 2010, 15.32.47
15
Mannaggia lo stavo vedendo su Megavideo,poi è arrivata la fatal scritta "You've watched 75 minutes etc.etc." ahah Sembra un buon film.
Nyar
Lunedì 16 Agosto 2010, 20.57.30
14
io l'ho visto ed era un buon film prima della fine,poi quando Dren dice l'unica frase del film,fa cadere tutto!! è la cosa più ridicola che abbia mai udito!! da 7 è diventato un 2!! specie poi per come prosegue!
Alex Ve
Lunedì 16 Agosto 2010, 11.27.12
13
Masterburner: bravissimo, e del resto la scena conclusiva e lo stato in cui versa la donna (gravidanza) mostra come anche dopo tutto quel che è successo, lei metta sempre al primo posto un proprio, egoistico, desiderio.- Ixo: Certo, le metafore possono essere scovate in qualsiasi storia o in qualsiasi parte della stessa, poi al di là di queste se ti piace il modo con cui sono raccontate ti convince il film, altrimenti non c'è verso. Per te questo è accaduto con The Box, per me con Splice. In tutti i casi EVITATE coming soon....
ixo
Lunedì 16 Agosto 2010, 11.06.46
12
che poi queste grandi metafore che mi abbiano arricchito come persona non è che le abbia proprio viste. ovviamente anche guardando per terra due formiche che si dividono una briciola di pane ci posso vedere la metafora di come dovrebbe essere il mondo, ma insomma, se in questo film ci dovevano essere degli intenti per far riflettere, mi pare che abbia miseramente fallito. parere personale, nessuno si senta offeso!
ixo
Lunedì 16 Agosto 2010, 10.50.07
11
si alex sono daccordissimo, fa acqua anche the box, ci mancherebbe, non dico che sia un capolavoro. penso solo che, come dice anche s.v., almeno si vede lo sforzo di cercare di darci a bere qualcosa di nuovo, poi ovviamente come quasi sempre in questo genere di film la trama scade in maniera indecente più ci si avvicina a scoprire le carte. ma splice davvero è inguardabile, si trasforma in una favoletta ridicola.. mi è scaduto completamente ed ho capito l' andazzo del film quando ho visto la creatura ormai cresciuta a letto sorridente con la barbie, li ho capito che il film si era trasformato in Cenerentola, niente di più
Masterburner
Lunedì 16 Agosto 2010, 10.33.58
10
Visto ieri; mi è piaciuto. Oltre al tema della genetico il film è una grande e amara metafora dei rapporti famigliari tra padre/madre/figlio con complessi di edipo ed elettra a manetta! Inoltre molto misogino... le donne del film (la madre di Elsa, poi Elsa stessa e la capa del'azienda) creano mostri che finiscono per uccidere tutti gli uomini!! Questo ho trovato essere l'aspetto più interessante del film.
Alex Ve
Lunedì 16 Agosto 2010, 9.47.36
9
ixo: The Box, la storia: una donna (una Cameron Diaz prepotentemente invecchiata) è sposata ed ha un figlio con uno che sembra suo figlio. Si lamenta per gran parte del film delle scarse risorse economiche, quando il marito guida una Corvette (...una Corvette). Interviene l'uomo della scatola, che agisce per conto di presunti alieni che regolano il procedere dell'universo in base a regole etiche di sopravvivenza, da loro predisposte, e che possono decidere la distruzione dell'umanità per violazione di quelle stesse regole etiche. Saltando la qualità della recitazione che per me è imbarazzante (si salva solo il vecchio della scatola), la storia per me fa acqua da tutte le parti....quando poi si tenta con la narrazione di dare spiegazioni diventa tutto ridicolo. Opinione mia.
S.V.
Lunedì 16 Agosto 2010, 9.45.44
8
The Box ha molte pecche, ma ha dalla sua una fotografia che mi rimanda a qualcosa di Kubrick (occhio, non sto accostando minimamente il film ai capolavori del regista, sto facendo un altro discorso), e un incipit che non è proprio banale (l'apparente lentezza del film per me è cosa voluta e finalizzata a creare un alone morboso senza per forza infarcire di musiche ed effetti speciali. In definitiva, se devo essere onesto, erano due film (questo e The Box) dai quali mi attendevo tanto e che invece entrambi mi hanno deluso un po'. Ma mentre in The Box riscontro uno sforzo di creare qualcosa di non hollywoodiano ma malato (ricito vaghe reminiscenze Kubrickiane), in Splice ci vedo un tentativo non proprio riuscito di rievocare i fasti di Film come Alien, La Mosca, La cosa e compagnia, ma con una storia che dalla metà in poi comincia a far sorridere da quanto fa acqua. Alla fine però, come dici anche te, son gusti e in quanto tali vanno rispettati. E' solo la mia opinione mica la verità assoluta.
ixo
Lunedì 16 Agosto 2010, 9.38.53
7
io ho preferito di gran lunga The box, splice l' ho trovato scontatissimo, mi aspettavo almeno qualche geniale colpo di scena, invece è davvero noioso e prevedibile.
ixo
Lunedì 16 Agosto 2010, 9.38.52
6
io ho preferito di gran lunga The box, splice l' ho trovato scontatissimo, mi aspettavo almeno qualche geniale colpo di scena, invece è davvero noioso e prevedibile.
Alex Ve
Lunedì 16 Agosto 2010, 8.44.35
5
Absybthe6886: grazie - Abbondio: prova con Draquila, sicuramente è più interessante - Michele: no, non fa particolarmente paura, tranquillo - S.V.: premesso che ognuno ha i suoi gusti, The Box è per me uno dei film più stupidi, mal girati, mal recitati (Cameron Diaz è vergognosa in questo film perchè totalmente fuori parte) che abbia mai visto
S.V.
Lunedì 16 Agosto 2010, 8.33.10
4
Film visto al cinema. L'ho trovato per la prima metà buono e con del potenziale, ma nella seconda parte scade in una storia che arranca sugli specchi del grottesco e dell'assurdo ad ogni costo. Non un brutto film, ma anche The Box a mio avviso andrebbe un po' rivalutato soprattutto al cospetto di questo quasi filmetto.
Michele
Domenica 15 Agosto 2010, 21.10.59
3
Sembra un incrocio fra i film dei Vampiri ed Alien Mi ha incuriosito : ma fa terrore? A me i film che fanno terrore non piacciono
abbondio
Domenica 15 Agosto 2010, 14.36.23
2
io l'ho trovato invece una cavolata, detta francamente... ottima premessa e intenzione, ma evoluzione e sviluppo onestamente scontati e a tratti idioti...
Absynthe6886
Domenica 15 Agosto 2010, 13.10.52
1
AHAHAHAHAH Quella su Don AbBondio è davvero bella!!!! Film che mi ha parecchio incuriosito; e tale curiosità, devo dire, trova alimentazione nelle tue righe. Ottimo articolo!!!
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La locandina italiana di 'Splice'
ARTICOLI
28/07/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 20 - A Fool There Was (La Vampira) - Le radici del look Gotico moderno
03/06/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 19 - À L’Intérieur
08/05/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 18 - A Quiet Place
30/04/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 17 - It Follows
24/03/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 16 - La Cura del Benessere e Madre!
24/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 15 - It
14/01/2018
Articolo
HOLLYBLOOD
# 14 - The Witch - A New England Folktale
26/10/2017
Articolo
HOLLYBLOOD
# 13 - Un autunno di sangue
14/07/2016
Articolo
HOLLYBLOOD
# 12 - The Crow (Il Corvo)
28/09/2014
Articolo
HOLLYBLOOD
# 11 - Il ritorno della rubrica dell'orrore
19/04/2013
Articolo
HOLLYBLOOD
# 10 - Le Streghe di Salem - Anteprima
29/12/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 9 - Viaggio nelle pellicole horror degli ultimi 10 anni
11/09/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 8 - La Casa (The Evil Dead)
15/08/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 7 - Splice
16/07/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 6 - Benvenuti a Zombieland
16/06/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 5 - Saw VI
15/05/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 4 - Iron Man 2
16/04/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 3 - Gamer
21/03/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 2 - Legion
17/02/2010
Articolo
HOLLYBLOOD
# 1 - Paranormal Activity
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]