Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enslaved
Utgard
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
ONDSKAPT
Grimoire Ordo Devus

27/11/20
SCOUR
Black

27/11/20
EAST TEMPLE AVENUE
Both Sides of Midnight

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

27/11/20
CARNAGE ALPHA
From There to Oblivion

27/11/20
DIAMOND HEAD
Lightning to the Nations 2020

27/11/20
WITHIN THE RUINS
Black Heart

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

CONCERTI

26/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

PARENTAL ADVISORY: EXPLICIT LYRICS - La nascita, lo sviluppo e la fine
29/09/2010 (9061 letture)
Parental Advisory Explicit Lyrics.
Quante volte abbiamo visto questa scritta impressa sulla copertina di un cd? Oramai ci abbiamo fatto l'occhio e siamo abituati alla sua presenza, ma c'era un tempo in cui essa non esisteva. La sua comparsa è avvenuta durante un periodo di passione della nostra musica che, riscuotendo sempre maggiore successo, allarmò i cosiddetti difensori della morale i quali già in passato si erano schierati contro il rock. Ma prima di raccontare i fatti che portarono a questo cambiamento, è doveroso fare il punto della situazione politica e sociale degli Stati Uniti d'America in quel periodo. Gli anni settanta stavano terminando e si può dire che fu uno dei decenni più negativi per l'opinione pubblica statunitense: il fallimento in Vietnam, il tasso di disoccupazione in ascesa (così come l'inflazione), una serie di presidenze (Nixon, Ford e Carter) condite da scandali e polemiche. Proprio durante il mandato di Jimmy Carter ci fu il ritorno al gelo (dopo un primo momento di distensione) nei rapporti con l'Urss, causati dall'invasione in Afghanistan e che portarono al boicottaggio delle olimpiadi di Mosca del 1980. Infine la rivoluzione islamica del 1979 inasprì i rapporti con l'Iran e la cattura dei 52 ostaggi dell'ambasciata (con una serie di tentativi di liberazione falliti) furono i colpi più pesanti che Jimmy Carter dovette subire e che decretarono la sua sconfitta nelle elezioni del 1980 in favore di Ronald Reagan, il quale, una volta eletto, tirò su l'economia del paese (anche attraverso l'industria degli armamenti). È anche grazie a questo personaggio che comincerà una vera e propria caccia alle streghe contro le forme d'arte devianti, la quale colpirà anche - e soprattutto - l'heavy metal e l'hard rock, aiutato da alcuni fatti di cronaca (di cui parleremo in seguito), dai telepredicatori e da una teoria complottistica al limite della fantascienza.

La guerra fredda era ritornata in auge, i giornali tutti i giorni sciorinavano nei minimi dettagli gli effetti di un conflitto termo-nucleare, la messa in onda del film The Day After (avvenuta l'11 Novembre 1983) fece il record di ascolti, a sottolineare la preoccupazione dell'americano medio. E questo era solo l'antipasto della psicosi: il crescente potere mediatico dei telepredicatori influenzò il pensiero di coloro che erano abbastanza ignoranti e bigotti da credergli. Ma chi erano e cosa facevano costoro? Dire che erano i precursori di Wanna Marchi e del mago Do Nascimento è corretto; in pratica bastava fondare o entrare a fare parte di un'organizzazione pseudo-cristiana, riuscire ad avere uno spazio in una tv, lanciare anatemi a destra esinistra e chiedere offerte per continuare la propria missione di purificazione. Detta così sembra inverosimile, ma i radio-teleimbonitori Jimmy Swaggart, Tammy Faye, Jim Bakker, Bob Larson, Pat Robertson si arricchiranno (anche se poi alcuni di loro verranno travolti da scandali vari) e diventeranno personaggi di dominio pubblico. Ci sono anche loro tra i promulgatori della teoria accennata poco fa: in pratica viene millantata l'esistenza di una società segreta massonica-satanica-comunista che ha sede a Mosca e che il giorno dell'Armageddon (quasi sicuramente identificato con il conflitto nucleare, che sembra inevitabile) sarà a opposta ai giusti, ovverosia gli Stati Uniti. Non è un caso che l'allora presidente Reagan definisca l'unione Sovietica l'impero del male.
La principale accusa che verrà fatta all'heavy metal sarà l'essere complici di questa società e di minare l'integrità dei giovani americani. Saremmo nel campo delle accuse senza la minima prova, se in contemporanea non fossero avvenuti alcuni fatti di sangue che vennero usati per rafforzare la tesi della pericolosità dell'heavy metal.

Il 19 Maggio 1981 il diciassettene Michael Dempsey si suicida e i colpevoli vengono "individuati" negli AC/DC e nel gioco di ruolo Dungeons & Dragons, così un mese dopo i seguaci del reverendo Bob Jones organizzano a Salt Lake City un falò di copie di Back in Black e del gioco... sono l'unico a vederci una similitudine con il rogo di libri dei nazisti?
Ben più famoso è l'episodio avvenuto il 26 Ottobre del 1984: il diciannovenne John McCollum si spara un colpo di fucile in testa ascoltando il brano Suicide Solution, presente nel disco Blizzard Of Ozz. Ozzy Osbourne viene subito messo alla gogna mediatica e vengono eseguiti numerosi rilievi per verificare la presenza di messaggi nascosti. La famiglia del ragazzo fa causa sia all'artista che alla sua casa discografica (la Cbs), Ozzy spiega che il brano è su Bon Scott e che la soluzione è intesa come miscela. Il caso si risolverà un paio di anni più tardi con l'assoluzione, ma solo perchè (in base al primo emendamento della Costituzione) un artista non può essere perseguito per una propria opera. Tutto questo sarebbe ,però, ininfluente se non ci fosse qualcuno in grado di canalizzare questa lotta contro la musica... quel qualcuno rispondeva al nome di Mary Elizabeth "Tipper" Gore, moglie del senatore Al Gore. La cosa curiosa è che prese l'iniziativa dopo aver sentito un brano di Prince, prima di allora probabilmente non sapeva chi fossero i Venom o i Mercyful Fate. Assieme alle mogli di altri personaggi illustri il 12 dicembre 1984 diede vita al P.M.R.C. (Parents Music Resource Center); nel frattempo Ronald Reagan era stato rieletto presidente degli Stati Uniti ed in campagna elettorale (fiutando l'aria che tirava) aveva promesso battaglia contro le forme d'arte devianti. Una delle prime azioni fu stilare una lista di canzoni proibite, che secondo loro non avrebbero dovuto godere di alcun passaggio radiofonico (danneggiando così gli interessi economici delle case discografiche).
Ecco l'elenco, la cosiddetta Sporca Quindicina:

1 Prince - Darling Nikki
2 Sheena Easton - Sugar Walls
3 Judas Priest - Eat Me Alive
4 Vanity - Strap on Robbie Baby
5 Mötley Crüe - Bastard
6 AC/DC - Let Me Put My Love into You
7 Twisted Sister - We're Not Gonna Take It
8 Madonna - Dress You Up
9 W.A.S.P. - Animal (Fuck Like A Beast)
10 Def Leppard - High 'N' Dry (Saturday Night)
11 Mercyful Fate - Into the Coven
12 Black Sabbath - Trashed
13 Mary Jane Girls - In My House
14 Venom - Possessed
15 Cyndi Lauper - She Bop

L'heavy metal la fa chiaramente da padrone, in più altri fatti di cronaca contribuiscono ad attirare le ire di bigotti e benpensanti: ad inizio del 1985 due diciottenni in viaggio tra Corpus Christi e San Antonio danno un passaggio ad un autostoppista. I due, strafatti d'acido, hanno la brillante idea di rapinare il malcapitato, il quale tenta una fuga; a quel punto uno di loro estrae una pistola e, declamando il testo di No Remorse dei Metallica, spara all'uomo uccidendolo. Nel successivo processo verranno (giustamente) condannati all'ergastolo e, durante la pronuncia della sentenza, i versi della canzone verranno nuovamente declamati:

Guerra senza fine
Nessun rimorso, Nessun Rimpianto
Altro Giorno, Altra Morte
Altro Dolore,Altro respiro


Il P.M.R.C. riuscì ad ottenere un'audizione al senato per dibattere la proposta da loro avanzata di etichettare a propria discrezione i dischi ritenuti "pericolosi", con Frank Zappa, Dee Snider ed il cantautore country John Denver a difendere la libertà d'espressione della musica. La cosa curiosa è che alcuni senatori non conoscevano neanche l'argomento che si stava dibattendo: uno di loro chiamò i Twisted Sister "Mr Sister" e Madonna "My Donna"! Zappa fece un intervento di fuoco, in primo luogo citando libertà d'espressione dichiarata nel primo emendamento (ancora lui), poi entrò nel vivo della contesa censuratoria:

La proposta del P.M.R.C. è un nonsenso fallato all'origine che, a parte non apportare alcun beneficio ai ragazzi, lede le libertà civili dei cittadini adulti e promette di tenere, per gli anni a venire, occupati i tribunali cui sarà demandato il compito di avere a che fare con i problemi interpretativi e sanzionatori impliciti in questa proposta […] il P.M.R.C. si propone di eliminare la forfora tramite la decapitazione […] Nessuno obbliga la signora Gore a portarsi a casa i dischi di Prince o di Sheena Easton. Grazie alla Costituzione, sono libere di scegliere altri generi musicali per i loro figli […] In pratica le pretese della P.M.R.C. suonano come un manuale d'istruzioni per addomesticare ogni compositore e ogni cantante, usando a pretesto i testi di alcuni di essi. Signore, come vi permettete?

Entrando nel merito della figura dell'artista dichiarò:

Le valutazioni sui dischi vengono di solito equiparate a quelle dei film. A parte le altre differenze, se ne trascura una fondamentale: in un film gli attori sono ingaggiati per fingere. Non importa quanti giudizi negativi possa riscuotere il film, la cosa non tocca l'attore. Diverso è il discorso per i musicisti: molti di loro producono ed eseguono in proprio la musica che essi stessi scrivono, e la loro figura si identifica con la loro arte: stigmatizzare la loro musica significa anche (che lo si voglia o no) stigmatizzare la loro persona. Di questo passo, quanto ci vorrà prima che agli artisti venga imposto di indossare al braccio una fascia con il disclaimer della P.M.R.C. in caratteri rossi?.

Secondo ad intervenire fu John Denver: l'oggetto della discussione fu la censura radiofonica che subì la sua canzone Rocky Mountain High, che a detta di qualcuno presentava alcuni supposti riferimenti all'assunzione di droga ed alcool. Egli pose principalmente dei dubbi sull'interpretazione che qualsiasi organo pubblico potrebbe dare e soprattutto si dichiarò contrario a qualsiasi forma di valutazione preventiva sui contenuti. Infine venne il turno di Dee Snider: egli rispose a tono a tre accuse che il P.M.R.C. formulò a suo carico, secondo lui in modo diffamatorio. La prima riguardava il brano Under The Blade, ritenuto dalla signora Gore un elogio al sadomasochismo; Snider rispose spiegando che invece parlava della paura prima di un intervento chirugico. La seconda riguardava il video We're not gonna take it, a detta dell'accusatrice contenente della violenza nei confronti dei genitori; Snider disse che invece il riferimento era ai cartoni animati in cui il protagonista subisce di tutto e si rialza sempre in piedi. Quindi la terza accusa era riferita ad una maglietta vista dalla signora Gore, in cui compariva il logo della band e una ragazza ammanettata ed a gambe divaricate; il cantante disse che quelle magliette non erano state commercializzate o autorizzate dai Twisted Sister. Concluse l'intervento così, dimostrando comunque buon senso genitoriale:

C'è un punto dove sono d'accordo con il P.M.R.C., e come me probabilmente molti genitori, ed è che il mio compito di padre è quello di sorvegliare su cosa i miei figli guardano, ascoltano e leggono nella loro preadolescenza. Ma questa è una responsabilità che ricade unicamente sulle spalle mie e di mia moglie: nessuno, né il Governo né il P.M.R.C., è autorizzato o capace di giudicare in mia vece. I genitori possono anche esser grati al P.M.R.C. perché rammenta loro che la loro guida è insostituibile. Ma questo è il punto in cui il compito del P.M.R.C. finisce e oltre il quale non deve andare.

Durante l'audizione ci fu anche l'arresto del serial Killer Richard Ramirez, colpevole di almeno una dozzina di omicidi a sfondo sessuale: egli dichiarò che gli omicidi gli erano stati commissionati dal diavolo attraverso la canzone Nightprowler, presente sul disco Highway To Hell degli AC/DC... insomma pioveva sul bagnato, con altre accuse all'heavy metal. L'1 Novembre la montagna partorì il topolino: la RIAA (l'associazione statunitense dei produttori discografici) acconsentì ad apporre un'etichetta (poi ribattezzato Tipper Sticker) generica su alcuni titoli a sua discrezione. La signora Gore non era comunque contenta, dato che avrebbe preferito un'etichettatura specifica in base ai contenuti, un pò quello che viene fatto oggi con il codice PEGI dei videogiochi: V per violenza, S per sesso, O per occulto e D/A per droga ed alcool. Alcune band sfruttarono la censura per farsi il nome, puntando tutto sull'immagine trasgressiva per diventare un prodotto di culto; altre valutarono l'etichetta come infame opponendosi ad ogni forma di censura preventiva e dileggiarono la signora Gore ed il P.M.R.C. Alcuni esempi sono il testo di Hook in Mouth dei Megadeth (contenuta in So Far, So Good... So What!); Ode to Tipper Gore dei Warrant (contenuta nel disco Cherry Pie ed in cui vengono assemblati una serie d'insulti registrati durante i concerti); il brano Startin'up a posse degli Anthrax (contenuto in Attack of The killer B's); la copertina del disco The P.M.R.C. Can Suck On This dei NOFX, in cui vengono raffigurati una coppia di telepredicatori (Tammy Faye e Jim Bakker) intenti in pratiche sodomite; il titolo del disco di esordio dei Death, Scream Bloody Gore, potrebbe riservare una citazione a Tipper Gore. Purtroppo avere l'etichetta impressa sulla copertina non fu un buon affare in certi casi, dato che alcuni esercizi si rifiutarono di commercializzare tali prodotti; allora la RIAA fu costretta a distribuire versioni tagliate o con sovracopertine.

Il colpo di coda delle associazioni moraliste venne sferrato poco dopo ed ebbe molta rilevanza negli USA: il 23 Dicembre 1985 James Vance e Raymond Belknapp (due ragazzi rispettivamente di 20 e 18 anni abitanti a Reno nel Nevada) dopo aver passato un pomeriggio a bere birra, fumare marijuana ed ascoltare dischi dei Judas Priest decidono di spararsi a vicenda. Il primo muore sul colpo, mentre il secondo sopravviverà per altri tre anni con il volto spappolato; le dinamiche non verranno mai chiarite, ma per i genitori e per le suddette associazioni si tratta di un omicidio-suicidio indotto dai messaggi subliminali contenuti nei dischi dei Priest. Il caso finirà in tribunale, il 16 Luglio del 1987 ci sarà la prima audizione e l'accusa mossa alla band inglese ed alla sua casa discografica (di nuovo la Cbs) è tanto assurda quanto semplice: essere al servizio di una cospirazione satanista ed indurre i giovani americani al crimine ed al suicidio! Verranno mobilitati esperti di computer per analizzare i dischi del gruppo; in particolare l'attenzione verrà posta sull'album Stained Class e soprattutto sui brani Beyond The Realms Of Death e Better By You, Better Than Me (tra l'altro neanche scritta da loro). Il processo continuerà fino al 1990 con l'accusa impegnata a lanciare violente ma inconsistenti requisitorie; alla fine i Priest verranno assolti, ma solo in base al primo emendamento della costituzione (sempre lui)... sembra una vittoria, ma in realtà è quasi una sconfitta, dato che la teoria cospirazionistica non viene smentita.

Ecco, dunque, come sono andate le cose a grandi linee, vedendo come va il mondo al giorno d'oggi viene da chiedersi dove sia finito il P.M.R.C.... ebbene esso si è sciolto verso la fine degli anni novanta, dopo aver progressivamente cominciato a diradare le sue attività. Probabilmente finita l'epoca moralista non c'era più ragione di continuare. Visto con gli occhi di oggi il cambiamento non è stato così radicale, sicuramente perchè gli interessi delle case discografiche valevano più di quelli delle mogli annoiate di qualche politico ed è sicuramente per questo motivo che le ire dei benpensanti non sono state dirette verso l'industria delle armi. Quello che disse Dee Snider era fondamentalmente giusto, il P.M.R.C. doveva servire ai genitori per responsabilizzarli, ma non solo riguardare la sfera musicale. Quanti suicidi-omicidi sono avvenuti attraverso fucili o pistole? Non sarebbe stato giusto mettere in guardia le persone sul come tenere tali oggetti? O spiegare come parlare con i propri figli per capirli ed eventualmente aiutarli in caso di depressione? Era molto più facile (e soprattutto portava più consensi) ghettizzare i nemici della morale, non importa se poi in alcuni casi l'accusatore era più sporco dell'accusato.

Altre cose si potrebbero scrivere sulla vicenda, ma per chiudere il racconto forse è meglio scoprire che fine hanno fatto alcuni dei protagonisti:

JIMMY SWAGGART
è quello la cui storia è più divertente: tra i più assidui accusatori della musica rock (che definì nel 1986 la nuova pornografia), non risparmiò i suoi anatemi neanche per quella di matrice cristiana, pur avendo, a quanto pare, contribuito alla conversione dei fratelli Sweet, membri fondatori degli Stryper. Nel 1988 venne travolto da un primo scandalo, essendo stato visto in compagnia di una prostituta... con un'abile mossa ammise tutto e chiese scusa durante la sua trasmissione. Dopo un periodo di sospensione tornò alla sua attività, venendo in seguito spretato e decidendo di continuare da indipendente, salvo poi essere colto nuovamente in flagrante in compagnia di una prostituta nel 1991. A lui vennero dedicate Holy Smoke degli Iron Maiden (il Jimmy The Reptile a cui si fa riferimento dovrebbe essere lui) da No Prayer For The Dying e Miracle Man di Ozzy Osbourne da No Rest For The Wicked. Le sue trasmissioni iniziarono nel 1975 e sono a tuttora esistenti.

JIM BAKKER
Fondatore di un colosso della televisione, il PTL Club che riuscì anche ad avere un suo canale, nel 1987 fu travolto da uno scandalo riguardante le offerte ricevute e le iscrizioni per la sua organizzazione no-profit (ovvero le sue tasche). Si dimise dal PTL in seguito alle rivelazioni di una donna che sosteneva di aver ricevuto dei soldi per tacere su di un presunto stupro. Dopo essere stato condannato ed essere stato in galera per circa 5 anni (durante i quali ha divorziato dalla moglie Tammy Faye) ha pubblicato diversi libri, ammettendo gli errori precedenti ed è tornato in tv nel 2003 con un suo programma. Sembra che sia ancora in debito con il fisco americano di 6 milioni di dollari di tasse non pagate.

TAMMY FAYE
Ex-moglie di Jim Bakker, fondò assieme a lui il PTL Club, travolto poi dallo scandalo precedentemente accennato. I controlli e le rivelazioni seguenti portarono alla luce lo stile di vita esagerato dei coniugi. Nel 1992 divorzierà dal marito e dopo essersi risposata le verrà diagnosticato un tumore al colon, che nel 2007 ne causerà il decesso.

BOB LARSON
Predicatore radiofonico e televisivo, è famoso per il suo talk-show alla radio Talk Back iniziato nel 1982 e che per un certo periodo ricevette telefonate(spesso condite da insulti) di Glenn Benton dei Deicide. Ha scritto numerosi libri che non lasciano molta fantasia sul tema trattato, ecco alcuni titoli: Rock, Practical Help for Those Who Listen to the Words and Don't like What They Hear; Your Kids and Rock; Satanism: the Seduction of America's Youth; Rock & Roll: The Devil's Diversion.

PAT ROBERTSON
Uno dei decani tra i telepredicatori, ebbe tanto successo da candidarsi da presidente degli Stati Uniti nel 1988, salvo perdere le primarie repubblicane contro George W. Bush. Tra i più fondamentalisti nel suo campo, oltre a lanciare anatemi contro chiunque non gli andasse a genio (musulmani, induisti, ebrei, omosessuali, prostitute eccetera) si è attirato una serie di critiche grazie ad alcune dichiarazioni particolarmente ispirate sull'uragano Katrina e l'11 Settembre (punizioni divine per la politica degli Stati Uniti sull'aborto) ed il terremoto di Haiti (conseguenza di un patto col diavolo stipulato dagli abitanti per liberarsi dal dominio francese). Come se non bastasse ciò, Robertson si sbilanciò in predizioni che a quanto pare gli furono rivelate da Dio, eccone un paio: nel 1976 annunciò che la fine del mondo sarebbe avvenuta nel 1982; nel 2006 annunciò che sulle coste dell'America si sarebbe abbattuto uno tsunami. Dopo queste bufale fece predizioni più generiche per non diventare lo zimbello dei giornali.

MARY ELIZABETH "TIPPER" GORE
Dulcis in fundo, ecco lei la grande accusatrice, la moglie del premio Nobel Al Gore e fondatrice del P.M.R.C.. Dell'audizione al senato abbiamo già parlato, negli anni 90 il marito fu vicepresidente di Bill Clinton e durante lo scandalo con Monica Lewinsky furono presi come esempio di coppia fedele per salvare la reputazione dei democratici. Nel 2000 Al Gore si presentò alle elezioni contro Bush Junior e le perse a causa del discusso conteggio dei voti in Florida... anche se probabilmente a farlo perdere furono i pessimi ricordi dei vecchi metallari nei confronti della moglie! Si sono di recente separati dopo 40 anni di matrimonio ed in conclusione è giusto dedicare alla cara Tipper questo:




SNEITNAM
Domenica 27 Febbraio 2011, 15.32.59
24
Queste trovate tipo la P.M.R.C. testimoniano di quanto ancora stupido e ignorante sia l'essere umano. L'Heavy Metal è per forza di cose una musica violenta e potente con determinati testi perchè serve a noi artisti/musicisti per sopravvivere a tutta questa pattumiera che circola ancora nell'essere umano. La libertà artistica è un qualcosa di assolutamente necessario per sfogare ciò che hai dentro e se un'espressione è oscura e violenta non è nient'altro che il riflesso non solo della persona ma anche e sopratutto del vivere in questo sistema e quindi in questa società. Tutti quanti noi dobbiamo prenderci le nostre responsabilità e non dare la colpa ad una canzone o a un film o a un libro perchè la realtà è che semplicemente non ci stiamo con la testa e non abbiamo trovato una valvola di sfogo adeguata nella quale canalizzare il nostro odio o qualunque altra forma di sentimento ed emozione. Questo tutti lo devono capire e mi riferisco in particolare a quello che è successo a James Vance e Raymond Belknap con quello che poi è divenuto un processo contro i Judas Priest. Due ragazzi depressi che non avevano trovato nella loro vita nessun appiglio per poter tenere duro, andare avanti e magari dare un senso alla propria esistenza hanno deciso di porre fine alla loro vita. Da questo suicidio solo James Vance è sopravvissuto ma solo per accusare la band inglese di aver indotto sia lui sia il suo amico al suicidio. Ci sono delle foto di Vance e lascia veramente a bocca aperta il vedere come si era ridotto il viso ma io gli auguro che prima di morire abbia capito dentro di sè che il vero motivo del suo gesto e di quello del suo amico sono solamente responsabilità loro e non nè dei Judas Priest nè tantomeno dell'Heavy Metal. Questo riguarda tutte le accuse che sono state mosse contro il Metal da tutte le azioni perpetrate da gente che semplicemente con la testa non ci stava in alcun modo e che non è riuscita a trovare niente di positivo come il dedicarsi a questa musica per poter affrontare la propria vita nel migliore dei modi, magari creando canzoni e album con una loro personalità musicale, perchè infognarsi con i propri atti senza poi prendersi la piena responsabilità è molto stupido e ignorante e società come la PMRC che promuovono queste mancanze di responsabilità sono ancora più stupide e ignoranti!
Ubik
Mercoledì 6 Ottobre 2010, 18.47.44
23
bellissimo articolo complimenti
Er Trucido
Giovedì 30 Settembre 2010, 22.52.53
22
@Andrea: mi sembra che ci sia scritto no? Il figlio l'ho identificato con Bush Junior, il padre col nome intero senza il senior.
Andrea
Giovedì 30 Settembre 2010, 14.19.01
21
una precisazione: Pat Robertson perse le primarie repubblicane contro George Bush senior nell'88
tribal axis
Giovedì 30 Settembre 2010, 14.08.27
20
@Alex Ve: prima o poi castrerò Bondi.
Er Trucido
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.58.03
19
@Elluis: grazie per i complimenti e per la precisazione, non l'ho scritto perchè mi sembrava di averlo lasciato intendere, hai fatto bene a specificarlo comunque. Il discorso su Bondi è spiegabile dagli uffici stampa che hanno questi signori, dubito che abbia mai visto un film di tarantino tra l'altro, che è pure uno di quelli che rivaluta il nostro cinema degli 70. Noi invece sovvenzioniamo i film di De sica...
kvmetternich
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.54.15
18
Intanto complimenti, bell'articolo! Curioso come la "libertà di parola" tuteli contemporaneamente la libertà di suonare Heavy Metal e dall'altra la libertà di volere la sopressione dello stesso ( altrimenti non ci sarebbe stato il dibattio in congresso).Ma d'altronde la "libertà di parola" è una chimera , nel senso che va in contraddizione con il detto "la mia libertà finisce dove inizia quella del mio prossimo": E' una contraddizione parlare o suonare da soli senzà la volontà influenzare il mio ascoltatore (a meno che io non voglia parlare da solo come un matto). D'altroncanto, per quel che riguarda "cospirazioni senza prove" in italia c'è quella del "piove governo ladro" su cui ci hanno ormai costruito una lucrosa industria. Alla fine di questo mio discorso, concludo che l'unica libertà vera è il silenzio.
Elluis
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.44.11
17
Trucido, i miei più vivi complimenti, un articolo veramente ben fatto: la maggior parte delle cose descritte le sapevo già, altre le ho apprese leggendo il tuo articolo. Va detto che il famoso "Tipper sticker" fu applicato a un bel numero di dischi anche non metal, tipo rap, hip-hop, R&B, soul, causando ovviamente la medesima reazione da parte dei fans, cioè un sacco di copie vendute in più.
Arekusu
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.38.09
16
E il, ehm, "collaboratore" gli ha tirato fuori i Meshuggah? Secondo me, Bondi è andato a cercare nella collezione di cd del figlio...
Raven
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.29.50
15
Avrà incaricato qualche leccac....collaboratore di fornirgli qualche informazione apposta. Ed il risultato si commenta da sè.
Arekusu
Giovedì 30 Settembre 2010, 11.18.00
14
In realtà, sono stupefatto dal fatto che Bondi conoscesse i Meshuggah... cioé, non è un nome al quale arrivi tanto facilmente, se non sei "dentro" certi ambienti...
AndrosTRMD
Giovedì 30 Settembre 2010, 10.23.45
13
E pensare che dalle mie parti la situazione non è tanto diversa...vedasi lo schifo che hanno fatto autorità, preti e cittadini presunti "metallari" con il Sikelian...mi vengono i brividi! Speriamo bene per il futuro anche se una società realmente "libera" è un'utopia degna del miglior Brave New World che si conosca...Se voglio citare altri libri riguardanti l'argomento (oltre Brave New World) ri-leggetevi 1984...Orwell la sapeva lunga su certi fatti, ed il risultato sarà inveitabile...
il leccese90
Giovedì 30 Settembre 2010, 9.49.32
12
@alex ve da uno che considera death metal i meshuggah non ci si può certo aspettare cose giuste XD..
Er Trucido
Giovedì 30 Settembre 2010, 9.31.07
11
Grazie a tutti per i complimenti! Come ha scritto leccese, l'etichetta negli anni 90 servì a far vendere più dischi (soprattutto per i cantanti rap), quindi come tutto il proibizionismo in generale si rivelò un fallimento, il problema era il clima da inquisizione che ci fu negli anni precedenti. Teniamo anche conto che lo stesso tipo di preconcetti li subì anche il cinema horror negli anni precedenti, con vergognose censure a film, facendoli diventare maledetti. Giusta l'osservazione di Alex Ve, non ne ho parlato perchè ho preferito concentrarmi sugli anni 80. Infine leggere le parole onorevole ,cultura e Bondi nella stessa frase mi dà l'orticaria!
Alex Ve
Giovedì 30 Settembre 2010, 8.55.11
10
Non ultima, riporto la dichiarazione di pochi giorni fa, rilasciata al settimanale Panorama dal "nostro" Ministro alla "CULTURA" , tale "on." Bondi: "ll nichilismo deriva dallo squallido circuito porno di internet, dai film del sadico Quentin Tarantino, dai gruppi "death metal" come i Meshuggah".' - Verrebbe da chiedersi se l'associazione mafiosa di cui è accusato un collega di partito dello stesso Ministro e di cui è stata negata l'autorizzazione all'arresto, sia anch'essa da imputare alla musica..."violenta".
Alex Ve
Giovedì 30 Settembre 2010, 8.49.27
9
Consiglio a chi non l'avesse visto, il docu-film "Bowling A Columbine" di M. Moore. Anche lì è trattato il collegamento -falso- violenza-musica heavy. Ottimo articolo Diego.
Necronius
Giovedì 30 Settembre 2010, 7.37.59
8
Solo una precisazione....Frank Zappa non era solo un grande, era un GENIO! Nel senso più pieno del termine.
tribal axis
Giovedì 30 Settembre 2010, 0.05.53
7
che dire su quest'argomento? solo una parola: statunitensi. il popolo più estremo e contraddittorio del mondo. hanno un'elevata capacità di rendersi ridicoli nel prendersela con gente della loro stessa nazione e un elevata capacità di rendersi odiosi e detestabili nel prendersela con altri popoli. detto ciò trovo che la simpatica etichetta "parental advisory" giovi non poco all'estetica della copertina di molti album. infine: complimenti per l'articolo, molto intelligente e interessante. P.S.:Frank Zappa è un grande.
AdemaFilth
Mercoledì 29 Settembre 2010, 20.20.03
6
Ma prima di bruciare gli album, andavano a comprarli? Secondo me un revival gioverebbe!
zoso
Mercoledì 29 Settembre 2010, 20.02.38
5
per molti che non sono appassioniti di musica e in particolare del metal, la questione censura sì o no non li avrebbe toccati sul piano musicale, e difficilmente afferrano l'importanza di questa (quasi) vittoria: se le cose fossero andate diveramente dopo la musica sarebbe toccato a qualcos'altro facendo assomigliare la società occidentale tanto ad una dittatura (per inciso, l'italia lo è sotto molti punti di vista)
Crushed Liver
Mercoledì 29 Settembre 2010, 17.45.22
4
Purtroppo l' opinione pubblica è sempre stata costretta a trovare un capro espiatorio quando succedono tragedie come quelle citate e il Rock,in quegli anni come anche ai giorni nostri, era il più facile da trovare. Inorridisco sentendo le ragioni di tali gesti quando poi -ed è un mio pensiero- basterebbe non consentire il possesso di armi come è tuttora nei paesi..diciamo.. più sensibili alla tranquillità. Detto ciò un sincero complimento a chi ha scritto l'articolo per il tema trattato.
il leccese90
Mercoledì 29 Settembre 2010, 17.09.44
3
"non sono ne scandalizzato ne sorpreso..lo sanno tutti che quel marchio fa vendere più dischi".(kerry king dopo l'uscita di divine intervention e dopo la decisione di mettere il famoso bollino sui dischi degli slayer)
Compagno di Merende
Mercoledì 29 Settembre 2010, 16.52.46
2
Gran bell'articolo, ascoltatevi Who's to Blame dei Sacred Reich dedicata a questo tema e aggiungo che quella cretina fascista di Tipper Gore è stata alcolizzata per una decina d'anni.
metal4ever
Mercoledì 29 Settembre 2010, 16.23.33
1
W la libertà di espressione!!!!!!!!! Bravo Trucido ottimo articolo, e cmq si sa che questa gente che predica e fa accuse infondate sono coloro che hanno sempre "la coda de paglia"
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
L'infame etichetta
ARTICOLI
29/09/2010
Articolo
PARENTAL ADVISORY: EXPLICIT LYRICS
La nascita, lo sviluppo e la fine
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]