Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iamthemorning
The Bell
Demo

Break Me Down
The Pond
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/10/19
PLATEAU SIGMA
Symbols - The Sleeping Harmony of the World Below

25/10/19
ANTHONY PHILLIPS
Strings of Light

25/10/19
TURBOKILL
Vice World

25/10/19
SKINLAB
Venomous

25/10/19
STEVE HACKETT
Genesis Revisited Band & Orchestra: Live at the Royal Festival Hal

25/10/19
DICTATED
Phobos

25/10/19
LEPROUS
Pitfalls

25/10/19
MAYHEM
Daemon

25/10/19
ENEMYNSIDE
Chaos Machine

25/10/19
METALITE
Biomechanicals

CONCERTI

22/10/19
CELLAR DARLING + FOREVER STILL + OCEANS
LEGEND CLUB - MILANO

23/10/19
FOLKSTONE
ORION - ROMA

23/10/19
PINO SCOTTO
MOB CLUB - PALERMO

25/10/19
MACHINE HEAD
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/10/19
INTER ARMA
LIGERA - MILANO

25/10/19
ARBORES AUTUMNALES FESTIVAL
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

25/10/19
FOLKSTONE
VIPER THEATRE - FIRENZE

25/10/19
HELLRETIC + BRVMAK
500CAFFE' - PIEDIMONTE S. GERMANO (FR)

26/10/19
DESTROYER 666 + ABIGAIL + DEAD CONGREGATION + GUESTS
MU CLUB - PARMA

26/10/19
MACHINE HEAD
HALL - PADOVA

Outer Heaven - Realms of Eternal Decay
07/10/2018
( 632 letture )
Ci hanno messo un po’, ma a cinque anni circa dalla loro formazione e dopo una giusta gavetta tra demo, singoli ed EP, gli Outer Heaven esordiscono con per la Relapse Records con Realms of Eternal Decay, disco che, lo diciamo da subito, è bene non lasciarsi sfuggire.

Ci si mette poco a capire quali siano le intenzioni dei cinque di Douglassville, Pennsylvania; con Vortex of Thought si entra da subito nell’immaginario oscuro e “melmoso” che accompagnerà l’ascolto per tutti i circa trentatré minuti del lavoro. Si fanno da subito notare delle chitarre ispirate a quelli che poi sono i grandi punti di riferimento dei cinque: Cannibal Corpse e Morbid Angel. È infatti un mix molto interessante e coinvolgente quello messo in piedi dai deathsters, che ad esser più precisi, guardano a dischi come Vile e Domination; si hanno quindi momenti carichi di groove alternati a sezioni più violente sostenute da pattern di batteria molto precisi, matematici verrebbe da dire. Da notare che pur essendoci dei blast beat, i nostri non tendano mai ad esagerare o a raggiungere velocità troppo elevate (in alcuni frangenti si torna all’old school con vaghe influenze hardcore), e questa caratteristica permette loro di mantenere vivo e intatto quel tocco oscuro e “melmoso” riscontrabile in ogni singolo pezzo. Ad enfatizzare questi aspetti c’è poi la considerevole dose di riverbero sulla voce di Austin Haines; è infatti questo l’elemento su cui gli ascoltatori potrebbero dividersi, perché pur essendo una questione di gusti, a primo impatto potrebbe sembrare eccessivo un utilizzo di questo tipo. Dall’altro lato, va però detto che questa scelta rende pezzi come Pulsating Swarm, Echoes from Beyond, Bloodspire, Sacrificial Evolution o Decaying Realsm delle vere perle. Convincendo sotto ogni aspetto, i brani raggiungono il loro apice nei momenti in cui ad essere protagonisti sono i mid-tempo, incalzanti e che potrebbero portare alla mente altri gruppi di vecchia data. Vi sono infatti dei momenti in cui la tecnica delle chitarre sembra ispirata ai Demilich, in altri invece, quelli più oscuri, si sente addirittura lo zampino dei Rottrevore. La coppia di chitarre composta da Jon Kunz e Zak Carter ha svolto un egregio lavoro restando comunque legati ai maestri del passato (con assoli di scuola Azagthoth; ciò che infatti potrebbe essere vista come una nota per il futuro, è la personalità generale del gruppo che pur essendoci, deve ancora maturare a dovere. Realms of Eternal Decay è però uno di quei lavori che pur non brillando per originalità, riesce ad essere dannatamente valido, coinvolgente e riuscito.

Con delle scelte compositive e di produzione molto azzeccate, tanto che il basso diventa fondamentale per dare peso e sostanza al tutto, i trentatré minuti del disco si fanno riascoltare molto volentieri anche grazie a dei brani molto catchy. A tal proposito, è un peccato che i nostri non abbiano inserito Into Hellfire, l’ottimo singolo rilasciato qualche mese prima dell’uscita. In ogni caso, gli Outer Heaven hanno realizzato uno dei debutti più interessanti del 2018.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
81.5 su 4 voti [ VOTA]
lisablack
Sabato 13 Aprile 2019, 10.56.19
1
Ottimo debutto..bella scoperta per me..Voto giusto
INFORMAZIONI
2018
Relapse Records
Death
Tracklist
1. Vortex of Thought
2. What Lies Beneath
3. Pulsating Swarm
4. Multicellular Savagery
5. Echoes from Beyond
6. Tortured Winds
7. Bloodspire
8. Sacrificial Evolution
9. Putrid Dwelling
10. Decaying Realms
Line Up
Austin Haines (Voce)
Jon Kunz (Chitarra)
Zak Carter (Chitarra)
Raymond Figueroa (Basso)
Paul Chrismer (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]