Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Il Volantino
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/12/19
HAXANDRAOK
KI SI KIL UD DA KAR RA

19/12/19
DAEMONIAC
Dwellers of Apocalypse

20/12/19
NEUROSPHERE
Anthem of the Lost - part I Nightwars

20/12/19
EMBRYO
Misguided Legacy

20/12/19
SUN OF THE ENDLESS NIGHT
Symbols of Hate and Deceitful Faith

24/12/19
THE BASTARD WITHIN
Better Dead Than Friends

27/12/19
CIANIDE
Unhumanized (EP)

09/01/20
WAR DOGS
Die By My Sword

10/01/20
UNREQVITED
Mosaic II

10/01/20
OCEANS
The Sun and The Cold

CONCERTI

17/12/19
THE TREAD MANICS + GUESTS
KILLJOY - ROMA

18/12/19
SPECTRAL VOICE + EKPYROSIS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

19/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + BLOODSHED + NECROFILI
TRAFFIC CLUB - ROMA

20/12/19
DARK FUNERAL + GUESTS
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

20/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + TOL MORWEN
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

20/12/19
RAIN + GUESTS
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

20/12/19
EGOSYSTEMA + TREWA
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

21/12/19
DARK FUNERAL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

21/12/19
SCARLET RECORDS FEST
LEGEND CLUB - MILANO

21/12/19
BENEDICTION + DISTRUZIONE + DEMIURGON + MEMBRANCE + GUEST TBA
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

ROCK THE CASTLE: svelate le prime band
21/11/2019 - 11:38 (7796 letture)

Legalizedrugsandmurder
Venerdì 29 Novembre 2019, 22.27.50
223
@Obscure no, dico che ai concerti vedo pochissima gente in le loro magliette... ma posso metterne una di gruppi più rari... @Silvia a me Resist piace x il resto concordo con te!
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 22.23.53
222
@Legalise, non sbagli nel senso che anche se la nuova direzione non mi piace e' un gruppo a cui tengo moltissimo e vorrei vedere dal vivo anche tutt'oggi, non solo x la musica ma anche x lo spettacolo. Poi Sharon e' tuttora la mia cantante preferita (voce femminile). Anch'io penso sarebbe impossibile perche' mi sembra che gli headliner siano gia' definiti! I Meshuggah sono in altri festival nella penisola iberica in quei giorni mi sembra
ObscureSolstice
Venerdì 29 Novembre 2019, 21.32.51
221
Al tuo post @210 sulla maglia se dei Bolt Thrower o Type O Negative non è che siano dei sconosciuti, dici che non ce l'avrà nessuno?
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 29 Novembre 2019, 21.22.53
220
@Obscure non suggerirlo, potrebbero farlo veramente
ObscureSolstice
Venerdì 29 Novembre 2019, 21.20.16
219
Facciamo dieci date e non se ne parla piú
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 29 Novembre 2019, 21.02.11
218
@Silvia se non ti confondo con un altra sei fan dei Within Temptation... io li vorrei se non headliner almeno co-headliner degli Avantasia... ma mi sa che è impossibile. Una giornata con Meshuggah e/o Morbid Angel headliner per me perfetta... spero il 3...
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 20.41.34
217
Io penso che arriverà una giornata death/thrash. Come avevo scritto sotto era strano che mancasse il thrash! Comunque ottimo! Molto contenta x loro!
Elluis
Venerdì 29 Novembre 2019, 20.38.59
216
Il 26 no di sicuro che suonano ad Oslo, magari il 3... sarebbe perfetto!
Shock
Venerdì 29 Novembre 2019, 20.10.48
215
Mi sa che avevo ragione: Faith no More in arrivo!!! (Ma anche sul commerciale 😁
Elluis
Venerdì 29 Novembre 2019, 19.24.27
214
Raga, senza entrare nelle vostre discussioni, ma giusto per gettare un po di benzina sul fuoco, HANNO APPENA ANNUNCIATO 2 NUOVE DATE DEL ROCK THE CASTLE: 26 giugno e 3 luglio! Al momento pare che non siano ancora state annunciate le band che suoneranno in quei giorni ma credo che lo comunicheranno a breve!
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 16.38.12
213
Anche x me!
tino
Venerdì 29 Novembre 2019, 16.23.22
212
Ma ben volentieri
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 29 Novembre 2019, 14.40.20
211
Chi ci sarà si palesi, un piacere conoscervi tutti!
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 29 Novembre 2019, 14.39.57
210
@Silvia @Tino io ci sarò quasi sicuramente, penso avrò la maglietta dei Bolt Thrower o dei Type O Negative così sarò riconoscibile non ce l'avranno in molti
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 13.03.20
209
tino tranquillo, non ho mai pensato che tu non andassi ai concerti d'inverno x spocchia, era solo un parametro che io non ho mai considerato e so benissimo che segui molti gruppi meno famosi (che poi, ognuno segue chi vuole!). Un'ultima cosa poi chiudo, vedi a me invece e' capitato di andare a sentire gruppi di cui conoscevo solo qualche pezzo perche' a volte vedere certe esibizioni dal vivo mi ha spinto ad approfondire la band anche su disco o apprezzarla di piu'. Ok ora chiudo se no son guai !
tino
Venerdì 29 Novembre 2019, 12.45.29
208
Silvia l’età ti fa diventare selettivo e prudente, ma nello stesso tempo cerca di spingerti a non sprecare il tuo tempo invano. Se possibile, per questo, cerco ancora nel mio piccolo di seguire qualche concerto a patto che certe condizioni siano rispettate. Le selezioni poi le fai in base a disavventure o disagi. Se decido di non andare a un concerto invernale non lo faccio per spocchia, ma perché ho vissuto concerti scomodissimi con fuori freddo micidiale, dentro forno con la giacca e la sciarpa in mano tutto il tempo, poi uscita di nuovo al freddo con rischio coseguente malanno...alcune volte è capitato altre no, adesso come adesso preferisco rinunciare. Se non mi diverto non ha senso ripetere l’esperienza, stessa cosa quando vado ad un concerto e non conosco le canzoni, il concerto mi piace meno, quindi cerco di andare a concerti di gruppi dei quali conosco i pezzi. Comunque a scanso di equivoci, qualcuno che mi legge mi ha detto che vado solo ai grossi concerti dei dinosauri, posso garantire che prediligo e frequento quasi solo i concerti medio piccoli, però ammetto che il concerto del big o in sede estiva o in comodo palazzetto tipo bologna o assago è sempre un piacere della vita a cui se posso non rinuncio, non per niente mi sono appena regalato il biglietto per gli iron a bologna
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 11.55.51
207
tino intendo proprio cio' che hai citato, cioe' il fatto di essere molto selettivo x diverse ragioni, cosa che magari ti porta a reputare impensabile che aggiungere un gruppo che suona mezz'ora possa fare la differenza oppure il fatto che la stagione possa influire (es.). Non era una critica, ognuno vive questi eventi in base al proprio modo di vedere (e alle proprie possibilita', ci sono anche gli impegni e la pecunia di cui tenere conto)
tino
Venerdì 29 Novembre 2019, 11.38.50
206
Ho capito, non ho capito però quale sarebbe il mio modo...io vado a concerti da trent'anni, ultimamente riduco in base alla lontananza, evito Milano, evito i concerti invernali ed evito di arrivare all'ultimo secondo. Ultima cosa cerco di godermi se possibile i gruppi della mia adolescenza, che ho snobbato per almeno un decennio tra la metà degli anni 90 e la metà degli anni 2000. Ho dimenticato qualcosa?
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 11.36.00
205
tino comunque farebbe piacere anche a me, se ci pensate in molti ci sentiamo quasi tutti i giorni!
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 11.03.43
204
tino da come hai scritto tante altre volte hai un modo di vedere i concerti molto diverso dal mio, lo rispetto ovviamente ma non lo condivido. Diverse volte ho fatto tanti chilometri x i gruppi spalla e x es. metti che aggiungano qui un gruppo come i Domine che l'anno prossimo sono in giro x festival... ma sarebbe fantastico che suonassero anche solo x mezz'ora o 45 minuti! Hai visto la durata del Rock the Castle l'anno scorso? Inizio alle 14:30 e dal terzo gruppo 45 minuti a testa x finire con gli headliner che salgono alle 21:30, tante ore di grandissima musica e a prescindere da quanto si ascolti un gruppo su disco e' sempre bello vedere suonare grandi musicisti. Quelli che ho citato sono solo i preferiti di ogni giornata ma e' ovvio che mi interessano anche gli altri, senza contare che diventa un'occasione di ritrovo con amici che magari non si vedono da tanto. @Gals, scordati che io indossi mai una maglietta dei Poison! comunque ottima idea la tua!
tino
Venerdì 29 Novembre 2019, 10.15.22
203
io ci sono al 100 per cento, il trittico venom emperor mercyful è imperdibile
Galilee
Venerdì 29 Novembre 2019, 10.13.29
202
Sarebbe fico trovarci tutti il 5. Tutti ubriachi con la maglietta dei Poison a pogare a suon di Emperor molestando chiunque....eh eh... Ovviamente scherzo... meglio precisare prima che Lambru mi prenda sul serio..
tino
Venerdì 29 Novembre 2019, 10.08.11
201
Silvia mi sa che le scure salsicce (saranno di sanguinaccio) ti hanno tirato nel trappolone…è evidente che non verrai a nessuna data anche perché le aggiunte che asupichi saranno inevitabilmente i gruppi di apertura che di regola suonano poco. Il fatto che non hai citato nessun headliner, che solitamente assieme ai numeri due sono quelli che fanno smuovere i deretani più impigriti, è un indizio abbastanza affidabile che stai bleffando. Peccato ci si potrebbe trovare tutti il 5.
Silvia
Venerdì 29 Novembre 2019, 9.53.10
200
Beh a quale data andare dipenderà anche da quali altri gruppi verranno annunciati, la scelta sarà fra le giornate di Angel Witch, o Alestorm e Emperor
ObscureSolstice
Venerdì 29 Novembre 2019, 6.40.18
199
Ci andrai? ohoh, bene..allora tutto cambia, perchè stare a dire supportare ma senza andarci, non avrebbe molto senso. A quali date o a quale data pensi di partecipare? @191 Metalshock, purtroppo posso dire che le sonorità sono quelle giuste e mi baso sul materiale (non sul fortuito o meno clamore di visibilità) quante band si rifanno ai classici da che mondo e mondo come è normale che sia...solo dopo c'è l'incredulitá allarmante pensando a quello che fa troppo il verso a Plant o a Page dopo quanto chiesto per doppia data, popolarità per assomigliare a qualcuno, ma si rifanno troppo a con chi già detto troppo identico con i suoni pari e non accenati..li hanno aiutati i terzi per quello cosa credi per diventare il nuovo tormentone coverizzato visto che i Zep non si vogliono 'riunire' a suon di milioni; le case discografiche ora sono cosí, speculative, ma se..non vogliono rimanere delle cover devono osare...ci vuole coraggio, devono strafare
Silvia
Giovedì 28 Novembre 2019, 23.51.15
198
Stenti e buonismo (?) sono una tua interpretazione distorta. Di sicuro se potrò supporterò l'evento, certo, x me merita ///. Mulo vero quel che dici sui bianchi nel rap. Buona serata
ObscureSolstice
Giovedì 28 Novembre 2019, 23.05.36
197
Sissy, io non guardo la fama o la risposta radiofonica ti sbagli, ma il prodotto e lavoro conclusivo finale. Un black album è stato massacrato per quello. X-Factor dei Maiden è stato snobbato per il cambio cantante, non per il contenuto. Load come si fa a non apprezzare se piace l'hard rock e le viscerazioni stoner, dico. Per fare due esempi dei piú comuni. Tuttavia ci sono tra i miei gusti dischi o band note per la commercializzazione "easy" ma onestamente bravi, poi ci sono altri pieni di successo discutibile ma mediocri o comunque non bravi a parer mio e non mi piacciono, che sarebbero quelli che hanno avuto visibilità da subito piú del dovuto non per quanto fatto ma per aiuto da terzi. Posso passare dalla band più trucida a quella che ha riscosso più successo, ma quelle che lo hanno meritatato è chiaro che le premio con la mia considerazione, anche se tanti possono andare contro. Il problema è solo unicamente quando non è meritato come appunto i greta van flet non è meritato e sfacciatamente spudorato, ma aspetto ancora di essere smentito. È come mettere il figlio di un alto dirigente alla carica di direzione dell'azienda: questo è il successo della nuova leva, io ne sto alla larga e valuto chi merita. Per il rock in the castle, non pensare che muoiano di stenti, non è un evento di cui hanno problemi, fai una cosa supportalo tu visto che parli tanto di supporto con un "non so che" di strumentalizzato buonismo; il mio contributo l'ho giá dato per molto tempo nell'heavy metal con chi di dovere
Mulo
Giovedì 28 Novembre 2019, 20.31.16
196
È l’industria discografica (le major) che influenza e manipola i gusti degli adolescenti utilizzando i canali di comunicazione. Fino a circa metà anni ‘80 il rap un USA veniva ascoltando praticamente solo da afroamericani, poi è arrivata Walk this way e le cose sono iniziate a cambiare. Eminem ha detto che alle superiori era l’unico bianco a sentire rap. Gli altri studenti bianchi sentivano i Guns (letto in un’intervista anni fa). Buona serata ragazzi.
Shock
Giovedì 28 Novembre 2019, 20.14.27
195
Se si tratta di rock ho ragione, altrimenti..... beh finirà anche per il rap, fattene una ragione. Ciao.
Replica Van Pelt
Giovedì 28 Novembre 2019, 19.18.05
194
@ Shock non hai torto,ma solo in parte,le generazioni vivono e sono mutevoli (per fortuna) il loro tempo,a ciascuno il suo,la sponsorizzazione discografica conta fino ad un certo punto se non c'è l'humus dove pescare,oggi è una cosa forzata,tipo raschiare il fondo del barile "del rock",ma finirà,se non c'è qualcosa di spontaneo finirà,pazienza,non è che non ci dormo,si vede che è giusto così.ciao
Shock
Giovedì 28 Novembre 2019, 19.04.56
193
Infatti sono le varie generazioni che fanno sì che una scena musicale vada avanti o meno: ieri il rock, oggi il rrrrraaaappp, domani chissà....😱
Replica Van Pelt
Giovedì 28 Novembre 2019, 18.16.00
192
Ricordo che sul finire dei 70 e almeno fino a metà 80 (però a calare) ci fu un ondata di band che nascevano ovunque,post punk e metal poi hardcore,ricordo veri e propri festival anche nei circoli arci o case del popolo dove suonavano dal pomeriggio fino a notte fonda,c'era davvero un grande fermento ma,questo è importante,era spontaneo e sopratutto non era ancora stato assorbito dal "giro" grosso,quando iniziarono a volerci guadagnare soldi tutto iniziò a spengersi,qualche anno dopo non c'era più nulla,oggi il deserto,anche mentale (vedi rock contest) di questi ultimi decenni.Oggi questo si è spostato sul rap o trap (il rap ha generato buonissime cose),lasciamo perdere il lato più bimbiominchiosodasanremo,ma oggettivamente ai più giovani interessa questo (e nemmeno la vecchia scuola del rap).
Shock
Giovedì 28 Novembre 2019, 17.16.14
191
@Tino: beh proprio sottovaluto Ice T non mi sembra, anche con i BC! @Obscure: questione Greta Van Fleet: come sai io sono partito dagli Zep e li adoro, ma mi piacciono (cosa diversa da dire che sono straordinari) i Greta, in virtù delle loro canzoni. Non sono di certo di quelli che scopre gli Zep dopo quarant'anni, e penso di avere un buon bagaglio musicale per poter giudicare (al netto delle opinioni personali) un gruppo; i Greta sono una delle tante band revival di questi anni, con la differenza che per un motivo o l'altro hanno avuto più successo, spinti dalla casa discografica e dai manager, giudicarli in modo negativo solo per il successo ottenuto mi sembra eccessivo. Il futuro, prossimo disco il prossimo anno, darà ragione ad uno o all'altro. Conosci i Dirty Honey o i Goodbye June? Sono altri due gruppi che come i Greta hanno molto in comune con gli Zep, differenza che in pochi li cagano. Non farei tutti questi drammi. Questione Italia: il popolo italiano è sempre stato esterofilo ancor di più oggi: anni anni fa andai a vedere gli Elektradrive in montagna in una birreria, forse venti persone per uno dei migliori gruppi AOR/hard rock del mondo, che ci vuoi fare?? Sui Rhapsody devo però dire che all'inizio neanche facevano concerti, cosa che di certo non li ha aiutati. Comunque il discorso finisce sempre li: se non c'è cultura musicale, dove vuoi andare??
tino
Giovedì 28 Novembre 2019, 16.59.35
190
Si cita tanto il rap, genere che ovviamente odio, ma per Dio quanto mi sarebbe piaciuto che avessero infilato pure ice t con i suoi body count che fanno concerti pazzeschi nei festival estivi, artisti troppo sottovalutati
Replica Van Pelt
Giovedì 28 Novembre 2019, 15.33.09
189
@ No Fun #167 mi piace il tuo commento,hai tirato fuori una cosa che non era stata considerata,le radici,il folk e il blues,il cuore pulsante di tutto.Se le radici ci sono e anche qualche germoglio spontaneo (non forzatamente clonato) quello che manca è l'interesse,niente è eterno le cose evolvono e altre si esauriscono,quelle radici resteranno ma solo in un immaginario collettivo o qualche appassionato che ne raccoglierà il lascito,ora c'è altro e non è una questione di moda (il rap in fondo è nato afroamericano ed è considerato a torto o a ragione un evoluzione del blues),è che niente come lo vediamo o lo viviamo oggi o lo abbiamo vissuto ieri è immutabile,purtroppo il rock è arrivato ad un punto che lo è,per questo dico che il rock è morto,ma non vuol essere un proclama,o una sentenza,o una visione standardizzata,è un pensiero che può valere quanto un altro,ma culturalmente non interessa,forse c'è più un "riconoscersi" in un rock estremo (non lo chiamo più con i nomi di sottogeneri,tanto è rock) che a suo modo è più vicino alla loro realtà (questa realtà),altro che riciclare influenze modaiole anni 70/80 macchì ci crede!
Silvia
Giovedì 28 Novembre 2019, 14.18.05
188
#186, La moda non c’entra niente, è una tua ossessione dato che stronchi i gruppi solo perchè hanno successo e sono sulla cresta dell’onda. Ma questo è un atteggiamento superficiale che è esattamente uguale a quello di chi ascolta la musica in modo usa e getta. Nessuno in 180 commenti ha detto di volere successo di massa x il metal italiano, proprio nessuno ha parlato di volere il metal di moda ma del RICONOSCIMENTO ai gruppi italiani di poter portare avanti la musica che amiamo. Perchè senza supporto, senza partecipazione e senza chi si sbatte x organizzare uno spettacolo come questo tutta la scena muore.
ObscureSolstice
Giovedì 28 Novembre 2019, 13.44.31
187
*il rap/hip hop nacque negli United States
ObscureSolstice
Giovedì 28 Novembre 2019, 13.38.26
186
Ahaha oppure, non ascoltarli del tutto vero sissy? Evabeh, senza volerlo ti sei autofotografata, da che pulpito della ragione di non avere ragione. Io li ho visti anche dal vivo..che amarezza, altrimenti non parlerei come chi ostenta band che gli propinano il primo media che capita e tutto va bene, o chi nomina sempre e ci ficca "la moda" in ogni discorso musicale perchè inconsciamente egli forse ne fa parte a cui fa riferimento. Non temere, i Zeppelin ti perdoneranno..forse. Ci sono sempre i p.o.d... o qualche altra cazzata simile. Di nomi classic rock ne seguo a bizzeffe da anni ma non sto sempre a ricordare: eh ma non se li calcola nessuno, ma perché, ma per come, è normale che sia così in certi generi. Per chi vorrebbe il rock alla fama del rap odierno è un eufemismo incredibile. Vuol dire non volergli bene. Ormai il rap è come il pop, nè piú e ne meno, colui che nacque negli stares quello vecchia scuola ascoltato coi radioni e breakdance che era uno stike di vuta, una risposta alla societá e un fanculo a tutti. L'impreziosito profumato rock per tutti, diventerebbe automaticsmente un rock con chiodo colorato e neon elettronico intermittente, per la società comune molto più crossoverizzato di prima. Senza senso. Poi peró c'è chi nomina il muro di berlino e tira fuori la politica anche quando se ne puó fare a meno, pensando, di essere controcorrente e del ceto sociale medio, ma grave sbaglio e illusione. Ma chi vorrebbe questo, l'hard rock conciato cosí? Il rock, il metal, il punk, non è fatto per la massa
Silvia
Giovedì 28 Novembre 2019, 13.03.04
185
Sì Gals ho fatto anch’io quel discorso sui gruppi italiani infatti più sotto dicevo che è una costante delle loro interviste. Sui Greta non mi dilungo, visto che il commento che li riguarda è solo l’ennesimo tentativo di andare contro i commenti di altre persone x fare casino sotto gli articoli. Di sicuro dire che i Greta sono spiaccicati (?) boh forse voleva dire spiccicati ai Led Zep (cosa vera solo x il singolo ma non x l’album nè x molti pezzi degli EP) denota una mancanza di senso critico, un cogliere solo cio’ che viene pubblicizzato (quindi atteggiamento modaiolo che lo stesso critica, a parole, ma nei fatti mette in pratica). Insomma una conferma del discorso ch facevamo prima. La rovina anche della scena italiana, ascoltare x pregiudizio o in modo superficiale.
ObscureSolstice
Giovedì 28 Novembre 2019, 12.50.21
184
Guarda chi nominano i greta van fleet una delle band piú pubblicizzate dell'ultima ora. È per quello che il metal e il rock non sta di casa, perché il vero modaiolo è l'italiano esterofilo. Belle band, potrebbero andare bene come inizio scaletta dei grandi nomi e nessuno ci andrebbe ugualmente. A dir la verità i greta van flet sono uno dei rari esempi degli ultimi anni di indignazione massima dell'appassionato rock, di una band che senza gavetta chiede 50euro e viene proiettata su virgin radio insistentemente con tanto di pubblicitá insensata continua, molto piú di altri; sono spiaccicati ai Zeppelin, non hanno personalitá, ma chi li segue ci giurerei che non ascoltava minimamente i Zeppelin, altrimenti capirebbe. I duri e puri è una stronzata immane, di chi fa vittimismo radical chic e appunto il primo esterofilo sulla faccia della terra. O si è semore presi dal rock o non si è mai cagati il rock, non c'è altra variante, fatevene una ragione. Vittime, non lo siamo tutti (cit.) W i festival fatti bene
tino
Giovedì 28 Novembre 2019, 12.27.36
183
Alcuni di loro stanno venendo su bene e hanno un buon seguito, penso agli halestorm o gli stessi jinier che hanno fatto sold out due volte, caso eclatante a dir poco. Io ci avrei infilato volentieri anche i myrath che in patria hanno un seguito da rockstar, qua forse un po’ meno visto che va di moda il capitone ma è un peccato. Comunque non sminuirei quella enorme terra di mezzo che c’è fra i gruppi emergenti e i dinosauri da quarantennali, ci sono un miliardo di gruppi di 40/50 enni che stanno facendo ancora bene ed è bello poterseli ancora godere. Tra parentesi spero veramente finalmente di riuscire a vedere i faith no more che, battute a parte, non sono ancora quelli da ospizio del video di sunny side up, anche se evidentemente soffrono di una pesante crisi di mezz’età che parte neanche a farlo apposto dal capolavoro di canzone dal titolo omonimo…
Galilee
Giovedì 28 Novembre 2019, 12.15.35
182
Quello che ha scritto qualcuno sui Rhaspsody per fare un esempio sul mancato tifo italiano. Ha ragione da vendere. E chi non è d'accordo non conosce la situazione reale. L'italiano è esterofilo e segue qualcosa spesso solo per moda. Nei 90 gli Eldritch spaccavo ed erano considerati big. Perché? Perché era il periodo in cui andava di moda quel genere. Ora la band non se la caga più nessuno. Nonostante un altissima qualità costante nel tempo. Quindi vive grazie alle vendite all'estero, fa tour all'estero e si ritaglia sempre uno spazio nei vari Festival. Tipo Hell fest etc etc.. In Italia non li farebbero nemmeno suonare al pub di fianco a casa mia. Questo è un esempio buttato li che si potrebbe applicare a qualsiasi band non spudoratamente mainstream nata nel nostro paese.
Mulo
Giovedì 28 Novembre 2019, 11.44.36
181
Blood incantation, Skeletal remains, Vektor,Hyades, Triptycon, Crashdiet, Mutilation rites...
Silvia
Giovedì 28 Novembre 2019, 11.40.39
180
Giustissimo Gals, aggiungerei i Gojira e i Witherfall e gli Alestorm ma a dire il vero nessuno di tutti questi nomi ha meno di 30 anni tranne i Greta Van Fleet che sono odiati x passaparola e a prescindere dagli elitisti duri e puri. Comunque vanno benissimo anche i dinosauri, x me queste contrapposizioni non hanno senso. Vorrei sapere chi ascolta un disco pensando eh questo musicista è vecchio questo è giovane. Mi auguro nessuno
Galilee
Giovedì 28 Novembre 2019, 11.30.51
179
X Tino.... di nomi ce ne sono a valanghe... poi possono non star bene. Ma le band che citerò meritano tutte e all'estero vanno ai grandi festival. ........Mastodon, Ghost, Leprous, rise of the northern star, Destrage, avatarium, Bombus, Crazy Lixx, Deafheaven, Kvekertak, Kadavar, Ufomammuth, hours of penance, white ward, monolord, jinjer, MGLA, Firespawn, Entombed AD, Halestorm, Blood Incantation, Baroness , obliteration,  Clutch, Gaahls wyrd, Heir Apparent, Byzantine , Blood Ceremony, Parkway drive... etc etc etc... Potrebbe andare avanti un bel po'....
Galilee
Giovedì 28 Novembre 2019, 11.30.47
178
X Tino.... di nomi ce ne sono a valanghe... poi possono non star bene. Ma le band che citerò meritano tutte e all'estero vanno ai grandi festival. ........Mastodon, Ghost, Leprous, rise of the northern star, Destrage, avatarium, Bombus, Crazy Lixx, Deafheaven, Kvekertak, Kadavar, Ufomammuth, hours of penance, white ward, monolord, jinjer, MGLA, Firespawn, Entombed AD, Halestorm, Blood Incantation, Baroness , obliteration,  Clutch, Gaahls wyrd, Heir Apparent, Byzantine , Blood Ceremony, Parkway drive... etc etc etc... Potrebbe andare avanti un bel po'....
thrasher
Giovedì 28 Novembre 2019, 11.18.14
177
Skeletal remains ad esempio... Li considero al top come band emergente death metal e nessuno se li caga... Sono anche recensiti in questo sito e ci sono 4 commenti di cui 2 miei...
tino
Giovedì 28 Novembre 2019, 8.08.46
176
Si ma ancora non fate i nomi. Domanda ennesima. Quali sono i gruppi sotto i 35 anni che nessuno caga?
Shock
Giovedì 28 Novembre 2019, 0.03.11
175
Infatti Mulo, è quello che sostengo anch'io: quello che fa la maggior parte dei vecchi gruppi non è più rock ma business. Idem nel rap, per chi lo vuole capire. È sempre stato cosi: infatti un conto è chi si definisce una persona che ama la musica, di qualsiasi tipo, e non segue le mode, un'altro è l'ammasso di gente che passa da un trend all'altro secondo cosa c'è di moda e cosa le case discografiche, o meglio i social media oggi, impongono. Investire su nuovi gruppi può andare bene quando vi è un gruppo che per un motivo o l'altro ha successo (vedasi Greta Van Fleet), poi dipende se il successo continua o no. Oggi non si vendono più milioni di dischi, come vuoi che una etichetta discografica investa milioni che poi non rientrano?? Ecco perché bisognerebbe ripartire dalle basi, dai locali, e da gruppi giovani che vogliono la loro fetta di successo, non da mega festival con dinosauri triti e ritriti che nessuno osa smuovere.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 23.45.14
174
Shock a me pare che il rock nel 2019 sia organizzare tour di band composte da 60enni che sono state leggendarie ma che ora dovrebbero dire basta. È rock questo? X me no. Purtroppo le band nuove le ascoltano in 4 gatti e sembra nessuna label voglia investirci soldi per promuoverle. L’industria ha scelto di monetizzare il rap ,ma ora è passata alla trap e tra poco il rap “classico “ finirà nel dimenticato come il rock ora (anche li faranno tour vecchie glorie come succede ora con il rock). E’ l’industria musicale che fa i trend (ovviamente sono tutti miei pareri personali). Grazie a tutti x la piacevole,discussione. Buona continuazione, un abbraccio.
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 23.44.31
173
No Fun, ci tenevo solo ad evidenziare quello che avevo inteso io, figurati 😅. Personalmente credo che finchè ci sono gruppi che si sbattono a suonare pur non avendo grossi guadagni, organizzatori che mettono su serate così e gente che ci va o che compra dischi non sia morto. Sara’ piccino ma vivo 😅, mia impressione. (Eeeeeh in coppa li supporto anch’io i tuoi colori, ma solo in coppa! 🤣
No Fun
Mercoledì 27 Novembre 2019, 23.26.47
172
@Silvia non ho letto tutto il discorso perché avevo giusto qualche minuto prima del secondo tempo (Lukakuuuuuuuu!!!! Un treno un treno cristo!) ma negli ultimi commenti ho letto di morte del rock e di cultura rock che gli Usa non avrebbero. Non so chi ha detto cosa, ma volevo soltanto far notare, in maniera certo esagerata, che anche se il rock fosse davvero un cadavere, le radici di tanta buona musica sarebbero comunque in ottima salute. Il rock è morto? Fanculo il rock.
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 23.05.23
171
No Mulo, non è sbagliato, ma è diverso dal dire che negli Usa non c'è cultura rock, che c'era c'è e sempre ci sarà. Semplicemente è cambiato il mondo della musica, prima tirava il rock ora purtroppo quella ehm roba lì
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 22.34.24
170
dov’e’ finita la cultura rock in America negli ultimi 20 anni? Chi domina billboard negli ultimi 20 anni? Il rock o il rap? È sbagliato dire che l’industria musicale ha spremuto il rock e poi lo ha gettato per iniziare a “spremere” il rap?
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 22.24.02
169
Il commento di partenza era:"Gli States non hanno una cultura rock. Il rock è stato usato per far soldi e una volta spremuto è stato gettato in favore di altro".....
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 22.20.29
168
No Fun però il discorso riguardava come gli ascoltatori vivono il rock nei vari paesi, non che gli USA non abbiano contribuito a scrivere la storia del rock o che non producano musica rock
No Fun
Mercoledì 27 Novembre 2019, 21.27.27
167
Ho appena commentato la notizia sul nuovo disco degli sciamani Eyehategod vengo qui e leggo che il rock è morto e che gli Usa non hanno cultura rock. Che muoia il rock, non ce n'è bisogno, il cuore pulsante del folk e del blues continua a battere con orgoglio nelle foreste di abeti, sulle rocky mountains, attraverso le praterie, sui grandi fiumi, sulle paludi e le scogliere delle coste oceaniche. Un cuore folk blues tribale guerriero e ribelle che dà sangue alla musica di tante band black folk sludge che ci giunge come un vento rinfrescante da quel continente. Il rock, parola frivola che impallidisce di fronte alla forza di un tamburo indiano o di uno spiritual cantato da una chain gang. Il nuovo metallo americano viene da lì. Peccato che a vedere i Wayfarer a Milano qualche mese fa eravamo in dieci. Ma è stato bello e non è finita. Il vento continua a soffiare. "O wild west wind!"
ObscureSolstice
Mercoledì 27 Novembre 2019, 20.25.42
166
L'Inghilterra non c'è bisogno di citarla Mulo. Ma gli stati uniti hanno avuto la più grandi eccellenze della musica, i generi sono nati lì. È sempre stata una competizione tra Usa e Gb e tutti stavano a guardare e ad imparare
tino
Mercoledì 27 Novembre 2019, 20.23.48
165
sono d'accordo con shock, minimizzare l'importanza degli states nella cultura moderna che abbraccia anche il rock n roll lascia alquanto perplessi. Poi è vero che l'inghilterra ha sviluppato il tutto in modo magistrale per diverse generazioni. Viceversa i maiden è vero che sono un'industria gestita in modo prettamente americano, ma sono inglesi che più inglesi non si può, sanno di Londra come quei bus che scorrazzano per la città o quei buffi taxi neri. Poi ovviamente tutti pensano ai soldi, il muro di berlino crollato ha fatto trionfare quel modello di società, tutti chi più chi meno ne fa parte
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 20.17.49
164
Beh la frase: il rock è morto, o quasi, che da trent'anni leggo e sento si commenta da sola. Il continuare poi a dire che solo il rap si evolve (genere nato almeno vent'anni dopo il rock/metal) senza contare tutti i sottogeneri del metal mi sembra solo non conoscere a fondo la questione. Tra vent'anni pure il rap sarà morto.... Volevo solo aggiungere che negli States se vai nel sud respiri ancora e tanto il country folk, ben imparentato col rock, musica che piace all'animo della gente non del conto in banca. E tra l'altro citiamo una band inglese, gli Iron: cds, Dvd, videogiochi, birra, libri, carta igienica, preservativi....non sono americani ma pensano e non poco ai soldi.....
Replica Van Pelt
Mercoledì 27 Novembre 2019, 19.59.07
163
@Shock nessun problema,almeno qui evitiamo il "chi ha ragione e conosce la verità".
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 19.56.15
162
@Replica: non replico che è meglio... @Mulo: potremmo stare qui a fare a gara di liste americane ed europee, ma il senso non lo trovo. Andando indietro col tempo però, il rock nasce dal blues, americano o se preferisci africano, poi il folk, il rock'n'roll è nato in America, ecc. ecc ma queste cose le sai. In tutto il mondo il rock e metal viene fatto anche per soldi, non è solo una questione americana, quindi sta cosa proprio non la capisco.
marmar
Mercoledì 27 Novembre 2019, 19.52.54
161
..... o quel che ne resta....
marmar
Mercoledì 27 Novembre 2019, 19.52.06
160
Per quel che mi riguarda ottimo sabato 27 giugno, vedrò di esserci in onore dei mitici Judas.
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.53.15
159
@Replica pero' HM supportava seriamente e con garbo tanti gruppi con frontwomen, a cominciare da Cristina e dalla compianta Dawn Lawson dei Detente. Certo alcuni articoli contenevano battutacce da osteria, quello si' (e purtroppo la diffidenza verso la musicista donna c'e' anche oggi x alcuni). Vabbe' dai stop OT ma e' stato molto bello chiacchierare con tutti voi. ciao HM is the Law o se preferite Metal is Forever hahahah, un saluto!
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.44.10
158
"Gli americani esportano", grande cazzata. Il più grande scenziato è stato Nikola Tesla che è Eropeo (croato x la precisione), alla fine della seconda guerra mondiale si sono portati in casa tutti i più grandi scenziati del terzo reich e tutti i più grandi talenti italiani se li puppano le megacorporation americani.Mi pare che chi esporta in questo caso è l'europa... Discorso musica, il rock/metal made in US anni 70/80 è nato scimmiottando quello inglese... Grandi businessman gli americani, quello si. Per inciso io non sono contro gli USA ci mancherebbe.
Replica Van Pelt
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.38.41
157
Personalmente ho finito le parole e il pensiero (mi sarebbe piaciuto scrivere "la carta e l'inchiostro"),il rock (non il pop) così come è ora,è prossimo alla sua sopoltura,risorgerà?con quale bisogno,perchè è questo che fa "bruciare",la necessità,la realtà reale e non virtuale,ciò che è vitale quindi mortale.Scusate l'OT.A proposito HM quello vero 79/85 (84?) = Musica-birra-ragazze (eccezionalmente Musica-ragazze-birra).ciao
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.26.11
156
Rolling Srones,Cream,yardbirds, Led Zeppelin,Deep Purple, Rainbow, Thin Lizzy,Whitesnake, The Clash (ne ho citati alcuni alcuni a caso) sono inglesi o sbaglio? In America si basa tutto sul creae trends da monetizzare, una cosa che applicata alla musica e all'arte in generale non mi piace.
ObscureSolstice
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.12.20
155
Gli stati uniti non hanno cultura rock? Evabeh, cosa si puó dire dopo questa affermazione...Noi invece si, col rock in the castle ahah. L'italiano in sè è giá invidioso di suo, parla male di tutto quando lui è il meglio, parla male degli Usa come puó essere anche all'interno di alcune zone lontane anche dell'italia senza manco esserci mai stato. Ma per favore... La traduzione dei film di Totó è molto umoristica ma intelligente, di com'è l'italiano in generale quando va nei posti lontani. Tutti i più importanti generi musicali sono nati negli Usa non dimentichiamocelo e li si ha sempre imitati da sempre. Loro esportano e noi importiamo. Loro ideatori e noi buffoni. Comunque supportare si, ma per me altrove. Non è che gli devo dare 60 euro perché nuovo evento italiano quindi the best, se organizzato così chissene. Tuttavia anche gli Emperor è un gruppo ormai coi suoi trent'anni di attività, chi non vuole i nomi storici vada al localino a vedere i greta van fleet al costo quasi di una giornata del rock in the castle, mancano le band d'appoggio scritte in piccolo certamente, bisogna stringere per stare nell'orario serale che in Italia non va oltre mezzanotte perché sennò sono guai e staccano la spina. Dai sú sono quattro gruppi in croce, seppur di punta, la maggior parte dei post hanno nominato solo gli Emperor, facendo una statistica è molto controproducente
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.09.32
154
Oddio secondo me i Maiden continuano sopratutto perchè si divertono. Dickinson ha diverse attività parallele ai Maiden (tra l'atro è initalia a Febbraio osite ad un evento di marketing) e gli altri non penso siano da meno. Sul thrash di inizio anni '80 la penso come te. Adesso la smetto di andare OT altrimenti mi fanno un culo a capanna ah ah!
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 18.03.26
153
@Mulo: ehm, scusa ma se parli degli Zep solo Plant ha sempre detto no ad una reunion, Jimmy e penso pure Paul l'avrebbero fatta anni. Ma questo succede in qualsiasi parte del mondo. Non è cultura rock quella gruppi della Summer of love? Non era pura passione quella dei primi anni ottanta nella Bay Area?? Spesso e volentieri si parte sempre dalla passione, poi tante volte subentrano i soldi, ma questo accade in qualsiasi paese del mondo, non solo Usa. Non mi sembra che Ozzy, Judas, Iron (tutti gruppi inglesi) oggi vivano di passione, fanno più per soldi e fama che altro. La passione la vedo in chi suona anche davanti a 20 persone dando tutto quello che hanno, e sono proprio quelli che meritano molto più rispetto che altri....giganti...
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.39.22
152
Mulo #151 condivido. Il rock in alcuni paesi e' solo piu' passato nei mass media e i concerti piu' frequentati, con corollario di biglietti a cifre folli e meet & greet a pagamento che niente hanno dello spirito rock o metal vero. Secondo me, chiaro
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.31.06
151
L’industria discografica (che è appunto un’industria) ha deciso di fare soldi, ormai da decenni, con il rap. Per passione rock intendo fare come i Led Zeppelin. Ovvero non riunirsi mai. Quale band americana farebbe questo? Nessuna. In America è tutto un fare soldi, che mi sta benissimo e adoro le band USA, ma a mio avviso questa non è “cultura rock”. Ovviamente è un mio pensiero.
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.19.54
150
@Mulo: gli States non hanno cultura rock?? Se non l'hanno loro nessuno l'ha. In Inghilterra oggi sono tornati ottimi gruppi rock che li hanno successo, The Struts un nome che mi viene in mente, ma è generalmente che il rock ha perso in favore del rap.....
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.16.32
149
I commenti di Lello sono da incorniciare: ben inquadrano cos'è il rock ed il metal in questo paese rispetto ad altri, chi la pensa in modo diverso evidentemente abita in un altro paese... Il metal, tolto il successo di pochi gruppi e quando è stato di moda, è sempre stato, rispetto ad altri tipi di musica, di serie inferiore, ma va bene così, molto meglio essere pochi ma capire cosa si ascolta che in tanti che non sanno neanche chi hanno davanti. Potete trovare su YouTube il video del live di Ozzy con quel coso rap, trap o cosa sia: vedere quei giovani, soprattutto quelle t.......e che sculettano e ballano quando canta con l'espressione da ebete Ozzy, che probabilmente neanche sanno chi è, mi mette una tristezza infinita.... Rap e hip hop oggi hanno più successo e attraggono di più i giovani, bene, ripartiremo dalle cantine e prima o poi qualche grande gruppo nascerà (e magari già c'e'), per il resto ognuno la pensa come vuole. Io mi sto' ascoltando gli Avatarium, ultimo disco spettacolare, gli altri si vadano ancora a sentire Smoke on the water, ad ognuno il suo. @Tino: chi vorrei l'ho già detto. I FMM si sono dati dei matusa da soli, per me sono morti dopo King e soprattutto dopo l'abbandono di Martin.
Lello
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.13.35
148
X Silvia, Londra NON è il Regno Unito, è una realtà a parte. X Area, ma che dici? Ti dice niente Woodstock? Erano fenomeni culturali, da noi inesistenti per i motivi che ho raccontato. X Mulo, la censura sulle liriche, che comunque è sempre stata aggirata, non era appannaggio degli Stati Uniti, in Europa addirittura venivano censurate le copertine (mi sovvengono i Sodom ma anche i Carcass ecc.). Così come la cultura di fare soldi, paradossalmente maggiormente marcata in paesi come la Cina. Il tuo, mi perdonerai in anticipo, mi sembra un antiamericanismo da salotto, io ci ho vissuto e non mi è sembrato l'inferno troppo spesso descritto e peraltro noi sicuramente siamo l'ultimo paese sulla faccia della terra che possa fare moralismi di sorta. Poi ognuno è libero di interpretare la storia come meglio crede, io la storia l'ho vissuta ma giustamente viviamo in un periodo in cui tutto dev'essere confutato, anche quando non si ha cognizione di causa, ci stà, come diceva sempre un mio amico "bisogna adeguarsi", anche se il confine col ridicolo spesso è labile. VI saluto ragazzi, e andate ai concerti!
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.11.45
147
Gli States non hanno una cultura rock. Il rock è stato usato per far soldi e una volta spremuto è stato gettato in favore di altro. In UK (dove sono nate le più grandi rock band) c’era una cultura rock. Ora nel 2019 c’ e’ ancora?
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.05.53
146
@Lello, all'infuori degli States e degli UK quasi nessun paese ha una vera e propria cultura Rock.... tuttavia riepto che in Italia di Rock anche nel mainstream ne é stato parecchio vedi il Progressive nei 70 o l'Alternative ROck nei 90. Poi ripeto a parte un po la Germania qualche volta anche in Francia e in Spagna non hanno mai avuto una vera cultura rock, da quelle parti andava e va tutt'altra musica da sempre. Soprattutto in Francia.
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.02.26
145
@tino, io sono nato negli anni 80... ma ho avuto modo di osservare a posteriori tante cose, tu ti riferivi al look che aveva il pubblico americano nei video concerti dei Bon Jovi, Poison, Europe etc... I capelli un po lunghi ricci o lisci che dir voglia, le scarpe da ginnastiche alte (nike air force etc), anche i cappellini etc... in realtà oggi sono gadget da metallaro ma all'epoca erano dei comunissimi vestiti. Come i pantaloni a zampa... oggi li mettono soprattutto le donne, se lo fa un uomo adesso é perché vuole fare il rocker retrò, ma nei 70 li mettevano dai bambini a quelli che avevano 40 anni.... Comunque le Tribù a cui tu fai riferimento io le ho viste fino a una decina di anni fà in posti tipo le colonne a Milano o dove ci sono le chiese gemelle a Roma (una zona era quella dei metallari, punk etc... e l'altra era degli emo tipo) XD jajaja
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 17.00.31
144
@Lello io penso che ciò che dici sia vero x la Scandinavia oggi ma nella Londra dei primi Maiden Steve e Bruce raccontano che i metallari erano un gruppo a sè fra l'altro in competizione con i punk. Anche il meraviglioso testo di Sultans of Swing dei Dire Straits racconta di gruppi giovanili che disprezzano ciò che non è rock "Drunk and dressed in their best brown baggies and their platform soles. They don't give a damn about any trumpet playing band. It ain't what they call rock and roll."
Lello
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.52.20
143
X tino, poi chiudo il discorso, cercavo di far capire che il metallaro, così come il paninaro ecc., erano fenomeni di costume marcatamente italiani, all'estero non c'era questa gran classificazione (l'equivalente di "metallaro" infatti nei paesi anglosassoni non esisteva, il termine che più si avvicinava era "headbanger" che però aveva un'accezione più generica), ai concerti vedevi dalla famiglia al capellone borchiato, era perfettamente normale ascoltare rock e certo metal, questione CULTURALE. Noi, anche in questo, siamo lontano anni luce da altri paesi, e per non citare i soliti penso anche alla Svizzera (che nel 1971 ispirò Smoke On The Water...) per non andare lontano, considerata da DECADI tappa fondamentale del tour dei maggiori gruppi rock.
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.50.37
142
@Replica Van Pelt, No ma vedi... quello che ho detto io é che a prescindere dal momento sociale la musica Rap e il sottogenere Trap (tanto di moda adesso ma che a me non piace) sono generi più facili da ascoltare rispetto alla musica Rock o al Metal ed é un dato di fatto. @Mulo, si ma vedi.... erano gruppi di facile ascolto, anche nel 2000 quando venne fuori It's my life... era un brano Rock ma veniva ascoltato veramente da chiunque.... se gli facevi sentire il primo probabilmente manco li riconoscevano. Era la stessa cosa nella stessa epoca con i Linkin Park... per non parlare poi degli Evanescence 3 anni dopo... erano facili da ascoltare, non eccessivamente potenti...
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.48.38
141
Anche noi eravamo un gruppo molto folto con diverse ragazze e suonavamo pure noi quindi non avevamo bisogno di andare dietro a chi suonava. Giustamente voi la vedete dal punto di vista maschile 😁. Il comune denominatore era il metal e allora eravamo forse anche molto "chiusi" verso chi non condivideva questo aspetto. Insomma quelle cose tipo paninari vs metallari. Ne avevamo parlato anche in altri articoli nel database fra cui uno di Raven molto bello. Oggi invece il metal è più un genere come un altro credo. Bisognerebbe credere ai ragazzi che ne pensano
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.46.31
140
Negli anni ‘80 in USA il rock/metal era una moda. Diversi dischi metal son finiti in top 5 ( alcuni anche al numero 1 tipo Metal Health). Visto che hai citato Ozzy, The Ultimate sin è stato in top 5 nel 1987. A differenza dell’Italia in USA il metal era mainstream. Ok Bj e Europe erano sentiti anche dai panozzi, però le tipe che li sentivano erano comunque piu’ avvicinabili delle altre 😅.?
tino
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.38.29
139
Attenzione che bon jovi e gli europe venivano passati pure nelle discoteche di tendenza che suonavano pop, ricordo benissimo che passavano bad medicine magari assieme ai doctor and the medics. Inoltre erano gruppi che, nonostante adesso siano stati rivalutati e considerati patrimonio metal, erano considerati roba da panozzi. Poi fateci caso, magari guardandovi un vecchio concerto degli scorpions, dei priest, di ozzy, o dei metallica, il pubblico americano era praticamente non metallaro, almeno così come eravamo esteticamente noi in europa, ragazze e ragazzi con capelli e look anni 80, ben diversi da quelli che si vedevano nei concerti europei, un diverso modo di intendere il metal senza dubbio.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.24.20
138
Con l’esplosione di Europe e Bon Jovi (1987) diverse ragazze iniziarono ad interessarsi a queste band. Ovviamente non di “puro metal” ma vicine al nostro mondo. Dunque queste ragazze erano “broccolabili”. X lo meno a Brescia era così.
tino
Mercoledì 27 Novembre 2019, 16.14.09
137
Io non so che anni 80 avete vissuto voi ma posso confermare che per cuccare ragazze da metallaro praticante (leggi anche esteticamente) dovevi avere non solo una ma due o tre marce in più dei cosidetti “normali”, semplicemente perché le ragazze metallare erano poche e quelle poche guardavano e si accoppiavano (giustamente) con i più fighi. Inoltre spesso era necessario avere gli amici giusti per fare le conoscenze giuste, se non avevi una compagnia numerosa non c’erano grandi spazi di manovra. Magari nelle grandi città si potevano trovare le compagnie di soli metallari, perché i giovani allora si classificavano in tribù metropolitane (ora estinte) ben definite, mentre nelle piccole città e nei paesi di provincia era facile che le compagnie fossero multiformi e abbastanza eterogenee. Parlo comunque di una medio piccola città padana, non so come fasse la realtà nelle grandi città tipo milano. Invece negli anni 90 il metallaro già si confondeva con gli alternativi, e nelle discoteche dove tra gli altri si “ballavano” i faith no more, i nirvana, i metallica, i red hot chili peppers, c’erano un sacco di belle ragazze che erano già meno inquadrate rispetto ai precedenti anni 80, parlo di discoteche come il Corallo di scandiano, quindi anche il metallaro più integralista era socialmente (in quel contesto più ampio) accettato e perché no ammirato.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 15.58.33
136
Lello perdonami, sei sicuro che i metallari negli anni '80 erano pesantemente discriminati solo in Italia? Ti ricordi il PMRC? Discorso cultura musicale, posso dirti che negli USA esiste solo una cultura che è quella del fare soldi..
Lello
Mercoledì 27 Novembre 2019, 15.44.44
135
Ne approfitto per fare una riflessione, e chi parla suona da 37 anni e da più o meno altrettanti và ai concerti quindi, senza alcuna presunzione, ritengo di parlare con un minimo di cognizione di causa. In Italia non c'è mai stata una cultura del rock, e non a caso parlo di cultura perché anche la musica è una forma d'arte e come tale sovente rispecchia, almeno in parte, la cultura del luogo. Il Bel Paese ha avuto cantautori eccezionali ma in tutt'altro genere, mentre noi avevamo Albano e Romina altrove vi erano i Doors, Jimi Hendrix, Janis Joplin... E ovvio che trattandosi di musica che rispecchiava gran parte della cultura popolare, radio e tv passano, almeno fino ai primi anni '80, solo ed esclusivamente quel tipo di musica. E vogliamo parlare dei festival della musica? Laddove, senza andare lontano, nel Regno Unito c'era il festival dell'Isola di Wight noi cos'avevamo? San Remo? Le radio e le tv, all'estero, passavano tranquillamente il rock quindi, perlomeno, la gente aveva facoltà di scelta. Da noi si è cresciuti in un contesto sociale dove, esaurita la vena dei grandi cantautori, veniva passata solo musica di merda, e ciò ha, tra le tante, anche provocato che il metallaro veniva visto come un "diverso" e pesantemente discriminato (chi ha vissuto quel movimento negli anni '80 sà di cosa parlo). Questo è il nostro retaggio culturale quindi, ragazzi, non meravigliatevi, piuttosto cercate si supportare la scene rock/metal e, dato che oramai gli introiti sono dati per il 90% dai concerti, ogniqualvolta potete andate, però se non ne avete voglia non state a sparare cazzate o lamentarvi perché così danneggiate solo voi stessi in quanto spesso è segnale di conflitti interiori irrisolti che andrebbero affrontati in altra sede.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 14.56.24
134
Replica io ricordo che a fine anni '80 fino a quando "Always" (si il pezzo dei Bon Jovi) è esplosa c'erano un sacco di ragazze (x lo meno nella mia zona) che ascoltavano i Guns,BJ, Def Leppard, Europe,etc. Band queste vicine al metal... Questione rap/trap piace tanto perchè i Guè e company sono i fighi con i soldi/donne/successo da emulare. L'adolescente ambisce ad essere come loro e allora li ascolta e li imita. Io la vedo così.
Replica Van Pelt
Mercoledì 27 Novembre 2019, 14.46.22
133
Chi ascoltava metal per le ragazze alzi la mano,come pensavo,nessuno (non che se capitava si buttava via) ma ci interessava più la musica e divertirsi.Cambio discorso,Kadavar (ger) ,un buon album uscito da poco,tour in germania (ovviamente si dirà,ma non 2/3 date e via) Francia Spagna Olanda Danimarca Svizzera paesi più a nord...e qui?manco l'ombra,qui conta solo fare i soldi,guardatevi intorno,la scelta è dove ci sono tanti e sicuri,siamo il paese delle mucche da mungere,cultura zero.E non è,come dice qualcuno,che c'è sempre chi dice che prima si stava meglio,prima era un momento storico dove giravano più soldi,c'era una generazione di adolescenti che faceva da eco al resto d'europa,e si poteva rischiare di più,sono trentanni che questo paese è in crisi economica perenne,i millenial sono nati e cresciuti in un paese impaurito e perennemente sotto l'effetto dello spread,cosa volete che ascoltino viking metal??? Il Rap o Trap,non è una /solo questione di melodia,è come mi sembra Area a scritto,in mutamento,quindi vitale,i testi spesso sono urbano/sociali.Non lo sopporto ma questo non vuol dire nulla,cerco di essere oggettivo.
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 14.32.42
132
Rik, dici bene... sbattimento x organizzare una roba del genere 😉
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 14.26.29
131
@Mulo, si tra l'altro hai detto 3 dei miei dischi preferiti... si sono d'accordo senza nomi storici é dura...
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 14.24.00
130
Ciao Area, la situazione del metal in Italia è ben fotografata dalle nostre band nelle interviste. Se ne parla in quasi tutte, da quella agli White Skull (x dire il primo nome che mi viene in mente) nel database a tanti altri. Quasi tutti lamentano la differenza di approccio rispetto all’estero. @tino, nel thrash non c’è evoluzione stilistica è vero ma un sottobosco molto fertile di tanti gruppi seguitissimi anche dai ragazzini, soprattutto in Sud America. Ovviamente niente a che vedere coi gruppi di altri generi da sempre più famosi.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 13.52.37
129
Ricordo che dischi come "straight outta compton", "the chronic" e "doggystyle" ebbero un grosso impatto quando uscirono...Torniamo on topic, come detto giustamente da altri utenti, senza nomi "storici"o "giurassici" non si fanno grossi numeri.
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 13.25.41
128
@Mulo, io quella musica (il Rap) la colleziono e la ascolto da 17 anni esatti e ho detto "Rap" per non stare lì a spiegare la differenza di stile ma il macrocosmo é quello.... altrimenti si é TRAP ma ATTENTO che il termine esatto per descriverla é "Mumble Rap" chiamato così perché non chiudono una rima manco per sbaglio anche negli USA figurati in Italia Io ad esempio la critico ma la rispetto per il semplice fatto che in qualche modo ci guadagna anche il Rap propriamente detto... ma questo é un discorso lungo. Poi.... quando venne fuori il "Black Album" la situazione era già diversa, il suo successo fu un vero successo commerciale e lo dimostra il fatto che fece molti proseliti (come dici tu) anche tra tanta gente che non ascotlava il genere (stesso effetto che sono riusciti a creare guns n roses e iron maiden in Italia) ok io quando venne fuori quel disco ero un bambino piccolo e l'ho effettivamente conosciuto 8 anni dopo... ma nel 1998 / 1999 i pezzi di quel disco li conoscevano anche i più insospettabili.
Mulo
Mercoledì 27 Novembre 2019, 13.15.35
127
Area sei rimasto indietro. "Devi capire" che adesso va la TRAP . Anche il rap è passato di moda... Leggo che molto 25/30 anni fa avevano pochi (o non avevano per nulla) amici metallari... Io ai tempi vivevo in una provincia lombarda e avevo una compagnia di circa 20 persone tutti metallari/rocker. E non eravamo i soli a sentire metal. Il black album fece molti proseliti (molti iniziarono con quel disco per poi passare a band più underground).
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 12.59.41
126
Parte 2... Poi "Un tempo la chitarra era una calamita per le ragazze"... in Italia? Con il Metal o l'Hard Rock? Non credo proprio. Anche a leggere determinati "Articoli Amarcord" in questo sito si capisce che fin dagli anni 80 se eri un Metallaro faticavi sia a trovare "amici" come te che a trovare una ragazza che non cercasse di cambiarti quando ti calcolava o nella maggiorparte dei casi non ti ca**** proprio XD Semmai la chitarra avrà avuto quel potere se suonavi Il Pop Italiano (il Progressive Rock) nei 70 o l'Alternative Rock nei 90 o il Pop Punk nei primi 2000 (e comunque per questo specifico caso solo le ragazze di un certo tipo). Comunque molti di voi devono capire che il Rap é da oltre 25 anni che tira più del "Rock" semplicemente perché anche quello meno facile ha comunque una maggiore "melodicità" e di conseguenza una maggiore facilità di ascolto. E soprattutto é in evoluzione costante e la gente non si stufa, c'é sempre ricambio. Un po come la Dance.
Area
Mercoledì 27 Novembre 2019, 12.48.22
125
Inizialmente volevo citare solo @Silvia e pochi altri, ma forse é meglio fare un discorso generale... L'Italia ha avuto una tradizione Rock alla sua maniera e in periodi diversi nei 70 il Prog e nei 90 il Rock alternativo... però negli anni 80 c'é stato un vuoto a livello mainstream... si alla scena metal Italiana sono mancati quei 3 o 4 nomi Metal e Punk mainstream ma non é detto che le cose sarebbero andate meglio... nello specifico all'Italia sarebbero serviti i Dhamm e gli In.si.dia a metà anni 80... invece i Dhamm arrivarono fuori tempo massimo (in un 1994 dominato dal Grunge) e gli In.si.dia in fin dei conti pure loro. Ma voi pensate veramente che in paesi tipo la Francia o la Spagna la situazione sia o sia stata migliore? Beh vi sbagliate fidatevi di me. Sappiate poi che in Inghilterra e in Germania già dalla fine degli anni 80 ne il Rock ne il Metal erano i generi che andavano di più... salvo poche eccezioni che poi sono sempre i soliti nomi tipo Judas e Iron e in Germania gli Helloween e gli Accept per un po di tempo. Ma sono dei casi.
tino
Mercoledì 27 Novembre 2019, 12.39.21
124
Il ricambio generazionale ci sarebbe anche perché i gruppi ci sono, ma questo non toglie che si debba sbeffeggiare sempre e comunque i vecchi dinosauri perché hanno ancora un seguito, tra l’altro tra i nuovi gruppi composti diciamo da 30-20 enni e i dinosauri over 60, c’è una vastissima terra di mezzo composta da centinaia di gruppi che hanno dischi, esperienza, seguito e sono nell’età della maturità, gruppi come opeth, gli stessi emperor o gli stessi avantasia. Non sono d’accordissimo con il post di rik perché ci sono un sacco di ragazzi giovanissimi che amano i gruppi storici, basta guardare le riprese video ai concerti, però sono pochi che si appassionano ai gruppi minori, ma questo solo per alcuni sottogeneri che sono invecchiati secondo me peggio tipo il metal classico a cui si rifà ad esempio la prima data con saxon e judas. Stessa cosa secondo me per il thrash metal old school, che è un genere fantastico, bellissimo, che però mi sembra poco attuale e poco attrattivo per i giovani. Ancora peggio se andiamo verso l’hard rock più o meno melodico che lo vedo come un genere agonizzante ed aggrappato alla passione dei nostalgici. Cambia il discorso invece per cose più moderne, “gotiche” e “fantasy”, dove secondo me c’è ancora del grosso potenziale seduttivo per le giovani generazioni, penso ad esempio agli stessi avantasia, a certo black metal, ma anche a cose tipo blind guardian dove si respira quell’atmosfera da kolossal o a cose più easy e melodicamente moderne come delain o nigthwish o epica che hanno un seguito molto giovanile. Questo non andrà bene ovviamente per ricreare il mito dei concertoni odierni e passati che non ci saranno forse più (e si può anche dire per fortuna visto che poi ci si lamenta che non si vede nulla), ma garantiranno secondo me per qualche decina d’anni i mini festival come appunto questo dell’articolo. Sarà questa la via maestra, poco ma buono, di dimensioni più contenute più a misura d’uomo e a ridotto impatto. Io sinceramente non bramo più di quel tanto la grande abbuffata in stile wacken o hellfest, non penso ce ne sia poi tutto sto gran bisogno.
Rik bay area thrash
Mercoledì 27 Novembre 2019, 12.09.09
123
Ovviamente senza creare polemiche a gogò, già è stato scritto und riscritto da diversi utenti che l Italia non è mai stato un paese né rockettaro men che meno metallaro, tranne forse nella seconda metà degli eighties, ma sempre con numeri contenuti. Nel mio piccolo ringrazio i ragazzi del rock the castle per lo sbattimento profuso nell organizzare questo evento. Ricordando sempre che siamo in Italia. Domanda che mi sorge spontanea, così tanto per farmi un idea : cioè chi sarebbero o meglio, quali sarebbero le nuove band che dovrebbero sostituire i 'dinosauri'? Sarò sicuramente ignorante in merito, ma non mi sembra di vedere il famoso ricambio generazionale in ambito metal. Cioè Wacken, hell fest, sono basato fondamentalmente sulle old band. C'è da dire inoltre una cosa : c'è quasi una netta contrapposizione tra il pubblico che segue le millennials band e chi segue l old school metal (eighties per capirsi). Vedo dai video pubblicati che i ragazzi/e molto giovani seguono band millennials mentre gli/le attempati/e hanno una netta preferenza per le band eighties. Seguo pochissime millennials thrash band e per lo più sono derivative (ma è quello che voglio). Le grandi soddisfazioni giungono ancora dai molossi dell antichità eighties, non per ultimi sacred reich, exhorder, ecc... Quando non ci saranno più i vari iron maiden, Judas priest e compagnia schitarrante, mah la vedo dura... Peace 🤘
tino
Mercoledì 27 Novembre 2019, 8.45.33
122
Scusa shock ma non ho ancora capito quali gruppi di ventenni vorresti vedere, no perché se sono senili pure i faith no more...che facciamo ci.mettiamo pure che so gli alice in chains?
ObscureSolstice
Mercoledì 27 Novembre 2019, 8.32.44
121
60 euro + diritti di ladrare a data
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 8.07.05
120
come detto nei post precedenti
Silvia
Mercoledì 27 Novembre 2019, 8.05.40
119
In Italia ci sono problemi perchè non si c’è supporto e si è sempre pronti alla polemica a prescindere. Quello che si diceva x i Rhapsody più sotto. Fra l’altro il riferimento al loro ruolo da headliner era riferito ad un contesto come questo non agli stadi. Basti pensare a quante volte hanno avuto gli stessi Epica di spalla. Senza polemica, ovviamente, come detto prima
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 4.02.38
118
A proposito di pensionabili, con questo annuncio: “Cinque anni, quattro colonscopie, due devitalizzazioni e qualche esame alla prostata ci hanno fatto capire che è ora di riportare i culi in Europa il prima possibile” Fanno il loro ritorno i FAITH NO MORE, che hanno già annunciato alcune date per il prossimo anno. Magari passano anche loro nella casa di riposo del Rock The Castle...
Shock
Mercoledì 27 Novembre 2019, 2.31.08
117
@Tino: di certo non fanno concerti per beneficenza, li fanno sempre per guadagnare altrimenti non li fanno. Il problema è che infatti fare festival metal in Italia è difficile: chiedi a qualsiasi promotore e ti dirà che se non ci sono i soliti nomi è ben difficile fare un festival che attragga migliaia di persone. Tra dieci anni chi sarà headliner e quante persone potrebbe attrarre un festival?? Per me in questo paese non ne faranno più o molto piccoli; all'estero hanno questi problemi?? No. Ecco la differenza tra un paese con cultura musicale ed uno, il nostro, no. Poi i complotti sono stupidaggini....
Lello
Mercoledì 27 Novembre 2019, 1.04.14
116
Bel festival, cresciuto di anno in anno, ma come temevo, era pressoché impossibile mantenere il livello qualitativo delle ultime due eccezionali edizioni, Bei bill, per carità, ma neanche lontanamente paragonabili a quanto visto nelle scorse edizioni. Anche se difficilissimo per via dei suoi innumerevoli impegni. come headliner degni del livello passato avrei visto i Black Label Society. Seppur non farei salti mortali, come le edizioni passate dove non ho avuto alcuna esitazione, resta comunque inteso che se posso presenzierò, come sempre negli ultimi TRENTACINQUE anni.
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 22.48.43
115
tino riguardo gli Emperor sì capisco cosa intendi. Ho visto comunque che quando hanno più tempo mettono in scaletta Curse You All Men, ma dubito che toglieranno spazio agli altri due album perchè sono i più acclamati
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 22.36.59
114
Concordo con tino e penso anch’io che il complottismo o comunque le lamentele di fronte ad un evento del genere che cresce siano fuoriluogo. Insomma, a me sembra che se non ci sono concerti ci si lamenta, se ci sono ci si lamenta del perchè si facciano così e se si fanno così ci si lamenta del perchè si facciano colà 😅. Credo che ci dimentichiamo troppo spesso di quanto sia difficile fare metal in Italia quindi da parte mia chapeau e in bocca al lupo ai ragazzi x questo risultato 👍🏻😊
tino
Martedì 26 Novembre 2019, 21.58.43
113
Sul fatto dei grandi festival estivi sono d'accordo con te, non sono d'accordo sul fatto che questa diversificazione del rock the castle sia per speculazione economica. Hanno dimostrato nel loro piccolo di offrire buoni spettacoli di dimensioni contenute, io vedo il bicchiere mezzo pieno e la cosa mi sta bene. Quest'anno mi interessavano solo gli slayer e non sono andato, beh mi e' mancata una giornata così
Shock
Martedì 26 Novembre 2019, 21.49.07
112
@Tino: non è complottismo ma è la semplice constatazione di come questo paese non sia in grado di fare un festival a livello di quelli europei. Ripeto, in Francia non 'c'è tutta questa scena metal eppure c'è l'Hellfest. Per i più attempati basti ricordare i Monster of rock alla festa dell'unità: c'era lo spazio per tre palchi non due...
thrasher
Martedì 26 Novembre 2019, 21.18.36
111
Io non mi pongo il problema visto che non ci andrò... I gruppi sono srmpre i soliti e ultracentenari... Ripeto andrei solo per gli emperor...
ObscureSolstice
Martedì 26 Novembre 2019, 21.09.02
110
@107 thrasher, certo, sono stati primi esperimenti...poi appunto, involuzione. Non si è riuscito piú, hanno lasciato perdere e hanno detto torniamo a un palco. Più band metti e più palchi bisogna mettere, ma due sono superati da un pezzo. Però almeno due, dai
tino
Martedì 26 Novembre 2019, 21.03.56
109
si vabbè anche nel 2009 a monza c'erano due palchi, ma che vuol dire, ma siete stati al rock the castle? avete visto che location è o vi basate solo sulle immagini di youtube? E' una location fantastica, spettacolare, e piace alla gente infatti cresce, però è limitata a livello di spazio e non c'è la possibilità di fare una cosa del genere. La differenzazione di date e di stili è una scelta per spezzare l'afflusso, anche a livello logistico, perchè non sei in mezzo alla pampa di wacken, ma sei in centro di un ridente paesino alle porte di verona. E' una scelta saggia che condivido, anche a me sarebbe piaciuto il mega festival ma oggettivamente sarebbe servita una location diversa, con anche il conseguente problema della distanza dal palco. A villafranca il concerto lo vedi e lo vivi bene, loro si sono proposti e loro quello possono offrire, il complottismo in questo caso è semplicemente fuori luogo
thrasher
Martedì 26 Novembre 2019, 21.01.08
108
Andrei solamente domenica per vedere gli emperor... Del resto non so che farmene
thrasher
Martedì 26 Novembre 2019, 20.55.17
107
Gods of metal 2001.... Due palchi
Shock
Martedì 26 Novembre 2019, 20.51.13
106
Ma è evidente come lo abbiano fatto appposta: in Italia fare un festival misto con due palchi e' impensabile, come fare live giovedì o venerdì, quindi cosa fanno? Attirano più gente possibile per ogni tipo di genere cercando di tirare su quanti più soldi possibile....che tristezza infinita...
tino
Martedì 26 Novembre 2019, 20.51.08
105
silvia ho citato gli emperor perchè penso che tirino molto di più dei mercyful. Hanno un seguito nutrito anche fra i giovani che si sa sono più attratti dal black e derivati piuttosto che da forme di metal classico, anche se seduttivamente oscuro, come i mercyful. Gli emperor sono rimasti nel mito e centellinano concerti basandosi su due dischi stratosferici, ma spero che sia la volta buona che stavolta rispolverino quel capolavoro sottovalutato di 9 equilibrium. Penso anche che ihsahn abbia accettato la staffetta anche in virtù del fatto che lui è uno dei massimi estimatori del re danese, omaggiato pure con la mitica cover di gypsy, e anche a livello vocale le citazioni si sprecano, specie nelle harsh e in qualche sporadico falsetto tipo quello di curse you all men. I mercyful sono un gruppo leggendario ma ho conosciuto parecchi metallari anni 80 che non li gradivano allora, pure fans dei priest ai quali i danesi si sono sempre ispirati pur con la loro enorme personalità. Quindi penso, opinione personale, che il pienone sotto al palco sarà con l'imperatore, non so quanti ascoltatori meno stagionati possano gradire i danesi, spero tanti, ma sono abbastanza dubbioso, spero di sbagliarmi.
ObscureSolstice
Martedì 26 Novembre 2019, 20.43.17
104
Due giorni attaccati e gli altri staccati dopo una settimana, poi è un altra scelta discutibile. Di certo chi viene da fuori può solo scegliere una data sola, non può di certo stare in hotel una settimana ad aspettare le altre due date. Per cui, ci guadagneranno molto su una data o due, ma ci perderanno molto dall'altra parte. È una scelta un pò drastica, voler guadagnarci abbastanza per poi perderci nelle altre date. Forza Atletico \m/
Shock
Martedì 26 Novembre 2019, 20.25.00
103
@Obscure: i ME AND THAT MAN sono, anzi è il progetto solista di Nergal con un sound country alla Johnny Cash, te lo consiglio. @Rob: dici bene parlare di rock e metal in Italia è pure eufemia,, ma citare i Rhapsody è un esempio secondo fuorviante: tralasciando discorsi da fanboy, non ha no mai avuto un seguito da headliner di festival; anche quando erano più popolari quanto facevano? Due, tre, quattro mila persone? Forse, non di certo 30 0 40 mila persone da festival, neanche all'estero li fanno. Senza contare che se all'inizio non suonavano mai non e' un buon modo per farsi una solida base di pubblico. Poi l'invidia è sempre stata all'interno della scena musicale non di certo del pubblico. Idem i Coil, neanche loro sono headliner ai festival esteri, figuriamoci qui. Ma è sempre mancata la base di gruppi storici qui (vogliamo mettere a confronto ad esempio Vanadium e Strana Officina con Scorpions o Helloween giusto per fare due nomi) ma anche di pubblico. La Francia che tradizione rock metal ha?? Come l'Italia più o meno, ma il fanno l'Hellfest, qui...... Magari più che lamentarsi della mancanza di grossi eventi qui, tolti i soliti sei o sette nomi, bisognerebbe lamentarsi della mancanza culturale musicale in Italia.
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 18.49.58
102
@Rob #100 si’ verissimo, mi ricordo le palate di... critica immotivata va diciamo 😅 che si son presi in quegli anni mentre all’estero iniziavano una carriera di punte di diamante del genere. Vero quel che dici dei Lacuna Coil e potrei citarne altri molto sottovalutati ma andrei ot e pertanto concludo dicendo che infatti se c’è un paese in cui nemo propheta in patria nel metal è proprio il nostro 😑.
ObscureSolstice
Martedì 26 Novembre 2019, 18.38.11
101
C'è chi a volte parla di spirito rock mi è capitato di leggere, ma finché non si capacità a condividere e convivere con altre sonoritá e generi in un unico evento non si capirà mai molto dello spirito rock in sè. Il bello è proprio quello: mentre su un palco c'è un gruppo power, dall'altra parte c'è un gruppo glam, poi finisce e c'è un esibizione di una band death o black, al prossimo orario passi e si alterna un gruppo heavy o doom, questo è il bello e mentre passi vedi gente diversa di diversi generi, etnie in un connubbio solo. Così asettici frammentati non si capirá mai niente, si spenderà sempre di più e si vedrà ben poco, prendendo per il culo il glam come negli anni '80 che è rock'n'roll o l'estremo perché di apparenza non lo si capisce ed è esagerato. Comunque a parte gli epica e me and that man che non so chi siano, sono tutte band che mi piacciono
Rob Fleming
Martedì 26 Novembre 2019, 18.34.27
100
@Silvia, gli eventi ci sono anche (soprattutto al Nord, ma qui apriamo un altro filone che te lo raccomando). Sono d'accordo che i RoF non siano più quelli del decennio '97-'07, ma nemmeno gli Scorpions - passami la provocazione vista il diverso peso specifico - sono quelli degli anni '79-'80 eppure in Germania restano idoli indiscussi. Come dici bene tu, l'invidia. Ieri i Rhapsody - ricordi? Non facevano concerti perché non sapevano suonare...cantare...erano plasticosi e sarebbero stati smascherati - oggi i Lacuna Coil (in altri ambito, d'accordo). Ma avere qualcuno di cui andare fieri no? Il nostro è puro masochismo. Un po', ma solo un po', dovremmo prendere dai francesi
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 18.24.30
99
Comunque non abbiamo tradizione rock e ancor meno metal di sicuro ma visti questi eventi non possiamo lamentarci secondo me.
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 18.22.21
98
@Rob (senza polemica) i Rhapsody of Fire hanno un po' perso popolarità, a inizio 2000 penso che avrebbero fatto da headliner, ma ti do ragione x un certo verso visto l'invidia che li circondo' nel nostro paese ai tempi d'oro.
Replica Van Pelt
Martedì 26 Novembre 2019, 17.56.03
97
@ JC #86 si dice sempre così,è veloce non richiede impegno e tutti sono felici e contenti.
Rob Fleming
Martedì 26 Novembre 2019, 17.52.32
96
Caro @Shock, ma cosa vuoi parlare di rock (metal cosa?!?)in Italia. Tolto un breve respiro negli anni '70 andiamo avanti con...nessuno. Guarda la data del 4 luglio: siamo in Italia, a Verona a pochi passi da Trieste e i Rhapsody of Fire a che punto della scaletta si trovano? Non voglio scatenare alcuna polemica su chi apre per chi, non mi interessa, ma mi pare evidente che il messaggio sia chiaro. Purtroppo...
Shock
Martedì 26 Novembre 2019, 17.44.22
95
Condensando il tutto: @Obscure: di metallari neanche quando ero giovane io ve ne era, figuriamoci oggi. Il metal in Italia è una musica di serie B o C, senza grossi nomi non si fa niente, e quattro date sono fatte per attirare più gente appositamente, all'esterno se ne sbattono, Hellfest e Wacken sono esauriti senza neppure sapere chi ci suona. I giovani erano già senza profondità trent'anni fa figuriamoci oggi con la perdita di valori del mondo.
Rob Fleming
Martedì 26 Novembre 2019, 17.44.04
94
Grande @JC! Mi hai fatto tornare indietro di 33 anni a quando la nostra insegnate di italiano ci diede da fare un tema su una frase che più o meno diceva: "I giovani d'oggi non hanno voglia di lavorare; non vogliono più fare sacrifici; pensano solo a divertirsi, a bere e dormire tutto il giorno. In che mani lasciamo il futuro?". La cosa che ci fece molto ridere all'epoca e dopo il tuo post anche oggi è che si trattava della traduzione di un resoconto di Cicerone dopo l'intervento di un Senatore innanzi al Senato della Repubblica di Roma.
Shock
Martedì 26 Novembre 2019, 17.40.00
93
Vabbè, avevo scritto un lungo ed interessante post ma non e' arrivato....
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 17.38.27
92
tino perche’ pensi che gli Emperor siano headliner cammuffati 🤔? Io credo che i Mercyful Fate siano molto attesi. Secondo me l’ultima serata non sara’ di musica estrema ma di musica “oscura” come dicevi tu e infatti i 3 annunciati stanno benissimo insieme da quel punto di vista
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 17.28.02
91
Le 4 date nascono probabilmente dal successo dell’anno scorso o forse semplicemente dal fatto che il festival stia crescendo, il che è solo positivo a mio avviso. La penso come tino sul fatto che sia una buona idea dividere le band in serate a tema (come detto in un altro post, mi ha stupito l’assenza del thrash). Era gia’ stato fatto da un altro festival l’anno scorso mi pare e ando’ benissimo se non ricordo male./// @Replica #85, no figurati, niente infamata 😅, rispetto le tue opinioni e ti ripeto si’ condivido il fatto che certe cose siano lontane dallo spirito rock ma diciamo che il #86 di JC rispecchia anche il mio pensiero. In generale penso anche che ci siano tanti ottimi gruppi nuovi che fra l’altro sono molto seguiti ma x noi la nostalgia e il blasone avvolgono i grandi classici di quell’aura speciale. Poi credo che chiamando i grossi miti come headliner ci si rivolga ad un pubblico di tutte le eta’ quindi sia più facile fare cassa x chi organizza.
tino
Martedì 26 Novembre 2019, 17.02.18
90
L’idea di condensare in un paio di date non sarebbe stata male, ma evidentemente a villafranca hanno optato per la soluzione minifestival per non impattare troppo sul sito storico che ospita l’evento e di conseguenza l’organizzazione che in caso di affollamento ha dimostrato di andare abbastanza in crisi…con i megadeth due anni fa prendere da bere e da mangiare è stata una cosa traumatica, viceversa con i soundgarden e i whitesnake qualche anno prima è stato tutto perfetto perché l’affluenza è stata più contenuta. Alla luce di ciò trovo invece condivisibile l’idea di fare 4 minifestival per i motivi di cui sopra permettendo un buon svolgimento senza eccessiva ressa in una cornice perfetta, tra l’altro i 4 headliner hanno target di pubblico abbastanza differenti e quindi sono attrattivi per diverse tipologie di persone. La prima data per i nostalgici più attempati della vecchia guardia, avantasia per un pubblico sostanzialmente più giovane, emperor (headliner camuffati) per gli appassionati di sonorità più oscure ed estreme, skynyrd per un pubblico eterogeneo sostanzialmente rock. Ovvio che se a qualcuno piacciono più serate la cosa diventa un problema per un discorso ecomico e logistico, purtroppo si dovranno fare delle scelte.
Galilee
Martedì 26 Novembre 2019, 16.55.17
89
Bravo Mulo. Blood incantation... la band da tenere d'occhio.
ObscureSolstice
Martedì 26 Novembre 2019, 16.36.22
88
Io metallari non ne vedo in giro, ci si è abbastanza involuti in tutto: sia di eventi che di tutto il resto, come venivano visti prima negli anni '80 vengono visti anche adesso, o peggio (a volte addirittura anche su un sito metal e si è detto tutto Ragazzi profondi dice sissy? Quanta ingenuitá, piena di errori. Non è cambiato nulla, ora solo un pó più di mediocritá di taluni e inadeguatezza di altri. I nomi di questo fest non è niente male ma rimane sempre molto all'italiana (qualitá/prezzo di solito scarsa). Questo non si puó chiamare un festival, diviso per generi non si puó vedere, ma sono mini concertini serali divisi per piú date per far cassa e chissá quanto costerá un giorno per cinque band seppur di punta. Cosa ci voleva dico farlo solo in due giorni e metterli tutti insieme come un festival vero e proprio come fanno tutti gli altri, ma l'ipotesi ancora del doppio palco è insuperata, è un tabú irrisolvibile di organizzazioni pietose che non riescono ad essere attuato
Mulo
Martedì 26 Novembre 2019, 16.22.54
87
Semplicemente i giovan non percepiscono il rock/metal come qualcosa di figo/cool. Ma quanto erano fighi i Metallica a metà anni '80 quando Hetfield sbatteva la chioma bionda a suon di Whiplash? O i Motley Crue che erano pieni di figa (dunque se volevi scopare tanto dovevi essere come loro)? Io ho inziato ad ascoltare metal perchè percepivo questi capelloni vestiti con il chiodo che riempivano le arene di fans adoranti come dei gran fighi da emulare. Adesso lo sono i rapper e io giovani sentono loro. Dischi buoni ce ne sono (l'ultimo dei Blood Incantation ad esempio). Manca la promozione.E non è una questione di "ci sono troppe band" perchè anni negli anni '90 ce m'erano tante eppure nomi "grossi" ne sono usciti in quella decade.
JC
Martedì 26 Novembre 2019, 16.10.12
86
È da quando esiste l'umanità che si stava sempre meglio prima, i giovani non hanno valori, l'apocalisse è vicina.
Replica Van Pelt
Martedì 26 Novembre 2019, 15.36.45
85
@Silvia me lo ricordo si,ma ci salvava il sentirsi "comunità",allora era la Musica il collante,oggi c'è solo spettacolo,la musica passa in secondo piano,bisogna spettacolizzare tutto,rende di più.Quando dico che per me il rock è morto (e voi giustamente mi infamate) è perchè è "lontano" mentre il presente è oggi e domani chissà,e questo le nuove generazioni lo capiscono meglio di noi.ciao
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 15.19.16
84
Replica secondo me ci sono ancora tanti ragazzi profondi, se ti ricordi anche allora c'erano persone superficiali (e infatti giudicavano malissimo i metallari). "Ma quanto è lontano il Rock da 100 euro a biglietto???", verissimo, questa cosa mi fa sempre molto effetto come mi fanno effetto i meet and greet a pagamento e le differenze di prezzo nei biglietti x eventi rock o metal... ciao
Replica Van Pelt
Martedì 26 Novembre 2019, 15.02.10
83
@ Rasta #70 ma un pò in generale e per quel che ne so,poi infamatemi pure (se possibile con rispetto ahahah),spendo due parole sui cosidetti millenials/bimbiminchia,spesso qui se ne parla male,il loro rapporto con la musica e con la vita in generale,la verità è che questi ragazzi si ritrovano in una società costruita (o sostenuta) da generazioni passate,sanno di avere tutto ma che non gli servirà a nulla,sanno di non avere possibilità in una società politica e familiare allo sbando,il Rap è il loro riscatto,se ci fate caso il Rap parla di loro e sono testi "reali" (e spesso ascoltano roba italiana),cerco di essere obiettivo,ma in campo Metal (generi sottogeneri ecc) si può dire altrettanto??è vero il discorso sulla "velocità"o superficialità,ma questo è un loro bisogno un questa realtà,una necessità di sopravvivenza.Ma quanto è lontano il Rock da 100 euro a biglietto???ciao
Rob Fleming
Martedì 26 Novembre 2019, 14.38.18
82
Sai @tino che per me Rik Medlocke è sulla settantina pure lui? Nei L.S. era addirittura il batterista pre-debutto. Sarà coetaneo di Rossington. Sicuramente è tra i più in forma. Blackfoot = gruppo che in ambito sudista meriterebbe ben più di un approfondimento. Prima o poi lo farò (la loro Highway song è l'unica autentica Free Bird parte II)
Area
Martedì 26 Novembre 2019, 14.31.04
81
@Rasta, vivo al Nord.... comunque ci penserò...
tino
Martedì 26 Novembre 2019, 14.17.05
80
Vale la pena guardarsi gli skynyrd attuali e se qualcuno vuole farsi un’idea può guardarsi il loro show di wacken dello scorso anno (penso) dove sono stati ripresi in modo professionale. Detto questo non parlerei di vecchietti al plurale perché l’unico superstite fondatore (e vecchietto) è gary rossington, probabilmente il gruppo si scioglie perché lui è stanco, qualche annio fa ha avuto anche qualche problema al cuore, evidentemente non grave, però segno che deve dire basta e infatti è un tour d’addio. Gli altri non sono poi così anziani, forse l’indiano rick, il chitarrista stempiato con lunghi capelli bianchi che suonava nei blackfoot, è over 60, ma è veramente bello tonico…poi c’è il cantante che è praticamente la fotocopia del fratello maggiore deceduto, che penso sia sui 55 e gli altri sono comunque tutti di mezz’età o anche meno tipo il nuovo pianista. Comunque di dieci anni fa sono rimasti cartellone, van zant, rossington, rick e colt...bei personaggi
Rob Fleming
Martedì 26 Novembre 2019, 14.03.01
79
@Area: va' tranquillo meritano sempre se puoi andarci, fallo. Anche perché - perdonatemi il black humor - rispetto al gruppo di 10 anni che ha visto @Rasta saranno rimasti sì e no in 3.
Legalisedrugsandmurder
Martedì 26 Novembre 2019, 13.57.02
78
@Area io li ho visti 2 volte, 2006 e 2013 e in entrambi i casi bel concerto, forse un po' breve... con la loro discografia dovrebbero suonare almeno due ore piene
Rasta
Martedì 26 Novembre 2019, 13.45.28
77
... ciao Area, io li ho visti che sarà dieci anni, x dei vecchietti sono un'eternità. Quello che ti posso dire è che sono professionisti seri, il palco e i fans prima di tutto. Poi x me rappresentano un pezzo della mia vita e quindi sarei troppo di parte. Se ti piacciono e sei abbastanza vicino vai. Se devi attraversare mezzo norditalia come me lascia perdere. Ah già che tu sei giovane... Stretta di mano!
Area
Martedì 26 Novembre 2019, 13.33.16
76
Mai visti i LYNYRD SKYNYRD ma un po di tempo fa mi sarebbe interessato... qualcuno li ha visti? Sono ancora forti?
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 12.35.52
75
E' vero Fabio "la qualità prende sempre il sopravvento sui pregiudizi". Un saluto anche a te!
Rasta
Martedì 26 Novembre 2019, 12.30.40
74
Legalisedrugsandmurder: le case discografiche sono alla frutta e stanno solo raschiando il fondo del barile. L'album è un concetto vetusto a cui i giovani non ambiscono. Sono morte e ben gli sta. Un saluto!
Rasta
Martedì 26 Novembre 2019, 12.25.23
73
......... ciao Silvia. Il mio amico Stunde diceva: quando ti trovi a dire "io giovani proprio non li capisco..." ... e allora significa che sei diventato vecchio!!!. Io comunque sono già vecchio da un pezzo. /// Quello che dici su IRON e DP l'ho vissuto anch'io. Ma poi la qualità prende sempre il sopravvento sui pregiudizi. Oggi nessuno di quei poco lungimiranti sarà rimasto della stessa idea. /// X me invece l'età conta assai a livello di rispetto. Proprio qui lessi che i JUDAS facevano da supporto ad una Band mai sentita e 'sto fatto mi aveva abbastanza indignato. Se poi i JUDAS negli anni avessero fatto cagare se lo sarebbero anche meritato, di finire nel dimenticatoio, come dici te conta la proposta; ma siccome Firepower è un signor disco, le glorie devono stare dove gli compete. /// Un salutone!!!
Legalisedrugsandmurder
Martedì 26 Novembre 2019, 12.14.41
72
Concordo abbastanza con Fabio e aggiungo che una volta il mercato puntava su pochi grandi nomi, a cui le case discografiche davano tempo di crescere con contratti molto lunghi, e spesso crescere significava farsi le ossa dal vivo, perchè il sistema dei media e del marketing non era sviluppato come ora, per non parlare del fenomeno internet. Adesso è molto più facile pubblicare un album, ma molto difficile uscire dalla massa perchè il mercato è molto più frammentato, pensate solo a quante differenti etichette ci sono rispetto soltanto a 30 anni fa (per non parlare di anni60/70)
Silvia
Martedì 26 Novembre 2019, 10.32.38
71
Ciao Fabio, bello quello che citi, cioe' il fatto che suonare x noi era "salette, chitarra e batteria". La saletta era molto piu' che uno spazio fisico in cui fare musica, era un punto d'incontro di tanti sogni e esperienze e anche un tramite x conoscere altri appassionati di musica. Pero' nel discorso generale io non la penso come molti di voi (e' solo la mia impressione ovviamente). Se ricordate anche negli anni 80 c'era chi vedeva il nascente metallo come una copiatura dal passato, x esempio ci dicevano che i Maiden copiavano dai Deep Purple (e' una cosa che cito spesso perche' a me sembrava un'eresia mentre oggi posso riconoscere un'eco leggera di Child in Time in Remenber Tomorrow, x dirvi) e lo stesso Paul Di'Anno in una delle primissime interviste su carta stampata in Italia (non mi ricordo la rivista, scusate!) diceva che loro non facevano niente di nuovo, acceleravano il tutto e questo dava una veste diversa alla musica./// La grossa differenza di oggi e' che non c'e' un gap generazionale, la musica non ha tanto significato sociale come x noi il metal allora (x alcuni giovani continua ad averlo comunque). I ragazzi di oggi hanno accesso a qualunque tipo di musica, quindi anche quella "vecchia" mentre x noi (come diceva tino mi pare) ascoltare la "nostra musica" aveva una valenza giovanile da cui "i vecchi" erano esclusi. Comunque criticare i dinosauri della musica e' un fenomeno che avviene solo nel metal, non so perche'... Negli altri generi i "vecchi" musicisti godono di profondo rispetto: pensate solo ad un Mark Knopfler e alla classe che l'eta' gli ha affinato come chitarrista, chi si sogna di criticarlo x i capelli bianchi? Quindi perche' farsi domande se i Judas, i Mercyful e i Lynyrd sono headliners? x me personalmente l'eta' nell'arte non conta proprio, conta la proposta. Scusate sto post chilometrico, ma la discussione che avete portato e' molto interessante!
Fabio Rasta
Martedì 26 Novembre 2019, 10.03.38
70
Discussione interessante ed ognuno di voi parla con cognizione di causa, ma mi intrometto un attimo anch'io. Si discute di ricambio generazionale. Bene (x me malissimo). Allora, leggo termini di questo tipo: band, gruppi, artisti, dischi, CD, album, opere, capolavori, label, case discografiche, investimenti, mercato... tutta terminologia obsoleta. E' come se stessimo a discutere se era meglio il V8 o il VCR. Peggio. Qui siamo al grammofono. E' cambiato il concetto stesso di Musica e di conseguenza quello del suonare. Già 20anni fa, x "suonare" intendevano mettere su dei dischi. Figurati. Ora credo la parola "suonare" sia usata in ben altro contesto. 30/40anni fa girare con una chitarra era una calamita x le ragazze. Adesso è da sfigati che + sfigati non si può. Quanti ragazzini con i capelli lunghi avete mai visto? Ognuno di voi penso abbia dei figli o dei nipoti adolescenti?! Un ragazzino che conosco fa canzoni tipo rap, non so neanche se si chiama + così, a me piacevano i BEASTIE BOYS e i RUN DMC. Lui manco li conosce. Ha anche un certo talento nel suo, obbiettivamente. X farlo si chiude in casa e fa tutto li da solo. Altro che salette, chitarra e batteria, conosci mica un bassista? L'unico artista che conosce è BURZUM, ma solo xchè era interessato ad una fusione con il Black Metal. Pensate che abbia fatto come noi, ossia cercare l'Artista, seguirne la discografia, scoprire il suo percorso umano e musicale? Macchè, due righe su wikipedia, qualche brano su youtube skippando qui e la, e tanto basta. A loro non interessa. Ci deve essere un reset, questo è certo, ma non so se il nostro pianetino ce ne darà + il tempo, ormai l'abbiamo fatta fuori dal vaso, e già da un pezzo. Fra un po' avremo/avranno ben altri grattacapi da gestire. Scusate lo sfogo, un saluto!!!
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 20.04.30
69
Non ci avevo pensato ma i coroner assieme ai possessed sono quelli che vorrei vedere nella giornata del 5
Legalisedrugsandmurder
Lunedì 25 Novembre 2019, 19.23.03
68
Dai il 5 aggiungetemi i Coroner e poi siamo a posto!
Replica Van Pelt
Lunedì 25 Novembre 2019, 18.05.27
67
@ tino al 61 ""noi che siamo cresciuti con il metal degli anni 80 siamo invecchiati con i nostri artisti preferiti ma siamo rimasti legati ad un immagine giovanilistica del genere a cui evidentemente non eravamo abituati e adesso ci fa strano guardarci in faccia e contarci mentre per l’ennesima volta ci ritroviamo per celebrare l’ennesima liturgia del metal che fu."" straquoto,purtroppo aggiungo.@ Galilee ci sono voti alti,ci sono album che piacciono di più altri meno,ma capolavori non ne vedo (poi sarà anche una questione di gusti),vedo molto riciclo 70/80/90 ma non se ne esce.PRECISAZIONE per me la musica deve essere divertimento e gioia e passione,non ne faccio assolutamente una questione di età,mi basta ci sia passione.ciao
Galilee
Lunedì 25 Novembre 2019, 17.22.16
66
Egggià, è proprio così
Mulo
Lunedì 25 Novembre 2019, 17.19.03
65
Sammett ha 42 anni e il debutto degli Avantasia è di 18 anni fa... Giovani non sono,diciamo "maturi" .Afine anni '70 gki Zep erano consideradati cariatidi e avevano appena 30 anni,ok sono cambiati i tempi ma mi pare di vedere che nessuna casa discografica inverste in band nuove. Faccio un esempio, Appetite è esploso un anno dopo la sua uscita e nel frattempo i Guns suonavano di supporto ad Aerosmith,Stones e avevano Sweet child o' mine che passava con grande frequenza su MTV e sulle radio (la Geffen ha investito soldi su di loro). I Metallica a metà anni '80 suonavano al Mosters of rock di Donington (l'evento metal più grande del mondo a quei tempi) e di spalla ad Ozzy (un grosso nome in USA).L'Elektra ha investito soldi su di loro. Ora nessuna label sceglie di puntare su una band e farla diventare unaMegadeth suonavano di supporto a Dio quando riempiva le arene,ect etc. Ora le label non investono in maniera massiccia su nessuno come succedeva un tempo.Perchè? Perchè non si guadagna più? Allora quando le band storiche non ci saranno più per motivi anagrafici avranno smesso i grossi concerti/festival non ci saranno più e si andranno a sentire al pub.
Shock
Lunedì 25 Novembre 2019, 17.13.58
64
@Galilee: lo sapevo che ti fanno schifo i Powerwolf, per quello li ho citato 🤣 Comunque sono d'accordo anch'io col dire che anche oggi si fanno capolavori, purtroppo persi in mezzo a troppi CD o inutili o buoni ma che sviano l'attenzione da dischi da ricordare anche in futuro. @Tino: lo sai benissimo che ti potrei fare una lunga lista di nomi che per me starebbero nei festival al posto dei nomi storici, ma sai anche quale sarebbero le risposte della gente a questi nomi. Giusto per fare qualche esempio ti direi: Avatar, The Nightflight Orchestra, Eclipse, Atlantean Kodex, Parkway Drive, Rise of the Northstar, Crazy Lixx, Ghost, Ravager ecc. Guarda ora mi sto' ascoltando il nuovo disco di Joseph Tholl, chi?? Il cantante dei fu Black Trip,.. chi??? Appunto, peccato che il loro album Shadowline assolutamente passato inosservato sia stato per me uno dei migliori dischi di heavy metal classico degli ultimi dieci anni, minimo....
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 17.05.04
63
ben appunto gli ultimi due avantasia sono due capolavori e sono pure headliner in questo evento, ma non sono abbastanza giovani ma nemmeno troppo vecchi. Bastavano loro e gli emperor? O magari bisognava infilarci qualche altro falso vecchio (o falso giovane) come nightwish?
Galilee
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.52.10
62
Non sono d'accordo con Replica. I capolavori ci sono anche adesso, magari meno ma ci sono. L'unica cosa che è cambiata è il mercato che ha come scopo la quantità e non la qualità. Puntare sui vari artisti è troppo pericoloso. Quindi si preferisce promuovere mille prodotti più anonimi che vanno sul sicuro, senza i problemi che può comportare la gestione di una band. Una band per esplodere ha bisogno di promozione che vi piaccia o no. Soprattutto in un mondo come questo dove l'immagine è il primo impatto sono tutto. Potrai anche essere il nuovo Hendrix ma se non ti caca nessuno perché sul mercato non puoi dare sicurezza alcuna. Adios.
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.36.32
61
Sono d’accordo con replica ma non è vero che non si scrivono più capolavori, è che non ce ne accorgiamo perché adesso è tutto veloce e usa e getta, distratto. Poi bisogna anche dire che non è poi una colpa essere anziani e comunque fare spettacoli dignitosi e meritevoli di attenzione, fa parte della vita, se c’è la qualità per me non è un problema raffrontarmi con un bruce dickinson ingrigito. La vita è fatta di diverse età che devono essere vissute al massimo, noi che siamo cresciuti con il metal degli anni 80 siamo invecchiati con i nostri artisti preferiti ma siamo rimasti legati ad un immagine giovanilistica del genere a cui evidentemente non eravamo abituati e adesso ci fa strano guardarci in faccia e contarci mentre per l’ennesima volta ci ritroviamo per celebrare l’ennesima liturgia del metal che fu.
Replica Van Pelt
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.25.09
60
Non c'è il ricambio generazionale non perchè non ci siano band a giro ma perchè mancano capolavori che rappresentino questi tempi,sono tutte band che hanno avuto il loro momento di gloria negli anni 70/80/primi 90,con dei capolavori figli del loro tempo e una musica/cultura che affonda le proprie radici in un tempo "ormai passato",ma i capolavori restano,di oggi resterà ben poco (se messo a confronto),quanti adolescenti ci sono che oggi ascoltano HM (compreso sottogeneri ) ,se ci sono sono attratti da gruppi storici o da gruppi di nicchia più o meno estremi,ma la vedo dura.Quello che manca è la capacità di scrivere opere che restino nel tempo,che traccino un segno,musicale e culturale.Chi è riuscito a farlo c'è ancora.
Galilee
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.22.56
59
X Shock. Saranno anche simpatici ma fanno la musica peggiore al mondo. La odio proprio.
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.15.44
58
Shock la domanda vale anche per te che sei (giustamente) un sostenitore del rinnovamento, un “rottamatore”, mi piacerebbe sapere chi vorresti ad un mini festival come questo, nomi alternativi ai vecchi, non basta applaudire o sostenere teorie, si può proporre, anche se sappiamo che nessuno riceverà l’invito.
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.12.13
57
Ps mi sono guardato il recente rock in rio dove c’erano i vari maiden, scorpions, slayer, anthrax, beh quando inquadravano il pubblico i ragazzi giovani si sprecavano, quindi il problema non è tanto nostro che abbiamo 50 anni ma dei giovani che continuano a seguire le leggende che non appartengono alla loro generazione, evidentemente il sistema è andato in corto circuito. Poi se c’è qualche “giovane” gruppo che ha le carte in regola per farcela ad emergere dal caos odierno magari si snobbano con scrollate di spalle o ben altrismo. Il problema grosso è anche il genere perché i gruppi estremi non sono più inclusivi come lo erano i metallica o gli slayer e quindi rimangono “piccoli”, mentre per certo tipo di hard rock melodico o metal classico inutile nascondercelo, piace poco ai giovani, quindi il ricambio non c’è
Shock
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.10.19
56
@Galilee: na almeno i Powerwolf sono simpatici e dal vivo molto bravi, poi prova a sentire i Beast in Black, a proposito di revival...😁
Galilee
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.07.09
55
Perché questo RTC mi attrae zero? Ecco perché. . Prima giornata. Adoro i Judas e mi piaciucchiano i Saxon. Però i primi li ho già visti 7 volte i secondi 1. Il resto delle band sticazzi. Curioso per gli Angel Witch. . Seconda giornata, mi interessano solo i Lynyrd e li ho già visti. Terza giornata.. Epica e Stratovarius già visti più volte. Il resto non piacendomi il genere non mi interessa. Quarta giornata.. Ottimi Emperor. Il resto... Venom già visti. Mercyful? Non ricordo...forse comunque non li ascolto. E poi quoto Skull... È un festival per cariati. Almeno mischiate un po'...anche solo per sonorità. Bastano i powerWolf a far capire che è un festival per nostalgici del revival..
Shock
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.02.38
54
@Skull: bravo, commento da incorniciare!!
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 16.01.11
53
Guarda skull l’ultimo concerto che ho visto sono stati gli halestorm (quelli con la h) a giugno a bologna, che sono ragazzi sui trent’anni, quindi se trovo qualcuno di meritevole non ho nessun problema a supportarlo in sede live. Il problema del ricambio generazionale (nel metal) è risaputo ed enorme e infatti non farei i salti di gioia se non fosse perché i mercyful non li ho mai visti e quindi vado a colmare un mio desiderio di gioventù. Gli emperor, nonostante poco trasversale perché estremo, sono un ottimo esempio di gruppi di seconda generazione, gente sui 40, gente che dovrebbe (e potrebbe) raccogliere il testimone ma che ancora arrancano nei blocchi di partenza dietro i dinosauri, e l’elenco di questi 40 enni è sterminato, penso ad esempio agli opeth che hanno aperto 5 anni fa per i maiden, gente comunque già con carriere ultradecennali. Quindi ritornando alla domanda, se pacino e syd non hanno 50 anni e magari aspirano a vedere delle nuove leve di diciamo 20 30 anni, chi sarebbero? La mia non è polemica, è curiosità pura e semplice.
SkullBeneathTheSkin
Lunedì 25 Novembre 2019, 15.41.07
52
@tino: non si tratta di nomi, credimi, ma non c'è un headliner sotto i 60 anni.... e sono buono a tararmi sui 60 anni. Dici di essere fan di tutte le band maggiori, va benissimo, infatti non sei un pupo. That's all. Ti pare normale che i "big names" attirino solo over 50? Oppure, meglio ancora, ti pare "inclusivo" e sintomo di una scena viva, che si rigenera, capace di arruolare nuovi proseliti? I commenti alla line-up vanno imho vanno interpretati così. Io non sono un giovincello e con tutto il rispetto salvo forse solo due band. Per il resto siamo decisamente fuori tempo massimo.... ma ormai i "nomi" contano più di qualunque altra cosa, vivendo il mondo costretti in sei pollici di apertuta mentale!
tino
Lunedì 25 Novembre 2019, 15.32.48
51
mi piacerebbe sapere giusto per curiosità chi gradirebbero i commenti 45 e 46. Il prezzo ci sta, ho appena versato 95 euro per pagare un pieno di benzina a steve harris, farò uno sforzo anche per la compagine nordica e il vecchio cronos. Se invece uno si volesse sparare più di una giornata la vedo veramente dura.
d.r.i.
Lunedì 25 Novembre 2019, 14.28.26
50
Online 73 euro (9 prevendita e 4 e qualcosa commissioni). Se poi si vuole la spedizione a casa costerà di più.
d.r.i.
Lunedì 25 Novembre 2019, 14.25.55
49
Punto al 5 luglio e basta.
Ezio
Lunedì 25 Novembre 2019, 14.01.43
48
andrò solo il giorno degli emperor, sono gli unici che mi interessano, in più non li ho mai visti
Carmine
Domenica 24 Novembre 2019, 15.11.23
47
Mercyful Fate ed Emperor in un solo giorno... :Q_____
Syd
Domenica 24 Novembre 2019, 12.36.01
46
Lineup da cagare
Pacino
Sabato 23 Novembre 2019, 11.18.53
45
Il tour itinerante del centro anziani, bello!!!
tino
Venerdì 22 Novembre 2019, 18.01.00
44
A me Angus piacciono tutte le date perché sono fan di tutti gli headliners. Avantasia stanno facendo dischi magnifici e dal vivo sono un circo pazzesco che attira molti giovani, gli skynyrd hanno un pubblico rock molto trasversale e tirano molto fuori dal giro prettamente hard rock, i judas sono tra i miei favoriti di sempre e anche con solo due superstiti storici meritano solo per Rob e i vecchi classici, i mercyful vale lo stesso discorso dei judas solo che sono un treno che passa pochissimo e se passa stavolta forse non passa più...poi ci sono gli emperor che sono il top in ambito estremo, per me secondi solo agli slayer, quindi c'è pure il vecchio cronos e i saxon, insomma tanta bella roba.
angus71
Venerdì 22 Novembre 2019, 16.48.55
43
@tino. vero, se però vai a vedere il bill nella sua interezza, non c'è paragaone. comunque de gustibus.
tino
Venerdì 22 Novembre 2019, 16.41.41
42
Non lo so, forse avantasia e skynyrd faranno più presenze.
Shock
Venerdì 22 Novembre 2019, 15.39.27
41
@Tino: un vincitore su 40 commenti, ma mi sa che per i Priest ci andranno di più......
tino
Venerdì 22 Novembre 2019, 11.50.56
40
anche una mercedes costa più di una ford, paghi il marchio, ovvio che i maiden costano di più, sono più blasonati
angus71
Venerdì 22 Novembre 2019, 11.07.09
39
comunque costa meno dei maiden anche se non proprio regalato. 73,21
tino
Venerdì 22 Novembre 2019, 9.23.41
38
Mi sembra che abbiamo un vincitore, ci si esalta giustamente per la presenza finalmente degli emperor che sono uno dei migliori gruppi di tutti i tempi e hanno un leader che è un vero e proprio genio, un uomo che continua a stupire senza bisogno di artifici o effetti speciali ma con talento e intelligenza. Stanno facendo pochi spettacoli estivi e sono praticamente sempre un trionfo, penso che saranno soddisfatti di esibirsi in una location straordinaria come quella del castello. Poi mi sembra di notare che non c’è molto interesse al contrario per l’esibizione dei mercyful fate e la cosa ovviamente un po’ mi rattrista, temo possa rivelarsi un headliner debole sul piano delle presenze, ma spero di sbagliarmi. Non parlerei comunque di reunion perché alla fine il gruppo non si è mai sciolto ma è rimasto in stand by per anni a tempo indeterminato, poi della formazione storica ci sono solo diamond e shermann, denner non si sa perché non partecipa, visto che con shermann ci suona spesso e volentieri e ha anche fatto un gruppo sostanzialmente inutile. Evidentemente c’è qualcosa che friziona con diamond, quindi se non ci sono motivi “importanti”, con la defezione di denner è improprio parlare di reunion. Poi purtroppo timi ci ha lasciati e ruzz era già desaparecido nel 1985 quindi mi sembra che siano i mercyful che avevano messo le 4 frecce con 9 anni fa. Poi vabbè c’è wead che è un mostro della 6 corde, ma la mancanza di denner pesa come un macigno. Il batterista sarà bravo pure lui (holm) ma secondo me king ha perso un’occasione non intercettando mikkey dee, forse rudolf shenker non ha dato il nulla osta ma sarebbe stato mitico rivedere il Dee con il diamond ancora assieme dopo trent’anni.
Federico S.
Giovedì 21 Novembre 2019, 22.22.09
37
Io riesco a leggere solo la parola "Emperor".
duke
Giovedì 21 Novembre 2019, 20.55.59
36
...piu' che buono.....
fasanez
Giovedì 21 Novembre 2019, 20.49.51
35
Beh, niente male...
tino
Giovedì 21 Novembre 2019, 18.40.25
34
Spero che il 5 ci sia anche becerra e compagnia
tino
Giovedì 21 Novembre 2019, 18.31.33
33
Concordo con Rob. Gli skynyrd sono imperdibili
Shock
Giovedì 21 Novembre 2019, 18.19.01
32
For I must be traveling on, now Cause there's too many places I've got to see But, if I stayed here with you, girl Things just couldn't be the same Cause I'm as free as a bird now And this bird you can not change Oh, oh, oh, oh, oh And this bird you can not change And this bird you can not change Lord knows, I can't change
Rob Fleming
Giovedì 21 Novembre 2019, 18.12.36
31
Il 5 la serata più intrigante, il 27 si celebra la storia, ma il 28...cosa non darei per essere travolto da uno degli assoli più meravigliosi - e ribadisco più - della storia? Chiudi gli occhi e..."If I leave here tomorrow Would you still remember me?". Apoteosi
Shock
Giovedì 21 Novembre 2019, 17.36.02
30
La data del 28 giugno è una figata assoluta: gli Skynyrd sono uno dei pochi gruppi leggendari che non ho mai visto, i Darkness dal vivo meravigliosi, il progetto di Nergal veramente interessante. Per il resto mi vedrei solo Powerwolf e Beast in Black, il resto passabile😁
Father Picard
Giovedì 21 Novembre 2019, 17.01.21
29
quotone per il commento 28, come si può capire dal mio nick
Legalisedrugsandmurder
Giovedì 21 Novembre 2019, 16.55.40
28
5 luglio da non perdere per me
angus71
Giovedì 21 Novembre 2019, 16.47.17
27
giusto @no fun, ho appena organizzato la serata di oggi.
No Fun
Giovedì 21 Novembre 2019, 16.30.18
26
5 luglio, baaaam, l'inferno! Però minchia ma è tra un anno, ma già state a pensare a luglio? L'altro giorno mi hanno chiesto cosa facevo a capodanno e ho risposto ma cazzo è tra un mese e mezzo, cosa diavolo vuoi che sappia cosa faccio a capodanno, pensa te se devo pensare al 5 luglio...
Pietro
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.59.36
25
Allora sabato 27... No!! Domenica 28?? Mmmm.. No!!! Vediamo la settimana dopo.... Mmmmmmmmm...... No!!!! Ok sto a casa che è meglio!!
tino
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.56.54
24
io invece gli skynyrd me li vedrei molto volentieri, dal vivo sono grandiosi, solo che i the darkness proprio non li reggo quindi penso proprio che mi sparerò solo il 5.
Oste
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.56.08
23
Che merda!! Fortuna che non potrei comunque andare.. 🤮
Claudio
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.54.24
22
Il secondo volevo dire
Claudio
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.54.04
21
Dio mio!!! Solo il terzo giorno non mi intetessa
mardonziak
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.48.31
20
Domenica 05 luglio!!!! 🤩
paolo
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.38.58
19
Sabato 4 luglio... mio!
Enrico
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.37.38
18
Alla faccia del Firenze Pops
progster78
Giovedì 21 Novembre 2019, 15.04.22
17
C'e' solo l'imbarazzo della scelta,complimenti agli organizzatori!
AL
Giovedì 21 Novembre 2019, 14.43.02
16
5 luglio direi sicuro!
Danimanzo
Giovedì 21 Novembre 2019, 14.28.37
15
Fantastico ! Tutte e quattro le giornate sono imperdibili, ma quella del 5 Luglio è semplicemente atomica !!
Fly 74
Giovedì 21 Novembre 2019, 14.28.29
14
Domenica 5. Emperor. Punto.
Galilee
Giovedì 21 Novembre 2019, 14.05.19
13
Sarà un bel festival ma personalmente mi interessa poco o nulla. L'unica band che vedrei sono gli Emperor.
Mulo
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.56.30
12
Mercyful Fate+Emperor... Ho letto bene? Se è così è una serata da non perdere assolutamente.
WU MING
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.49.34
11
Mamma mia gli Emperor!
SkullBeneathTheSkin
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.46.24
10
È diviso per giornate o per "reparti"?
tino
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.46.00
9
bello comunque il testo della notizia, reunion dei mercyful fate con king diamond alla voce...non sapevo avessero avuto un altro cantante, a questo punto avrei sottolineato di più i venom di Cronos per non confonderli con gli inc di mantas. Tra l'altro i venom fanno show grandiosi ultimamente. Tornando ai mercyful non ho ancora capito chi sarà della reunion oltre a Diamond e shermann. C'è denner o mike wead? Al basso dovrebbe esserci joey vera, alla batteria mi sfugge chi...snowy shaw? Fossi stato in king avrei ri arruolato Mikkey dee. Sulla presenza degli emperor, beh penso sarà una cosa epica in quella location, da non perdere assolutamente
Silvia
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.45.37
8
Molto bello il modo in cui hanno raggruppato i gruppi! Ma niente thrash quest’anno? 🤔
Fossifigo
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.41.12
7
Mercyful Fate headliner...Emperor e Venom...e beh tanta roba!
joe91
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.28.54
6
LOL, il video degli Slayer
Skydancer
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.16.46
5
Madonna gli Emperor, sono in crisi già da adesso
valfar
Giovedì 21 Novembre 2019, 13.02.13
4
emperorrrrrrrr. finalmente maledetti bastardi.
Korgull
Giovedì 21 Novembre 2019, 12.50.25
3
Il 5 è obbligatorio, gli altri vediamo
tino
Giovedì 21 Novembre 2019, 12.43.03
2
a parte che sono tutte stupende...beh ma la data 5 cos'è uno scherzo?
angus71
Giovedì 21 Novembre 2019, 12.18.48
1
Beh, non malaccio
ARTICOLI
13/07/2019
Live Report
ROCK THE CASTLE
DAY 3 - Castello Scaligero, Villafranca di Verona (VR), 07/07/2019
10/07/2019
Live Report
ROCK THE CASTLE
DAY 1 - Castello Scaligero, Villafranca di Verona (VR), 05/07/2019
05/07/2018
Live Report
ROCK THE CASTLE
DAY 2 - Castello Scaligero, Villafranca di Verona (VR), 30/06/2018
 
ALTRE NOTIZIE
04/12/2019 - 12:37
ROCK THE CASTLE: svelato l'ultimo headliner
03/12/2019 - 12:53
ROCK THE CASTLE: svelati i gruppi per il 26 giugno
29/11/2019 - 22:21
ROCK THE CASTLE: aggiunte due ulteriori date
21/11/2019 - 11:38
ROCK THE CASTLE: svelate le prime band
17/06/2019 - 20:23
ROCK THE CASTLE: gli Onslaught sostituiranno i Sacred Reich, ecco gli orari degli show
14/01/2019 - 13:53
ROCK THE CASTLE: ecco le nuove conferme
12/12/2018 - 10:29
ROCK THE CASTLE: annunciati Slash featuring Myles Kennedy and The Conspirators
06/12/2018 - 12:28
ROCK THE CASTLE: Dream Theater headliner del primo giorno
03/12/2018 - 13:02
ROCK THE CASTLE: confermati Slayer e Phil Anselmo che suonerà solo pezzi dei Pantera
26/11/2018 - 14:05
ROCK THE CASTLE: annunciate le date dell'edizione 2019
ULTIME NOTIZIE
15/12/2019 - 18:44
A LIFE DIVIDED: ecco il nuovo singolo
15/12/2019 - 18:40
NOVENA: a marzo l'album di debutto
15/12/2019 - 18:31
VEGA: ascolta la ri-registrazione di ''Kiss Of Life''
15/12/2019 - 18:23
MINDFAR: presentato il lyric video di ''The Shadow Out Of Time''
15/12/2019 - 18:17
NEAERA: annunciata la reunion, a febbraio il nuovo album
15/12/2019 - 17:05
DAEMONIAC: tutto il nuovo album in streaming
15/12/2019 - 11:42
SUMMER BREEZE: gli Ensiferum si uniscono al programma
15/12/2019 - 11:24
WACKEN OPEN AIR: aggiunti Kissin' Dynamite, Vomitory e molti altri
15/12/2019 - 11:28
EREGION: presentato il nuovo singolo ''Wings Of Eagle''
15/12/2019 - 11:21
BENEATH MY SINS: firmano con la Pride & Joy Music
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]