Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Il programma dell'evento
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

FIRENZE ROCKS: a giugno Iron Maiden, Foo Fighters, Ozzy Osbourne, Judas Priest e Guns n' Roses
13/11/2017 - 14:39 (2300 letture)

Painkiller
Lunedì 20 Novembre 2017, 16.00.39
87
Resto sempre convinto che i Judas suoneranno prima degli Avenged.
entropy
Lunedì 20 Novembre 2017, 15.51.13
86
cmq sono andato a fare una ricerca su Wikipedia perché non potevo credere che davvero gli a enged fossero economicamente più importanti dei judas. Per farlo ho considerato le posizioni di picco raggiunte nelle chart dalle due band. Se ne evince che a livello mondiale gli avenged vendono di più, ma in europa (e in italia) i judas vanno un pochino o molto meglio a secondo dei paesi. Alla luce di ciò la scelta mi pare quidni davvero scoretta, perché non necessaria economicamente e non corretta "storicamente"
Silvia
Domenica 19 Novembre 2017, 23.52.51
85
Concordo col fatto che non bisogna lamentarsi ma supportare. Inoltre non conosciamo ancora gli altri gruppi spalla.
Silvi
Domenica 19 Novembre 2017, 23.52.16
84
Concordo col fatto che non bisogna lamentarsi ma supportare. Inoltre non conosciamo ancora gli altri gruppi spalla.
ObscureSolstice
Domenica 19 Novembre 2017, 23.25.49
83
Ma questo non è un fest, sono 4 concerti singoli. L'Agglutination è un fest anche se di piccole proporzioni. Iniziate ad andare a quello invece di parlare di Hellfest, o avere presunzioni di volere in Italia un fest di proporzioni gigantesche anche di organizzazione come quello francese, che da noi non ce lo possiamo permettere lontanamente neanche nei sogni...che poi quello é solo ormai il piu' famoso ma ne hanno di diversi, di certo non hanno problemi da questo punto di vista di scelta. Invece noi "o questo o te ne stai a casa". Bisogna accontentarsi di quello che si ha. Poi francamente e' inutile nominare l'Hellfest se la concezione di festival non si sa dove sta di casa, non si sa cosa significa campeggiare e né tanti sanno cos' è un festival vero e proprio se non l'hanno vissuto e qui neanche l'ombra in Italia dopo l'involuzione esistente da anni da quando ci hanno tolto il gods; per cui inutile fare confronti coi massimi esponenti di organizzazione europea di eventi come Francia (ma qualsiasi altro stato europeo a dirla tutta..) e anche li' ci saranno sempre Ozzy, Gun's, Foo Fighters, Judas Priest e altri grandi se sono in tour...ma basta andare su un altro palco se non si vuol seguire, ma qui la lamentela è d'obbligo, in un paese appunto: non abituato, a vedere una "festa della musica" ma al massimo del radicchio. Non prendetela come una provocazione, ma alla fine e' la verita'...lamentarsi che ci sono i Gun's...mah. Detto questo a 65 euro nella data di Ozzy ci sono anche i Judas Priest, e' la data migliore come qualità/prezzo
Simo
Domenica 19 Novembre 2017, 19.35.18
82
Ha ragione Fabio Rasta (post 37): anche io ho visto il vecchio Lemmy al sonisphere di imola prima di slipknot e iron. Vivro' nel passato ma . . . . uno come lui non nascerà piu'
Silvia
Domenica 19 Novembre 2017, 1.31.22
81
@Absÿnthe, l’Hellfest è una genialata sai perchè? Perchè se noti convoglia grandi, medi e piccoli nomi di tutti i sottogeneri metal e anche hc/punk quindi giocoforza attira tanti spettatori. Però in cartellone ci sono sempre grossi nomi (fra l’altro nel 2012 c’erano sia Ozzy che i Guns, LOL ). Inoltre è organizzato in modo che i grossi nomi si alternino negli stages principali quasi senza sosta (così ho letto almeno) e poi gli stages più piccoli (o tende che dir si voglia) vengono divisi strettamente x genere. Il Gods 2010 era troppo “settoriale” secondo me, e lo sarebbe stato in qualunque nazione credo... Una volta poi che c’è il grosso nome x fare cassa non credo che i piccoli gruppi facciano la differenza a livello di vendita dei biglietti. Però è solo un pour parler ovviamente perchè non sono un’organizzatrice di eventi
Absÿnthe
Domenica 19 Novembre 2017, 0.46.50
80
@Bright Eyes: a me, non sono mai piaciuti (sono ancora in attesa di trovare qualcuno a cui regalare Appetite for Destruction) ma è chiaro che se mi basassi solo su un fatto di gusto, il giudizio espresso, apparirebbe, oltreché impietoso, anche gratuito; in realtà, è un'idea che ho maturato con le ultime decisioni prese da Axl: se fai Appetito, poi passi alle due Illusioni (un bel salto a livello artistico - piaccia o meno), con una piccola parentesi per prendere tempo (l'Incidente), e poi stai una decina d'anni e più per far uscire la Democrazia (un triplo salto mortale con avvitamento - sempre rispetto all'Appetito), che senso ha tornare coi nemici giurati ad avere "fame" di dollari? Mi sembra una regressione che sputa su tutte le posizioni prese fino ad allora... Tutto qui. È un'etica che mi lascia più che perplesso. @Silvia: è sempre stata posta così, ma sul serio (devo autocitarmi? "senza livore"). Comunque, ho capito come la pensi ma non mi riferivo all'underground: parlavo proprio della composizione del festival. Facciamo così, tanto è visionabile facilmente su wikipedia: per avere un'idea del paragone che facevo con la Francia, da' un'occhiata alla lista dell'edizione 2012, prendendo un giorno a caso, dell'Hellfest e pensa quella situazione, non solo quando mai si è vista, ma quando mai si potrà vedere qui (se poi dai un'occhiata a 2011, 2010, 2009 etc., il confronto è allucinante): guarda com'è composta l'offerta in cartellone e guarda gli headliner. Lì, i numeri per crescere ( e infatti, guarda cos'è diventato); qui, ci sarebbe il vuoto (e basta ricordare i commenti e l'affluenza a un'edizione "strana" come quella del Gods of Metal 2010 - che portò a quella del 2011). Però, poi, puntualmente, i dati alla mano si dividono fra le discussioni che vertono sul "niente nuovi Led Zeppelin all'orizzonte", da un lato, e i grossi eventi "pop", coi quattro grossi nomi che in Italia garantiscono entrate altrettanto grosse, e con due o tre band facili di contorno per non sconcertare (!) troppo, dall'altro. Non c'è ricambio, se non si diversifica. Quel che dico: i programmi saranno sempre gli stessi; noi però ci dimentichiamo (e qui CI includo tutti nella massa - visto che ho detto più sotto che, al Firenze Rocks andrò a vedere i Foo Fighters) di avere il telecomando (cioè l'acquisto del biglietto) che influenza queste scelte... Però, oh, sia chiaro: questo è quel che vedo io.
Bright Light
Sabato 18 Novembre 2017, 23.44.27
79
Non entro nel merito delle vostre discussioni @absynthe, ma mi ha incuriosito una cosa: perché riterresti i Guns delle prostitute?
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 23.32.09
78
@Absÿnthe, ovviamente se poni la discussione in questo modo è tutto un altro paio di maniche . Non conosco la situazione in Francia, ma credo di aver risposto al fatto che non è solo l’Italia ad avere una tendenza “generalista” al #71. In tutta Europa i grandi nomi fanno da richiamo (e infatti il bill oops il programma preliminare dell’anno prossimo è lo stesso in vari festivals di vari paesi) solo che in certi luoghi la scena underground è più sviluppata sicuramente e il metal viene passato anche nelle radio quindi ovviamente i “piccoli gruppi” fungono comunque da richiamo, cosa impensabile qui in Italia dove la nostra musica non trova proprio spazio nei media. X concludere secondo me questi eventi vanno supportati se si può, tenuto anche conto che non conosciamo i piccoli gruppi che verrano chiamati quindi non possiamo lamentarci a priori. Secondo me. X quanto riguarda l’esterofilia sì lo siamo e, cosa ben peggiore, non supportiamo le nostre realtà. Ciao
Absÿnthe
Sabato 18 Novembre 2017, 23.01.09
77
@Silvia: no, non sono aggressivo (semmai, non giro intorno). E comunque, visto che non ci si intende - dato che mi rispondi su cose che a) non erano riferite a te, o b) sono state già spiegate più che abbondantemente - provo per l'ennesima volta, semplice semplice, a spiegarmi: 1) il primo commento (come spiegato in quella lunga solfaccia in risposta a The Trooper '70) era pieno di iperboli (per quanto resti convinto che gli Avenged Sevenfold siano, musicalmente parlando, era implicito, dei trans che non sappiano a quale genere votarsi - sulle capacità strumentali, non c'è da discutere, ne senso che discuto del valore che trovo o meno ravvisabile nella loro proposta artistica, non strumentistica - e anche che i Guns 'n Roses siano delle prostitute - sempre artisticamente parlando... mia opinione) e di sarcasmo, ma che lo erano col preciso proposito di innescare una discussione in merito al cartellone in programma per il festival (quindi, cosa tiri fuori il mio giudicare, quando questo è stato rivolto esclusivamente a) alle band in programma e b) a quel che ho definito come "grande pubblico/pubblico generalista", locuzioni che non credo abbiano bisogno di spiegazioni per capire quali siano le caratteristiche della massa (in questo caso, italiana: i francesi vanno al festival, a DIVERTIRSI, qualunque band ci sia, lo dimostra l'affluenza in giornate che qui verrebbero neppure prese in considerazione; infatti, l'italiano medio ha bisogno dei soliti quattro nomi) - qualora tu ti fossi sentita inserita nella massa, non saprei davvero che farci, io non l'ho scritto e non l'ho inteso...); 2) il fatto che tu dimostri di non avere idea di cosa sia la logica in un discorso, non è etichettare (non ti ho dato della stupida, né lo penso, ma dimostri di tagliar corto senza aver capito cosa uno abbia appena scritto), è semmai rilevare quale sia la cifra del tuo ragionamento: l'accusa gratuita di disprezzare il mio paese dimostra che del ragionamento espresso hai capito nulla (e se ragioni così, non puoi dare a me dell'aggressivo, quando la prima a insinuare sei stata tu - anche qui, logica: gira la frittata come ti pare, sempre uova sono); 3) i "luoghi comuni" come "metallaro medio" sono semplice statistica (ravvisabile proprio dal livello dei commenti medi sotto le news dedicate a gruppoX o gruppoY), così come lo è la tendenza del pubblico generalista di cui prima: i grossi eventi non comprendono solo persone dedicate e competenti, ma perlopiù persone che attendono il grande evento; io mi sono limitato a considerare come, in Francia, questo fenomeno si verifichi con qualsiasi headliner; in Italia, invece il "pecorismo", che è una sintesi per dire che si fa perché "lì c'è gente", ha bisogno di quattro nomi per fare i numeri che in Francia fanno anche i Fear Factory (e anche qui, mi dici che disprezzo: spiegami dov'è che disprezzo nell'affermare l'esterofilia italiana - ti risulta che diciamo "bannato", quando potremmo dire "bandito", oppure "bill" quando, a seconda della necessità, abbiamo "cartellone" e "programma", o ancora "tracklist" e "setlist", quando abbiamo "scaletta", per non parlare di "guitarwork", "cover", "artwork", e senza neppure considerare "uppare", "downloadare" o il mitico "fottutamente"? dico, ti risulta o sono io a stradire? secondo me, è sufficiente fare mente locale, confrontando ciò che uno scrive con ciò che si ha sotto gli occhi, prima di passare all'accusa gratuita - ora, per esempio, cosa starei facendo, moralizzando o mettendo a posto due cose da te scombinate a tuo uso?). Leggi aggressività? Mi spiace, hai una pelle un po' troppo sottile: non ti ho attaccata, non ti ho definita in alcun modo (eccetto ciò che hai scritto, perché è quel che si legge), cosa mai avvenuta neppure con chi ti ha preceduto. Da cosa senti il bisogno di difenderti? Dal fatto che, se esprimo un'opinione, tendo a motivarla? E a proposito di gioventù in materia di festival rock/metal: se l'Italia è giovane, cos'è la Francia? Quanto al Monsters of Rock, l'Italia è dietro solo a Germania, a Regno Unito (dove è nato) e alle due sole edizioni svedesi ('84 e '86 - in Italia la prima è stata '87, dieci anni dopo, la prima del Gods of Metal, e subito dopo i minori: Summer Day in Hell, Evolution, Valpolicella, e altri che sono durati qualche edizione appena), persino l'Olanda è dietro... Continui a leggere aggressività, o qualche argomento? Buonanotte a te e un abbraccio morbidissimo.
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 21.54.42
76
@Absÿnthe, quanta aggressività, non ne capisco il motivo. Sei stato tu ad incominciare a definirmi “senza logica” e a dirmi che parlavo senza cognizione di causa, inoltre prima hai chiamato gli Italiani ovini, ancora prima hai usato epiteti volgari nei confronti dei gruppi, quindi mi pare che tu etichetti eccome . Bastava rispondere semplicemente “ti sbagli, l’Italia ha una grande tradizione di festival” e se ne poteva parlare. Io ho cercato di proporre un discorso serio e non punto il dito contro nessuno. E mi spiace x te ma l’Italia rispetto agli altri paesi, soprattutto del Nord Europa, è “relativamente giovane” x quanto riguarda la tradizione e l’organizzazione dei festival. Lo stesso Monsters of Rock deriva da quello di altri paesi. Comunque non m’importa, non mi interessa imporre la mia opinione o discutere con chi usa luoghi comuni come “il metallaro medio”. A me piace solamente discutere serenamente e non ho problemi con nessuno in questo sito. Quindi forse è il caso che sia tu a rileggere quello che scrivi. Comunque sappi che non ci tengo a continuare discussioni su questo tono. Buona notte.
Absÿnthe
Sabato 18 Novembre 2017, 21.28.48
75
@Silvia: ancora a definire gli altri; non ce la facciamo a discutere nel merito... Leggi ma, da quel che rispondi, lasci intendere che non capisci ciò che leggi, eppure scrivo in un italiano nient'affatto difficile; non ti ho definita in alcun modo, e continuerò a non farlo, ma confermo che, se mi dici che l'Italia, sui festival rock/metal, è giovane, non sai davvero di che parli - però, almeno su questo, puoi rimediare informandoti sulla storia del tuo paese che, ironia del caso, sei tu stessa a giudicare in modo sbagliato, anziché io. Non sto cercando di insegnarti alcunché: si tratta di commentare e, ognuno, nel libero spazio che è concesso, lo fa come gli pare (mi sembra pacifico); io ho provato, prima con una provocazione, poi con un commento pacato e un minimo argomentato, a condividere una posizione. Ma è chiaro, da quel che rispondi, come il problema risieda nella tendenza, non appena qualcuno motivi fermamente la propria opinione e cerchi di essere chiaro nella spiegazione delle motivazioni, a non prendersi un minimo la briga di capire quel po' di stupidaggini che ha da scrivere, e si passano in rassegna i soliti epiteti: "professorino", "sapientino", "strafottente", e via elencando). Non ho problemi col tuo dito puntato, fa' quel cazzo che ti pare - compresa la figura di chi non sa discutere (a me pare di averti mostrato tutta la disponibilità). @The Trooper '70: se mi parli dei Lent0, amico mio, scatta il colpo di fulmine qua! In ogni caso, per capirci: a me, i Korn, non fanno strappare i capelli (pur apprezzandoli, ma preferendo di gran lunga i Deftones) eppure credo sarebbe ora di vederli headliner in un festival variegato; subito dopo, sarebbe ora di mettere in cartellone qualcosa di diverso dai soliti nomi che, come ha scritto qualcuno più giù, non contribuiscono a creare un evento diverso da quelli che il metallaro medio considera merda (Rossi-Liga-Giova), quando la cifra è la stessa: il "pop". Sui TOOL, io ho risolto: non ci penso e mi godo gli APC. Cazzo, faccio prima io col mio progetto cartaceo, a momenti...
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 21.26.11
74
@rik, il festival ha avuto diversi nomi e si teneva in luoghi diversi, quindi è facile confondersi . Comunque grazie
rik bay area thrash
Sabato 18 Novembre 2017, 20.52.14
73
@Silvia, si è proprio lo sweden rock, come giustamente hai scritto . Sono andato un po a memoria e ogni tanto 'toppo' anch'io . Comunque vedo che riusciamo sempre a capirci. Evviva. .... solo una cosa ... io vivo di cappuccini e thrash, ma amche Tu hai una passione per l'heavy metal da fare invidia a molti ....
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 20.32.12
72
@rik, oggi si chiama Sweden Rock e invita 120 gruppi dal rock al Death metal. Ma gli headliners sono sempre grossi nomi, a volte grossissimi come i Queen. Non so se tu intenda un altro festival.
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 20.10.06
71
Esatto @rik, i grossi nomi vengono usati in tutto il mondo x fare un bill che invogli gli spettatori ad acquistare i biglietti. In Svezia ci sono anche i piccoli festival (come lo Skogröjet esempio) che fanno pochi spettatori perchè non possono permettersi grossi nomi. Quest’anno questo stesso festival ha portato i Saxon e i Blind Guardian e ha venduto più biglietti di sempre. Quindi non sono solo gli Italiani ad andare dietro ai grandi nomi. Ovviamente grossissimi festival come il Wacken e lo stesso Sweden Rock vendono a scatola chiusa perchè possono permettersi grandi nomi e una vasta scelta di piccoli/medi gruppi. Infine, lo ripeto, non si può pretendere che senza visibilità e diffusione il pubblico conosca i piccoli nomi metal. In Scandinavia chiunque conosce Breaking the Law o Holy Diver, in Italia solo i metallari (spero non solo i vecchi, hahaha )
rik bay area thrash
Sabato 18 Novembre 2017, 19.56.52
70
È solo un piccolo esempio. Non so se lo allestiscono ancora, ma in svezia c'è il rock on sweden, festival itinerante con tre palchi e centinaia di band. Tra queste i soliti 'noti' cioè le big band e come 'contorno' (da non leggere in modo negativo ) decine e decine di band minori. Si va dall' aor al thrash al black all' hard rock. Come ovviamente tutti sappiamo, ognumo segue i gruppi che più gli aggrada. Questo per dire che per attirare migliaia e migliaia di fan di tutti i vari gruppi, devi comunque avere nel bill quelle band che ti garantiscono l'affluenza del grosso del pubblico. L'opportunità che ti da un festival del genere è quella di potet assistere ai grossi nomi come di poter seguire le cult band e non mi sembra cosa da poco. In più c'è la possibilità di conoscere nuove band magari conosciute solo grazie a qualche video. (Imho)
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 19.34.46
69
@The Trooper certo! Fra l’altro non credo sia da sottovalutare il fatto che alcuni gruppi si possano vedere sia in tour che nei festival quest’anno. Certo, sono sempre i soliti grossi nomi, ma, come dici tu, attirano le masse. X quanto riguarda gli altri gruppi che citi, molti provengono dal Nord Europa in cui hanno molto più seguito che da noi e io credo che sia dovuto anche al fatto che vengono passati in radio. Faccio un esempio, secondo me i Junkyard Drive piacerebbero anche in Italia se le persone li conoscessero. Nello stesso modo in cui gli In.Si.Dia (esempio) sono seguiti soprattutto in Italia e di conseguenza fanno il tour in Italia e partecipano ai festival italiani. Idem x i Superjoint di Anselmo (altro esempio) che fanno il tour in US e raramente vengono in Europa (anzi li stiamo aspettando! ). Hai ragione poi sul fatto che sia possibile seguire sia i grandi che i piccoli nomi. A proposito del Firenze rock, non so se sia gia’ stato detto ma i Judas suoneranno prima di Ozzy.
The Trooper '70
Sabato 18 Novembre 2017, 19.08.57
68
@Silvia SEMPRE UP THE IRONS!!
The Trooper '70
Sabato 18 Novembre 2017, 19.06.17
67
@Absynthe volevo essere anch'io sarcastico! e mi fa piacere che il tono della discussione non sia scivolato in basso, hai ragione su diversi fronti, non tutti, - ovviamente - per me, comcordo ad es. sul fatto che ognuno spende i propri soldi come vuole, ma soprattutto sul fatto che ai grandi festival si presentino sempre le stesse facce e gli stessi nomi famosi (ma come le attiri le masse?? domanda inutile, lo so..ed a me i grandi nomi piacciono ASSAI...) e concordo sul fatto che, in Italia, difficilmente vedremo gli Om assieme ai Dan Baird ed Hammok, oppure le Smoke Fairies con le Barbe Q Barbies od ancora gli Harvestman con i Baby Woodrose e gli Arbouretum, oppure gli Electric Moon con i nostrani Doomraiser Ufomammut (NON ME LI TOCCATE!!) ed i Lent0, o The Quill e Grand Magus...come vedi (mica fatto apposta??NOOO) avrò un'età ma non mi sono appunto - come sopra - fermato al '92, ho sempre guardato avanti divertendomi, ho una certa cultura musicale (guadagnata sul campo) ed ancora voglia di imparare, non faccio prediche - non è il mio campo - e non do consigli non richiesti, discuto anche animatamente ma sempre con rispetto, e l'unica cosa che ora mi sento di dirti è di sperare che i Tool non ci facciano aspettare ancora troppo tempo per un nuovo album!!
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 15.15.03
66
@Absÿnthe io so bene di cosa parlo solo che purtroppo chi ha risposto (tu) non fa altro che ergersi a professorino che vuole fare la lezione agli altri, tutti ovviamente pecore e ignoranti secondo te, x non parlare di come hai definito i gruppi nel tuo primo post... Infatti anziché rispondermi nel merito hai fatto la tua solita morale. Colpa mia che ho provato a discutere con te. Impossibile . Ciao ciao
Absÿnthe
Sabato 18 Novembre 2017, 14.52.57
65
@Silvia: leggere "festival rock/metal" e "Italia relativamente giovane" correlati nella stessa frase, può darmi la sola idea che il mio interlocutore non sappia di cosa stia parlando. In ogni caso, io non ho espresso giudizi di sorta su nessuno. La mia posizione, si può accettarla, non accettarla, apprezzarla e persino disprezzarla, figurarsi se conti qualcosa (parlo sia dell'opinione che del giudizio eventuale che ne scaturisse). Solo che, per discuterne nel merito, andrebbe prima compresa. Sono disposto a discutere con tutti (come sempre), a patto che gli argomenti non scadano nel personale (etichettarmi come uno che disprezza il proprio paese mi suggerisce che tu non abbia compreso, non solo il punto della questione, ma che non abbia un'idea minima su cosa sia la logica: non ti offendere ma, se registro che, per esempio, il popolo italiano ha l'abitudine di non rispettare le regole di banale convivenza civile, e lo dico, significa necessariamente che lo disprezzo? mi pare che sia altra la questione), o in "emozioni" e "ammémmì"... Perché, non solo potrei etichettare anch'io (ma non sarebbe argomentare), ma, miracolo!, anch'io "mi emoziono" e persino "ammémmì". Se dobbiamo discutere, si discuta. Se dobbiamo perdere tempo, investiamolo diversamente. Buon weekend!
Silvia
Sabato 18 Novembre 2017, 14.03.42
64
@Absÿnthe secondo me non si possono fare paragoni fra l'Italia e l'estero non perché gli Italiani siano pecore (probabilmente tu semplicemente disprezzi il tuo paese visto anche come hai chiuso il primo post) ma perché la cultura italiana non include il metal. All'estero nelle radio e nelle TV passano almeno gruppi rock o metal classico mentre in Italia vige Gigi D'Alessio. Poi sinceramente non capisco quale sia il problema... L'Italia nel campo dei festival rock/metal è relativamente giovane, se anche questi tentativi di crescita vengono distrutti da atteggiamenti snob allora è la fine sì. È solo una mia opinione e non vuole essere provocativa. Buon weekend a tutti
Absÿnthe
Sabato 18 Novembre 2017, 13.54.41
63
è inutile sperare in ingredienti migliori, se ci si soddisfa solo con la Nutella (il commento era decisamente lungo).
Absÿnthe
Sabato 18 Novembre 2017, 13.49.17
62
@The Trooper '70: da alcuni dettagli del tuo post, non posso non sentirmi chiamato in causa, e rispondo più che volentieri... Il discorso che, sicuramente con un certo piglio sferzante, propongo da anni non è certamente risolvibile in un paio di commenti su un portale (è questione di contesto e, più spesso, anche di tempo); per cui, è naturale sintetizzare e, per me, fare uso di sarcasmo o iperboli. Il discorso, identico, potrei farlo su cinema e letteratura. qui, però, si discute di musica - anzi, di una fetta molto ristretta di musica. Siccome firmi, con -'70- deduco che sia il tuo anno di nascita: bene, mi dai sedici anni. Ma, spiace deluderti, non è un fatto di generazione, di vecchia guardia/scuola. È una questione di percorsi, e sono tutti legittimi. Ma risponderò a questo più avanti. Tornando al merito, abbasso un tiro che non voleva essere così alto come è passato, bensì una semplice provocazione (che provocasse, cioè, il solito, insperato dibattito sul ricambio artistico - dibattito che, puntualmente, non si manifesta troppo ricco di spunti, per via del solito, prevedibile trincerarsi dietro posizioni da retroguardia): nutro profondo rispetto per i gusti di tutti e, se un individuo si suda 200€ ha il sacrosanto diritto di spenderli anche tutti in marshmallows (non che gli Stones siano marshmallows, sia chiaro). Il discorso, ripeto, è ampio, ampissimo: mi tocca ridurre il tutto a sarcasmo e semi-invettive, perché altrimenti dovremmo metterci e analizzare come mai una situazione come quella di Clisson, in Italia non si riesce proprio a creare (anche all'Hellfest, sbattono in cima sempre i soliti quattro cazzo di nomi - cioè, oddio! - ma, poi, il programma viene completato con un'offerta in grado di spaziare dal "vintage" alle avanguardie, o pseudo-tali che siano - non so se rendo l'idea), o come quella nelle campagne di Wacken (discorso quasi analogo anche per il W.O.A.). A questo punto, mi pare che, se il promoter fa il promoter, il manager fa il manager e il professionista che suona fa il professionista che suona, il problema si riduce a un parametro soltanto: il livello del pubblico. Un pubblico, quello italiano, esterofilo per definizione (basti, a titolo di esemplarità, guardare agli orrendi calchi linguistici che produciamo di continuo, o a tutti i prestiti di lusso che ci concediamo), pigro come pochi altri e piuttosto "ovino" - tale da non consentire ai promoter di rischiare il minimo necessario per una diversificazione dell'offerta. Ora, tornando alla questione "anagrafe", per esprimere una critica del genere (e vale a dire: quand'è che, in un festival, in Italia, potrò sperare di vedere, che so, i Meshuggah suonare terzultimi?, i Sunn O))) comparire nel programma?, o uno qualunque dei progetti di Anselmo? - e sto solo parlando di artisti che hanno dai venti ai venticinque ai trent'anni di carriera suonati alle spalle - perché figurarsi parlare di Sólstafir, Animals As Leaders, Om, e, insomma, devo fare ulteriori nomi?), devo anche rendere noto che ho intenzione di andare a vedere comunque i Foo Fighters - sperando che mi inseriscano qualcosa tipo gli A Perfect Circle giusto prima di Grohl & Co. (viste le 70€ che chiedono), altrimenti ci vado giusto per accompagnare la mia compagna e per DIVERTIRMI con un concerto all'aperto? Occorre dichiarare che il primo concerto me lo sparai a poco meno di diciassette anni, arrivando fino a Chiaromonte, nel 2003, pur di vedermi la magnifica prestazione dei Roase Crucis o di godere della band per cui all'epoca stravedevo, cioè i Virgin Steele - occasione che mi fece innamorare della voce di Kleid (tutt'ora lo considero superiore a Damnagoras - nonché Wyrd la miglior prova artistica degli Elvenking) e di Roberto Tiranti? Occorre menzionare tutti i km che ho macinato fino al 2009, anno dell'ultimo festival estivo (G.O.M. '09) che mi sono concesso (proprio in risposta alle politiche di cui sopra, riguardo a organizzazione, costi e scelte artistiche da paraculo), comprensivo dei G.O.M. 2004 (e già allora i Priest avevano bisogno dell'ossigeno al seguito) e 2007, nonché svariati altri fra Roma, Milano, Bologna? Secondo me, no... Non serve usare la carta della passione, della provenienza anagrafica, e quant'altro... Basta stabilire un comune campo di discussione, fondato su argomentazioni che esulino dalla propria soggettività e mirino al merito della questione. Dopodiché, a te, i Rolling Stones a 200€, stanno benissimo (e a me sta benissimo che ti stiano benissimo); per quel che riguarda me, però, neppure se me li davano, i 200€ (oltre a biglietto e viaggio pagato), me li sarei andati a vedere. Perché, a fronte dell'analisi abbozzata su, ritengo sia inutile sperare in un ricambio, nella predica, se cerchiamo sempre la stessa cosa, nella pratica; inutile sperare nei "nuovi Black Sabbath", se si cerca qualcosa che suoni allo stesso modo quarant'anni dopo, e se per "divertirci" siamo disposti a pagare solo Crazy Train; come, del resto
Silvia
Venerdì 17 Novembre 2017, 22.41.19
61
Mi piace il tuo commento @The Trooper '70. Sempre bello sentire parlare di emozioni, passione e rispetto. Up the Irons!
The Trooper '70
Venerdì 17 Novembre 2017, 22.20.23
60
provo una profonda tristezza a leggere alcuni commenti negativi su mega manifestazioni come queste (fermo restando che rispetto le opinioni altrui fino a quando non risultano offensive) poiché l'italiano rokkettaro medio si lamentava sempre che per vedere concerti e nomi importanti o mega manifestazioni serie doveva andare all'estero, ed ora che ce le abbiamo in casa? questo prima di quello, l'altro dopo, sono vecchi, giovani, inesperti, secchioni o segaioli, voce di merda, album sopravvalutati, fanno sempre le stesse cose etc. etc. etc., io appartengo alla vecchia guardia e me ne vanto, uno di quelli che macinava Km per vedere artisti che per me valeva la pena fare enormi sacrifici, non solo economici, e personalmente, pur non amando rivangare sempre il passato (rispetto a tantissimi altri NON sono rimasto fermo al '92, ma continuo ad andare avanti ascoltando solo quello che mi piace e che soprattutto mi EMOZIONA) andrò a vedermi questo festival (ho già il biglietto dei Maiden in tasca) e non vedo l'ora di essere lì a divertirmi, perché è questo che VOI MUSONI avete perso, il senso del divertimento, dell'allegria e della musica intesa non solo come arte, ma soprattutto come emozione,...ah, vi prego, non parlate di quello che non conoscete, per gli STONES ho pagato più di 200 euro e ne avrei pagato anche di più, perché, per chi come me li ha visti tante volte, vederli ma soprattutto sentirli da vivo è un'esperienza mistica, e se la metà delle band odierne suonasse (dal vivo) come loro allora sarei con l'anima in pace poiché saprei per certo che ci saranno sempre nuove emozioni da provare, ma purtroppo non è così....ah, giusto per finire, ho visto anche band minori (o presunte tali), e purtroppo per me mi sono divertito poco...ma la mia è solo un opinione personale...
LORIN
Venerdì 17 Novembre 2017, 12.31.16
59
Preso i biglietti per Ozzy.
Silvia
Giovedì 16 Novembre 2017, 12.37.37
58
Esatto Pink christ. Io, esempio, non mi sono mai interessata all'hard rock ma ora lo sto riscoprendo. Certo mi sento sempre sbalestrata perché non l'ho vissuto ma fa sempre piacere sentire certe cose anche se a posteriori non si coglie la stessa magia, secondo me. Viceversa purtroppo nel thrash (è il mio genere preferito) sento troppo le influenze degli anni 80 nei gruppi che stanno venendo fuori oggi e non riesco ad apprezzarli più di tanto. Non è una critica beninteso, solo la mia percezione. Comunque bello che facciano questi eventi non troppo a Nord perché presumo che sia più conveniente raggiungerli anche x chi vive al Sud.
Pink christ
Giovedì 16 Novembre 2017, 11.41.04
57
Intanto godiamoci i vecchietti e quando non ci saranno più ci penseremo.Anche il Prog per 20 anni è stato snobbato da quasi tutti ma da un pò di anni è ripartito alla grande, si vede sempre più gente che conosce le vecchie leve come King Crimson, ELP e Colosseum e son nati un sacco di nuovi gruppi capaci e interessanti. Nessuno potrà mai sostituire Maiden, Judas,Slayer e ostri sacri ma questo non vuol dire che in futuro non avremmo pane per i nostri denti. Sopratutto per quanto riguarda il Thrash stanno uscendo un infinità di band che fanno old school come piace a me.
ander
Mercoledì 15 Novembre 2017, 15.35.21
56
no vabbè...era per fare delle considerazioni. mi sembra ovvio che siamo tutti contenti che ci siano dei live di spessore
ObscureSolstice
Mercoledì 15 Novembre 2017, 13.09.41
55
Quando non organizzano niente si lamentano perché non fanno niente, quando organizzano qualcosa di grande il metal è morto e i grandi nomi fanno cagare...ma sarà che a tanti rode perché non possono andare a nessuna data...
Joey
Martedì 14 Novembre 2017, 22.12.28
54
...quando ci sarà tabula rasa ci penseremo al da farsi. Al momento mi stragodo i Guns, gli Iron, Ozzy e non sottovalutate gli Avenged che sono forti (concordo che i Judas dovevano stare più in alto nel bill). Se sono ancora questi "vecchietti" a darmi emozioni e scariche di adrenalina (quanto meno a me), ben vengano e che tornino il più possibile. Ci si lamenta quando l'Italia viene snobbata dai grandi gruppi, a sto giro che in 4 giorni ne vengono così tanti, si dice che siano bolliti e non ci sarà ricambio nel futuro...e sticazzi, vedremo che succederà nel futuro. I Guns ad Imola sono stati eccezionali, Steven Tyler a Firenze 2 settimane dopo idem e sabato andrò a vedere altri "vecchietti" a Milano chiamati Helloween. Avercene... Concordo alla grande con commento 20 e 21
Steelminded
Martedì 14 Novembre 2017, 21.58.14
53
Ander, quesito giusto e intelligente, io propendo e spero per la seconda ipotesi del ricambio generazionale...
Steelminded
Martedì 14 Novembre 2017, 21.54.05
52
Scusate, intanto chapeau per i grandi nomi... ma una domanda ovvia: è un festival tipo hellfest con 100 band o sono concerti singoli. Nel secondo caso meno interessante, ma sempre tanta roba e ringraziare per i criticoni italiani per anni senza grande festival europeo...
ander
Martedì 14 Novembre 2017, 19.34.36
51
ma difatti è un concerto Mainstream al apri di quelli di Ligabue e Muse, porta dentro tutti. gli sfegatati degli Iron, imetallozzi vari e un sacco di gente che conosce tre canzoni e basta...niente di male, anzi contento per loro e per tutti quelli che li amano.....è che dispiace che tanta gente non ci sia anche ai concerti di cosiddetta seconda fascia...quelli da 20 euro per intenderci.....e che siano i soliti vecchi 4 gruppi che macinano soldi......Il punto è: quando ci sarà tabula rasa si ritornerà nei localacci o ergeranno ad imperatore qlk gruppo minore che verrà fatto ingoiare a forza?
jaw
Martedì 14 Novembre 2017, 19.01.41
50
Ma io vado a vedere sia gli Iron e piu spesso piccoli gruppi anche black o death, non sicuramente Ligabue che col metal non c entra niente, queste si a parte i Foo
marmar
Martedì 14 Novembre 2017, 18.59.02
49
E io dovrei sborsare soldi per vedere i mitici Judas relegati a suonare prima di un gruppetto denominato Avangedqualcosa e di un signore che manco si regge in piedi e deve tutta la sua carriera a personaggi quali Iommi e Rhoads? Manco per idea, il 13 di giugno poi si sta bene al mare....
InvictuSteele
Martedì 14 Novembre 2017, 18.55.23
48
@Riccardo, concordo.
Riccardo
Martedì 14 Novembre 2017, 18.49.19
47
Evento pop. Non è una parola scandalosa, dovremmo averci fatto il callo: dischi che escono per TV Sorrisi e Canzoni, live con cinquantamila persone, passaggi anche nelle radio generaliste, convivenza nei live con quelli che i metallari chiamano "fan occasionali". No, è pop. È molto più comprensibile vedere un fan di Ligabue dai Guns N Roses o dai Maiden che un fan del trve.black.metal.
jaw
Martedì 14 Novembre 2017, 18.48.53
46
A me piace il metal classico, e per classico intendo ovviamente anche death o black , ma gli Enforcer di oggi per dire un gruppo che a me piace quali canzoni hanno scritto a livello degli iron? Ripeto senza paura di essere smentito questa web e piena di gente che ha una band e di li la voglia di cancellare band storiche senza avere cognizione di causa. Rileggere il commento sugli iron di oggi dell utente a cui ho dato ragione, a parer mio
InvictuSteele
Martedì 14 Novembre 2017, 18.43.35
45
Ma magari, non vedo l'ora che andranno in pensione questi (e mi spiace dirlo) ma almeno la gente aprirà gli occhi e magari ascolterà anche altre band oltre alle solite. E faccio questi discorso perché molti che conosco, che non muovono il culo manco a pagarli oro, si lamentano che i concerti metal costino di media 15-20 euro, poi però vanno a sentire i Maiden e i Metallica a 80 euro e per la settimana volta. Allora queste cose mi fanno incazzare, sono la rovina della musica.
lisablack
Martedì 14 Novembre 2017, 18.40.42
44
Prima o poi andranno tutti in pensione, non c'è nulla da fare..è natura, e il vuoto si riempirà. Rimarranno per sempre i dischi che ci hanno regalato, come sacre reliquie, il mondo andrà' ancora avanti..anche se l'Italia non va ai Mondiali, meglio così.. Fosse per me andrebbero tutti a lava' dei piatti..
Vitadathrasher
Martedì 14 Novembre 2017, 18.30.09
43
Da un lato sarebbe ottimo che tutti questi gruppi vadano in pensione in un sol colpo, i vuoti in un certo qualmodo sono li per essere riempiti, da cosa non si sa, anche dal nulla, arrivando a creare degli zombie discografici, una continua amarcord in mano alle cover band.
Silvia
Martedì 14 Novembre 2017, 17.19.01
42
Quotone x Angus! @Absÿnthe, mi fa solo piacere se non hai livore ma mi hai dato questa impressione x l'aggressività con cui hai attaccato i gruppi e x la superiorità con cui guardi gli altri ascoltatori. A me questi giudizi non verrebbero mai in mente né mi è mai interessato se un gruppo sia grande, piccolo, originale o derivativo. L'importante che mi piaccia anche se personalmente preferisco i concerti nei piccoli club e spesso ho ancora la vecchia mentalità thrash x cui va benissimo se il gruppo non esce tropo dall'underground. Se poi la gente adora un vecchietto stonato non mi riguarda, proprio non ci penso... Invece sono d'accordo con te sul ruolo del rock oggi, istituzionalizzato e "moralizzato". Ma anche di quello chissene, non ho bisogno di trasgressione
Elia u.u
Martedì 14 Novembre 2017, 17.06.28
41
Sinceramente,non perderò occasione di andarci.
Angus71
Martedì 14 Novembre 2017, 16.50.45
40
mah, secondo me, morto un papa se ne farà un altro. nel senso che finiti gli iron, andrò di sicuro a sentire qualche altra band (anche se,finiti loro, io sarò in là con gli anni...) . per ora mi godo chi mi ha fatto crescere musicalmente ed a cui sono affezionato. più avanti si vedrà. e,comunque, anche iron,metallica,acdc ecc... hanno fatto gavetta all'ombra di mostri sacri della musica. come si dice, se son rose, fioriranno.
Absÿnthe
Martedì 14 Novembre 2017, 16.34.12
39
@Metal Shock (commento 34): hai esplicitato ciò che nel mio commento era una conseguenza implicita. La colpa non è dell'assenza di nuove leve in grado di stare al passo con le vecchie; la colpa è del grande pubblico che, notoriamente per costituzione, è pigro, svogliato e routinario. Morti Ozzy (oddio, deve ancora!?), Maiden, Rolling Stones (ma ha davvero senso pagare 200 €, il minimo, per guardare uno che tira un bending stonato ogni mezz'ora, fingendo di essere ancora uno scapestrato, e l'altro che si atteggia ancora a sciupafemmine sul palco, a 74 anni suonati, e fuori dal palco esibendo la nuova fiamma di 22!?), Metallica, e via discorrendo, vi daranno in pasto i nuovi classici: Avenged Sevenfold, In This Moment e compagnia trans-eunte... Viviamo dal '94, almeno, attaccati a continui revival, più o meno diluiti, delle stesse cose. Il giorno in cui finirà, ci troveremo con la necessità (anzi, a dirla tutta, sarà il grande pubblico modaiolo a trovarcisi - dato che, personalmente, me ne fotte il cazzo se si estingue un genere fatto per lo più di rutti e sudore riciclato di continuo) di "accorgerci", facendolo "improvvisamente", che esiste(va) molto altro da poter apprezzare - anche se non ha più il giro di basso al galoppo, un -EAH! in finale di una parola sì e l'altra pure, il doppio pedale a elicottero dall'inizio alla fine. Quando sarà la fine, senza frustrazione e senza livore (mi riferisco @Silvia), farò (già faccio) come @lisablack (con la quale, per una volta sono in sintonia): sguardo in avanti. Ah, peraltro, io non sento il bisogno del grande evento da 50.000 persone: la massa, per sua natura, è un qualcosa che mi repelle - quanti di quei 50.000 sono in grado di discernere la qualità e quanti, invece, sono a vedere il grosso nome solo perché tira e, ormai, trascinato nell'innocuità più totale, lo si ritrova persino nelle pubblicità e praticamente a icona da emulare per semplice, meccanica e compulsiva moda!? (e, a proposito: ma questo genere, e il rock tutto in generale, non doveva far paura alle istituzioni, ribaltare i luoghi comuni, essere anticonvenzionale?) Proprio vero: ai poster-, l'ardua sentenza.
ander
Martedì 14 Novembre 2017, 16.00.46
38
il discorso declino-metal penso sia complesso e non riguardi solo il metal ma la musica in generale. Il marketing delle band, il supporto discografico non sono più quelli di una volta. L'ultima ondata c'è stata a fine anni 90 con il cosidetto Nu metal. non ci sono più band come Nirvana, Guns, Deftones che con un paio di album all'attivo riempiono stadi. Non ci sono più perchè le band non vendono dischi e son meno seguite. Nessun gruppo post 2000 riempie stadi, almeno qua in Italia. rimangono i vecchi gruppi, quelli di cui la gente ha a casa una cassetta, un cd e non un file come tanti su un pc....questa è la differenza.....poi c'è il pubbico che non fa molto sforzo...Certo che se però ascolti Virgin Radio la canzona più recente è degli anni 90...siamo colpevoli tutti. Noi che consumiamo e chi ci da da mangiare che ci da sempre la stessa minestra
Fabio Rasta
Martedì 14 Novembre 2017, 8.43.35
37
Anch'io come tanti, provo rigurgito nel vedere i JUDAS trattati come novellini. Però come nel calcio conta il campo, qui parla lo stage. Se una Band ha l'umiltà di mettersi in gioco in questo senso, se è in forma può trarne dei vantaggi. Mi spiego meglio con un esempio: ho visto i MOTÖRHEAD suonare prima di una Band chiamata SLIPKNOT che nemmanco avevo mai sentito nominare, ma apparentemente + popolare tra i giovani (gli headliner erano gli IRON). Raga, LEMMY ha detronizzato tutti, lo ha sempre fatto e non ha mai avuto paura di nessuno. E sempre con una grande umiltà. X cui può essere un occasione per TIPTON e soci di tornare un po' alla ribalta magari fra un pubblico di + giovani. Sul resto preferisco non commentare.
lisablack
Martedì 14 Novembre 2017, 8.10.47
36
Sono in linea col post di Metal Shock..mi pare che ci sia poco da aggiungere. Io sono ottimista riguardo il futuro del Metal, e credo che non finirà' nulla..se gli Iron si dovessero sciogliere oggi, non mi taglirei le vene dalla disperazione..io guardo avanti, il passato glorioso non torna specialmente per chi va verso i 60 anni o i 70. Io credo che la nostra musica andrà' avanti per chi è davvero appassionato..
Silvia
Martedì 14 Novembre 2017, 7.53.03
35
Ma questa sensazione di già sentito l'ha avuta anche la generazione precedente alla nostra. Io ricordo come ci prendevano in giro perché ascoltavamo i Maiden dicendoci che erano una copia dei Deep Purple, però alla fine la "nostra" musica ha fatto il botto comunque nel mondo del rock. @fasanez, io credo che se ci fosse sostanza il focherello si sarebbe già visto invece x me il punto è che nessuno ancora ha mostrato una personalità tale da scalzare i vecchi. Ma ovviamente spero che ci siano. E ci saranno perché nessun genere è mai morto.
Metal Shock
Martedì 14 Novembre 2017, 7.28.51
34
Se la maggior parte di coloro che ascoltano metal rimane ancorata al passato e alle grandi band ormai sul viale del tramonto, ed ascoltando, raramente, qualcosa di nuovo pensano "questi mi ricordano quel gruppo del passato che e` meglio, quindi torno ad ascoltare il passato", allora il metal morira`. La mia speranza e` che le nuove generazioni, nel pieno rispetto di cosa e` stato, guardino avanti e vadino oltre, gia` oggi ci sono ottime band, basta avere voglia di cercarle, e dare l`opportunita` di crescere, senza continuamente fare paragoni col passato.
fasanez
Lunedì 13 Novembre 2017, 22.17.35
33
Citando un'intervista molto nota ai "gialappari", sono pienamente daccordo a metà con @LORIN al commento 24. Sono daccordo che finirà, punto, ma non rimarrà solo cenere, imho, ci sarà del fuocherello che pian piano magari ridarà vita a qualcosa di interessante. La domanda è però, in un mondo musicale comandato ormai da canali come i reality, dove la musica si giudica dalle cover e dalla capacità di essere personaggi da bruciare (sfruttare) per poco tempo e via, rinasceranno delle vere "star", delle vere band che con pezzi propri portano più di 50.000 persone ad un live? La musica rock come la intendono la maggior parte, penso, dei nati negli anni 70 finirà, ma la nuova musica produrrà artisti come Ozzy (me lo immagino 20enne a un provino di American Idol.... ), o ci darà in pasto magari belle voci, ma solo capaci di fare il verso a qualcun altro? (penso a Adam Lambert, ad esempio) La risposta l'avremo solo vivendo, di sicuro non finirà tutto, magari finirà la musica come la pensiamo e viviamo "noi". Comunque, abitando a un chilometro dall''ippodromo, Ozzy me lo vado a vedere, il resto lo passo.
Painkiller
Lunedì 13 Novembre 2017, 20.30.01
32
Tranquilli, gli avenged sono prima dei Judas solo sulla carta, perché quello pubblicato é un ordine di base fatto dai promoter in base al pubblico americano. Alla fine i Priest suoneranno prima di Ozzy.
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 20.14.45
31
Comunque non dobbiamo essere disfattisti, la storia presenta sempre corsi e ricorsi. Quando i Maiden si affacciavano alla scena e cioè prima di avere il contratto e in pieno periodo punk il rock duro veniva chiamato "dinosaur rock" e si pensava che fosse destinato ad estinguersi... Invece.... Come sono andate le cose è sotto gli occhi di tutti, e ben oltre le più rosee aspettative x tutti quei gruppi più o meno famosi oggi prossimi alla pensione ma che continuano e (piaccia o non piaccia) sono i più seguiti in tutto il mondo.
jeffwaters
Lunedì 13 Novembre 2017, 19.18.22
30
@rik bay hai perfettamente ragione...io RINGRAZIO di poter vedere le cariatidi
EVH
Lunedì 13 Novembre 2017, 19.14.46
29
Uno schifo la posizione in terza fila dei Judas Priest .... Che fa soli si mangiano tutto il BILL dei 4 gg ......!!!====
ObscureSolstice
Lunedì 13 Novembre 2017, 19.09.37
28
Non può essere un festival, altrimenti a giornata costerebbe moolto di più. Sono i soliti prezzi di concerti singoli...e altre band quindi niente..a parte secondo me qualche band sfigata per risparmiarci, ma sono pronto per essere smentito
Fabio Rossi già hm is the lal
Lunedì 13 Novembre 2017, 19.02.39
27
Trovo vergognoso come abbiano trattato i Judas Proiest che meritavano quando meno di suonare prima dei Maiden o di Ozzy,
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 19.00.38
26
Concordo con rik e LORIN (sperando che non finisca tutto però ) e la prima parte del post di @tino.
rik bay area thrash
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.55.14
25
Ognuno la pensa a proprio modo ed è giusto sia cosi. Quando purtroppo non ci saranno più tutte quelle band che hanno creato, forgiato e portato fino ai giorni nostri, quello che tutti conosciamo come heavy metal, beh sarà un momento molto triste. Chi più chi meno tra alti e bassi, delle storiche band, alcune presenti in questo bill, sono parte della storia di un movimento musicale (l' heavy metal) che resterà comunque incastonato indelebilmente nei ricordi di chi è cresciuto anche con la loro musica. La nuova storia che verrà è ancora tutta da scrivere e soprattutto da realizzare ( e da suonare). A tempo debito giustamente ognuno farà le proprie scelte .... (imho).
LORIN
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.46.07
24
@tino Hai ragione e sarà come tu dici. Le cariatidi (mi fa sbilicare sto termine) vivono ancora perchè intorno a loro (economicamente intendo) c'è il nulla. Nessuna BEST BAND del momento porta l' 1% di quanto porta una cariatide a chi DEVE guadagnare, il resto è aria fritta. Io nel mio piccolo faccio molti mercati/fiere del vinile e se non ci fossero i loro dischi da vendere, sarebbe tutto inutile. Questo è. Tra cinque/sei anni sarà tutto finito....ma sul serio.
ObscureSolstice
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.42.35
23
4 concerti serali di fila con 2 o max 3 gruppi a giornata x 60-80 euri a serata...solita italianata per specularci sopra. Metterli tutti insieme no?? O max in due giornate con molti altri gruppi ovviamente...I tempi del gods non esistono più
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.36.17
22
*social inteso come comunicazione 2.0
tino
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.34.34
21
Io invece non sono d'accordo ed e' una cosa già discussa mille volte. Le nuove leve ci sono già e tutti ne seguiamo qualcuno chi più chi meno che altri a loro volta non seguono. Ad esempio vorrei andare il mese prossimo a vedere i myrath e i vuur, ma sono headliner gli epica che non mi dicono nulla mentre ad altri invece piaceranno sicuro...morale quasi sicuramente non andrò. Invece gruppi come i Maiden almeno live mettono tutti d'accordo così come judas o ozzy. Quando finirà tutto non ci sarà più nessun Rinascimento, semplicemente finiranno i mega eventi e andremo solo nei.localini come già facciamo
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.34.24
20
I social sono nati con l'intento di creare una comunicazione più veloce e di azzerare le distanze fra le persone invece purtroppo stanno diventando sempre più il terreno in cui le frustrazioni trovano il loro sfogo. Haters gonna hate. Sad but true.
Metal Shock
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.17.36
19
Stavolta mi sono astenuto....ci ha pensato Absynthe....
Absynthe
Lunedì 13 Novembre 2017, 18.14.57
18
La cosa stupenda è che sta finendo tutto... Sono contento. Troppo. La decadenza di questo ambiente - un tempo florido di idee (ora solo di pose) - è perfettamente declinato dalle scelte dei festival: cariatidi e, Foo Fighters a parte, coverband che scalzano altre cariatidi... Sta finendo. Sta finendo questo circo di puttane in menopausa, di gigolò cui non tira manco in overdose da Cialis e di trans che non sanno a che genere votarsi. Sta finendo... Finalmente. Sarà la morte e la, forzata, rinascita di qualcosa di realmente nuovo. Non vedo l'ora che passino altri cinque/sei anni. Come non vedo l'ora che la Svezia umili l'Italia con un catenaccio che neppure la Grande Muraglia...
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.53.15
17
@Evilneverdies9 hai ragione
Evilneverdies9
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.50.56
16
Mah, sta storia che bisogna pagare di più per stare sotto al palco fa poco metal. Prima si arrivava di notte e si correva all'apertura. Cmq i ragazzi di oggi sono molto più ricchi di noi quando eravamo ventenni se riescono a spendere ste cifre tranquillamente in 4 GIORNI.
angus71
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.25.53
15
thanks
Er Trucido
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.25.20
14
angus, aggiungeranno altre band nei prossimi giorni. Quante e quali è un altro paio di maniche
angus71
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.22.42
13
sapete se ci saranno altre band prima? nel senso, sarà un vero e proprio festival con altre band?
klostridiumtetani
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.22.05
12
Secondo me i Judas daranno forfait. Scaletta del cazzo e da incompetenti. Perché non hanno messo la prima serata con i "Fuffa Fighters" di spalla ai Judas ? Uno scempio. W l' Italia.
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.17.13
11
Pero' secondo me gli Avenged si meritano il posto perche' stanno crescendo nel panorama internazionale (a prescindere che piacciano o meno). Sono i Judas che sono scandalosamente in basso, una vergogna! Ma purtroppo contano sempre gli spettatori=soldi che un gruppo porta, che, x rispondere ad entropy, vengono piu' dagli Avenged che dai Judas credo.
lisablack
Lunedì 13 Novembre 2017, 17.10.43
10
Il nome dei Judas è l'ultima ruota del carro..non si può vede' una cosa del genere! I Foo Fighters poi..quelli mi chiedo, con tutto il rispetto, come fanno a campa'..band proprio che a me è indifferente , non mi dice nulla..
AkiraFudo
Lunedì 13 Novembre 2017, 16.28.55
9
...il posizionamento dei Judas è scandaloso.
Giaxomo
Lunedì 13 Novembre 2017, 16.22.10
8
Quoto Entropy e AL.
AL
Lunedì 13 Novembre 2017, 16.18.55
7
che colpo vedere i Judas sotto a un bollito e a un gruppo di poser... che tristezza
nonchalance
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.55.18
6
A quanto pare, chi più costa più sta in alto..
entropy
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.35.07
5
ma davvero ormai i judas sono meno "importanti" (se non storicamente , dal punto di vista commerciale) di questi avenged sevenfold? a me nonostante tutto mi pare davvero strano... questo tralasciando la questione che può apparire scandaloso la scelta da un punto di vista di rispetto per la storia etc.. (premetto che non sono uno che impazzisce per i judas... )
angus71
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.33.08
4
quest'anno festival nostalgia in giro per l'europa ma fighi... ci sarò in belgio, vediamo se fare anche firenze.
Silvia
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.22.55
3
Hahaha, bella LORIN
ricco96
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.19.28
2
Ellamadonna
LORIN
Lunedì 13 Novembre 2017, 15.11.34
1
Alla faccia della pensione hi hi hi hi hi hi hi......sembra l'ultimo Monster Of Rock di sempre: o adesso o mai più.
ALTRE NOTIZIE
13/11/2017 - 14:39
FIRENZE ROCKS: a giugno Iron Maiden, Foo Fighters, Ozzy Osbourne, Judas Priest e Guns n' Roses
10/11/2017 - 10:37
GUNS N` ROSES: il 15 giugno al Firenze Rocks
14/11/2016 - 13:27
FIRENZE ROCKS: a giugno Aerosmith e System of a Down nel capoluogo toscano
ULTIME NOTIZIE
20/11/2017 - 18:29
MYSTIC PROPHECY: a gennaio uscirà un disco di cover
20/11/2017 - 18:21
DEF LEPPARD: iniziati i lavori sul nuovo disco
20/11/2017 - 11:50
WITHIN TEMPTATION: al Fabrique di Milano a dicembre 2018
20/11/2017 - 11:36
PROSPECTIVE: sabato 25 novembre a Imola
20/11/2017 - 11:17
UFOMAMMUT: questo venerdì in provincia di Bari
20/11/2017 - 11:07
COUNCIL OF RATS: il 25 novembre nel reggiano
20/11/2017 - 10:53
AN EVENING WITH KNIVES: firmano per la Argonauta Records
20/11/2017 - 10:45
FACELESS BURIAL: 'Grotesque Miscreation' uscirà a gennaio per la Blood Harvest
20/11/2017 - 10:40
BLEED AGAIN: ecco il video di 'Legacy'
20/11/2017 - 09:47
NOVA: ascolta due nuovi brani
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]